GIOVANILI / UNDER 17: PARMA- V. ENTELLA 0-1; UNDER 16: TORINO-PARMA 1-0; UNDER 15: TORINO-PARMA 3-0 – VIDEO E COMMENTI DEI MISTER

UNDER 17, 2^ DI RITORNO: PARMA-VIRTUS ENTELLA 0-1. MISTER BAGATTI: “SIAMO ENTRATI IN CAMPO SENZA LA GIUSTA CATTIVERIA E INTENSITA’” (VIDEO)

parma virtus entella undici crociato(www.parmacalcio1913.com) – La formazione Under 17 del Parma Calcio 1913, alla 2^ Giornata di ritorno esce sconfitta dal campo di casa, al Centro Sportivo di Collecchio, dalla Virtus Entella per 0-1, che così si vendica dello sgambetto interno dell’andata. Il primo tempo è tutto degli ospiti al 12′ Costa riceve palla dentro l’area, salta un difensore e si presenta solo davanti a Corvi e tira, ma l’estremo difensore Crociato gli nega il gol con una gran parata. Al 16′ è ancora pericolosa l’Entella: sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da De Rigo, Vianni calcia alto. Unica occasione degna di nota dei Crociatini con Ahizi che al 28′ crossa dalla trequarti sinistra,con il portiere avversario che anticipa Di Bari deviando in corner. Poco dopo alta sulla traversa una conclusione di Di Bari su calcio di punizione di Rocchi. Dopo un minuto di recupero si chiude la prima frazione, poco palpitante.  Al 3′ minuto del secondo tempo viene annullato un gol all’Entella per fuori gioco, mentre al 6′, in azione solitaria, Kas alleggerisce la pressione dell’Entella, ma conclude fuori. Poco dopo l’arbitro ritiene involontario un mani nell’area degli ospiti. La squadra di Chiavari passa in vantaggio al 12′ st: Vianni mette una palla dentro l’area piccola, ma Corvi e Rocchi non si intendono, si inserisce De Rigo che insacca. Il Parma prova ad aumentare la pressione per trovare il pareggio, ma prima un tiro di Kasa dal limite viene deviato dal portiere sopra la traversa (20′ st) poi al 34′ st un colpo di testa di Bane, su angolo di Mossini, è parato dal portiere ospite che non trattiene, segue un batti e ribatti, ma la sfera termina fuori. al 40′ st, infine Bisagni dai 16 metri prova a concludere, ma la palla termina fuori di poco alla destra di D’Amora. resta fermo a quota 8 in classifica, davanti alla Pro Vercelli (7) che oggi ha pareggiato 1-1 a Spezia.

massimo bagatti dopo parma juventus club 3-0Questo il commento di Mister Massimo Bagatti, raccolto al termine della gara da www.parmacalcio1913.com:

“Nel primo tempo siamo entrati in campo senza la giusta cattiveria e intensità: quando l’approccio è sbagliato è impossibile giocare una buona partita. Dopo il goal subito ci siamo svegliati e abbiamo giocato con un altro spirito creando i presupposti per pareggiare la partita. La speranza è che la lezione serva per crescere e migliorare”.

IL TABELLINO

PARMA-VIRTUS ENTELLA 0-1 – CAMPIONATO UNDER 17 – 2^ GIORNATA DEL GIRONE DI RITORNO

Marcatore: 12′ st De Rigo

PARMA – Corvi; Rocchi (16′ st De Marco G.), Mossini; D’Aloia, Bisagni, Bane; Kasa, Monti, Dibari (30′ st Aijbola), Ahizi (11′ st De Marco A.), Abou (1′ st Palmieri). All. Bagatti
A disposizione: 12. Buzzi; 13. Barilla, 15. De Santis, 17. Mauro, 18. Govoni

VIRTUS ENTELLA – D’Amora; Lai, Bonini; Nagy, Lipani (30′ st Franco), Reale; Costa (40′ st Iardella), Brunozzi (18′ st Sestito), Vianni, De Rigo (30′ st Bruno), Meazzi (18′ st Petricci). All. Volpe
A disposizione: 12. Gragnoli; 13. Pesce, 14. Barchi, 16. Lanza

Arbitro: Sig. Pirriatore

Assistenti: Sigg. Papi e Ntouh

Ammoniti: Kasa, Palmieri, Monti, Mossini, Lai, De Rigo

Recupero: 1’+4′

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913

INGRESSO SQUADRE IN CAMPO

UNDER 16, 2^ DI RITORNO: TORINO-PARMA 1-0. MISTER CARDONE: “PRESTAZIONE DI SPESSORE, MA NEL CALCIO QUANDO SI SPRECA TROPPO…” (VIDEO)

torino parma under 16 undici crociato(www.parmacalcio1913.com) – Un’altra domenica amara per l’Under 16 del Parma, che nella seconda giornata del girone di ritorno, viene beffardamente sconfitta, in pieno recupero, dal Torino (1-0) a causa una sfortunata autorete. E in classifica le due contendenti si scambiano le posizioni: ora sono davanti i granata al 10° posto con 17 punti, mentre i Crociati, che restano a 15, scendono all’11°. Eppure l’avvio è tutto dei nostri portacolori che già al 2′ hanno una grande occasione con El Ghazzouli lanciato alla perfezione da Schifano a tu per tu con il portiere: purtroppo, però, tira a lato. Passano un paio di minuti ed è proprio Schifano a concludere alto da buona posizione. Di qui in poi il Torino prende in mano la situazione, pur senza rendersi mai pericoloso se non al 24′ in modo fortunoso: il cross sbagliato di Girotti supera Rinaldi stampandosi sul palo. Ancora il centravanti granata, al 37′, ruba palla al limite e conclude, bravo Rinaldi a bloccare. Primo tempo che si chiude a reti bianche. Ripresa con un Toro più pimpante e già al 1′ ha una occasione con Guerini, ma spedisce alto. Il Parma riesce a prendere le misure alle sfuriate avversarie e al 14′ st El Ghazzouli ha una buona chance in contropiede, ma non centra la porta. Al 19′ è il Torino ad avere una buona opportunità con Guerini che chiede l’uno-due ad un compagno e si presenta davanti al portiere crociato e Rinaldi, in uscita, è bravo a bloccare il suo tiro. Gara sempre avvincente con il Parma che al 37′ ha una doppia occasione: prima Papa è anticipato da un difensore granata ad un paio di metri dalla porta dopo un bel cross, poi Mignemi, appena entrato, sul proseguo dell’azione, salta un avversario e conclude si sinistro verso la porta ed è bravo Mattiello a negargli la gioia del gol. E si arriva al finale quando Peirano, dopo un cross susseguente ad una punizione, calcia senza pretese dal limite trovando l’involontaria deviazione di Casarini che mette fuori causa il portiere crociato. Finisce 1-0 per il Toro, rimane tanto rammarico, ma anche la consapevolezza di aver giocato una buona partita.

Questo il commento di Mister Giuseppe Cardone raccolto al termine della gara dal responsabile ufficio stampa e comunicazione del settore giovanile e squadra femminile del Parma Calcio 1913 Gabriele Majo:

giuseppe cardone dopo torino parma“Oggi ci aspettavamo dalla nostra squadra una reazione rispetto alla prestazione opaca che avevamo fornito domenica scorsa con la Pro Vercelli, e oggi ha fatto veramente una prestazione di spessore. Oggi mi dispiace ancora di più per i ragazzi, dopo aver perso una partita come quella di domenica scorsa c’era poco da lamentarsi, anche se di occasioni ne avevamo avute, ma perdere la partita di oggi è veramente pesante, anche se io nel calcio ne ho viste, anzi, me la sentivo che sarebbe andata così, perché c’è una legge nel calcio – gol sbagliato, gol subito – e noi abbiamo aspettato tanto oggi a subirlo, perché abbiamo sbagliato tantissimi gol, ma non ne subivamo e abbiamo deciso di subirlo nel recupero… E’ andata così… C’è rammarico per il risultato, questo è sicuro, ma la cosa che mi fa felice è esser tornato a vedere una squadra che ha fatto calcio, con le sue caratteristiche, mettendo in seria difficoltà il Torino, che obiettivamente qualche situazione ce l’ha avuta: nel primo tempo, da un cross sbagliato, han preso un palo, ma per il resto non mi ricordo interventi del nostro portiere; nel secondo tempo, invece, ce n’è stato uno, dopo di che, difendendoci anche bene, e ogni volta che siamo ripartiti potevamo fargli male, purtroppo, però, non glielo abbiamo fatto, e ci han fatto male loro… L’allenatore avversario alla fine mi ha detto che abbiam fatto una grande partita e che abbiamo pagato noi tutta la sfortuna che hanno avuto loro in questo periodo… Arriverà anche il nostro momento, perché non è che noi siamo stati mai molto fortunati… Dispiace, ripeto: quando ci sono prestazioni come quella di domenica scorsa la sconfitta te la puoi anche aspettare; dopo una prestazione come quella di oggi no, però il calcio è questo: è bello e brutale allo stesso tempo e oggi è stato brutale per noi”.

IL TABELLINO

TORINO-PARMA 1-0 – CAMPIONATO UNDER 16 – 2^ GIORNATA DEL GIRONE DI RITORNO

Marcatore: 40′ st Casarini (autorete)

TORINO – Mattiello; Crivellaro, Picariello (38′ st Cua); Novelli, Formia (38′ st Xhumaq), La Rotonda; Peirano, Pane (35′ st Costanzo), Girotti (33′ st Gaboardi), Guerini, Vertua (33′ st Fimognari). All. Fioratti
A disposizione: 12. Moscovini; 14. Aita, 15. Ali, 16. Pompilio,

PARMA – Rinaldi; Marchese, Casarini; Romano (V. Cap.), Smerilli, Galeotti; El Ghazzouli (20′ st Farjaoui), Anastasia (33′ st Mignemi), Trezza (Cap., 33′ st Papa), Schifano, Di Mario. All. Cardone
A disposizione: 12. Ferrari; 13. Baucina, 14. Cugini, 17. Omorodion, 19. Rizzi, 20. Rastelli

Arbitro: Sig. Francesco Croce di Novara

Assistenti: Sig. Matteo Rovere di Biella e Marco Tuccillo di Pinerolo

Ammoniti: Crivellaro e Di Mario

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913

INTERVISTA A MISTER GIUSEPPE CARDONE DI GABRIELE MAJO, RESP. UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DEL SETTORE GIOVANILE E DELLA SQUADRA FEMMINILE DEL PARMA CALCIO 1913

INGRESSO SQUADRE IN CAMPO E CALCIO D’INIZIO

TORINO-PARMA 0-0 (PARZIALE FINE PRIMO TEMPO, RIENTRO NEGLI SPOGLIATOI

RITORNO SQUADRE IN CAMPO PER IL SECONDO TEMPO, CALCIO D’INIZIO DELLA RIPRESA

22′ ST TREZZA SEGNA A GIOCO FERMO (FUORIGIOCO)

37′ ST DOPPIA OCCASIONE MANCATA: PAPA E MIGNEMI

TORINO-PARMA 1-0 (FINALE) – LA GIOIA DEI VINCITORI, FAIR PLAY

UNDER 15, 2^ DI RITORNO: TORINO-PARMA 3-0. MISTER BUCCHIONI: “IL RISULTATO CI STA TUTTO, MA PER CRESCERE E’ MEGLIO INCONTRARE GENTE FORTE” (VIDEO)

torino parma under 15 undici crociato(www.parmacalcio1913.com) – Seconda sconfitta nel girone di ritorno per la formazione Under 15 del Parma Calcio 1913, oggi, domenica 21 Gennaio 2018, sul campo in sintetico di Grugliasco (TO) contro la terza forza del Campionato di categoria, il Torino: 0-3 recita il punteggio finale, ma per buona parte della gara i Crociati sono stati all’altezza della situazione non mostrandosi così inferiori rispetto ai titolati avversari, che sono riusciti a passare in vantaggio, sul finale del primo tempo, solo grazie ad un generoso regalo degli ospiti: il portiere Bukova, infatti, è uscito in maniera precipitosa commettendo fallo sul centravanti di casa, benché su questi ci fosse in marcatura il compagno Torri. Correttamente l’arbitro decreta la massima punizione che viene trasformata dallo stesso Barbieri al 30′ pt. E dire che in apertura, con un paio di conclusione ravvicinate era stato il Parma ad esser più pericoloso, dapprima con una conclusione a botta sicura di Sementa, solo davanti al portiere “Edo” Ighodalo, che ha respinto di piede e poi un tiro di Bonacina finito fuori di poco. Il raddoppio, dopo 10′ dall’inizio della ripresa, è una conclusione di ottima fattura da fuori area a fil di palo di La Marca. Infine il definitivo 3-0, in contropiede dopo azione crociata è di Jarre al 30′ del secondo tempo. Dopo lunga assenza per infortunio, tra i Crociati, è tornato il fresco vincitore del premio Erasmo Mallozzi Matteo De Rinaldis, entrato all’inizio della ripresa al poso di Klajdi Lusha, che a propria volta ha accusato un problema fisico.

Questo il commento di Mister Roberto Bucchioni raccolto al termine della gara dal responsabile ufficio stampa e comunicazione del settore giovanile e squadra femminile del Parma Calcio 1913 Gabriele Majo:

roberto bucchioni dopo torino parma“Abbiamo fatto un discreto primo tempo: siamo partiti bene con queste due occasioni ravvicinate che abbiamo avuto. Abbiamo fatto 10′-15′ bene, poi il Torino ha preso il sopravvento: purtroppo a fine primo tempo abbiamo subito questo rigore, che comunque c’era, che ci ha tagliato un po’ le gambe. Poi, nel secondo tempo, si è notata soprattutto la differenza a livello fisico, aspetto che abbiamo pagato particolarmente. Il Torino ha meritato questa vittoria netta: c’è solo il rammarico per quelle due occasioni avute all’inizio che avrebbero potuto indirizzare la partita in un altro modo, soprattutto a livello morale. De Rinaldis è tornato: arriva da un brutto infortunio, adesso dovrà migliorare la condizione, ma già il fatto che son tre giorni che si allena col gruppo, dopo questi due mesi, fa piacere, per lui e per noi. Il secondo tempo, oggi, è stato poco attendibile, perché fisicamente abbiamo pagato tantissimo. L’ultimo gol, poi, è arrivato in contropiede, noi eravamo sbilanciati perché perdevamo 2-0 e ci stava di provare a recuperarla, ma loro, sinceramente, mi hanno fatto un’ottima impressione. Al di là del risultato, che ci sta tutto, queste partite servono alla crescita dei ragazzi: lo sappiamo che il Campionato Nazionale è questo e incontri degli squadroni, ma è meglio incontrare squadre forti che vincere con squadre meno forti, anche se purtroppo non è stato così. Ripeto: un test che ci ha visto soccombere, ma come dico sempre l’unico modo per far crescere i ragazzi è incontrare gente forte”.

IL TABELLINO

TORINO-PARMA 3-0 – CAMPIONATO UNDER 15 – 2^ GIORNATA DEL GIRONE DI RITORNO
Marcatori:
30′ Barbieri (Rig.), 10′ st La Marca, 30′ st Jarre

TORINO – Edo Ighodalo (34′ st Costamagna); Calo (32′ st Peluso), Ordisci (32′ st Capistrano); Maugeri (34′ st Perotti), Poliice, Juricic; Mele (19′ st Ceriale), Savini, Barbieri (32′ st Ientile), La Marca, Jarre (32′ st Gentile). All. Menghini
A disposizione: 14. Gallazzi, 15. Pace,  17. , 19. , 20.

PARMA – Bukova; Lasagni, Rudi Bonotti (32′ st Reda); Ferrari (Cap., 32′ st Bertolotti), Manghi (22′ st Nurcja), Torri; Sementa (32′ st Marzoli), Bolzoni, Lusha (1′ st De Rinaldis), Bonacini, Sangiorgio (13′ st Letsyuk). All. Bucchioni
A disposizione: 12. Savignano; 15. Boselli

Arbitro: Sig. Alessandro Biasiol di Nichelino

Assistenti: Sigg. Lorenzo De Giulio e Fabrizio Gilli di Nichelino

Recupero: 0’+4′

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913

IL COMMENTO DI MISTER ROBERTO BUCCHIONI RACCOLTO A FINE GARA DA GABRIELE MAJO, RESP. UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE DEL SETTORE GIOVANILE E DELLA SQUADRA FEMMINILE DEL PARMA CALCIO 1913

INGRESSO SQUADRE IN CAMPO E CALCIO D’INIZIO

7′ USCITA DI PIEDE DEL PORTIERE SU BONACINI

TORINO-PARMA 1-0, 30′ GOL DI BARBIERI SU CALCIO DI RIGORE

TORINO-PARMA 1-0 (PARZIALE FINE PRIMO TEMPO) – RIENTRO NEGLI SPOGLIATOI

RITORNO IN CAMPO PER IL SECONDO TEMPO, CALCIO D’INIZIO DELLA RIPRESA

TORINO-PARMA 3-0 (FINALE) – FAIR PLAY

Stadio Tardini

Stadio Tardini

15 pensieri riguardo “GIOVANILI / UNDER 17: PARMA- V. ENTELLA 0-1; UNDER 16: TORINO-PARMA 1-0; UNDER 15: TORINO-PARMA 3-0 – VIDEO E COMMENTI DEI MISTER

  • 22 Gennaio 2018 in 08:44
    Permalink

    Caro Bagatti,
    ma è mai possibile che non ti sei accorto di aver sbagliato tu la formazione nel primo tempo, tornando a Kasa mezz’ala , togliendo i due De Marco e giocando a tre punte, avendo cosi un centrocampo debole che non protegge D’aloia?.

    dopo il gol siamo tornati ad avere Kasa prima punta e inseriti i due De Marco, siamo tornati ad avere la meglio a centrocampo e quindi abbiamo creato le occasioni.

    ammetti qualche volta i tuoi errori e sarà piu facile trovare le soluzioni

  • 22 Gennaio 2018 in 09:34
    Permalink

    Buongiorno anche quest’ oggi voglio cominciare dalla under 17 del Parma Calcio che anche ieri, come già in altre occasioni, mister Bagatti ha pensato bene di rivoluzionare rispetto alla formazione di Genova, purtroppo ancora una volta come già successo e già ricordato in altre occasioni il portiere (che nel primo tempo ha fatto anche una buna parata, ma da un portiere è quello che ti aspetti) non ha saputo portare punti alla propria squadra, anzi, ha coinvolto anche un compagno che”giustamente” gli aveva lasciato la palla nella sua disponibilità dato l’aveva chiamata come” mia ” (chiamata sonora sentita anche nella parte di tribuna dove mi trovavo, in linea con l’azione di gioco) e quindi il tutto si è tradotto in una mancata uscita nei tempi giusti e un inserimento dell’attaccante che ha segnato. Ma al di là di questo episodio(che comunque resta tale anche se dettato da una chiamata non corretta del portiere) era difficile pensare un Parma comunque incisivo con il modulo iniziale con cambiati tutti gli interpreti rispetto Genova e successivamente nel secondo tempo passato ad un più logico e consono 442 che ha messo la squadra in condizioni di arrivare davanti al portiere e creare qualche occasione oltre mettere pressione anche alla difesa dell’ Entella tutt’altro che insuperabile . Purtroppo ancora una volta il mister ha mandato in confusione i ragazzi cambiando completamente atteggiamento alla squadra mettendo dei riferimenti diversi e quindi questo fa sì che questi ragazzi non trovino mai un po’ di continuità neanche nei compagni di reparto coi quali invece dovrebbero legare molto molto meglio. Ormai su questa squadra non sappiamo più cosa dire se non che potenzialmente potrebbe fare molto molto di più. Mister Bagatti decisamente con idee poco chiare ed in grande confusione. le note positive sempre le solite, i difensori tutti Corvi (dovrà eliminare qualche incertezza di troppo), Rocchi, Banè, Bisagni, un ottimo Mossini (inspiegabile il suo mancato utilizzo finora), bene Kasa nel secondo tempo, da rivedere il nuovo arrivato (a noi più che noto) Palmieri se gli verrà data continuità. Grazie

    • 22 Gennaio 2018 in 12:52
      Permalink

      Caro Assoproc,

      sempre molto daccordo con lei, però devo dissentire sul portiere ,

      io ero dalla parte vicina a Corvi il quale ha chiamato “uomo” al difensore che stava proteggendo la palla e non” mia” come da lei sentito.

      che poi tra i due ci sia stato malinteso può essere , ma come lei dice i problemi non sono li ma in altri reparti

      • 22 Gennaio 2018 in 15:41
        Permalink

        …per la precisione la chiamata è stata… “mia -uomo uomo”…ma come detto i problemi non sono in difesa.

  • 22 Gennaio 2018 in 09:42
    Permalink

    Ovviamente, come sempre , ci tengo a ribadire che il commento sui ragazzi è solo puramente ed esclusivamente tecnico (come usiamo fare tra noi addetti. Grazie ancora dello spazio.

  • 22 Gennaio 2018 in 13:42
    Permalink

    Buongiorno a tutti,

    condivido pienamente l’analisi molto accurata e puntuale di Assoproc. Alcune considerazioni.

    Per quanto riguarda i commenti sul portiere appare evidente che la Società, da tempo, ha deciso, indipendentemente dalle prestazioni di puntare solo su questo portiere.
    Sia calcisticamente , sia mediaticamente.

    Sia ben chiaro che è assolutamente LEGITTIMO che una società punti su un determinato giocatore .
    Ma poi c’è da chiedersi se questa situazione sia effettivamente favorevole alla crescita proprio del giocatore ed anche agli equilibri del gruppo.

    Ho seguito personalmente la squadra della Primavera, in diverse partite.
    Per il ruolo di portiere, quest’estate è stato acquistato Adorni dalla Roma che ha assunto il ruolo di titolare .

    Poi è stato acquisito, sempre per la Primavera Daniele Rao dal Trapani (classe 2000, quindi un acquisto che, stante l’età, può giocare solo nella Primavera).
    (Daniele Rao l’anno scorso ha fatto molto bene collezionando convocazioni in nazionale B…).

    Orbene, ad ogni partita della Primavera viene convocato anche il portiere, titolarissimo dell’U17 (..non si capisce se come secondo o come terzo).
    “Titolarissimo in quanto, da sempre nell’U17 gioca solo lui :
    il secondo portiere U17 se i tabellini sono corretti, ha giocato in questa stagione solo il secondo tempo dell’amichevole con l’Inter, e solo il secondo tempo della finale torneo della Befana con l’Albinoleffe dopo che alla fine del primo si era sul 4-0 per il Parma..)

    Cioè il Parma Primavera è una delle poche squadre, (forse l’unica …di altre non ne ho notizia), che si presenta alla partita di campionato con 3 portieri sempre convocati.

    Va rilevato inoltre che, sempre nella gestione della Primavera, alla prima indisponibilità di Adorni, ovviamente è stato inserito il titolare dell’U17 , nella cui occasione però si sono subiti 5 gol subiti dal Virtus Entella.
    (non ho visto la partita per cui esprimo solo un fatto statistico).

    Ciò premesso, mi rivolgo ora ad Assoproc che nella figura di attento “addetto ai lavori, può dire se effettivamente a lui risulta, in altre squadre Primavera”, una situazione analoga e , nel caso , penso che possa trovare le spiegazioni sulla gestione dei portieri dell’U17.

    Per quanto riguarda la squadra U17 , si può pensare che in una categoria come l U17 le scelte siano a carico del mister, ma le strategie a medio e lungo periodo vadano condivise o forse dettate dalla Società.

    Questa squadra,, (..non è questione di ruoli dei singoli giocatori), alla prova dei fatti, visto che è ultima in classifica sembrerebbe non perfettamente adeguata alla categoria.

    E’ questo fatto non è responsabilità del Mister ma della Società:

    La Società, venendo dall’ U17 Lega Pro, probabilmente non aveva ben chiaro il livello del campionato da svolgere (bastava però vedere qualche partita..) ed ha inserito giocatori sicuramente buoni ma forse non adeguati alla categoria.

    Naturalmente i primi ad essere poi in difficoltà sono i ragazzi stessi che sono i principali protagonisti della squadra.

    Auguro davvero che gli stessi ragazzi possano trovare la “quadra” per chiudere la differenza che qualche volta rispetto alle altre squadre è stata minima (anche se ieri il virtus entella nel primo tempo praticamente ha giocato solo lei…)

  • 22 Gennaio 2018 in 14:00
    Permalink

    Fortuna che abbiamo vinto i derby contro Carpi e Reggiana, altrimenti sarebbe stato un weekend da dimenticare.

  • 22 Gennaio 2018 in 15:01
    Permalink

    Egregio, relativamente la mia perplessità sulla qualità assoluta del portiere mi sono già espresso, ieri ad esempio per citare altre incertezze, ha accennato per ben 2 volte l’uscita essendo in vantaggio sull’attacco avversario per poi inspiegabilmente rientrare in porta concedendo così il tiro all’attaccante, lanci sugli esterni il più delle volte fuori misura, ed in ultimo essendo solo mancino si notano evidenti difficoltà di postura nel giro palla tra lui e i suoi difensori, mi spiego, tende sempre a tornare sul piede dominante dando chiare indicazioni sulla direzione della giocata all’avversario. Poi come dice lei ci sono situazioni che non conosciamo ma che lasciano certamente molte perplessità sulla convocazione con la primavera quando non necessario, sugli allenamenti con la primavera e non con i compagni. Queste però sono cose che deve valutare la società e in questo possiamo solo esprimere come già detto molte perplessità. Concordo sulla impossibilità di giocare da parte del secondo portiere o meglio, non credo possa fare meglio di corvi ma nemmeno peggio, ma i dati sono impietosi, i minuti giocati sono esattamente quelli che ha menzionato lei.
    Semmai la società avesse dato come sembra a questo punto delle indicazioni chiare su modi, metodi e scelte c’è da augurarsi che i ragazzi, come ha detto lei, trovino loro stessi la quadra per risolvere il problema risultati. E aggiungo che non è casuale a questo punto che le 3 categorie di “punta” 17,16,15 non stiano facendo affatto bene.. Mi associo a lei quando dice che una società ha LEGITTIMAMENTE il diritto di puntare su un giocatore a patto che la fiducia sia ricambiata da parte del giocatore con prestazioni indiscutibili e non magari da altri fattori. Le perplessità che ci sono attorno a questa squadra per tanti fattori sono molteplici e di questo mi sono già espresso non meno di 7 giorni fa.

    • 22 Gennaio 2018 in 17:15
      Permalink

      Buonasera,

      grazie della replica che arricchisce la disamina.

      mi rendo conto che il mio “LEGITTIMAMENTE”, non è stato contestualizzato bene. Intendo dire che come ha detto lei ci devono essere delle indicazioni chiare della Società che però non penso ci siano state in questo caso.

      E’ chiaro che il portiere titolare potrebbe giocare la sua categoria con serenità per approdare a quella superiore con i tempi giusti, se ne avrà i meriti.

      Altrimenti, se “ci può stare ora” è giusto che la Società lo possa lanciare subito nella categoria superiore.
      (basta vedere Plizzari portiere Milan 2000 che gioca con merito in serie B con la Ternana).

      Come accennato prima non sono un tecnico,
      ma non credo infatti ci possa essere una spiegazione tecnica, del perchè un ragazzo debba fare il terzo portiere al Sabato in Primavera, per poi fare il giorno dopo il titolare nell’U17 (magari facendo trasferte da 200 + 200 km ).

      In merito al secondo portiere i casi sono due :
      Se vi è un divario notevole fra il titolare o il secondo, allora la lo società dovrebbe intervenire per colmare ciò proprio per creare competizione (ed in caso di bisogno non avere un secondo portiere scarso la crescita del gruppo e dei singoli.).

      Altrimenti se il divario è contenuto non si capisce il perchè il secondo non possa mai, ripeto mai, anche almeno iniziare una partita (…nemmeno in amichevole…).

      Vero è che i cambi di portiere non sono paragonabili a quelli dei giocatori di movimento;
      ed è altrettanto vero che si è nei professionisti, e non di dilettanti ma stiamo comunque parlando di ragazzi che devono crescere (non di portieri professionisti che, pagati per contratto, debbano “fare il secondo”).

      Il tutto in una squadra ultima in classifica in cui il Mister in tutte le interviste, ricorda che l’obiettivo è la crescita del gruppo.

      Naturalmente il mio è un ragionamento di principio, non legato ai singoli nomi, ma alle casistiche in discussione .
      Se mi sbaglio siate liberi di dissentire

      Colgo l’occasione per ringraziare Gabriele Majo che sta facendo con le giovanili un lavoro importantissimo di informazione essendo praticamente su tutti i campi.

  • 22 Gennaio 2018 in 15:10
    Permalink

    Mentre sulla qualità di giocatori non adatti alla categoria mi sono già abbondantemente espresso più volte ma quei giocatori sono sempre regolarmente in campo. Peccato

  • 22 Gennaio 2018 in 18:48
    Permalink

    Si invitano i lettori di Stadio Tardini, desiderosi di esprimere commenti sulle partite delle squadre giovanili, a evitare giudizi pesanti su calciatori che, comunque, sono ancora “minorenni”.

    Il riferimento è ad affermazioni tranchant e categoriche su alcuni singoli elementi o ad allusioni che possono risultare antipatiche o offensive: meglio creare un dibattito costruttivo che possa eventualmente aiutare a superare le difficoltà.

    Stadio Tardini

    • 23 Gennaio 2018 in 14:17
      Permalink

      Spett.le Redazione,

      Ringrazio dell’invito.
      Tuttavia non sono del tutto sicuro che esso riguardi il contenuto dei miei post, in quanto non ho assolutamente espresso giudizi nè tecnici riguardo ai ragazz,i nè tantomeno sui loro comportamenti che appaino a tutti impeccabili.

      Sono stati solo elencati dei fatti (tutti tra l’altro ben documentati dal vs sito) e solo commenti e considerazioni sulle scelte tecniche, fatte però da maggiorenni nonchè professionisti.

      Se invece, l’invito è “preventivo”, o in generale, nel senso di non allargare troppo l’ambito della discussione esso è pienamente condiviso in quanto, come già detto, non è assoluta intenzione di creare offese o antipatie.

      E’ appena il caso di accennare che, qualora commenti siano ingenerosi o “sopra le righe”, possiate efficacemente moderarli.

      • 23 Gennaio 2018 in 14:56
        Permalink

        L’avviso di ieri era in parte per Lei, Sig. Filippo, e in parte per il Sig. Assoproc.
        Premesso che, per fortuna, per quanto concerne i commenti riservati alle vicende del Settore Giovanile non si toccano livelli infimi come per altri argomenti più gettonati, e per questo Vi ringraziamo, riteniamo sia più corretto non fare riferimenti espliciti sui singoli calciatori che, peraltro, come ricordavamo ieri, sono anche minorenni. Bocciare in modo tranchant un centrocampista o far passare per raccomandato un portiere, tanto per citare un paio di esempi, non riteniamo che possa servire alla crescita loro personale o migliorare le prestazioni delle squadre per le quali giocano.
        Ci fa piacere che anche articoli-nicchia come possono essere quelli dedicati al Settore Giovanili, suscitino l’interesse dei lettori: però si tratta di evitare che vengano affibiate patenti a ragazzi ancora in fase di crescita.
        Grazie per la sensibilità.
        Stadio Tardini

  • 22 Gennaio 2018 in 19:10
    Permalink

    Mi scuso con la testata se posso aver espresso giudizi anche pungenti ma ribadisco che sono solo ed esclusivamente giudizi discorsivi e solo puramente di valutazioni tecniche e non di comportamento. Si stava solamente facendo l’analisi di alcune situazioni che risultano migliorabili. Per quanto mi riguarda se qualcuno si fosse offeso me ne scuso anticipatamente poiché non era nelle intenzioni.
    Mi associo nel ringraziamento a Gabriele Majo .

    Concordo con il sig.Filippo per quanto riguarda lè ultime osservazioni che seppur non essendo dentro sono cose che quasi si percepiscono. Speriamo possano migliorare.

  • 23 Gennaio 2018 in 17:44
    Permalink

    Spett.le Redazione,

    Prendo atto delle precisazioni.
    Vi premetto che vorrei davvero
    autoescludermi da ogni ulteriore replica su questi post in quanto credo che le posizioni siano ora abbastanza chiare.

    E’ corretto, (sono totalmente d’accordo con voi), di tutelare i ragazzi, e mi riprometto qui, in caso di futuri commenti di seguire questa linea.

    Vi sarei grato però, usando la stessa Vs finale richiesta di sensibilità, di non associare ai miei post termini o conclusioni che non sono il mio pensiero, che comunque non mi riguardano e che possono mettere in secondo piano i fatti :

    Siccome siete sempre molto attenti e professionali, non penso vi possa sfuggire che le scelte, (..come già detto….), che stanno all’origine dei commenti, vengono fatte da altri e non dal sottoscritto.

    Vi ringrazio per lo spazio.

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI