PARMA E PIACENZA NON SONO RIVALI, SONO SOLO DIVERSE, di Riccardo Schiroli

schiroli-slide(Riccardo Schiroli) – Tra Parma e Piacenza ci sono 60 chilometri. In autostrada si fa in mezz’ora, a parte quelle 2 volte all’anno in cui l’autostrada è bloccata, i primi 1.000 camion che escono bloccano la via Emilia e se avete la bella idea di passare da Cremona e fare la bassa, rischiate di perdervi per sempre. Lo so bene, perché dal febbraio del 2000 al giugno del 2001 sono andato da Parma a Piacenza e ritorno. Avevo contribuito a fondare Teleducato Piacenza e ne ero un giovane (36 anni e un po’) direttore. Si può in alternativa dirla con Gabriele Majo: Teleducato mi aveva mandato “in esilio” da Parma.

fabrizio garilliIn quella stagione 2000-2001 il Piacenza dominò la Serie B e venne promosso in Serie A. Avevo soprannominato il Presidente Garilli “il Clinton della bassa” dopo che lui nel ritiro trentino aveva chiesto a un dirigente, indicandomi: “Ma quel ragazzo, è amico di qualche calciatore?”. Nicola Caccia (mi ricordo un accento pugliese, ma evidentemente mi ricordo male, visto che è campano di Castello a Cisterna) vinse la classifica dei cannonieri con 23 gol e mi fece diverse telefonate per avere il numero di una mia collaboratrice (che non gli diedi, non per osservare un codice etico, ma perché ero geloso…). Caccia e Sacchetti (attuale allenatore del Cagliari e membro della mia squadra di Fantacalcio) vennero trovati positivi al nandrolone. L’anno dopo Caccia si ritrovò riserva di Hubner. Oggi è nello staff tecnico del Milan. Erano bei tempi, calcisticamente parlando. Sia per il Piacenza che per il Parma. Ma i miei ricordi di questa sfida vanno ben più indietro nel tempo…

parma 72 73Il Parma vinse il girone A della Serie C 1972-1973 dopo il primo dei 2 storici spareggi di Vicenza. I crociati vinsero (2-0) contro l’Udinese. Delle 5 sconfitte patite quell’anno, una (1-0) arrivò il 22 aprile del 1973 a Piacenza. Fu la prima trasferta da tifoso della mia vita. Andai in pullman con mia madre e ricordo che il Piacenza segnò nei primi minuti di gioco e che il portiere del Parma Bertoni passò tutto il resto della partita a svolgere esercizi di riscaldamento al limite della sua area, tanto la palla non voleva saperne di avvicinarsi alla porta del Parma.
Quando iniziai a frequentare con costanza il Tardini, la curva nord ancora non esisteva. E gli Ultras del Parma si piazzavano più o meno sopra la bandierina del corner dove adesso libro_parma_calcio_zannoni_sorge la curva sud. Quando il Parma attaccava da quella parte, mi piazzavo nei dintorni anch’io (allora si poteva cambiare posto, tra un tempo e l’altro, come raccontato dal prof. Massimo Zannoni nel suo libro “Da una curva all’altra” e anche l’altra sera dal vivo alle ragazze della Femminile Crociata)  e avevo imparato che il Piacenza e lo Spezia erano le squadre amiche. Gemellaggio, diceva Stefano Secchi, che sarebbe diventato un top manager di Mc Donald’s (tra gli altri; l’ultima segnalazione che ho di lui è nelle risto botteghe Salsamenteria di Parma a Milano e Parigi) dopo aver invano tentato di diventare un direttore sportivo di calcio,  allora era il punto di riferimento di tutti noi. Di qualche anno più grande (io sono nato nel 1963, lui credo nel 1956), era un Ultras come piaceva a me: tifoso irriducibile, ma lontano dalla violenza.
StadioPiacenzaCredo sia stato lui a convincermi ad andare il 25 febbraio a Piacenza per seguire il derby con l’odiata cremonese.
Ricordo quando arrivai: “ma da Parma, in quanti venite a darci una mano?” e la mia risposta: “che io sappia, solo noi”. Eravamo in 4, ma uno era di Casalmaggiore e, astutamente, indossava una sciarpa della Cremonese (“Mondo è qui e ci riporta in B”, aveva tormentato per tutto il giorno). Il Piacenza vinse 3-0. Tornando a piedi dallo stadio della Galleana in stazione a piedi (non è lontano, ma nemmeno vicino: stando piacenza-stazionea Google Maps, poco più di 3 chilometri) ci fermammo in un bar e venimmo circondati da alcuni ultras del Piacenza. Ci apostrofarono minacciosi: “Siete di Cremona” e uno dei miei amici, coraggiosissimo, vendette il nostro compagno di Casalmaggiore, che si beccò un paio di ceffoni e perse la sciarpa (“l’aveva fatta mia mamma con le sue mani”). La settimana dopo, la vedemmo sventolare tra i piacentini venuti a ricambiare il favore per Parma-Reggiana. E a portare anche una certa sfiga, visto che il Parma perse 1-0. Non ricordo quando e nemmeno come mai il gemellaggio tra Parma e Piacenza terminò e sto cercando di scoprirlo. Magari sarà l’oggetto di un prossimo articolo.

avvocato corrado sforza foglianiCome ho già scritto sul mio blog, ricordo i primi 6 mesi del 2001 a Piacenza (il 30 giugno lasciai Teleducato per imbarcarmi nell’avventura di internet) come un periodo molto felice. Lavorare a Piacenza in quegli anni per un giornalista era molto più facile che non lavorare a Parma. Il vantaggio lo dava l’assenza di poteri forti. O meglio: la presenza di un solo potere forte. Parlo dell’Avvocato Corrado Sforza Fogliani, classe 1938 (quindi allora poco più che sessantenne), Cavaliere del Lavoro dal 2012, è stato Presidente della Banca di Piacenza per 40 anni ed è arrivato alla Vice Presidenza ABI. Era allora Presidente nazionale di Confedilizia e tutti mi dicevano “A Piacenza non si muove foglia che Sforza non voglia”. Una sera fui tra gli invitati a cena a casa sua (mi sono rimasti in mente i soffitti, nettamente più alti di quello della palestra dove praticavo educazione fisica al Liceo) per la presentazione del progetto PapaPaoloIII“Verdi, gentiluomo piacentino”. L’Avvocato mi guardò divertito quando feci notare che parte dei possedimenti di Verdi erano in quella che sarebbe diventata la Provincia di Piacenza, ma allora era tutto un Ducato. E la capitale era Parma. Sforza Fogliani mi disse che originariamente la capitale del Ducato era Piacenza e che la stessa Maria Luigia, in seguito ai moti del 1831, si rifugiò a Piacenza. Visto che tutti i colleghi mi stavano uccidendo con lo sguardo, lasciai perdere. Ma a distanza di 3 lustri, posso effettivamente confermare: il primo Duca di Parma (Pier Luigi Farnese, figlio di Alessandro Farnese, più noto nei libri di Storia come Papa Paolo Terzo) nel 1545 prese possesso del suo nuovo Regno a Parma, che non gli piacque e fece capitale Piacenza. Nel giro di 2 anni, era morto. Stando a Lorenzo Molossi: “il conte Anguissola entrò risoluto nella stanza ov’era il duca, a cui tante pugnalate si calarono sinché diè segno di vita”. L’esercito imperiale di Carlo Quinto occupò a quel punto Piacenza e l’intervento papale portò a una guerra Parma_nel_XVI_secoloche si concluse solo nel 1556. I Farnese hanno sempre governato il Ducato fedeli alla fazione guelfa (ovvero, quella che appoggiava il Papa) rispetto ai ghibellini imperiali, che da parte loro hanno sempre provato a invadere Piacenza. Questo fino a quando non c’è stato un cambio di prospettiva clamoroso: nel 1714 Elisabetta Farnese sposò Filippo, il primo Re di Spagna della dinastia Borbone. La Regina assicurò il Ducato al figlio Carlo di Borbone, che non era tanto interessato e cedette il tutto all’Imperatore Carlo Sesto d’Asburgo. Dopo la guerra di successione austriaca (1748) il Ducato uscì dall’influenza degli Asburgo e tornò a tutti gli effetti ai Borbone. Il Duca Filippo e il Primo Ministrpetitoto Guillaume du Tillot, grazie all’opera dell’architetto Petitot, diedero a Parma l’aspetto che ancora oggi (almeno, dal centro ai viali della prima circonvallazione) conserva. Era un Ducato filo francese e Parma ne era capitale, con onori e oneri. Si trattava di uno Stato di una certa rilevanza (375.000 abitanti), tanto che Napoleone (1808) lo incluse nella Prima Repubblica Francese suddividendolo in 3 distretti: Parma, Borgo San Donnino (attuale Fidenza) e Piacenza e si proclamò Presidente della Repubblica Italiana (buona parte dell’attuale Lombardia, Bologna, Ferrara e il Polesine e la Romagna).

maria luigiaNon c’è nessun indizio storico che la storia del Ducato sia alla base di una presunta rivalità tra le 2 città. Dopo gli anni felici di Maria Luigia (dal congresso di Vienna ai moti rivoluzionari del 1831) per la verità Piacenza fu per qualche decennio la zona tranquilla del Ducato, visto che a Parma era operativo (e repressivo) l’esercito austriaco, che aveva restaurato il potere dei Borbone dopo la morte di Maria Luigia (1847). Ma dopo l’insurrezione del 1848, Piacenza fu lesta ad accettare l’annessione al Piemonte e visse meno l’inevitabile ridimensionamento di importanza che Parma invece provò dopo che tutto il Ducato (1860) passò definitivamente al Regno di Sardegna. Piacenza risulta non a caso “primogenita” del Regno d’Italia.
parmapiacenzaPiacenza, insomma, non ha vissuto la grandeur da capitale di Parma. Ma nemmeno ne ha vissuto la decadenza. Ostentare non è un’abitudine dei nostri cugini piacentini, ma notoriamente è una delle caratteristiche per cui noi parmigiani siamo definiti (anche meritatamente, diciamolo) a Reggio Emilia bagoloni. Ad esempio, fino a che non ho vissuto l’avventura di Teleducato Piacenza non mi sono reso conto dell’importanza che hanno le industrie di lavorazione del pomodoro sul territorio e nemmeno della dimensione che ha il fenomeno ballo liscio nella provincia.
A ben pensarci, Parma e Piacenza non sono rivali. Sono solo diverse. Riccardo Schiroli

Stadio Tardini

Stadio Tardini

4 pensieri riguardo “PARMA E PIACENZA NON SONO RIVALI, SONO SOLO DIVERSE, di Riccardo Schiroli

  • 20 Maggio 2017 in 09:13
    Permalink

    Complimenti per l’articolo! Mi trova d’accordo sulla chiosa, io ho fatto per anni il rappresentante sia a Parma che a Piacenza e mi ritrovo molto nella sua analisi….
    Mi ricordo in particolare che mi trovavo da un cliente a PC il giorno in cui il nostro povero Parma venne venduto e ho saputo di Pietro Doka e della sua gioielleria…andai in perlustrazione e capii subito che il Ghiro l’aveva fatta grossa.

  • 20 Maggio 2017 in 10:15
    Permalink

    Sono piacentino e le faccio i complimenti per il suo articolo non solo ben scritto ma significativo per riportare il calcio ad una sana rivalita^ di campanile. Ottimo stile.

  • 20 Maggio 2017 in 21:36
    Permalink

    Il Piacenza e inferiore tecnicamente ma e molto veloce e corre molto il Parma in difesa dovrà usare il mestiere

  • 20 Maggio 2017 in 21:37
    Permalink

    Bell’articolo, con questo excursus storico tra calcio e antichità.
    P.s.: ha confuso Rastelli con Sacchetti 😉

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI