Viaggio di sola Andata, di Luca Tegoni / ACCADDE IN FONDAMENTA S. ELENA…

venezia parma sotto la curva(Luca Tegoni, foto dal profilo ufficiale Facebook del Parma Calcio 1913) – Accadde in Fondamenta S. Elena, quartiere di Venezia, allo stadio Penzo. Dopo le tre sconfitte consecutive che tanto malanimo addusse ai Parmensi, finalmente l’orgoglio, o forse la voglia o magari il destino, condusse i Crociati alla vittoria. Secondo tempo iniziato da meno di dieci minuti dopo un primo tempo sonnolento, avaro ma molto accorto. Iacoponi in mezzo all’area avversaria lavora al corpo il difensore e crea spazio, calcia Scozzarella dall’angolo una palla veloce e alta fin dove può arrivare Di Cesare che irrompe nel varco, impatta con la fronte la palla e la indirizza dove nessuno può arrivare e così, in un impulso di gioia sanguigna e partecipe si abbandona all’abbraccio dei compagni festanti per la rete che diventerà vincente.

Durante il primo tempo, non succede praticamente nulla, il Parma mantiene il controllo della partita senza però arrivare al tiro o essere pericoloso. Anche il Venezia non si dà molto da fare e la partita rimane in una condizione di sereno equilibrio. Il Parma rimane abbastanza alto e Scozzarella dirige la squadra senza però riuscire ad incidere sulla gara tranne in un’occasione quando, con un colpo ad effetto rotante trova Calaiò, che bontà sua era riuscito a suggerire un varco nei pressi dell’area, purtroppo in rilevata posizione di fuorigioco. Pazienza, ma il passaggio è stato rimarcabile.

Dopo il vantaggio del Parma, il Venezia cerca di reagire e di riportarsi in parità. A questo punto la partita cambia e diventa un po’ meno noiosa quanto meno per il maggior impegno, non furore, un sano impegno, che consenta ai nostri di vincere e agli altri di non perdere.

Si intensificano gli interventi in anticipo di Lucarelli e Di Cesare (se Inzaghi fosse stato in campo avrebbe preteso almeno cinque o sei punizioni e due o tre rigori), rientra Baraye a fare il terzino, Calaiò si abbassa talmente che pare un interno aggiunto, dedito al contrasto e poco efficiente in attacco. Ma quando si vince è giusto lodare l’impegno e la dedizione in funzione del risultato di squadra.

La squadra si è abbassata forse troppo, visto che il potenziale offensivo del Venezia non è parso particolarmente pericoloso, ciò nonostante è doveroso segnalare la prestazione in mezzo all’area di Frattali che è molto efficace in tutte le uscite, “sfiancando” gli attaccanti, con un po’ più di fiato a disposizione avremmo forse avuto migliore opportunità di raddoppiare. Con il Venezia votata al recupero della partita, con vasti spazi di cui abusare, purtroppo la mancanza di lucidità dei nostri ci ha costretto alla sofferenza fino al fischio finale. In ben più di un’occasione il Parma avrebbe avuto facilità di contropiede purtroppo in tutti i casi non sfruttato.

Oggi hanno debuttato anche Germoni, titolare e Mazzocchi a sorpresa e soprattutto nel suo ruolo originale nei minuti finali.

L’attacco, visto che non attacca, aiuta molto la difesa e Baraye nella posizione di esterno di destra mi pare faccia più fatica ad incidere sulla partita di quando gioca a sinistra. Calaiò è sempre meno centravanti e Di Gaudio promette belle cose ma non riesce ancora a mantenerle. La squadra appare ancora in costruzione, D’Aversa deve ancora trovare gli uomini giusti nei ruoli giusti ed è forse per questo che si dimostra timida e insicura nella conduzione della gara. Ci vuole coraggio. Un po’ più di coraggio. Palla in laguna, si torna. Parma batte Venezia uno a zero fuori casa.

(A Flaubert non credo dispiacerà, no direi di no. È una tentazione a cui devo cedere. Il più bel incipit della letteratura maltrattato ma mantenuto in vita). Luca Tegoni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

24 pensieri riguardo “Viaggio di sola Andata, di Luca Tegoni / ACCADDE IN FONDAMENTA S. ELENA…

  • 24 Settembre 2017 in 09:11
    Permalink

    Riassumendo gli acquisti possiamo dire che nessuno per adesso si è reso fondamentale e siamo dovuto ricorrere a 8/11 dello scorso campionato….. gagliolo siligardi e Barilla sono già panchinari dezi e di gaudio i primi ad essere sostituiti…. ceravolo non giocherà fino a gennaio…. e qualcuno parla di promozione…. vi ricordò che con questi 8/11 abbiamo perso in casa con l’ancona 2-0…. io rimango per il grande ribaltone faggiano e d’aversa a casa…

  • 24 Settembre 2017 in 10:31
    Permalink

    Non credo che abbiamo preso dei brocchi, ma è il mister che non li valorizza continuando a non avere una idea di gioco. Con 8/11 della vecchia squadra in campo cosa dobbiamo ancora aspettare? Squadra in costruzione? Ma vaaaaaa….. la minestra dopo 38 partite ufficiali di D’Aversa è sempre quella…. Non ha idee…. Non si costruisce. … nonostante l’impegno dei giocatori. Con in GUIDOLIN saremmo già in testa alla classifica visto il livello medio basso quest’anno in serie B….

    • 24 Settembre 2017 in 15:32
      Permalink

      Luktfur. …..
      Yours is a constructive positive and realistic critisism ….
      Not like what came before ( understanding las lagunas donde puede llegar algunos discursos aquí en este blog )….
      Esta más claro que l’ aqua que Parma tiene que cambiar el planeamiento en el campo. ….Con la orgánica que tenemos podemos eser como dices Tu. ….eser Primeros en esta loca Seria B. …que más está pareciendo el Lega Pro del año pasado. …Chapeau por difendere Parma
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

      • 24 Settembre 2017 in 20:07
        Permalink

        Thank you for your endorsement. I strongly believe that the time is over for D’Aversa. After 38 official matches we have’nt see any serious improvement. A new experienced coach is badly needed now. We need to score goals to win the marches

  • 24 Settembre 2017 in 17:04
    Permalink

    dai,a me d’aversa non piace pero’ dire che deve valorizzare della gente che e’ 20 anni che tira delle sbarate ad un pallone e’ il colmo ,ma sta idea di gioco quale sarebbe ander pu fort che chietor ? as fa na fadiga a zugher a balo’ che ti at ghe gnan d’avis http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yes.gif

    • 24 Settembre 2017 in 20:34
      Permalink

      Frattali non è Buffon, di Cesare e Gagliolo non sono né Minotti ed Apolloni ne tantomeno Cannavaro e Thuram, Dezi non è Veron, Calaiò non è Crespo etcccc….. ma questi giocatori possono di certo giocare meglio di così. … E per fare questo serve un nuovo mister più preparato ed esperto…. Non possiamo ogni volta parlare di atteggiamento impegno e aggressività. …. E giocare ogni volta la partita della vita. Dategli degli schemi ed una idea di gioco per favore. … vedi il Parma di Scala che senza grossi nomi ha conquistato 2 coppe europee… però Scala aveva schemi e sapeva come far giocare una squadra.

      • 24 Settembre 2017 in 22:08
        Permalink

        L’inesperienza di D’Aversa era cosa BEN nota anche quando è stato preso eppure è stato accolto con un credito aperto altissimo.

        Lo precedeva una fama che non trovava corrispondenza da nessuna parte. Solo un 14esimo posto ottenuto nel solo vero anno di attività.. Nessuno come lui NON ha ricevuto critiche, le stesse comminate addirittura ai vari Scala, Malesani, Colomba, Guidolin, Donadoni.

        A lui è stato perdonato sempre tutto, anche la coppa italia con lui è diventata per tutti una cosa insignificante, anzi quasi una benedizione non esserci qualificati, e fiduciosi abbiamo atteso. Strada facendo non abbiamo visto nessun progresso tecnico ma in fondo ce l’abbiamo fatta. Siamo in B. Con una squadra “che doveva spaccare il campionato in virtù dell’eccellenza della sua rosa” (cit) siamo andati da -4 a -10 dalla capolista, ma poi ce l’abbiamo fatta. L’anno scorso, per la legapro, avevamo giocatori di categoria superiore, checchè ne dica lo stesso D’Aversa, ma quest’anno siamo quantomeno alla pari. Occorre fare di più quest’anno.

        Hai ragione, come fa giocare lui lo abbiamo visto praticamente per un intero campionato e siamo ancora qui che come sempre lo sentiamo lamentarsi di “non meglio identificate” difficoltà psicologiche. Non si può più sentire questa cosa.

        Servirebbe un altro allenatore, uno di quelli che sa trarre il meglio dai giocatori che ha. I nomi che servirebbero forse non verrebbero.. (chi lo sa) E comunque sono convinto che al momento nessuno intenda spendere un euro per un nuovo allenatore. Per cui dobbiamo farci piacere D’Aversa e speriamo che strada facendo, accompagnato da un poco di fortuna, come spesso gli accade, e con un auspicabile più proficuo utilizzo del suo 4 3 3, (fino ad oggi suo unico credo e attuato in modo controverso per ben circa 40 partite), riesca a farci vedere e vincere delle partite decenti. Non avremo una rosa “pazzesca” ma anche io, come te, credo che tutti questi giocatori possano fare molto meglio di così.

        Ieri abbiamo fatto un SOLO tiro in porta ed è stato goal, e 4 tiri fuori (per carità tutto grasso che cola, ma non andrà sempre così, immagino)
        Il Venezia ha tirato 6 volte in porta e 19 fuori (e l’organico del venezia non è paragonabile al nostro)

        Comunque adesso siamo a -4.
        Possiamo ancora sperare nella promozione diretta.

        Oggi.

        Poi vedremo

      • 24 Settembre 2017 in 22:25
        Permalink

        Scala plasmo’ una squadra di giovani che avevano forti motivazioni unite a ottime qualita’ tecniche. La squadra che nel 90 venne promossa in Serie A era molto piu’ forte di questa sul piano tecnico ed anche su quello fisico. Quella attuale e’ una squadra che per semplici ragioni anagrafiche l’anno prossimo dovra’ essere sensibilmente modificata, indipendentemente dalla classifica finale. Farlo con i proventi della pay tv in Serie A o aprendo il portafoglio in Serie B….lo scopriremo solo vivendo, come cantava Battisti. D’Aversa sa benissimo che se i risultati ci sono, il brutto gioco viene digerito.
        Quando invece i risultati non ci sono anche il bel gioco passa in secondo piano, Zeman a Parma duro’ poco…

      • 25 Settembre 2017 in 08:28
        Permalink

        va be continuiamo coi paragoni surreali

  • 24 Settembre 2017 in 23:56
    Permalink

    Con D’Aversa possiamo andare avanti solo con la difesa e i calci piazzati, troppo poco per pensare di lottare per il vertice. Stanno venendo fuori tutti i problemi di gioco che in Lega Pro erano stati mitigati dal livello del campionato.

  • 25 Settembre 2017 in 07:50
    Permalink

    almeno 3 punti sono arrivati. con la Salernitana devono arrivare altri 3 e poi si può pensare di proseguire con lo stesso mister.
    x il gioco lo avete già ben scritto. arriverà?? chissà..
    ci rincuorano anche i pareggi di pescara e carpi e le sconfitte di Frosinone e empoli. ma non dobbiamo di certo fare l’ errore di sperare nelle disgrazie altrui. responso rimandato.
    ripeto, altri 3 punti la prossima settimana sono necessari per proseguire in attesa di altre prove più impegnative.

  • 25 Settembre 2017 in 08:50
    Permalink

    A ver se deja jugar Ciccio para el momento nuestro Xavi , Pirlo,Veratti. . . Que pone balones en la aria. .que corre en el centro Campo moviendo continualmente buscando compañeros dismarcadose. … porque amigos. ..
    https://youtu.be/yDejTNNmzvA

  • 25 Settembre 2017 in 09:13
    Permalink

    Però sentire Inzaghi&Perinetti ripetere la litania dello squadrone da serie A non ha prezzo.

  • 25 Settembre 2017 in 09:48
    Permalink

    ragazzi basta col banale, se andiamo avanti così potremo dire che Schianchi non è Brera, che Monica Bertini non è Monica Bellucci, che Piovani non è Gianni Mura, che Faggiano non è Moggi e così via..
    solo Jdm può essere il nostro Agroppi

    • 25 Settembre 2017 in 11:45
      Permalink

      diciamo che non sono ne mr magoo ne il rag. filini

  • 25 Settembre 2017 in 09:58
    Permalink

    Vi ricordo che solo l’anno scorso, dopo il terremoto societario e tecnico fortunatamente via Apolloni tutti a dire che finalmente il Parma cominciava a giocare bene e D’Aversa era l’uomo giusto, perchè riusciva ad infondere grinta e voglia di lottare ai giocatori, e sopratutto cominciava a vedersi un’idea dio gioco che con il rosso proprio non si vedeva assolutamente.
    Adesso tutti qui a dire le stesse cose che l’anno scorso si dicevano su Apolloni. Troppo giovane, poco esperto e non da gioco alla squadra.
    Mi chiedo se la parola “equilibrio” la conoscete. Per carità, a nessuno penso piaccia vedere le partite che stiamo vedendo ultimamente, me compreso. Io stesso critico la gestione del tecnico durante la partita, tipo i cambi etc etc. Però cavolo, un minimo di fiducia, non possiamo sempre e comunque volere gli esoneri di tizio e caio,dopo 6 partite, nove punti e dopo essere una neopromossa, perchè ce lo dobbiamo ricordare di essere una neopromossa….
    poi oh…contenti voi

  • 25 Settembre 2017 in 10:04
    Permalink

    il venezia farà un tranquillo campionato e forse per culo rientrerà a fare i play off. non credo niente di più.
    pertanto la vittoria di ieri ci è abbastanza scontata.

  • 25 Settembre 2017 in 19:29
    Permalink

    Non ci rimane che sperare nella cabala, non c’è il due senza il tre. Di promozioni chiaro?
    Il resto è tutta aria fritta, vorrei sapere cosa ne pensa il buon Mauro, è un pò che non si sente.
    Conviene giocare con il 4-4-2.
    per il gioco di D’Aversa è l’ideale, o no?
    Mi piacerebbe vedere in panchina uno tosto come Iachini, o Cosmi, Non per il gioco ma per la grinta che infondono nei giocatori.
    Penso che molti prenderebbero calci nel sedere.http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 25 Settembre 2017 in 22:05
    Permalink

    “Nè” Jdm, la negazione va accentata. Ho fatto le medie e l’ho imparato. Oppure c’era un altro “ne’ “, erano i capannoni di via Navetta che facevano i bulli (veh ne’) e mi volevano picchiare

    • 26 Settembre 2017 in 08:47
      Permalink

      le hai fatte o le hai frequentate ? secondo me nessuna delle due purista de noantri coatti etor che capano’ ahahahah

  • 25 Settembre 2017 in 23:55
    Permalink

    A calcio conta il risultato poi il gioco arriverà

    • 26 Settembre 2017 in 08:58
      Permalink

      non so lei ,io spero di essere ancora vivo quel giorno

  • 26 Settembre 2017 in 10:32
    Permalink

    invitati tutti i ragazzi andremo strdio tdini ore 20,00 tutti i argazzi anni 14 anni 18 forza forza parma !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 26 Settembre 2017 in 10:38
    Permalink

    FORZA FORZA PARMA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif<img cl

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI