INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (7^ Puntata)

la distanzaLuca Tegoni, apprezzato autore di StadioTardini.it, la scorsa estate ha pubblicato in proprio (www.lulu.com) un romanzo corto “La Distanza”  che dal 6 Gennaio 2018, a puntate, ci accompagnerà ogni giorno, allo scoccare delle 12.

Il volume è acquistabile su amazon.it

Ecco la settima puntata:

Nina, per la prima volta da quando era partita, si sentì parte di un gruppo. I compagni di viaggio da qualche giorno erano sempre gli stessi. Come se avessero silenziosamente stabilito un obiettivo comune. Da quella notte così gentile e, tutto sommato, accogliente, avvertì un calore diverso nella compagnia delle persone.

:- Forse i miei angeli sono loro, sono queste persone delle quali non conosco il nome. Conosco solo le loro spalle e il loro sguardo. Ora le sento e credo di cercarle. Ho bisogno della loro compagnia.

Passi e orme. Camminare, a volte qualche piaga. In silenzio. Qualche smorfia. Uno sguardo amichevole di chi comprende la sofferenza. Poi, per molto spazio, solo il cammino e la testa che vola via per accompagnare il tempo che non passa,  a testa bassa , per riparare gli occhi e perché alla lunga la testa è pesante e il collo si flette. Un po’ di riposo in un bosco con alberi da frutta. Una pausa mangiando. Una pausa per ristorarsi ed anche per guardarsi in volto, per scambiare un sorriso, per offrire una gentilezza e, soprattutto, per riceverne. Per scoprire che le persone stanche affrante hanno un volto e una grande nobiltà espressiva e che la loro bellezza in quel momento è incommensurabile. La signora con la figlia stringe affettuosamente la mano a Nina e lei ricambia. Nel contatto delle loro mani provano conforto, la figlia guarda e sorride.

In fondo alla giornata, oltre al bosco e al frutteto, si stende una pianura che sembra interminabile. Solo lontano, molto lontano, verso l’orizzonte rosso del sole che tramonta, si possono scorgere, quasi immaginare, delle alture. Tra loro e quelle montagne rosse è tutto piano e basso. Il sole cala e loro si preparano per la notte, raccogliendo legna da ardere, cercando qualche frutto e magari qualche riparo naturale o capanno disabitato. Nina, nell’accingersi a queste attività, ormai allenata al silenzio e ai suoi rumori, avverte lento e costante un suono sordo e un altro più acuto e ritmato quasi coperto dal primo. Il primo è semplice, Nina pensa subito ad un fiume, magari grande e solenne, non certo ad un torrente poco adatto ad una pianura così vasta. Ma l’altro non riesce a riconoscerlo, almeno non lo crede possibile. Sembrano canti. Esce dal bosco gira lo sguardo e là, in mezzo a tutto quel mare di silenzio piatto, scorre, nel suo letto ampio, il fiume. Gli occhi di Nina si riempiono di emozione e di vita. L’acqua che scorre le scatena brividi e lascia che lo sguardo si abbandoni a questo piacere seguendo le curve lontane del fiume. Il suo corpo viene attratto dal fiume e con rapidità si muove accennando ad una piccola corsa per raggiungere la sponda più vicina.

Ama, distante, la guarda e ammira quella figura capace di esprimere gioia e stupore nei suoi movimenti più infantili. Una corsa libera come fanno i bambini. Ama vorrebbe liberarsi di sé stessa e dei suoi vestiti e correre come Nina. Vorrebbe essere quell’adulta così spontanea che corre dinnanzi a lei. Ama stava misurando la distanza tra sé e Nina bloccando in un immagine il corso della sua vita a venire. Non sapeva come, non sapeva cosa e nemmeno quando. Tutto il penoso viaggio, la povertà e la miseria non sono nulla di fronte al sentirsi così piccola senza personalità, ancora avvolta in vestiti che non hanno il suo odore ma l’odore di generazioni. Il desiderio che sta crescendo in lei non è invidia, è un sentimento che lei riconosce come buono.

Il tendere ad annullare quella distanza non è cattivo. Vuole che la si possa riconoscere anche per il proprio odore. Ama resta accucciata mentre Nina ha ormai raggiunto la sponda del fiume. Si alza e fa qualche breve passo, volutamente sgraziato, volutamente pesante per marcare sulla polvere la propria distanza, per lasciare un’impronta come un segno, che da lì avrebbe camminato in un’altra direzione, dove avrebbe lasciato un’impronta diversa. Ama non lo sa ma sua madre sta osservando, con un piccolo fascio di rami tra le braccia, la tristezza di sua figlia. Davanti ad Ama in lontananza c’è Nina che lei reputa una buona e brava ragazza. Buona. Una ragazza che aveva conosciuto il senso del dolore e stava fuggendo come loro. Avevano tutte qualcosa in comune. Sente di volere bene anche a lei che in fin dei conti non è molto più vecchia di sua figlia.

Questa considerazione squarcia in un attimo la tela che stava faticosamente dipingendo giorno dopo giorno. Oltre c’è qualcosa che non si aspettava. Dura un attimo ed è una scossa, la percezione di una dimensione diversa da quella in cui stava vivendo dalla nascita. Nei pochi passi che Ama ha fatto, le si è  rivelata la distanza che si stava creando. E lei rimane immobile con il fascio di rami in mano ad osservare le due giovani lontane. Suman si lascia bagnare il volto da poche lacrime spontanee.

Poi, d’improvviso, un bagliore che in pochi secondi diviene chiaro essere un fuoco vicino. Fiamme, alte alcune metri si stagliano nitide tra il rosso dell’orizzonte al tramonto e il buio del cielo. Suman sussulta e chiama Ama istintivamente. Poi urla: – Nina! – è molto lontano ma lei vuole chiamarla. Ama corre verso Nina.

Nina sull’argine vede la stessa scena e prova un’emozione forte, violenta. Si gira intorno e vede nel buio correre, o meglio avanzare, qualcuno che riconosce essere Ama mentre pronuncia il suo nome. Prova un impulso di gioia e non si sente più sola. Aspetta Ama e l’abbraccia. Ama abbraccia Nina, contenta di essere riconosciuta. Suman, lontana, osserva le due figure nel rosso del sole calante ed è  contenta.

Le due giovani, insieme, per mano, guardano con emozione la cerimonia. Una cerimonia che non avevano mai visto.

Un gruppo di persone, immerse nell’acqua alle ginocchia, sottostavano ad una pira. Poteva essere un funerale, o almeno le melodie cantate che assomigliavano a pianti lo lasciavano intendere. Un letto, sostenuto da quattro pali conficcati nella sabbia del fiume, bruciava e le vampe di fuoco risplendevano alla luce della luna, rosse e d’oro e salivano in cielo con il loro carico di polvere umana e l’odore intorno propagava profumi di incenso che coprivano il puzzo di morte. Tutti, sotto, abbracciati o soli, tenevano il capo chinato a leggera distanza senza guardare l’anima volare via e il pianto accompagnava il trapasso. Un bimbo piccolo, poco distante dal gruppo, piangeva. Forse aveva paura del buio, forse del fuoco o forse aveva paura di non toccare qualcuno. Forse aveva solo fame.

Ama e Nina si tenevano ancora per mano e guardavano le lingue di fuoco e si immaginavano un corpo bruciare e volare via. I parenti o gli amici cantavano e piangevano. Tutta la costruzione continuava a bruciare e ormai la struttura portante cominciava a cedere. Ai primi barcollamenti le persone in un momento si allontanarono raggiungendo l’argine alto del fiume. Nina e Ama videro le persone raccogliersi dallo stesso lato e in pochi istanti, senza nemmeno cessare di tramutare tutto in polvere, videro il fuoco cadere sull’acqua e il fiume lento trascinò quella luce di morte con sè per poi, in lontananza, spegnersi a poco a poco. Il bimbo cessò di piangere e le sagome delle persone lentamente recuperarono il sentiero sopra la sponda, sorreggendosi  a vicenda e portarono i loro manti bianchi lontano dalla vista di Ama e di Nina.

La luna, grande e luminosa, illuminava il sentiero che conduceva ad un centro abitato.

:- E’ rimasta solo la luce della luna, Nina. Il falò era così luminoso. Chissà chi è morto. È’ la prima volta che vedo  salutare un morto in questo modo. Da noi, nella nostra terra, non c’è quasi il tempo di piangere. A volte non c’è neanche il cadavere. Solo la puzza.

Un pianto leggero fece sgorgare poche lacrime dagli occhi neri di Ama. Tirò su con il naso. Nina le accarezzò il volto e i capelli scoperti. L’avvolse con un braccio e si incamminarono verso Suman.

:- Ama, domani ce ne andiamo verso la città. Non so più dove sono. Mi sembra di essere in capo al mondo e allo stesso tempo tutti i luoghi mi sono famigliari e le persone che incontriamo non le sento ostili. A volte mi chiedo perché stiamo scappando. Ma poi, stiamo scappando?

Tua mamma deve essere una donna molto buona e forte. Da piccola volevo essere come mia mamma. Sono rimasta sola e non le assomiglio per niente. Veramente adesso non assomiglio nemmeno più a me stessa.

Ama la guardò con un sorriso, era più piccola e doveva volgere  il volto in su per guardarla. Un mezzo giro per dire, fissandola negli occhi

:- Sei molto bella adesso. Ieri non so.

Un vento leggero annunciava il freddo della notte. Gli angeli si muovevano disinvolti nell’aria, facendo evoluzioni in un atteggiamento di amorosa protezione. Il senso di protezione che l’amico più forte ha nei confronti dell’amico più debole. Ama e Nina camminavano abbracciate e si sentivano in pace e serene.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

5 pensieri riguardo “INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (7^ Puntata)

  • 12 Gennaio 2018 in 14:23
    Permalink

    Questo capitolo è veramente bellissimo. Vorrei che in molti potessero leggere questo racconto

    • 12 Gennaio 2018 in 16:00
      Permalink

      In effetti non mi dispiacerebbe 🙂

  • 12 Gennaio 2018 in 20:09
    Permalink

    Il miglior pezzo della serie. Struggenti le immagini che si proiettano in riva al fiume.

    • 13 Gennaio 2018 in 10:32
      Permalink

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 13 Gennaio 2018 in 15:51
    Permalink

    molto bello anche questo capitolo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI