CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Ma il cielo è sempre più giallo-blù…

gianni-barone.jpg(Gianni Barone) – Il blu, anzi, l’azzurro, è il colore che meglio rappresenta il nostro paese, quindi un colore che dovrebbe stare a cuore un po’ a tutti, anche chi, nel calcio come nella vita, mostra orgogliosamente una certa propensione all’esterofilia, cioè a chi mostra esagerata simpatia o preferenza per tutto ciò che si fa o si pensa all’estero, o che da questo proviene. E in questo momento, nel calcio di casa nostra, inteso più come Parma che non come Italia, occorre essere, forzatamente o allegramente, fate un po’ voi, esterofili o per le meno amanti di ciò che proviene dall’estero per garantire solidità e continuità ad un progetto sportivo di rinascita iniziato due anni fa. L’arrivo d’investitori e di capitali stranieri dovrebbe essere salutato, dagli sportivi, dai tifosi, dagli appassionati, dai cronisti e Lizhang3dagli addetti ai lavori e da chi ne beneficia in termini di spettacolo, nel miglior modo possibile. Perché altrimenti tutto sarebbe più difficile da attuare, tutto sarebbe impossibile, tutti i sogni sarebbero destinati ad essere infranti. Se non si attendesse con trepidante speranza, l’arrivo di un  Godot, non d’oltralpe e neanche d’oltrecortina, ma addirittura d’oltremuraglia (se la stessa esistesse ancora culturalmente e politicamente) tutti i discorsi che si fanno legati al futuro del PARMA, -iniziando dalla campagna acquisti, che tanto infiamma e appassiona visita lizhanganche i lettori di questo sito –, sarebbero destinati al niente, a nulla, a nada. Chi arriverà o è già arrivato dovrebbe essere il benvenuto anche per gli scettici, per chi non ci vuole credere e per chi vorrebbe che il cielo fosse sempre più blu. Purtroppo le tinte del nostro cielo dovranno, giocoforza, mutare, non c’è remissione, dobbiamo abituarci a convivere, e dobbiamo sforzarci di essere tutti un po’ di più esterofili, anche se l’esercizio potrebbe risultare, a più, improbo. Noi che abbiamo sempre coltivato, nel calcio, come nella musica, nel cinema, nella letteratura, istinti contrari dobbiamo fare uno sforzo supplementare per riuscire ad accettare di buon grado tutto ciò. bennatoNoi che al rock d’oltreconfine, tanto amato ed acclamato, abbiamo sempre preferito quello di Bennato e che negli anni Settanta-Ottanta, abbiamo cercato, nei nostri viaggi all’estero, di esportare la poesia di Rino Gaetano con la sua “Aida” o il suo “Il cielo è sempre più blu”, e che abbiamo preso ad ispirazione, adattandolo, per il titolo di questo pezzo, noi, dicevo, che abbiamo tutto questo, non dobbiamo considerarci, in queste situazioni di confine, a mal partito o in difficoltà, anche noi , dobbiamo fare buon viso a cattivo gioco (speriamo in campo di no), e dobbiamo accodarci di buon grado a quelle che sono le logiche di mercato.

prof sassaroliAhiahiahai, che brutte parole che mi sono uscite: logica e mercato, anche per il calcio come nella vita, nella musica, nel cinema e nella letteratura, dove sarebbe meglio ispirarsi ad altro che vada in direzione opposta alle logiche e al mercato appunto. I grandi comunicatori tirano in ballo, in questi casi, la poesia, legata ai gesti, all’imprese, alla passione che si nutre per questo sport. Ma c’entra davvero la poesia in questo mondo che celebra MARADONA, come sportivo e uomo ideale, dopo il conferimento di una cittadinanza onoraria di NAPOLI, che io francamente stento a comprendere, o che magnifica e saluta con soddisfazione l’accordo tra il Milan e Donnarumma, il quale dopo la querelle del suo rinnovo (che ormai ha rotto le 2017-06-25-11-08-19scatole un po’ a tutti, mi perdonerà Schiroli…) ha pensato bene di non presentarsi all’Esame di maturità da privatista, per correre in vacanza ad IBIZA, per incontrare, forse, e sfidare a non so cosa, quel buontempone di Bobo Vieri? No, non lo so, qualcuno potrebbe obiettare, che i miti non si toccano e non si criticano, nel caso MARADONA, a me basterebbe capire quello che dice nelle sue sconclusionate conferenze, e che se uno che strappa un contratto da 6 milioni per lui, uno per il fratello, e chissà quanto ancora per amici e parenti tutti, che interesse può avere ad andare a meritarsi il diploma di ragioniere.

Un travet, un fallito di meno, si fantospotrebbe affermare, un campione in più che andrà ad arricchire, oltre che sé stesso, la sua famiglia e il suo procuratore (sempre ammesso che ne abbia bisogno) l’immaginario collettivo dei tifosi, fatto di sogni e di poesia, appunto. Ecco che la nostra teoria, che molti potrebbe considerare dettata dall’invidia, crolla miseramente. Ma non è di questo che si voleva parlare, quando siamo partiti dall’arrivo a PARMA di colui, che tutti sperano, faccia le fortune del club crociato. Il mercato appassiona, infiamma, ma ancora non decolla, se non nello spazio commenti del nostro sito a margine degli articoli di qualche autore, che dimostra, più di morosky faggianochiunque, entusiasmo per l’operazione. Però tornando alla preferenza per l’azzurro e per le liriche di Rino Gaetano e del suo e nostro cielo che dovrebbe essere sempre più blu o azzurro, appunto, non possiamo, citando i versi della canzone che ci sta ispirando “Chi a torto o ragione… chi reagisce d’istinto, chi ha perso, chi ha vinto, chi mangia una volta, chi vuole l’aumento (Donnarumma l’ha ottenuto n.d.a), chi cambia la barca felice e contento (forse qualche agente di calciatori n.d.a.), chi come ha trovato, chi tutto sommato, chi sogna i milioni, chi gioca d’azzardo”, non riportare quanto dichiarato, in tema di procuratori e non solo, da Carlo TAVECCHIO, Presidente FIGC, nonché Commissario della Lega di Serie A, seppblatternell’audizione presso la Commissione Antimafia, e cioè “Al presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, abbiamo chiesto un’iniziativa per un provvedimento generale europeo sui procuratori. La nostra richiesta rivolta alla Uefa per andare oltre il concetto della Fifa, quanto meno in Europa dovrebbe esserci una normativa sui procuratori univoca e specifica per tutti i Paesi. I procuratori sono stati l’ultimo colpo di coda della gestione Blatter con la deregulation. I sistemi erano prima controllati con attività soggette a esami per far parte di un albo dei procuratori. Blatter ha ritenuto di togliere tale prerogativa di controllo e verifica a tutti sanno l’avversione del sottoscritto contro Blatter. Abbiamo un registro che non è un albo, 896 soggetti che pagano 500 euro a iscrizione e che diventato atavecchiogenti”. Credo che quello che afferma il presidente federale, con la sua solita schiettezza e semplicità, sia senza dubbio da sottoscrivere, ma non per pura demagogia, perché non si risolvono i problemi attaccando solamente i procuratori, anzi si tratta di una professione che implicherebbe, come era parzialmente una volta, lo studio di materia specifiche e regolamenti al fine di formare l’agente e di renderlo eticamente e moralmente all’altezza per confrontarsi in maniera seria e costruttiva con i propri assistiti e con le società di calcio. Occorre essere contro il sistema, contro i parrucconi, contro conferenza calciatori parma con lucarelli 2le lobby e le consorterie che purtroppo popolano il mondo del pallone. Lo abbiamo già affermato occorre lottare per un calcio più pulito e lo stesso TAVECCHIO sempre nella stessa audizione ha allargato il suo atto di accusa alle scommesse affermando: “Il Parlamento italiano ha deciso che le scommesse non sono più reato. Lo avete deciso voi, non so, perché quelle in nero erano un’enormità. E adesso ci sono furbi, furbetti, nel sistema c’è un canale difficile da controllare. Cosa facciamo noi c’è l’UISS (Unità investigativa scommesse sportive n.d.a) per le scommesse anomale, anche durante le raiolapartite le segnalazioni arrivano alla Procura federale. Io non ho prerogativa di controllo. Le scommesse, monitorate in tempo reale con l’ausilio dell’ informatica questo è ciò che auspico”. Questo tema e quello dell’etica  dei procuratori sarebbe interessanti svilupparli anche attraverso il parere dei tifosi e degli sportivi di StadioTardini.it, ma temo che il calciomercato e l’arrivo di chi dovrà gestire il club  siano argomenti sicuramente più stimolanti. Consoliamoci con il canto di Rino Gaetano e della sua “Aida”, intesa come ITALIA:  “Aida come sei bella. Aida le tue battaglie, i compromessi, la povertà, i salari bassi la fame bussa… e poi il ritorno in un paese diviso più nero nel viso più rosso d’amore”. E si come sei bella AIDA agli occhi degli altri che sono appena arrivati o che arriveranno, quanto fai gola “fra antilopi e giaguari, sciacalli e lapin”. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

27 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Ma il cielo è sempre più giallo-blù…

  • 8 Luglio 2017 in 00:11
    Permalink

    Vuoi diventare procuratore? Studia e sostieni un esame come a scuola o in un concorso pubblico.

  • 8 Luglio 2017 in 00:49
    Permalink

    si il cielo e sempre piu giallo blu concordo ma gialloblu come parma o frosinone ? visto che a parita di condizioni tutti scelgono frosinone ………dopo ciano anche dezi va a frosinone

  • 8 Luglio 2017 in 07:12
    Permalink

    -11 e siamo ancora a 0 giocatori tutto OK?

    • 8 Luglio 2017 in 08:39
      Permalink

      Si x me si..io sono sulla nave per la.corsica…stai sereno..

  • 8 Luglio 2017 in 07:48
    Permalink

    È’ semplice capire il motivo, qui promettiamo chiacchiere a Frosinone invece soldi….

  • 8 Luglio 2017 in 09:03
    Permalink

    cannelle e cannelloni eccoci tornati

  • 8 Luglio 2017 in 10:19
    Permalink

    Jdm ti prego non dimenticare di darci le tue sensazioni di agosto. Quest’anno non voglio perdermi l’occasione di scommettere il contrario, così giusto per arrotondare. Mi piace vincere facile

    • 8 Luglio 2017 in 21:47
      Permalink

      penso che ti ammalerai ,ma alla fine ci salterai fuori

  • 8 Luglio 2017 in 13:51
    Permalink

    Un discreto mercato da squadra di lega Pro. Ha senso prendere così tanti over svincolati saturando i pochi slot disponibili?

  • 8 Luglio 2017 in 22:14
    Permalink

    caro douglass a cassio non si dice a caval donato non si guarda indietro ……………

  • 8 Luglio 2017 in 22:15
    Permalink

    scusa douglass a cavl donato non si guarda in bocca ……….

  • 8 Luglio 2017 in 22:43
    Permalink

    Saggio Douglas…
    per prendere il topo serve pazienza…
    e…del formaggio buono..

    ..calma e gesso …giusto Direttore ?

    chi i ghan tutt pressia …sema parti pian e ..magari ..a rivema fort…
    nes pol mia saver …
    ..

  • 9 Luglio 2017 in 08:30
    Permalink

    Come sempre ieri di gaudio e gagliolo presi oggi trattativa arenata….solito discorso senza soldi non viene nessuno…dalle parole di faggiano che ha detto che faremo 3 anni in b quest’anno speriamo di salvarci…

  • 9 Luglio 2017 in 09:42
    Permalink

    Ma per caso Tacopina e Perinetti sono andati in Ciociaria?

  • 9 Luglio 2017 in 09:55
    Permalink

    -10 e siamo a 0 acquisti ancora tutto OK?

    • 9 Luglio 2017 in 12:02
      Permalink

      Stamattina in Corsica era nuvolo…ma verso le dieci è uscito il sole!qui si tutto bene..
      Avete x caso ansie da prestazione?
      Le parole di Faggiano credo siano pretattica…e quello che scrivono i giornali non credo siano le pure verita!

      • 9 Luglio 2017 in 13:05
        Permalink

        Exactly Joe ” parole ..parole …parole … We are Parma …
        Seria A in one year …..

  • 9 Luglio 2017 in 10:39
    Permalink

    moroni giusto calma e gesso d altronde FAGGIANO e’ stato chiaro 3 ANNI DI ASSESTAMENTO IN SERIE B poi iniziera un bel progetto .Quindi prendiamocela con calma ragazzi meglio essere chiari l unica cosa perche’ faggiano parla tanto con giornali di napoli e palermo e quando v in tv parma lo sento dire nulla fare cazzietoni toglersi sassolini com dici piovani non sarebbe meglio che questi programmi li illustrasse a parma aniche a palermo ?

  • 9 Luglio 2017 in 11:13
    Permalink

    “Niente di grande è
    stato fatto al mondo
    senza il contributo della passione.”

    Georg Hegel

  • 9 Luglio 2017 in 12:20
    Permalink

    Devono arrivare i bonifici dalla Cina poi il mercato esplode

    • 9 Luglio 2017 in 18:57
      Permalink

      esatto,del resto i fuochi artificiali li hanno inventati i cinesi ,vedrai che botti

  • 9 Luglio 2017 in 14:13
    Permalink

    Speriamo solo non si fermino a Frosinone questi bonifici che li non ne hanno bisogno hanno money a palate!

    • 11 Luglio 2017 in 12:49
      Permalink

      devo ammettere che stirpe vale come 7 ns + un Tycoon cinese

      cosa vuoi che ti dica sara’ il suo mestiere ,c’e’ anche da dire che e’ partito in vantaggio e ci vorranno anni per fare il suo fatturato

  • 12 Luglio 2017 in 22:01
    Permalink

    Ma è vero che il Parma sta trattando Hegel?http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_scratch.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI