ESCLUSIVA STADIOTARDINI.IT / A TU PER TU CON EMANUELE DOTTO, IL TIFOSO GRIGIO PER ECCELLENZA: “PARAFRASANDO ROCCO: VINCA IL MIGLIORE… ANZI, SPERIAMO DI NO…”

emanuele-dotto-benactiv-16-02-2014-slide.jpg(Luca Savarese) – Quando scrivo il messaggio ad Emanuele se posso contattarlo, un brivido mi accarezza la schiena. Dopo aver sentito, su queste colonne, Filippo Corsini lo scorso gennaio per le 57 primavere di Tutto il calcio, aver intervistato Riccardo Cucchi, dal vivo, in calce alla sua ultima radiocronaca per il programma sulle frequenze di Radio 1 Rai, desideravo da tanto, da quella sera che lo incontrai fuori da un Meazza nebbioso al termine di un Inter-Parma (terminato 3 a 3, stagione 2013-2014) intervistare, parlare, insomma respirare un po’ anche la vita e le avventure di Emanule Dotto, nato a Genova il 21 giugno del 1952, ma alessandrino sin da bambino.

Emanuele mi chiama lui, gioca d’anticipo…

SLIDE-EMANUELE-DOTTO-INTERVISTA-MAJO.jpgNon è un’intervista tout court, non è nemmeno una domanda a cui segue una risposta. Con lui, come con gli scritti di Tucidide, il pensiero va più veloce della parola: è un pensiero rilassato e ragionato, calmo, mai affrettato né affettato, proprio di chi, invece che la parola, possiede il pennello e gli bastano due pennellate per metter giù il dipinto, ed è un quadro d’autore. Benvenuti nel microcosmo di Emanuele Dotto, uno che usa la sua voce come Pirlo il suo destro, per sorprendere e colpire. E’ nata come un’intervista, ma è stata una chiacchierata telefonica di un quarto d’ora circa, ma che, ve lo confesso, avrei voluto durasse tutta l’estate…

Alessandria-Parma è anche da una parte la città che porta il nome di Papa Alessandro III, grande antimperialista, che scomunicò Federico Barbarossa e dall’altra Parma e il suo ducato nobilitato da Maria Luigia moglie di Napoleone, insomma in campo c’è anche una grande fetta di cultura”.

Nell’ascoltarlo sembra davvero di avere a che fare con quello che diceva l’oratore latino Quintiliano, non multa sed multum, non molte cose, ma in profondità.

Così, parte a razzo questo “A tu per tu”. Senza nemmeno aver formulato la prima domanda, ho già ricevuto la prima risposta. Dotto si nasce, non si diventa…

Emanuele il tuo primo frammento alessandrino?

umberto-avallone-emanuele-dotto-radio-rai-parma-genoa.jpgMi ricordo lo spareggio di San Siro del 1957. Io ero piccolo, avevo 5 anni, ma quella squadra fu capace di battere il Brescia e di tornare in serie A. Un altro spareggio, come domani, (oggi per chi legge, nda) ma quella volta fu per andare in massima serie. Ricordo che nel paesino dove erano originari i miei genitori, Lerma, si fece una gran festa, tutto si era fermato in vista di quella partita decisiva e nei cortei fu persino coinvolto il vescovo. Poi mi ricordo alcune partite seguite personalmente al Moccagatta, e giocatori come Cappellaro e Fanello, che formarono una coppia gol ben assortita in maglia grigia agli inizi degli anni sessanta. Poi vidi giocare Fara, dal tocco vellutato ma che emaniele-dotto-radio-rai.jpgingrassava a dismisura, anche Salvemini mi piaceva che poi ha avuto anche un successo da allenatore e poi l’oriundo Lojacono che giocava praticamente da fermo, ma quando tirava sapeva far male. Ed ho gustato anche un giovanissimo Rivera allenarsi a diventare grande. Frammenti di ieri e frammenti di oggi, come quelli freschi, dello scorso anno, che ho avuto modo di vivere e raccontare, in diretta per il lavoro cemanuele-dotto-stadio-atleti-azzurri-d-italia-atalanta-parma-0-4-16-02-2014-stadiotardini-it.jpghe faccio, quando l’Orso grigio ha battuto in rapida sequenza prima Genoa e poi Spezia nella Coppa Italia nazionale. Sai quelle cronache per me sono state uguale alle altre sotto il profilo dell’oggettività narrativa, ma non ti nascondo che dentro, da tifoso, sentivo qualcosa che in altre partite, evidentemente, non avvertivo. Io credo che si possa essere tifoso pur senza diventar matti per forza. Certo il tifo è importante specie se spontaneo e genuino. Ma è bene che dopo la partita tutto finisca lì, senza eccessivi trasporti di giubilo o di sconforto. In fondo siamo pur sempre davanti ad un gioco. Vedo a volte reazioni spropositate nell’ambiente calcio, andiamoci con i piedi di piombo, non abbiamo a che fare con un terremoto e nemmeno con una guerra”.

Seguirai la partita?

Non andrò allo stadio, non so nemmeno se la guarderò in tv. Vedrò, sai qual è il fatto, che sono un po’ fatalista ed ho piuttosto paura che la mia Alessandria possa rimetterci ancora le penne, visto che ultimamente siamo abbonati ad improvvisi crolli. Come nella gara di campionato al Moccagatta contro la Giana Erminio, dove non solo la squadra ha staccato la spina, ma anche complice un arbitraggio da rivedere, i lombardi hanno segnato tre gol e vinto e la Cremonese ci ha superati ed è andata, al fotofinish, in B diretta. Sono contento per i grigiorossi del mio amico Tesser, persona squisita, ma devo dire che mi ha fatto uno sgambetto…”

Ride, con quella voce che ci scandisce nomi, formazioni, giocate, tiri e tante altre amenità.

Non so quanto Parma, abituata a traguardi molto più grandi, domani sarà coinvolta”.

Gli dico che si stanno muovendo in massa dal ducato alla volta di Firenze. Mi sembra, per un attimo, di essere la seconda voce, gomito a gomito con Emanuele Dotto, nella partita dell’attesa, prima che il duello tra crociati e grigi abbia inizio.

Ascolta sarà anche una sfida di due compagini con due casacche particolari ed affascinanti, i grigi dell’Alessandria contro i crociati gialloblù. Colori ed araldiche non comuni, anche se il Parma i suoi titoli principali li ha alzati con la maglia bianca perché negli anni d’oro, forse anche per un volere del patron Tanzi, fu levata la croce dalle casacche. Decisione che trovai piuttosto strana, come se la Sampdoria, blucerchiata da sempre, giocasse con la maglia azzurra. Comunque guarda, il Parma ha un palmares abbondante, insomma fin troppo pingue in confronto alla povera bacheca alessandrina. Quindi, ecco, domani potrebbe lasciarci la finale… Alla Rocco dico – Vinca il migliore, anzi sperem de no… – Scherzi e tifo a parte, credo che siano arrivate in fondo le squadre che più lo hanno voluto e che rappresentano la sana provincia italiana che con la palla al piede, ci sa fare. Poi due impianti storici come il Tardini ed il Moccagatta, dove si respira ancora la storia”

A proposito, il Moccagatta di Alessandria è stato anche importante per la storia di Tutto il calcio. Terzo campo collegato, dopo Milano e Bologna, nella puntata inaugurale della trasmissione, il 10 gennaio 1960, con il microfono ed il racconto di Alessandria-Padova fatto da Andrea Boscione

Si, quella partita fu scelta perché Alessandria era comunque piuttosto vicina da Milano da dove andava in onda, per le prime edizioni, Tutto il calcio. Boscione era un narratore serio ma anche molto sereno. Iniziava una piccola grande meraviglia che dura ancora, nonostante tutto e nonostante il calcio sia ormai pieno zeppo di grandi magnati che che di magno non hanno mai visto niente. Quando sono a San Siro per raccontare il Milan o l’Inter penso spesso che molte persone di alto bordo che ci sono dietro alle due società milanesi, magari non hanno mai visto il Cenacolo vinciano. Credo che sia importante recuperare questa dimensione di un calcio disposto a fare due passi con la cultura. Senza nulla di esagerato, nessuna lectio magistralis, non è il contesto adatto, ma gustando un pochino più da vicino la città e le bellezze artistiche, possibilmente prima della gara o al limite dopo, si guarda poi il fatto tecnico con il giusto distacco, senza totalizzare la partita. Per esempio a Mantova accanto allo stadio Martelli, c’è Palazzo Te; vedere il Mantova con negli occhi e nel cuore le opere di Giulio Romano è diverso che vederlo come questione di vita o di morte. Io devo dire grazie per questo sguardo a mio papà. Un semplice ferroviere piemontese, tiepido tifoso del grande Torino, che mi portava, da piccolo, alla domenica, a vedere gli stadi d’Italia e quello che la città in questione offriva dal punto di vista culturale. Magari erano partite che dal punto di vista della cronaca offrivano pochi spunti ma quei giri ed il beneficio di quei momenti li porto con me ancora adesso. Se c’è a Vicenza una partita e bè, un giro al Palladio, lo devo fare! Ma molti dicono che non si ha il tempo, Il tempo si deve riuscire a ritagliarlo per cose del genere che ti allargano il punto di vista e ti formano un modus vivendi. E poi scoprire è importante, ci fa essere tutti meno ignoranti”.

Oggi come vedi la squadra? Il cambio tecnico, da Braglia a Pillon, sembra aver giovato…

Si credo che il cambio di allenatore sia servito e ne abbia beneficiato tutta la squadra. Davvero una grossa tegola per la gestione Braglia aver dilapidato quel tesoretto di punti, poi il tecnico toscano spesso s’incendiava anche con i ragazzi. Più carota, credo, in certe circostanze, sarebbe stata opportuna. Solo bastone non serve. Da questo punto di vista Pillon mi sembra più conciliatore, bastone e carota e poi è un allenatore che ha una grande voglia di prendersi delle rivincite. Noi abbiamo Gonzalez, che equivale al vostro Calaiò, poi ecco un ragazzo che mi piace vedere all’opera è il genoano Marras, capace di spostare gli equilibri”.

Chi ti parla, è un giornalista in erba che collaborando tra una radio locale ed un’altra, ascolta la liturgia di Tutto il calcio e sogna di poterne fare un giorno parte, anche come chierichetto, in mezzo a tanti sacerdoti scelti. Quale parrocchia seguire, per alimentare questo desiderio?

Allora, sacerdoti oggi non ce ne sono più, quelli di ieri hanno fatto un tipo di radio unica, che non esiste più e poi anche il palinsesto favoriva le loro liturgie, tutte partite alla stessa ora, senza nessun tipo di spezzatura. Il ritmo di Ameri, il lirismo di Ciotti, la precisione di Ferretti ed il garbo di Provenzali credo siano il giusto mix da cui, anche in tempi e modi diversi partire per chi oggi si affaccia a questo mondo e sogna questo tipo di realtà. Poi viene la determinazione e valorizzare le proprie caratteristiche, senza nessuna forzatura. E poi bisogna sempre pensare ad una cosa: alla gente piace il racconto, l’urlo, un po’ di meno”.

Dotto continua, come un fiume in piena

Però il Parma… mi piaceva molto Brolin, sapeva dribblare ed anche segnare, e poi Sensini, e quell’Asprilla che faceva quello che voleva…”

Io intorno alle 13 e 30 di venerdì 16 giugno 2017, volevo che nessuno e niente, nemmeno il rumore delle macchine in strada o il ronzio di qualche zanzara, interrompesse il suo l’entusiasmo narrativo calibrato e cadenzato. Emanuele Dotto, per una volta, non era sulle frequenze di Radio 1 Rai dai banchi della tribuna stampa o in cabina per riportarci una gara di A o di B e nemmeno sulle strade del giro d’Italia, ma dall’altra parte del mio cellulare.

Ora, che finale sia. Forza crociati, ma lunga vita ad Emanuele Dotto. Luca Savarese

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

ESCLUSIVA STADIOTARDINI.IT / A TU PER TU CON FILIPPO CORSINI: “Tutto il calcio è capace di coinvolgere come una poesia di Leopardi, ma anche di catturare come dei versi anonimi”

TUTTO L’ULTIMO CUCCHI, MINUTO PER MINUTO. CRONACA DI UN POMERIGGIO A SAN SIRO SULLE TRACCE DI UN MITO, di Luca Savarese

3 pensieri riguardo “ESCLUSIVA STADIOTARDINI.IT / A TU PER TU CON EMANUELE DOTTO, IL TIFOSO GRIGIO PER ECCELLENZA: “PARAFRASANDO ROCCO: VINCA IL MIGLIORE… ANZI, SPERIAMO DI NO…”

  • 17 Giugno 2017 in 13:57
    Permalink

    Niente cazzate. Oggi gioca chi è più in forma e garantisce affidabilità, quindi dentro Saporetti ed Edera.

    • 17 Giugno 2017 in 15:06
      Permalink

      Seconda a me …..Luca… penso anchio che hai ragione ..Questi giovani possono fare la diferenzia ….

  • 19 Giugno 2017 in 17:37
    Permalink

    “Non molte cose, ma in profondità”….!

    Grazie a Luca Savarese e ad Emanuele Dotto per questa magistrale intervista, intrisa di cultura e di ricordi calcistici, personali e radiofonici!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI