IL COLUMNIST / L’ATALANTA E LA SPEDIZIONE DEI 15MILA PER INSEGUIRE UN SOGNO: REPLICARE LA CAVALCATA NELLA COPPA COPPE 87/88, MA STAVOLTA SENZA SCORDARSI DEL LIETO FINE

il-columnist-luca-russo1-300x166(Luca Russo) – Se dovessi spiegare a un bambino cosa vuol dire essere tifosi di una squadra, non lo farei. Semplicemente gli mostrerei le immagini degli spalti gremiti del Mapei Stadium in occasione della recente sfida di Europa League tra Atalanta e Lione. Per inciso, vinta dai bergamaschi, che oltre alla qualificazione, già messa in ghiacciaia nelle precedenti esibizioni, si sono assicurati anche il primo posto nel girone. Una vittoria ottenuta davanti a 15mila spettatori. Dato, questo, di cui non ci si deve meravigliare più di tanto: l’Atalanta in Europa non ci va ogni anno, per cui le rare volte che ci riesce, i suoi tifosi giustamente se la godono. Ma che sorprendente lo diventa nel minuto in cui si realizza che quei 15mila per sostenere i propri colori sono partiti da Bergamo e arrivati allo stadio di Reggio Emilia, dove il club orobico ha scelto di migrare al lume del fatto che l’Atleti Azzurri d’Italia, data la mancanza di seggiolini numerati in tribuna Ubi ata_lione_UEL_800_030Giulio Cesare, non avrebbe ottenuto il nulla osta dall’Uefa a ospitare le gare casalinghe dei nerazzurri in Europa League. Un’invasione pacifica che ha messo nelle gambe degli uomini di Gasperini due, tre, quattro marce in più. Poco meno di 200 chilometri per una partita che niente di nuovo poteva raccontare a proposito del passaggio di turno, ma che era chiamata a stabilire la vincitrice del gruppo. E così giovedì scorso non si è capito se sia stata Bergamo a trasferirsi a Reggio Emilia, o Reggio Emilia a prender residenza a Bergamo. Indipentemente dal tipo di lettura che se ne offre, una cosa è certa: è esattamente lo spirito dei tifosi atalantini quello giusto per vivere una competizione che specialmente nelle sue primissime battute propone avversari poco affascinanti e altrettanto dotati sul piano della tecnica e della tattica. Facile fare sold out quando dall’altra parte c’è il Real Madrid del signor CR7, un po’ meno se hai di fronte (cito a caso) il Granada dei signori nessuno. Quante volte ci siamo lamentati delle squadre e tifoserie italiane che al di là dei nostri confini snobbano qualsiasi coppa non abbia le curve, le misure e le grandi orecchie della Champions? Ecco, non è il caso dell’Atalanta né dei suoi supporter, ché l’altra sera ata_lione_UEL_800_026l’Europa League l’hanno onorata come si richiede a qualsiasi formazione vi prenda parte, invece di accontentarsi della qualificazione che già avevano in mano da qualche settimana. Le altre, invece, non sempre hanno avuto un comportamento ugualmente rispettoso nei confronti della sorella minore della fu Coppa dei Campioni. Penso al Milan che, imbottito di seconde linee, ha rimediato una sconfitta e una figuraccia a Fiume in Croazia; o alla Lazio che in Belgio ci è andata con un gruppo volutamente rimaneggiato e intenzioni tutto tranne che bellicose, finendo per perdere al cospetto di uno Zulte davvero modesto. Ok, si trattava, e per i Diavoli e per i biancocelesti, di partite alle quali non c’era granché da chiedere, ma l’orgoglio? Dove sta? Se i rossoneri avrebbero potuto regalare la prima gioia in panchina a Gattuso, le aquile avevano un’imbattibilità da difendere (in EL non perdevano dal settembre 2011 a Lisbona con lo Sporting): due ragioni molto più che valide per affrontare seriamente gli ultimi novanta giri di lancette del gruppo. E invece no. Per assistere ad una partita vera, l’attenzione abbiamo dovuta spostarla sul Mapei Stadium. Che nelle ultime stagioni è diventato un po’ il campo di tutti. Progettato e costruito tra il 1994 e il 1995, all’inaugurazione lo stadio reggiano – quando ancora si chiamava ata_lione_UEL_800_001Giglio e non Città del Tricolore come oggi – era un impianto proiettato nel futuro e, segnatamente, dotato di: tornelli, telecamere a circuito chiuso, panchine riscaldate e, udite udite, un apparato moviola. Negli anni, oltre che le gesta della Reggiana, ha ospitato: match della Nazionale Italiana; spareggi di serie B e serie C; una finale di Champions League femminile; il Carpi per la stagione 2011/2012; dal 2013 il Sassuolo il cui proprietario, la Mapei, nel dicembre di quattro anni ne è diventata proprietaria; e infine le gare interne di Europa League 2017/2018 dell’Atalanta. Che dopo aver regalato alla sua gente e al pubblico di Reggio Emilia le imprese da copertina contro Everton (battuto per 3-0), Apollon Limassol (3-1) e Lione (1-0), ora può mettere nel mirino il bersaglio grosso, ovvero replicare la cavalcata nella Coppa delle Coppe 1987/1988. Ma stavolta senza scordarsi del lieto fine. Luca Russo


 

4 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / L’ATALANTA E LA SPEDIZIONE DEI 15MILA PER INSEGUIRE UN SOGNO: REPLICARE LA CAVALCATA NELLA COPPA COPPE 87/88, MA STAVOLTA SENZA SCORDARSI DEL LIETO FINE

  • 9 Dicembre 2017 in 13:21
    Permalink

    Per me l’Atalanta può benissimo arrivare in finale. In campionato è tranquilla e non ha nulla da chiedere, perciò può concentrarsi sulla Coppa.

    • 9 Dicembre 2017 in 13:49
      Permalink

      Sono d’accordo. Poi nel calcio esistono delle società che sembra abbiano un rapporto speciale con le coppe europee. Per restare in Italia, una di queste è sicuramente il Parma, che in Europa, Tanzi o non Tanzi, ha sempre fatto buone figure. Per esempio la semifinale Uefa del 2005. E anche Milan che non di rado ha vinto la Champions e però nello stesso anno è arrivato terzo o quarto in campionato. E poi c’è l’Atalanta che, come ricordavo nel pezzo, nel 1987/1988 da squadra si serie B si spinse fino alla semifinale di Coppa delle Coppe. Non mi dispiacerebbe per niente che fossero gli orobici a succedere al Parma nell’elenco delle italiane che hanno sollevato al cielo la Coppa Uefa.

      • 9 Dicembre 2017 in 23:31
        Permalink

        Non hanno proprio nulla da perdere e ormai si è creata la magia quando giocano in Europa.

  • 10 Dicembre 2017 in 12:33
    Permalink

    Peccato ke NON possono giocare nel loro stadio ahime

    Anke perkè fosse solo il problema dei seggiolini numerati

    Li avrebbero pure messi purtroppo invece le problematike

    Sono ben maggiori e la prima è la sicurezza dentro e fuori

    All’Atleti Azzurri D’Italia di Bergamo come del resto la

    Maggior parte degli impianti Italiani compreso il Tardini

    Sono ritornato a Terni dopo svariati anni e il Liberati

    Praticamente stà messo male anzi ci sono crepe e

    Cedimenti da far pura una pena assoluta !!!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI