TRATTA CLANDESTINA DI GIOVANI PROMESSE DEL CALCIO, ARRESTATO IL PROCURATORE GIOVANNI DAMIANO DRAGO

(parmapress24.com) – Prendeva  baby calciatori in Costa d’Avorio, li faceva entrare clandestinamente in Italia falsificandone identità e dati, poi li vendeva al mercato del calcio: così è finito in manette il procuratore sportivo Giovanni Damiano Drago.

Dopo le indagini della Squadra Mobile di Parma, coordinate dal servizio centrale operativo, è scattato l’arresto, nella mattina del 1 dicembre, del procuratore sportivo siciliano ma residente a Parma e di due complici di origine ivoriana per favoreggiamento dell’ingresso clandestino in Italia di 5 minorenni, dai 13 ai 17 anni, destinati al mercato del calcio professionista. Perquisizioni sono avvenute sia a Parma che Milano grazie alla squadra Mobile della metropoli.

Tra i giocatori coinvolti, vittime della traffico al solo lucro di Drago, anche un ragazzo entrato nella prima squadra dell’Inter. Un secondo giocatore invece è entrato nella primavera di una squadra di serie A.

Nei confronti dei tre si ipotizzano i reati di falso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Le indagini, che al momento escludono qualsiasi coinvolgimento di società e club, sono partite in seguito ad una segnalazione pervenuta dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia riguardante proprio il presunto traffico di piccoli calciatori che sarebbe iniziato nel 2012.

Arrestati insieme a Drago, due suoi complici entrambi di origine ivoriana: Gnoukouri Yves Demoya – 43enne, ombra del boss, lo seguiva nei suoi viaggi e manteneva i contati con i dirigenti della Costa d’Avorio e si era prestato a fare da finto padre per due ragazzi entrati nel 2013 in Italia – e Abdouraman Kone, connazionale 43enne, che aiutava nella gestione dei ragazzi.

In tutto sono 9 le persone indagate, oltre ai tre arrestati, sono coinvolti altre due persone che si sono prestare a fare da “finti” genitori e tre collaboratori che si sono occupati della gestione dei ragazzi e di farli entrare sul territorio nazionale.

Il procedimento dell’organizzazione– ha spiegato in conferenza stampa il capo squadra della Mobile di Parma, Cosimo Romano – era di una semplicità disarmante. Drago vantava di essere in contatto con tutte le società calcistiche della Costa d’Avorio, e aveva diritto di prelazione nello scegliere i giocatori da destinare al mercato Italiano ma anche estero. Dopo le selezioni, Drago contattava ivoriani già regolari nel nostro territorio e grazie alla loro complicità creava finti attestati di nascita che certificavano i ragazzini come figli dei suoi complici. Partiva poi la procedura per fargli ottenere il permesso di soggiorno e farli entrare. Una volta arrivati a Parma era Drago a ospitarli a casa sua, occuparsi di loro e del loro percorso scolastico per poi venderli alle società di serie A, B e classi superiori“.

Tutt’altro che spirito magnanimo, però, quello riscontrato dalle indagini. “Il Drago ha una personalità spregiudicata“, atteggiamenti da padre-padrone nei confronti dei ragazzini. Testimonianze delle vittime hanno portato anche alla luce episodi di violenza in cui l’uomo ha alzato le mani sui ragazzi.

Già pregiudicato e condannato ai domiciliari, che aveva finito di scontare, era “considerato un free lance, il procuratore poteva contattare società e club nazionali ed estere. Si permetteva di promettere quel giocatore con particolari caratteristiche per la società che ne aveva bisogno anche senza averlo “in casa”“. Alcuni club esteri – come confermato dalle indagini partite da Parma – hanno deciso invece di interrompere l’acquisto di alcuni giocatori da Drago proprio a causa di perplessità sulla liceità dei documenti presentati dal procuratore.

I profitti per la vendita del cartellino – parla di centinaia di migliaia di euro –  poi, andavano nelle tasche di Giovanni Damiano Drago, gli investigatori hanno dubbi su passaggi di denaro, “percentuali”, versate ai piccoli calciatori o ai “finti genitori”. Testimoniate invece tensioni in questo senso tra i vari coinvolti. Ne consegue che non solo l’identità ma anche l’età di questi calciatori è incerta. Le società sportive si trovano ora con giocatori irregolari sul territorio. E questi ragazzi si trovano invece con il disintegrarsi di un sogno, di un futuro brillante.

Tra di essi, Assan Gnoukori, transitato dal Parma prima di debuttare con l’Inter in serie A: oggi sappiamo che questa non è la sua vera identità.

DRAGO, IL PROCURATORE BORDERLINE GIA’ NEI GUAI PER ‘NDRANGHETA

(parmapress24.com) –  Giovanni Damiano Drago, 31 anni, procuratore sportivo, a Parma dal 1995, non è nuovo alle vicende giudiziarie.

Ex coordinatore dei giovani dell’Italia dei Valori piuttosto noto a Parma, se l’era cavata coi domiciliari con divieto di comunicare all’esterno nell’ambito dell’operazione Borderland lo scorso novembre. Ieri, 1 dicembre, Drago è stato tratto in arresto invece per favoreggiamento dell’ingresso clandestino di 5 giocatori tra i 13 e i 17 anni dalla Costa D’Avorio. Ne intascava poi centinaia di migliaia di euro dalla vendita dei cartellini a società di serie A e B, club italiani ed esteri.

In quel caso doveva rispondere di un episodio di violenza privata, aggravato dal metodo mafioso, avvenuto nel 2014: avrebbe incaricato Colosimo Massimo affinchè un cittadino extracomunitario rinunciasse ad un credito vantato nei suoi confronti per una somma di 200 €, e questi, accompagnato da Richici Giuseppe, lo avrebbe violentemente picchiato imponendogli di non avvicinarsi.

In quell’occasione, in manette erano finiti in tre.

Dalle cronache dell’epoca, 30 novembre 2016  – “I tentacoli della piovra su Parma. Dopo la maxi operazione Aemilia, torna prepotentemente in prima pagina l’ombra dell’ndrangheta sulla nostra città.

Nella notte tra lunedì e martedì sono finiti in manette in due, un terzo ai domiciliari, con l’accusa di organizzare a Parma l’attività di potenti cosche della ‘ndrangheta operanti tra Catanzaro e Crotone, i clan Trapasso e Tropea.

Si tratta di  Massimo Colosimo e Antonio Bianco, due cugini calabresi, da tempo residenti a Parma, arrestati dalla Squadra Mobile nell’ambito della maxioperazione “Borderland”, della Dda di Catanzaro, che ha portato in manette 48 persone.

Ai domiciliari è finito Giovanni Damiano Drago, procuratore sportivo originario di Siracusa, residente a Parma, molto noto in città per la sua attività”.

Per rileggere l’intero approfondimento: ‘Ndrangheta, maxi operazione Borderland: tre arresti a Parma. C’è anche l’autista del rapimento del piccolo Tommy – approfondimento – VIDEO

In un’intervista al settimanale Parma Ateneo, Drago diceva di stimare Mino Raiola, “per il rapporto che instaura con i giocatori”, e Jorge Mendes per l’efficenza. 

Il suo primo grande colpo, proprio Assane Gnoukouri, transitato anche da Parma prima di arrivare all’Inter, dove ha già debuttato in prima squadra. Specializzato nel “mercato” con l’Africa, di sé Drago al settimanale parmigiano raccontava: “Il mio lavoro è l’assistenza al giocatore nella stipula dei contratti con squadre e da qualche anno anche con sponsor, ma personalmente non mi limito a questo. A me piace scoprire talent aiutarli lungo tutto il percorso che facciamo insieme…. anche con un vero e proprio supporto psicologico”.

Tra i suoi, ad oggi crediamo ormai ex, assistiti,  Ilya Kutepov, attualmente in Russia, Abdul Lamine Ouattara, in Tunisia, Hervé Diedhiou,  terzino destro al Fidenza, il trequartista Samba Diallo militante in Marocco, così come Franck Engonga Obame, e Mahamane Cissé, in Congo.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

One thought on “TRATTA CLANDESTINA DI GIOVANI PROMESSE DEL CALCIO, ARRESTATO IL PROCURATORE GIOVANNI DAMIANO DRAGO

  • 1 Dicembre 2017 in 23:18
    Permalink

    Mi sembra che la possibilità di diventare procuratori sia troppo facile. Non esiste neanche un esame per ottenere il patentino. Così dei pizzaioli o gente di quarto ordine diventa la più potente nel mondo del calcio.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI