MOONTALK #JurassicParm 27^ puntata / LA PALLA E’ ROTONDA, NON QUADRATA…

andrea concari(Andrea Concari) – La palla è rotonda… il derby del Tardini – Doveva essere il derby dell’Enza, certo,  ma nessuno se lo aspettava così bagnato. Derby bagnato, derby fortunato dicono? In effetti questo è stato il caso: in mezzo ad un Tardini diventato una piscina a causa di una sfortunata previsione meteo che non ha permesso di srotolare i teloni protettivi, uno tra i campi non sintetici migliore d’Italia ha destato non pochi problemi, facendo da scenario ad un’epica battaglia all’ultimo sangue tra Parma e Reggiana.

la palla è rotonda non quadrataUn derby che, come descritto nel titolo, ha ancora una volta decretato che la palla sia rotonda e non quadrata. Un derby che ha visto protagonista una grande prestazione agonistica e una grande volontà mentale del Parma che non si è abbattuto e, occasione dopo occasione, ha continuato a spingere contro una Reggiana che era “solo orgoglio”  fino a trovare il gol. Una partita particolarmente agonistica, maschia”, piena di falli, di fango, di passione; un contesto sportivo davvero di altri tempi che rimarrà a lungo ben impressa negli occhi di ciascun presente.

non era partita come altreUna vittoria che, come già detto nella scorsa puntata, rappresenta un risultato fondamentale – nasce quindi ora la curiosità di sapere cosa ne pensino coloro che ritenevano questa partita alla stregua di tutte le altre -. Abbiamo potuto assistere ad uno spettacolo fuori dal campo e ad uno spettacolo agonistico in campo, con un Parma finalmente ritornato a mettere in campo quella grinta che non gli si vedeva esprimere da ormai troppo tempo. Serviva proprio questa partita per ritrovarsi, per tornare ad avere fiducia nei propri mezzi, per ricucire il rapporto con i tifosi e per riscattarsi dopo un mese terribile.

condizione fisica okForma fisica vs testa vs capacità realizzativa – Un altro dato interessante è certamente quello relativo alla forma fisica dei ragazzi di D’Aversa. Durante questa prestazione, infatti, abbiamo potuto apprezzare i giocatori correre senza sosta sotto la pioggia, senza un accenno di crampi o di eccessiva stanchezza; certo la vittoria in questo senso aiuta, ma noi crediamo sia una semplice questione di testa e di motivazioni ritrovate.

Majo e i piccoli parmigiani – Leggendo i giornali, siamo rimasti perplessi in merito ad un articolo del “Resto del Carlino”, edizione reggiana, riportante un presunto accadimento riguardante alcuni majo slide carlinogiovani sostenitori del Parma, forse membri delle giovanili, che a fine partita avrebbero fatto il gesto del dito medio alzato ai tifosi della Reggiana in curva sud. Un gesto certamente poco sportivo, ma che reputiamo sia, tutto sommato, da accantonare come “birbonata” di ragazzi minorenni che ancora non hanno raggiunto la piena maturità e che, per altro, non hanno arrecato danno a nessuno con l’utilizzo – sicuramente poco appropriato – delle loro dita. Ben più gravi sono invece a nostro avviso i ripetuti tentativi, da parte di alcune frange Fort Parma resistepiù vivaci della tifoseria Reggiana, di sfondare il cancello che separa il campo dalla curva sud nel finale di partita e lungo i successivi venti minuti che sono seguiti. Un gesto sicuramente poco sportivo, al pari del coro “uccideteli!” intonato sempre verso il finale di gioco. Certo rimane che il gesto dei giovani sostenitori gialloblu sia stato maleducato e antisportivo – e se i soggetti fossero davvero giocatori delle giovanili del Parma sarebbero tenuti a comportarsi con la disciplina che si richiede in una squadra di livello – ma crediamo anche che sarebbe opportuno guardare prima tutti in casa propria, e poi forse accusare l’altro.

ape maiaAllo stesso modo, ritenere e descrivere la scelta di indossare la maglia gialloblu da parte del responsabile dell’ufficio stampa e comunicazione una “stonatura” risulta quantomeno fuori luogo. L’invito era infatti quello di indossare tutti la maglia crociata e, proprio come lui, tanti giornalisti hanno aderito a questa iniziativa. Niente di male visto che dopotutto, essendo rappresentante stampa del Parma e non essendo tenuto in nessun modo a mostrare neutralità, ha indossato, sotto la divisa di rappresentanza della squadra, la divisa di gioco di tale squadra, un derby quindi che continua anche sulla carta stampata, ma che dobbiamo dire non crediamo possa riservare più di qualche risata da parte degli interessati, primo tra questi proprio Gabriele Majo che a Radio Parma ha dimostrato sportività compiacendosi di essere tornato simpaticamente “agli onori delle cronache”.

Per concludere la parentesi Reggiana è tuttavia da sottolineare, con sportività, il grande applauso che questa tifoseria ha riservato alla propria squadra nonostante la sconfitta subita: un segno di attaccamento davvero molto bello. Un bel gesto di sport.

Top flop

Torna in occasione del derby la rubrica “top e flop”:

TOP

lucarelli migliore in campoLucarelli: Il capitano ha giocato la partita perfetta in questo derby, prestazione caratterizzata da un’incredibile intensità, una costante attenzione ed un continuo spronare i compagni a dare di più, il tutto unito alla grande volontà di essere sempre al centro dell’azione. Dai suoi piedi sono partite molte azioni gol ed è riuscito a guadagnare innumerevoli palloni. Domenica a nostro avviso il migliore in campo. Per il capitano si è trattato di una partita particolarmente sentita che voleva assolutamente giocare e di un posto nella storia del Parma, che già gli apparteneva, ma che ora risulta ancora maggiormente consolidato.

TopBaraye: è l’uomo del derby, anche Domenica “in gol” nonostante si sia giocato in un terreno pesante e a lui poco congeniale, è riuscito ad essere costantemente pericoloso. Questo fino al raggiungimento del meritato gol del vantaggio. Un giocatore che è un lusso per la Lega pro e che deve continuare così, e auspicabilmente con il Parma, per raggiungere grandi livelli

Munari: Grande prestazione anche da parte sua. Fornisce solidità, copertura alla difesa e tantissimo agonismo.

FLOP

flopScozzarella: Una prestazione opaca da parte sua quella di Domenica, diciamo l’ennesima di questa stagione in cui “scozzarèl” come urla spesso Sandro Piovani dalla tribuna, fatica a macinare gioco.

Mazzocchi:  Più che sul calciatore, abbiamo riserve sulla sostituzione: già schierare Mazzocchi come terzino non crediamo sia molto utile, se poi lo si fa anche giocare in un campo del genere, lui e la sua tencità sono “fritti in padella”. Sarebbe stato quindi meglio, a nostro avviso, puntare in questo caso si un altro elemento della rosa.(Noi diciamo Ricci).

Calaiò: Anche in questo caso non è una vera e propria insufficienza: il giocatore è costantemente pericoloso ma continua a sbagliare palle gol facilissime, avrà semplicemente bisogno di sbloccarsi. Andrea Concari

22 pensieri riguardo “MOONTALK #JurassicParm 27^ puntata / LA PALLA E’ ROTONDA, NON QUADRATA…

  • 11 Maggio 2017 in 10:39
    Permalink

    D’accordo in pieno su Mazzocchi. Giocatore inutile, pistapocce di proporzioni bibliche, fisicamente nullo nonostante l’età. Dal 14 agosto 2016 devo ancora vedere UNA azione iniziata e conclusa dal CR7 (nella sua testa viste le giocate che cerca) dei poveri in gradi di far male. Mi ricorda tale Ciaramitaro (o come si chiamava), uno dei pistapocce storici mai visti al Tardini.
    Per quanto riguarda la questione Cina che Via Mantova volutamente ignora (a cosa serve un giornalista poi me lo dovranno dire, ma ieri erano giustamente più importanti le pagelle in dialetto), penso sarà il primo e vero termometro da cui si capirà la reale serietà della discesa in campo degli imprenditori locali e soprattutto verrà fuori chi è intervenuto realmente con determinate volontà e chi invece ha fatto un’elemosina. In ogni caso per scacciare il pericolo Cina basterebbe un bell’articolo di Paolone Grossi sui rischi dell’operazione e ogni investitore si dematerializza di incanto.
    Domani cmq si saprà qualcosa.

    • 11 Maggio 2017 in 16:26
      Permalink

      Se dici Ciaramitaro però non puoi non citare Parravicini

      • 12 Maggio 2017 in 09:20
        Permalink

        (o ciaramitano come dicono i vecchi dei distinti).
        ciaramitaro… ditelo a luca ampollini…

  • 11 Maggio 2017 in 11:58
    Permalink

    Io spero di non vedere MAI nel play-off il duo Mazzocchi/Nunzella. Mi fanno innervosire solo a vederli correre (a vuoto).

    • 11 Maggio 2017 in 16:27
      Permalink

      No no, facciamo giocare Alex Sandro e Dani alves

  • 11 Maggio 2017 in 12:22
    Permalink

    Secondo me domenica Scozzarella ha fatto molto bene,anche lui era tra i piu penalizzati dal campo

  • 11 Maggio 2017 in 13:13
    Permalink

    Facile dare la colpa ai ragazzini allo stadio e NON solo

    Visto poi gli esempi ke vedono dai più grandi dai là

    • 11 Maggio 2017 in 16:29
      Permalink

      Come quando chiusero la curva della Juve per cori razzisti facendovi però accedere i bambini delle scuole calcio…e dopo questi ad ogni rinvio del portiere…ooooooo me*daaaa…. (che poi si fa presto a dar la colpa agli adulti…anche giocando a PES si sentiva lo stesso coro ahahhahaha)

  • 11 Maggio 2017 in 13:35
    Permalink

    Se la testa gira neanche le gambe girano. Erano solo un problema psicologico.

    • 11 Maggio 2017 in 16:45
      Permalink

      Esatto Luca.. Prima la testa e poi le gambe

  • 11 Maggio 2017 in 17:54
    Permalink

    Saluti.
    Per me il problema e’ tattico…il Parma utilizza quasi sempre la corsia sx per sfondare diventando monotono all’eccesso!
    Ma il ns mister non potrebbe spremere le meningi e cercare di inventarsi qualcosa????
    Potrei io? Per esempio Nocciolini non va ? Ci credo visto che lo spreme sulla dx avanti e indre’ lui e un centravanti di natura…Tempo per provare Scozzarella dietro le punte e nocciolini n9 e provare un 3412 o 4312 tanto per provare ce n’era di tempo ….ma mi sembra che siamo veramente monocorde speriamo non si paghi nei playoff.
    Ciao

    • 12 Maggio 2017 in 09:52
      Permalink

      Il parma usa la corsia di sx, per un motivo molto semplice, in quella di dx c’è un centrale difensivo adattato terzino. Non è questione di modulo, le squadre forti giocano tutte allo stesso modo e raramente cambiano in funzione di un avversario. Nocciolini dopo una stagione fantastica ma falcidiata dagli infortuni sta tirando il fiato, andrebbe fatto riposare. Il ruolo di esterno offensivo potrebbe essere interpretato in via del tutto eccezionale, volendo trascurare mazzocchi e edera, da giocatori come corapi, scaglia (che poi sarebbe il suo ruolo), e il superbimbo mastaj

  • 11 Maggio 2017 in 18:42
    Permalink

    Ah andrea, complimenti per la citazione by Linus

    • 11 Maggio 2017 in 19:36
      Permalink

      Grazie Luca! 🙂 conservo gelosamente la registrazione della puntata ! E’ stata davvero una bella sorpresa essere salutato su Radio Deejay!

  • 11 Maggio 2017 in 22:29
    Permalink

    Secondo me state facendo un pó di confusione… Ciaramitaro e Parravicini erano dei centrocampisti centrali, secondo me il pista poci che vi ricordavate, e lera un pista poci dabô lera GASBARRONI

    • 12 Maggio 2017 in 09:21
      Permalink

      pedros, toni calvo, zicu, reginaldo
      eccoli i pistapoci

      • 12 Maggio 2017 in 09:22
        Permalink

        mettiamoci anche ortega

        • 12 Maggio 2017 in 09:53
          Permalink

          Il grande Ariel, mi ricordo un suo gol in rovesciata.. meteora, come Muslimovitch

    • 12 Maggio 2017 in 09:28
      Permalink

      Gasbarroni:Un campionato passare a far la finta col destro e rientrare col sinistro.

  • 12 Maggio 2017 in 10:44
    Permalink

    Avete ragione scusate era Gasbarroni!Gasbarroni è colui che ispira Mazzocchi. Anche Ninis non era male come pistapoci

  • 12 Maggio 2017 in 10:45
    Permalink

    MI ha confuso il fatto che un pò si assomigliavano Gasbarroni e Ciaramitaro (fisicamente se non ricordo male intendo).

  • 12 Maggio 2017 in 18:40
    Permalink

    Dissento un pelo…le squadre forti nn cambiano modulo non in funzione di avversari diversi ma per cercare altre soluzioni vincenti..sto solo dicendo che facciamo fatica perché anche gli avversari hanno capito come fermarci…1 goal nelle ultime 5 partite….mamma!!! ..e solo per questo ripeto che non è un limite cambiare una tattica di gioco anzi..lo fanno chi non ha limiti e ultimamente da Apolloni (lanci lunghi o poco altro)e da d’aversa di gran bel gioco non se ne visto, ti pare?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI