CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Segnati in B ben 96 gol in 3 giornate: 33 in più dell’anno scorso. Parma in controtendenza: 2 gol fatti, 1 subito

gianni barone(Gianni Barone) – Un dato: nelle prime tre giornate di campionato si sono segnati, in B, ben 96 gol: 33 in più rispetto all’omologa giornata dello scorso torneo. Questo cosa significa? Che finalmente anche dalle nostre parti, si è deciso di intraprendere la strada del gioco propositivo, offensivo, d’attacco?  Che finalmente il difensivismo, il gioco sparagnino che aveva contraddistinto per decenni il nostro calcio, ad ogni livello, è morto e sepolto ? Oppure c’è dell’altro? Indubbiamente questa serie B, pirotecnica, sotto l’aspetto delle reti segnate, finora, diverte, fa divertire, e concilia il desiderio di molti sportivi di avvicinarsi con maggiore convinzione alle partite, però, visto che non eravamo abituati, a tanto splendore, non è che ci troviamo un po’ storditi? Tanti interrogativi, inutili, qualcuno obietterà, però calaiò parma bresciadavanti a ben tre 5-1 ed altrettanti 3-3 per non dire dei diversi 4-1, un po’ di stupore  e qualche riflessione potranno pure essere consentiti. Intanto il dato è generale e non coinvolge tutte le squadre, ad essere proprio sinceri, dalle nostre parti, intense come partite del PARMA, tutta questa abbondanza di gioco offensivo e di segnature a ripetizione non si è assolutamente visto, siamo fermi a tre gol in tre partite (2 fatti e 1 subito), quasi tutti su calcio piazzato senza ricorrere ad azioni sfolgoranti tali da far stropicciare gli occhi agli spettatori. Così il record gol di tre gol in tre partite è condiviso con gli sportivi di CARPI, nel loro caso tre gol fatti e zero subiti, che garantiscono alla compagine emiliana, di stazionare, tra la sorpresa generale, in filippo-inzaghitesta alla classifica. Meglio stanno, si fa per dire, quelli che hanno assistito alle partite del VENEZIA, con solo due gol in tre partite, tutti a favore. D’altra parte le vagonate di gol che hanno visto protagonisti, nel bene o nel male, il Pescara di Zeman (18 gol , 10 fatti e 8 subiti) e del Foggia di Stroppa (14 gol di cui 3 fatti e ben 11 subiti) rappresentano l’eccezione: speriamo, mi perdoni Morosky, non diventino normalità. Poiché, rovesciando il discorso, assistere a tanta dissennatezza difensiva, non è che sia il massimo, ma sull’altare dello spettacolo ad ogni costo, per qualcuno, questa situazione, potrebbe apparire non dico divertente, non dico accattivante, non dico… e zeman 1987 parmabasta. Vedere tanti gol, concilia e riconcilia, un po’ tutti, con questo sport tanto amato, ma in mezzo a tante prodezze non è che la percentuale degli errori difensivi sia già abbastanza fuori portata? In effetti in alcune partite – e non solo in quelle di Foggia e Pescara – si è assistito e vere e proprie sagre dell’errore della fase difensiva, con giocatori avversari completamente liberi di giocare e di concludere, e molte in occasioni di attacchi con difese, beninteso, schierate, e  non in occasioni di azioni di rimessa o di ripartenza. Questo sta cominciando a far serpeggiare qualche malumore tra le schiera degli esperti tecnici da microfono e da studio televisivo, che lamentano già scarsa attenzione alle fase difensiva, da parte di numerose formazioni, fino ad arrivare alla conclusione, come affermato dai vari Luca luca marchegianiPellegrini e Luca Marchegiani di SKY SPORT, che si sta perdendo l’abitudine e l’abilità nella marcatura individuale da parte di molti difensore del nostro calcio. Ci troviamo forse all’alba di una fase, non dico moderna ma post-moderna, che privilegia tante cose meno la vecchia, e mai abbastanza digerita marcatura a uomo all’interno dei moduli a zona espressi dai vari sistemi di gioco di cui tutti ormai, crediamo, di conoscere ogni segreto. Ma in effetti in questa fase, ed alcuni gol della terza giornata lo testimoniano, assistiamo a marcature allentate per non dire assenti, all’interno dell’aree di rigore, che una volta venivano violate con meno frequenza. Ad esempio il gol dell’ex crociato Cerri del Perugia contro il Cittadella, rende l’idea sull’assoluta mancanza di applicazione in fase di marcatura stretta, in occasione di ribattuta, all’interno dell’area di porta. Questo e tanti altri casi possono indurre ad Alberto-Cerri_Jos-Mauri.jpgindividuare la tendenza di molti tecnici – e nella serie B di oggi ve ne sono molti che sono giovani, quindi post-moderni, (sabini) – ad abbandonare il criterio, secondo il quale, anche se si è in presenza di coperture a zona quando si entra nel cosiddetto imbuto difensivo, le marcature devono diventare individuali, personali, a uomo in poche parole. Questa tendenza alla copertura a zona integrale in ogni parte del campo e in ogni momento della partita genera gran parte degli errori difensivi che portano a marcature multiple in molte gare di questo campionato. Infatti non sempre vengono, in fase difensiva, rispettate due condizioni essenziali. Primo: essere tra l’avversario e la porta. Secondo: poter avere sotto controllo visivo in contemporanea avversario e palla. Nel caso in cui non sia Mauro_Sandreani e Gianni_Cerquetipossibile soddisfare in contemporanea le due condizioni, una volta, si consigliava di seguire l’avversario e per un brevissimo tempo di gioco non vedere la palla, per non rischiare di perdere il tempo d’intervento sull’avversario. Un tempo si ragionava così adesso forse non più: questioni di modernità oppure chissenefrega: tanto sono i gol che garantiscono lo spettacolo e fanno divertire. Io, col rischio di essere tacciato di vecchismo, antichismo, appartengo a quella sparuta schiera di persone che, per saper se si sono divertite o no, non hanno bisogno di apprenderlo il giorno dopo su una Gazzetta attraverso le cronache di un Grossi o di un Piovani, e che quindi preferirebbero vedere meno gol, meno errori, meno squadre lunghe sul campo e giorgino-e-piovani.jpgsbilanciate e con qualche attenzione in più nelle marcature personali. Senza tirare in ballo il passato, però, sotto questo aspetto questo discorso dell’attenzione difensiva sembra essere in questa serie B, curato da tre allenatori che lo scorso anno allenavano in LEGA PRO e cioè D’Aversa del Parma, un solo gol subito su palla ferma, Inzaghi del Venezia, zero gol subiti e CALABRO che guida l’attuale capolista Carpi imbattuto e con la rete inviolata. Sarà un caso, ma speriamo diventi normalità la tendenza a cercare di curare la fase difensiva, anche scapito dello spettacolo delle carovane di gol viste finora su calabro carpimolti campi della B. Spettacolo che è mancato assolutamente nell’ultima gara persa col Brescia, che nel secondo tempo andava sospesa solo se qualcuno lo avesse fatto notare all’arbitro con più decisione, ma visto che a tutti sullo 0-0 speravano di farcela, per convenienza si è giocato in condizioni impossibili e in violazione di un regolamento che prevede che sia l’arbitro – in proprio o su sollecitazione dei capitani –  a verificare il corretto rimbalzo del pallone su vari punti del terreno di gioco. La cosa non è avvenuta, nessuno dal campo e fuori ha insistito, e il PARMA ha perso la sua partita in un contesto non regolare. Difficile fare un’analisi tecnica, ma in federico-giuntivista della prossima gara contro un Perugia che non è parso trascendentale, pareggiando, nel posticipo col  Cittadella, ci attendiamo qualche soluzione offensiva in più o diversa, rispetto a quelle finora viste o non viste, in quanto la squadra dell’ ex Giunti pare non essere del tutto impeccabile, tanto per rimanere in tema, nella fase difensiva. Finora abbiamo visto un PARMA compatto che concede poco, ma in compenso crea pochissimo, qualcuno sostiene che con tutti quegli attaccanti, centrali ed esterni presenti in rosa, si pretenderebbe a ragione qualche tiro in porta in più. Che non si debba dare un occhio, per quanto riguarda roberto d'aversa novara parmala fase offensiva, a chi praticando lo stesso sistema – in fatto di gol segnati 10, e di soluzioni offensive, in ossequio a quanto sostenuto su queste colonne dal sempre valente Morosky, pare non avere in questo senso problemi – e cioè il tanto vituperato per la fase difensiva Zeman?  Ci lasciamo con questo interrogativo in attesa di capire se sia meglio, nel contesto di questo nuovo calcio, marcare (anche a uomo) oppure divertirsi e far divertire tutti, limitandosi ad allentate coperture e quant’altro? Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

9 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Segnati in B ben 96 gol in 3 giornate: 33 in più dell’anno scorso. Parma in controtendenza: 2 gol fatti, 1 subito

  • 12 Settembre 2017 in 20:22
    Permalink

    Si possono coniugare entrambe le cose. Il Bayern che vinse la Champions nel 2013 era solido e spettacolare allo stesso tempo.

  • 13 Settembre 2017 in 09:22
    Permalink

    Ciao Gianni, si, lo confermo per l’ennesima volta:
    sono un tenace ammiratore di Z. Zeman, dapprima come uomo, PERSONA, e poi come allenatore insegnante di calcio:

    una 20 ina d’anni fa ebbe il coraggio, la faccia e le palle per denunciare un certo sistema, il SISTEMA: e da li fu bollato dai poteri forti !!

    Non ha mai vinto nulla ? nemmeno con Lazio e Roma ?
    nemmeno con squadre discrete ?
    forse non avrà vinto coppe o scudetti ma…
    il suo primo Foggia anni ’90, il suo primo Pescara 2012, il suo secondo Foggia in Serie C …..fecero e diedero spettacolo…

    prende troppi gol ? si, vero !
    ma sai quante partite in Lega Pro ho visto l’anno scorso ? partite di m…nutella, in cui le squadre si rifiutano di giocare, si chiudono e non fanno nulla per vincere ..!!

    preferisco perdere sul campo, dopo aver giocato..o tentato di farlo..piuttosto che vincere 3-0 a tavolino …per assurdo !!

    la mentalità del boemo è questa, allenamento, sudore, fatica, gradoni, ripetute, corsa, resistenza, velocità, attacco, corsa, lavoro, gradoni ..fatica…attacco attacco…

    3 partite, 10 gol fatti e 8 subiti…..farà parlare di se questa squadra di giovani sconosciuti, così come erano sconosciuti, nel 2012 i vari

    INSIGNE, IMMOBILE e VERRATTI …che veniva dalle giovanili del Pescara stesso …
    i giovani sconosciuti, SE BRAVI, vogliono fatti giocare….e lui lo fa…
    prima o poi i risultati arrivano …e, allo stadio, si vede giocare , non a calci ma, A CALCIO..SIGNORI, A CALCIO …

    • 14 Settembre 2017 in 11:04
      Permalink

      vicermo capoinato campiare centro capo e sull fasie destra e sinistra presig scemmab 4.2-1-2-1 oppure 4-2-1-3 e 4-3-2-1 vicremo cema cacambiatrehttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

      • 14 Settembre 2017 in 13:51
        Permalink

        Pensi davvero di scrivere cose comprensibili o.fai apposta!?
        http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

  • 13 Settembre 2017 in 09:30
    Permalink

    Quindi Luca tu paragoni il Bayern al Parma,
    e il campionato cadetto italiano e meglio della Bundesliga?

    Avanti signori, il Circo Orfei è aperto…..

  • 13 Settembre 2017 in 09:35
    Permalink

    Spettacolo e divertimento sono concetti molto soggettivi, come quello di bel gioco oggetto di un altro bell’articolo in passato.
    Non ho mai creduto che lo spettacolo sia direttamente proporzionale al numero di gol segnati, anche perchè a volte, come evidenziato dall’autore, una rete è la conseguenza di grossolani errori che hanno poco di spettacolare.
    A mio parere la squadra sta lavorando bene sugli equilibri, fase difensiva molto buona, c’è invece da lavorare parecchio su quella offensiva e i giocatori nuovi che finora abbiamo visto poco o niente potranno dare un grosso contributo

    • 14 Settembre 2017 in 10:46
      Permalink

      camire schema sule fasie detra e sinistra e centro campo
      4-5-2 cema giusto oppure 3-5-3.
      urgente rispodre subito!!!!!!http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI