SPOGLIATOI PORDENONE / I VIDEO DELLE CONFERENZE STAMPA DI MISTER TEDINO E DEL PRESIDENTE LOVISA

Bruno Tedino Parma Pordenone semifinale(Andrea Belletti) – Mister Bruno Tedino vuole dire solo grazie ai suoi. Un ringraziamento spontaneo che arriva dopo una prestazione oltremodo positiva dei suoi calciatori. “Stasera abbiamo dimostrato di saper giocare a calcio Abbiamo disputato una partita molto matura concedendo solo due tiri in porta al Parma Dispiace per il risultato perché avremmo meritato di più ma il calcio è questo. Ciò non toglie che in questa stagione i ragazzi hanno fatto ancora meglio rispetto all’ottima stagione passata”. Poi il mister dei neroverdi si sofferma sull’operato dell’arbitro. “Quando il direttore di gara ha fermato una nostra azione d’attacco per i crampi di Baraye ci siamo incazzati molto, ma non voglio addossare a Pillitteri la croce. L’operato dell’arbitro non ha influito sul risultato”. Presidentee Mauro Lovisa Parma Pordenone SemifinaleProdigo di complimenti per i suoi giocatori è anche il presidente Mauro Lovisa: “Usciamo a testa alta anche se avremmo dovuto crederci un pizzico in più. Dobbiamo accettare le sconfitte. Da quando siamo passati a 4 in difesa siamo riusciti a mettere in difficoltà il Parma. Purtroppo il calcio è spietato ma se fossi un tifoso del Parma non sarei contento. Magari la squadra andrà in serie B ma nelle tre gare giocate quest’anno contro i ducali abbiamo sempre dominato sul piano del gioco. Comunque posso garantire che su queste basi il Pordenone anche l’anno prossimo sarà protagonista”. Andrea Belletti

LE CONFERENZE STAMPA DEL PORDENONE

Riprese di Alessandro Filoramo (Wire Studio)

MISTER BRUNO TEDINO

PRESIDENTE MAURO LOVISA

16 pensieri riguardo “SPOGLIATOI PORDENONE / I VIDEO DELLE CONFERENZE STAMPA DI MISTER TEDINO E DEL PRESIDENTE LOVISA

  • 14 Giugno 2017 in 08:23
    Permalink

    Se sarà derby la vedo male…. secondo me soccomberemo sugli spalti e in campo….

  • 14 Giugno 2017 in 08:58
    Permalink

    Tanto di cappello a Tedino e Lovisa…due persone rare in questo calcio malato.

  • 14 Giugno 2017 in 09:24
    Permalink

    Ci sono stati i sintomi durante il campionato,
    ieri sera la conferma, IL PARMA DEVE RISALIRE IN B.
    Se non lo avete ancora capito, andate ad un corso accelerato
    di scanterina!!!

  • 14 Giugno 2017 in 10:20
    Permalink

    Non so voi, ma io farei più di un pensiero a prendere Tedino come allenatore del Parma per il prossimo anno. Sia in caso di B, sia in caso dovessimo restare in Lega Pro. È un allenatore brevissimo, capace di far giocare molto bene le sue squadre e, di conseguenza, di far divertire il pubblico. Inoltre, ha fatto tanta gavetta e sarebbe prontissimo, a mio parere, per allenare anche in categorie superiori. Io,fossi nella nuova società, ci penserei molto seriamente.

    • 14 Giugno 2017 in 11:06
      Permalink

      Secondo me non ricordate più gli allenatori di serie A, i vari Asta, Franzini o gli obesi tipo Tedino sono allenatori che hanno grossi limiti, magari spiccano in Lega Pro come possono spiccare Baraye o Munari, ma se uno è sopra la media si vede già da giovane anche come allenatore, nessuno di questi farà una gran carriera.

  • 14 Giugno 2017 in 10:37
    Permalink

    Complimenti per il gioco e la sportività dimostrati. Siete 2 persone rare nel mondo del calcio.

  • 14 Giugno 2017 in 10:43
    Permalink

    Tedino ottimo allentare. c è un progetto però dietro che non ti porta in un paio di stagioni in serie A o B. dipende anche dalla piazza e da quanto esigente è.
    sull’ arbitraggio per i criticoni visto che girano diversi commenti in rete poco gradevoli quanto segue:
    l’ intervento su scozzarella era da rosso;
    l’ intervento su baraye pure;
    2 ammonizioni esagerate in pochi minuti sui ns hanno messo ancora piu’ in difficoltà la squadra;
    l’ azione fermata in contropiede con 3 a terra doveva essere fermata molto prima visto che lo scontro è stato brutto e il direttore di gara era a pochi passi. poi è sicuramente fastidioso che ti fermino così ma effettivamente sembrava accaduto qualcosa di grave;
    alla luce di tutto questo con che coraggio dai un rigore su una azione veloce dove pure sei lontano al 120 esimo.
    gara difficile da arbitrare ma errori in buona fede ne ha commessi parecchi.

    • 14 Giugno 2017 in 12:19
      Permalink

      Per me il rigore non c’era – il giocatore si era preparato allo scontro e appena arrivato vicino a Frattali ha iniziato a cadere.

  • 14 Giugno 2017 in 11:44
    Permalink

    A parti invertite, NOI saremmo usciti dai gangheri, a dir poco.. altro che palle..

    ma siccome è tutto stato a nostro favore, come il fallo di mano (di gomito) di Baraye in barriera .. non segnalato, allora ci sta che l’arbitro faccia qualche errore.. Certo, io la penso così da sempre, ma se era contro di noi, inutile scommettere che tutti sarebbero stati pronti a urlare al complotto.. e questa si chiama Ipocrisia.

    Comunque niente di nuovo: Abbiamo giocato come al solito, cioè come NON giochiamo da mesi.

    E poi, allibito, sento dire “in finale voglio vedere il mio parma” ma che parma vuol vedere d’aversa? quello che non c’è mai stato? Non siamo ciechi o stupidi. Il suo gioco è quello. Dopo mesi I suoi “tanto decantati” concetti abbiamo ben visto che sono quelli. C’è poco da girarci intorno.

    ma questo allenatore non l’avevano preso per vedere finalmente una prospettiva di gioco, al di là dei risultati?..
    Son mesi che si aspetta. Eh, già, memorie corte, anzi cortissime.

    Ieri sera ancora a ribadire a metà partita, che non importa il bel gioco, ma conta solo vincere.. certo, trattandosi di una semifinale, ci sta, ma questa cosa è così da sempre, e non da ieri, fatto per cui mi preoccupo un “tantino”, perchè vorrei anche divertirmi andando allo stadio. Ma si sa dipenderà dal fatto che son vecchio e dal fatto che non capisco nulla di calcio.

    Ripeto da parte mia ORA mi prendo il risultato che in questo momento è quello che conta davvero, ma sul resto stendo un pietoso velo, che è meglio.

    Il Pordenone ci ha dato una VERA lezione di calcio. Senza essere il RealMadrid, e gli mancavano pure i giocatori più significativi, soprattutto in fase di realizzazione.

    Siamo penosi, ma andremo in B. Nonostante tutto. Tutto lo fa presagire. E conta solo questo al momento.

    Di Sacchi (citato non ricordo da chi giorni fa) in questa semifinale abbiamo portato solo il fattore C
    e ci è bastato, per fortuna.

    In sostanza se eravamo in debito con la fortuna, come qualcuno dice, allora ieri sera il debito è stato saldato con gli interessi.

  • 14 Giugno 2017 in 11:56
    Permalink

    Arbitro da lega pro o forse dilettanti.

    Saranno pure errori in buona fede, ma tutti a nostro favore???

    Il nostro Parma vincerà i play off non meriti sportivi,

    ma per la Provvidenza Divina….(e non dico altro)!

    P.s.un grazie di cuore ai tifosi presenti a Firenze l’unica nota positiva.

    • 14 Giugno 2017 in 14:40
      Permalink

      a me sinceramente non è parso che gli errori arbitrali siano stati tutti a ns favore.
      il direttore di gara mi pare che non abbia nemmeno mai arbitrato una gara di serie B. quindi dico buona fede e partita difficile.
      l’ errore lo ha commesso la lega a mettere un giovane ancora inesperto davanti a partite così. del resto quelli bravi sono già in vacanza da un po’ visto il calendario/formula assurda di questi play off come già denunciato.
      culo si è avuto , innegabile.
      comunque prima di fare toto mercato su giocatori e staff vediamo di star vicini alla squadra. da sabato sera o lunedì a mente fredda ognuno farà le sue conclusioni.
      forza ragazzi!

  • 14 Giugno 2017 in 13:21
    Permalink

    Tedino ha un contratto in corso e il presidente del Pordenone se lo terra’ di sicuro. Se cosi’ non sara’…fossi nella dirigenza del Parma ci farei piu’ di un pensiero.
    La partita ha dimostrato che si puo’ giocare bene senza grandi nomi…avessero avuto una migliore coppia di attaccanti per finalizzare le loro ragnatele di passaggi corti negli ultimi 16 metri per il Parma sarebbe stata una severa sconfitta.
    Posto che la B e’ meglio conquistarla sul campo, chiedo agli esperti del regolamento aggiornamenti circa la situazione degli eventuali ripescaggi. Quali e quante sono le societa’ attualmente a rischio iscrizione e qual e’ il termine per effettuarla ?

    • 14 Giugno 2017 in 14:58
      Permalink

      nessuna, anche la Ternana è stata praticamente acquistata ieri

    • 14 Giugno 2017 in 16:40
      Permalink

      Tedino sono 2 anni che lavora tranquillo, se lo porti qui in lega pro con l’obiettivo di vincere la gente inizia a massacrarlo dopo 2 partite, ha dei concetti di gioco che non realizzi in un mese

  • 14 Giugno 2017 in 14:35
    Permalink

    Beh c’era un rigore x noi su iacoponi nel primo tempo cosi c’era quello per il pordenone al momento del gol…ma l ultima azione era da giallo x simulazione…
    A reggio dicono che abbiamo rubato ma nessuno parla dei due rigori non dati al livorno…

  • 14 Giugno 2017 in 17:35
    Permalink

    Ieri non siamo stati favoriti dall’arbitro che ha fatto errori x ambo le parti. Il Parma avrebbe da recriminare per due espulsioni (falli su Scozzarella e Baraye) ed un paio di rigori abbastanza netti. Anche io sono d’accordo che il rigore al 120 era un giallo netto x simulazione. Sul gioco ho già detto che ai punti avrebbero meritato loro ma non esageriamo a dire che siamo stati umiliati, se alla fine del primo tempo Nocciolini segnava il 2 a 0 nessuno poteva recriminare e la partita sarebbe stata diversa. Il Pordenone il gol lo ha fatto con una mischia su calcio da fermo non con chissà quale trame di gioco e Frattali sinceramente avrà fatto due parate di ordinaria amministrazione. Poi il calcio è bello xké ciascuno ha opinioni diverse…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI