CASA DI VETRO PARMA: SUL SITO UFFICIALE IL BILANCIO AL 30.06.2017 – “PERDITA DI ESERCIZIO DI 7.4 ML INTERAMENTE RIASSORBITA CON VERSAMENTI DI NUOVO INIZIO E DEL NUOVO SOCIO. DISPONIBILITA’ LIQUIDA: 2 ML”

(www.parmacalcio1913.com) E’ stato depositato nei giorni scorsi presso la Camera di Commercio di Parma e – in una politica di massima trasparenza – è scaricabile da chiunque lo desideri cliccando sui link in basso (unitamente alla Relazione sulla Gestione, Nota Integrativa, Relazione del Collegio Sindacale e della Società di Revisione) il bilancio di esercizio al 30 Giugno 2017 di Parma Calcio 1913, riferito alla stagione sportiva 2016/17 e la relativa Relazione sulla Gestione, approvati all’unanimità dai soci nell’Assemblea del 18 Dicembre scorso.

Il bilancio, relativo alla stagione trascorsa in Lega Pro, è caratterizzato dai rilevanti investimenti della proprietà, sia dal punto di vista dei quadri tecnico-sportivo e del parco calciatori, sia dal punto di vista strutturale, con  – a titolo di esempio – l’apertura al pubblico del nuovo store e del Museo del Parma “Ernesto Ceresini”. Importanti investimenti sono stati destinati anche allo sviluppo del Settore Giovanile.

L’esercizio presenta un valore della produzione di circa € 6,6 milioni (rispetto ai circa € 3,1 milioni dell’anno precedente in Serie D) e costi complessivi per circa € 14 milioni (rispetto ai € 4,7 milioni in serie D) per una perdita di esercizio complessiva di circa € 7,4 milioni (rispetto agli € 1,7 milioni della stagione precedente). La perdita di esercizio summenzionata è stata interamente assorbita grazie alle risorse immesse dalla proprietà nelle ultime due stagioni, con versamenti in conto capitale da parte di Nuovo Inizio per circa € 6,5 milioni e un aumento di capitale a favore del nuovo socio di maggioranza per ulteriori € 3 milioni tra capitale e sovrapprezzo. Il Patrimonio Netto al 30 Giugno 2017 è positivo per circa 727.000 Euro e le disponibilità liquide sono di circa € 2 milioni. 

Lo sforzo economico degli azionisti di riferimento è stato premiato con il raggiungimento dell’obbiettivo stagionale, concretizzatosi nella promozione in Serie B. Al 30 Giugno 2017.

Successivamente alla chiusura dell’esercizio, il nuovo socio di maggioranza ha inoltre effettuato nei mesi scorsi ulteriori versamenti in Conto Capitale per € 8 milioni, a supporto finanziario degli impegni previsti dal Budget 2017/2018.

Scarica il Bilancio di Esercizio al 30 giugno 2017
Scarica la Nota Integrativa
Scarica la Relazione sulla Gestione
Scarica la Relazione del Collegio Sindacale
Scarica la Relazione della Società di Revisione

Stadio Tardini

Stadio Tardini

65 pensieri riguardo “CASA DI VETRO PARMA: SUL SITO UFFICIALE IL BILANCIO AL 30.06.2017 – “PERDITA DI ESERCIZIO DI 7.4 ML INTERAMENTE RIASSORBITA CON VERSAMENTI DI NUOVO INIZIO E DEL NUOVO SOCIO. DISPONIBILITA’ LIQUIDA: 2 ML”

  • 30 Dicembre 2017 in 12:32
    Permalink

    La pubblicazione del bilancio chiuso al 30.06.2017 speriamo chiuda lo stucchevole dibattito dei soliti noti sia sulla piocioneria di Nuovo Inizio che sulla inconsistenza del socio cinese.
    I passi essenziali sono raccolti nel titolo: le perdite (che probabilmente erano state anche superiori a quanto inizialmente previsto, per via dei costi susseguenti al ribaltone, nella ricerca di una promozione poi arrivata, a ripagamento dello sforzo sostenuto) sono state interamente ripianate sia dai soci vecchi, che da quello nuovo, e in più, altro dato inusuale per le società di calcio, c’è pure una liquidità disponibile di 2 ml.

    • 31 Dicembre 2017 in 10:57
      Permalink

      Crespo è la cortina di tornasole di questa societa’.
      C’è qualcuno che mi sa dire perché si è defilato in modo così incomprensibile?.
      Per quale motivo lui sempre così affabile e solare nei nostri confronti e così attaccato alla maglia e alla città. improvvisamente non fa nemmeno una volante un’asettica conferenza stampa, non un saluto, non un augurio di Natale, non un sorriso, niente di niente.
      Nelle ultime foto che abbiamo insieme al proprietario cinese
      Crespo è triste, sembra seguire un funerale, triste spentobssente.
      Come se ce l’avesse con noi
      PERCHÉ?
      Forse non vuol metterci la faccia?
      E se non ce la vuole pettre
      PERCHÉ?
      Cosa bolle in pentola?
      Indubbiamente il suo comportamento nasconde qualcosa ed anche il cercare dopo che è stato eletto vicepresidente del Parma altre sistemazioni in Argentina e altrove la dice lunga su questo suo modo di proporsi e DI VOLERSENE ANDARE pochi giorni dopo aver firmato il contratto di vicepresidente nella squadra che ama di più.
      Ecco. sarei stato più tranquillo se come vicepresidente del Parma dal momento che i cinesi avevano acquistato il 60% del Parma lui anche se timidamente si fosse affacciato come a dire anche con un semplice augurio diBuone Feste con un video volante, con un s.m.s.
      ” io ci sono.”
      Anche Mallmesi stessa storia.
      Perché non approfondiamo questo atteggiamento anomalo o per voi è tutto regolare?
      Non buttiamo la testa sotto la sabbia come gli struzzi parlando di cifre e controcifre che lasciano il tempo che trovano ma cerchiamo di capire e SVISCERARE certi conportamenti non consoni a persone ( vedi Creso) sempre state di un’educazione e di un’appartenenza alla società esemplari ora invece freddo cinico e assente e oserei dire improvvisamente menefreghista dopo la firma fatta.
      Io so che con Lucarelli Hernan è tra le persone più affabili più sincere e più umili che abbiamo.
      Morosky sarei curioso di sapere la tua risposta o da chiunque.
      possa illuminare questo atteggiamento anomalo che il.buom HERNA non ha mai avuto nemnemo do striscio nel suo DNA
      Prima di cestinarmi rileggetemi bene e se dopo questax rchiesta la voglia di cestinarmi rimane, adottate come nel calcio la VAR e vedrete che il fallo di rigore non c’e.
      Grazie.

    • 31 Dicembre 2017 in 11:48
      Permalink

      Quando un arbitro guarda la VAR perché non è convinto di un fallo fatto in area e nonostante vede un fallo che non c’è e decreta ugualmente un rigote inesistente i casi sono due
      O
      È UN ARBITRO SCADENTE
      O
      È UN ARBITRO CORROTTO.
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif
      Non ci sono altre vie di fuga

    • 2 Gennaio 2018 in 17:57
      Permalink

      Spett.le Stadio Tardini
      solo alcune riflessioni sul bilancio che ho letto sommariamente e che ritengo un buon bilancio se:
      1) Le perdite che ci saranno anche quest’anno (forse in misura maggiore per gli investimenti fatti e ancora da pagare) e il nuovo corso avrà la voglia di ripianare e/o finanziare ulteriormente.
      2) Il prestito di denaro effettuato da nuovo inizio per liquidità immediata al tasso del 3,40% lo ritengo un tasso molto alto specialmente per il mercato finanziario a certi livelli il quale riserva tassi ben più miti (Nuovo Inizio non ha certo regalato il denaro!)
      3) A pagina 12 della Nota Integrativa vi è un errore grossolano sul prospetto contenente la voce Utile/perd.d’es. alla colonna “Decrementi”; queste piccole disattenzioni mi fanno sempre pensare che sia stato fatto in fretta e furia per depositarlo e …. una letta prima …. non guasterebbe!!! Sono preoccupato su chi redige questi bilanci.
      4) Mi risulta infine che alcuni fornitori non vengono certo pagati regolarmente. I debiti a breve esposti in bilancio ne sono una grande conferma (sarebbe utile sapere nel dettaglio chi sono).
      Speriamo bene ma di certo questo bilancio, seppur buono per una squadra di lega pro, non brilla per precisione e trasparenza.
      (Le solite frasi di rito che in ogni bilancio si possono leggere)
      Con questo spero di aver fatto un po’ di chiarezza (poca) senza polemiche.

  • 30 Dicembre 2017 in 12:58
    Permalink

    La liquidità di 2 mln servirà per pagare gli stipendi ed altre spese fino a giugno 2018 oppure potrà essere utilizzata nel mercato di gennaio?

    • 30 Dicembre 2017 in 13:54
      Permalink

      Non sappiamo rispondere, spiacenti.
      Le nostre considerazioni precedenti erano relative al bilacio pubblicato sul sito ufficiale: circa le intenzioni della Società non siamo al corrente.

      • 30 Dicembre 2017 in 14:01
        Permalink

        a cred ! io preverei con una seduta spiritica a fare domande ,se ci sei batti un colpo !

      • 30 Dicembre 2017 in 15:53
        Permalink

        Ma i soldi li ha messi la SISPORT o li ha dovuti mettete di sua tasca il presidente cinese visti i tagli voluti dal governo cinese in fatto di esportazioni?
        Perché non dite come stanno veramente le cose ?

      • 31 Dicembre 2017 in 16:34
        Permalink

        lo sapevo la gazza ha subito colto il mio suggerimento ,intervista tramite seduta spiritica ,geniale http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif

    • 30 Dicembre 2017 in 14:09
      Permalink

      La liquidità non è il parametro che misura le disponibilità di una società ma è semplicemente una mera differenza matematica da debiti e crediti (commerciali e finanziari).
      La solidità è data dal patrimonio netto e dalla capacità di generare un flusso stabile di ricavi oltre che (primo fra tutti) da una proprietà disponibile a garantire e finanziare gli investimenti della società tramite future ricapitalizzazioni.

      • 30 Dicembre 2017 in 16:17
        Permalink

        La differenza fra crediti e debiti su chiama attivi o passivo… Prima o dopo le tasse… La liquidità è quanto hai disponibile in cassa nell’immediato.

  • 30 Dicembre 2017 in 13:34
    Permalink

    che facciamo stappiamo un crodino ?

    io direi che la liquidita’ sono soldi tuoi che puoi usare a tuo discernimento,ci andrei piano con l’inusuale visto che il palermo come dichiarato da zamparini ha una liquidita’ ben superiore ,per il resto i bilanci societari sono comprensibili ai piu’ come un trattatato di fisica quantistica ,quindi vanno interpretati da ognuno a proprio appagamento

  • 30 Dicembre 2017 in 13:37
    Permalink

    il che dimostra che avevo ragione quando dicevo che era un affare per 22 ml di eur prendere la squadra salvarla e rimanere in serie B probabilmente saremmo gia in serie A da un pezzo !!!!!!!! se si cari miei il prezzo alla fine era 22 ml vi ricordate ma da questi togliete il paracadute circa 6-7 ml di eur togliete la vendita dei soli DEFREL l (3ml il cesena ne ha presi 6 ) LAPADULA!! CERRI !! MAURI !! MIRANTE ma anche paletta si poteva vendere visto che la vendita poteva esserea nnulata ..molto sospetta..signori potete discutere fin che volete ma vendendo defrel mirante cerri mauri lapadula almeno 10 ml li incassavamo chiaramente se c era una propieta forte che non si faceva prendee per il collo insomma cesena ed altri sono riusciti a vnederli bene pensate lapadula 10 ml !! per cui 22 – 12 almno -6 alla fine costava molto meno in contro le perdite ben maggiori partendo dalla serie D e 2 anni persi e sono stato stretto perche poi avevamo tanti ottimi giocvcatori per sempio la rosa poteva contare su iacobucci CODA !!! che adesso sarebbe un sogno …che tanto volete adesso rispoli che a palermo sta facendo sfraceli ma anche bidaoui che ad avellino gioca bene e tanti altri che non cito ……..e poi tanti ottimi giocatori di lega pro che avete visto come avversari alcuni ottimi e dico non era un cosi tanto grosso prolblema a piazzarli gratuitamente in lega pro ……….(ne piu ne meno come gli affari di faggiano ramos galuppini giorno frediani tutta gente da collocare ) certo ci vuole un buon ds mica faggiano ……. insomma conti alla mano non si capisce perche non hanno cacciato i 22 ml che gli sarebbero tornati velocemnete manenendo la categoria ………anciche buttare via 10 ml in leghe minori e ora chissa altro buco qut anno !!! poi ultimo i debiti esteri ma per favore in italia tutto va in prescrizione figuriamoci cosa volete che ci fossero debiti poi tutto da dimostrare erano scuse per defilarsi ……..se il giudice aveva detto 22 ml quella era la ciffra se poi non li avevano (cineasti americani ecc ) innutile investarsi palle alla fine laa vecchia propieta’ dimostra di non capire di calcio per cui hanno fatto bene ad andarsene in minoranza

    • 30 Dicembre 2017 in 14:07
      Permalink

      secondo me ti stai scordando la montagna di debiti da pagare da li in avanti ,ma le listes si vede che corrado era effettivamente un nadero

  • 30 Dicembre 2017 in 13:41
    Permalink

    fra l’altro pensavo erroneamente di essere una societa’ di calcio italiana con prorpieta’ desport nonché ddmc invece siamo ad hong kong di sport international limited ,sempre per via della fisica quantistica e del principio di indeterminzione di heisenberg ,non e’ possibile conoscere ne il tempo ne la posizione di nessuna particella tantomeno di una prorpieta’ ,a tgnir na squedra in b a perma le dura ragass le cose cambiano alla velocita’ della luce a parte il sitema di d’aversa http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 30 Dicembre 2017 in 13:56
      Permalink

      La CIna è un po’ complessa, finora, però, si son comportati in modo corretto, nonostante lle varie problematiche via via emerse

    • 30 Dicembre 2017 in 14:02
      Permalink

      In effetti è dura tenere per molto una serie B a Parma… presto saremo in A nonostante i molti rematori in senso contrario.
      Sempre e solo forza Parma

  • 30 Dicembre 2017 in 13:57
    Permalink

    Allora tutto bene si viaggia alla grande con il bilancio

    Basta dibattiti polemici….bilaciemà e scarikemà evviva

  • 30 Dicembre 2017 in 13:58
    Permalink

    capisco essendo cosciente che avere 7,4 milioni di perdite dopo un anno nei dilettanti e uno nei professionisti di basso livello, che con la passione ci fai una mazzafionda ,non posso essere molto ottimista nel pensare che dei cinesi tengano una squadretta di serie b, che perde ogni anno 4-5 milion solo per amor di bandiera ,questo me lo consente vossia vero ? o aspetto le decisioni del governo di pechino anche in materia di esposizione di pensiero http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 30 Dicembre 2017 in 14:10
    Permalink

    la casa di vetro ,ma anche fuga da Alcatraz (cit) chi vuol capire capiscia fuori dal vaso http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_smile.gif

  • 30 Dicembre 2017 in 14:44
    Permalink

    Io penso che i parmigiani pssudo tifosi siano dei grandi “bocalani”che pensano che basti il nome per vincere tutto se non vanno bene i cinesi pensateci voi

      • 30 Dicembre 2017 in 18:02
        Permalink

        dai stavolta e’ migliorato dai non ha detto andate a vedere la reggiana

  • 30 Dicembre 2017 in 15:10
    Permalink

    CASA DI VETRO CON LA GESTIONE CINESE !!!!!!!!!!! MICA PRIMA MEGLIO SPECIFICARLO ………………non mi risultano ch nei precedenti due anni e mezzo di gestione dei soci parmigiani ci sia stata gran trasparenza anzi ………

  • 30 Dicembre 2017 in 15:18
    Permalink

    si difficile illudersi se fa fatica suning a portare i soldi in italia per finanziare l inter e suning li ha veramente ………..figuriamoci ……sembra che ci siano limitazioni o controlli ancora in cina sui capitali in uscita nel calcio di oggi ove i soldi servono e con rapidita’ (abbiamo visto per portare 8 ml ci hanno messo 6 mesi !!! ) e’ difficile pensare a un futuro roseo e l attegiamento di crespo e propio indicativo che non ci crede neppure lui forse non vuole mettrci la faccia …..non so sinceramente come fara il parma a programmare la prossima stagione con tra l altro almeno 5-6 ml gia da pagare vedi ceravolo dezi ecccEssere fiduciosi e difficile ma comunque accontentiamoci di cio che passa il convento piuttosto che niente e meglio piutost e l operazione trsparenza l hanno fatta i cinesi mica i parmigiani questo la dice lunga sui vecchi soci

  • 30 Dicembre 2017 in 15:19
    Permalink

    ritengo che la A sia un mare più grande della B. pertanto che siano buone o cattive “eticamente” parlando le intenzioni dei cinesi, hanno interesse a salire.
    da valutare invece le capacità organizzative nel mondo pallone(organigrammi, responsabilità, decisioni etc etc come in qualsiasi azienda) che forse non hanno completamente ma spero di essere smentito.
    vedremo.

  • 30 Dicembre 2017 in 15:22
    Permalink

    come mai in due anni e mezzo i soci parmigiani non hanno mai dato comunicazioni ne fatto trasparenza ? non hannoi risposto ad alcun quesito di gornalisti o alle domande dei tifosi …ne tanto meno i soci di minoranza che dovevano controllare tutti muti ……. ci volevano i cinesi per farlo ? che figura di merda dirette il telegiornalista di rete 4

  • 30 Dicembre 2017 in 15:50
    Permalink

    Se non fossero piocioni inside oggi non ci sarebbero 4 cinesi scappati di casa col 60% delle azioni della società e non ci sarebbe un ex giocatore sciatore alla vice presidenza

    • 30 Dicembre 2017 in 18:12
      Permalink

      egregia redazione per spegnere l’incendio lei butta benzina sul fuoco ! poi ripeto se dobbiamo stappare un crodino stappiamolo !

      mi spieghi come posso pensare che un domani il parma possa tornare in citta’ ,che par torel in dre’ ag vol pu sold che cater al perma ed ghirerdi ! e se non ci mette 11 maglioni un noto ulttra’ del parma di hong kong ag sariss ste da crider ! mi dichi mi dichi

      nel frattempo vado a farmi due spaghi ,e via verso nuovi orizzonti crociati !

  • 30 Dicembre 2017 in 17:19
    Permalink

    Oggi ha segnato coda, secondo me non viene più a Parma

    • 30 Dicembre 2017 in 18:03
      Permalink

      ecco bravo ci ho pensato anche io ,ma secondo me non veniva lo stesso

    • 31 Dicembre 2017 in 16:22
      Permalink

      Per fortuna così arriva PIDEMONTI.

      • 31 Dicembre 2017 in 19:10
        Permalink

        un po di afasia nei cognomi

  • 30 Dicembre 2017 in 19:00
    Permalink

    Quindi quei tirchi di “Nuovo Inizio” hanno versato parecchi soldi nelle nostre casse. Come la mettiamo ora?

  • 30 Dicembre 2017 in 20:34
    Permalink

    Mi ed bilanci an ni so mia…mi drov ancora la stadera ..
    ad ogni modo ..basta chi toghen na ponta FORTA DABON ( MO MIGA ED formaj ca sa de scapen ) , un bel centrocampista codign …mi saris sempar per von cmè Migliaccio con 10 ani ed meno …un ringhiatore tosto, forte fisicamente e cal ne butta miga via la bala….
    pri BILANC i glan da strigheres chi ha comprè la baracca…
    i ghan da metar ancora di bagaron, tor col ca serva e …sercher ed vensar , ansi, d’ander su…in tal tassel ed la Serie A…
    dopa , na volta rivè la insima, a fema du cont, a guardema cos resta in sacossa e tolema del decision: intanta andema lassu’…po nin parlema…
    moro

  • 30 Dicembre 2017 in 21:12
    Permalink

    I dati di bilancio danno eccitazioni fatte in casa a ragionieri e corvacci. I nostri espertoni sbavano più che se vedessero un gran tocco di gnocca con le autoreggenti. Deviazioni?

    • 31 Dicembre 2017 in 09:56
      Permalink

      ah non lo so io mi son fatto due spaghetti al pomodoro e basilico che erano na meraviglia ,tecontinua a dormire il sonno dei giusti

  • 30 Dicembre 2017 in 21:34
    Permalink

    Caro Luca non è proprio così!
    Se leggi la relazione del revisore dei conti i 7.417.890,00
    sono stati ripianati dalla Link International sport Ltd
    (i cinesi), tral’altro al momento della chiusura del bilancio non erano ancora arrivati.
    Quindi “teoricamente” chi non è stato “piocione” è stato “John”,
    speriamo che continui a non esserlo e che quelli “usati” non siano i soldi del Monopoli. 😁

    • 30 Dicembre 2017 in 21:53
      Permalink

      Buonasera Lucia,

      la relazione dei revisori parla di otto milioni che i cinesi hanno versato dopo la chiusura dell’esercizio.

      Ecco quanto scrivono: “Nella Nota integrativa gli amministratori motivano la redazione del bilancio nella prospettiva di
      continuazione dell’attività avendo considerato che “successivamente alla chiusura dell’esercizio, il socio Link International Sports Limited ha effettuato ulteriori versamenti in
      conto capitale per complessivi Euro 8.000.000” e che ”in presenza del maturare di perdite eccedenti il patrimonio netto contabile successivamente al 30 giugno 2017”, hanno “ricevuto
      dal socio di maggioranza Link International Limited una comunicazione nella quale confermava l’intenzione di fornire a Parma Calcio 1913 S.r.l. il supporto finanziario necessario
      a far fronte agli impegni previsti dal Budget aziendale relativo all’esercizio 2017/2018”. La concreta manifestazione dell’impegno formalizzato dal Socio nella sua comunicazione di cui sopra costituisce requisito indispensabile per garantire la “continuità aziendale”.

      Del resto se lei guarda la conclusione dell’articolo sul sito ufficiale la questione degli otto milioni è regolarmente riportata:

      “Successivamente alla chiusura dell’esercizio, il nuovo socio di maggioranza ha inoltre effettuato nei mesi scorsi ulteriori versamenti in Conto Capitale per € 8 milioni, a supporto finanziario degli impegni previsti dal Budget 2017/2018”.

      Su Parma Press 24 hanno aggiunto:

      Due sole postille alla lettura: per quanto riguarda la società Link International Limited altro non è che il vettore con cui Desports effettua investimenti in Europa.

      Per quanto concerne le cifre, dalla multinazione cinese sono stati versati 15milioni di euro in 3 tranches: 3 e 8, già contabilizzati, alti 4 che figurerrano sul prossimo bilancio.

      Lo sa che il Pisa dei Corrado, dopo una retrocessione, hanno chiuso con un patrimonio netto negativo di 4 milioni? Quello del Parma, invece, dopo una promozione, ha un patrimonio netto positivo e 2 milioni di liquidità.

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

    • 31 Dicembre 2017 in 11:15
      Permalink

      Esatto. I cinesi hanno messo 15 milioni serviti a ripianare perdite e acquisire quote. Restano fuori circa 10 milioni di gestione di quest’anno ( non sfuggiranno i costi della C e logicamente la B costa di più) e 5 milioni di riscatto di ceravolo gagliolo e dezi. Dezi provano a cederlo subito, gagliolo e ceravolo prima del 30 giugno. Ora spazio a riduzione ingaggi perché i cinesi non vogliono metterci troppi soldi ancora ( 15+6+3 quest’anno) e la stagione prossima. Vediamo se ci prendo.

  • 30 Dicembre 2017 in 21:43
    Permalink

    Servono a poco i numeri complessi da comprendere e ognuno resta della sua idea. A parere mio il progetto risalita in b in 3 anni è riuscito bene, poi come preannunciato si è cercato un nuovo socio. In b ci siamo arrivati in 2 e la società credo possa definirsi sana (per quanto possibile nel calcio) a giugno 17. Sul futuro sono decisamente più preoccupato di quanto lo fossi due anni fa, vedremo, questo passa il convento, nel frattempo pensiamo al pallone

  • 30 Dicembre 2017 in 22:21
    Permalink

    Il punto caro Alessio è un altro, da come spiegano chiaramente i revisori dei conti, il bilancio, e la conseguente continuità aziendale, è stata garantita al 30/06/2017 dalla futura immissione di 8.000.000,00 di euro da parte dei cinesi.
    Che gli abbiano veramente versati assieme agli ulteriori eurini come dice Parma Press 24 non lo metto in dubbio.
    Resta il fatto che almeno in quella occasione i 7 “milionari” non hanno tirato fuori una ghella!! 😁

    • 31 Dicembre 2017 in 12:20
      Permalink

      Mi permetto un Lucia Bacetto gaiamente oculato

      Naturalmente senza offesa o rufianismo x carità

  • 30 Dicembre 2017 in 22:37
    Permalink

    Nell’articolo si legge abbastanza chiaramente che i 7 milionari hanno messo circa 1 milione cad, dal momento che han fatto versamenti in conto capitale per circa 6.5 ml

    “La perdita di esercizio summenzionata è stata interamente assorbita grazie alle risorse immesse dalla proprietà nelle ultime due stagioni, con versamenti in conto capitale da parte di Nuovo Inizio per circa € 6,5 milioni e un aumento di capitale a favore del nuovo socio di maggioranza per ulteriori € 3 milioni tra capitale e sovrapprezzo”.

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

    • 31 Dicembre 2017 in 11:19
      Permalink

      Mi sembra un esercizio di stile. Se io socio so che arrivano i soldi dei cinesi, mi faccio finanziare o uso soldi miei per aumento di capitale, tanto tornano a brevissimo in casa mia. Il mio guadagno sta ne tenermi il 30 che magari rivendo ai cinesi una volta arrivato in serie a. Ma occorrono gli osti per fare i conti. Ovvero le scatole cinesi.

  • 30 Dicembre 2017 in 22:50
    Permalink

    A quanto risulta dalla Nota integrativa la controllante avrebbe immesso liquidità nel Parma Calcio sottoforma di prestito fruttifero con un tasso del 3,4% (a regola sono stati anche onesti)!
    😁😁😁😁😁

    • 31 Dicembre 2017 in 11:20
      Permalink

      Appunto

    • 31 Dicembre 2017 in 12:36
      Permalink

      se rapportato al fondo elliot e’ quasi una onlus http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 31 Dicembre 2017 in 01:24
    Permalink

    La verità è una sola.
    Ammettiamo di andare quest’anno in serie A.
    Possibile e non impossibile.
    Con un centravanti che la butta dentro il sogno daimpossibile può divenire POSSIBILE
    E allora guardiamoo il bicchiere mezzo pieno.
    Dobbiamo però dare un’occhiata all’attuale serie A per non fare un giorno giunti in serie A, sogni pindarici.
    Negli ultimi tre posti ci sono le tre neopromesse
    Questo è un dato inconfutabile
    Cosa significa?
    Significa che se vuoi rimanere in serie A, devi spendere molti milioni per essere competitivo.
    Se già ora abbiamo difficoltà a spendere qualche spicciolo, il prossimo anno se il sogno della serie A si avverrà dove prenderemo i soldi che dovranno essere tanti per non ripiombare come il Benevento nuovamente in serie B?
    Questo è il problema.
    Questi cinesi hanno veramente i soldi o hanno solov+ spiccioli?

  • 31 Dicembre 2017 in 20:00
    Permalink

    Ma cara la mia Lucia B. ,
    sono 3 anni che vai avanti come un disco rotto.
    Che non ti piacciano gli industriali di Parma, creso si sia capito. Proviamo a cambiare registro?
    Basta indignazione, cosa ti farebbe godere?
    Un Parma solo cinese? Un Parma non cinese? Un Parma lucano? Un Parma Piazza & Corrado? Un Parma Ghiro di una volta? Insomma, per una volta dicci cosa ti piacerebbe e cosa farebbe placare la tua indignazione! Buon anno, sorridi!!!

    • 1 Gennaio 2018 in 04:22
      Permalink

      Cosa vuoi placare… Sono 3 anni che contano i peli del culo a questa società solo perché il loro favorito Corrado li aveva abbindolati. Del resto sai i piocioni industriali non andavano bene ma quando é stato il momento i piccioli li hanno sganciati. Corrado andava molto bene ma quando é stato il momento i piccioli non li ha sganciati.

  • 1 Gennaio 2018 in 14:24
    Permalink

    Ma chi è Corrado quello della Corrida?
    Alè bela mort da un pò..
    Mi a cunus Il mulino bianco che putost ad tirèr fora di sold
    par al Perma la paghè al tennista…a vendar dla pasta.
    Mo mama…

  • 1 Gennaio 2018 in 15:51
    Permalink

    Caro CuginoDiDallara in questi 3 anni, ero una delle poche a criticare la gestione BIOLOGICA e mi prendevo insulti e attacchi,
    adesso più o meno tutti la pensano come me.
    Sempre in questi 3 anni sostenevo che i 7 ci avrebbero mollato con dei debiti ed è esattamente quello che è successo.
    Quando uno ama una squadra non è costretto ad amare incondizionatamente la sua proprietà.
    Ci sono milanisti che non votano Berlusconi, genoani che criticano Preziosi, laziali che non amano Lotito.
    A Parma invece bisogna “acquistare il pacchetto completo”,
    Industriali dell’ UPI, squadra, giornali e blogger “prepagati”.
    Non avevo una particolare preferenza per Corrado, ne per Piazza,
    ne per chiunque altro..
    Semplicemente sapevo che i 7 non ci avrebbero portato avanti per molto. Chiaramente non mi riferisco ai risultati sportivi in se,
    sono tral’altro convinta che il Parma quest’anno salirà in serie A
    assieme al Palermo, se così non fosse entrambe rischierebbero molto dal punto di vista… “della continuità aziendale”.
    I cinesi non li conosco e non posso giudicarli.
    Delle rassicurazioni di Marco Ferrari ci faccio ben poco visto che le aveva usate anche per Taci.
    Purtroppo fino ad ora le ho indovinate tutte, speriamo di indovinare anche il mio pronostico sulla promozione in serie A,
    nella speranza che questa rimandi i problemi economici per qualche anno, e che i cinesi dimostrino possibilità, serietà di intenzioni e progettualità a lungo termine. 😉

    • 1 Gennaio 2018 in 21:59
      Permalink

      In realtà non le hai azzeccate tutte… Anzi proprio no. Stando al vostro indice spannometrico alternativo non saremmo mai saliti in B… Anzi avremmo vivacchiato per decenni in lega pro e forse avremmo fatto una qualche capatina in b. Di fatto ci siamo andati al primo colpo. E non dire che non avevi delle preferenze perché eri tu che avevi dei banner sui social che inneggiavano a Corrado (il più carino era ‘Corrado per la rinascita’) E avevi pure detto scritto che in caso di ritorno in B saresti tornata in curva e avresti chiesto scusa a tutti… Sai che Parma é piccolina e le bugie hanno le gambe cortine… La realtà é che avete pestato una bida e piuttosto che ammetterlo siete pronti a mangiarla.

  • 1 Gennaio 2018 in 19:15
    Permalink

    rido molto

    ma davvero Ferrari ti avrebbe rassicurato su taci ?

    e a che titolo che non c’era piu’ da un anno ,per il resto lasema perdor che am vena da crider

  • 1 Gennaio 2018 in 19:44
    Permalink

    Cara Lucia,
    nessuno pretende che la gente dica che gli industriali di Parma sono belli e buoni. Anzi, sarebbe un po’ stucchevole. E inoltre sono anche un po’ puzzoni. Un’ “opposizione” sana, anche feroce e cattiva, ma intellettualmente onesta e lucida, sarebbe solo un valore aggiunto, che fungerebbe da pungolo verso la società.
    Invece voi purtroppo da anni fate un’altra cosa, ossia spargere in giro per la citta’ delle grandi CANNELLE, che alla fine sono controproducenti per la credibilità tua e dei tuoi amici. Altro che averle azzeccate tutte! Ma te le ricordi le cose che hai detto? Anche adesso, abbi pazienza, continuare come fate da mesi a dire che i piocioni hanno lasciato una società coi debiti e’ una follia! I bilanci dei 2 anni sono chiari, cristallini e pubblici: zero debiti, 2 mio eccedenza cassa, perdite dei due anni ripianate con 6,5 mio piocioni e 3 cinesi (oltre a 350k versate all’inizio da ppc). In più, 8 mio sono stati versati dai cinesi dopo il 30.6.17, x finanziare stagione 17/18, quella attuale.
    Daila’!

  • 1 Gennaio 2018 in 20:10
    Permalink

    Ragas, bisogna che a vag in bagn, siete lassativi

  • 1 Gennaio 2018 in 20:46
    Permalink

    e lassali perdere !

  • 1 Gennaio 2018 in 21:47
    Permalink

    Jdm il tuttologo….
    ..ma va alla Buca a magner na pizza….

    • 2 Gennaio 2018 in 09:01
      Permalink

      essendo tuttologo preferisco quella del torchio,non ti preoccupare che ho un grado cognitivo adeguato al tuo ,il punto e’ un altro ma il 30% che gli e’ rimasto quanto vale ? io un idea ce l’ho

  • 1 Gennaio 2018 in 22:13
    Permalink

    Mentre Cugino itt…si vada a leggere la relazione della società di revisione ‘Trevor’, relazione allegata al bilancio. Sempre se ci capirà qualcosa….

    • 2 Gennaio 2018 in 09:25
      Permalink

      per me e’ tutto di una chiarezza bestiale e ho a,nche un idea del perché abbbiano ancora il 30% ,di cosa non so ecco quello non sono ancora riuscito a comprenderlo ma prima o poi ci arrivo lumachin lumachino

  • 2 Gennaio 2018 in 09:49
    Permalink

    Bravo Jdm dai che forse ci arrivi…..

  • 2 Gennaio 2018 in 11:23
    Permalink

    eh nel caso ti aspetto

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI