D’AVERSA: “VORREMMO CHIUDERE IL 2017 DANDO UNA SODDISFAZIONE AI TIFOSI VINCENDO UNA GARA DIFFICILE: VORREBBE DIRE CHIUDERE L’ANDATA IN UN MODO STREPITOSO” (VIDEO) / I CONVOCATI

d'aversa vigilia parma spezia(www.parmacalcio1913.com) – Alla vigilia di Parma-Spezia, gara valida per la 21esima e ultima giornata d’andata del campionato di Serie B ConTe.it, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del centro tecnico di Collecchio. Sarebbe fondamentale cercare di dare un’ultima soddisfazione per questo 2017 ai tifosi nel vincere una partita difficile, vorrebbe dire chiudere il girone d’andata in maniera strepitosa, non sarà facile perché incontriamo una squadra che nelle ultime 5 partite ha fatto 12 punti e nelle ultime 10 ha subito solo 7 gol, ma vorrei che i ragazzi coinvolgessero il nostro pubblico con la prestazione e l’impegno, e di conseguenza di fronte ad eventuali difficoltà che i nostri tifosi spingano la squadra ad ottenere un risultato importante“.

“Lo Spezia? In questo momento incontriamo sempre squadre in forma ottimale, ma anche noi lo siamo, bisogna avere la giusta determinazione, voglia e cattiveria, per prendere i tre punti con il massimo equilibrio, loro si sono sistemati e organizzati, la differenza sta nella voglia di ottenere i tre punti”.

“L’attacco? Per le scelte definitive devo ancora decidere, è chiaro che per le caratteristiche di chi sta scendendo in campo sono soddisfatto ma non al massimo, perchè ci sono delle occasioni nelle quali possiamo far male e dobbiamo migliorare in furbizia e malizia, ma a prescindere da chi scende in campo credo non sia un limite, è solo un modo di interpretare la partita di maniera diversa, quindi quel che mi auguro è che abbiamo non tanto la fame di trovare il gol singolo ma che abbiamo la fame di portare a casa i tre punti che è la cosa più importante. Durante la settimana si lavora sulla voglia di vincere e di affrontare qualsiasi cosa con il massimo impegno: non solo riguardo la parte finale dell’azione, ma anche un fallo laterale, un passaggio  uno stop, un contrasto. Poi è chiaro che si batte anche il chiodo sul fatto di essere più decisivi davanti la porta, è un aspetto che si può migliorare solo lavorando“.

“Un bilancio personale fino ad ora? Se si analizza il percorso da quando siamo arrivati ci sono tanti aspetti positivi, vorrei ci fosse sempre più entusiasmo attorno ai ragazzi perché stanno facendo qualcosa di straordinario. Non ci dobbiamo accontentare perché il passato è passato e dobbiamo guardare al futuro e pensare che abbiamo un potenziale enorme che ci ha permesso di fare questo percorso e che ci può permettere di fare qualcos’altro di straordinario, gli obiettivi della società sono chiari fin dall’inizio e noi dobbiamo fare di tutto per dare il massimo, nell’arco di un anno ci sono momenti positivi e negativi, ci vuole equilibrio post vittorie e post sconfitte. Questi ragazzi hanno fatto un percorso bellissimo, l’obiettivo che dobbiamo metterci in testa è che abbiamo fatto qualcosa di straordinario e che mai nessuno è riuscito a fare”.

“Anche a Bari abbiamo fatto un’ottima prestazione, siamo usciti dal San Nicola recriminando sul risultato anche se non in maniera così evidente come contro il Cesena, c’è un po’ di rammarico ma tenendo ben presente che avevamo di fronte un avversario importante, che tolta la partita contro Palermo e Venezia non aveva mai pareggiato in casa. Inutile però guardarsi indietro, diamo valore a questi pareggi con una vittoria domani“.

“Che avversario mi aspetto domani? Certo non posso entrare nella testa del loro allenatore, tatticamente ora usano il 4-3-1-2 e a volte il 3-5-2, quel che dobbiamo fare è la lettura immediata delle situazioni che si possono presentare e avere determinazione nell’affrontare la partita, come ho detto l’obiettivo è quello di trascinare il nostro pubblico con impegno e far sì che se siamo in difficoltà il pubblico stesso ci spinga a ottenere questi tre punti fondamentali“.

Di Cesare ha fatto a Bari un’ottima prestazione considerata la lunga assenza, ha dimostrato grande professionalità, ha lavorato molto bene e fatto un’ottima gara, si è preparato durante la lunga assenza. La formazione per domani? Ho due o tre dubbi, sia davanti che a centrocampo“.

DAL PROFILO UFFICIALE FACEBOOK DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA ODIERNA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA ALLA VIGILIA DI PARMA-SPEZIA

PARMA-SPEZIA – I CONVOCATI

(www.parmacalcio1913.com) – Mister Roberto D’Aversa, al termine della seduta di allenamento a porte chiuse sostenuta questo pomeriggio al Centro Sportivo di Collecchio, ha convocato 22 giocatori per la ventunesima partita del campionato Serie B ConTe.it 2017/2018, in programma domani sera allo stadio Ennio Tardini (fischio d’inizio: ore 20:30) contro lo Spezia. Oltre a Calaiò, Ceravolo, Mazzocchi e Saporetti, assente anche Germoni, che ha svolto un allenamento personalizzato.

Ecco la lista dei convocati (in ordine alfabetico):

Yves Baraye, Antonino Barillà, Francesco Corapi, Jacopo Dezi, Valerio Di Cesare, Antonio Di Gaudio, Andrea Dini, Pierluigi Frattali, Marco Frediani, Riccardo Gagliolo, Simone Iacoponi, Roberto Insigne, Alessandro Lucarelli, Gianni Munari, Michele Nardi, Manuel Nocciolini, Juan Ramos, Luigi Alberto Scaglia, Manuel Scavone, Matteo Scozzarella, Francisco Sierralta, Luca Siligardi.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

16 pensieri riguardo “D’AVERSA: “VORREMMO CHIUDERE IL 2017 DANDO UNA SODDISFAZIONE AI TIFOSI VINCENDO UNA GARA DIFFICILE: VORREBBE DIRE CHIUDERE L’ANDATA IN UN MODO STREPITOSO” (VIDEO) / I CONVOCATI

  • 26 Dicembre 2017 in 19:10
    Permalink

    Quando si fa male un giocatore del parma sta giù una vita, forse perché sono vecchi?

  • 27 Dicembre 2017 in 09:25
    Permalink

    Nooo IRAIA…

  • 27 Dicembre 2017 in 11:03
    Permalink

    Cavolo su questo firum si scrive, fai domande ma nessuno risponde se non il grande Morosky.
    RIFACCIO LA DOMANDA sperando in una risposta.
    Appurato che un giocatore del Parma se ha un raffreddore sta fuori due mesi, vorrei sapere
    Ceravolo rientrerà dopo Pasqua
    La domanda che faccoo è questa.
    Dopo Pasqua del 2018 oppure 2019?

  • 27 Dicembre 2017 in 11:47
    Permalink

    Oggi D’Aversa deve inventarsi qualcosa se non vuole che la. partita finisca zero a zero dato che lo Spezia in difesa è molto forte ( ed anche all’attacco)
    Purtroppo Baraye come centravanti non va e lo dimostra il fatto che da quando fa il centravanti, mai ha tirato nello specchiio della porta
    A dir la verità mai aveva tirato nello specchio della porta da inizio campionato…..
    Possibile che D’Aversa non abbia ancora capito che non avendo centravanti e non avendo attaccanti validi quel suo modulo che continua a proporcelo È UN SUICIDIO SPORTIVO.
    Buttiamo Frediani nella mischia.
    Peggio degli attaccanti che giocheranno oggi non potrà certamente fare.
    A proposito d’Insigne. anche lui si sta imbrocchendo?

    • 27 Dicembre 2017 in 17:58
      Permalink

      Baraye fa fatica a giocare spalle alla porta, da esterno si impegna anche se non è il suo ruolo naturale. Il fatto è che lui è un calciatore un po’ atipico e dargli un ruolo preciso non è semplice. Visto che ha un tiro potente e preciso, si potrebbe provare ad utilizzarlo immediatamente dietro ad un attaccante centrale per approfittare delle sponde grazie alla sua rapidità di esecuzione. Sicuramente D’Aversa durante la pausa qualche cosa a livello tattico la studierà

  • 27 Dicembre 2017 in 12:15
    Permalink

    Frediani dall’ inizio oppure se non lo reputa pronto Dezi più avanti tipo 4-3-Dezi-2
    che provi tanto anche se non vince non lo mandano via. che si perda o si pareggi poco cambia.
    e poi a gennaio qualcosa arriverà si spera.

  • 27 Dicembre 2017 in 12:30
    Permalink

    Ci vuole Frediani in mezzo

  • 27 Dicembre 2017 in 13:36
    Permalink

    Su Calaiò abbiamo smesso di dare gli aggiornamenti? è davvero chiedere la luna sapere le sue condizioni di salute? Siamo passati da 2/3 gare al massimo al tempo indeterminato. Boh…
    Comunque oggi mi va bene vincere anche grazie a un autogol http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 27 Dicembre 2017 in 14:07
      Permalink

      A me bastetebbe vincere anche con un tiro deviato dall’arbitro o con un rigore inesistente giocando da bestia e da cane, giocando DA VOMITO senza fare un tiro in porta.
      Se poi si deve vincere con un gol non entrato ma pet l’arbitro entrato a me va benevlo stesso ma

      BISOGNA VINCERE
      Assolutissimissomisiimamente.

  • 27 Dicembre 2017 in 15:00
    Permalink

    Ciao Velenoso, ciao a tutti indistintamente

    dare risposte pertinenti alle domande poste non è semplice: mi fa piacere la tua stima, io rispondo, SEMPRE E SOLO PER EDUCAZIONE, ci sono quesiti però ai quali non è per nulla facile né semplice rispondere: da parecchio tempo, quelle che sono le diagnosi, le condizioni fisiche e i tempi di recupero degli ammalati – infortunati, spesso non sono resi noti per effetto della privacy dei calciatori quindi, soprattutto per infortuni particolarmente gravi ( vedi Ceravolo ) e di particolare natura, non ci sono, secondo me, casistiche pregresse per poter dare dei tempi precisi in quello che sarà il recupero ed il ritorno in campo dell’atleta;
    dire due o tre mesi dalla data dell’operazione è impossibile anche per gli addetti ai lavori, credo che dipenda da parecchi fattori, dalla fibra dell’atleta, dall’esito del lavoro personalizzato giornaliero, dalla muscolatura stessa, non credo che sia uguale per tutte le persone proprio per queste variabili talemnte diverse tra atlet ed atleta..
    Credo che sia un diritto cautelativo, da parte della società, mantenere un velo protettivo su condizioni e tempi, anche per rispetto dei tesserati stessi: diciamo che Calaiò rientrerà ormai il 20 gennaio, pienamente recuperato e Ceravolo , chissà ?
    L’unica cosa che posso anticipare è che non dovrebbero essere tempi lunghi come era stato scritto post infortunio e pre operazione: erano stati ipotizzati da 4 a 6 mesi ma, gli addetti ai lavori hanno lasciato trapelare tempi molto + ridotti : 3 mesi ?
    Io personalmente l’ho già visto in campo, col preparatore, correre soft, piano piano, senza forzare, calciare di piatto, interno piede, sempre senza forzare ..questo già 15 giorni fa, immagino che, in questo lasso di tempo, siano aumentati i progressi e le condizioni per continuare un buon recupero .
    Lo auspico, soprattutto per lui e pure per la squadra !!
    Non ho detto nulla di + di quello che sapete già , le mie notizie sono queste….
    Ciao a tutti, a stasera !!
    moro

    • 27 Dicembre 2017 in 17:46
      Permalink

      Ceravolo ha avuto molta sfortuna, magari si portava dietro problemi fisici da un po’ di tempo….ma il calcione che gli hanno dato avrebbe fatto gravi danni anche ad un calciatore perfettamente a posto sul piano fisico

    • 27 Dicembre 2017 in 18:04
      Permalink

      Grazie Morosky per la tua disponibilità e per il garbo con cui esponi le cose. In questa squadra ci vuole non uno ma un paio di attaccanti.
      Siligardi e Nocciolini non sono da Parma.
      Con Baraye centravanti non si segna nemmeno se si gioca tutta la notte e poi Baraye è troppo ingenuo.in area non cade mai. quasi lo falciano ma lui imprterrito rimane in piedi e poi tira e……. ciabatta in curva mentre l’arbitro ha già il fischietto in bocca……
      Stasera o si segna su rigore o non si segna più.
      Giocare senza centravanti è come giocare al calcio senza la palla

  • 27 Dicembre 2017 in 15:00
    Permalink

    Frediani è un esterno, non un attaccante centrale ….

    • 27 Dicembre 2017 in 15:48
      Permalink

      perché mazzocchi e’ un terzino dx o scaglia e’ un terzino sx ,insomma abbiamo lo scienziato poco lanciano, lasciamolo lavorare

  • 27 Dicembre 2017 in 15:38
    Permalink

    siamo d’ accordo che Frediani è un esterno ma in questo momento Baraye è scarico, Siligardi che ogni tanto in carriera ha fatto anche la punta centrale non pare ancora pervenuto, pertanto o si provi Frediani o come detto si provi a cambiare modulo inserendo Dezi fra centrocampo e attacco. ovviamente se non è stato provato in allenamento non vedremo nessuna delle 2 ipotesi.
    sono comunque fiducioso e ritengo che stasera 3 punti vanno in cascina.goal di un difensore…forse l’ unico della partita…ma andrà benone lo stesso!

I commenti sono chiusi.