CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / CENTROCAMPISTA OFFENSIVO CHI?

gianni barone(Gianni Barone) – L’arrivo al PARMA del centrocampista Jacopo Dezi, giunto quasi all’improvviso, quando tutti i soloni e i tromboni lo davano per certo verso altri lidi (Bari in primis), sta destando oltre che entusiasmo da parte de tifosi, anche interesse per quello che sarà il suo inserimento all’interno dello scacchiere tattico crociato, anche alla luce delle sue prime dichiarazioni. “Sono un centrocampista offensivoil modulo (sic qualche lezioncina di tattica non farebbe male)  forse più adatto a me è il 4-3-3. Sono una mezzala, quindi le mie caratteristiche sono offensive. Mi piace andare all’attacco e farmi trovare pronto in area di rigore”. Un manifesto programmatico chiarissimo il suo, anche se aldilà dei numeri e delle apparenze, qualche discorso sul ruolo di questo nuovo giocatore andrebbe fatto. E mi jacopo dezispiego meglio: oramai non vi sono più tabù; tutti conoscono alla perfezione i ruoli del calcio moderno, con la  zona  che non è più privilegio di pochi eletti, ma che è diventato patrimonio comune, tutti sono in grado di decifrare le frasi di Dezi per capire il destino tattico da lui indicato per la descrizione delle sue caratteristiche. Che cos’è un centrocampista offensivo, alla fine della fiera? E’ uno che va all’attacco, verrebbe da rispondere di primo acchito, o meglio è un giocatore che dalla sua zona di competenza, durante le azioni di possesso palla della sua squadra, cerca e trova la possMauro_Sandreani e Gianni_Cerquetiibilità di effettuare gli inserimenti, le penetrazioni, per sorprendere la difesa avversaria e arrivare in zona gol eludendo le coperture preventive e non (Sandreani). Detto in questo modo, non vi sono dubbi o stravolgimenti d’interpretazione, la mezzala (moderna mi verrebbe da aggiungere) come dice Dezi ha caratteristiche prettamente offensive. Tutto questo sulla carta e in teoria, ma sul campo, come si traduce questo tipo di propensione sin qui descritto con molta naturalezza e con molta semplicità? Chi si sa inserire diventa un’arma in più in possesso alla squadra, una sorta di valore aggiunto quando è abbinato all’abilità di vedere, si usa dire in gergo,  bene la porta. Ma questo tipo di ruolo non è che sia  molto diffuso nel nostro calcio e inserimenti mezzalesoprattutto non ha grande storia, perché quando si pensa ad un centrocampista offensiva subito viene in mente il trequartista che gioca tra le linee in un sistema a rombo con il mediano basso davanti alla difesa, quello che è definito il fantasista, il creativo, quello che guardava di più alla fase di possesso, quindi quella offensiva, non curandosi delle cosiddette transizioni negative che portano la squadra a subire quando si passa alla fase di non possesso. Tutto questo gran discorso per dire, che la mezzala nel 4-3-3 o nel 3-5-2 oltre ad attaccare gli spazi in fase di possesso deve nella fase opposta attaccare anche gli avversari, all’occorrenza rincorrerli, ingaggiare con loro duelli aerei o forzare tactransizioni negativekle a palla bassa. La mezzala non è un mezzo giocatore o una mezza f…, il trequartista a volte, e a volte lo è anche troppo. Questa la differenza, questa l’evoluzione dei ruoli al punto che molti allenatori, vedi SPALLETTI nell’ultima Roma con Nainggolan, tendono ad affidare il ruolo di trequartista, di fatto, ad una mezzala in modo da renderlo efficace in entrambe le fasi. L’evoluzione di questa specie di centrocampista sta mettendo alla luce, gradualmente, veri specialisti del ruolo, che potremmo definire, in base ai numeri e alla statistiche, tali, solo quando, nel corso di una campionato, riescono ad andare in gol con una certa frequenza, sempre in proporzione al lavoro di campo e di corsa svolto. E’ ovvio che se ad un’attaccante di buon livello, e in ogni tipo di categorie, si richiede un bottino superiore ai dieci gol, ad un centrocampista offensivo si richiede hamsik.jpgalmeno un score da 6 gol in su, questa soglia viene superata da non molti giocatori nei vari campionati. Infatti se si pone come raggio di osservazione la stagione passata, limitatamente ai campionati da me seguiti, e cioè serie A, B, e Lega Pro, nei professionisti e serie D e Promozione per quanto riguarda i Dilettanti, viene facile individuare, in base alle realizzazioni, chi sono i centrocampisti offensivi che si sono maggiormente messi in mostra. Vale a dire su tutti spicca Hasmik (Napoli) con 12 centri seguito dal già citato Nainggolan (Roma) con 11, terzo Dzemaili (Bologna) con 8. In serie B, invece il primatista è Iori del Cittadella con 8, ma in questo caso non si tratta di una mezzala che s’inserisce, bensì di un mediano centrale molto abile nel risolvere le mischie in seguito a calci piazzati indiretti o corner,seguono poi a quota 7 Mora (SPAL) parmense di nascita che è finiPizzarotti Dezi Faggiano Insigne foto parma calcio 1913to in serie A, e appunto anche DEZI (Perugia) che è arrivato da poco al Parma e ha già segnato in amichevole contro il DRO. Se scendiamo direttamente tra i Dilettanti della nostra zona, tralasciando la D e l’Eccellenza con poche rappresentanti del nostro territorio, troviamo nel Campionato Promozione ben 5 centrocampisti offensivi capaci di mantenersi, come segnature, oltre la soglia dei 6, nell’ordine con 9 Urbano (Brescello), con 8 Tognoni (Carignano) e D’Urso (Piccardo), con 7 Bottali (Marzolara conIMG-20170117-WA0016_resized 3 rigori, però) e con 6 il giovane classe 1998 Nicholas BARONE (Langhiranese), che oltre esser stato il miglior marcatore under 19 del torneo (peccato che nessun santone blogger di calcio minore lo abbia segnalato), mi deve sopportare, con tutte le mie paturnie di natura tattica, essendo mio figlio, e , a volte, si vede costretto a dirmi, alla Trapattoni, “Bravo” in luogo di  “stupid”. Questo è il quadro, dimenticanze comprese, infatti oltre ai responsabili del Settore Giovanile Parma e loro scudieri che si scordano di alcuni giovani di valore, o li confondono con degli omonimi, ci siamo accorti che nella lista dei centrocampisti offensivi migliori mancano due epigoni come Rigoni (protagonista col Genoa nella stagione 2015-16) e soprattutto PAROLO capostipite di questa genia che seppur non abbia brillato in fatto di gol (si fa per dire: solo 5, di cui 4 in una sola partita), nella scorsa stagione, in precedenza, con le maglie di Parma, Lazio e Nazionale, aveva, sotto l’aspetto che stiamo trattando, incantato per abilità e scelta dei tempi slide parolo jolly bargiusti negli inserimenti in zona gol. Ma tornando al discorso iniziale non sono ancora in tanti a sviluppare, in materia di tempi di gioco perfetti, questo tipo di attitudine, perché il senso tattico è difficilmente allenabile, chi si butta dentro lo fa con il proprio istinto calcistico, non esistono scuole e non esistono maestri, si tratta di una dote che se ben dosata accresce il tasso di imprevedibilità che può assumere, nell’economia di una gara, la manovra di una squadra. Però questa dote, nei giovani, va scovata e liberata, e non tutti leonardi lucarelli palmieri slidegli allenatori, dei settori giovanili soprattutto, sembrano essere in grado di poterlo fare. Si cercano, ostinatamente altre peculiarità: il passo, la struttura fisica, il palleggio in poche parole la bellezza tecnico-estetica, spesso, un po’ fine a se stessa. Quindi chi possiede questo tipo di giocatori, talvolta anche non raffinatissimi dal punto vista tecnico ed estetico, se li tiene molto stretti e se, come nel caso di DEZI, cambiano maglia, chi ne acquisisce le prestazioni deve essere in grado di sfruttarne al massimo le qualità. Perché, se volete, sarà una banalità, o forse no, con i gol supplementari dei centrocampisti si vincono i campionati e si ottengono le salvezze. Questo non occorre dimenticarlo come non occorrerebbe FESTIVALBAR 1983 VITTORIO SALVETTIdimenticare, a livello di media e non solo, chi si batte, nell’indifferenza, generale, per diventare premier allo scopo di cambiare e migliorare il paese (ancora troppo simile ad un Festivalbar). Ma questo è un altro discorso che esula dal calcio e dallo sport. Qualcuno potrebbe dirmi BRAVO, qualcun altro no, o peggio ancora stupid, ma non certo ciocolaté: però ogni tanto le polemiche servono a smuovere, oltre che le coscienze, la costante abitudine a ripetere e dire quanto scritto ed affermato da altri in onore delle pubblica e banale moralità. Vero? Gianni Barone

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL PARMA IN RITIRO A PINZOLO / DEZI CHIARISCE: “NELL’ULTIMO MESE E MEZZO NON HO RILASCIATO DICHIARAZIONI: LE PAROLE A ME ATTRIBUITE NON SONO STATE PRONUNCIATE DA ME”

PARMA-DRO 4-0: IL TABELLINO DELLA TERZA AMICHEVOLE DEI CROCIATI – GLI HIGHLIGHTS DAL PROFILO FB DEL PARMA CALCIO 1913

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

29 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / CENTROCAMPISTA OFFENSIVO CHI?

  • 2 Agosto 2017 in 08:24
    Permalink

    Ciao Gianni buongiorno,
    mi “appoggio” al tuo articolo per il consueto
    AGGIORNAMENTO ABBONAMENTI a martedì 01 agosto u.s. :

    5.700 tessere …ForzaParmaCALDO 2017

    mauro morosky

  • 2 Agosto 2017 in 08:34
    Permalink

    Io su DEZI, dopo averlo visto solo per mezz’ora, nel secondo tempo di Pinzolo, mi sono voluto sbilanciare molto ( CON LE DOVUTE PROPORZIONI TECNICHE E DI CATEGORIA ) :

    per struttura fisica, passo, tecnica e facilità di vedere il gioco, OLTRE A QUELLA DI INSERIRSI, mi ha ricordato il primo PLATINI, inizio anni ’80 alla Juve..
    concedetimi l’ardire ma…ottima impressione ( indipendentemente dal basso spessore degli avversari.
    moro

    • 2 Agosto 2017 in 12:30
      Permalink

      Possiamo andarci piano? Al limite paragoniamolo a Parolo, dai 😉

    • 3 Agosto 2017 in 09:47
      Permalink

      Mauro, non facciamo di Dezi un fenomeno alla Platini, non lo è e non lo sarà mai, piuttosto ti faccio una domanda,
      MA IL NOSTRO ALLENATORE SARA’ ALL’ALTEZZA DEL PARMA?
      o si comporterà come in serie Pro, con scelte di modulo e formazioni molto discutibili?
      Partire con la stessa difesa non è un rischio?
      in B ci sono punte velocissime e forti fisicamente, e è con la difesa coperta da un interditore davanti, che si vincono i campionati.
      O mi sbaglio?

      • 3 Agosto 2017 in 14:32
        Permalink

        Giorgio, non ho fatto di Dezi un fenomeno e non ho detto che è Platini: ho scrito che, nel modo di giocare e, nelle movenze in campo, gli assomiglia.
        PUNTO, IL PARAGONE FINISCE LA.
        LUI E’ DEZI Jacopo da Atri, pur giocando in Serie B, nel 2014 ha giocato 4 volte con l’under 21 …

        del MISTER, come forse saprai NON NE HO MAI PARLATO e continuerò, oggi , A NON FARLO :
        ho però già scritto che, quest’anno, ANCHE PER LUI, visto che gli è stata COSTRUITA UNA ROSA SU MISURA, sarà il BANCO DI PROVA nel quale dovrà DIMOSTRARE DI CHE LANA VA VESTITO:

        a Collecchio, QUANDO ARRIVERA’ IL BOMBER ATTESO, chiunque esso sia, purchè di PRIMA FASCIA, ci sarà un GRUPPO MOLTO FORTE ED IMPORTANTE …per lottare al vertice..
        quindi non ci saranno scuse o balle…
        IO GLI AUGURO BUON LAVORO, COME SEMPRE, A LUI, AI SUOI COLLABORATORI TECNICI e a tutti i calciatori…

        sulla copertura di un INTERDITORE TOSTO DAVANTI ALLA DIFESA ..con me, sposi la causa giusta, e, in questa squadra ne abbiamo due :
        uno è CICCIO CORAPI e l’altro…voglio dire pure la mia ….per me potrebbe farlo GIANNI MUNARI…
        con DEZI e SCAVONE o BARILLA’ ai lati …
        punto …io e te ci capiamo ..
        non sbagli !!
        ciao
        Moro

  • 2 Agosto 2017 in 09:11
    Permalink

    Barone ,i casi sono due o cambiamo modulo o cambiamo allenatore http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    anni fa lo chiamavo mercato random e majo si inalberava ahahahah

  • 2 Agosto 2017 in 09:34
    Permalink

    DEZI sul centrodestra con Munari panchina.

  • 2 Agosto 2017 in 09:51
    Permalink

    morosky,

    come sempre esageri….Dezi a Platini?

    Se fosse così il Napoli lo avrebbe tenuto….

    E’ un buon giocatore che deve farsi le ossa.

  • 2 Agosto 2017 in 10:41
    Permalink

    ….Insieme a Parolo metterei pure il Buon Stefano Morrone…era un centrocampista che aveva ottimi tempi di inserimento e spesso e volentieri era a tu per tu con il portiere…peccato i piedi come due ferri da stiro….

    Capitolo attaccante : al momento è tutto fermo e non si sentono nomi…credo che il nostro parco attaccanti Under sia già a posto cosi..non mi andrei a immischiare in prestiti onerosi per avere un Pinamonti o un Cutrone…abbiamo bisogno di un attaccante di categori che la butti dentro…tra i papabili:

    – Caputo : a Bari dal 2011 al 2015 :142 pres. 45 + Entella dal 2015 al 2017 80presenze 36gol
    – Gilardino (svincolato) : Carriera invidiabile ma ultimi 4 anni ha girato tra genoa bologna guanzu fiorentina palermo empoli pescara : 150pres. 47gol, 0 nell’ultimo campionato
    – Cacia : ultimi 4 anni 160presenze 65gol
    – Ardemagni : ultimi 4 anni 134pres. 53gol
    – Giuseppe Rossi : ottimo acquisto ma da valutare per gli infortuni ( svincolato)
    – Avenatti : (svincolato ma sembra promesso al bologna) 137pres. 30gol

    A voi l SCELTA….

    • 2 Agosto 2017 in 11:24
      Permalink

      se no puó venire Caputo …..Giuseppe Rossi

  • 2 Agosto 2017 in 10:47
    Permalink

    mi sono voluto sbilanciare molto

    CON LE DOVUTE PROPORZIONI TECNICHE E DI CATEGORIA

    la premessa la dice lung no ??
    sono coi piedi per terra e ben piantati…
    ho scritto di una certa somiglianza di movenze…e capcità tecniche..

  • 2 Agosto 2017 in 10:48
    Permalink

    Grandes medios de costrución de juego …. Xavi Hernandez , Pep Guardiola , Pirlo , Veratti ….etc …etc…etc

  • 2 Agosto 2017 in 10:57
    Permalink

    In attesa di Caputo abbiamo cercato Lopez ma è troppo veloce..

    https://www.tuttomercatoweb.com/parma/?action=read&idnet=cGFybWFsaXZlLmNvbS0xMjcyNzQ

    Sembra che Faggiano stia ingaggiando Cassano per girarlo all’Entella … paghiamo tutto noi in fondo gli YUAN non ci mancano ora….

    Comunque ci sono ancora 24 giorni prima dell’inizio del Campionato e 29 dalla fine campagna acquisti c’è ancora tempo…

    P.S. Pinamonti in prestito qui prodest?

  • 2 Agosto 2017 in 11:06
    Permalink

    Majooooooo, ferma Barone che ha dei deliri di onnipotenzaaaaaaaa, oggi ha scritto a Dezi che “qualche lezioncina di tattica non gli farebbe male”, va bene tutto ma qualcuno faccia capire a Barone che Dezi non è un teorico e un osservatore della tattica, è uno che la applica sin dall’infanzia e con risultati che sono noti a tutti, Barone insegna la tattica a Dezi quanto io la Pornografia a Rocco Siffredi.

    • 2 Agosto 2017 in 11:50
      Permalink

      credo si riferisse alla risposta del giocatore”il mio modulo preferito 4-3-3″, in effetti si tratta di sistema di gioco non modulo

      • 2 Agosto 2017 in 13:19
        Permalink

        sofismi ,io l’unico sistema di giocare che conosco e’ 11 contro 11 e vinca il migliore e tifando per il parma ,speremo de no

  • 2 Agosto 2017 in 11:30
    Permalink

    Barone mi fa l’effetto soporifero di Bar Sport il lunedì sera. Per fortuna con questo caldo facendo fatica a prendere sonno mi è molto utile.

  • 2 Agosto 2017 in 14:22
    Permalink

    In effetti, il MODO DI GIOCARE, anche se tanti allenatori pensano di avere inventato chissa cosa di nuovo, è 11 contro 11:

    giusto “jdm”: tu puoi disporti come vuoi, se gli altri sono + bravi e corrono, almeno quanto te, 9 su 10 vinceranno sempre , poche cannelle !!

    Poi ci sono i sistemi, le tattiche, il fuorigioco altissimo ma…tu corri, cerca di correre + dei tuoi avversari, e, se hai piedi e compagni buoni…
    chietor i polen fer col chi nan voja mo i pardaran 10 pesci ( desz pess )
    ..
    il pressing di 3 giocatori in 10 mq su di un avverario ?
    ebbene, in qualche zona del campo, due dei miei compagni saranno liberi ..o no ?
    ..
    io sono convinto ,da sempre, che il 4-4-2 sia il sistema per meglio coprire il campo in assoluto e, sicuramente ,meno dispendioso del 4-3-3 …sia per gli attaccanti sia per i tre centrocampisti ….

    poi, se in mezzo hai MODRIC E TONY KROS, davanti RONALDO BALE e MORATA …dietro RAMOS, MARCELO, FERNANDINHO ..poco che inserisci …a podema ugher anca mi e Luca …can tribulema miga a fer la Serie A ….
    tal dig mi..

  • 2 Agosto 2017 in 15:34
    Permalink

    O se dispone de Messi, Suarez , Iniesta ,Xavi ,Puyol ,etc etc etc. .Se juega un bel 4 – 3 – 3….y gana y hace el mejor juego que has visto en la historia de Calcio mundialmente …
    Voglio dire. ..depende I giocatori que hanno e la scuadra contrario. …..
    4 – 4 – 2. …va sempre bene. …anche un 3 – 5 – 2. ….va bene also etc etc etc…… diciamo per noi con humildad objetivo Vincere. ..Se possiamo fare spectaculo meglio pero se no. …Le tre punte va de puta madre

  • 2 Agosto 2017 in 15:50
    Permalink

    Rossi lasciamo stare.
    non è una punta vera e le condizioni fisiche le conosciamo.
    i numeri li ha, ma non è quello che ci serve.

    • 2 Agosto 2017 in 17:26
      Permalink

      Hai ragione. ..era piú pensando Che Lui é un Talismán per Noi di Vincere. …quelcosa romantico. …
      Meglio un 9 puro

  • 2 Agosto 2017 in 15:53
    Permalink

    Ma i cinesini non dovevano arrivare prima dell’esordio in coppa??
    Dai che ormai siamo al mese……
    Inizieremo il campionato senza ancora una società…..

    • 2 Agosto 2017 in 20:36
      Permalink

      per giocare l’importante è AVERE UNA SQUADRA..con di bon..
      i cines i polen river anca a dicembor par mi …acsì a fema nadel insema

    • 3 Agosto 2017 in 10:27
      Permalink

      Una società attualmente c’è e anche solida, i 7 attualmente sono al comando al 60% e mi pare che si sono rivelati affidabili e capaci di una doppia promozione, se i cinesi tardano o salta addirittura il passaggio dell’ulteriore 30% io non sono preoccupato.

  • 2 Agosto 2017 in 16:50
    Permalink

    Basta andare in Piazzia Ghiaia….sono lì….

  • 2 Agosto 2017 in 22:46
    Permalink

    Complimenti per gli acquisti.Considerato che per il campionato cadetto quattro milioni di monte ingaggi sono da considerare un limite pericoloso da superare per un adeguato e consono equilibrio finanziario,qualcuno ha fatto una botta di conti dopo gli ultimi acquisti.In base a ciò che trapelato nei media l’asticella si sta pericolosamente alzando ricordando che alle cifre nette apparse occorre aggiungere il 40% di tasse varie.Sono,a mio avviso,pericolose per le finanze future anche le modalità di acquisto:l’obbligo di riscatto ha solo spostato di dodici mesi il saldo,significa che tre milioni di euro circa sono già impegnati,e non sono pochi anche in caso di promozione e disastrosi in caso di permanenza nella categoria,anche in virtù dei contratti pluriennali.

    • 3 Agosto 2017 in 09:48
      Permalink

      …e quindi? dobbiamo anche fare i tutor contabili/finanziari?

  • 3 Agosto 2017 in 00:31
    Permalink

    Appoggio Davide senza offesa, ad un terzo di articolo mi è caduto la palpebra…..sig Barone , deve essere più succinto !

  • 3 Agosto 2017 in 10:32
    Permalink

    Stanotte non avendo acceso il clima per risparmiare in un’impeto di piòcioneria ho tentato la carta articolo di Barone per prendere sonno. Ma devo dire che co 30.° in casa non è stato sufficiente, ho dovuto aggiungere una puntata di Bar Sport del 2016 (l’anno della D) e un video di Damiano Tommasi a Collecchio.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI