CARRA A BAR SPORT: “COL PIACENZA CI SIAMO ACCORDATI PER MANTENERE GLI STESSI PREZZI DI CAMPIONATO. GRATIS L’ACCESSO PER LE TESSERE CROCIATE” (VIDEO)

Luca Carra a Bar Sport(www.parmacalcio1913.com) – L’amministratore delegato del Parma Calcio 1913 Luca Carra stasera, 15 Maggio 2017, è stato ospite in diretta di Bar Sport, il talk show sportivo del lunedì sera di Tv Parma condotto da Sandro Piovani con Francesca Mercadanti. La sintesi del suo intervento: «La partita di andata si giocherà alle 20.30 di domenica 21 perché sarà trasmessa dalla Rai, per cui non potevamo trattare l’orario, il ritorno, mercoledì, si giocherà pure alle 20.30, sia perché la temperatura sarà più bassa, sia perché al pomeriggio la gente lavora per cui non avrebbe avuto senso scendere in campo prima. Abbiamo cercato di contenere i prezzi, che saranno quelli che abbiamo applicato durante l’anno cioè dai 10 ai 35 euro. Anche a Piacenza la curva costerà 10 euro, e il prezzo più alto, anche da loro, sarà sui 35 euro. A nostra disposizione metteranno circa 3.000 tagliandi: domattina avranno una riunione importante, dopo di che sapremo come saranno suddivisi. Se riusciranno ad avere l’agibilità della curva saranno tutti lì, se no una parte, poco meno della metà in altri due settori di Tribuna. Se riusciremo ad attivare il sistema i biglietti per la sfida del Tardini saranno in vendita i biglietti già da mercoledì. Ma c’è molta voglia anche a Piacenza: oggi in Lega la loro segretaria mi ha raccontato che in tanti, da loro, nei giorni scorsi, hanno fatto la tessera del tifoso per poter venire al Tardini, ancor prima che si qualificassero… Chi temo ai Play Off? Preferisco non sbilanciarmi, perché magari ci potrebbe capitare proprio quella indicata… Comunque ce ne sono diverse: col Lecce, ad esempio, potrebbe contare l’aspetto ambientale. Ma i pronostici valgono fino ad un certo punto, perché, ad esempio, secondo me, l’anno scorso il Foggia era nettamente più forte del Pisa… La trattativa coi cinesi? Confermo che ci sono stati diversi incontri: la trattativa è a buon punto, ma il come, il quanto e il quando vorremmo dirlo dopo i Play Off. Anzi, sono uscite fin troppe notizie al riguardo. Ora vogliamo concentrarci sul nostro obiettivo, cioè i Play Off. Tutte queste voci non fanno altro che deconcentrare i nostri giocatori. una volta che i Play Off saranno finiti faremo chiarezza. L’unica cosa che mi preme di  dire è che nessuno dei 7 soci andrà via: vogliono rimanere tutti al Parma. Semplicemente entrerà un nuovo socio che speriamo porterà risorse e progettualità. Vorrei che i nostri affrontassero i Play Off tranquilli sul futuro del Parma.Questo rincorrersi di voci più che infastidire distrae. Già avevamo avuto un calo dopo che il Venezia era scappato e abbiamo dovuto lavorare per ritrovare un certo tipo di atteggiamento: ora non possiamo tornare indietro, perché da domenica si gioca sul serio. Anche se non è facile perché tutti ne parlano, i ragazzi debbono concentrarsi solo sul campo. I cinesi sono interessati ad entrare indipendentemente dall’esito dei Play Off. L’acquisizione del Centro Sportivo di Collecchio è uno dei nostri obiettivi: a luglio si abbasserà ulteriormente il prezzo e cercheremo di capire che fare. Cinesi o no quello è un asset importante per il Parma Calcio… Se rimarrò anche coi nuovi soci? Io voglio restare e credo proprio che per un po’ mi dobbiate ancora sopportare. Il Settore Giovanile, per quanto ci riguarda, non cambierà in funzione della categoria: la nostra idea è sempre stata quella di investire sul Settore Giovanile perché per noi è fondamentale. Ci piacerebbe sfornare in casa i giocatori per la Prima Squadra: l’obiettivo è quello di tornare ad avere un Settore Giovanile veramente importante».

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 I VIDEO DAL BACKSTAGE DEGLI STUDI DI TV PARMA CON GLI INTERVENTI DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DEL PARMA CALCIO 1913 LUCA CARRA A BAR SPORT

1

2

3

4

5

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LE DUE SFIDE TRA PARMA E PIACENZA DELLA SECONDA FASE DEI PLAYOFF SI GIOCHERANNO ENTRAMBE ALLE ORE 20.30. DOMENICA 21/05 ALLO STADIO GARILLI (DIRETTA TV RAI SPORT) E MERCOLEDÌ 24/05 ALLO STADIO TARDINI

PLAY OFF, OGGI RIUNIONE OPERATIVA IN LEGA PRO – TUTTE LE INFO PER GLI ACCREDITI STAMPA/FOTOGRAFI, TESSERE AIA-CONI-FIGC ED OSSERVATORI SOCIETÀ

Stadio Tardini

Stadio Tardini

34 pensieri riguardo “CARRA A BAR SPORT: “COL PIACENZA CI SIAMO ACCORDATI PER MANTENERE GLI STESSI PREZZI DI CAMPIONATO. GRATIS L’ACCESSO PER LE TESSERE CROCIATE” (VIDEO)

  • 16 Maggio 2017 in 08:03
    Permalink

    Certo che carra è un bel fenomeno, prima conferma la trattativa e poi dice che disturba l’ambiente. Ulteriore dimostrazione di come molti membri di questa società non siano all’altezza. I tempi spesso vengono sbagliati, anche questi sono particolari che poi conteranno.
    Comunque già domenica sarà dura non pensiamo di fare una passeggiata…..

    • 16 Maggio 2017 in 11:34
      Permalink

      Il tuo nome non si addice al tuo modo di fare. Carra conferma perché ormai lo sanno anche i muri, e conferma quello che sanno anche i muri e niente di più. Poi però ti spiega che il resto te lo dirà più avanti. Cosa doveva fare, smentire?

  • 16 Maggio 2017 in 08:42
    Permalink

    Chiedo lumi agli esperti del regolamento, come funzionano a livello di diffide i playoff? visto la rosa formata da soli 11 giocatori (12 con saporetti) affidabili che abbiamo sono molto preoccupato per questo aspetto. Se dovessimo giocare una semifinale playoff con Nunzella e Giorgino titolari invece di Scaglia e Scavone le cose cambierebbero parecchio!!!

    Penso che con il Piacenza non dovrebbero esserci problemi sui 180 minuti, altrimenti sarebbe una stagione completamente fallimentare.
    Ho rivisto tutte le sintesi di sportube e le squadre che ho visto meglio sono Albinoleffe e Casertana…due squadre che sarebbe meglio beccare ai quarti perché nella partita secca potrebbero fare male, sicuramente una delle 2 arriverà in semifinale.

    Saluti

    • 16 Maggio 2017 in 11:39
      Permalink

      Ti ricordo che con Giorgino e Nunzella abbiamo vinto il derby e finché erano titolari loro eravamo in gran rimonta. Poi sono arrivati Scozzarella, Scaglia, Bassi, ecc, e siamo finiti a meno 11. E 6/11 protagonisti della gran rimonta sono tra gli “inaffidabili” che tu hai citato: Zommers, Corapi, Giorgino, Nunzella, Mazzocchi, Simonetti. Altri 3/11 sono stati allontanati: Canini (ora in B con la Cremonese), Evacuo (avercelo al posto di Sinigaglia), Benassi.
      Prima di parlare e buttar m***a su certi giocatori (e soprattutto certi Uomini), bisognerebbe pensare…

  • 16 Maggio 2017 in 09:36
    Permalink

    I diffidati sono stati azzerati. Adesso dopo due ammonizioni si viene squalificati. Se ti fa paura l’albinoleffe non andiamo neanche a piacenza. Comunque senza le riserve coinvolte non si va da nessuna parte….

    • 16 Maggio 2017 in 11:10
      Permalink

      non ho detto che mi fa paura, ho detto che nella partita secca è una squadra più ostica di altre , sembrano in moto.

      Mercoledì sarà un banco di prova importante per i vari Munari, Nocciolini ecc se riescono a sopportare 2 partite in 3 giorni…

      ci sono squadre che hanno come alternative Evacuo e Fishnaller noi abbiamo Edera e Sinigallia…speriamo di nn prendere gialli inutili perchè la differenza potrebbe ahimè essere anche questa!!

  • 16 Maggio 2017 in 10:46
    Permalink

    Carro una brava persona non metto in dubbio,

    ma parla troppo, e crea danni, sarà l’inesperienza.

    Il Parma come singoli è avanti anni luce,

    ma il Piacenza è più squadra e gioca a memoria…

    speriamo che Calaiò sia in giornata,

    altrimenti è notte fonda…..

  • 16 Maggio 2017 in 11:36
    Permalink

    Il naso si è allungato talmente tanto che da Via Mantova è arrivato all’inceneritore…

  • 16 Maggio 2017 in 13:29
    Permalink

    Interessante la conferma di Carra. Qualunque sia l’esito dei playoffs, il prossimo anno dovremo essere comunque ultracompetitivi.

  • 16 Maggio 2017 in 13:31
    Permalink

    Buongiorno a tutti !!

    CINESI:
    al momento non mi interessa un ca$$$o di niente della trattativa con china town, la società ha lasciato trapelare, ha lasciato scrivere la stampa e i siti web e ha annuito confermando, quindi sarà un problema loro, dei soci intendo.
    il sottoscritto, che è un “appassionato” , non si preoccupa della trattativa finanziaria ma gli interessano solo i PLAY OFF
    ma sarà comunque carino il nuovo asset societario:

    angolo delle ca$$ate:

    10 pel 100 PPC ( partito popolare cinese )
    tlenta pel 100 china town
    70 pel 100 PRAMSZAN

    vice plesidente MHI GHO JUAN
    sponsor tecnico ELLEA
    grido di battaglia FOLZA PARMA LEGGIO …MELDA

    PLAY OFF:

    a mio avviso le squadre + forti, titolate per arrivare in fondo saranno
    ( oltre ai CROCIATI ) : LECCE, MATERA, JUVE STABIA, ALESSANDRIA e poi ,come spesso, emergerà una outsider, magari poco considerata sulla carta ma che sul campo potrebbe creare problemi :

    come tutti hanno sottolineato sarà fondamentale essere in palla in qul periodo di 28 giorni che andranno dal 21 p.v al 17 giugno a Firenze;
    servirà gamba, freschezza, recupero fisico ( vista la tempistica ravvicinata delle gare ): i valori tecnici, singoli e di squadra, i CROCIATI li hanno, l brutta copia della squadra vista in aprile spero che abbia ripreso forza ed energie, io credo che le premesse ci siano per far bene.

    Ovviamente non bisogna sottovalutare nulla e nessuno, bisognerà lottare e farsi sentire in campo, contro tutti !!
    personalmente non ho mai abusato del NOI SIAMO PARMA : so che la squadra c’è, so che anche le altre lotteranno per l’obiettivo finale…
    ora non è questione di fare gli umili o gli sborroni ma ..se l’ostacolo Piacenza non ci fa dormire ( non noi tifosi ma i giocatori ) meglio che qualcuno cambi mestiere:
    nello sport, alla lunga, vince il migliore , qualche volta c’è la sorpresa ma …..è E SARà SEMPRE IL CAMPO CHE DARà IL PROPRIO GIUDIZIO…

    non credo che sia una lotteria, certo , il palo il colpo fortuito, la disattenzione, gli errori, ma , se sei + forte ..devi emergere …

    QUI TUTTI SI GIOCANO TUTTO ; ci sono anche altre situazioni da contemplare fra l’altro: siamo sicuri che tutte le società avranno poi la potenzialità economica per effettuare il campionato di serie B ??

    A mio parere no !

    Un po come lo scorso campionato ( dalla D alla Lega Pro ): a memoria, il Bellinzago, vincitore del girone Piemonte Liguria, non si è volutamente iscritto alla categoria superiore mentre, al contrario, l’Altovicentino, arrivato secondo, facendo in precedenza tanti proclami, non ha voluto essere ripescato e, al suo posto, è salito il Forl’ !!

    IL CONSUNTIVO FINALE SI TIRERA’ A FINE GIUGNO : l’obiettivo centrato o mancato deciderà le sorti societarie, il futuro di tecnici e giocatori ma, soprattutto cosa succederà all’interno del PARMA CALCIO 1913…mi sembra abbastanza ovvio no ??

    Poi che i cinesi piacciano o meno ..questo è un business, penso verranno inserite clausole, paletti, obblighi, divieti …tutela insomma .. lo spero

    • 16 Maggio 2017 in 14:22
      Permalink

      10+”tlenta”+70 fa 110 %….

    • 16 Maggio 2017 in 15:29
      Permalink

      Bravissimo, quoto al 100%
      Poi bisogna mettersi d’accordo, un giorno ci si lamenta che carra non parla più, l’altro che parla troppo. Se uno ascolta per capire e non per criticare ad minchiam è evidente che parla dei cinesi perchè la notizia è uscita probabilmente avrebbe gradito maggior riservatezza

  • 16 Maggio 2017 in 14:24
    Permalink

    a ghe quel ca strusa ,a meno che non ci sia il 110%

    inutile che ci giriamo in torno se entrano al 60% e i 7 restano contano come il due di bastoni quando c’è briscola denari

    • 16 Maggio 2017 in 15:49
      Permalink

      L’unica cosa positiva se i parmigiani restano in minoranza è che in caso di improvviso abbandono dei cinesi si è comunque coperti, ma i cinesi arriveranno in pochi mesi al 90%. Ci sarà solo una breve fase di transizione e basta.

      • 16 Maggio 2017 in 16:05
        Permalink

        Caro Sandro,

        pur apprezzando i suoi commenti, di solito molto equilibrati e ben ponderati, preferiremmo che non contribuisse ad alimentare leggende metropolitane senza alcun fondamento quale è quella relativa all’acquisizione del 90% da parte dei nuovi investitori cinesi e conseguente uscita di scena dell’attuale compagine. Infatti anche quando saranno in minoranze i 7 soci resteranno tutti quanti – come confermato ieri sera dall’Ad Luca Carra (il quale ha educatamente risposto a domande che gli sono state poste nello studio in cui era ospite, visto che ovviamente il tema era “notiziabile”, non è che ne abbia parlato volontariamente. Peraltro la sua partecipazione era stata organizzata apposta per dare le prime comunicazioni di servizio sulla trasferta di Piacenza, dopo la riunione operativa a Firenze) – senza che ci sia la loro uscita di scena, fantasma agitato da qualcuno.

        • 16 Maggio 2017 in 20:46
          Permalink

          inchia capito sandro ? ,restano in 7 e sono pure in minoranza ,bello l’ossimoro o se vuoi climbing on the mirror ahahahah

          • 16 Maggio 2017 in 20:47
            Permalink

            20 mesi son passati ahahaha,fuga da Alcatraz ahahah

  • 16 Maggio 2017 in 14:36
    Permalink

    Caro mio invece più dei play off dovrebbe interessarci la trattaiva cinese. Per un motivo molto semplice. Che dal passato avremmo dovuto imparare a occuparci e molto dei fatto c.d. societari. Anche perchè se finisci come il Pavia hai voglia a fare dei play off. Personalmente e lo dico adesso la cosa non mi piace. In un primo momento mi piaceva perchè pensavo che i cines comprassero la quotina dei dopolavoristi di PPC. In realtà mi sembra il contrario, cioè PPC resta e i cines comprano invece una quota dei c.d. G7. Ora siccome non ho l’anello al naso e so come funzionao queste cose se si prevede un iniziale 30% ci sono già ben scritti patti o “convenants” che prevedono per certo l’incremento di detta quota. Qui arriva la mia domanda. Ma se per 18 mesi ci siamo detti che eravamo felici perchè una proprietà solida come la nostra non ce l’avevano nemmeno in serie A juve a parte, che almeno due dei nostri G7 avrebbero (sottilineo il condizionale) le potenzialità per una squadra da Champions, che bello Parma in mano alle aziende solide del territorio e via di spot, mi spiegate perchè questa SOLIDISSIMA PROPRIETA’ PIENA DI SOLDI DOPO SOLI 18 MESI SENTE L’ESIGENZA DI CINESI CHE METTANO DENTRO 10 SPICCI MILIONCINI??????NON ALIBABA O SUNING MA UN BROKER PER ALTRO.QUALCUNO LO SPIEGHERA’??

  • 16 Maggio 2017 in 16:08
    Permalink

    Ad ghe ragion … CIBBI

    elo così intento a sclivele in giallo che ho sbagliato col pallottoliele:

    10+tlenta+60 = 100 pel cento.. olmai sto invecchiando anche nel fale i piccoli conti della selva !!

  • 16 Maggio 2017 in 16:10
    Permalink

    “Previsioni meteo play off”: queste sotto, in maiuscolo a mio avviso, le 8 squadre che accederanno ai quarti ( si fa tanto per scrivere, un po’ come nei quotidiani, devono sempre riempire tutte le pagine e, a volte, scrivono pure delle cose vere ( oltre alle cannelle ):

    Casertana – ALESSANDRIA
    Piacenza – PARMA
    Sambenedettese – LECCE
    Cosenza – MATERA
    V.Francavilla – LIVORNO
    GIANA ERMINIO – Pordenone
    Reggiana – JUVE STABIA
    Lucchese – ALBINOLEFFE

  • 16 Maggio 2017 in 16:22
    Permalink

    Caro DAVIDE , Boni l’era andè dal barber ma, adessa, al s ‘è fat cresar la berba ancora, al me piesz miga tant !!

    Argomento precedente: non ho la presunzione o la lungimiranza di conoscere le strategie societarie degli uni ( CINESI ) nè degli altri
    ( 7 SOCI ) ; ribadisco il mio pensiero ( che non conta nulla a nessun fine ) , fin quando la quota rimane di minoranza non mi preoccuperei molto, questo fino al 49%;

    IN TUTTI I CASI NOI NON POSSIAMO NE POTREMO FARCI NULLA: non vado certo in piazza a protestare per questa o quella che potrebbe essere una scelta societaria legata ad interessi molto + complessi: business, aeroporto, merci, food, cultura, arte, turismo…
    Parma nel mondo non è poi così male, abbiamo risorse ed eccellenze in parecchi campi e settori ..e parecchi dei nostri 7 soci fondatori hanno interessei economici nel mondo intero: 2+2 = 4

    Il “gancio” legato al calcio potrebbe essere un ulteriore trampolino di lancio sia per gli uni che per gli altri: per nulla non fa niente nessuno ma, per il business, si muovono molte persone, soldi, eventi, situazioni, politiche e quant altro…
    credo di aver illustrato il mio punto di vista…
    per laserie …sono nato parecchio tempo fa, mi alzo presto al mattino e , spesso, riewsco ad attaccare la spina ..

    Speriamo che ci facciano divertire coi play off..
    spero che li vincano …
    se no an so miga cmè la possa ander a fnir…

    al 100%

    ero stato un pò “bondant” e l’era saltè fora 110 % …perdonate un signore anziano alle “sogliole” dei 61

  • 16 Maggio 2017 in 16:35
    Permalink

    Io, sempre nel mio piccolo immaginario, NON CREDO PROPRIO CHE i ” 7 SOCI ” SVENDANO la società ai cinesi e neppure che la VENDANO, tutt’altro:

    i giornali possono scrivere ciò che vogliono ma, sempre a mio avviso, I NOSTRI non lasceranno mai la maggioranza delle quote in mani diverse dalle loro e pertanto il timone del comando resterà parmigiano nostrano: poi è ovvio che può succedere di tutto..
    come dice sempre qualcuno di mia conoscenza, il futuro è sulle ginocchia di Giove !

  • 16 Maggio 2017 in 16:51
    Permalink

    Caro Mauro, io non sono così tranquillo per un motivo molto banale. Non conosco un solo caso di capitale misto cinese/italiano. E guarda il caso aeroporto/cinesi e fai una riflessione sulla bontà della cosa.
    Crespo era a caccia di un posto di lavoro vicino a casa e ha fatto leva sulla spurina di mollare di molti che lui BEN conosceva. Tutto qui.

  • 16 Maggio 2017 in 17:02
    Permalink

    Mauro “morosky” Moroni:

    “IN TUTTI I CASI NOI NON POSSIAMO NE POTREMO FARCI NULLA?”

    Non sono per nulla d’accordo.

    Ho versato la mia quota nel PPC perché credevo nel progetto.

    Come socio ho il diritto di essere informato

    sulla trattativa.

    O devo fare una richiesta in carta bollata?

  • 16 Maggio 2017 in 18:35
    Permalink

    Pochi lo dicono ma in attacvo il piace ha qurl romero che a parma fecexreparyonda dolonvol ferakpisalo

  • 16 Maggio 2017 in 19:04
    Permalink

    La priorità attuale dovrebbero essere i play off, ma sembra sia più importante parlare delle vicende societarie, però se si vuole parlare delle vicende societarie sarebbe opportuno non parlare per sentito dire ma informarsi ed evitare di dare notizie errate.
    Jiang Lizhang non è più il proprietario di Desport da ormai due anni, continua a gestirla in quanto gli acquirenti la società Wuhan DDMC Cultura Co Ltd lo ha lasciato alla guida, siccome è stato pagato con soldi ed azioni attualmente oggi è uno dei tanti azionista della Wuhan DDMC Cultura Co Ltd, che tra le altre cose essendo una società quotata alla borsa di Shangai non era poi tanto difficile trovare informazioni.
    Se sapete il cinese questo è il sito http://www.ddmcgroup.cn/
    La Desport non è proprietaria ne di società di calcio ne di diritti televisivi, ma è una società di consulenza sportiva in vari settori, consulenza che svolge anche per il gruppo Suning.
    Consulenza che se devo giudicare dai risultati visti quest’anno sia del Granada che dell’Inter lascia molto a desiderare, ma a parte le battute ho apprezzato la dichiarazione di scuse dello scorso 1 maggio di Jiang Lizhang ai tifosi del Granada per la manifestata inesperienza nella gestione della squadra.
    Che la società Wuhan DDMC Cultura Co Ltd non sia un insieme di persone scappate da casa lo dimostra il fatto che è considerata una delle società di riferimento del governo cinese per vari settori dello sport.
    http://en.xfafinance.com/html/13th_Five-year_Plan/Development_Policy/2016/241790.shtml
    Poi se la società cinese acquisterà il 30 o il 60% della squadra o non acquisterà nulla non credo siano i tifosi che devono deciderlo ma sono i soci che hanno già messo nel Parma qualche milione di euro e che nel prossimo futuro sono chiamati a metterne molti di più.

  • 16 Maggio 2017 in 20:28
    Permalink

    Robin Hood
    16 maggio 2017 alle 17:02
    Mauro “morosky” Moroni:
    “IN TUTTI I CASI NOI NON POSSIAMO NE POTREMO FARCI NULLA?”
    Non sono per nulla d’accordo.
    Ho versato la mia quota nel PPC perché credevo nel progetto.
    Come socio ho il diritto di essere informato
    sulla trattativa.
    O devo fare una richiesta in carta bollata?

    immagino che ci sia un presidente, un vice presidente i quali parteciperanno ai C.d.A del Parmacalcio1913, non certo alle “riunioni” tra i sette soci ( newcom 1 si chiama ? )

    immagino che nella vs PPC vi siano quote di adesione di vari tagli economici :

    200
    500
    1.000
    5.000
    10.000
    25.000
    50.000 ???

    io credo che anche se uno di voi avesse quote per 100.000 euro, nella stanza dei bottoni non entri, non decidi e non puoi farci nulla !
    questo secondo il mio punto di vista, ma giusto perché non conosco clausole né regolamenti di queste robe qui ..
    mi limito ad osservare …

    certo che, e mi spiace dirlo, pure i 10.000 tifosi, seppur rumoreggiando, non potranno prendere decisioni, non potranno fare + di tanto di fronte a decisioni prese , dai proprietari ( i quali hanno messo i soldi, e tanti credo ) ..
    e…comunque..dovranno accettare quelli che saranno trattative, sviluppi, conclusioni e quant altro:

    io però potrei aggiungere, a naso, che gente come la famiglia Pizzarotti, Marco Ferrari, Mauro Del Rio e l’avvocato Malmesi …non si tireranno indietro ..
    questo è il mio sentore ..non avvalorato da nessun dato concreto..
    sono solo mie sensazioni …nell’aere …

    vi avviserannop, sicuramente, ma non andrà ai voti una roba del genere e, in tutti i casi, loro hanno il 90% e , dei loro denari, penso che possano disporre liberamente ..o sbaglio ?

    • 17 Maggio 2017 in 10:52
      Permalink

      no ma il “resteranno tutti e 7 pero’ in minoranza” e’ na roba fantastica ,orca miseria in 18 mesi hanno mollato subito ,etor che
      micio micio bau bau

  • 16 Maggio 2017 in 20:29
    Permalink

    Sempre peggio.

    Sig. Massari le ricordo che il bilancio definitivo verrà pubblicato

    a breve.

    Si vedranno tante cose, dai costi ai ricavi, dai crediti e dai debiti

    Ci sarà da sorridere.

  • 16 Maggio 2017 in 20:32
    Permalink

    Ma perché non parliamo di calcio giocato …nei play off ?

    Alla fine dei medesimi vedrai che si schiariranno le cose….e di molto…
    anche perché, in base a come finiranno….CAMBIERANNO , E DI MOLTO, GLI SCENARI …

    AT VEDRè …

  • 16 Maggio 2017 in 20:35
    Permalink

    MASSARI, come sempre una fonte preziosissima di informazioni, sia dal lato tecnico calcistico..sia dal punto di vista economia e finanza…
    Prezioso e competente …oltre che informato..
    complimenti

    moro

  • 16 Maggio 2017 in 20:42
    Permalink

    Speriamo Mauro…..confido in te…..

  • 16 Maggio 2017 in 20:56
    Permalink

    Ma i cines, ien coi col barachi in gära?

  • 17 Maggio 2017 in 09:35
    Permalink

    Parenti alla lunga….. di Mao Zedong……….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI