COLOSSI CROCIATI di Luca Savarese / 2^ Puntata: A TU PER TU CON… STEFANO FIORE: “PARMA, LA MIA SECONDA FAMIGLIA”

Luca Savarese(Luca Savarese) – Capita di avere una grande occasione, però bisogna anche farsi trovare grandi quando arriva la grande occasione. L’ispirazione esiste, ma deve trovarti già al lavoro, amava dire spesso Pablo Picasso. Anno 1994. Estate. In Italia, che è uscita dai rigori contro il Brasile nella finale californiana mondiale con il morale sotto i tacchi e coi rimpianti sotto i tacchetti di Baresi, Massaro e Baggio, il Milan degli Invincibili montato come un trenino dal sergente Capello nella sulla pista della concentrazione, dovrà fare i conti con la prima Juve di Marcello Lippi, ingolosita da troppi anni senza gioie tricolori. E il Parma? E’ lì: guai a chiamarla provinciale, ormai siede stabilmente al tavolo, prenotato, delle nobili della serie A e, reduce dalla finale di Coppa Coppe persa contro l’Arsenal a Copenaghen, non ha nessuna voglia di accontentarsi del fast food di chi si abbuffa solo per una notte. Noblesse oblige. Anche a fare scelte che possono apparire, solo sulla carta, controcorrenti. Per restare ad alta quota, ogni FIOREtanto, si deve anche osare. Stefano Fiore è un ragazzino calabrese diciannovenne; quando va al San Vito, lo stadio del Cosenza, sua città e sua squadra, nella parte inferiore del borsone, quella dove si mettono gli scarpini, ha un sacco di sogni. Un giorno, capita che alcuni di questi gli piombano davanti, quasi all’improvviso. “Il Parma crede in te, noi avevamo inizialmente pensato di farti stare ancora un annetto qui ma dall’Emilia, a quanto pare, ti vogliono subito” Questo in soldoni il diktat. Si, l’occasione per Stefano è un treno che viaggia da Cosenza a Parma e che non si può perdere.

Da Cosenza quindi San Vito a Parma quindi Tardini. Stefano come è stato il passaggio e cosa hai provato quando sei arrivato in una società che all’epoca era una delle mecche del calcio?

Sono arrivato a Parma molto giovane in circostanze quasi improvvise, perché l’idea era quella, essendo ancora molto giovane, di rimanere ancora a Cosenza in prestito un anno, ma poi per diverse ragioni questo processo si fece molto più rapido. Vissi quindi una cosa improvvisa, ma molto piacevole perché accelerò, e di molto, il mio processo di crescita. Mi allenavo, diciannovenne, con i grandi campioni del Parma anche se giocavo inizialmente in Primavera. Considero e considererò sempre Parma la mia seconda squadra e la mia seconda famiglia per come seppe accogliermi e per quello che mi diede proprio come formazione professionale ed umana”.

Battisti canta Non sarà un avventura. 106 presenze, 6 reti, due Coppe Uefa ed una Coppa Italia; la tua, con la maglia del Parma non è stata un’avventura ma una cosa molto seria…

A Parma conservo ancora persone ed amici, le vittorie poi alla fine di una carriera come la mia sono le cose non che ti gratificano di più perché nel mondo del calcio ci sono anche tanti altri aspetti da conservare gelosamente, però sono momenti che ti ricordi di più. Io ho avuto, come hai detto tu, la fortuna di vincerne due di Uefa. La prima giunse assolutamente inaspettata, arrivai a Parma con la valigia a luglio del 1994 convinto solo di far qualche allenamento con la prima squadra e poi di andare chissà dove, mentre a maggio del 1995 mi trovai a giocare la finale di Uefa; il calcio poi è fatto anche di occasioni e combinazioni dove tutti i tasselli s’incastrano: la vinsi non solo giocando ma giocando da titolare, contro la Juve. Scala mi catechizzo al meglio e mi disse che dovevo marcare Paulo Sousa: avevo compiuto 20 anni da un mese, mi sembrava di toccare il cielo con un dito!”.

E la seconda Coppa Uefa?

La seconda fu bella ma c’erano un sacco di campioni, e poi nella finale entrai a gara in corso. Quell’anno abbiamo fatto anche meno di quello che potevamo realmente fare, quella squadra lì era composta da gente che dopo avrebbe vinto scudetti e mondiali. Non c’è stato neanche il tempo perché alla fine di quell’annata magica, dopo la conquista della Coppa Italia, a partire da me, andammo via in tanti e piano piano quello squadrone si sfaldò. L’Uefa certo fu un grande obiettivo internazionale, ma si poteva, vedendo le cose anche a distanza di anni, fare davvero qualcosa in più in campionato, visto il potenziale che avevamo in casa”.

Oggi il Parma non è più dentro quell’epopea favolosa, ma passo dopo passo sta ricostruendosi una storia. Come vedi la squadra e secondo te può vivere un girone di ritorno in B da protagonista?

Ma io sinceramente da “tifoso” del Parma me lo auguro, negli anni è sempre stata una realtà importante del nostro calcio quindi sarebbe bello tornasse presto in A. Certo, dopo i fallimenti non si sa mai quando puoi venirne fuori da certi campionati e tornare nel calcio che conta, anche gli attuali casi di Vicenza, Modena sono lì a testimoniare quanto sia davvero difficile. Parma è qualche gradino più su, ma ripeto, bisogna stare sempre molto vigili. La proprietà ora mi sembra solida, si sta lavorando bene, la politica è quella giusta, se non si riesce quest’anno, sarà solo questione di tempo”.

STEFANO FIOREStefano alla fine del campionato 98-99 lasciò il ducato. La sua avventura, da esterno alto a sinistra con licenza di brillare sulla trequarti, continuò poi con la maglia dell’Udinese, dove in calce ad una stagione da titolarissimo e condita dalla doppia cifra, volò ad Euro 2000. In Belgio ed Olanda fu un vero florilegio, regalando prestazioni, un gol ai padroni di casa del Belgio e soluzioni dalla cifra tecnica sempre molto elegante. Dopo Udine visse i colori della Lazio, squadra dove ha giocato di più, si ritagliò un’esperienza all’estero con la maglia del Valencia, tornò in Italia con Fiorentina, quindi passò al Toro, al Livorno, al Mantova per chiudere dove tutto era cominciato, nella sua Cosenza, proprio dove un giorno dell’estate del 1994, mentre l’Italia e gli italiani erano presi dal mondiale americano, arrivò il treno dei sogni, destinazione Parma, anzi Luna Parma Park. Luca Savarese

COLOSSI CROCIATI (1^ PUNTATA): TOMAS BROLIN (07.01.2018)

5 pensieri riguardo “COLOSSI CROCIATI di Luca Savarese / 2^ Puntata: A TU PER TU CON… STEFANO FIORE: “PARMA, LA MIA SECONDA FAMIGLIA”

  • 14 Gennaio 2018 in 10:43
    Permalink

    Nel Parma manca un
    METRONOMO
    Uno che devrebbe dettare i tempi di gioco.
    Uno che dovrebbe dare quell’imprevedibilita’ che ora manca.
    Uno che dovrebbe prendere per mano la squadra
    Il nostro centricampo è
    TROPPO PREVEDIBILE
    Quando un centrocampista ha la palla
    si sa già a chi.la vuole dare e cosa vuole fare con la palla.
    Gli avversari lo sanno e con facilità lo bloccano.
    Vacca e’ il clone di Scozzarella
    Ci vuole un centrocampista e un centravanti da soldi
    Se non ce li abbiamo.
    Poco male.
    Ci rivedremo il prossimo anno
    ancora in B.

  • 14 Gennaio 2018 in 18:46
    Permalink

    Lui e Fuser sono stati i miei “idoli nascosti”. Grandissimi e sottovalutati giocatori.

  • 14 Gennaio 2018 in 18:51
    Permalink

    Spero checVacca siaun acquisto valido
    ma metteremmo la mano sul fuoco
    che Vacca sia meglio vdi Corapi.?
    Io ho preparato il fuoco.
    Aspetto gli stimatori di Vacca
    Il fuoco è acceso
    Se volete accomodarvi ma
    attenti….. al moncherino.

  • 14 Gennaio 2018 in 19:18
    Permalink

    velenoso io ho visto giocare vacca moltissime partite,credimi è fortissimo. ti ricrederai presto

    • 14 Gennaio 2018 in 22:48
      Permalink

      Bravo luca il lucano
      Hai fegato, non c’è che dire.
      Non temi il probabile moncherino.
      Quando sei disponibile avvisami
      che ccendero’ il braciere tutto per te.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI