CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / VINCERE NON E’ TUTTO: E’ L’UNICA COSA CHE CONTA – Il video integrale dei festeggiamenti in Piazza all’arrivo del pullman

gianni barone(Gianni Barone) – Questa volta i titoli si sprecano in mezzo alla soddisfazione di un risultato sportivo che va ben aldilà dei confini del campo e coinvolge un’intera comunità, perché parrebbe ovvio affermare che si tratta di un’affermazione figlia di tanti equivoci, tanti sacrifici, tante speranze, ma è frutto di un’idea che è nata e maturata in circostanze non propriamente felici e ha preso corpo anche attraverso lo scetticismo di chi non ci credeva abbastanza o di chi per forza non provava a crederci e soprattutto ha trovato realizzazione al termine di quella che doveva essere una cavalcata gloriosa e invece si è trasformata in una kermesse lunga ed estenuante con tanto di muri tipo classiche ciclistiche del Nord, da superare, e lastricata a tratti da quel pavè sul quale è più facile cadere che non reggersi in gazz parma pag 1piedi. Eppure in mezzo a tante insidie la barca non è affondata ha percorso una rotta lunga di esperienze e perigliosa di avventure, ha affrontato di tutto, i lestrigoni di un campionato insidioso, i ciclopi di avversarie che davano tutto e anche di più, e ha dovuto vedersela anche la furia di un Nettuno rappresentato da un Play off estenuante. Dopo quarantaquattro giorni, giornate, partite il Parma ha raggiunto la sua Itaca, quella a cui, se non ci fosse stato il fallimento di mezzo, doveva approdare già due anni fa, di questi tempi. Ma la storia di questi due anni ha rappresentato al meglio ciò che occorrerebbe fare quando si cade e si tenta in ogni modo, lealmente, di rialzarsi in fretta senza lacrime, recriminazioni o vittimismi inutili. Lo sappiamo che come affermava Roberto Gervaso “Crogiolarsi nelle vittorie non è meno pericoloso che recriminare nelle sconfitte”, ma di questa stagione fino a poco tempo fa, molti ricordavano con facilità e con cinismo più le sconfitte che non le vittorie.  Sempre facile questo mestiere e senza tirare in ballo il luogo comune del carro dei vincitori su cui tutti tendono a salire, occorre ricordare che tra i tanti volti, su cui Roberto D'Aversa finale foto Jonathan Bellettiindugiavano le inquadrature della diretta tv, che apparivano festanti, forse in qualcuno di loro si poteva individuare chi era il destinatario degli strali del tecnico D’Aversa, che pur in un clima di festa, non ha certo dimenticato e non si è certo risparmiato quando ha con decisione ha voluto affermare “E’ stata una stagione dove tutti avrebbero dovuto remare dalla stessa parte, purtroppo non è stato così, ma ora le voci fuori dal coro dovranno ricredersi. Una maglia come quella del Parma è pesante, ma questi play off hanno dimostrato come nessuno avrebbe meritato la promozione tanto quanto noi”. Avrebbe, il tecnico del PARMA, voluto, se avesse potuto, fare anche nomi e cognomi di chi si è dimostrato ostile da sempre, alla sua gestione, ma il protocollo e l’euforia glielo hanno impedito, in ogni caso il suo d'aversa critichemessaggio colpisce l’ipocrisia, la leggerezza e l’incompetenza che talvolta accompagnano, fuori e dentro, le vicende sportive di una squadra di calcio. Le critiche per chi le subisce paiono sempre ingiuste e non si rivelavano mai costruttive, viste sempre dalla parte di chi ne è l’oggetto, chi le formula pensa sempre di far bene e talvolta di essere in grado di fornire stimoli o motivazioni a far meglio salvo poi scordarsi tutto quando le stesse (critiche) si rivelano immotivate e senza senso. Fa parte del gioco, qualcuno obietta, per stemperare il clima e per condurlo verso direzioni più concilianti, comode in ogni caso utili a riportare serenità all’ambiente. Ma in momenti come questi di “venni, vidi, vinsi” (in italiano), non servirebbero tante spiegazioni e rubando una massima di Julio Velasco, verrebbe da dire che “chi vince festeggia e alessandro lucarelli dopo parma alessandria intervista a caldochi perde spiega”, per meglio rendere l’idea di un momento in cui tutti, non sappiamo ancora per quanto, si è d’accordo nel descrivere le dimensioni dell’impresa a metà tra la favola e il miracolo. Però il Capitano Lucarelli, ancora prima di ragionare sul suo futuro, non ci sta e senza mezzi termini riporta tutti indietro di qualche tempo, quando i dubbi sulla professionalità e sull’onestà dei protagonisti erano stati resi pubblici, anche in mancanza di riscontri e prove. Chi allora appoggiò la tesi della combine per la sconfitta con l’Ancona, oggi avrà ben poco da festeggiare, ma il capitano non retrocede nelle angella e mazzonesue convinzioni quando dice “Quest’anno ci hanno dato dei falliti, dei venduti, dei senza palle, ci hanno appellato come una squadra indegna, ma potevamo contare su un gruppo importante che nelle difficoltà non ha mai mollato e ora riscuotiamo quanto meritiamo. Dopo la sconfitta con l’Ancona il gruppo si è ricompattato ancora di più e da lì abbiamo provato a dare una svolta alla nostra stagione”. Riuscendo nell’intento, occorre aggiungere, anche se di svolte, ve ne sono state più di una nel corso della stagione, SCALA CAMPEDELLI APOLLONIpartendo dal cambiamento dell’area tecnica, che seppur criticato, da qualcuno, nei modi, nei tempi, nei termini, oggi appare come qualcosa di azzeccato, opportuno e soprattutto programmatico in vista della stagione prossima che già incombe in termini di tempo e di operazioni di mercato. Perché se si pone lo sguardo, in maniera tecnica, sull’organico del Parma, non si può che affermare che lo stesso, nella sua radice, risulta già ben strutturato e valido come base di partenza per il campionato di serie B, e che ora gli obiettivi da raggiungere, per completare la rosa, non sono poi tanti, numericamente parlando. Le voci di mercato, finale parma sotto la curvacon le quali, già da oggi bisogna fare i conti, parlano di un PARMA alla ricerca di una punta di valore per la categoria, e si è fatto il nome di CAPUTO dell’Entella, e di un centrocampista centrale molto esperto e muscolare come Troiano sempre dell’Entella. E’ ovvio che a fronte delle tante riconferme e dei rinnovi di contratto già annunciati, dovremo registrare anche qualche partenza eccellente, leggi Scozzarella, molto richiesto, e anche se molti non vorrebbero, anche Calaiò? Ma di queste questioni di sicuro ce ne occuperemo più avanti, nel frattempo, torniamo a parlare di vittoria, dopo la convincente finale, sotto ogni aspetto, al cospetto di un’Alessandria apparsa dimessa e deludente e quasi mai in grado Calaiò intervsitato da Sky in Piazza Garibaldid’impensierire un Parma, maturo e volitivo, forse come non mai in stagione, un Parma che ha finalmente giocato da PARMA, com’era negli auspici del suo tecnico, ed  è riuscito ad annullare tutte le potenzialità dell’avversario legittimando in questo modo la promozione, dopo le perplessità emerse all’indomani della vittoria ai rigori col Pordenone. All’inizio si parlava di titoli legati alla vittoria e noi aggiungiamo anche ai sogni che occorre avere per raggiungerla, oltre che alla considerazione che hanno gli altri e che si ha di se stessi uniti al lavoro e all’ intelligenza con cui si affrontano, non solo le singole partite, ma interi campionati. Ecco che le parole di parole di un grande campione dello sport come Michael JORDAN, appaiono più che mai opportune in questi momenti: “Con il talento si vincono le partite – diceva il gradissimo del basket – ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati”. Il Parma non ha vinto il campionato, anche se si è visto consegnare medaglie e Coppa, ma ha ottenuto la promozione vincendo i play off più lunghi e più duri della storia del calcio italiano recente e non, ci dicono che formule del genere esistono anche altrove, verificheremo. Quindi in CONSEGNA COPPA E FESTEGGIAMENTIossequio a chi ci ha creduto già due anni fa partendo dalla D, Lucarelli e vice presidente Ferrari, su tutti, scomodiamo due grandi della storia sull’argomento vittoria. Nelson MANDELA diceva “A volte un vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mollato mai”, qualche anno prima invece da un’altra parte del mondo gli faceva eco il Mahatma GANDHI con questo suo azzeccato monito “Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci”. Né più né meno di quello che è capitato al PARMA, in questi due anni culminati nei grandi festeggiamenti piazza garibaldifesteggiamenti dell’altra notte dopo la finale di FIRENZE che salutiamo con le sarcastiche parole di Ennio Flaiano “Una qualità degli italiani è quella di volare in soccorso dei vincitori”. E concludiamo così, escludendo dal giudizio una gran parte dei tifosi, i ciocolatè, ovviamente in questo clima di festa, per una volta, si possono collocare dove credono sia meglio e opportuno per loro.  Alla prossima. Gianni Barone

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO INTEGRALE DEI FESTEGGIAMENTI IN PIAZZA GARIBALDI ALL’ARRIVO DEL PULLMAN CROCIATO DA FIRENZE

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

8 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / VINCERE NON E’ TUTTO: E’ L’UNICA COSA CHE CONTA – Il video integrale dei festeggiamenti in Piazza all’arrivo del pullman

  • 19 Giugno 2017 in 09:28
    Permalink

    Io non riesco a stare fermo molto tempo, non riesco a godermi il successo della promozione in Serie B:

    penso già al mercato, al giorno del ritiro ( 16/7 ), alla partenza per Pinzolo ( 17/7) ..alla prima gara ufficiale in Coppa Italia, 5/6 agosto, all’inizio del campionato cadetto…25/26 agosto…

    Vorrei, nel mio pensiero, che fosse allestita una squadra ringiovanita, rinforzata, completa, con rosa allargata ( 42 partite sono tante !! )…una rosa da poter fare un buon campionato di Serie B, senza proclami troppo elevati ( questo non significa rinunciare, a nulla ), una squadra da poter competere nei primi 10/12 posti…

    E’ come ripartire da ZERO avendo già una buona impalcatura, una solida base di qualità e di esperienza per questa categoria:

    aspettiamoci un buon campionato, manteniamo un basso profilo, con sana concretezza e realismo, un anno di assestamento, di rodaggio e di prova “costume”: come ci starà la raggiunta Serie B ??
    Larga, stretta , su misura ??

    Io conto molto ed ho grande fiducia nelle capacità “commerciali” del D.S. Faggiano: si è visto a gennaio scorso ( e il mercato invernale non per nulla facile, tutt altro ) …
    ..
    da quel gruppo di gennaio con qualche ragazzo della vecchia “prima” guardia si ripartirà con minimo 12/13 nuovi acquisti , in tutti i ruoli, ..IO HO GRANDE FIDUCIA E, MAI SCEMATO ENTUSIASMO …
    ForzaParmaCalcio1913…..B ….ANDIAMO ANDIAMO

    • 19 Giugno 2017 in 14:19
      Permalink

      Grande sig. Moroni! Uno dei pochi che c’ha sempre creduto!! Entusiasmo contagioso!!

      • 19 Giugno 2017 in 20:15
        Permalink

        It is not my way to also take credit for saying ” Parma would win the league ” also with Mauro . but I did . When many were atacking brutally Parma . Parma did not win the league as we imagined , however they did the next best thing ..win the playoffs . This is all water under the bridge …Now it is time to enjoy that Parma is in B .. with great interest and optimism for the future ..
        Forza Parma

  • 19 Giugno 2017 in 09:49
    Permalink

    Anche Io Mauro ho molto entusiasmo ….
    Forza Parma Sempre ….. Vamos… Vamos

  • 19 Giugno 2017 in 10:04
    Permalink

    il campionato di B è lungo e sempre molto equilibrato.
    i pareggi sono tanti e i turni del martedì o mercoledì pure.
    D’ Aversa deve da subito (anche se i primi mesi saranno quelli più difficili visto che si prospettano diversi giocatori nuovi) deve dare spazio con rotazione a 18/20 giocatori costantemente se vuole raccogliere i frutti del lavoro in primavera.
    bisogna saper aspettare e lasciar lavorare anche se fino a Natale si occuperà stabilmente la parte destra della classifica.
    sul toto mercato come detto spero rimanga Faggiano.
    per i nomi direi che Cassano e altri profili simili lasciamoli dove stanno. puntare su giocatori giovani e provare qualche innesto di giocatori che stanno facendo bene in B tipo Coda che rivedrei volentieri.

  • 19 Giugno 2017 in 10:17
    Permalink

    E’ sempre un piacere leggerti. Ciao.

  • 19 Giugno 2017 in 12:00
    Permalink

    Grazie ai giocatori Crociati x averci regalato una Gioia Immensa

    Un saluto particolare al più ignorante in campo cioè al pù bò

    All’allenatore Tedesco faccio i complimenti x la promozione

    Ma è meglio ke ci risparmi certe dikiarazioni diciamo inituli

    Tipo le critike ci hanno rafforzato !!!! mo mama ke canelì

    Allora ripartiamo dalla Serie B con molte più critike dai là

    Scenda dal piedistallo Sig.D’Aversa è solo un consiglio

    Da tifoso del Parma di lunga data niente di personale anzi

    FORZA PARMA !!!! Grazie x la B….come Bagolò !!!! Mitici

  • 19 Giugno 2017 in 13:33
    Permalink

    Io ammetto di non averci creduto molto. A fine aprile ero proprio con il morale a terra a causa di quella sequenza di risultati negativi. Poi mettiamoci la formula da matti dei playoffs e il gioco è fatto.
    Felicissimo di essere stato smentito.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI