COI CAPITANI SCAMBIATI E IL TERZO TEMPO LA LEGA PRO PORGE IL DERETANO ALLE PEDATE… di Riccardo Schiroli

schiroli-slide(Riccardo Schiroli) – Sfogliando la Gazzetta dello Sport al bar (compro il foglio rosa ormai solo in selezionate circostanze: per prepararmi ai mercati del Fantacalcio e quando il Milan vince un titolo; l’ultima cosa, non succede da qualche anno…), mi è balzato all’occhio il titolo “Il rifiuto di Lucarelli: Non vado in campo con la maglia di Reggio”. La prima reazione è stata “certo che no, giochi nel Parma…”. Non sapevo, infatti, dell’iniziativa “Non c’è partita senza avversario” di Lega Pro su proposta dell’Associazione Calciatori (AIC), che prevede nel cerimoniale dell’ingresso in campo, fino allo scambio dei gagliardetti, che i Capitani indossino la maglia dell’avversario. Lucarelli, che è una persona intelligente e un professionista scafato, sa benissimo lucarelli gazzetta dello sportche non può (almeno moralmente, anche potendo, non dovrebbe nemmeno intestardirsi sul punto, ma questa è un’opinione) disattendere un desiderata (per ora è solo così, ma dai play off, come ha specificato il presidente Lega Pro Gravina sarà un obbligo) della Lega Pro suggerita dal Sindacato Calciatori. Non a caso, il Presidente della AIC Damiano Tommasi lo ha (sommessamente, come nel suo stile) richiamato all’ordine: “Spero che Lucarelli capisca e partecipi all’iniziativa”. Posata la Rosea e preso in mano il Resto del Carlino, edizione Reggio Emilia (ero a Calerno a farmi un Sandwich Coromant…) grazie all’autore Francesco Pioppi ho capito quale fosse la gola profonda dei pensieri più reconditi di Lucarelli, giacché le sue parole “sono state riportate da un tifoso e poi da Teleducato”. Guglielmo Longhi della Gazzetta dello Sport chiarisce ancora meglio: il tifoso (anonimo) ha ricevuto un messaggio vocale su una chat di amici fidati di Lucarelli (che, me lo concederà, ha evidentemente del tempo da perdere) nel quale il Capitano del Parma afferma che “non esiste al mondo” che lui indossi la maglia della Reggiana il 7 maggio. Peccato che questa comunicazione strettamente privata (senza essere degli Azzeccarbugli si potrebbe ipotizzare la violazione di corrispondenza…) fosse, tra l’altro, anche ampiamente datata, visto che risale più o meno a un mese fa, cioè quando la geniale idea della Lega Pro è stata varata. Sarebbe importante, poi, sapere se l’emittente televisiva, prima di divulgare le parole di Lucarelli, abbia chiesto al calciatore se era d’accordo che la sua posizione fosse resa pubblica. Perché magari Lucarelli voleva semplicemente dare un contentino al tifoso in questione (sarebbe un po’ quel che a Roma chiamano una paraculata, ma non mi scandalizzo), pronto a mandargli un secondo messaggio l’8 maggio del tipo: “Sai, volevo farlo. Ma la società e il Mister mi hanno tanto pregato…non me la sono sentita” (sarebbe stata una seconda paraculata, e qui non dico che mi sarei scandalizzato, ma al limite un po’ indignato). Se Teleducato non lo avesse fatto comincerei a capire i colleghi che sostengono che i corsi di formazione professionale continua (in cui sono necessari crediti deontologici) a cui ci obbliga l’Ordine sono inutili…

ansa gravinaGabriele Gravina, Presidente della Lega Pro, ha dichiarato prima alla Gazzetta dello Sport – reiterando poi all’Ansa lo stesso concetto, se possibile appesantendolo –  che la decisione di Lucarelli gli pare “incomprensibile” e ha aggiunto: “Mi sembra strano che proprio un giocatore di grande esperienza e molto ascoltato non voglia contribuire a portare un po’ di distensione”. Ha per altro puntualizzato: “Non possiamo obbligare Lucarelli a fare qualcosa di cui non è convinto”. Sarà diverso nei play off, perché Gravina proporrà all’Assemblea di Lega del 25 maggio di sanzionare chi non segue le norme di fair play emanate recentemente. Ma non mi stupirei se Lucarelli, un anno fa sanzionato, esemplare pressoché unico, dal Giudice Sportivo di serie D con una squalifica per dichiarazioni rilasciate in sala stampa, venisse sanzionato appellandosi all’art. 1 Bis del CGS  secondo cui tutti i tesserati “sono tenuti  all’osservanza  delle norme e degli atti  federali e devono comportarsi secondo i principi di lealtà, correttezza e probità in ogni rapporto comunque riferibile all’attività sportiva”. Non siamo al cospetto di un atto federale, ma comunque di una emanazione della Lega Pro, sia pure non ancora codificato in un regolamento, ma in una semplice disposizione circolare. La Lega Pro, in vista del post season, ha predisposto, combinazione proprio ieri, in coincidenza con la diffusione a mezzo stampa del datato audio di Lucarelli che tanto clamore ha destato il cosiddetto Terzo Tempo (quello di grande successo in Serie A: nel dopo partita seguente la contestata sconfitta con la Juve il Capitano dell’Inter Icardi ha cercato di tirare una pallonata all’arbitro….), aggiungendo un giro di campo delle squadre e, al ritorno negli spogliatoi, l’applauso della squadra sconfitta alla squadra vincente.

Si tratta di una tradizione del rugby (così come il Terzo Tempo più in generale), che però viene scimmiottata, a mio avviso, male. Nella palla ovale, infatti, è la squadra vincente che accoglie gli sconfitti al rientro nello spogliatoio con un applauso. Vi dico che si tratta di un bel momento nei casi in cui la sconfitta è chiara. Nella mia esperienza di giocatore di rugby, a 17 anni mi trovai a giocare come terza linea centro dell’Amatori Under 19 contro il Parma, che aveva il nazionale Ghini come mediano di mischia. Fu un’esperienza tendente al mistico, visto che nel (vano) tentativo di fermare Ghini all’uscita dalla mischia corsi così tanto a vuoto che finii con l’avere le visioni. Quindi, quando Ghini rientrando negli spogliatoi mi applaudì, mi sentii rincuorato. Ma altre volte non mi diede nessuna consolazione, nel passare tra gli avversari che mi avevano sconfitto senza merito (almeno dal mio punto di vista).

Insomma, detto fuori dai denti, penso che iniziative di questo genere siano assolutamente superflue e raccomanderei alla Lega Pro di non sfidare il destino (Lucarelli, che è toscano, conoscerà l’espressione “non mettere il culo nelle pedate”) obbligando a contatti prolungati i giocatori pieni dell’adrenalina del dopo partita. Manteniamo il Terzo Tempo, ma come occasione generica di fair play e il giro di campo lasciamolo fare a chi ha vinto. O anche a chi ha perso, se si sente di farlo. Codificare in regolamenti quelli che dovrebbero essere dei gesti spontanei potrebbe addirittura avere effetti peggiori rispetto all’attualità che si vorrebbe cambiare. Riccardo Schiroli

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “COI CAPITANI SCAMBIATI E IL TERZO TEMPO LA LEGA PRO PORGE IL DERETANO ALLE PEDATE… di Riccardo Schiroli

  • 4 Maggio 2017 in 06:58
    Permalink

    E’ quello che penso anche io, questa iniziativa rischia di crearle le tensioni più che stemperarle, oltre all’applauso dei vinti ai vincitori, anche il giro di campo, senza la collaborazione del pubblico rischia di diventare un giro tra gli insulti più che tra gli applausi.

  • 4 Maggio 2017 in 08:37
    Permalink

    Ma da gente come Gravina che hanno partorito la Lega Pro a 60 squadre di chi si e no 20 riescono a pagare le bollette della luce e la nafta per il bus, dei play off che sono talmente osceni è assurdi che non ho ancora capito come funzionano cosa pretendiamo?
    Aggiungo: caro Gravina lo spettacolo in Lega Pro è talmente osceno che invece di prolungare la stagione con altre partite se non hai capito più la accorci è meglio sarebbe per tutti.

  • 4 Maggio 2017 in 15:03
    Permalink

    Concordo in pieno con l’articolo. Una cosa dev’essere naturale, non forzata. è il campo che si traduce in rispetto, non 2 magliette.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI