RIFLESSIONI CALCISTICO-ECONOMICHE SUL FATTO CHE TRA LE PRIME QUATTRO D’EUROPA NON CI SONO SQUADRE INGLESI E TEDESCHE, di Riccardo Schiroli

schiroli-slide(Riccardo Schiroli) – Con l’eliminazione del Leicester a opera dell’Atletico Madrid, ancora una volta tra le prime 4 d’Europa non ci sono squadre dell’inglese Premier League. Cade un po’ insomma il mantra che circola nel calcio italiano: “con le risorse degli Inglesi, noi non ci possiamo permettere di competere”. Il mantra perde ancor più significato sulla base dei risultati diffusi da Deloitte Sport Business: per la prima volta in 3 anni, sommando i risultati dei club di Premier League, si ottiene una perdita: esattamente di 110 milioni di sterline. E questo succede proprio quando la vendita dei diritti televisivi ha prodotto risultati da record.

Esaminando i dati meglio, si legge che l’effetto diritti televisivi sul fatturato si sente: il dato aggregato ha infatti portato a un aumento complessivo del 9%. Il problema è che le spese per gli stipendi dei giocatori sono arrivate a un incredibile 2.3 miliardi di sterline, con una crescita del 12%.

Dan Jones di Deloitte minimizza e afferma che presto le cose si rimetteranno a posto. Ma Stephen Galetti (Docente di sport management all’Università del Michigan; con lo pseudonimo di Stefan Szymanski ha firmato con Simon Kuper, uno scrittore inglese di origine africana, il celebre Soccernomics) dice che le cose non stanno proprio così. Secondo Galetti/Szymanski, non si possono fare previsioni sui conti delle società di calcio. Il problema è rappresentato dal fatto che l’oggetto sociale non è rappresentato da un utile di bilancio, bensì da un risultato sportivo. E voi (noi…) tifosi possiamo in un attimo comprovare la teoria di Szymanski/Galetti: preferiamo vedere la nostra squadra vincere o distribuire dividendi?

La sto mettendo in termini un po’ banali, ovviamente. Ma la cosa è effettivamente complessa. Cosa può fare l’amministratore di una squadra di calcio se le cose vanno male e l’area tecnica chiede interventi sul mercato? Può spiegare all’area tecnica (forse sì) e ai tifosi (certamente no) che ulteriori investimenti impedirebbero di raggiungere il risultato economico programmato?

La gestione economica è in linea di massima utilizzata come argomento strumentale da dirigenti che nemmeno ne conoscono bene i meccanismi, al punto che tendono a presentare i risultati economici come conti della serva (entrate meno uscite), mentre il bilancio di una società per azioni è qualcosa di molto più complesso e va letto per patrimonio, risultato economico e situazione finanziaria. Per dire: i debiti sono un problema relativo, se la gestione permette di rimanere in equilibrio e abbiamo un patrimonio sufficientemente robusto che li garantisce. Per essere pratici: se Berlusconi si comprasse una nuova villa da 10 milioni di euro con un mutuo, nessuno si sognerebbe di raccontare che è oberato dai debiti, giusto? Il caso della Juventus (che non ottiene certo performance contabili pari a quelle sportive, ma quando vince vede il titolo balzare in borsa, indipendentemente dalla situazione di bilancio) al riguardo è esemplificativo in modo esemplare. Ma quello del Manchester United è ancora più clamoroso. Ottiene fatturati da capogiro, ha debiti impossibili da giustificare e che non verranno mai ripagati. Paga stipendi privi di un senso (in particolare, quello del suo allenatore), lo scorso anno è arrivato (come tutti….) dietro al Leicester raccogliticcio di Ranieri e quest’anno, se va bene, vincerà l’Europa League.

I risultati nello sport sono influenzati da moltissimi fattori, buona parte dei quali (cito infortuni o malattie dei calciatori) assolutamente imprevedibili. Le aziende che mandano in campo le squadre sono società di capitali atipiche, che non distribuiscono utili e quindi hanno poco interesse a generarli. Per gli azionisti poi, l’utile arriva in effetti quando si va all’incasso in termini di prestigio.

Una postilla: oltre alla Premier League, tra le prime 4 d’Europa non troviamo nemmeno la BundesLiga. Dedicato a chi, la prossima volta che tra le prime 4 non ci sarà un’italiana, si affretterà a spiegarci perché gli altri sono molto più bravi… Riccardo Schiroli

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “RIFLESSIONI CALCISTICO-ECONOMICHE SUL FATTO CHE TRA LE PRIME QUATTRO D’EUROPA NON CI SONO SQUADRE INGLESI E TEDESCHE, di Riccardo Schiroli

  • 21 Aprile 2017 in 12:55
    Permalink

    magari sarò superficiale ma il bayern è fuori a causa di evidentissimi e clamorosi torti arbitrali, mentre al Leicester è stato assegnato contro un rigore mezzo metro fuori area al andata…..
    sicuramente poi i fattori che subentrano sono anche altri ma è innegabile, che questo fattore spesso risulta essere detrminante in incontri dove la posta in palio, sportiva ed economica è altissima in un calcio iper professionistico non è accettabile….poi la ruota gira è vero ma per le società ,i conti sono conti

  • 21 Aprile 2017 in 13:51
    Permalink

    e guarda caso alla zebra, nel sorteggio odierno a ghè capitè la pu schersza ….Monaco
    se non l’an riveva gnan in finela..etor che triplete…
    e po la copa italia in l’an miga ancora vensa,,,

  • 21 Aprile 2017 in 14:13
    Permalink

    Questa affermazione mi sembra un po’ fuori luogo.

    Il caso della Juventus (che non ottiene certo performance contabili pari a quelle sportive, ma quando vince vede il titolo balzare in borsa, indipendentemente dalla situazione di bilancio)

    Il titolo balza in borsa in caso di vittorie importanti, perchè gli operatori capiscono che il bilancio ne beneficerà, sotto forma di incassi, diritti televisivi, premi, merchandising. Quindi non è indipendentemente dalla situazione di bilancio, ma solidamente dipendente da dati di bilancio futuri, che il valore azionario del momento ancora non comprende.

  • 21 Aprile 2017 in 16:07
    Permalink

    Il discorso sportivo e quello economico sono su piani totalmente diversi.
    Sui diritti televisivi tra club inglesi la forbice è molto piu ridotta rispetto ai nostri (per me più equa) ma sono molto bravi a ottenere altri ricavi, su merchandising e strutture di proprietà possiamo solo imparare.
    Non capisco perchè sarebbe insensato lo stipendio di mourinho, il suo valore di mercato è quello ed è dato dal suo curriculum. In proporzione costano molto di più allenatori mediocri

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI