PIAZZI A 12 TELEDUCATO: “IL BACINO MIGLIORE PER TROVARE RAGAZZI E’ IL NOSTRO TERRITORIO” (Video)

DOPO TG L'INTERVISTA 12 TELEDUCATO LUCA PIAZZI MICHELE ANGELLA(www.parmacalcio1913.com) – Il responsabile del Settore Giovanile e della Squadra Femminile Luca Piazzi questa sera è stato ospite del “Dopo TG – L’Intervista” di 12 Teleducato, intervistato a 360° dal giornalista Michele Angella. Durante il programma di approfondimento Piazzi ha parlato del rinnovato vivaio della società Crociata, partendo dalla sua storia ed arrivando alle aspirazioni per il futuro del clubLa trasmissione andrà in onda in replica questa sera alle 23 e riproposta nella giornata di Ferragosto, martedì 15 agosto 2017, alle ore 13.45 e 19.

Ecco una sintesi dei suoi interventi:

Chi è Luca Piazzi – “Sono arrivato nel calcio in una maniera un po’ strana, diversa dal solito. Vengo da Cavalese, una zona assolutamente non calcistica, ma più sciistica, ma la passione per il calcio mi ha portato prima a giocare a livelli bassi, poi ad allenare ed infine ad intraprendere la carriera da dirigente, lavorando per dieci anni nel Mezzo Corona e poi per otto a Bolzano nel Sudtirol, dove lavoravo non solo per la prima squadra, ma siccome era un club di dimensioni abbastanza piccole, curavo anche il Settore Giovanile, occupandomi di metodologia, della parte organizzativa, della parte puramente tecnica e dello staff. Ho sempre avuto questa passione per il calcio calcio più che per il management, quindi mi occupavo anche dei più piccoli.”

Perché il club crociato – “Nonostante la scorsa estate avessi avuto contatti con l’Inter e con la Juventus, il Parma, per me, era l’opportunità più concreta, e quella che mi affascinava di più, perché ero convinto che avrei avuto più spazio e più possibilità di mettere in pratica le mie idee e un programma formativo unico per il club. Inoltre, avevo un buon rapporto con il direttore sportivo Faggiano e quando ho incontrato la Società mi ha dato l’impressione di una squadra in ascesa, che stava scalando le categorie del calcio che conta dopo il fallimento e mi è sembrato affascinante il progetto Parma, come mi sembra tuttora.”

Il contatto con Faggiano –  “Il direttore sportivo Faggiano mi ha chiesto se fossi interessato al Settore Giovanile e la cosa mi è piaciuta subito, ma nel frattempo noi del Sudtirol abbiamo giocato con la vostra prima squadra a Parma e abbiamo vinto. Pensavo di avere un po’ incrinato il rapporto (sorride, nda…), invece le cose sono andate bene e si sono concretizzate.”

Il nuovo progetto del Settore Giovanile – “Il Settore Giovanile del Parma riparte dalle ottime basi che sono state create da Fausto Pizzi, Giovanni Manzani e Andrea Monica, che hanno fatto un gran lavoro, considerando che sono partiti con una Società che veniva da un fallimento e che ha perso, soprattutto nelle fasce d’età più alte, le squadre in toto. Nelle fasce minori, quelle che hanno sofferto meno il fallimento perché erano coinvolti ragazzi che dovevano stare in loco, noi abbiamo ottime basi e delle buone prospettive per costruire delle squadre forti. Abbiamo lavorato molto nelle ultime due squadre, perché grazie a questo salto di categoria, affronteremo una Primavera e un Campionato Under 17 e Under 16 contro squadre di A e di B e avevamo quindi bisogno di rafforzare un po’ le squadre. Speriamo di dare un imprinting, soprattutto, una nuova metodologia, una nuova idea comune di calcio all’interno del Parma. Siamo convinti che avremo bisogno di tempo, ma penso già che dopo il primo anno potremmo avere degli ottimi risultati.”

Condivisione di metodologia con la prima squadra – “La nostra idea calcistica di progetto formativo è uguale a quella della prima squadra, non solo per quanto riguarda il modulo e sistema di gioco, ma anche per lo stile di gioco, per l’atteggiamento mentale, per l’identificazione nella maglia, aspetti che nei grandi club esteri hanno permesso di fare la storia. Mi rendo conto che si tratta di un progetto ambizioso e difficile, però qui c’è voglia di calcio e disponibilità e spero tanto di poter perseguire questo progetto.”

Infrastrutture top – “A livello di infrastrutture siamo molto più avanti rispetto a tutte le altre squadre di serie B, però non penso solamente agli impianti sportivi, ma anche alla storia del Parma, alla fame di calcio che ha questo territorio, a tutto quello che ti può dare il brand Parma. È chiaro che noi non dobbiamo pensare che questa mentalità sia automatica, quindi dobbiamo lavorare e dare l’esempio portando la fede per la Maglia.”

Tempistiche di ritorno a grandi livelli – “Tornare in alto? Dipende molto dagli investimenti che potremo fare, anche se non è un discorso che si può legare esclusivamente ai soldi. Se riusciamo a concretizzare il lavoro che abbiamo iniziato, nel giro di 2 o 3 anni si potrebbero vedere già i primi frutti. In questo momento tornare ad essere l’elite e vincere uno scudetto, credo che sia difficile da realizzare, però possiamo ipotizzare di competere con i top club in 2 o 3 anni se iniziamo a lavorare in un giusto modo e se riusciamo a creare il giusto feeling all’interno della nostra realtà.”

La scelta di Morrone, la stima in Bagatti – “Premetto che ho molta stima di Stefano Morrone e ho un buon rapporto con lui. Stefano ha preso questa decisione per una serie di motivi che per me non sono validi, perché ritengo che il campionato Under 17, in cui trovi squadre di serie A, sia decisamente superiore a quello della Primavera, in cui si incontrano squadre di serie B. Detto questo è stata una sua scelta che rispetto. A me piace sempre ripartire e sono convinto che il suo sostituto, Massimo Baratti, sia validissimo per il Settore Giovanile del Parma e lo dimostrerà. Non sono nostalgico, rimarrò sempre un estimatore di Morrone, ma penso positivo.”

Difficoltà dei giovani ad approdare in prima squadra – “Spesso i tecnici hanno poca formazione, soprattutto dal punto di vista mentale e psicologico per riuscire a far crescere e portare quella giusta responsabilità e motivazione ai giovani che affrontano una prima squadra. Spesso i club sono troppo assistenzialisti verso i giocatori, quindi quando un giovane si trova a dover gestire media, pressione e risultato, è in netta difficoltà. La metodologia utilizzata nel Settore Giovanile spesso non ti insegna a dover combattere per qualcosa e non ti insegna ad affrontare le difficoltà. Oltretutto la velocità, i ritmi, la parte agonistica sono troppo labili rispetto a quelli che si possono trovare in qualunque calcio vero. Non parlo solamente delle serie maggiori, A, B o Lega Pro, ma anche della serie D. Credo che la strada migliore sarebbe quella di rivalutare il Campionato di serie D, che potrebbe essere molto formativo per un giovane”.

Il rapporto con le famiglie dei giovani calciatori – “Noi dovremmo vedere la famiglia come un partner fondamentale per la crescita calcistica del ragazzo. Spesso, però, l’atteggiamento di molti genitori non favorisce né quella della persona, né tanto meno del calciatore. Devo ammettere che è un aspetto quasi sempre poco considerato dai club. Noi cercheremo di instaurare un rapporto con le famiglie e nel limite del possibile di fare formazione ai genitori, magari anche due serate all’anno nelle quali si parlerà della gestione di un atleta, facendo loro capire il ruolo dell’allenatore e del club, trasmettendo loro anche qualche nozione sull’alimentazione dei ragazzi che hanno gli allenamenti dopo la scuola e giocano la mattina. Un club dovrebbe proporre questo tipo di attività alle famiglie.”

Il lavoro di scouting – “Penso sempre che la base dei club e in particolare della società Parma dovrebbe essere il territorio, dove stiamo già facendo un ottimo lavoro. Ho trovato una grossa organizzazione che ci permette di controllare il territorio. Credo che dalla categoria Allievi in poi le squadre andrebbero completate con 4 o 5 innesti mirati, che potrebbero aiutarle a diventare importanti. Per quanto riguarda lo scouting extraterritoriale dobbiamo focalizzarci sulle zone raggiungibili con i nostri trasporti, che possono essere Piacenza, Modena o Mantova, per trovare calciatori che ci facciano fare il salto di qualità. Anche dal punto di vista internazionale ritengo che ci siano campionati molto interessanti con cui una società con il brand Parma possa avere un buon appeal: parlo della Polonia, della Francia, del Portogallo e del Belgio. Chiaramente non possiamo pensare di andare a reclutare dei giocatori da Germania, Inghilterra o Spagna.”

Parma e il Parma – “L’approccio è stato ottimo. Qualsiasi persona può avere timore quando arriva al Parma, trattandosi di un club importante, che ha fatto la seria A e ha vinto coppe internazionali; la paura è quella di portare idee che possano non entusiasmare la società. Io invece mi sono sorpreso della disponibilità di tutti nell’avviare un progetto e nell’instaurare un certo rapporto che va a valorizzare le idee di un gruppo di lavoro. Difficilmente mi focalizzo sulle cose belle perché penso sempre a cosa è andato male, per poi migliorare e rifinire e questo mi ha portato a tante soddisfazioni che non avrei mai pensato di vivere. Sono cresciuto con il virus del calcio e l’ho portato avanti da quando avevo 15 anni…”

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO, REGISTRATO NEL BACKSTAGE DEGLI STUDI TELEVISIVI DI 12 TELEDUCATO, CON L’INTERVISTA DI MICHELE ANGELLA AL RESPONSABILE DEL SETTORE GIOVANILE LUCA PIAZZI PER LA RUBRICA “DOPO-TG, L’INTERVISTA”

Stadio Tardini

Stadio Tardini

2 pensieri riguardo “PIAZZI A 12 TELEDUCATO: “IL BACINO MIGLIORE PER TROVARE RAGAZZI E’ IL NOSTRO TERRITORIO” (Video)

  • 12 Agosto 2017 in 00:50
    Permalink

    Sarebbe bello rivedere qualche parmigiano in prima squadra come ai tempi di Dessena e Savi.

  • 12 Agosto 2017 in 11:53
    Permalink

    Manca una punta, uno che abbia L’ISTINTO DEL GOL e non l’istinto della forchetta.
    Ogni riferimeto a giocatori grassi come maiali che vorrebbero venire a Parma a svernare e a” MAGNARE” è puramente casuale.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI