INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (6^ Puntata)

la distanzaLuca Tegoni, apprezzato autore di StadioTardini.it, la scorsa estate ha pubblicato in proprio (www.lulu.com) un romanzo corto “La Distanza”  che dal 6 Gennaio 2018, a puntate, ci accompagnerà ogni giorno, allo scoccare delle 12.

Il volume è acquistabile su amazon.it

Ecco la sesta puntata:

Il colonnello Killgore si stava spostando verso Est. Le sue truppe lo seguivano stanche ma entusiaste, erano “cattivi e figli di puttana”, come la miglior tradizione bellica cinematografica insegnava.

Quell’uomo aveva un innato senso della guerra, della morte, del nemico e della conquista. Ora tendeva al sorgere del sole e sapeva che sarebbe arrivato là. Un passo avanti e il sole sarebbe tramontato. Killgore avanzava e annientava. Lo sguardo fiero e la divisa sempre in ordine. Birra per la truppa. A volte quand’era possibile faceva arrivare le puttane. Non si stuprano i nemici. Giorno dopo giorno il sole all’orizzonte era sempre più basso. La meta si avvicinava. Caldo e umidità non frenavano l’avanzata. Nemmeno la pioggia, nemmeno il territorio. E il nemico moriva calpestato e bruciato. Morivano tutti su quella lunga strada. Un sibilo di bombe e poi esplosioni di bombe e raffiche di mitra e urla non umane proprie dell’uomo quando si avvicina alla fine. Quando il suo intimo desiderio di conservarsi viene ignorato e violentato. Questa colonna di suoni marciava attraverso la vita degli altri e la finiva e la sterminava.

Nella città che Nina aveva lasciato cominciò nel frattempo a diffondersi una voce forte di guerra. Anche sulle prime pagine dei giornali si cominciava a leggere i titoli di una guerra non lontana. La coscienza dei giornalisti venne fuori quando Killgore risparmiò la vita a due di loro. Ebbero modo di raccontare che cosa sarebbe potuto succedere. Normalmente Killgore uccideva chiunque non fosse dalla sua parte. Questa volta decise che il mondo avrebbe dovuto sapere da che parte stare. Cosa potevano fare i giornalisti graziati se non ritornare dove la guerra ancora non era passata e tentare di fare il possibile affinché continuasse per altre latitudini? Sapevano che non sarebbe finita grazie al loro talento di giornalisti. A questo punto, dopo tutta una serie di resoconti che servivano a dare una immagine positiva del colonnello Kilgore e commenti genericamente moralistici sull’esigenza della guerra, alcuni altri giornalisti si chiesero che cosa avessero fatto per tutto il tempo inutilmente trascorso.

Il tempo della guerra si avvicina alle nostre case e alle nostre famiglie. I nostri uomini si preparino a partire con il fucile in mano, le donne si preparino a piangere. Già molti secoli sono stati afflitti dalla follia dell’uomo, dalla sua arroganza. Già molta intelligenza è stata sprecata sui campi di battaglia, già molta ricchezza è stata sprecata in armamenti. Già molto amore è stato negato e troppi sorrisi si sono spenti in una piega del volto che marchia le persone più del fuoco. Il tempo della guerra ha un suono che non vorremmo mai udire ma che sapremmo immediatamente riconoscere. Lontano, che stia lontano, almeno da noi almeno dalla nostra civiltà. Che i nostri ragazzi non siano intrappolati dalle lusinghe della conquista e che i nostri generali sappiano mantenere l’irrinunciabile bandiera della libertà sempre alta e a favore di vento che pulisce, spazza cancella.

:- E adesso, stronzetti, finitela voi. Meglio di così non avreste potuto fare. Per caso volevate descrivere le scene di battaglia, la tragedia dei morti ammazzati, i bambini senza tetto e senza madre? La madre morta con il cane? Volevate sollecitare la ripugnanza verso una parte? Verso di me? Cosa pretendete di scrivere di una guerra se nemmeno sapete distinguere l’odore della polvere da sparo dal puzzo della vostra merda! Cosa, vigliacchi, volete dire, urlare? Forse il vostro coraggio? Il coraggio è attaccare per offendere ed uccidere! Non è sopravvivere. Quello è istinto di sopravvivenza.

Killgore era in preda ai suoi superbi eccessi di megalomania che gli capitavano o dopo una battaglia vittoriosa o dopo una sbronza. La lettera che scrisse la rilesse due volte, gridando saliva verso i due giornalisti che a capo abbassato, impauriti anzi atterriti, assorbivano impotenti tutto lo sproloquio del colonnello. Erano giornalisti senza parte. Volevano scrivere quello che vedevano e poi raccontarlo là nel mondo dove non si spara e dove l’orrore non è la propria ombra. Ora davanti a Killgore avrebbero dovuto scrivere il testo finale, quello da inviare alla stampa. Il testo che spingesse la gente ad avere paura ed allo stesso tempo prendere la parte del colonnello in modo che affidassero a lui gli onori e gli oneri della guerra. Certi della vittoria e con la pace in casa. Come si faceva con i soldati di ventura.

Forse i colleghi e le colleghe di Nina non si chiesero dove fosse sparita. Coloro che avevano più intimità con lei, un paio di ragazze, andarono fino a casa per cercarla. Una vicina disse di averla vista, qualche giorno prima, uscire di casa con delle cose, forse uno zaino oppure una borsa, non sapeva, non ci aveva fatto caso e da allora di non averla più vista rientrare. Lei, la vicina, prestava molta attenzione a queste cose :- Sapete, con i tempi che corrono…- e poi aggiunse che:- anche un signore l’aveva cercata ed aveva un pacchetto in mano da darle, ma era arrivato tardi perché lei era già partita. Mah! Signorine ma è vero che c’è la guerra? Se ne raccontano tante per sfilarci dei soldi …

Le signorine ringraziarono rispondendo vagamente e poi se ne andarono. La vicina di casa di Nina le vide allontanarsi di schiena, con un bel passo giovane e sospirò cercando di convincersi che anche lei da giovane fosse stata così bella.

Forse, un po’ tutti erano disorientati e titubanti. Il rombo del tuono non doveva diventare il rombo del cannone. La paura non doveva attanagliare la città.

Il colonnello Killgore e i suoi numerosissimi ed entusiastici uomini stanno conducendo un’operazione militare con grande equilibrio e fermezza. Le battaglie vinte sono testimonianza della sua lealtà di fronte al nemico e del suo rispetto davanti alla vita umana e a Dio. Il percorso, che ancora si presenta lungo e minacciato dal nemico e da territori ostili ed inospitali terminerà laddove il nome della pace risuonerà alto e forte.

:- Voi fate schifo! Cos’è questa retorica del cazzo?

Killgore si dimostrò alquanto contrariato ed aveva già cominciato a bere, la prova di scrittura dei giornalisti non aveva avuto, al primo tentativo, un esito positivo. Mantennero la testa abbassata e stettero inginocchiati al suo cospetto in attesa di sapere che cosa fare. Erano terrorizzati. Quell’uomo beveva attaccato al collo della bottiglia e lanciava saliva di fuoco ad ogni parola che gridava. Aspettarono per molto tempo poi finalmente crollò lasciando cadere la seconda bottiglia di whisky. Il piantone di servizio lo raccolse e lo adagiò sulla branda. Condusse nuovamente agli arresti i due giornalisti che videro allungata di altre preziose ore la loro vita. Killgore li aveva chiamati Gi e Gio. Forse era già ubriaco e chiamarli così lo divertiva. Gi e Giò avevano paura e non sapevano nemmeno da che parte cominciare per finire il pezzo. Il fatto che quel pezzo sarebbe finito sul giornale con la loro firma era assolutamente secondario. Era anche possibile che non finisse in prima pagina. In realtà nessuno voleva che esistesse una guerra che nemmeno si poteva immaginare. E farne sentire l’odore era come dire che esisteva veramente. La televisione non trasmette odori ma la carta stampata si. Quando partirono per trovare la guerra e per raccontarla non sapevano come sarebbe stato. In certi momenti avevano anche pensato che mostrare il tesserino da giornalista sarebbe stato sufficiente per passare ovunque.  Pensarono anche che la loro presenza fosse una garanzia per chiunque stesse combattendo. E, soprattutto una garanzia per i morti. Si racconta più dei morti che dei vivi. Ma non erano riusciti a raccontare praticamente nulla di tutto quello che avevano visto. La posta elettronica era controllata dal colonnello. Ed ora erano veramente allo stremo. Fisico e morale.  Avrebbero guardato sgozzare una donna senza chiudere gli occhi. Quindi avrebbero anche firmato il pezzo da spedire. Invio.

Nessun angelo all’orizzonte. Non ancora.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

16 pensieri riguardo “INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (6^ Puntata)

  • 11 Gennaio 2018 in 15:01
    Permalink

    anche dopo qualche anno dall’averlo letto (per prima!) è sempre bello

    • 11 Gennaio 2018 in 16:01
      Permalink

      Concordo!
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_rose.gif

  • 11 Gennaio 2018 in 18:22
    Permalink

    Pezzi veramente scritti bene e scorrevoli http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 12 Gennaio 2018 in 10:39
      Permalink

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 11 Gennaio 2018 in 20:01
    Permalink

    Mi piacerebbe che Tegoni.scrivesse un libro sul calcio.ispirandosi al Parma

  • 12 Gennaio 2018 in 10:01
    Permalink

    Come no…..ispirandosi ai nuovi arrivi……

    Ce né per tutti i gusti……in primis Il napoletano….

  • 12 Gennaio 2018 in 12:06
    Permalink

    Buongiorno, pure io ho ascoltato un paio di sue interviste di qualche anno fa: innanzitutto spero sia migliorato dal punto di vista della comunicazione coi media ma, di fatto, mi interessa di + ciò che farà in campo, solo e limitatamente al rettangolo di gioco;
    prestazioni in campo, nello spogliatoio e in allenamento: tutto il resto fa parte della vita personale di ogni atleta, di ogni persona, che, della propria vita privata ( al di fuori dell’ambito professionale ) deve essere libera di vivere il proprio essere.

    Il campo sarà il solo giudice delle sue prestazioni !!

    negli anni 80 c’erano Platini e Maradona: due grandi fuoriclasse in campo ma, due uomini molto diversi fra di loro; il tempo, la cultura, le esperienze ed il proseguimento delle loro carriere, attività post calcio giocato, HANNO DECRETATO MOLTO BENE LE DIFFERENZE TRA I DUE …credo che non servano altre parole ..

    Di talenti calcistici estrosi, genialoidi, pazzerelli, estro e sregolatezza, ne abbiamo già conosciuti parecchi:

    GASBARRONI, CASSANO, tanto per fare due nomi a noi conosciuti pure in questa piazza, calciatori che avrebbero forse potuto fare di + nelle loro carriere professionali ma che, a causa dei loro caratteri imprevedibili, bizzarri e /o fumantini, non hanno poi dato ciò che potenzialmente avrebbero potuto raccogliere in corso d’opera.
    MORFEO credo che sia stato un altro TALENTO ECCELSO che non ha avuto in prospettiva ciò che avrebbe potuto esprimere appieno…è solo una questione di CARATTERE, DI TEMPERAMENTO E PURE DI PERSONALITA’, NON SEMPRE FACILI DA GESTIRE …
    in tutti i casi VIVA IL TALENTO, VIVA LA TECNICA SOPRAFFINA, dopo, i risvolti esterni, extracalcio ..saranno anche fatti loro ….

    • 12 Gennaio 2018 in 12:20
      Permalink

      Non confondiamo lo stufato col cioccolato (perché voglio essere educato).
      Certe cassanate a stento potevano esser perdonate a cassano perché era cassano, ma vacca…
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

    • 12 Gennaio 2018 in 12:52
      Permalink

      E anche la faccenda di giudicare solo il campo lascia il tempo che trova, caro Morosky
      Oggi giorno esiste la comunicazione: i video delle performance in sala stampa sono parte integrante del contratto di lavoro tanto come le piroette sul campo
      Non stiamo parlando di cassanate, ma non è certo un bel vedere quel video dove dice di chieder conto della propria virilità alle donne di Benevento, ma non gtanto per quello, quanto per come ha trattato il giornalista di Benevento dicendogli di uscire dalla sala stampa o altre spacconate del genere, che si auspica proprio non capitino mai qua…
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 12 Gennaio 2018 in 13:27
    Permalink

    Ognuno ha le proprie opinioni, caro Alessio, prima di replicare al sottoscritto bisogna leggere bene quanto sopra: ho biasimato le sue doti comunicative “grezze e fuori luogo”, ho anche auspicato, per lui, che sia migliorato nelle sue performances coi media;
    detto questo, se dovesse ripetere comportamenti non in linea o non consoni con l’educazione, il rispetto ed il bon ton, richiesto ai tesserati, saranno problemi suoi in fatto di multe, sanzioni disciplinari interne ecc ecc:
    ma, per favore, aspettiamo a giudicare ciò che vedremo in campo !!
    il corollario, facente parte del suo essere tesserato, sarà un solo problema disciplinare suo…SOLAMENTE SUO ..
    Non facciamo processi a uno che non ha ancora messo piede in campo e nemmeno detto una parola in Sala Stampa, per favore..

    Ciò che ha fatto prima è un problema suo, del Foggia o del Benevento….e chiudo la parentesi . PUNTO

  • 12 Gennaio 2018 in 14:07
    Permalink

    Comunque complimenti a lei Alessio: noto che è sempre sul pezzo, ottimamente inforNato e competente in materia, diciamo proprio a 360° , with my best regards..
    see you later …a Colecc , next week ( san piova miga )
    your pen pal …friend for articles
    morosky

  • 12 Gennaio 2018 in 14:09
    Permalink

    sa ghè di eror le colpa dal tradutor ed google, mi a so apena l’italian e al dialett….
    a dig ben ..!!!

  • 12 Gennaio 2018 in 14:11
    Permalink

    Forse Morosky non hai capito il concetto:

    non si tratta solo di doti comunicative, caratteriali e via dicendo.

    ma anche altro…..

    Il veder passeggiare per Collecchiello certi personaggi,

    c’è da rabbrividire….forse l’esperienza del Romano non è servita

    a nulla……PUNTO!!!!!!!

  • 12 Gennaio 2018 in 20:48
    Permalink

    Non essendo al corrente del passeggio …
    diurno mattutino ?
    pomeridiano ?
    notturno ??
    non saprei cosa ribattere ( non è obbligatorio, tra l’altro ! )
    se mi illumini apertamente circa la mia ” ignoranza” in merito ai passeggiatori/trici dei personaggi “collecchiellesi”..voglio accertarmi, di persona, se posso o devo rabbrividire pure io ..
    come diceva Checco
    CADO DALLE NUBI ..
    il Romano è capitolo chiuso…se ci sarà una giustizia ORDINARIA E NON SPORTIVA ….CHI HA FATTO DEBITI, BUCHI, PUFFI, PENDING O PUTTANATE IN BILANCIO …credo che dovrà/dovrebbe pagarne le conseguenze …
    esempio : oggi hanno sequestrato il contro valore di 1.700.000 euro in conti correnti, beni immobili, imbarcazioni …ecc …all’ex primario ospedaliero che è stato indagato per reati commessi in area professionale …: a volte la giustizia arriva, tardi ma…a volte arriva ..
    ILLUMINAMI PURE SUI PASSEGGIANTI

  • 13 Gennaio 2018 in 14:48
    Permalink

    Morosky pensa….fino a ieri questo bel tipetto a Parma veniva considerato una brava persona,
    Università. ospedale girava tutto attorno al sig.RE MIDA..
    se pensi che l’Upi lo osannava….fa ti…
    ti ricordo pure che tutto è Partito dalla procura Lumbarda,
    mica dagli uffici di Parma….se aspetti loro….
    e questo vale pure per l’arresto di martedì,
    andrangheta e sponsorizzazioni….
    Procura di Catanzaro….a volte la giustizia arriva si arriva
    ma da molto lontano.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI