CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PRESIDENTI IN CERCA DI QUALCHE BUON AUTORE…

gianni barone(Gianni Barone) – Ne abbiamo sentite di tutti i colori, negli ultimi tempi, però in quest’ultimo fine settimana penso che si sia stabilito un record: quello di parole inopportune sparate, a mezzo stampa, in libertà, senza vergogna, da parte dei cosiddetti padroni del vapore, cioè i presidenti di squadre di calcio. Si è sentito di tutto: molti si sono anche indignati, qualcuno non ci ha fatto caso, qualcun altro invece si è preso la briga di commentare. Di certo c’è che, fra proclami, minacce, esternazioni varie, qualcuno ha superato il limite della decenza. Presidenti che chiedono il rispetto delle regole, da parte dei calciatori, quando sono loro stessi o dei loro colleghi che spingono gli stessi (i calciatori) a non rispettarle (le regole). Andando a memorie le dichiarazioni del presidente dell’Entella, Antonio Gozzi, sono un chiaro segnale di contraddizione con quello che sono i normali comportamenti da parte gozzi contratti carta da cessodi tutte le parti in causa. E mi spiego meglio: come si fa ad invocare e a chiedere squalifiche o provvedimenti analoghi, per i calciatori che non onorano o non rispettano i contratti, quando alla base di tutto ciò o dietro a tutto ciò c’è un’altra società, quindi un altro presidente, quindi un collega, che tenta o invoglia il calciatore a cambiare squadra? Emblematico il caso CAPUTO, inseguito dal Parma, per quasi tutto il periodo del calciomercato. E’ ovvio che se un calciatore punta i piedi sul rinnovo di un contratto ha le spalle coperto da un eventuale, miglior, ingaggio, da parte di una società. Quindi o il presidente è un ingenuo o vuole prendere in giro tutti, quando afferma che s’impegnerà in Consiglio di Lega, affinché si trovi una strada, da indicare poi al Consiglio Federale, per scoraggiare tali atteggiamenti. Il Consiglio di Lega composto da altri suoi colleghi presidenti, caputo empoligli potrà anche dar ragione a parole, ma nei fatti qualcuno di sicuro dei componenti del suddetto Consiglio, si è trovato, almeno una volta, ad aver inseguito un calciatore sotto contratto ed averlo contattato separatamente dalla sua società di appartenenza. Moralmente ed eticamente, ciò che afferma Gozzi, potrebbe anche essere condivisibile, però se il CAPUTO della situazione, invece di essere obbligato ad onorare il contratto fino alla scadenza, viene ceduto all’Empoli ad una cifra importante per la categoria, e di fatto viene accontentato, ecco tutte le ragioni messe in campo vengono a decadere. Poi se aggiungiamo, che in questa vicenda, iniziata con il corteggiamento del PARMA nei confronti del giocatori, grazie ai danielefaggiano-750x330buoni rapporti passati fra il D.S. Faggiano e il giocatore,  e che il PALADINO della giustizia, Gozzi, si sia impegnato a fondo per mettere i bastoni fra le ruote al Parma stesso, ecco che tutto si completa. Inoltre il paradosso è che proprio nel giorno dell’amichevole dell’amicizia per eccellenza, si materializza il passaggio dell’attaccante all’Empoli, con buona pace di tutti rendendo ancora più amaro l’epilogo della vicenda per chi sperava nel rafforzamento offensivo della squadra crociata. Gli amici dell’EMPOLI che soffiano sotto il naso, l’oggetto del desiderio, lungamente inseguito, di fatto assurgono al tifo parma empoliruolo di nemici, senza che nessuno, nel clima di festa della gara, lo faccia pesare, il che depone certo a favore della civiltà sportiva del popolo e dell’ambiente tutto del PARMA calcio. Incassare il colpo con signorilità e sportività non serve molto al potenziamento della rosa, ma rende sicuramente onore. Ma mentre si compiva tutto ciò ecco che da altre parti riecheggiano, severe e pesanti le parole di Lotito, che oltre a prendersela con i procuratori (e chi non se la prende sempre con loro…) con lo strapotere che diventa, a suo avviso, abuso di potere, sul caso Keita, che a differenza di CAPUTO, non viene accontentato e deve rispettare il contratto. Se ciò avverrà fino alla fine cellino ghirardi stadiotardini itdella sessione di mercato, Lotito propone a GOZZI una soluzione del problema, di sicuro poco onerosa, per la Società in causa, ma nei fatti molto efficace. Quindi presidenti che s’indignano, che parlano e che straparlano come nel caso di Cellino, neo presidente del Brescia, che poteva certo avanzare di sdoganare uno come Tommaso Ghirardi, tristemente ex del Parma. Ma la provocazione, perché di provocazione si tratta, serve a capire il clima e serve a capire che il calcio avrebbe bisogno di facce nuove. Vedere Cellino e GHIRARDI abbracciati fa venire i brividi di disgusto e non servono i messaggi etici lanciati da Sky su un nuovo inizio, sotto ogni aspetto, del IMG-20170819-WA0019_resized (1)calcio e tutto ciò che ruota attorno ad esso. Per attuare un nuovo inizio basterebbe che qualcuno stesso zitto (Cellino), e qualcun altro (Ghirardi) non si facesse più vedere nella sfera della sfera (cuoiata). Poi si potrebbe discutere di tutto, di cambiamento di regole e di rispetto delle stesse, senza far indignare o scandalizzare nessuno.  Accontentiamoci di ciò che abbiamo, suggerisce qualche romantico, ma il tempo del romanticismo, di fronte a certe dichiarazioni, credo stia per scadere. Nel frattempo i giorni del calcio mercato si stanno per esaurire, circa un decina ancora, i giorni dall’inizio, nuovo o vecchio che sia, del campionato si assottigliano e il nostro sguardo si rivolge alla squadra di D’Aversa, che nell’amichevole con gli parma empoli undici inizialeamici/nemici dell’Empoli ci restituisce, aldilà delle assenze per infortunio, un volto ben preciso di una squadra che ancora non ha  una vera identità tattica offensiva, che potrebbe essere svelata dell’arrivo del tanto agognato attaccante centrale (a questo punto chi sarà? Mitra Matri?), mentre in difesa gli arrivi di Gagliolo, di Germoni, e anche del giovane Sierralta restituiscono fiducia e garanzie per il tecnico, in tema di ricambi e alternative. A centrocampo, dove sembrava esserci abbondanza e varietà, complice l’assenza temporanea di Scozzarella, si sta aprendo qualche discussione sull’impiego GianniMunari-750x330di Munari come play, giocatore sempre molto gradito ai tecnici e meno ai tifosi i quali stravedono per Corapi la cui adattabilità alla categoria e al ruolo di vice SCOZZARELLA, può destare ancora qualche perplessità. Nel ruolo di play le interpretazioni sono varie a seconda di quale tipo di gioco si richiede, certo fare dei paragoni fra MUNARI, Scozzarella e Corapi, viste le differenti caratteristiche tecniche e fisiche dei tre, non pare proponibile sarebbe come confrontare in fisica grandezze non omogenee. Oppure sarebbe come, per tornare indietro nel tempo quando esistevano veramente più moduli, e non come ora in cui l’unico modulo Ciccio Corapi Parma Empoli foto parma calcioadottato è quello a zona, confrontare il centromediano sistemistica (del modulo a Sistema) più difensivo e più fisico con il centromediano metodista (del modulo a Metodo appunto) più tecnico e più portato alla costruzione della manovra. Ecco Munari più sistemista, Scozzarella più metodista, Corapi, ancora non si sa cosa. Tutto dipende dall’interpretazione che si vuole alla manovra al gioco, tutto dipende da come s’intende iniziare la prima impostazione, oltre a dovere trovare alternative quando, come successo nel campionato scorso (ma anche con il Bari in Coppa, nell’unica gara ufficiale stagionale), la squadra avversaria marcherà a uomo un elemento come Scozzarella, privando di fatto la squadra, dell’unica vera fonte di gioco. In quel caso occorrerà trovare alternative sia di uomini che di gioco.  Niente di nuovo sotto il sole, quindi, in questo mix di tutti i frutti di dichiarazioni incaute e volte fuori luogo di presidenti in cerca di qualche buon autore che sia in grado di correggere loro i testi, onde evitare cadute di stile e figuracce. Meno male che in mezzo a questo rock and roll di bassa lega, ballato da alcuni discutibili personaggi, il  Parma, ancora si differenzia, visto che la sua presidenza risulta essere ancora virtuale e di conseguenza non esponibile a dichiarazioni, scivoloni e peggio ancora autogol che alla VAR del buon senso e della ragionevolezza raramente sfuggono… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

50 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone / PRESIDENTI IN CERCA DI QUALCHE BUON AUTORE…

  • 21 Agosto 2017 in 17:05
    Permalink

    Lopito mo mama ke pantiò etor ke VARriale NON fa male

    Gli altri esseri cominciando dal pilolò sono esempi da

    NON seguire dai giovani x un calcio migliore e regolare

    Fuori dai maroni !!!! NON vi vogliamo….il calcio ve lo diamo noi

    FORZA PARMA !!!! meglio provinciali ke mezze vie sui viali !!!!

  • 21 Agosto 2017 in 17:21
    Permalink

    Aspettare sia per i giocatori in uscita sia per quelli in entrata l’ultimo minuto dell’ultimo giorno di calciomercato per acquistare o per vendere, PUÒ ESSERE MOLTO MA MOLTO PERICOLOSO facendo fare al diretto interessato, in questo caso Faggiano se sbaglia i tempi di vendita o di acquisto. la classica figuraccia parmigiana la così detta
    “FIGURA DEL PITO”
    Certe certezze inerenti a certi acquisti o certe cessioni possono improvvisamente arenarsi e lasciare il nostro Faggiano in braghe di tela o molto più realisticamente in mutande.
    Lo scorso mercato invernale quando vedemmo due quinti dell’attacco (Guazzo ed Evacuo) prima di acquistare i sostituti o relegare.Miglietta fuori rosa per un intoppo finale
    docet….
    Caro FAGGIANO sei giovane, un errore così eclatante lo si e potuto perdonare ma poi basta
    Herrare humanus est ma….
    PERSEVERARE EST DIABOLICUM
    K

  • 21 Agosto 2017 in 17:28
    Permalink

    Cellino spero non venga quando ci sarà
    Brescia Parma
    Gli amici dei nostri nemici
    NON LI VOGLIAMOhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

  • 21 Agosto 2017 in 18:46
    Permalink

    Matri è uno dei pochi “vecchi blasonati” che accoglierei a braccia parte. Il suo l’ha sempre fatto dovunque è andato.

  • 21 Agosto 2017 in 18:59
    Permalink

    Parma é Calcio con storia…..Parma é cittá con storia …
    Luigi Pirandell é Siciliano é grande per me …
    e Siciliano ….anche no dimenticare ” Parma e i due Sicilie ” —questa storia nessuno puo iradicare ….
    Questo no é un problema ….

    https://www.youtube.com/watch?v=cEhP2a8I4Ok

    Tranquillos ….Forza Faggiano …Forza la Societá di Parma Calcio 1913 …..
    É per favore …no piangi troppo …son cose di perdedores

    • 21 Agosto 2017 in 20:08
      Permalink

      duoglas ,por favor non ho voglia di andare alla pagina 777 di televideo

    • 22 Agosto 2017 in 13:39
      Permalink

      Lasciamo stare tema 9 …per un momento …..neanche il 777 televideo …
      Un momento di Cultura Parmense …che fa un reflexione de Teatro Regio …La Grand Cultura Parmese de Opera che mi ha fatto sapere la mia Nonna de Cassio Parmense ,,,
      Possiamo cercare anoligia oggi con che Vogilamo per nostro amato Parma qui ….per alquni …podarsi ce quelquno che vuol rompere i cogiioni …no problem …We are accustomed to that …Siamo forte i buoni …sempre vinciamo incontro i mali ….
      Vive Luigi Pirandello …Pietro Mascagni …La Cavelleria Rusticana ..Teatro Regio …La Lirica …..
      Lo dico ” Bada Santuzza …schiavo non ….ecc. ecc
      file:///C:/Users/dougl/Downloads/Gazzettadi%20parma%202a.pdf
      Forza Parma

  • 21 Agosto 2017 in 19:08
    Permalink

    non riesco piu’ ad avere astio ne odio per Ghirardi ,ho dato due anni prima degli altri ,odio di piu’ chi lo ha incensato fino alla fine e adesso scrive e gira per parma con la facccia da tolla

  • 21 Agosto 2017 in 19:21
    Permalink

    Matri?
    Se arriva
    SIAMO DA A
    Io ci credo
    Ha la stessa età di Pazzini, sono nati nello stesso mese e Pazzini ha portato il Verona in A.
    Sarebbe un colpo STREPITOSO
    Spero solo che non sia la solita “butade” e spero che non si aspetti tempo a definire l’acquisto per non fare la solita asta ( vedi Caputo”) e la solita figura da poli
    TERGIVERSANDO va tutto a puttana….http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gif

    • 21 Agosto 2017 in 20:05
      Permalink

      Caro ” The Rock ” per mi curiousitá quanto gettoni …scusatemi gol ha fatto Matri stagione scorsa ….? Historicamente sempre mi é piacuto questo 9 ….
      Cordialmente
      Douglas

      • 22 Agosto 2017 in 00:10
        Permalink

        Douglas Matri ha fatto 8 gol nella scorsa stagione ( in serie A sottolineo) giocando poco.
        UN SIGNOR GIOCATORE
        PER IL PARMA SAREBBE MANNA PIOVUTA DAL CIELO.
        Non vorrei però che tutto fosse un vigliacco bluff
        Certo, se anche questa volta ci dovesse andar buca e il giocatore si accasasse altrove dopo Caputo,la societa dovrebbe andarsi a nasondere in SIBERIA e…………rimanerci a vita.http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

        • 22 Agosto 2017 in 02:37
          Permalink

          Thank you for the information. ..
          Looks ” Good to Go “..
          Hopefully we will have news tomorrow
          http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 21 Agosto 2017 in 19:41
    Permalink

    Sono andato ad acquistare una bottiglia “da soldi” di PROSECCO e l’ho già messa in frigo.
    SE ARRIVA MATRI LA STAPPO.
    ALTRO CHE CAPUTO.
    Questo è un top player e con lui ci vogliono.10.000 abbonati altrimenti con MATRI chi non si abbona NON È TIFOSO DEL PARMA ma è sotto sotto un testaquadra vestito da parmigiano ma il suo cuore è reggiano anche se lui magari non lo sa.
    Uno può dire di non poter venire allo stadio perché lavora.
    Balle bisogna abbonarsi lo stesso anche se si viene saltuariamente allo stadio.
    Con Matri chi non si abbona sia……….STRAMALEDETTO.http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gif

    • 22 Agosto 2017 in 00:17
      Permalink

      Ho controllato la bottiglia di Prosecco.
      È fredda al punto giusto
      Quando potrò stapparla?
      Domani o al massimo dopodomai o…………..la dovrò scaraventare giù dal balcone?

  • 21 Agosto 2017 in 20:10
    Permalink

    Barone se proprio volevi tirare a mano Pirandello ti dico questo:

    da gozzi ce chi e’ andato con un euro chi e’ andato con nessun euro c’e’ chi e’ andato con centomila ,uno nessuno e centomila il problema le col li

  • 21 Agosto 2017 in 20:57
    Permalink

    Matri sarebbe tanta roba… Etor che cutolo

    • 22 Agosto 2017 in 08:45
      Permalink

      per me caputo era il calciatore piu’ funzionale ad un 4-3-3

      poi ovvio basta che vengono a parma e diventano tanta roba

      a prescindere ,vorrei capire al posto di chi gioca di tanta roba calaio’ ?

  • 21 Agosto 2017 in 22:05
    Permalink

    Ovviamente Matri e Calaiò non possono convivere nel 4-3-3, sono anche convinto che 3/4 gol in più che può fare Matri non possono valere le cifre, 600.000 netti per tre anni,che diventono 850.000 lordi del contratto (per quello che sta emergendo sui media).Mi auguro che siano cifre non veritiere perchè la serie B è infida e se non si centra subito la promozione si rischia tanto l’anno successivo considerando,a quanto pare, anche un monte ingaggi discretamente sostenuto per una non retrocessa dalla A,quindi senza paracadute

  • 21 Agosto 2017 in 23:50
    Permalink

    Dopo gozzi anche il presidente del Benevento si è lamentato delle scorrettezze di una altra squadra …..a cui immagino farà pagare carissimo ceravolo se lo vogliono , immagino non sia il Parma ma altra squadra ma il modus operandi scorretti non mi sembra porti a gran che X fortuna come dice barone che Parma è una società sportiva è corretta

  • 22 Agosto 2017 in 09:24
    Permalink

    il presidente del Benevento mi ricorda un integratore alimentare per anziani ,vigorito

  • 22 Agosto 2017 in 09:34
    Permalink

    Tanta roba avrebbe giocare al posto di Calaiò, così come avrebbe fatto Caputo, che ovviamente solo tu avresti fatto giocare insieme a Calaiò ovviamente.
    Ma non mi permetto di insegnare nulla all’oracolo del web, ci mancherebbe altro…Caputo è molto più forte di Matri, la carriera parla chiaro, non sia mai…

    • 22 Agosto 2017 in 11:31
      Permalink

      punto 1 ,quindi sei d’accordo con me che calaio’ non fosse tanta roba,bene.
      punto 2 la carriera parlava chiaro mi sembra di averla sentita da galassi e minotti su evacuo

      punto 3 ,e’ un mio parere personale dire che caputo mi sembra piu’ sensato in un 4-3-3 perché ho visto giocare sia lui che matri ahime’ ho questa maledetta mania di seguire il calcio,me ne scuso vivamente
      punto 4,come al solito io non offendo nessuno te parti con l’oracolo del web ,ma hai avuto un infanzia difficile ?

    • 22 Agosto 2017 in 11:51
      Permalink

      La presunzione é sempre insopportabile, ma quella dell’oracolo del web é a dir poco indisponente…… sarebbe comprensibile se fosse Moggi in incognito, invece é un frustrato che non ha gestito neanche la squadra di calcetto degli amici

      • 22 Agosto 2017 in 17:01
        Permalink

        fuochino fuochino

  • 22 Agosto 2017 in 09:55
    Permalink

    oggi mi sono svegliato con questa fantasia …
    che andrò a scrivere nell’articolo che, però, uscirà domani, a posteriori del gran galà “cul in aria” ..

    ebbene si, stasera, alla presentazione della squadra e relativi accessori ( maglie e, forse, sponsor )
    mi piacerebbe che Daniele F., il Direttore Sportivo, cucinasse il suo piatto clou della stagione : PASTA ..

    Pasta AMATRI Faggiana con funghi Pinamonti di Appiano Gentile
    ( sarebbe gentile se ce lo prestassero pagando loro il relativo ingaggio col vincolo di farlo giocare circa 20 gare o spezzoni di medesime )
    ..questo sarebbe il mio sogno !!! oggi ore 10.00 in una splendida giornata di presentat ..Parma

  • 22 Agosto 2017 in 10:01
    Permalink

    sarei disposto ad andare pure a Sassuolo in treno …
    mi piglio Alessandro Matri, i suoi bagagli, gli effetti personali
    ( cerchietti per capelli, tatuaggi , scarpe bi-tricolor, occhiali a specchio, gel, cuffie mega giganti che fanno tanto calciatore quando scendi dal pulman societario con in mano il BEAUTY FIRMATO della MapiFashion o della Salato e Gabbiana …)

  • 22 Agosto 2017 in 10:04
    Permalink

    Per la Nargi mandate pure qualcun altro, + giovane ed arzillo, io non saprei come procedere, al di la del servizio TAKE AWAY da Sassuolo a Parma Centro ( eh si, perchè i calciatori VIPPIS abitano tutti in centro ) tipo zona Duomo, zona Piazza Garibaldi, ma anche in zona mista, metà vasca e metà shopping boutiques …per le relative mogli o compagne …( di Borriello )

    • 22 Agosto 2017 in 11:40
      Permalink

      Hoy Mauro has superado todos …Tu sentido de humor es la pera ……. Has ganado todos …. un viento de aire fresca hoy …bueno para empezar el dia ..
      Chapeau ” Crack “

  • 22 Agosto 2017 in 10:35
    Permalink

    Non sono molto convinto dell’operazione Matri, si tratta di un giocatore che negli ultimi anni che in carriera è andato in doppia cifra in rare occasioni. E’ vero che ha calcato palcoscenici importanti, ma senza mai convincere. Si tratta di un ingaggio pesante per un giocatore molto simile a Calaiò (non possono coesistere in questo modulo e non stanno molto bene nemmeno in un attacco a 2 punte). A questo punto vedo anche dei rischi nello spogliatoio, Calaiò non sarebbe felicissimo credo. Inoltre ho letto di un triennale, mi pare un azzardo… non andrei oltre i 2 anni… Evacuo Docet… e mi riferisco alla difficoltà e onerosità di trovargli una soluzione.

  • 22 Agosto 2017 in 11:14
    Permalink

    Buongiorno …
    Io voglio vedere Parma in casa e fuori niente di piú . Vivo in España .No posso avere receptor ecc. Skycalcio perche vivo fuori di Italia . Ce una sistimazione de streaming pagando per tutta la stagione come di Legapro stagione scorsa ?
    Un Saluto
    Forza Parma

  • 22 Agosto 2017 in 11:48
    Permalink

    Scusatemi ma, quello che sarà il nuovo acquisto TITOLARE, chiaramente TITOLARE, deve andare bene per la società, per Faggiano, per D’Aversa oltre a coesistere normalmente con la squadra, BASTA…PUNTO ..FINITO LI…
    non deve necessariamente andare bene per 18 Emanuele Calaiò, il quale è un giocatore molto importante, che ci darà un piede anche nel prossimo campionato, che ci farà divertire ( come ieri con la splendida rovesciata strappa applausi in partitella ) ma è chiaro che giochera ora l’uno ora l’altro …chiunque esso sia …
    si acquistano giocatori bravi, migliori, appunto per migliorare …le performances …o no ?

    • 22 Agosto 2017 in 12:18
      Permalink

      mi piacerebbe poter dire che sia così… ma vediamo… facciamo un’ipotesi, Matri fatica ad ingranare, ma ha la fiducia della società e del mister, e gioca stabilmente al posto di Calaiò. A Gennaio Calaiò se ne vuole andare, non gioca titolare ha 36 anni e ancora 1 o 2 anni di contratto… lo diamo in prestito pagandogli lo stipendio e cerchiamo un’altra punta senza poter spendere soldi perchè paghiamo Calaiò?

      Chiaro che sono ipotesi, speriamo non si verifichino, ma la storia del calcio è piena di episodi simili… facciamo la formazione sulla carta, ma a queste cose qualcuno deve pensare… perchè poi fra pochi mesi ce la prendiamo se qualcuno non le ha pensate

      • 22 Agosto 2017 in 12:25
        Permalink

        L’assurdo sarebbe che staremmo pagando Matri, Calaiò e Evacuo, disponendo del solo Matri, qualora avessimo piazzato Evacuo.

        • 22 Agosto 2017 in 13:25
          Permalink

          A gennaio Calaiò , diciamo nel 2018, compirà 36 anni..VERO , ma il suo contratto, redatto nel 2016, scadrà appunto al 30 giugno 2018 …quindi quell ipotesi li non dovremmo rischiarla…
          poi, il medesimo, lo sa che è stata costruita una DOPPIA SQUADRA, per vincere …diciamo provarci…altrimenti come si spiegano tutti questi mega acquisti ?? che, per la maggior partedei tifosi GNESI, non vanno bene ma, provate a leggere in giro cosa dicono della rosa del Parma ….ma non solo i primi 11 ..diamo un occhiata anche agli altri ..
          poi, come sempre..può succedere di tutto ….magari ciò che è successo negli ultimi due anni ….tra na bala e cl’etra …al nes ris gnan un brut vedar ..

  • 22 Agosto 2017 in 11:53
    Permalink

    Tanto va Faggiano al lardo che ci lascia il Caputo..

    “Morto “un caputo se ne fa un Matri

    Ceravolo, chi era costui ?

    Giovani Pinamonti crescono ( chilù a sol desdot an le fort bomben, l’ho vist a szugher coi grand, gnan na piga ..)

  • 22 Agosto 2017 in 11:54
    Permalink

    ah no, quest anno ha il 9 Emanuele Calaiò..pardon

  • 22 Agosto 2017 in 12:07
    Permalink

    Morosky direi che non fa una piega, è un concetto talmente semplice che non capisco come qualcuno non riesca a capirlo… tanto chiunque venga a Parma sarebbe messo in discussione a priori perchè sarebbe stato meglio un’altro… che do bali

  • 22 Agosto 2017 in 12:11
    Permalink

    Prima Caputo non andava bene perchè costava troppo, poi Ceravolo nemmeno perchè era meglio Caputo(ovviamente), adesso Matri non può giocare con Calaiò e quindi Faggiano nel capisa nienta…no beh ma qui abbiamo il fior fior di direttori sportivi, etor che bali.

    • 22 Agosto 2017 in 13:25
      Permalink

      oh per me il meglio era caputo ,che te devo di

      finche’ me lo consente la costutuzione italiana ,non capisco ma mi adeguo

  • 22 Agosto 2017 in 12:35
    Permalink

    Qualsiasi allenatore li farebbe giocare entrambi…il nostro essendo molto modulo dipendente nn so…

    probabilmente partirà ahime Emanuele e rimarrà il bomber di Pompei come vice…lui può fare la panca , l’arciere giustamente no…

    io almeno in casa li farei giocare entrambi…con quei 2 qua davanti in B basta far arrivare la palla in area….

    io terrei Matri, Calaiò ed Evacuo…nn vorrei fare come l’anno scorso…3 centravanti in una squadra che vuole arrivare prima ci vogliono.

    il duro sarà dar via Nunzella, Garufo e Giorgino…neanche gratis li prendono…

  • 22 Agosto 2017 in 13:12
    Permalink

    ragazzi son più di 40 partite da fare!!! con una rosa di età media piuttosto elevata e con lo stesso Calaiò che i 30 li ha suberati da un bel pezzo chi non vuole una punta che si chiami come si chiami perché potrebbe infastidire l’ ambiente è solo un pazzo.
    lo stesso Arciere penso che si auguri un buon acquisto per non essere anche massacrato da fantomatici tifosi che pretenderanno un reparto d’ attacco da almeno 50/60 goal nella stagione, e perché se lui non ne farà almeno 20 sarà un brocco.
    Caputo era forse più congeniale al 4-3-3. ma un Matri in B può essere un valore aggiunto sia per andare a rete che per far segnare i laterali. con le debite proporzioni anche di categoria come il Cassano della stagione della uefa mancata per le disgrazie poi confermate.
    di cosa stiamo parlando??

  • 22 Agosto 2017 in 13:31
    Permalink

    Ragazzi se arriva Matri ANDIAMO IN A.
    Questo è poco ma sicuro.

  • 22 Agosto 2017 in 13:39
    Permalink

    Di esempi similari a quest’anno con l’affare Caputo ( per colpa di chi chi chi chi chichirichichi ..? ) ne abbiamo visti anche nei due anni scorsi :

    PERA , qualsiasi motivazione per cui non è venuto da noi , mi pare si trovi ancora in Serie D….giusto ? e qui giù a criticare Minotti, Galassi, il trattore e pure Apolloni ..

    SANSONE: se gioca ancora a Novara lo incrocieremo il 3 settembre. .. lo salutiamo ..mettiamo fuori la freccia e stop…nessuno è indispensabile da nessuna parte ….
    hanno venduto Zidane, Ronaldo, Neymar, l’altro Ronaldo, Higuajn …e ne venderanno ancora di bravi ..ma le squadre non rimarranno mai orfane di nessuno …

    ANTENUCCI: giustamente, in luogo della Lega Pro, è andato alla Spal, serie B, poi loro sono saliti ancora ma ora lui ..probabilmente torna indietro ..quindi ..ci si rivede ma..nessun rancore ..ognuno fa le proprie scelte nella vita …dettate dal progetto, dal lato ..

    poi chi altro ci avrebbe rifiutato l’anno scorso ?
    i crociati sono saliti lo stesso ….con 15 ragazzi rinnovati dalla Lega Dilettanti …Serie D..certo, a gennaio c’è stata una cassa INTEGRAZIONE molto oculata ed opportuna che ha leggermente alzato il tasso tecnico del gruppo…
    insomma …c’è che va..c’è chi viene, chi verrà….e c’è pure chi non viene mai ..da solo ..bensì in compagnia ma questo è un altro argomento….veni vidi MATRI

  • 22 Agosto 2017 in 13:41
    Permalink

    ho scritto un pò in presia ma ..il concetto credo si sia caputo …

  • 22 Agosto 2017 in 13:42
    Permalink

    alora ragass as vedema stasira all’ennio ..eddardè la curva….
    e non prendete su nulla nello zaino …la birra c’è la ….i nan portà quator bilic ….28 banchel ed fusten

    • 22 Agosto 2017 in 17:55
      Permalink

      No no portate pure lo zaino con bottiglie NON analcolike

      Tanto nella zona Nord NON ci vuole la tesserahahahah

      E ke maglie ragass na roba da Bagolò al 100% mo mama

  • 22 Agosto 2017 in 15:16
    Permalink

    stasera diretta live in facebook?

  • 22 Agosto 2017 in 16:00
    Permalink

    non riesco a capire perchè Matri non sia titolare nel sassuolo ora che se ne è andato Defrel… avete dato un’occhiata agli attaccanti del sassuolo?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI