CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Bravo Faggiano: in un mondo in cui la colpa è sempre degli altri, l’autocritica di ieri è da accogliere con ammirazione

gianni barone(Gianni Barone) – “Se cambiamenti ci saranno, non sarà perché chi verrà sostituito non ha dato, ma perché noi stessi non lo abbiamo fatto rendere come avremmo dovuto e come avrebbe potuto”. Con questa frase, a margine della presentazione del neo acquisto del PARMA Da Cruz, il direttore sportivo Faggiano, ha voluto, con una sorta di autocritica sua e degli altri componenti dell’aera Tecnica, di cui è responsabile, puntualizzare alcune situazioni e ha voluto mettere in guardia un po’ tutti su quelli che saranno gli sviluppi futuri, delle sua squadra, in questa sessione di calciomercato, che manco a dirlo, vedrà il Parma sicuro protagonista, forse. Infatti quando dice, dubitativo, se cambiamenti ci saranno, di sicuro allude, oltre agli acquisti di un terzino sinistro, Mazzotta del Pescara (quasi fatto, ma ancora un po’ dubitativo), e di un terzino destro il borgotarese Gazzola del Sassuolo  ancora non fatto quindi un po’ di più dubitativo), a quelli che saranno gli scenari relativi alle cessioni, qualcuna di sicuro eccellente, negli altri reparti cioè quello di daniele faggiano conferenza stampa 09 01 2017centrocampo e quello offensivo. E’ ovvio, che, in questo caso, le allusioni si riferiscono a chi come Siligardi, non ha reso secondo le aspettative, o chi come Scaglia, non è stato messo nelle condizioni di rendere al meglio, perché impegnato costantemente fuori ruolo, oppure al poco utilizzato Corapi (dato per sicuro imminente partente dalle frequenze di radiomercato) o Nocciolini, che dopo gli exploit ella scorsa stagione in Lega Pro, era atteso ad una conferma, mai avvenuta, anche nel campionato cadetto. Quindi tutti gli altri, stando alla frase del diesse soprariportata, e alle successive esposte in conferenza dovrebbero essere esclusi dalla lista dei partenti. Lista in cui molti sperano non figuri Calaiò, che non è amatissimo dai tifosi come un Corapi, ma che ha garantito, EMANUELE CALAIO conf stampa 15 11 2017quando ha giocato, sempre apprezzabile rendimento per la squadra. Però lo sappiamo che aldilà delle parole di circostanza e dei manifesti programmatici molto in uso nel calcio, le dinamiche del calciomercato possono aprire scenari sempre nuovi e inaspettati lasciando tutti, sempre, un po’ sorpresi e talvolta perplessi. In ogni caso l’autocritica, di cui si diceva, relativa al rendimento di alcuni giocatori, dichiarata apertamente dal dirigente, è da accogliere con ammirazione, finalmente qualcuno che ammette di aver mancato in qualcosa, in un mondo in cui la colpa è sempre degli altri, di chi non si è inserito, di chi non si è impegnato, di chi credeva di essere chissà chi e chissà cosa. Finalmente una sana autocritica in un clima di serena condivisione di responsabilità per ciò che si è fatto, e per ciò che si D'AVERSA VIGILIA TERNANA PARMAsarebbe dovuto fare meglio. Un atto inconsueto, ma gradito e d’apprezzare, sempre che si riesca a far seguire alle parole i fatti, che nel nostro caso, dovrebbero essere, non solo nuove operazioni di mercato in entrata e in uscita, ma una migliore capacità di inserimento nel gioco della squadra di chi già c’è e di chi, eventualmente, verrà. In poche parole, il compito di ogni allenatore, dovrebbe essere quello di far rendere al meglio ogni giocatore a disposizione, secondo quelle che sono le caratteristiche dei singoli, in funzione, del gioco e degli obiettivi della squadra. Una cosa semplice, che tutti conoscono, ma che non sempre viene attuata con profitto nel calcio ad ogni livello, anzi il più delle volte le cose si complicano o vengono complicate a giancarlo marocchidismisura, facendo perdere di vista il reale senso del lavoro e dello sport. Infatti come afferma Giancarlo MAROCCHI, ex giocatore di Juve e Bologna, ed attuale commentatore tecnico a Sky, gli allenatori dovrebbero pensare ad allenare bene i giocatori  che hanno invece che continuare a chiedere di acquistarne di nuovi. Quindi nelle prossime operazioni, se mai ci saranno le ufficialità di quelle già in atto, dovranno essere improntate non ad una mini rivoluzione o ad mini stravolgimento della rosa, ma da una oculata ed attenta sostituzione di giocatori, in seguito a partenze di chi non ha trovato spazio o non ha  reso secondo le aspettative personali e di squadra. Chi invece è arrivato, come Da Cruz, ha voluto subito dare precise informazioni circa il suo ruolo e la sua collocazione tecnica all’interno dello schieramento tattico. “Ritengo di essere un giocatore molto veloce e in Italia sto migliorando le qualità. Mi piace anche a provare a cercare di giocare in mezzo, di fronte alla porta. Il mio ruolo? Mi ritengo una prima punta”. Quindi il giovane olandese, su cui il Parma , intende puntare, si ritiene ciò che ai crociati è mancato, complice le assenze simultanee di Calaiò e Ceravolo, cioè un attaccante centrale, senza entrare nel merito di considerarlo Morosky da cruzprima o seconda punta, il cui confine nell’economia del gioco d’attacco a due punte è sempre molto sottile, come ben dimostrato nelle lezioni degli ultimi corsi di aggiornamento per allenatori Uefa B, redatti alla perfezione da VANNI SARTINI, tecnico e docente federale, ultimamente emigrato in America per addestrare i nuovi allenatori yankee a stelle e strisce. E si, anche se siamo fuori dal Mondiale con la Nazionale, continuiamo ad esportare competenza calcistica all’estero, non si direbbe, ma è così… Tornando a Da Cruz e al suo ruolo, possiamo affermare, attingendo al nostro annuario tattico della serie B (Il Metodista 2), compilato giornata per giornata, che il giovane tulipano, su 19 partite disputate, quest’anno col Novara, è stato schierato ben 16 volte da titolare, 12 in un attacco a due (3-5-2 per 11 volte e 4-4-2 per una volta) segnando tre gol rispettivamente a Salernitana, Ternana e VENEZIA. Come partner d’attacco ha avuto Maniero (5 partite), Macheda (4 gare) e Di Mariano (3 volte), quindi si desume, in base alle conosciute caratteristiche tecniche dei giocatori citati, che abbia giocato per 8 volte da seconda punta e per 3 da prima, sempre nei limiti delle distinzioni fatte nelle lezioni di Vanni Sartini di cui sopra. Nelle restanti 4 partite da titolare è stato impiegato in un attacco a tre punte (4-3-3), in cui per tre occasioni da attaccante esterno (due a destra e una a sinistra) mentre l’unica volta che ha ricoperto il ruolo di vanni sartiniattaccante centrale, con al fianco  Sansone e Di Mariano, contro l’ASCOLI, alla terza giornata, ha segnato la sua unica, finora, doppietta della stagione. Questi i numeri , quindi come si può ben capire siamo in presenza di un attaccante abbastanza versatile, capace con le sue doti tecniche e di velocità d’inserirsi bene nei vari sistemi di gioco proposti, in ogni caso anche nel 4-3-3 tanto caro a Roberto D’Aversa. Per il resto in attesa di nuovi sviluppi, leggi l’arrivo imminente di Mazzotta sulla sinistra, non dovrebbe esserci, l’acquisto di un grosso nome titolare di conseguenza di un grosso ingaggio, i quali grossi nomi e grossi ingaggi non sempre sono certezza e garanzia di successo. Per fortuna il calcio non è solo denaro e di questo se ne accorgeranno, forse presto, anche quei giocatori dilettanti della nostra provincia, che complice le disavventure giudiziarie del loro, non sponsor, ma patron, dovranno fare a meno, dei ricchi emolumenti pattuiti ad inizio stagione, di sicuro non in linea con quello che dovrebbe essere lo spirito dilettantistico di questo sport, ma di questo ne parleremo nelle prossime puntate… Gianni Barone

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

FAGGIANO: “CERCHIAMO DI ALZARE UN PO’ L’ASTICELLA. E’ PERICOLOSO RITOCCARE UNA ROSA CHE HA FATTO 33 PUNTI ALL’ANDATA CON TANTE GARE SENZA UN ATTACCANTE PURO” (VIDEO)

DA CRUZ SI PRESENTA: “IL MIO CARATTERE? TUTTI POSSONO SBAGLIARE, MA NON VOGLIO PIU’ COMMETTERE ERRORI. CONTO DI AVER PIU’ OCCASIONI PER SEGNARE” (Video)

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

28 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / Bravo Faggiano: in un mondo in cui la colpa è sempre degli altri, l’autocritica di ieri è da accogliere con ammirazione

  • 10 Gennaio 2018 in 14:50
    Permalink

    Grande autocritica di Faggiano,ora più che mai sarà allestita una squadra diversa e ne vedremo delle belle,mi dispiace per alcuni ma ci vogliono giocatori bravi per puntate in alto.io se fossi in d’aversa non dormirei sonni tranquilli,perchè,se saranno preso determinati giocatori seguendo le idee del tecnico ,poi, lo strsso non potrà far giocare(da cani)una squadra quale la nostra.sono tutti sulla graticola.ora in avanti solo risultati e poche chiacchiere.
    Io mi fido di Faggiano

    • 10 Gennaio 2018 in 18:22
      Permalink

      Io invece la frase di Faggiano la trovo alquanto sibillina, perchè bisogna vedere quanto si riferisse a se stesso e quanto al mister.Le richieste della società per il tecnico erano di essere in zona playoff (non il bel gioco) e mi pare che ci siamo. Poi va detto che quando le cose non vanno, le colpe vanno sempre divise in modo equo e in questo caso si dividono tra Faggiano,D’aversa e i giocatori stessi.

  • 10 Gennaio 2018 in 15:40
    Permalink

    faggiano rimane the best!

    • 10 Gennaio 2018 in 17:49
      Permalink

      Non si era detto
      in tempi non sospetti
      di giudicare Faggiano
      SOLO alla fine del mercato
      NEL BENE O NEL MALE?
      Cos’è questa frenesia?
      Per Al Bano ora è
      THE BEST
      Lo sarà per lui anche a
      mercato concluso?

  • 10 Gennaio 2018 in 16:00
    Permalink

    Se non prende punte di ruolo per me non cambia nulla….il problema è nella realizzazione e senza attaccanti che la buttano dentro siamo punto e a capo. Puntare su Ceravolo è troppo rtschioso, dato il calvario che sta attraversando e Calaiò è palese che se ne voglia andare. Da Cruz non è uno che ha il vizio del gol, i numeri parlano chiaro…magari viene e ne fa caterve, ma la vedo una scommessa. Ci servono certezze la davanti e fino a che Faggiano non ce ne da per me il lavoro che sta facendo conta poco o nulla. Tra l’estate scorsa e fino ad ora non ha ancora portato una punta a Parma, vedete un pò voi..

  • 10 Gennaio 2018 in 16:01
    Permalink

    Ovviamente non conto lo stesso Ceravolo, che ha preso rotto all’ultimo secondo di mercato…

  • 10 Gennaio 2018 in 17:06
    Permalink

    Ma a me a caldo non è mica sembrata tanto autocritica ma dare la colpa all’ellantore, forse lei avendoci riflettuto o avendolo sentito dal vivo (io ho solo letto) sarà giunto alla conclusione più corretta.
    Faccio comunque notare che non sono stati gestiti a parma i vari giocatori “seguiti a lungo” e presi per “arricchire il parco giocatori”, tutti pian piano rispediti al mittente, da ultimo lescano, per cui o son balordi o sono stati piazzati male.
    Al di là di quello commento soprattutto per il fatto che mi ha impressionato in positivo che qualcuno (l’autore) si sia posto il problema di capire il ruolo al di là di cio che dichiara sto ragazzo.
    Come carattestiche individuali non posso esprimermi perchè l’ho visto veramente poco ma ho subito pensato che era tutto da verificare perchè il novara gioca con un assetto molto diverso dal nostro. Di conseguenza sono molto curioso di vederlo non escludo affatto che possa fare (anche) l’esterno da noi

  • 10 Gennaio 2018 in 17:45
    Permalink

    Siamo sicuri che guarito Ceravolo
    sarà il.giocatore dello scorso anno?
    Potrebbe essere ma non è per niente scontato.
    Se Ceravolo non fosse più lo stesso
    Se La Cruz dimostrerà di essere solo un ala
    quando bisognerà dare il cambio a Calajo
    per una squalifica o un raffreddore cho lo sostituirà?
    Ancora Baraye?

  • 10 Gennaio 2018 in 18:20
    Permalink

    Sarà ma di certi personaggi ke da anni girono nel mondo del

    Calcio NON mi fido anzi bisogna stare molto attenti sicuro

    Poi perkè da tifoso dovrei dire bravo al Sig.Faggiano mistero

    Da tifoso invece dico ke mi dispiace la fine del Lanerossi

    Un’altro pezzo di storia rovinato da esseri senza ritegno

    Senza dimenticare il caro stadio Menti mitico x i Parmigiani

    Arrivderci Caneva Berica

  • 10 Gennaio 2018 in 18:49
    Permalink

    Questo sito è diventato un gossip e affini.
    Abbiate quanto meno la serietà di informare noi tifosi
    di quello che è successo oggi a Parma.
    Notizia pubblicata sui quotidiani nazionali e locali.
    O dobbiamo assistere ad un ennesimo silenzio morboso?????

  • 10 Gennaio 2018 in 19:52
    Permalink

    Parole importanti quelle di Faggiano. Si prospettano arrivi di qualità e speriamo funzionali al nostro progetto.

  • 10 Gennaio 2018 in 20:13
    Permalink

    Quello del centravanti
    e ‘ una bella rogna per Faggiano
    Se non lo prende potrebbe mancargli
    Se lo prende potrebbe averne uno in più.
    Intanto proverei in amichevole
    Da Cruz centravanti.
    Il vero Ceravolo per me
    sarà al top nei play off
    salvo promozione diretta.
    Prima no di certo.

  • 10 Gennaio 2018 in 22:21
    Permalink

    FAGGIANO E PENOSO il peggior ds della storia del parma e’ da 1 anno che non riesce a prendere una punta decente non abbiamo bisogno di scommesse o ragazzini isterici che si fanno espellere abbiamo gia baraye ……….ho sentito anche dirgli che poverino se i guiornalisti azzecano il nome che sta trattando gli rovinano il lavoro di un mese …ma mi faccia il piacere se ne torni nel salento

    • 11 Gennaio 2018 in 08:39
      Permalink

      Guarda che una c punta brava FAGGIANO. l’ha già presa.
      DA CRUZ.
      Forse non lo sai.
      Per Caso volevi Ronaldo?

  • 10 Gennaio 2018 in 22:31
    Permalink

    vorrei capire siccome c’e gnte che lo difende ancora i meriti di faggiano ? iniziamo con scaglia strapagato il latina ci derise piu o meno quello che ha fatto il novara ora pubblicamente tutti contenti ……si contenti loro …….3ml per un ragazzino …….. allora iniziamo 1) rinnova giuorgino dopo un mese lo mette fuori lista ” ) caputo per 2,5 ml se lo lascia scappare e diceva che era suo amico manco lo avvisa che firma per l empoii ecco il rispetto che hanno per lui e la considerazione degli addetti al mercato 3 ) non sfoltisce la rosa gli rimangono 3 over in lista costi innutili 4) fa affari sempre con trapani sua ex squadra saranno affari ? 5 ) le sue scommesse manco una valida plusvalenze zero vi ricordo lescano galuppini giorno frediani ramos pinto signori manco in lega pro li vogliono uno dopo l altro ce li rivogliono dare plusvalenze zero !!!!!! costi in piu tanti ci stava la punta con i soldi che potevamo rispsrmiare 6 ) CERAVOLO non ho parle tutti sapevano che aveva dei problemi fisici tranne lui !!!!! era uscito sui giornali di benevento che aveva pubalgia lo compera rotto mai visto in campo lo strapaga 3 ml di eur e non solo gli da stipendio allucinante per la serie b 520.ooo eur da matti Potrei continuare 8) ottimi acquisti dezi !!! ahahahah siligardi cosa e’ colpa di d aversa ma fatemi il favore e’ un ectoplasma e’ finito a verona lo sapevano tutti solo lui poteva comprarlo e con stipendio altissimo per cui adesso non riesci a darlo via ……….ORA MI SPIEGATE COME FATE A DIRE GRANDE FAGGIANO ? con che coraggio ? perche dovete dare sempre la coilpa a d aversa chi lo dice che sta comperando i giocatori che vuole d aversa palle d aversa vacca non lo vuole lo sanno tutti e secondo voi come punta voleva da costa ? ma fatemi il piacere

    • 11 Gennaio 2018 in 08:52
      Permalink

      Colpe Faggiano in passato ne ha avute ma siamo nei primi posti della classifica e quindi gli va data una prova d’appello che molti però non vogliono più concedergli e questo è sbagliato.
      HERRARE HUMANUS EST.
      Con questo mercato si sapeva già dall’inizio che si sarebbe giocato la reputazione.
      Aspettiamo a fine mese e poi saranno rose e fiori o tempesta.
      Lasciamolo lavorare in pace e…..A FARI SPENTI.
      Anche Pezzotta che sembrava già suo, mancava solo la firma…..è volato via.

    • 11 Gennaio 2018 in 12:21
      Permalink

      I meriti di Faggiano, sono sotto gli occhi di chi vuol vedere la realtà senza pregiudizi: la squadra che ha allestito quando è arrivato, ci ha portato in serie B.
      La squadra allestita a luglio, a fine girone di andata è a 4 punti dalla 2a (promozione diretta). l’acquisto di Da Cruz è un buon acquisto, preferisco spendere 2 milioni (non 3 milioni, che spero si possano raggiungere, in quanto legati a diversi bonus, promozione in serie A compresa), per un giovane, che prendere una vecchia gloria, da sostituire la prossima stagione, in caso di promozione.
      I giudizi si danno a fine lavori. La scorsa stagione ha centrato l’obiettivo, quindi bravo.
      questa stagione per ora è ampiamente sufficiente. Questi sono Fatti inconfutabili il resto sono solo chiacchiere senza valore. Se centrerà la promozione sarà bravissimo, se non raggiungerà i Playoff avrà fallito e la società prenderà sicuramente provvedimenti.
      Le valutazioni sul lavoro si fanno in base ai risultati, non alle chiacchiere.
      Forza Parma

      • 11 Gennaio 2018 in 14:44
        Permalink

        Totalmente d’accordo con Rikman. Solo chi non fa e non decide è tranquillo di non sbagliare. Per onestà vanno ricordati anche gli acquisti eccellenti come, tra gli altri, Frattali, Iacoponi, Dicesare ed Insigne che a Parma nessuno conosceva.
        Oggi è giusto fare operazioni come quella di DaCruz xké bisogna costruire un bacino di potenziali plusvalenze cosa che con giocatori di 34 o 35 ovviamente non puoi fare.
        Sempre e solo forza Parma

        • 11 Gennaio 2018 in 16:02
          Permalink

          PURE IO D’ACCORDO CON LG & RIKMAN…

          Io aggiungerei pure GAGLIOLO, SCOZZARELLA , e pure DEZI e DI GAUDIO: manca il girone di ritorno e avranno modo di riscattarsi spero:

          Insigne è solo in prestito,
          Sierralta pure però lui li ha PORTATI A CASA, da una buona stagione in prestito, nel caso dovessimo arrivare nella Serie superiore, si potrebbero poi fare altri discorsi successivi con le rispettive squadre di appartenenza

  • 10 Gennaio 2018 in 22:38
    Permalink

    Faggiano se voleva essere coretto doveva dire la colpa e’ mia infatti e’ solo sua mentre d aversa qualcosa ci azzecca per esempio terzino mazzocchi che comunque lo ha rivalutato o mettere centrale il terzino faggiano cosa ha azzeccato ? signori se fosse valido il 2 gennaio doveva gia presentare la punta !!!!!!! non e’ possibile che sapesse gia’ in anticipo cosa manca alla squadra ovvero una punta e lui non ha programmato nulla !!! sta ancora vagando nel buio a cercare la puinta neppure il peggior minotti e’ come faggiano questo aspettera ancora il 30 gennaio a prendere la punta poii magari vende calaio’ e non riesce a prendere il sostituto come l anno scorso con evacuo !!!!!!!!!!!!! ma questo deve tormnare nei dilettanti

    • 11 Gennaio 2018 in 08:57
      Permalink

      Capperi per qualcuno dopo il mercato estivo. FAGGIANO meriterebbe la. GALERA.
      Tifoseria difficile la nostra non c’è che dire.
      D’altra parte siamo dei vincenti.
      È nel nostro DNA.
      Il pareggio non lo accettiamo.
      Immaginatevi la sconfitta……

  • 10 Gennaio 2018 in 22:40
    Permalink

    ci mancherebbe altro che faggiano non ammettesse di avere delle colpe ……………………….e’ il colpevole

  • 10 Gennaio 2018 in 22:50
    Permalink

    Io penso una cosa
    I veri obiettivi li sa solo
    Faggiano detto “la volpe”
    Guardate Da,Cruz
    Nessuno.lo sapeva
    Scommettete che i nomi
    dei terzini che ha
    elencato.ieri
    sono solo
    depistaggi?

  • 11 Gennaio 2018 in 09:40
    Permalink

    dei pistapoggi

  • 11 Gennaio 2018 in 14:35
    Permalink

    Q.I. del tifoso parmigiano è pari a 0 (zero).

    Come si possa essere “eccitati” nell’arrivo a Collecchio di
    Vacca e Miccoli.
    Basta fare una semplice richiesta sul web, non è difficile,
    e si presenta una pagina ben dettagliata di quel simpaticone
    personaggio napoletano…per non dire poi su Miccoli.
    Vorrei porre una domanda al ds Faggiano:
    in questa sessione di mercato: sono liberi solo questi
    “pittoreschi personaggi” psuedo calciatori o si può puntare
    a qualcosa di meglio?
    O dovremmo assistere ad un’ennesima pagliacciata stile
    Circo Orfei?

  • 11 Gennaio 2018 in 19:50
    Permalink

    Lasciamo stare le chiacchere, la parola al campo. Poi facciamo i conti a fine campionato, chi vivrà vedrà. dai faggianone spenda chi sold. punta di spessore po’ a soma a post. FORZA CROCIATI.

  • 12 Gennaio 2018 in 17:44
    Permalink

    Il mercato finisce il 31e ai critici che ho letto i commenti consiglio di aspettare a scaricare il suo lavoro in toto.
    A fine campionato si farànno i bilanci.
    Ricordo che il Parma l’anno scorso e’ stato promosso a mercato iniziato e la creatura e’ cresciuta inaspettatamente tanto e quindi vanno acquistati panni nuovi perche i vecchi sono …”scappati”!ovvio riferimento al fatto che siamo lì e possiamo migliorarci….Forza Parma

  • 12 Gennaio 2018 in 18:13
    Permalink

    Inutile rigirare la frittata, lo scorso anno lo abbiamo già commentato e dire vedremo sul campo ha poco senso perchè se tu raggiungi il traguardo non significa che è giusto buttar via soldi. Poi se qualcuno mi garantisce che i cinesi li buttano volentieri ok ma io ora leggo scaglia in prestito al foggia.. preso e pagato a titolo definitivo un anno fa con un bel investimento a me non sembra una grande operazione, se strapaghi sempre i giocatori dando ricchi ingaggi poi li dai in prestito o li regali, magari con pure con buonuscita
    Ecco perchè se cominciamo a dire si ma va in serie a allora è anche facile rispondere con la vecchia gestione siamo andati in coppa uefa
    Le balle stanno in poco posto già quest’estate con quello che aveva da spendere si era nelle condizioni di colmare in tutto od in gran parte il gap con le migliori e ora partono degli altri milioni per rifare mezza squadra.. va bene ha anche rinnovato si vede che i cinesi son contenti di buttare dei soldi, per me il mercato di faggiano lo potrebbero fare tanti altri professionisti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI