IL COLUMNIST / QUELL’INVETERATA ANTI-PARMIGIANITA’ DEL PARMIGIANO SCHIANCHI

il-columnist-luca-russo.jpg(Luca Russo) – La notizia in realtà è una non notizia e sa di “vecchio”.  Il parmigiano Andrea Schianchi è ritornato a sputare veleno sul Parma e sui parmigiani che ne sono tifosi, fino al punto di farmi credere, in un confronto solo in apparenza forzato, che il roseo stia all’universo Crociato così come, tanto per dire, il romanista e romano d’adozione Nainggolan sta alla Juventus. Chiaro il concetto, no? Che tra la popolare firma de La Gazzetta dello Sport e l’attuale Parma non ci fosse la benché minima traccia di feeling, era abbastanza noto. Ma che il suo rancore nei riguardi della nuova proprietà superasse certi livelli: non me lo aspettavo. E invece è accaduto. Questa IMG-20170519-WA0002mattina, per la precisione. In un articolo che si potrebbe definire di avvicinamento alla sfida di andata degli ottavi dei playoff tra il Piacenza e il Parma, Schianchi ne ha scritte di tutti i colori a proposito dell’universo gialloblù. I passaggi più “significativi” del pezzo composto dal Roseo? Due. Nel primo, sotto attacco ci finiscono le ambizioni espresse all’alba della stagione in corso: “A Piacenza, dopo aver eliminato il Como, sono tranquilli e beati, e aspettano la sfida con l’animo di quelli che non hanno nulla da perdere. A Parma, invece, nascosto tra le pieghe della solita supponenza e di quell’ingiustificato senso di superiorità, questa volta c’è pure il timore. Sì, perché essere eliminato dal Piacenza, e quindi non poter correre per andare in serie B, dopo tutto quello che si è speso (e si è detto), per il club gialloblù sarebbe un autentico disastro”. Nel secondo, il fango viene dirottato sui trofei conquistati negli anni passati e sull’orgoglio che i supporter Crociati tirano fuori ogni qual volta si rispolvera il ricordo di quelle stagioni a dir poco favolose: “Mentre in piazza Cavalli, a Piacenza, la gente non si fa illusioni, troppo scottata dal passato per perdersi in inutili sogni, in piazza Garibaldi, a Parma, i tifosi si fumano il cervello pensando a come potranno essere questi playoff, perché per loro, per i parmigiani, stare in Lega Pro è come vivere all’inferno. Loro che hanno appena festeggiato i 24 anni della vittoria della Coppa delle Coppe a Wembley, loro che non perdono occasione per ricordare i trionfi di ieri, e magari si dimenticano che molti (praticamente tutti) sono stati ottenuti quando la società era nelle mani della Parmalat di Calisto Tanzi e i soldi valevano quanto quelli del Monopoly, loro che per sentirsi vivi hanno bisogno di gridare la loro diversità”. Mi fa specie che un giornalista esperto come Schianchi decida di essere così approssimativo nelle sue considerazioni. Sarà anche vero, come è vero, che il Parma ha speso parecchio in sede di campagna acquisti, senza riuscire a ricavarne la promozione diretta che è finita in Laguna. Ma nel calcio più del quanto spendi, conta il come spendi. Si pensi a quanto ha sperperato Suning per innalzare la sua Inter fino all’attuale e deludente ottavo posto; e a come ha investito l’Atalanta per riconquistare, con un manipolo di ragazzini di belle speranze, quell’Europa che le mancava da qualche decennio. Il Parma evidentemente avrebbe potuto e dovuto spendere meglio le proprie cartucce. E se il primo posto nel girone – utile per salire al piano di sopra con l’ascensore e risparmiandosi un paio di faticosissime rampe di scala – è rimasto a lungo nel suo mirino, vuol dire che quanto è stato fatto sul mercato stava quasi per bastare, al netto del cedimento verificatosi a promozione diretta ormai compromessa. Inoltre, per una squadra che ambisce al salto di categoria o alla vittoria del campionato, ce ne sono almeno altre tre o quattro con la stessa intenzione. E l’albo d’oro in quasi tutti i casi ne premia solo una, infischiandosene del nome e della storia delle aspiranti alla gloria (vero Leicester, Spal, Monaco e via dicendo?). Insomma, il confine tra trionfo e fallimento è incredibilmente sottile. Direi indefinito, invisibile e pericoloso, perché è un attimo ritrovarsi al di là o al di qua dell’inferno. Anche se ti chiami Parma. Forse, soprattutto se ti chiami Parma, e da te tutti si aspettano esattamente ciò che il Parma, per nome e bacheca, evoca. Banalità? Frasi fatte? Risposte facili? Sarà, ma spesso le spiegazioni più semplici sono anche quelle più giuste. Figurarsi per una materia tenera e friabile come il pallone. Quanto alla questione Coppe vinte ai tempi della Parmalat, per restare sintonizzato sulle frequenze interiste, (squadra di cui il professionista non nasconde di simpatizzare) son tentato dal stendervi sopra un velo pietoso, perché riflessioni di quel segno si commentano da sole. Ma risulterei superficiale almeno quanto lo è stato il Roseo che considera contraffatti praticamente tutti i titoli ottenuti dal club ducale. E allora mi limito a sottolineare una sola cosa: lo zoccolo duro della formazione che tra il 1990 e il 1995 ha messo in fila una Coppa Italia, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Europea e una Coppa Uefa, si è formato sul calare degli anni ’80. Quando cioè il Parma militava in serie B e il crac della multinazionale di Collecchio era ancora parecchio lontano dall’essere concepito. Semmai i soldi del Monopoli sono arrivati dopo. A proposito di soldi del Monopoly, caro Schianchi: niente da dire o da obiettare a proposito dei closing di Inter e Milan, tanto care e vicine al giornale per il quale lavora? Luca Russo

40 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / QUELL’INVETERATA ANTI-PARMIGIANITA’ DEL PARMIGIANO SCHIANCHI

  • 19 Maggio 2017 in 13:25
    Permalink

    Bell’articolo!
    Che dire su Schianchi…..non avendo nulla di interessante da dire crede che scrivere male del Parma essendo lui nato a Parma, lo renda un giornalista.

    poi se le cose andranno bene sarà il primo della fila ad adulare i 7 big, come fece con Ghirardi……

    Di Taci ricordo che a TV parma parlò di piani industriali….

  • 19 Maggio 2017 in 14:00
    Permalink

    Non è piacevole quello che ha scritto Schianchi, ma è totalmente assurdo e triste scrivere un articolo con l’unico fine di aggredire e attaccare un giornalista. È assolutamente non professionale.

    • 21 Maggio 2017 in 11:14
      Permalink

      Secondo me il Russo non ha affatto aggredito o attaccato lo Schianchi

  • 19 Maggio 2017 in 14:06
    Permalink

    Bentornato!
    Nessuna sorpresa su Schianchi. Molti locali amano parlare male della squadra della propria città per non essere accusati di essere di parte.

  • 19 Maggio 2017 in 14:14
    Permalink

    Schianchi = il nulla, allucinante

  • 19 Maggio 2017 in 14:27
    Permalink

    Bisogna ricordarsi ke il Giornalista Sig. Schianchi anni indietro

    Nella zona della vekkia tribuna del Tardini fu colpito al volto

    Perkè NON parlava bene del Parma e dei Parmigiani

    Naturalmente il gesto NON giustifica il fatto anzi

    Almeno il mio ricordo è quello però posso sbagliarmi

  • 19 Maggio 2017 in 14:29
    Permalink

    Su Schianchi penso ogni parola sia inutile. E’ diventato patetico e fa pena. Vorrei solo ricordare che Via Mantova ancora lo apprezza e lo invita a partecipare e/o inrevenire in trasmissioni.

  • 19 Maggio 2017 in 14:31
    Permalink

    poveretto, mi fa pena
    lui è un nemico del parma, mica majo

  • 19 Maggio 2017 in 14:40
    Permalink

    Bentornato a Luca, ottimo articolo!
    Venendo a schianchi mi ha fatto morire il siparietto tra lui e Faggiano quano gli ha chiesto chi fosse perche non si era mai visto in sala stampa.

    • 21 Maggio 2017 in 11:16
      Permalink

      Secondo me, invece, il Faggiano avrebbe dovuto evitare quel siparietto. Ciò non toglie che Schianchi, nell’occasione, fosse da sciaf a l’orba
      Scena pietosa

  • 19 Maggio 2017 in 15:22
    Permalink

    Sarebbe però interessante chiedere alla Rosea che interesse ha a pubblicare immondizia di Schianchi. Lo vorrei cmq ricordare a Palla in Tribuna parlare bene di Taçi e di Ghirardi che tutto sommato aveva fatto bene nei suoi anni di presidenza.
    In ogni caso speriamo con tutto il cuore di andare in serie B alla faccia di Schianchi e ti madargli poi un sonoro ……… da parte di tutta la città e provincia.

  • 19 Maggio 2017 in 15:27
    Permalink

    Sig. Russo ben tornato…
    Mi scusi ma cosa doveva scrivere Schianchi?
    Le vorrei ricordare che abbiamo già Via Mantova che scrive telenovelas strappalacrime a go go….
    Ha semplicemente evidenziato quello che sta succedendo
    in quel di Palma.
    Se le da fastidio non legga più i suoi articoli.
    Siamo in uno stato libero o forse no?
    Interessante il paragone con l’Atalanta….(magari),
    in Europa, un settore giovanile tra i migliori d’Italia,
    e un presidente coerente e con le palle.
    Meglio “il Mulino Bianco” che ha rinnovato il contratto
    per il prossimo anno a Giolgino?
    Clè tut tranne bon…..
    Mentre “nella Family business” ha assunto Federer..?
    Provi pensare quanto sia interessato alla causa Palma.

    • 19 Maggio 2017 in 16:35
      Permalink

      I 40 milioni a Federer sono pubblicità, ossia soldi che potenzialmente ritornano, mica a perdere come quelli messi nel Parma, poi sono una sponsorizzazione Barilla come azienda, quelli del Parma a titolo personale.

    • 21 Maggio 2017 in 11:26
      Permalink

      Non mi pare proprio che Via Mantova scriva telenovelas strappalacrima. Peraltro è proprio attraverso le antenne di Via Mantova che lo Schianchi sputa maggior veleno, al di là dei tre articoli annuali sempre uguali a se stessi da anni. Al di là che fa sorridere che proprio lui tiri a mano la Parmalat…

  • 19 Maggio 2017 in 15:36
    Permalink

    Beh dai, meglio un Parmigiano che critica parma piuttosto che un napoletano che si erge a difesa della parmigianità.

    • 21 Maggio 2017 in 11:29
      Permalink

      Cosa sono queste discriminazioni territoriali?

      Non si può leggere un parmigiano che attacca i parmigiani facendo finta di non esserlo

  • 19 Maggio 2017 in 16:49
    Permalink

    Caro Robin Hood ma lei con i suoi risparmi ha mai agevolato le finanza del parma calcio, ma che commenti sono ?? Ma cosa vuol dire il rinnovo di Giorgino??? Spero e sono sicuro che lei sia un tifoso malinconico………

  • 19 Maggio 2017 in 17:26
    Permalink

    Sig. Rispetto,
    sono incazzato nero.
    Ma la causa dei 7 non era di riportare il Palma dove merita?
    E mi confermano Giolgino?
    Al serva men pugn in occ…
    Ma è mai possibile che ci vogliano 7 soci (tra cui 2 milionari)
    + azionariato e ora pure i Cinesi per gestire una società
    di calcio di B? (sono ottimista dei playoff).
    E per Federer sono 40 milioni?
    Che potenzialmente ritornano….e investirli sul Palma no?
    Ritornano pure quelli, siamo conosciuti in tutto il mondo,
    abbiamo vinto coppe….suvvia….

  • 19 Maggio 2017 in 17:28
    Permalink

    Schianchi/Russo=messi/Baraye

  • 19 Maggio 2017 in 17:58
    Permalink

    Penso che Schianchi andrebbe studiato nelle scuole di giornalismo per dimostrare come NON va fatta la professione. C’è da dire che ormai è una macchietta, vittima di se stesso e del personaggio che si è costruito.

  • 19 Maggio 2017 in 18:09
    Permalink

    il Sig. Schianchi tifa Milan miga Juventus….
    ha scritto la storia del Milan.
    (a me che tifi Milan non interessa).
    Qui a Palma abbiamo giornalisti o forse giornalai,
    che tifano Via al ponte caprazucca,
    e forse a lè pes…..

    • 19 Maggio 2017 in 19:14
      Permalink

      Mi pare avesse confessato inter (pure per me è irrilevante)

  • 19 Maggio 2017 in 19:27
    Permalink

    Uno dei tanti che parla a seconda di chi è il committente.. finite le ospitate in tv e l’ “amicizia” col magico duo ed ecco puntuale che arriva merda, sarei stato sorpreso del contrario.
    Visto che ha casa a parma (a detta sua) non si meravigli se poi arrivano 2 ragioni balorde

  • 19 Maggio 2017 in 19:59
    Permalink

    MA CARO RUSSO cosa avrebbe detto di sbagliato schianchi ? ( daltronde lui e’ in serie a lei in prima categoria ) a me sembra tutto vero i parmigiani forse lei non li conosce ma un po presentuosi li siamo ancora pensiamo di essere ai tempi di maria checa , amanti dell apparenza e un po sbruffoni almeno cosi ci dipingono molte altre realta’ vicine a noi qualcosa di vero ci sara ? detto questo che la societa’ abbia fatto errori e chiaro a tutti lo stesso ferrari lo ha ammesso ( 15 gg per trovare un allenatore scelto poi da palmieri che con il parma non c’ entra nulla tutta italia ha riso ….usati da palmieri e quello della spal per farsi alzare lo stipendio e comunque se siamo una grande societa come mai vagnati ha preferito rimanere a ferrara anche se il parma gli aumentava di molto lo stipendio ? scala che spara su tutti , la scelta errata di non appogiare il venezia nel stare in gironi diversi ma volere il derby cosi la lega ci ha messo nel girone B ecccc ) ma basta sentire allo stadio che urlano parma siamo noi !!!! lei lo ha mai sentito altrove ? parma siamo noi e’ arrivato a 10 punti dal venezia a 7 giornate dal termine eravamo gia out !!! e abbiamo speso il doppio di budjet di tutte le altre sqaudre dilega pro !!! ebbene lei cosa dice che va tutto bene ? non e’ da criticare la situazione ? a me pare che abbia ragione schianchi
    Poi mi fa ridere ogni domenica sentiamo la leutania contro ghirardi (che comunque sapeva far calcio ) che ha fatto un buchetto da 150 ml di eur mentre avete mai sentito un micio micio bau bau su tanzi ? io nooooooooo anzi lo osannavano ancora dopo il crack di 1200 miliardi di eur ghirardi eun diavolo il tanzi un santo ……..per il resto e vero tanzi aveva soldi fasulli se permette chiunque con soldi fasulli vincerebbe !!! e si mi permette erano anche degli incapaci perche avrebbero dovuro bvincere scudetto e coppa dei campioni ……..per cui schianchi ha detto molte verita’ se poi volgiamo chiudere gli occhi e offendere schianchi fatelo pure ma sarebbe meglio essere obiettivi ci meritiamo i cinesi ..parma siamo noi !!!!

    • 20 Maggio 2017 in 08:21
      Permalink

      Secondo me non sei mai stato a stretto contatto con i reggiani, io ho lavorato 4 anni a Reggio Emilia nel quartiere artigianale di Mancasale, anzi scusate, loro sono umili e lo chiamano “parco artigianale”.
      Che noi siamo presuntuosi e loro umili è una leggenda,
      chiunque è stato a contatto con i reggiani saprà che secondo loro:

      Il tatro valli è rinomato in tutto il mondo, ha l’acustica migliore al mondo e il regio ce lo raccontiamo noi che è famoso.

      L’università di Reggio è migliore e più prestigiosa di quella di Bologna nonché con il doppio degli studenti.

      Il centro di Reggio è più bello e con più turisti di quello di Ferrara.

      Reggio è decorata con medaglia d’oro al valore militare perché loro hanno liberato l’Italia, non ditegli che la medaglia d’oro è stata conferita anche a Parma, Borgotaro, Piacenza, Modena ed altre decine di città perchè se no diventano rossi come dei peperoni, vi diranno che non è vero e che siete solo dei chiacchieroni invidiosi.

      Il battistero di Reggio è più importante di quelli di Firenze e Parma perché c’è dentro non so che importantissimo mosaico, andate a vedere le foto, è una catapecchia.

      Si vantano di aver il maggior numero di parchi dell’emilia romagna, in realtà contano i parchetti di pochi metri quadrati di quartiere, non hanno nemmeno un parco in città se non il Parco delle caprette, che è in realtà una sottile lingua di verde che corre lungo il Crostolo buona per le camminate, tenuta malissimo con le staccionate che lo separano dal torrente tutte a pezzi.

      In qualsiasi ambito sono i numeri uno, a costo di inventarselo però siamo noi i presuntuosi e se non accettiamo che il battistero di reggio è più bello e con più visitatori di quello di Parma o peggio di Firenze siamo degli sbragoni chiacchieroni. Questa è la mia esperienza a Reggio, non ammettono mai che qualcosa dello loro città possa essere migliorato e che da qualche parte lo facciano meglio. Guardate il loro comportamento prima del derby d’andata, ci sfottevano già un mese prima per la figuraccia che avremmo fatto, spavaldissimi avevano già stravinto, nel loro immaginario siamo solo esseri inconsistenti ed incapaci mentre loro sanno fare tutto, idem i piacentini che a sentir loro a differenza nostra hanno voglia di vincere, sanno lottare, hanno preparato la partita, tutto questo come se noi fossimo inesistenti ed inconsistenti, come se D’Aversa e la squadra dormissero in piedi pronte a fare figuracce e le vittime sacrificali, noi ci mettiamo del nostro perché parliamo di Franzini come se fosse Cruijf, io ho visto tre partite del Piacenza su sportube tra cui l’ultima ed ho visto che tutto quello che sanno fare è stare chiusi a riccio e lanciare lungo per lo spilungone che hanno davanti che cerca di spizzarla per il nanerottolo velocissimo che spesso anticipa gli avversari, fortuna che nell’intervista di oggi anche Munari ha detto che non fanno altro perché a Parma ci sono molti estimatori di Franzini e del gioco del Piacenza che mi sembrava brutto essere irriverente.

      • 20 Maggio 2017 in 15:06
        Permalink

        Munari può pensare ciò che vuole ma la sostanza non cambia ….Franzini ha il merito di sfruttare le caratteristiche dei giocatori che ha …con metà squadra che proviene dalla D se nn ha fatto un miracolo con il sesto posto poco ci manca …

  • 19 Maggio 2017 in 20:32
    Permalink

    1200 miliardi di euro???? boooooooommmmmmmm!

  • 19 Maggio 2017 in 23:02
    Permalink

    Secondo me non avete letto bene: che abbiamo vinto coi soldi del monopoly lo scrivi su topolino, che per lui e la sua deontologia sarebbe già un successo

  • 19 Maggio 2017 in 23:09
    Permalink

    Il discorso non è che i parmigiani non hanno difetti ma non mi faccio prendere in giro da uno che ha visto le fatture pagate da ghirardi. Era già in agguato da Parma ancona apriamo gli occhi ogni tanto. Quelli che invece gli danno pure da lavorare su Parma meglio si vergognino proprio

  • 19 Maggio 2017 in 23:55
    Permalink

    Per Luca Russo : esilarante la battuta finale sulle milanesi e la rosea. complimenti.

    Schianchi mi sa che ormai si è ritagliato quel ruolo lì, di giornalista che è obbligato dall’editore a parlare del Parma perchè è parmigiano..magari lui vorrebbe essere il giornalista di punta di Milan e Inter ma i posti sono già occupati..

  • 20 Maggio 2017 in 09:01
    Permalink

    godo come un riccio quando vi dileggiate fra voi (giornalistai)…in questo mondo di ladri .

    risultato esatto Russo 1 Schianchi 0 palla al centro

  • 20 Maggio 2017 in 10:42
    Permalink

    ma allora non conosci i parmigiani schianchi ha solo fatto un quadro veritiero QUESTO PUNTO RUSSO leggiti l articolessa di SCHIROLI appena dopo il tuo pseudo articolo…..parma e piacenza sono solo diverse ebbene vedrai che ANCHE SCHIROLI fa lo stesso qauadro dei parmigiani di schianchi nella parte finale dell articolo …….allora diamo contro anche a schiroli ? o solo a schianchi ?

  • 20 Maggio 2017 in 10:43
    Permalink

    per me schianchi2 russo 2-0 schianchi scrive alla gazzetta dello sport russo bho ,

  • 20 Maggio 2017 in 10:44
    Permalink

    schiroli ha detto piu’ o meno le stesse cose di schianchi nell articolessa seguente dove si parla di parma e piacenza , russo metti all indice anche schiroli

  • 20 Maggio 2017 in 12:08
    Permalink

    Tra le perle del grande giornalista schianchi, ricordo un articolo a circa settembre 2014 (credo) in cui denunciava le fatture non pagate da ghirardi e poi la rettifica una settimana dopo, in cui chiedeva scusa per essersi fidato di fonti non attendibile e scriveva che non c’era problemi di insoluti nel parma di ghirardi………Mica male…….considerando che 6 mesi dopo siamo falliti…..

    A Tv Parma, quando al Parma c’era Taci, diceva che finalmente si sentiva parlare di piani industriali……

    Quest’anno a Teleducato dopo la partita colo Venezia dubitava della solidità economica del Parma……..( i 7 soci hanno già versato a inizio stagione i soldi (7 mln) a copertura della perdita attesa….quali altri soci fanno cosi….?????)

  • 20 Maggio 2017 in 20:23
    Permalink

    Schianchi è un cicisbeo narcisista, non mi piace. Sui parmigiani però non ha tutti i torti. Lo scrive con superbia e birignao (gli piace vedersi scrivere) ma siamo un po’ così.

  • 20 Maggio 2017 in 21:24
    Permalink

    E vero siamo un po Così con la puzzetta sotto il naso…ma Russo può scrivere quelli che ritiene giusto anke contro un collega più rinomato…d’altronde la storia calcistica e’ piena di alterchi fra giornalisti e che mi risulta Schiacci nn e’ intoccabile…anzi..un certo nervoso me lo ha fatto sempre venire con le sue apparizioni televisive a fare il sapientino e molte volte ha sbagliato.
    Ricordo dopo il crac Parmalat una sua apparizione televisiva davanti al tardini proclamare la scomparsa SICURA del Parma calcio come il Ravenna nella pallavolo….bene o male smentito….

  • 21 Maggio 2017 in 00:35
    Permalink

    si puo’ urlare contro schianchi ma debbo dire che spesso ha ragione d latronde non lavorerebbe alla gazzetta dello sport e sai quanti ci vorrebero lavorare , poi al contrario di quanto affermato da alcuni scrive del milan mica di lega pro …….e poi non penso che russo possa criticare alcun che come se un giocatore di 2 categoria parlasse male e criticasse uno di serie A ci sta per carita’ ma e’ ridicolo ma ridicolo non il giocatore di a ma quello di seconda categoria che critica

  • 21 Maggio 2017 in 00:45
    Permalink

    forse invece che sparare sui soliti noti schianchi ghirardi eccc che comunque sanno di calcio sarebbe meglio sparare su altri che quest anno hanno dimostrato ampiamnete di non sapere cosa sia il calcio spendendo un budjet doppio delle altre di lega pro e finendo a 10 punti e fuori a 7 giornate dalla fine dalla lotta per la b

I commenti sono chiusi.