LA FINALE DI FIRENZE MI HA RICORDATO DA VICINO LO SPAREGGIO DI VICENZA, di RIccardo Schiroli

schiroli-slide(Riccardo Schiroli) – Quando il Parma venne promosso in Serie B nel giugno del 1973, pensai che era successa una cosa grandissima. Ricordo bene la giornata in Giardino (come noi bambini di allora chiamavamo il Parco Ducale…) e le bandierone crociate che iniziarono ad apparire a un certo punto: “Ha fatto gol Sega”. Giulio Sega, classe 1944, era il mio giocatore del Parma preferito. Probabilmente perché aveva la maglia numero 7, la stessa che indossavo io nel mio campionato più glorioso da calciatore (per la verità, l’unico: avevo fatto diversi gol per la seconda squadra dell’Arsenal di Marore) della mia vita di atleta di lo storico gol di sega nello spareggio di vicenza foto gazzetta di parmascarso successo. Ricordo benissimo la foto del gol di Sega pubblicata dalla Gazzetta di Parma: ritraeva il portiere dell’Udinese Zanier in disperato, quanto inusuale, tuffo all’indietro. Non mi è mai stato chiaro se Sega, superato il terzino dell’Udinese Pighin (un nome che mi era piaciuto moltissimo; classe 1951, era uno dei giovani più in vista del campionato), avesse voluto crossare o tirare. Fatto sta che Zanier valutò male la palla e fu battuto inesorabilmente. Aveva 25 anni Zanier, nato nel 1948 e purtroppo morto ancora giovane (nel 2003) a causa di un infarto. Quel giorno avrebbe subito un altro gol, di Volpi. Carlo Volpi (classe 1941) era, stando agli articoli di Attilio Fregoso, un centravanti arretrato. Che è un ossimoro bellissimo, molto più dell’attuale falso nueve con cui verrebbe inquadrato oggi.
parma 1972-1973Quel Parma, e la sua versione corretta che si piazzò quinta in Serie B l’anno dopo, restano le squadre che ho più amato in vita mia. Ricordo anche una formazione, che scriverò come si faceva una volta, e che probabilmente risulta un mix delle 2 stagioni: Bertoni, Donzelli, Capra; Andreuzza, Benedetto, Daolio; Sega, Regali, Volpi; Colonnelli, Rizzati. Allenatore Giorgio Sereni (1935-2010).
A Sereni mi lega un ricordo. Ero a Venezia per una radiocronaca del Parma negli anni ’90. Mi si avvicina un signore e fa: “Salve. Mi può aiutare ad avere l’autografo di Taffarel per mio figlio? Sa, gioca in porta…io mi chiamo Sereni, ho allenato il Parma, ma lei non può saperlo…”. Come, no?! “Ma lei è uno dei miei miti”. Non so se glielo dissi o se l’ho solo pensato (quando sono in servizio, sono talebano quasi come il direttore di questo sito…). Però l’autografo per il pargolo (Matteo, classe 1975, a quel tempo era nelle giovanili della Sampdoria, ma giocherà, oltre che nella Samp, con Torino, Lazio e Ipswich Town) lo procurai.

CONSEGNA COPPA E FESTEGGIAMENTILa finale di sabato 17 Giugno 2017 contro l’Alessandria mi ha ricordato molto da vicino quello spareggio. Anche nel 1973 il Parma tornava nel calcio che conta dopo un fallimento, la Serie D (“siamo andati in trasferta a San Secondo”, diceva sempre mio padre), una stagione sofferta. L’anno prima era arrivato secondo dietro il Del Duca Ascoli di Carletto Mazzone (58 punti contro 50; per arrivare allo spareggio con l’Udinese, nel 1973 il Parma nel girone A ne aveva fatti 52; terza si era piazzata proprio l’Alessandra con 51) nel girone B e allora in Serie B saliva solo la prima di ogni girone. Allora i calciatori di Serie C erano semi professionisti. Difficilmente a fine carriera restavano nel mondo del calcio, tanto che Alberto detto Pippo Rizzati (che l’anno della promozione segnò 15 gol) ha poi lavorato sulle piattaforme petrolifere fino alla pensione. Concludo (salomonicamente) che era un altro mondo ed era anche un altro calcio. Ma aggiungo che le emozioni restano le stesse.

Guidolin-riceve-Gialloblu-doro-da-Manfredini3.jpgNel momento in cui torniamo (ebbene sì, lasciatemi ricordare che ho assistito alla nascita dei Boys da “insider”, nonostante la mia dichiarata militanza milanista…) nel calcio che conta, mi sono preso la briga di andare a controllare: il Parma la Serie B l’ha giocata 26 volte, la prima nella stagione 1929-1930, l’ultima nella stagione 2008-2009. Essere in B oggi sembra un sogno, visto che nell’estate del 2015 eravamo per Tribunali, ma è anche vero che nella storia recente del Parma c’è ben altro e che tifosi e società hanno il diritto di sognare di poter presto tornare ad assaporare la gloria dei vertici.

 

twit condòA questo proposito, mi sento anche di andare controcorrente rispetto a chi vorrebbe cancellare (per non fare nomi, ma solo i cognomi, i giornalisti Andrea Schianchi e Paolo Condò) la storia del Parma perché i successi sono stati ottenuti quando la proprietà era Parmalat. Mi chiedo cosa vuol dire. Perché la gestione del gruppo Parmalat ha portato al disastro che conosciamo, significa che chi ha fatto il suo lavoro sul campo o alla scrivania per il Parma o i tifosi che hanno gioito si devono rimproverare qualcosa? Io non penso proprio. Ma invito gli illustri colleghi a pensare cosa avrebbero potuto scrivere sulle influenti colonne della gloriosa Gazzetta dello Sport al riguardo della gestione del Parma calcio allora. Anziché riservare sorrisini a chi, come il sottoscritto, certi dubbi aveva avuto il coraggio di sollevarli. Pur lavorando per un editore legato a doppio filo al gruppo Parmalat.

spareggio di vicenza parma udineseTornando a quel mitico spareggio del 1973, in rete (clicca qui) si trova un filmato realizzato da Fabrizio Pallini. Si noterà che l’Udinese giocava in maglia verde. Accadde perché i friulani si erano presentati con una maglia simile a quella dell’Ajax e la Lega impedì di utilizzare i colori biancorossi per timore che fossero stati scelti per compiacere il pubblico di Vicenza. Inutile aggiungere che, da allora, l’Udinese e i suoi tifosi ritengono che il verde porti male. Guardando i primi minuti del filmato, trovo strepitoso i pantaloni a zampa d’elefante di alcuni crociati impegnati a ispezionare il terreno di gioco. Riccardo Schiroli

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “LA FINALE DI FIRENZE MI HA RICORDATO DA VICINO LO SPAREGGIO DI VICENZA, di RIccardo Schiroli

  • 21 Giugno 2017 in 13:38
    Permalink

    Io non ho ovviamente vissuto quelli anni, però ho vissuto lo spareggio di Bologna. Firenze mi ha dato più emozioni per tutta la storia che c’è dietro.

  • 21 Giugno 2017 in 14:36
    Permalink

    Bellissimo, quel giorno ero in giardino anch’io a girare sui grilli con gli amici e a chiedere del Parma, sino all’apparire delle bandiere..!

    Grazie per averlo ricordato.

  • 21 Giugno 2017 in 15:14
    Permalink

    Le sciocchezze contenute nelle affermazioni di Condò (riportate nell’articolo), sconfortanti di per sé se esternate da un “comune” tifoso, si palesano deprimenti e financo fastidiose quando risultano fuoriuscite dal lessico di un giornalista sportivo (peraltro competente e preparato). Come si fa ad affermare che i successi dell’allora Parma AC siano stati costruiti con i denari depredati agli ignari risparmiatori? Il crac Parmalat è stato sì devastante per tutto il tessuto sociale locale e nazionale, ma non è certo stato causato dalla mala gestione del Parma Calcio che, al contrario, ha portato benefici enormi sia in termini finanziari che commerciali alla casa madre. La bancarotta fraudolenta della quale si sono macchiati i soci e gli amministratori di Parmalat è stata determinata da un efferato assalto alle casse dell’azienda, e non certo dall’acquisto di calciatori. Calciatori che venivano regolarmente stipendiati e svolgevano il loro lavoro sul campo in maniera evidentemente egregia. Pertanto bene farebbe Condò a risparmiarsi certe affermazione oppure, per onestà intellettuale, si soffermi con altrettanta sicurezza sulle modalità con le quale Berlusconi acquistò il signor Lentini e tanti altri campioni grazie ai quali il Milan ha dominato nel panorama calcistico per oltre un decennio. Già, ma quella si chiamava finanza creativa…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI