INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (9^ Puntata)

la distanzaLuca Tegoni, apprezzato autore di StadioTardini.it, la scorsa estate ha pubblicato in proprio (www.lulu.com) un romanzo corto “La Distanza”  che dal 6 Gennaio 2018, a puntate, ci accompagnerà ogni giorno, allo scoccare delle 12.

Il volume è acquistabile su amazon.it

Ecco la nona puntata:

Silenzio. Silenzio. Poi un rumore di tosse e di catarro.

Nessuno aveva parlato a loro di colui che scriveva la storia. Viveva con loro ma non partecipava della loro vita perché la scriveva, prima o dopo o mentre. Lui era la storia e faceva paura sapere che tutto era scritto e non poteva essere cancellato, non si poteva cancellare il passato, non si può cancellare il presente, non si può cancellare il futuro.

:- Vuoi entrare ragazza? Apri pure la porta, è socchiusa, non avere paura può entrare anche la tua amica.

Così il vecchio invitò Ama e Nina. Le fece entrare nella sua casa. Alzò appena lo sguardo e poi lo rituffò tra le carte che stava leggendo. Salutò con cordialità continuando la lettura. Ama e Nina si guardarono attorno e non videro che carta. Le pareti apparivano di carta e una quantità infinita di parole scorreva perpetua attraversando tutte le direzioni in un disordine apparente che la parola confusione non riusciva a descrivere. Forse un’altra parola avrebbe potuto, ma il suo significato andava oltre la percezione delle due ragazze e la loro conoscenza non consentì altro che di affrontare quel mondo a bocca aperta e ad occhi spalancati.  Il vecchio sorrise discreto ma, evidentemente, divertito. La sorpresa che occupò, anzi che si impossessò di Ama e Nina riempì per una volta ancora il palato del vecchio di un dolce sapore che non era vittoria ma che comunque lo poneva distante e, in quel momento, irraggiungibile. Un esemplare unico. Godeva di quella forma di narcisismo consapevole della propria vanità. Non sapeva rinunciarvi. Ama cominciò a leggere ma si accorse immediatamente che stava solo guardando tutte quelle parole e le metteva in fila senza riconoscerle. Guardava i segni, infiniti e composti in una serie non riproducibile il cui  significato rimbombava senza ordine nella sua testa come un ricordo di cui non si ha memoria. I suoi occhi rimanevano incollati, e lei e la sua anima si perdevano piacevolmente nell’universo davanti al quale ci si sente piccoli, minuscoli, a tal punto che Ama sperò che almeno uno di quei segni, in qualche modo, la rappresentasse.  Si sentiva talmente coinvolta che la curiosità lasciò il posto al desiderio. Nina restò ferma nel centro della stanza, poco distante da dove sedeva il vecchio Rono. In piedi, continuava a girare intorno, incapace di smettere, colta da una vertigine indotta dai segni che si affollavano e confondevano la sua vista, la sua capacità di riconoscere il significato come se soltanto i sensi potessero provare piacere e giovamento. Senza possibilità di replica o di opinione. Per un attimo il suo sguardo cadde su Ama e la vide fluttuare come se una forza ellittica costante la sorreggesse e la trasportasse, elevata dal suolo, intorno alla stanza. Ma solo per un attimo, poi chiuse gli occhi e quando li riaprì rimase come accecata. Si portò le mani agli occhi stordita ed impaurita e sentì il suo braccio afferrato. Rono la sorresse e le offrì la sedia, dove si abbandonò. Ama non si accorse del malore di Nina e, in preda ad una eccitazione che mai prima aveva provato,  leggeva le righe aiutandosi con il dito per non perdere il senso e la direzione, per cercare di aiutarsi in quella impossibile lettura e comprensione dei segni. Rono spense la luce. Poi l’accese e in quel mentre, come se avesse rotto l’incantesimo, le due ragazze si distrassero dalle pareti e cominciarono ad avere sguardi meno ossessivi oppure meno vacui fino a giungere a quella che era la normalità del loro sguardo sveglio, attento ed attraente. Rono non aveva altra sedia. Non appena Nina si alzò, Rono riprese la sedia e si sedette per ammirare con calma le ragazze cercando di calarle in un malizioso imbarazzo. In silenzio. Osservate, le ragazze cercavano nella reciproca  vicinanza fisica un modo di difendersi, e le loro dita si intrecciavano in una leggera stretta, in un contatto forte e conosciuto. Il vecchio non aveva che l’intenzione di divertire il proprio ego, mantenendo nell’imbarazzo le due ragazze come ormai non gli capitava da tempo. Successivamente avrebbe sciolto la sua cordialità rivelandola alle due poverette, prigioniere dell’imbarazzo.

Sia Ama che Nina non presero in considerazione l’ipotesi, non di scappare, ma semplicemente di uscire come in effetti era nelle loro possibilità. Rimasero lì ad osservare il vecchio, attratte dai segni che gli attribuivano e, scrutandolo, Nina cercò un significato, un segno suo per interpretare il destino sul quale aveva da qualche tempo cercato di intervenire negando la sua prima esistenza, ed affrontando il dolore per entrare in una nuova dimensione temporale e spaziale. Non sapeva dove si trovasse ora, ma era determinata a non smettere di camminare. Anche insieme ad Ama che forse non era così consapevole, come lo stava diventando lei, che tutto è modificabile ed intelligibile, l’oscurità era solo ignoranza e paura. E lì, tra quelle pareti di segni il senso di ignoranza la sovrastava e la rendeva paurosa. Anche di quel vecchio demiurgo che la guardava come un satiro in pensione. Il pensiero la fece sorridere e fremere d’allegria.

Rono finalmente interruppe il silenzio che stava creando imbarazzo e tensione, la sua voce era serena senza inflessioni ed era nitida, chiara. Parlava e le ragazze lo ascoltavano con la stessa curiosità con la quale avevano prima guardato i segni sulle pareti. Ma adesso comprendevano le parole. Una per una e poi tutte insieme mentre determinavano un breve discorso:

:- Ragazze, non conosco i vostri nomi ma non ha importanza. Ho già pronta la vostra storia. Vedete? – mostrò dei segni sulla carta – è già iniziata e il cammino è lungo. Non fermatevi a leggere la storia degli altri. Non la comprendereste. I segni degli altri non hanno spiegazioni né significati.  Sappiate che è il Passato e il Passato non si cancella, non si modifica. La storia di un individuo è storia intima, privata. Qui, solo qui, tutto è raccolto ma nessuno può leggere. Qui tutto si svolge, tutte le storie progrediscono e quelle che muoiono si fermano. Si accumulano segni e altri segni vengono generati. Voi non sapete cosa vi accadrà tra pochi minuti e io lo avrò già scritto, ma sarà accaduto e non vi interesserà conoscerlo. Sarà parte della storia che vi appartiene. Non separate il vostro affetto e non precludetevi l’affetto di altri.

Ama e Nina avevano capito tutto. Avrebbero voluto sedersi. Si sedettero in terra a lato della scrivania in modo da poter guardare Rono, seppur dal basso. Avevano un compito ora nella vita,  avevano soprattutto la consapevolezza di far parte di un tutto. Sapevano che c’era un filo che le avrebbe legate ad altre storie e che questo filo lo dovevano indirizzare e non solo seguire.

Potevano decidere di spezzarlo, di isolarsi, di rimanere sole. Oppure insieme. Come volevano, ma questo non c’era bisogno che qualcun altro glielo suggerisse.

Rono le guardò benevolo e cominciò a scrivere. L’ultima parola della frase era Amore. Ed era già tutto accaduto. Le due ragazze si guardarono intensamente e, aiutandosi reciprocamente, si alzarono per uscire. Abbandonarono quel luogo con un profondo senso di felicità. E Rono non smetteva di scrivere, tra sorrisi e grattate di capo e più le ragazze si allontanavano, più i segni diventavano indistinti e incomprensibili mentre si rincorrevano allungando la fila.

Dopo la notte, il sole sorse ancora ad impreziosire il mattino che cinguettava fin dalle prime luci. Qualche uccello, annidato tra i rami più vicini al giaciglio di Ama e Nina, confessava la propria avversione al sonno alle due ragazze che si svegliarono aprendo prima uno poi l’altro occhio, girandosi nel letto tre volte ed infine scalciandosi reciprocamente. Ora di alzarsi. Anzi che ora era? Visto l’aria molto fresca avrebbe potuto essere molto presto.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

7 pensieri riguardo “INTERMEZZO LETTERARIO / LA DISTANZA di Luca Tegoni (9^ Puntata)

  • 14 Gennaio 2018 in 14:54
    Permalink

    Per gentilezza quante puntate sono in tutto?
    Gtazie.

    • 14 Gennaio 2018 in 16:38
      Permalink

      Dodici

      • 14 Gennaio 2018 in 18:44
        Permalink

        Grazie

  • 14 Gennaio 2018 in 22:05
    Permalink

    Complimenti http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 15 Gennaio 2018 in 10:52
      Permalink

      grazie

  • 17 Gennaio 2018 in 18:02
    Permalink

    Mi piace. Peccato che sia a puntate, perché vien voglia di leggerlo in fondo tutto d’un fiato

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI