CARMINA PARMA, di Luca Savarese / PER FORTUNA C’E’ L’ARCIERE…

Luca Savarese(Luca Savarese) – Per fortuna che c’è Pic, tintinnava un famoso spot degli anni 90. Un bambino doveva fare una puntura, ma risultava indolore grazie alla medicazione che non faceva male. Per fortuna che c’è l’Arciere proclama l’anticipo della ventisettesima giornata di B, al Tardini, tra il Parma ed il Venezia. Una siringa ossigenante per i Crociati e dolorosa per i lagunari, che rimette nel sangue parmense il siero del pareggio. Entrato da un paio di minuti fredda Audero, che fino a lì aveva preso tutte le conclusioni arrivate dalle sue parti. Ecco la panacea dell’Arciere: sapere essere letale per gli altri e vitale per i destini Crociati. I veri campioni si vedono nel momento del bisogno, quando tutto gira storto loro sono i primi che con olio di gomito, vanno davanti alla frana e provano a fermarla. La faccia e gli attrezzi, ce li mettono loro. Si, il Pic del Parma si chiama Emanuele Calaiò, uno che non è partito nel mercato di gennaio, uno che ha il 9 sulle spalle e sa come portarlo, uno che spesso quando nessuno trova la chiave giusta lui non cambia la serratura, ma sfonda la porta. Quando si presenta sul dischetto, dopo che una serpentina del piccolo Scozzarella, improvvisamente simile calaiò parma veneziaad un gigante, aveva reso piccolo Andelkovic, al solito un lungagnone sempre sul pezzo, costringendolo alla trattenuta in area, guarda la palla, guarda Audero e sente il pubblico. Capisce che quella palla è una puntura da eseguire delicatamente ed allora via a premere il suo ago dolce, alias il sinistro, ed a bucare il talentuoso Audero. “In questo momento, è importante stare compatti”, dice madido di sudore e bagnato dalla pioggia, nel pieno di un nunc dimittis in piena regola, ai microfoni di Vanessa Leonardi di Sky. “Dopo Venezia all’andata ci fu una rinascita”,  auspica poi il delantero palermitano. Parole da leader chiosa Maurizio Compagnoni in telecronaca. Già, i leader. Emanuele è uno di questi. Se io fossi il Mister lo farei giocare sempre, a priori, anche avesse 40 di febbre e fosse senza una gamba. Ma sono solo un semplice scribacchino, non faccio la formazione, ma contribuisco all’informazione. Da un numero 9 del presente ad un 9 del recente passato, Inzaghi, apolloniinzaghi-750x360che al Tardini ha sofferto più di tutti, come ingabbiato in tribuna, per via di una squalifica arrivata sabato scorso al Penzo dopo un diverbio col pubblico, lui uomo di campo nato. Lo scorso anno riuscì, a settembre, nell’impresa di battere il Parma. Da lì nacque il suo Venezia, capace di andare a vincere la Lega Pro come primo. Da lì anche il campionato del Parma prese poi un’altra forma, che portò a lottare con il cambio tecnico tra Apolloni e D’Aversa, per andare in B dalla porta di servizio dei Play Off. Se c’è una partita che Pippo avrebbe voluto giocare più di altre, è proprio questa contro il Parma, a Parma, poco lontana anche dalla sua San Nicolò. Invece nisba. In panca il vice e fido Maurizio, detto Icio, D’Angelo, ex difensore centrale del Chievo dei miracoli di Gigi Del Neri, guida però bene una squadra che certo sotto i dettami di Super Pippo dà l’impressione di saper sempre cosa fare, con tre punti chiave: Domizzi dietro, a rintuzzare, vecchia ma ruspante clava, Stulac in mezzo in quello che una volta si chiamava il suggeritore e davanti il duo Geijo-Litteri a creare peso. Anche se il tandem rimane, in questa giornata, piuttosto spaesato. La gara è piuttosto soporifera e i falli la fanno largamente da padrone rispetto ai sussulti. Nel primo tempo il Parma ne vive uno, quando Gagliolo, con un bolide, coglie l’incrocio dei pali. Firenze per Falzerano è la mossa dello scacchista Inzaghi. Infatti l’ex avanti della Pro Vercelli, ci mette solo 22 minuti per trovare, complice anche un infausto assist di capitan Lucarelli, il gol di sinistro che batte Frattali. Anche D’Aversa mostra di saper muovere le pedine e la sfida a scacchi con Pippo in tribuna che aziona il D’Angelo pensiero in panchina, prosegue, intensissima. Fuori Ceravolo, dentro Calaiò. Al quale basta ancora meno del tempo impiegato da Firenze, per metterla dentro. Non si sa se il Parma sia guarito, una cosa è certa: un dottore con la maglia numero 9 nel secondo tempo di sinistro, nell’astanteria degli 11 metri, ha trovato la ricetta, il gol. Per fortuna che c’è Pic. No, per fortuna che c’è l’Arciere… Luca Savarese

7 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / PER FORTUNA C’E’ L’ARCIERE…

  • 24 Febbraio 2018 in 07:05
    Permalink

    Abbiamo ottenuto un pari su rigore contro una squadra più debole di noi. Guariti è una parola grossa.

  • 24 Febbraio 2018 in 10:28
    Permalink

    L’AGONIA CONTINUA………………
    Sono passati tanti anni dai trionfi in Italia e all’estero, ma nessuno ha dimenticato.
    Anni di trionfi, poi lo sfregio profondo dell’intera storia del Parma Calcio: il fallimento.
    Poi un lungo viaggio verso le serie minori del calcio italiano dove c’erano gli “scarpados” cioè, prendi la gamba o il pallone.
    Prima di quei giorni si diceva: ma come, il Parma snob, che guardava tutti dall’alto al basso , che metteva sotto i grandi squadroni, andare a giocare in campetti da oratorio? Con dei dilettanti? Si andava in trasferta in cittadine di quarto livello a livello di pallone, ma il tifo c’era sempre e seguitissimo e soprattutto sanguigno, come hai tempi della Parmense di Rubagotti, grande centravanti tutto mancino che dava del tu alla palla e infilava gol come infilare perle in una collana.
    Ricordo 3 gol e diverse traverse in una partita a S.Secondo, in serie D.
    E in ogni trasferta un pezzo di Parma usciva dall’anonimato..
    Già bei tempi quelli, passione sfrenata, voglia di calcio vero, giocatori che uscivano stremati dal campo ma felici, una vera famiglia, GRANDI UOMINI MA ANCHE GRANDI DIRIGENTI, uno su tutti: CERESINI.
    Questa è una storia di angoli e di spigoli,
    Grandi tempi che furono, ma che non si possono cancellare, tifosi in italia, e all’estero, Parma citato e celebrato dai mass-media più prestigiosi del mondo,
    Ma ora che abbiamo nelle mani e nei nosti occhi?
    Cosa rimane di questo grande passato?
    Pensate veramente tutti, che il Parma sia guarito con uno striminzito pareggio su rigore negli ultimi minuti?
    Aiuto se pensiamo questo siamo tutti dei pazzi.
    Confesso di essere masochista perchè ho gioito al vantaggio del Venezia, c’era nell’aria un piazzapulita generale, e invece…… l’agonia si prolunga. Ma basta aspettare qualche giorno, perchè si va a Salerno…..
    E allora finalmente uscire dall’incubo, è una necessità un dovere, un incubo voluto da una società derisa da tutta l’Italia, dirigenti che non sanno prendere una decisione che una, che non vedono o non vogliono vedere, lo scempio di far giocare ancora Lucarelli per esempio, o mettere un campo un giocatore già con la testa in Cina, ecco se si vuole far rivivere lustri che furono, occorre subito un repulisti doloroso ma vincente.
    SEMBRA PROPRIO UN PURGATORIO QUESTA STORIA, ANZI UN INFERNO, e forse lo è. http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

    • 24 Febbraio 2018 in 13:55
      Permalink

      Trovo questo commento senza senso, non capisco la metafora col Parma che ha fatto la serie D. Oggi siamo un altro Parma i non credo che nessuno ci derida, anche perché se il Venezia e’ super contento di avere 40 punti in classifica, e noi siamo solo a -2 allora forse bisognerebbe pensare più con la testa e meno con la pancia… delle squadre neo promosse nessuna e in lotta per salire direttamente….. la società ha sempre detto che l’obbiettivo siano i play off e ad oggi e’ la realtà… forse dovremmo capire che siamo il Parma, me rimaniamo una squadra come le altre senza nessun favoritismo….. animo e FORZA PARMA!!!

      • 24 Febbraio 2018 in 16:29
        Permalink

        no no siamo proprio gli zimbelli etor che derisione ,magara

  • 24 Febbraio 2018 in 12:27
    Permalink

    Totalmente d’accordo con Giorgio Massari

  • 24 Febbraio 2018 in 16:17
    Permalink

    veramente patetico il palermitano ,ormai ache gli arbitri lo compatiscono

  • 24 Febbraio 2018 in 17:31
    Permalink

    Risultati favorevoli a noi oggi, i play out sono ancora a 10 punti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI