CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Devi fare ciò che ti fa stare bene. Che sia catenaccio o no. Con buona pace dei piangina…

rino piccione(Gianni Barone) – Il rischio di cadere nel banale, dopo un trittico di vittorie più che convincenti, è a dir poco altissimo, quindi per evitare frasi del tipo “grande PARMA, grande cuore”, “vittoria del carattere”, “la squadra ha saputo soffrire”,” finalmente l’umiltà” , oppure per sfociare nel lessico tattico, da alcuni definito orribile, “bene la fase difensiva con uno schieramento offensivo meno piatto”, occorrerebbe fare grande esercizio di fantasia per formulare qualcosa di poco scontato o di veramente originale. Ma il calcio, lo sappiamo, è sempre meno terreno fertile per fantasie e fantasisti, il calcio è soprattutto pragmatismo, è crudele laddove ci si affida nei morfeo de santisgiudizi e al destino dei singoli protagonisti, ai risultati del campo, agli episodi, al fato o alla sfortuna, ma è meraviglioso quando tutto volge al meglio, quando si segna al primo minuto, quando si dimostra, nelle prestazioni, solidità, personalità ed equilibrio, quando cioè si fa di tutto fare bene e fare stare bene tutti. Un gioco di parole per dire che nel breve volgere di otto giorni, l’orizzonte cambia, quasi d’improvviso, le nubi si diradano, spunta il sole, e il mestiere di vivere il calcio da allenatore e da giocatore cambia nel cambiamento di giudizio personale e generale. D’Aversa fa bene a dire criticate me, ma non i giocatori, che lavorano, in questo momento risulta, obiettivamente, difficile farlo, però Roberto D'Aversa finale foto Jonathan Bellettispiegare e spiegarsi la metamorfosi, risulta difficile, aldilà dell’apice del banale che si può raggiungere con l’ottimismo smisurato o peggio ancora con il trionfalismo dell’ultima dell’io la avevo già detto e già previsto, in anticipo, prima che accadesse. Tutti sappiamo che non può essere così, il calcio è più imprevedibile nei giudizi che non nel gioco. Sfido chiunque nel dire che era prevedibile, nei fatti, uno sviluppo del genere del cammino del PARMA in questo campionato. Come si poteva fare ad immaginarlo, passare da una squadra lenta, impacciata, incapace di produrre movimenti offensivi pericolosi, ed in difficoltà nella gestione del risultato, ad una cinica, ermetica nella fase difensiva, abile nelle ripartenze, implacabile in zona gol. Come si poteva roberto insigneimmaginare che Insigne, fino a qualche giorno fa conosciuto, solo come fratello di Lorenzo quello del Napoli e della Nazionale, potesse segnare tre gol e diventare gran protagonista del gioco del Parma. Per non parlare di Mazzocchi e Gagliolo, due grandi terzini, capaci di resistere agli attacchi con grande applicazione, in questo caso il loro impiego frutto del caso o delle geniali intuizioni del tecnico? Parrebbe plausibile la seconda ipotesi, soprattutto, alla luce di quanto si sta vedendo, contro avversari tutt’altro che scarsi, i due stanno dimostrando, grande adattabilità ai ruoli esterni in terza linea. Quindi il parma avellino festeggiamenticosì parlo’ Roberto D’AVERSA”, dopo le critiche, e che continua anche dopo le vittorie, dovrebbe zittire tutti. Non si trattava di questione di moduli, ma d’interpretazioni, questo il succo del discorso, ma capire dove risiede la bontà del cambiamento delle prestazioni, ai più ancora sfugge. Di certo le critiche hanno smosso qualcosa, non può essere altrimenti, le critiche servono a qualcosa, portano a qualcosa, oppure portano solo bene (fortuna), aggiustiamola così, perché passare da essere sulla cosiddetta graticola, al secondo posto in pochi giorni, dietro o al fianco di gianni baronetutte la favorite, non può che passare che da un processo di cambiamento ed evoluzione, dovuto, agevolato o a accelerato da una serie di fattori anche esterni, al gruppo o alle normali dinamiche che si sviluppano all’interno dello spogliatoio. Lo spirito con cui la squadra scende in campo è sicuramente diverso rispetto a prima, il fatto di avere un po’ adattato il gioco, le proprie mosse, a quelle che sono le caratteristiche e i difetti dell’avversario, depone certo a favore di chi a saputo, con umiltà, calarsi nella parte e nel clima del campionato cadetto. Affrontare un’Entella che si schiera a specchio (sempre con buona pace di chi definisce orribile questo modo di esprimersi), o un Foggia che vorrebbe fare la partita e non ci riesce, o un Avellino che la mette sul piano anche parma avellino undici crociatofisico, e riuscire ad indirizzare nel verso giusto la partita è sintomo di maturità, di personalità, ma anche di umiltà. Con la presunzione non  si vada nessuna parte, ma neanche facendo i piangina quando qualcuno richiede cambiamenti, non solo di moduli (ahinoi, sempre la solita storia dell’inesattezza dei termini) o di uomini, ma di applicazione dei principi, e propone flessibilità e movimenti improvvisi e imprevedibili, si riesce a crescere e a risolvere i problemi. Sta di fatto che grazie alla lotta, alla battaglia, nel senso buono del termine, alla fame agonistica, si ottengono le prestazioni e le vittorie, che sono del gruppo, di chi gioca, ma anche di chi non gioca, perché obiettivamente fa dezispecie che nelle ultime due partite, abbia convinto una formazione che si è potuta privare delle prestazioni di due giocatori del calibro di Dezi e Scaglia, senza dubbio un lusso per la categoria. I due vanno sfruttati di più e meglio, perché un centrocampista incursore come Dezi o un attaccante esterno mancino (non un tezino) come Scaglia, servono sempre. Per superare sempre il seguente dilemma: meglio avere centrocampisti che sanno attaccare o attaccanti che sanno difendere?  Sarebbe meglio avere tutte e due di queste situazioni, però nella scelta non si sa cosa sarebbe più proficuo. Di sicuro i giocatori citati, finora non sono stati messi nelle condizioni di rendere al gagliolo foggia parmameglio, Gagliolo sulla sinistra garantisce più copertura, e Munari nel clima di lotta in mezzo al campo, emerge per fisicità e temperamento, ma ciò non toglie che si possano studiare e trovare nuovi assetti sempre nella logica di un calcio italianista che guarda alla doti e ai difetti di chi s’incontra. Ad un noioso e sterile possesso palla, anche i più incalliti esteti del calcio moderno, potranno gradire un bella riconquista della palla e un rapido contropiede verso la porta avversaria. Lo spettacolo lo si può fare anche cosi, l’importante è non vergognarsi di ciò che si fa e di ciò che si è. Tutti i bei discorsi sul calcio propositivo, in un campionato duro come il sandreani italianostro, si vanno a fare benedire, l’importante è fare ciò che risulta più utile in determinati momenti, e per dirla alla Capareza “Devi fare ciò che ti fa stare bene” senza pensare che sia catenaccio o meno. Constatare che si è subito un solo gol in tre partite non è bello, no EH caro? Quindi avanti così che di questo passo, non è che fra un po’ Lorenzo, quello del NAPOLI, sarà ricordato come l’Insigne fratello di Roberto quello del PARMA? Paolo Corsanici, co autore con me del libro del 2006 “Il Metodista-Storia della Tattica calcistica”, al termine di Parma-Pescara, aveva cosi vaticinato “Che non sia Insigne, impiegato tra le linee, la chiave di svolta del gioco del PARMA?”  Che sia proprio cosi? In omaggio a Sandreani e con buona pace dei  piangina… Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

18 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Devi fare ciò che ti fa stare bene. Che sia catenaccio o no. Con buona pace dei piangina…

  • 30 Ottobre 2017 in 19:13
    Permalink

    Interessante la foto Morfeo e quello con il fiskietto in bocca

    Di cui NON ricordo il cognome perkè è passato troppo tempo

    Ma dai basta….era solo sudditanza psicologicahahahah

  • 30 Ottobre 2017 in 20:54
    Permalink

    Complimenti per il articulo …gran lavoro …
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 30 Ottobre 2017 in 22:22
    Permalink

    Che sia una svolta come quella dell’anno della promozione dopo la cacciata di Cagni? (Qui D’Aversa è rimasto ed è rinato).

  • 30 Ottobre 2017 in 23:49
    Permalink

    ma basta cxon sta storia della tattatica ma basta !!!!!!!!!! sono solo numeri che usate voi giornaisti che avete tempo da perdere chi sa di calcio come D AVERSA ma non solo tutti gli allenatori dicono la stessa cosa gli schemi sono solo numeri cio che conta e’ appunto solo l APPROCCIO e la voglia di fare gruppo e squadra poteva giocare anche dezi e scglia non cambiava niente …………la realta’ che 20 squadre di serie B come valori sono molte vicine per cui basta avere la forma fisica migliore e fa la differenza LA VERA DIFFERENZA LA FA LA FORMA FISICA il parma prima non aveva la ofrza e la velocita’ per fare cio che gli chiedeva l allenatore adesso l hanno e allora il famoso 4 3 3 di d aversa funziona a meraviglia …………si vedeva prima il contopiede o ripartenza no !!!!!!! lo diceva d aversa di non farlo ? no e che non avevano la forma fisica per farlo per correr tanto e veloce tutto li ………appena perdono un po di tonicita vedrete si torna a perdere la serie B e cosi sono uguali le squadre chi e piu in forma sui 10 mesi di campionato vince ………se il parma e al 60% puo perdere con tutti se e al 90 % vince con tutti

  • 31 Ottobre 2017 in 08:59
    Permalink

    Caro Luca qui nessuno è piangina….
    Le prime 10 partite sono state uno strazio, non è d’accordo con me?
    Cosa è successo in quel lasso di tempo ad adesso?
    La dolce Euchessina ha fatto la sua parte, liberando la mente di certi personaggi del voler essere, e comandare?
    Non è che per caso c’è il piede nel sedere dei 7 magnifici 7, a qualcuno? http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wink.gif
    Un cavallo brocco non può diventare un purosangue se non per una grazia ricevuta dall’alto, o no?
    Forse che il nostro Patrono si è impietosito e ci ha messo una mano, o forse il Grande Ceresini dall’alto ha guardato giù, e vedendo la sua creatura ridotta in quel modo ha chiesto venia all’altissimo per tutti noi mortali tifosi del Parma?
    Ai posteri l’ardua sentenza del sapere come e dove .
    Dimenticavo del nostro Ceravolo. Aspettiamolo è un dovere, ma è stato un errore grave averlo acquistato rotto, per stessa ammissione dei suoi compagni l’anno scorso.
    E bisogna correre ai ripari subito, perchè il buon Calaiò non può reggere ancora per molto.
    Per oggi è tutto. Grazie.

    • 31 Ottobre 2017 in 13:52
      Permalink

      Ma perkè Calaiò NON può reggere ancora x molto ????

      Avercene di calciatori ke si sbattono ancora alla sua età

      Lo stesso vale x Lucarelli ke qualcuno lo vuole in pensione

      Questi sono professionisti con le palle….etor ke canelì

      E x fortuna sono due Crociati ke onorano la maglia

      Forsa Pàrma !!!!

  • 31 Ottobre 2017 in 09:37
    Permalink

    Gli episodi hanno sempre un incidenza incredibile sul risultato e sulle analisi successive, è comunque evidente che c’è stato sia qualche miglioramento nel gioco che nell’approccio dei giocatori, sono arrivati 9 punti difficili e importanti ora c’è la curiosità di misurarsi con una delle favorite. Peccato solo che quest’anno in casa ci sia sempre un clima da funerale, qua sali di categoria e scende il tifo

  • 31 Ottobre 2017 in 12:07
    Permalink

    Ma domenica dalla cuva non mi e sembrato da funerale.forse eri in tribuna o in sud . avanti cosi il resto son solo chiacchere. FORZA PARMA.

    • 31 Ottobre 2017 in 15:29
      Permalink

      Non so che concezione hai tu della curva, la mia non è guardare in silenzio mugugnare agli errori e applaudire alla fine, mi rendo conto che è tutto soggettivo e i problemi sono altri ma a tratti sembrava in casa l’avellino (gran bel pubblico complimenti)

  • 31 Ottobre 2017 in 14:16
    Permalink

    Mah, sono stra-contento per le 3 vittorie e devo dire che alcuni giocatori sembrano improvvisamente rinati, Insigne su tutti che io per primo ho criticato parecchio nelle prime partite.
    Non mi convince ancora Scozzarella, che vi devo dire, ma io aspetterei ancora un po’ a dire che “abbiamo preso la coppia”, la prossima partita con il Frosinone sarà un bel banco di prova.
    I ciociari non sono nè l’Entella nè l’Avellino.
    Speriamo davvero che si sia trovata la quadratura, l’importante è non dimenticarsi di quelli in panchina, che non si faccia come l’anno scorso, sempre gli stessi 11 con cambi programmati a metà del secondo tempo.

  • 31 Ottobre 2017 in 14:18
    Permalink

    una partita di calcio è costituita da una serie di episodi.
    si gioca per creare episodi favorevoli, o sbaglio?
    qual’è il contrario di “episodi”?
    lo chiedo a voi che avete studiato

    • 31 Ottobre 2017 in 15:47
      Permalink

      il contrario di episodi e’ idosipe

      • 31 Ottobre 2017 in 19:09
        Permalink

        Figa, a so andè a sarcher su internet la parole “idosipe”: nient da fer e a deva la colpa al me computer c’le vec (le un Ultravox). lesa e rilesa am so acort c’le “episodi” scrit al contreri!
        At sì un gran monel veh Jdm a tor in gir di vec bacuc c’me mi

        • 31 Ottobre 2017 in 20:48
          Permalink

          an ghe dubi ,mi a i ho drove’ al spèc

  • 31 Ottobre 2017 in 15:33
    Permalink

    In risposta per intuizioni del mister….Gagliolo nel Carpi giocava spesso da terzino quindi non e’ un’intuizione con marchio di fabbrica e Mazzocchi lo ha scoperto solo grazie all’emergenza che ha colpito il Parma con molteplici infortuni dei difensori….parlo dell l’anno scorso.
    Per il resto credo che qualche cambiamento era d’obbligo nei schemi che erano assolutamente per i nostri colori deficitaria a meno che si sarebbe voluto suicidarsi nella sua testardaggine
    Comunque bene per lui e per noi che la macchina Parma tiene la carreggiata, consiglierei però una gestione più oculata di Calaio, sostituendolo più prontamente quando la partita lo concede..tipo a Foggia sul 2a 0 e provare uomini e schemi diversi….Baraye Siligardi Dezi…boh ci vuole un pochino di coraggio….anche perché se si fa male e qui scongiuri …dovra per forza ricorrere ad altre soluzioni .
    Forza Parma

  • 31 Ottobre 2017 in 23:24
    Permalink

    Approfitto della presenza del Sig. Jdm per chiedergli un parere sulle ultime partite vinte dal Parma ed un pronostico sulla posizione di classifica a fine campionato. Grazie

    • 1 Novembre 2017 in 09:09
      Permalink

      lo ripeto anche se non frega un cazzo a nessuno : da tranquilla salvezza a capatina ai playoff penso sia nelle corde di questa squadra,ma quello che mi interessa adesso e’ di chi minchia sara’ il parma ? ,il resto sono sofismi

  • 1 Novembre 2017 in 10:08
    Permalink

    Esatto siamo a -2 e tutto tace….penso proprio che l annuncio ci sia domani per i morti…chi ha orecchie per intendere intenda…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI