Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Pagelle, pareri, critiche, lettori, tifosi, opinionisti: e il calcio giocato dov’è?

copertina parmaland

mauro moroni morosky ritratto autore(Mauro “Morosky” Moroni) – Piacenza-Parma – La partita non mi è piaciuta (dal ns. quotidiano locale leggo di “buona prestazione dei gialloblu”, non sono d’accordo, ma rispetto la valutazione dell’inviato): in questi play off non aspettiamoci gare spettacolari, ma non solo dal Parma, anche dal resto dei “playoffanti”: gare chiuse, difensive, squadre attente a non subire reti e via discorrendo; anche gli altri risultati mi pare che siano in linea con ciò che è scaturito da Piacenza (non è una magra consolazione, bensì una constatazione dell’andazzo che, volendo, fa rima con Galeazzo!) Non pensavo di creare tanto scalpore, in qusta community, con le suddette valutazioni (ribadisco che sono sempre del tutto personali e non certo influenzabili a posteriori da alcuni commenti negativi ricevuti); se vogliamo parlare di calcio giocato eccomi: Parma-Piacenza non è stato un grande spettacolo, io mi aspettavo un Piacenza molto più battagliero ed aggressivo, che usasse il forcing ed il pressing a tutto campo per mettere in difficoltà i nostri, nostri che, a mio avviso, hanno usato volutamente questa tattica di gara (ciò che asseriscono poi gli addetti ai lavori serve per i giornali e per il fatto di dover dire qualcosa a tutti i costi), se vogliamo, attendista e tendente a non sprecare energie inutili. (Insisto nel ribadire che il concetto è assolutamente personale, un’opinione come tante altre, né più né meno: sarà anche una “caseda”, può essere, è la mia, ha una sua paternità ben nota e non trattasi di figlia di enne enne).

Dai Crociati non mi aspettavo una gara diversa, e per quale motivo?

Ricordiamoci sempre che il pareggio ci va bene, questo fino a stasera

Poi, rimaste solo 8 squadre, si vedrà che aria tira!

I lettori / tifosi possono contestare, criticare, fischiare, ma credo che, oggi, sia ancora presto per fare processi ed emettere sentenze: mi sembra di assistere ad un clima molto disfattista, ipercritico su tutti i fronti e questo, a posteriori, credo che non vada bene: non nascondo che il gioco ed i risultati non sono ottimali ma, il campionato è finito alla 38^ giornata con la sua sentenza inappellabile (anzi era finito un mese e mezzo prima), Venezia in Serie B; questo Parma è condannato a vincere così come lo sono Lecce ed Alessandria ma, credetemi, non è una roba facile !!

Io, in questa società ed in questa squadra ho fiducia, ancora molta fiducia , (nessuno è autolesionista, bisogna pure considerare che nello sport ci sono vinti e vincitori, gioie e delusioni): ad oggi il bilancio parziale è più NI che positivo, ma diamo loro atto e chance per il proseguimento del cammino anche se, a dire il vero, le premesse viste domenica sera non sono state tutte rosee; siamo tutti d’accordo che nelle gare contro le squadre di vertice del girone i Crociati hanno ben figurato? Mi riferisco a Venezia, Reggiana, Padova e Pordenone, Gubbio e Sambenedettese: può essere un problema legato a come gioca, di fatto, la squadra che hai contro? Io ricordo alcune “partitacce” nel girone di ritorno contro squadre chiuse ed aggressive che non mollando di un centimetro, correndo e “martellando” (in tutti i sensi), ci misero in grande difficoltà tattica, fisica e territoriale (Albinoleffe, Santarcangelo, Mantova, Forlì, Feralpi senza considerare coloro incontrati ad aprile, meglio non ricordare!).

La gara di Piacenza ha evidenziato le seguenti ulteriori lacune e criticità:

* 3/4 giocatori chiave (Calaiò, Nocciolini, Scozzarella, Scaglia) molto al di sotto della buona condizione psico fisica generale (non mi si chieda il perché, non ne conosco le motivazioni)

*  fonte di gioco: una volta marcato e circoscritto Scozzarella, l’azione ha grosse difficoltà nel ripartire, con esasperata lentezza e mancanza di idee / soluzioni offensive anche per il fatto che, attualmente, pochi si muovono senza palla andando a dettare il passaggio / soluzione al compagno:

*  a seguito dei punti precedenti ci si ritrova in attacco con evidenti difficoltà a creare palle gol pulite per mettere le punte in condizione di segnare;

perché non uscire da quel 4-3-3 optando per un più prudente, saggio e pratico 4-4-2 giocando con sole due punte ma con una vera ala veloce tale da poter mettere in difficoltà, sulla fascia, la difesa avversaria? Oppure con un centrocampo a rombo col trequartista, che potrebbe essere Corapi, lo stesso Scozzarella o… vedete voi!

Oggi come oggi Nocciolini è irriconoscibile, Calaiò sembra l’ombra di se stesso (non tira nemmeno più in porta, impegnato com’è a litigare con tutti!): si tenti ancora la carta Mazzocchi (pistapocci per Davide) o Edera sulla fascia destra per dare linfa nuova e fresca alla squadra, almeno si provi a cambiare qualcosa!

E’ evidente che qualcosa bisogna cambiare, uomini o sistemi, o entrambi, ma da questo impasse bisogna uscirne, soprattutto alla luce del fatto che, una volta superato questo turno, dopo bisognerà farsi su scarpe, calze, pantaloni e quant’altro!

Mi aspetto una gara di ritorno nella quale il Piacenza dovrà per forza tentare di far qualcosa per segnare, dovrà pertanto scoprirsi, aprire il campo e lasciare spazi e, visto che noi non siamo il Real Madrid (tale da poter dominare in lungo ed in largo qualsiasi avversario), immagino che i Crociati ripetano la gara di andata, cercando di colpire in contropiede senza sbilanciarsi più di tanto: questo è il calcio figlio del solo risultato a discapito di tutto, risultato da ottenere a prescindere da gioco, politiche gestionali, concetti, progetti e programmi: il risultato! Dapprima, di giornata e, a seguire, finale!

Il mio timore (non confermato né avvalorato da nessun supporto certificato) è che, nonostante i 15 giorni di “allenamento-riposo”, non ci sia una condizione fisica ancora brillante come dovrebbe essere: spero di sbagliarmi, vivamente, e spero che si continui a giocare in orari serali, tali da consentire miglior freschezza, sperema ben !

Ai tifosi lettori (ma pure ai lettori tifosi) “suggerisco” di proseguire ad esercitare il mestiere di tifosi, criticando e contestando con la giusta moderazione, e di continuare ad incitare la squadra anche nei momenti di difficoltà: siamo nel bel mezzo del gioco e, tra un po’, il medesimo si farà duro davvero: se davvero siamo una tifoseria da Serie A, dimostriamolo sugli spalti, dal primo al 95° minuto: oggi la realtà è questa, la società è questa così come la squadra, i tecnici ed i giocatori, non si può più cambiare nulla di ciò che è stato fatto e accaduto in precedenza: facciamo l’ultimo sforzo per questi colori, per la maglia visto che si parla sempre di quella, per la maglia, fino all’ultimo secondo dell’ultima partita: questa è una “mission” e non deve essere né sembrare “impossible”, Forza Parma Calcio 1913 tutti insieme (per i giudizi, i fischi e le critiche aspettiamo ancora un mese, ci sarà tempo…).

* Da “presunto servo della gleba” a leoni da tastiera*:

Queste erano e queste rimangono. Anche dopo Piacenza!!!  Io faccio le mie, voi fate le vostre!!!

*Gestione Società*                Voto 6,5

*Gestione Scala & C.*           Voto 5

*Gestione Faggiano D’Aversa*      Voto oggi 6

*Calciatori*        Voto oggi 6

*Curva Nord*   Voto oggi 6,5

*Cinesi*               Voto 5

*StadioTardini.it* Voto 6,5

Vorrei sottolineare che nelle mie pagelle, in due valutazioni importanti e fondamentali: (Faggiano / D’Aversa e calciatori), prima del giudizio numerico ho anteposto un “oggi” (oggi fine campionato, prima del play off): la valutazione finale avverrà dopo il 17 giugno p.v. : se non si arriverà a Firenze è evidente che non sarà valutazione positiva, mentre se si salirà in Serie B… lascio a voi trarre le conclusioni !

Per loro informazione, sigg. leoni da tastiera, prima di affibbiare appellativi agli sconosciuti, credo che bisognerebbe dapprima informarsi e, comunque, leggere bene, tutti, dico tutti, gli articoli da me scritti: il valore letterario, informativo e calcistico non sarà forse gran chè ma, vi assicuro che, quando c’è stato da “criticare” ( azione sempre molto difficile e complicata, dal di fuori e, a posteriori) il sottoscritto non si è mai tirato indietro:

Un piccolo riepilogo veloce veloce, così a memoria?

Agosto >>> Novembre

avanzai le mie remore circa il fatto di avere 3 portieri under, di cui nessuno con esperienza professionistica (un conto era la Serie D, un altro questa categoria decisamente più insidiosa);

valutazioni sul gruppo: fu scritto e commentato della disomogeneità della rosa: mancanza di un difensore, di 1 / 2 centrocampisti e, di contro, l’abbondanza di punte centrali;

della mancanza di gioco e di schemi si è detto ( non solo dal sottoscritto anche se, fino a quando la classifica ha sorriso, personalmente, visto che serve il solo risultato, me ne infischiavo);

della lacuna agonistica, di passo, di corsa, di gamba e di grinta, oltre che di preparazione fisica, penso di essermi stufato di scriverlo, di ripeterlo e di continuare a ribadirlo;

della mancato apporto tecnico e concreto di due degli acquisti più importanti e di peso: Canini ed Evacuo (che non hanno reso secondo le aspettative!)

Marzo >>> Aprile

In questo periodo la squadra ha iniziato ad incespicare, quasi come se fosse crollata fisicamente, di colpo: io ho sempre contestato la mancanza di corsa, di grinta, di coltello tra i denti perché, purtroppo,  in questa categoria, mi sono accorto che, anche se ti chiami Parma, gli altri (squadre e calciatori) non ti hanno nemmeno in nota: sanno che qui c’è stato un blasone (che ora non esiste più e forse non tornerà mai come un tempo!) , sanno che c’è stata storia, successi e trofei: di conseguenza, chiunque, viene a giocarsi la sua partita di orgoglio, di tostaggine, di forza fisica, di cattiveria agonistica ma pure, anche, di tecnica: e, tanti perfetti signor “sconosciuto qualsiasi” hanno fatto bella figura, hanno giocato, a volte vinto ed hanno dimostrato coraggio, carattere e palle (Cazzamalli insegna, non ultimo, ma pure Burrai, Proietti, Ferretti, Sereni, Mancuso, Garofalo e altri 3 o 4 del Feralpi);

il sottoscritto si è permesso di “esaltare” un giocatorino piccolo piccolo”, Ciccio Francesco Corapi (uno tra i tanti, o pochi) che ha gli attributi, corre, lotta, si impegna e non molla mai (e muto, silenzioso, sia da titolare prima sia da panchinaro poi) a diversità di altri che, seppur di nome e di background più altisonante, non hanno ancora dato l’idea di essersi calati nel contesto Lega Pro: potrei citare altri giocatori, meno appariscenti, meno quotati, forse non all’altezza dei presunti titolari ma, non meno dediti al sacrificio, alla lotta e al non mollare mai!

Questo per far capire a tutti coloro che mi leggono che non ho gli occhi bendati ed il gioco lo vedo pure io: oggi l’obiettivo è passare il turno, solo questo e nulla più;

su contesti di andata e ritorno, con due risultati su tre, la differenza reti nelle due gare non conta, passa la meglio piazzata in campionato, cosa volete che vi dica?

Certo, vero anche ciò che ha rilevato qualcuno: ma se capita un infortunio, un gollonzo, una svista arbitrale, un patatrac qualsiasi, becchiamo gol e ce ne andiamo a… Basilicanova !

Tutto vero ma, ribadisco che la gara espressa a Piacenza, a mio avviso è stata volutamente tattica (nell’intervista di Lucarelli, non proprio l’ultimo degli “scacciacani”, mi pare evidente il concetto da me sostenuto; poi, che D’Aversa abbia detto altre cose, a me non importa, un conto sono i fatti, un altro ciò che si può o deve dichiarare alla stampa ed alla piazza).

Il sottolineare che anche le altre cosiddette big non hanno fatto sfracelli, in trasferta, al primo turno (Alessandria e Lecce fermate sul pari,  e Matera che ha pure perso a Cosenza ) mi pare segno di equilibrio generale: nessuno ha sbragato partite con 4/5 gol, probabilmente tutte coloro in trasferta, forti del doppio risultato e, solo sulla carta, della loro manifesta superiorità, hanno condotto gare di attesa senza sbottonarsi troppo né buttare vie energie: questo continua ad essere il mio parere; poi si può anche non essere d’accordo, ci mancherebbe altro!

Ed è certo che se così fosse stato, il tecnico non ce lo viene certamente a dichiarare !!!

Tornando ai giudizi puramente numerici mi piacerebbe aprire un sondaggio su una vasta campionatura di tifosi: la società, premettendo la giovane età, la mancanza di esperienza e le conseguenti criticità riscontrate nel percorso, ha operato bene o male ?

Cosa dovevano fare oltre a tirare fuori i soldi?

Come Zamparini ? Come Lotito ? Come Preziosi ? Come Tacopina ? Come Mike Piazza ?

Oppure come i presidenti di Alessandria e Lecce ?

O forse come Parmalat oppure Ghirardi ?

Un’ultima nota: qualcuno ha invocato un certo tipo di atteggiamento, una “linea dura verso i giocatori”, citando gli esempi di Foggia e Taranto: non sono state richieste sassaiole, maniere forti né atti tepp-vandalistici, ma, andare a prendere questo tipo di esempio non mi sembra il massimo della civiltà: io preferisco un altro tipo di “penalità”, la prima è quella della sanzione economica, del ritiro ad oltranza e pure del fare sentire il legno della panchina!

Mi si contesterà quello della sanzione economica immagino: ammonizione per proteste 10.000 euro, parla solo il Capitano e gli altri vadano a bere in panchina nel frattempo!

In campo si gioca, si corre, si prendono botte e se ne danno, così come epiteti, offese e provocazioni: fa parte del gioco ma, guarda caso, sono sempre gli stessi a fare gli attaccabrighe, a fare i superiori / “sborroni” e a complicarsi la vita, a se stessi ed alla squadra.

Per chiudere: ognuno è libero di esprimere le proprie idee, dissensi, pareri favorevoli e contrari ma, sempre con moderata educazione e bon ton, grazie.

P.s. un caro saluto a una tifosa doc, Daria52, con stima, simpatia e affetto .

Dai Campetti di Via Zarotto,

vi saluto cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

tabella

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

47 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / Pagelle, pareri, critiche, lettori, tifosi, opinionisti: e il calcio giocato dov’è?

  • 24 Maggio 2017 in 07:40
    Permalink

    Vedo che la tecnica di scrivere un concetto e poi offendere preventivamente chi potenzialmente la pensa diversamente denigrandolo sta prendendo piede.
    Di sicuro una tecnica narrativa innovativa.
    Gran classe.

  • 24 Maggio 2017 in 08:18
    Permalink

    Mauro purtroppo vedo che sei molto sicuro di arrivare almeno nelle 8, ti ricordo che con questo tipo di atteggiamento (per il quale ci basta il pareggio) se come già capitato prendiamo goal a metà del secondo tempo ti garantisco che il parma non recupera piu’…..

    • 24 Maggio 2017 in 14:06
      Permalink

      Quoto in pieno.

      Se si è più forti si DEVE vincere.

  • 24 Maggio 2017 in 08:54
    Permalink

    SANDRO M.

    Come sempre, prima di parlare, bisognerebbe conoscere e aver letto tutto..altrimenti, se si perdono dei passi,non si riesce ad afferrare il nesso ed il concetto..

    IO NON HO OFFESO NESSUNO, NE’ PREVENTIVAMENTE NE’ IN SEGUITO…QUESTO SIA CHIARO…

    mi pare di avere sempre scritto con moderazione, equilibrio ed educazione..

    a me non importa se gli altri la pensano in modo contrario..
    non mi piacciono gli epiteti, gli insulti e le offese pesonali non richieste ..

    PUNTO …questo vale per tutti ..perchè,
    lo ricordo per l’ennesima volta, io, come tanti , scrivo il mio pensiero secondo il mio modo di vedere ( senza la pretesa di avere la ricetta della vita, nè del calcio, in tasca ) ma, con una piccola differenza..

    ci metto nome e cognome e pure la “ghigna!, la faccia..

    criticare, anche aspramente, forse sarà lecito…
    metteteci nome e cognome
    leoni da tastiera…

    poi ne parliamo ..

    ricordo a tutti che CRITICARE L’OPERATO ALTRUI , a posteriori, è sempre molto facile, noi siamo o saremmo stati sicuramente + bravi, migliori…O NO ?

    SPERO CHE IL PARMA ARRIVI A FIRENZE …
    a proposito, i bookmalers lo danno vincente i play off ….a 5
    mentre Alessandria, Lecce e Matera sono a 6..

    i gestori che definiscono le quote non sono proprio gli ultimi arrivati..
    ma, in tutti i casi, ..TUTTI LIBERI DI PENSARLA IN ALTRO MODO..

    ricordo solo …educazione e rispetto….
    sui social, anonimamente, è facile fare gli sboroni….
    nella realtà un pò meno …vero ??

  • 24 Maggio 2017 in 09:11
    Permalink

    RISPETTO ..
    come sempre…ognuno ha le proprie convinzioni ..
    io ci credo …poi magari potrei venire smentito ma, a mio avviso, questa squadra ha il suo valore ( espresso sole in poche partite..importanti o meno…non so se conta )
    valore per andare avanti…

    io dico una roba..
    ALESSANDRIA ..è partita coi favori del pronostico, ha speso, ingaggiato giocatori, veniva dal campionato scorso, dalla Coppa Italia col Milan ..ha stradominato il suo girone poi, ad un mese dalla ffine ha dilapidato il capitale….
    e, alla penultima giornata, in casa della Lupa Roma, penultima i n classifica, NON HA VINTO, pur essendo stata in vantaggio ( nel frattempo la Cremonese perdeva a Livorno )
    cosa dovrebbero fare costoro ??

    il Parma, con tutti gli errori, le scelte, gli sbagli, nessuno escluso, chi c’era prima, chi c’è adesso, i giocatori, io, te, gli steward…
    ha trovato un Venezia che, una volta arrivato in vetta, non ha mai + mollato di un cm..

    L’UNICA COSA CHE MI DA FASTIDIO E’ ….che mi sembra che, certuni, godano nel fatto di potere criticare….condannare…
    un gruppo di lavoro ( dalla società alla impresa di pulizie ) …che , ad oggi, è in corsa per…
    certo, se non vinceranno …ci saranno cose da rivedere…
    da cambiare, si faranno processi….
    noi non siamo mai stati la JUVENTUS della Lega Pro..
    non abbiamo mai preso ed ammazzato nessun campionato..

    l’errore, forse, è stato l’aver creato e l’aver avuto MOLTE, TROPPE ASPETTATIVE DI SUCCESSO DIRETTO…

    ed io NON STO DIFENDENDO NESSUNO …dai 7 SOCI IN GIU’ …
    non hanno bisogno dei miei nè dei nostri consigli..
    ..
    inesperienza,
    errate valutazioni,
    scelte,
    contrarieà,
    infortuni,
    una serie di cose, non favorevoli, oltre agli errori umani ..( di tutti )

    ed oggi siamo qui…PUNTO

    che ti devo dire ?

    ciao …

  • 24 Maggio 2017 in 09:35
    Permalink

    Mauro sono pienamente d’accordo con quello che dici, le mia era solo un parentesi per ricordare che il parma (l’ultimo parma) soprattutto in casa ha fatto un enorme fatica contro tutti e la mia paura è che questa squadra se perde l’autostima si sciolga come il ghiaccio… poi spero come te di arrivare a Firenze e esultare tutti insieme….. ma sono molto preoccupato per stasera…..

  • 24 Maggio 2017 in 09:49
    Permalink

    Negli ultimi giorni mi ha colpito leggere che si critica prima perchè dopo (intendendo da eliminati) è troppo facile: è un concetto che generalmente condivido ma non in questo caso. La critica va bene se costruttiva,se c’è margine per correggere o rimediare.
    Ora i giocatori sono questi, a mio parere come pubblico bisogna solo spingerli il piu possibile. Anche le parole di ieri del tecnico, accusato di essere permaloso o di pararsi il culo, credo andassero in questa direzione, cosi come la difesa ad oltranza di un giocatore – scozzarella – bravo ed importante ma in difficoltà. L’allenatore è questo che deve fare, pungolare i suoi ma difenderli dall’esterno.
    Per il resto non sono favorevole ad un cambio di modulo, perlomeno dall’inizio, mentre fisicamente a piacenza ho visto una squadra che non ha sfigurato rispetto al suo avversario. I giocatori citati come in condizioni non ottimali hanno giocato quasi sempre e ci sta, non saprei dire se è meglio insistere o alternare qualcuno ma in termini di preparazione avevano spiegato che nella piccola pausa era impossibile caricare ma solo lavorare sulla brillantezza.
    Io francamente sono deluso dall’ambiente, non c’è mai entusiasmo, solo pretese. Si era parlato di obiettivo serie b in 3 anni, si è fatto di tutto per giocarsela al secondo, gli errori erano prevedibili per una società nuova. Non deve essere bello investire per chi sa solo lamentarsi, per costoro andava bene manenti

    • 24 Maggio 2017 in 13:55
      Permalink

      quoto totalmente il tuo commento…
      mi sarebbe piaciuto salire subito in b…ma non è stato possibile e non bisogna farsene un cruccio…anzi chi di dovere saprà cosa fare per migliorare la rosa…
      non mi piacciono i rinnovi di Giorgino e Mazzocchi ma probabilmente saranno utilizzati come pedine di scambio per altri giocatori…cosi come altri in rosa…
      …vedremo come sarà…

  • 24 Maggio 2017 in 10:54
    Permalink

    GABRIELE ti ammiro, ti capisco e ti quoto !!

    PERSONALMENTE NON RIESCO A CRITICARE QUESTA
    SOCIETA’ E nemmeno questa SQUADRA…

    non riesco nè riusciro mai, non volendolo, a fischiare !

    Il mio dissenso preferisco dimostrarlo col silenzio
    magari col non andare allo stadio…ma, criticare giusto per criticare, a me personalmente, non va, non mi piace e non è nel mio modo di vedere le cose.
    IL MIO, NON QUELLO DEGLI ALTRI …
    vedo sempre che continuiamo ad essere 60 milioni di commissari tecnici e allenatori, dalla nazionale alla lega pro..anzi alla serie D
    tutti noi, me compreso, nessuno escluso..

    vorrei ricordare che qui, in questo anno e campionato, ci sono in ballo notevoli ed importanti interessi economici, soldi investiti , da qualcun altro…( spero non buttati via ) e tante altre situazioni collaterali:

    lo spettacolo ed il bel gioco si è visto a sprazzi in sole 8 / 9 partite..
    ..
    ribadisco che ..
    OGGI NON SI PUO’ CAMBIARE NULLA
    SOCIETA’, SQUADRA, STAFF, GIOCATORI…SONO QUESTI

    quindi bisogna solo essere realisti, inutile rivangare gigi, nevio, minotti, o robe già passate…
    OGGI E’ DAVANTI A NOI ..A LORO

    condizione fisica, impegno, grinta e voglia di dimostrare il proprio ( preunto e supposto ) valore….
    questo è quanto serve…
    in un clima normale…

    io sono pienamente convinto che, dai quarti di finale , la musica cambierà, si, troveremo squadre + forti ed agguerrite …
    …che attaccheranno…che ci aggrediranno….
    ma si presteranno anche a giocate di infilata …

    le partite si possono vincere in tanti modi…

    io, la mia, la voglio vincere con la passione, il tifo, l’incitamento ed il rispetto ( anche se il mister sbaglia un cambio, se Calaiò non segna un rigore o se Frattali fa una gatta )
    ..
    ..

    • 24 Maggio 2017 in 16:22
      Permalink

      Grazie, contraccambio.

  • 24 Maggio 2017 in 10:56
    Permalink

    Non mi piace fare il disfattista e non lo farò, anzi, ci credo fino in fondo, almeno finche saremo in ballo per i play off.
    Le critiche ci devono però essere, in primis per dare senso a questo blog. Che senso avrebbe Stadiotardini senza le opinioni diverse e disparate dei tifosi? Non si può aprire un blog, raccogliere le opinioni dei tifosi ed appassionati e poi lamentarsi per queste.
    In secundis le critiche servono per crescere, capire gli errori e migliorarsi.
    Pertanto al di la degli atteggiamenti disfattisti, mi sembra chiarissimo che leggendo le varie opinioni, critiche etc… emerge nettamente che la nostra squadra gioca malissimo, pur considerando il livell otecnico della serie C.
    Abbiamo una squadra costruita con 8 milioni, con ingaggi da serie superiore. Dovremmo stravincere ma non andiamo oltre scialbi pareggi con squadre che valgono 10 volte di meno (almeno sul piano dei soldi ed ingaggi) o sconfitte ridicole ed imbarazzanti con le ultime della classifica, solo perchè queste mettono un pizzico di cattiveria ed agonismo in più nelle partite che giocano.
    Non c’è gioco e non c’è atteggiamento.
    Fanno inoltre incavolare le dichiarazioni di mister ed alcuni giocatori, che millantano cattiveria, impegno e cambio di mentalità.
    Questo da almeno 3 mesi, ma ogni partita la musica non cambia.
    Si trotterella in campo, giropalla lento e lanci telefonati, che fanno sembrare i difensori avversari da “carcaserci” come sono, dei Chiellini…
    Ed in tutto ciò chi è il responsabile di ciò? Il mister, che gioca peggio di Apolloni (questo è oggettivo, incontestabile).
    Pertanto o il mister si inventa qualcosa in queste ultime partite oppure l’anno prossimo avremo almeno il piacere di non vederlo più in panchina e soprattutto sentirlo nelle sue inutili scontate e strafottenti conferenze stampa.
    Per cortesia, Crespo e Faggiano, preparate gli scarponi chiodati da ghiaccio e fra un mese dategli un bel calcio nel didietro e rimandatelo a Lanciano!!!!!
    Per il resto, HERNAN e DANIELE, cominciate a contattare Guidolin. Costi quel che costi. Meglio spendere 500.000 euro per Gudolin, che 8 milioni per giocatori che passeggiano in campo e perdono contro l’Ancona.
    Dico 500.000 tanto per dire, ma non credo che Guidolin sia uno attaccato ai soldi, e a fronte di un progetto tecnico questa volta serio (cinesi o non cinesi) a parma verrebbe volentieri, e tutti sappiamo di cosa è capace. In primis le sue doti e caratteristiche umane.
    Il ritorno di Donadoni sarebbe un sogno, forse troppo grande.
    Pertanto comunque vadano questi play off, e spero vivamente di vincerli, l’anno prossimo prendiamo un mister serio ed all’altezza.

    • 24 Maggio 2017 in 18:35
      Permalink

      500 mila euro guidolin? See..prende più di un milione netto all’anno e x quanto gli piaccia Parma non si abbasserà lo stipendio di.metà..

  • 24 Maggio 2017 in 11:09
    Permalink

    Aggiungo in maniera propositiva, di abbandonare il 4-3-3, schema che solo D’Aversa è riuscito a rendere noioso, per un 4-3-2-1
    No Corapi o Scozzarella che tanto non servono a nulla (vedi le ultime partite!) ma rilanciamo giorgino per dare più solidità a centrocampo e difesa
    Frattali
    Iacoponi Saporetti Di Cesare Scaglia
    Munari Giorgino Scavone
    Baraye Calaiò (Mazzocchi)
    Nocciolini (Edera o Sinigaglia)

    I mantra dovranno essere:
    – squadra corta, Calaiò e Baraye molto vicini ai 3 di centrocampo a correre molto. Devono prendere la palla a centrocampo e verticalizzare immediatamente. Correre, saltare eventualmente l’avversario, ad arrivare nei pressi dell’area. Possono poi dialogare fra di loro, servire Nocciolini (alla Higuain) oppure aprire sulle fasce ed innescare le catene laterali (Scaglia – Scavone o Iacoponi Munari) oppure servire per inserimenti o colpi di testa di Scavone e Munari che si inseriranno
    – Nocciolini deve terere il baricentro alto.
    – In fase di non possesso, quando attaccano gli avversari Calaiò e Nocciolini alla nostre 3/4, a ridosso del cerchio di centrocampo, per favorire le ripartenze
    – Scavone e Munari devono sovrapporsi sia in attacco che in difesa (soprattutto per la loro fisicità ed abilità di testa)
    – Giorgino a Rompere il gioco avversario, al centro davanti alla difesa, poi subito palla a Baraye o Calaiò

  • 24 Maggio 2017 in 11:27
    Permalink

    Giusto, almeno qualcuno propone delle cose…
    cerca delle soluzioni..
    l’immobilismo non porta a nulla..
    ..
    se non va in un modo ..si cambia… ci si gira intorno ma..qualcosa si deve cambiare…
    ..
    quando serve bisogna osare..

    ma, credimi, Lukfur, nessuno è autolesionista …
    lo sanno tutti che se non si vincerà..
    qualcun altro cambierà qualcosa..
    sarà costretto a cambiare…

    .. ma questo fa parte delle esperienze,
    dei progetti, dei programmi che ,,,non sempre riescono al primo tentativo..
    ..
    la tua bozza di formazione è un idea, la tua ..
    io non la condivido ma la apprezzo come idea propositiva, come qualcosa che vuole uscire dalla staticità delle cose…

    conoscendo le idee del mister …non farà mai giocare Giorgino tenendo sia Scozzarella sia Corapi in panchina …non succederà mai…

    poi, qui su, i codini non piacciono, i Nunzella neppure, i Corapi nemmeno, tutti palati sopraffini che forse, hanno dimenticato che siamo in terza serie ..e non in finale a Cardiff….

    ..però, ripeto, la tua è un idea…
    tale da poter essere presa in considerazione
    non è il vangelo ma nemmeno una cazzata
    è il tuo parere …
    appoggio l’iniziativa…
    ma noi…purtroppo ..non avremo mai la controprova o le controprove…

    sia che si vada ai quarti sia che..si possa anche uscire col Piacenza ..( tutto è possibile ) ma questo non è l’anno dei miracoli …
    e Lourdes era chiuso per restauri ..

    • 24 Maggio 2017 in 15:19
      Permalink

      Grazie Morosky per l’incoragiamento. Parto semplicemente dalla constatazione, ormai oggettiva, che le cose così non vanno. Cambiare allenatore adesso non avrebbe senso, pertanto proverei a cambiare formazione e schemi, magari qualcosa si azzecca.
      Proverei in alternativa anche Baraye “falso nueve” alla Cassano, appena dietro le 2 punte, per sfruttare meglio le sue doti di dribling e velocità.
      Che ne pensi?

      P.S. ma Corapi porta il codino? A me non sembra http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

  • 24 Maggio 2017 in 12:09
    Permalink

    Oggi sono molto in ..penna,
    HO VOGLIA DI GIOCARE, RIDERE E SCHERZARE ,,,in questo clima da funerale anticipato del Parma

    – se il Piacenza farà il bravo stasera finisce ancora 0-0
    – se decide di attaccare a testa bassa da subito perderà 2-0
    – se, come probabile, attaccherà nell’ultima mezz’ora, soffriremo un pò ma…ai quarti andiamo noi…

    – se passa ai quarti il Piacenza corro subito ad iscrivermi a Coverciano per ottenere il patentino di allenatore ( come vice vorrei NICO , anzi..faccio io il vice, col patentino, e lui fa la tattica ..io porto la sacca coi palloni, le pettorine e faccio il torello coi ragazzi )

    nel sorteggio di domani vedrei bene questi accoppiamenti..così ci togliamo subito il dente :

    ALBINOLEFFE – ALESSANDRIA
    PARMA – LECCE
    LIVORNO – MATERA
    GIANA ERMINO – JUVE STABIA

    alle semifinali non ho ancora pensato: dobbiamo ancora passare questo turno e …meglio aspettare qualche giorno vero ??

    Certo che CAZZAMALLI non avrà mai avuto così tanta visibilità e cronache ..come in questi giorni ..ad ogni modo io…alcuni giocatori per il prossimo anno ve li segnalo …

    per quale categoria ??
    fate voi !!

    BURRAI CATTANEO ( pordenone )
    DETTORI ( padova )
    SALIFU ( mantova )
    FERRETTI SETTEMBRINI BRACALETTI ( feralpi )
    PROIETTI( bassano )
    GLIOZZI ( sud tirol )
    FERRETTI ( gubbio )
    GAROFALO ( venezia )
    MANCUSO ( sambenedettese )
    SERENI ( forlì )

    difensori e portieri vanno bene i nostri

  • 24 Maggio 2017 in 12:15
    Permalink

    Qualcuno ha le credenziali per proporsi come Direttore Sportivo ?
    Allenatore ?

    Direttore Generale ?

    informatore passa notizie da esternare al Responsabile dell’Ufficio Stampa e Comunicazione ?

    eh si..anche la comunicazione ha la propria, rilevante, importanza…
    non parlare a vanvera, non parlare troppo,
    non svegliare il can che dorme, non cercare freddo per il letto
    trovare sempre storie nuove ..
    ma soprattutto trovare sempre a chi dare la colpa …

    ah, dimenticavo, è vacante pure il ruolo di Presidente, anzi, la carica…

    però bisogna andare a Collecchio due volte la settimana, guardare le partite dei crociati, non essere proprietari di aziende agricole nè di aspirare a guidare il trattore..

    non bisogna essere fumatori, nè coltivatori di prodotti biologici,
    ..
    che altro ?

  • 24 Maggio 2017 in 12:32
    Permalink

    Trovo curioso che frsnzini dia stato intervistato sl relegono da tekeducato e tv parma a due giorni dalla partita e la prima volta che vefo una cosa simile.lefa onore come uomo e disponibilita.

  • 24 Maggio 2017 in 12:43
    Permalink

    MORRONI ALLA FINE SEI ARRIVATO CON I LEONI DA TASTIERA caro morosky alla fine leggi il tuo pezzo e le critiche non le risparmi neppure tu se i toni sono diversi la sostanza non cambia , tu parli di correre di piu noi attregiamento sbagliato che sembra che giocano con sufficienza ma alla fine ripeti piu volte che la partita non ti e piaciuta che non sei riamsto soddisfatto !!! per cui hai la ns stessa opinione poi tu addirittura fai disquisizioni tattiche che noi leoni non ci permettiamo neppure !!! oltre alle scommesse ti appelli al lotto citi numeri 442 anziche 433 e chi piu ne ha piu n metta ma alla fine cosa vuol dire che pensi che cosi come e’ messa in campo non va bene per cui ? e’ una critica lo capisci ?per cui in modo meno larvato critichi come hai criticato in passato hai fatto un lungo elenco delle tue critiche del passato e allora ti domando chi ti dice che quando le facevi erano i tempi giusti ? era finito il campionato ? no e allora ? qaundo le fanno gli altri non vanno bene ? se tutti la pensassimo allo stesso modo che senso avrebbe scrivere qui ? lo capisci che il sale e anche l opione differente ? sempre con educazione naturalmente Ma alla fine tutti vogliamo il bene del parma e al momento la pensiamo uguale non ci soddisfa ma speriamo sempre che qualcosa cambi ma ormai e troppo tempo che aspettiamo anche perche l unica cosa che chiediamo e un attegiamento diverso tutto li per il resto io credo che vincera il parma ma solo se si danno una mossa

  • 24 Maggio 2017 in 12:56
    Permalink

    caro moroni non giocare sul dicorso delle pressioni perche’ se leggi bene nessuno a preso come esempio positivo foggia taranto o anche pisa (chiedi a morrone ) parma non e’ una citta vilenta e non lo sara mai nemmeno i tifosi ma ricordati anche in passato in serie A piu di un opinionista si domandava se il clima troppo tranquillo della provincia non potesse essere un limite per le ambizioni calcistiche infatti e io la penso cosi no alla violenza ma un po di sana pressione non fa male in tutte le cose della vita da andrenalina che chiedilo agli sportivi estremi e quella che ti salva la vita la paura lo stress tiene tutto al massimo livello !!! e a noi potrebbe salvare il campionato … troppa rilassatezza alla fine e nociva vedi d aversa si e aarabiato pero’ inizia a rispondere su COLY dop 8 mesi inizia a dare giustificazioni cosa vuol dire che anche lui sente un po di fuoco sotto il culo e non gli fara male ……cosi anche ai giocatori ultima cosa no violenza si chiaro !!! ma per la cronaca il pisa fu contestato dopo la fine del campionato duramente e si sveglio e vinse i play off il foggia dopo gli schiaffoni sul pulman da li inizio a vincere e non smise piu vinse la coppa italia e quest anno il campionato !!! solo per la cronaca

    • 24 Maggio 2017 in 14:09
      Permalink

      Se non si regge la pressione non si potrà mai vincere!

      Ci sono partite in cui la pressione vien da sè (come ad esempio in un playoff)…

      baaaaaaah non mi piace

  • 24 Maggio 2017 in 12:59
    Permalink

    E’ scontato e logico che tutti miriamo ad una cosa: Vincere ed andare in B

    Molto tempo fa dissi che questa squadra era fragile e forte nello stesso tempo.. argomentando civilmente il MIO pensiero.. ed infatti il suo cammino in questo campionato mi ha dato ragione.

    Io come tutti sono SUPER contento quando si vince, anche se si gioca male o poco bene.
    Però posso essere contento del risultato ma non del gioco, o non si può?

    Ritengo che come tifoso ed appassionato di calcio sia mio diritto criticare o meglio fare osservazioni su quello che secondo me continua a non funzionare. Altrimenti cosa si viene qui in questo blog a fare? Si parla di quello che si vede, di quello che non ci piace, di quello che ci piacerebbe.. cosa ci sarà di male non l’ho capito.

    Se assistiamo ad uno spettacolo risulta spontaneo alla fine dire se ci è piaciuto o no.. in ogni campo. Se vado al cinema per esempio, e non mi piace il film lo dico e basta.. perchè mai dovrei dire il contrario? Per non offendere il regista? perchè tanto non ci posso mettere mano e cambiarlo? O non dovrei dire niente visto che ho pagato il biglietto?

    Dire che D’Aversa mi ha deluso, che mi aspettavo ben altro soprattutto da lui e da una squadra così potenziata a gennaio, è un peccato mortale? Che influenza ha se lo dico? Irrita D’Aversa? Mi rende meno tifoso? Mi rende uno che vuole male alla sua squadra?..Ma scherziamo?

    Cosa sia questa premura di tacitare le critiche, o etichettare chi critica come non veri tifosi o disfattisti, o menagrami, o incompetenti o ingrati, o presuntuosi, non la capisco.

    Cito: CRITICA: «Termine con cui s’indica in primo luogo la facoltà intellettuale che rende capaci di esaminare e valutare gli uomini nel loro operato e il risultato o i risultati della loro attività per scegliere, selezionare, distinguere il vero dal falso, il certo dal probabile, il bello dal meno bello o dal brutto, il buono dal cattivo o dal meno buono, ecc. Il termine indica quindi anche il complesso delle indagini volte a conoscere e a valutare, sulla base di teorie e metodologie diverse, i vari elementi che consentono la formulazione di giudizi».

    La Società fa la Società, l’allenatore fa l’allenatore, i giocatori fanno i giocatori e io faccio il tifoso.
    tutte cose che vanno e vengono.. l’unica cosa che resta sempre la stessa per tutti noi è il PARMA.

    Una osservazione a margine.. proprio qui si è detto persino che i giocatori sono dei lavativi, un’offesa infame, e adesso le stesse persone che lo hanno detto, si mostrano scandalizzate dalle critiche .. incomprensibile davvero..

    una cosa è strana però .. dei giocatori si è detto di tutto, e si continua a dire di tutto, ma guai a parlare delle responsabilità dell’allenatore..

    Poi speriamo di vincere che è l’unica cosa che mi interessa.

  • 24 Maggio 2017 in 13:06
    Permalink

    CARO MORONI noto anche sei meno perentorio nei voti prima erano assoluti adesso hai aggiunto furbescamente PER ORA , alla fine ti sei avvicianto ai cinesi …..in ogni caso ti faccio notare che partiamo da livelli diversi ma stiamo facendo lo stesso percorso anch io ho detto se vincono play off 10 lode se non li vincono 4 e penso che sara anche i tuoi voti molto simili per cui vedi alla fine le due parallele si incontreranno anche se in matematica non e possibile .
    io parto dal 5 alla scoieta’ 5 secco perche’ ti ho gia spiegato la scoieta ha come modus operandi la DELEGA ovvero io non entro nel merito calcistico ma scelgo un uomo di ficucia ebbene hanno scazzato la scelta piu importante e unica di affidarsi a minotti scala e apolloni !!! abbi pazienza ragiona se dai 5 a quelli li per forza di cosa la scieta becca 5 per che li hanno scelto loro capito mi hai direbbe il sardo ? non solo koroni abbi pazinza ormai e’ un sospetto chiaro a tutti che abbia sbaglaito anche la secoda palla si direbbe nel tennis ovvero d aversa !!!! e faggiano che con un gran budjet non ha fatto gran cose !!! quoindi due errori fatali senza tornare sulle solite cose gironi derby eccc come fai a dargli 6.5 al limite dagli 5.5 solo perche ci hanno messo i soldi ma del calcio non ci hanno capito una mmazza e perseverare poii …..magari questi conferano ancora d aversa capisci !!! detto questo anch io come te credo nella vittoria del parma al 100 per cento ma per arrivarci e necessario andare giu duri in questo momento e d aversa ha gia capito e inizia a scuotersi !!!con noi cinesi rschia

  • 24 Maggio 2017 in 13:12
    Permalink

    Oh ..finalmente un tono pacato e sereno…
    esatto, proprio una questione di toni ..e di termini ..
    così accetto tutte le osservazioni del caso..
    ..trovo leggermente differente esprimere osservazioni rispetto al fare critiche ..credo che siano due cose diverse…

    ma, in tutti i casi, io, non sarei stato in grado di fare meglio di Apolloni, nè di D’Aversa….non ci piove…
    e nemmeno di Faggiano o di Minotti….
    ..

    le nostre, osservazioni o critiche …fanno parte del gioco ma..
    mi rendo anche conto perfettamente che non è materia facile …

    dal comporre una società, al tirare fuori i soldi,
    chi chiamare per dargli dei compiti ?
    chi scegliere sotto tanti profili ?
    non solo quello umano, delle competenze o del lato economico,
    quali giocatori scegliere ( sembra che solo Perinetti sia bravo a , così come ricordo che si osannava quello della reggian o quello del Padova ..a inizio campionato )
    ..
    che tipo dio programma e progetto impostare ?

    SINCERAMENTE NON CONOSCO LE SOLUZIONI PER RISOLVERE IL PROBLEMA :

    ho visto il cammino del venezia e mi ha sorpreso per solida continuità
    ho visto giocare il Matera e. oltre a correre giocano che è un piacere ma..poi..stringi stringi bisogna pure guardare anche il risultato finale…

    all’andata ho visto il Feralpi ..mi impressionò un casino..sembravano in 14 o 15 andavano come schegge ed erano degli ira di Dio…

    ora, come già ripetuto….sono loro stessi nei loro piedi ..
    sono loro dello staff tecnico, coi giocatori, a doversi dare quella mossa …
    a darsi una svegliata generale….parlando, discutendo, trovando suoluzione o soluzion itali da lievitare…

    ciao CINESE

  • 24 Maggio 2017 in 13:15
    Permalink

    Mi piacerebbe ricevere molte risposte:

    SE IL PARMA DOVESSE VINCERE I PLAY OFF…

    voi cosa fareste se foste nella società ( 7 SOCI FONDATORI ) ???

    quali mosse fareste per il campionato successivo …????
    dalla A alla ZETA ….

    qui attendo proposte …..concrete e fattibili …

    • 24 Maggio 2017 in 14:23
      Permalink

      Mauro

      n°1 IMPARARE DAGLI ERRORI RECENTI:

      L’allenatore, che in un primo momento mi piaceva, devo dire che non si è rivelato così scaltro come speravo nel gestire lo spogliatoio, nè abile nel saper leggere le partite, l’ho trovato anzi molto rigido sulle sue idee studiate a tavolino (esempio opposto ad Allegri per fare un iperbole..), senza dimenticare che sicuramente D’Aversa non poteva essere una prima scelta già al momento del suo ingaggio, è solo stato il prescelto tra gli allenatori liberi da impegni.

      Quindi, via D’Aversa.

      Chi al suo posto? mi piace sempre pensare a Guidolin.

      Idem per quanto riguarda la rosa. Un giocatore competitivo in LegaPro non lo sarà per la testa della B, quindi con tutto l’amore del mondo ci si dia la mano da uomini e poi arrivederci (in questottica non capisco certi rinnovi..)

      Bisogna restaurare praticamente tutta la squadra, Calaiò l’anno prossimo ne fa 36, Lucarelli non credo che continui a giocare, anzi credo che se mai dovessimo vincere i PlayOff sarebbe un occasione molto felice per lasciare, Munari non so quanto ne avrà…Di conseguenza mi aspetto almeno 3 innesti di spessore almeno da bassa serie A o giovani di belle speranze (vedi mondiale U20)per reparto.

      Ovvio che tanto del precedente discorso dipende da chi sarà alla guida tecnica.

      Lato societario..

      Intanto manca un presidente, per quanto è chiaro che quello sia un “fantoccio”, ma è un fantoccio che rappresenta ufficialmente la società, e non c’è.

      Programmerei la stagione dal giorno successivo all’ultima partita di questanno e non aspetterei il 28 agosto.

      i campionati si vincono spesso già a luglio, e io, che di ritiri ne ho fatti, posso assicurarvi che si capiva da subito quando l’aria che tirava era quella giusta.

  • 24 Maggio 2017 in 13:41
    Permalink

    La società ha operato male fino a novembre (Apolloni e gli altri sarebbero dovuti andare via prima), poi discretamente. Voto: 6–.

    • 24 Maggio 2017 in 15:26
      Permalink

      sì, è colpa di apolloni se il parma da -2 dal venezia è andato a -11

      • 24 Maggio 2017 in 19:36
        Permalink

        No, al cambio di allenatore eravamo in una situazione disperata a cui abbiamo tentanto di rimediare più o meno bene. La rincorsa ci ha distrutto

  • 24 Maggio 2017 in 13:56
    Permalink

    Vi do io un aiutino ?

    ora servono idee e risposte lucide e pertinenti…ora, in quella remota e beneaugurata ipotesi che potrebbe avverarsi ..forza giovani !!

  • 24 Maggio 2017 in 14:13
    Permalink

    se sarà serie B bisognerà allestire e puntare sui giovani. fare un patto con qualche società medio grossa per far giocare possibili campioncini che dopo ritorneranno all’ ovile magari italiani.
    cercare all’ estero e comperare a basso costo scommesse future che rimarranno di proprietà.
    stagione da mezza classifica per costruire qualcosa per il futuro senza impegni economici esorbitanti e con fame di emergere.
    nominare un presidente che potrebbe essere anche il Capitano.
    investirei qualcosina solo x Coda. mi era piaciuto in passato e quest’ anno ha fatto bene a Salerno. magari tornerebbe.

  • 24 Maggio 2017 in 14:23
    Permalink

    Se si dovessero vincere i playoffs la societa’ dovra’ scegliere se puntare immediatamente alla promozione o ad una stagione di assestamento, che consentirebbe di strutturare una squadra che possa durare negli anni…anche nella massima serie. Come quando Zeman e Vitali nel dopo Sacchi plasmarono la squadra che Scala porto’ in A.

  • 24 Maggio 2017 in 14:28
    Permalink

    NO no SIGNOR CINESE…
    vatti a rileggere il mio articolo in questione …
    il PER ORA c’era pure PRIMA ECCOME SE C’ERA MA …VA NE COSI”’

    è evidente che alla società non imputo nulla
    ai giocatori PER ORA…solo 6
    e alla gestione tecnica, PER ORA ..solo 6

    cambieranno a consuntivo …DI CONSEGUENZA
    ..
    e poi, sinceramente mi sono rotto i coglioni..

    per me potete elogiare, criticare ..mettere pressione ai giocatori..fischiarli…contestare l’allenatore, il direttore sportivo e tutto quanto…

    mi sono un pò stancato e, siccome non sono l’avvocato difensore nè il servo della gleba di nessuno..

    vi lascio ai vs commenti, disamine e pareri …

    io ho altro da fare per ora …

  • 24 Maggio 2017 in 14:35
    Permalink

    Quindi seguendo il tuo discorso la società ha sbagliato con SCALA & C. !!!

    Poi ha nuovamente sbagliato con D’AVERSA ??
    Ed infine pure con FAGGIANO ??

    ah ah ah ah

    quindi, visto che hanno sbagliato , a seconda del vs giudizio
    ( coloro i quali hanno criticato la riconferma di SCALA …MIN…GAL…APPLL dalla D alla C )

    nel caso ipotetico legato alla mia domanda di cui sopra…
    anche se salissero in B
    con questo vs ragionamento …NON DOVREBBERO RICONFERMARE NE’ IL DIRETTORE SPORTIVO NE’ LO STAFF TECNICO ??

    per essere riconfermati cosa dovrebbero fare ?
    vincere i play off e pagare loro la società ??

  • 24 Maggio 2017 in 14:38
    Permalink

    Il problema però sta pure nella tempistica nel pubblicare i commenti …
    vedere la successione please …!!

  • 24 Maggio 2017 in 14:45
    Permalink

    Per fortuna ho una memoria da due elefanti e ricordo bene tutto ciò che dico , ma, soprattutto ciò che scrivo…

    la parola LAVATIVO nei miei articoli …sfido a trovarla …

    comunque, veramente….mi sono rotto …
    e mi rendo conto che trovo una perdita di tempo ( per me personalmente ) sia lo scrivere sia il ribattere …

    ..a me non viene in tasca nulla
    nè con Apolloni, nè con D’ Aversa
    ne col Parma in Lega pro nè in Serie B
    nè con 10.000 tifosi in luogo dei 500 del Piacenza..
    in campo non vado io
    la formazione non la faccio io…
    e..veramente …
    am son rott el bali …

    fi col ca ni voja ma lasim ster i cavì…

    • 24 Maggio 2017 in 16:56
      Permalink

      Dici “la parola LAVATIVO nei miei articoli …
      sfido a trovarla …”

      Innanzi tutto, siccome è un termine che ho usato io, tengo a precisare che nel mio commento non ho risposto a te e non parlavo con te. Essendo su un blog che raccoglie tanti commenti parlavo, ovviamente, in generale

      Comunque per precisare…LAVATIVO significa: Persona che per pigrizia si sottrae ai propri doveri o ai compiti che gli vengono affidati, persona che non vuole faticare, che non ha voglia di lavorare, fannullone, scansafatiche..

      LAVATIVO è quindi semplicemente una “parola” che sintetizza tutti questi concetti.. quindi per me usarla, è stato “per far prima” .. tanto per intenderci ..

      A tal proposito poi ho fatto diversi commenti in un passato recente in cui “dissentivo fortemente” quando alcuni qui dicevano dei nostri giocatori:
      Hanno sicuramente scarsa dedizione al lavoro, giocatori che tendono al cazzeggio, che non si impegnano, e via discorrendo” (e questo in italiano è dare del lavativo ad una persona, cioè quando si intende che volontariamente qualcuno non fa quel che deve, cioè il suo dovere)
      Spero di aver chiarito perchè ho usato il termine lavativo.

      Poi aggiungi, piuttosto innervosito, che è una perdita di tempo scrivere e ribattere.. e che ti sei rotto!!

      che dire… sono un pò sconcertato.. ma ovviamente questo non è un mio problema.

  • 24 Maggio 2017 in 14:48
    Permalink

    hai ragione, avevo scritto

    VOTO OGGI………..E NON “PER ORA “…

    chissà che differenza vero ???

  • 24 Maggio 2017 in 15:19
    Permalink

    Io continuo a dire che Nunzella e Pistapoci PM7 sono stati impresentabili. Nunzella oltre a non aver fatto mai nulla di decente come terzino fluidificante ha pure fatto cappelle devastanti come difensore.Pistapoci PM7 non ha mai concluso un’azione dall’inizio alla fine. E non tiratemi fuori la storia del ruolo perchè giocare 10 m avanti o indietro non ti impedisce di saltare l’uomo una volta e arrivare al cross.
    Diverso è il discorso Corapinho e Codino. Entrambi sono solo palesemente adatti a una serie D di vertice o una Lega Pro da metà classifica. Io mi sono rotto le balle di palla a Corapinho, dribbling e azione che rallenta con la difesa avversaria che si schiera. Alla domanda cosa si dovrà fare c’è una risposta sola. Bisognerà fare bene che significa essere pronti con la squadra al completo il 10 luglio. Qualunque sia la categoria che andremo a fare. Ragazzi siamo arrivati secondi, non decimi. Il gap col Venezia nasce banalmente dal fatto che loro avevano Perinetti, noi il trio Lescano. Se fossimo partiti a luglio con Scozzarella, Iacoponi, Frattali e Di Cesare (e magari in un altro girone e qui davvero siamo stati dei NADARI totali), lasciando sotto l’Etna Nunzella e Garufo, salutando Corapinho e Codino oggi saremmo noi già in vacanza.

  • 24 Maggio 2017 in 16:05
    Permalink

    “Il Latina riparte dalla D. una cordata di imprenditori pronta”.
    Abbiamo anche nell’agro pontino il marchio di fabbrica dell’ammiraglio (Cit.) e abbiamo fatto scuola anche con le cordate. Sono quasi orgoglioso!Sperema che c’la corda lè la sia robusta!

  • 24 Maggio 2017 in 16:19
    Permalink

    Io partecipo volentieri, è un gioco che stempera la tensione che sale per stasera e sognare caratterizza tutti i tifosi.
    Per me sarebbe necessario un cambio di rotta: scorso anno e questo era giusto cercare i migliori per lottare al vertice, quando si arriverà in b credo sarebbe preferibile un progetto meno immediato, creare un gruppo competitivo destinato a crescere insieme. Nel frattempo anche la società potrà consolidarsi,ci sono tante cose, dal settore giovanile alle strutture. Tutto ciò anche perchè per me avrebbe senso puntare alla serie a non per farci un giro ma qualora si fosse pronti per restarci.

  • 24 Maggio 2017 in 16:59
    Permalink

    Grazie a Lukfur. ..stima reciproca..
    Per Baraye dietro le punte ci potrebbe stare ma …penso che non questa gestione tecnica non succederà mai…

    a me personalmente questo 4-3-3 , con questi giocatori, NON MI PIACE …e questa NON CHIAMASI CRITICA , è il mio parere…

    per la domanda ..voi cosa fareste se foste nella società intendevo :

    in caso di serie B dopo i play off..
    continuereste con FAGGIANO E D’AVERSA o cambiereste come qualcuno avrebbe cambiato, l’anno corso a fine giugno….manico e timoniere ??
    Questa era la mia provocazione ..visto che a Venezia hanno dato il benservito a chi c’era in serie D…ecc ecc ecc..

    per la serie B, ritenete valida la componente tecnica attuale ??

    poi, dopo questa, è chiaro che cambiano pure i calciatori ..
    di conseguenza con le scelte tecniche

  • 24 Maggio 2017 in 18:14
    Permalink

    Personalmente si, qualunque sia l’esito per me meritano di poter lavorare qui programmando insieme dall’inizio

  • 24 Maggio 2017 in 19:57
    Permalink

    MORONI stasera si vince 3-4 a zero tanto per essere chiari perche finalmente d aversa in primis e i giocatori pure hanno capito che la pazienza e al limite e si mette male per cui punti nell orgoglio vdrai che correranno e vinceranno alla grande siamo i piu forti debbono solo impegnarsi come gli avversari ……..detto questo poi il prossimo anno ? la lezione e che tra i vari campionati c’e un abisso per cui bisogna rifare la squadra anche perche’ a parte che vinca i play off hanno dimostrato di non aver carrattere ed essere vincenti .
    IDEM va cambiato d aversa che non ha esperienza enon e’ un vincente ci vuole uno che abbia gia vinto in serie B la societa con l arrivo dei cinesi non puo non puntare alla serie A …….faggiano puo rimanere ( viene dalla scuola di perinetti ) ma come braccio esecutivo ci vuole un allenatore direttore tecnico all inglese chi ? bhe avrai gia capito all inglese chi se non GUIDOLIN brutto carattere ma un gran allenatore ci porto letteralmente in A con cagni non ce l avremmo mai fatta il ghiro che di calcio ne sapeva lo cambio nei tempi giusti quest anno no .
    Non importa se vincono i play off per manifesta inferiorita delle squadrette di lega pro per cambiare il giudizio e per imparare che non si possono tenere 15 dalla serie D e pensare di vincere in lega pro uguale sara’ in B

  • 24 Maggio 2017 in 22:58
    Permalink

    NICO ..scusa avevo frainteso…
    pensavo che tu dicessi che io ho scritto o usato LAVATIVO ..

    già risolto il problema…a monte…

    oggi ero un po’ incazzato …

    ma la presenza e la prestazione di CICCIO CORAPI mi ha sollevato dalle incazzature…generali..
    non ce l’ho con nessuno..tantomeno con te..figurati..
    mi fa piacere che si sia passato il turno anche con prestazione di impegno ..
    tutto il resto ..è noia..

    a me interessa il Parma …
    gli altri possono scrivere e dire ciò che vogliono …

    turno superato

  • 24 Maggio 2017 in 23:00
    Permalink

    NICO ..spero di aver chiarito ….ciao

  • 25 Maggio 2017 in 00:08
    Permalink

    MORONI FAI DISFI TI INCAZZI POI CORREGGI NO LAVATIVO SI AVEVI RAGIONE AVEVO SCRITTO DIVERSO DOPO IL VOTO ACCUSI NICO ECCCC O ALTRI calmati ognuno di noi sta esprimendo la propio opinione e non e’ che se uno scrive scrive contro o pro te stai calmo come te anche gli altri hanno diritto di dire le loro idee senza che intervieni tu a fare il giudice o a dire se va bene o va male

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI