COLOSSI CROCIATI di Luca Savarese / 3^ Puntata: A TU PER TU CON… MARCO BALLOTTA: “Il MIO PARMA ERA UNA SQUADRA SIMPATICA, MA GIOCAVA MOLTO BENE A CALCIO: PER QUESTO ABBIAMO VINTO TANTO”

Luca Savarese(Luca Savarese) – Inosservato non passerà mai nella storia del Parma l’impegno di Marco Ballotta. Così, per preparare l’appetito a Parma-Perugia, ecco un’edizione straordinaria dei Colossi Crociati, spazio che aveva trovato vita durante la lunga pausa della Cadetteria, a cavallo tra la fine dicembre e la prima metà di gennaio. In giorni sanremesi, la canzone cantata da Marco Ballotta sul palco del teatro Parma, non solo piace ma risulta anche molto più interessante di certe canzonette che si sentono oggi, dove basta una parata e via con l’epiteto di grande portiere. Lui, grande lo è stato perché forse, tale, non si è mai considerato, anche se di miracoli, come amano dire oggi i telecronisti scontati, ne ha fatti moltissimi tra i pali: tre su tutti, alzare, da titolare, la Coppa Italia, la Coppa delle Coppe e la Supercoppa Europea con gli stessi guanti, quelli crociati e con la stessa maglia, quella del Parma. La storia del Parma che divertiva l’Italia e faceva tremar l’Europa non sarebbe stata la stessa senza l’apporto di quello che in Argentina chiamano l’arquero, il portiere. Come ci ha rivelato ieri quando ho avuto il piacere di sentirlo, gli anni d’oro di Parma gli marco ballottahanno dato la spinta per andare a volare anche tra altri pali, per conquistarsi pomeriggi unici e per scrivere due record eccezionali: entrambi vissuti con la maglia della Lazio: il giocatore più anziano ad essere sceso in campo in A (primato tolto ad un certo Dino Zoff) ed in Champions (primato tolto al belga Verlinden), così, con la normalità del vicino di casa, quello che se hai bisogno ti presta il sale e mette caso mai i guanti e gli scarpini e viene con te a giocare. Dopo una vita con le spalle alla porta, infatti negli ultimi anni Marco, dopo il ritiro in veste da portiere, ha cambiato la prospettiva e la porta ha deciso di vederla da davanti, facendo, nelle categorie minori, la punta. Insomma robe da artisti, cose che solo i portieri, versatili per natura, sanno fare.

Marco quando hai indossato i tuoi primi guanti capivi che sarebbero diventati il tuo abito per tutta una vita?

All’inizio fai fatica, non riesci ad intuire, parti per divertirti, poi se hai la fortuna di fare il settore giovanile in una squadra professionistica, qualche ambizione la puoi anche avere. Ma quando ho mosso i primi passi io, non era come oggi che partono con quell’idea e ci pensano un po’ di più. Io pensavo a divertirmi, avevo passione e poi anche qualche qualità, altrimenti non sarei arrivavo da nessuna parte. Pian piano sono diventato portiere, non subito”.

Estate 1991, avevi già fatto benone al Modena qualche anno prima e dopo una parentesi al Cesena arrivi nel ducato. Le tue prime impressioni?

Sinceramente non ero sulle prime tanto contento e ti spiego il perchè. Ero a Cesena, avevo giocato poco, sai, venire a Parma con Taffarel presumibilmente titolare magari sarei stato condannato alla panchina però sin da subito pensai : -Vado e mi gioco le mie carte -E’ stata la scelta giusta E così, con questo approccio, mi sono tolte molte soddisfazioni”.

Altro che carte…Finale di Coppa Italia 92, titolare e vincente, Ultimi atti di Coppa Coppe 93 e Supercoppa 94, idem. Insomma, le triplette mica le fanno solo gli attaccanti…

Eh no! Ma poi in un Parma che stava nascendo e, vincere certe competizioni con una squadra che stava crescendo non avendo la tipica attrezzatura ed il blasone di una grande squadra, valeva doppio. Era una squadra simpatica, giocava molto bene a calcio e non è stato un caso se abbiamo vinto tanto”

George Valdano dice che i portieri servono ad evitare gol ma chi li evita con semplicità arriva ad essere un artista. Tu non solo sei stato un artista ma anche un recordman. Quanto hanno influito, nel tuo percorso anche a livello di spirito e di esperienza, gli anni vissuti in quel Parma?

Sono stati tre anni importanti, anzi determinanti per la mia carriera, che è partita davvero da quei tre anni, perché prima non avevo mai giocato a certi livelli. Sarei rimasto volentieri ma sono nate delle incomprensioni con l’arrivo di Bucci e quindi, ho preferito andare a giocare e continuare il mio viaggio purtroppo lontano da Parma. Da lì però, è decollata la mia carriera e tra alti e bassi, mi son tolto grandi soddisfazioni”.

Sappiamo che fai anche l’attaccante. Il tuo attacco ideale dei tuoi anni in gialloblù crociato?

Certo faccio anche l’attaccante! Melli, Brolin, successivamente c’era Zola, poi Tino, ma tutti erano ideali, avendo caratteristiche diverse, tutti hanno fatto il loro dovere, ma guarda i primi anni di questo Parma, non solo in attacco, hanno fatto divertire veramente tanto”.

Oggi come vedi la squadra, che idea ti sei fatto, può essere protagonista nella seconda parte di stagione in B?

Il campionato di serie B è davvero lungo e intenso e non puoi mai dare niente per scontato. Il Parma può giocarsi le sue carte fino alla fine, se le giocherà ragionevolmente ai play offComunque dallquasi scomparsa del Parma a rivederlo dopo tre anni in serie B e con la consapevolezza di giocarsi le carte per la A, credo sia questo già di per sé una cosa grandissima e di più non si potesse chiedere”.

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “COLOSSI CROCIATI”

COLOSSI CROCIATI di Luca Savarese / 1^ Puntata: Tomas Brolin (quando la Svezia non ci era antipatica…)

COLOSSI CROCIATI di Luca Savarese / 2^ Puntata: A TU PER TU CON… STEFANO FIORE: “PARMA, LA MIA SECONDA FAMIGLIA”

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

FEDERICO ADORNI (PRIMAVERA) AL BRINDISI CON LE COPPE DEL PARMA CLUB MEDIOLANUM. OSPITE D’ONORE MARCO BALLOTTA (VIDEO)

Stadio Tardini

Stadio Tardini

23 pensieri riguardo “COLOSSI CROCIATI di Luca Savarese / 3^ Puntata: A TU PER TU CON… MARCO BALLOTTA: “Il MIO PARMA ERA UNA SQUADRA SIMPATICA, MA GIOCAVA MOLTO BENE A CALCIO: PER QUESTO ABBIAMO VINTO TANTO”

  • 9 Febbraio 2018 in 10:11
    Permalink

    guerda che brunel lè pu pramzan di te

    ciò non toglie che sarebbe meglio se ne stesse fora dal bali

  • 9 Febbraio 2018 in 12:08
    Permalink

    Lo so che è parmigiano (ma se per quello anche SCHIANCHI lo è). E proprio da parmigiano dovrebbe vergognarsi. Però finchè l’informazione la fa Piovani come minimo lo chiameranno a Bar Sport a parlare della FGCI.

  • 9 Febbraio 2018 in 13:21
    Permalink

    co vot che faga danni anche alla federazione giovanile comunista?

  • 9 Febbraio 2018 in 13:55
    Permalink

    Non sapevo che ad oltre 40 anni si fosse reinventato attaccante. Davvero una persona per cui il calcio è tutto, una grande passione http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 9 Febbraio 2018 in 14:53
    Permalink

    FUORI TEMA ma, sempre del Parma si scrive: * PERUGIA*

    24 gare
    30 punti
    08 vittorie
    06 pareggi
    10 sconfitte
    40 fatti – 39 subiti

    Ruolino in trasferta:

    12 gare
    09 punti
    02 vittorie
    05 pareggi
    05 sconfitte
    18 fatti – 18 subiti

    Diciamo che i numeri ( in trasferta ) non sono a loro favore:

    effettuano e subiscono 1,5 media gol / gara,
    media punti/gara: 0,75

    Nella partita di domenica prossima ( oltre alle cessioni di Brighi e Han ) mancheranno Dellafiore infortunato ed i difensori Belmonte e Gonzalez squalificati.

    Allenati da Roberto Breda, annoverano tra i loro punti di forza:
    il portiere ROSATI, i difensori DEL PRETE, VOLTA, ZANON, i centrocampisti COLOMBATTO, BIANCO, BANDINELLI, gli attaccanti DI CARMINE ( 13 GOL ), BUONAIUTO ( all’andata ci massacrò con 1 assit e 2 gol, uno fotocopia dell’altro ), TERRRANI e quell’ALBERTO CERRI che tutti conosciamo.

    le loro ultime 5 gare:

    1-3 PERUGIA-Cittadella ( 3° turno ritorno )
    0-2 Pescara-PERUGIA (2°)
    2-0 PERUGIA-Virtus Entella ( 1° )

    2-4 PERUGIA-Empoli ( 21° andata )
    1-1 Novara-PERUGIA (20°)

    buona partita, a domenica prox
    moro

  • 9 Febbraio 2018 in 16:07
    Permalink

    da una parte mi auguro che si perda così forse arriva qualche altro a dirigere l’ orchestra, dall’ altra spero ancora che ci sia una svolta.
    forza ragazzi!

  • 9 Febbraio 2018 in 17:07
    Permalink

    Vinceremo di fortuna, con una qualche giocata individuale…. ma di nuovo nulla si vedrà…. ed allora partiranno gli elogi per la reazione e per I lcarattere di DAversa, che conserverà ancora la panchina prolungando l’agonia per alter 5 o 6 partite.
    Dopo la partita col Pescara, ci troveremo in zona play out….

  • 9 Febbraio 2018 in 22:51
    Permalink

    an son propria miga d’acordi …a nin parlarema prest

    • 10 Febbraio 2018 in 09:18
      Permalink

      Non crederai mica che DAversa verrà folgorato sulla via di Damasco?

  • 9 Febbraio 2018 in 23:58
    Permalink

    Mi tocca.
    D’Aversa non va via così facile facile.
    Ha un contratto sino al 2020. Inoltre avvalla, in genere gli acquisti del capo.
    Chi lo caccia e poi lo paga DUE ANNI?
    Se poi va via occorre prenderne uno migliore. Va pagato e bene.
    D’Aversa non sarà un genio ma non è l’ultimo della classe. chi li tira fuori i soldi?
    Chi va a licenziarlo contro il voler del capo?
    Io rimarcherei che abbiamo preso una sequela incredibile di bidoni. Mi riferisco agli acquisti estivi.
    In pratica quando si vinceva era quasi la formazione dell’anno passato più Insigne.

  • 10 Febbraio 2018 in 09:23
    Permalink

    A me risulta che abbia prorogato fino al 2019. Comunque rimango dell’opinione che con questo qua non si va da nessuna parte…. la A rimarrà solo un miraggio…. pagare un buon mister come Guidolin è l’unica via per arrivare in A…. Le maggiori spese verrebbero compensate abbondantemente dai maggiori introiti …. Ho letto che con i nuovi regolamenti una piccola squadra di serie A arriverebbe a incassare anche 50 milioni in 2 anni…. Fai un po tu i conti se ti conviene DAversa e la serie B o Guidolin e la serie A.

    • 10 Febbraio 2018 in 18:41
      Permalink

      Ma siete sicuri che Guidolin abbia voglia ancora di allenare?
      A me D’Aversa non piace ma ditemi voi chi può allenare il Parma?
      Seconfo me dei gran geni in giro non ce ne son, si faceva il nome di MANDORLINI!!!!! Ma per l’amor di dio è no è….

  • 10 Febbraio 2018 in 10:44
    Permalink

    Palermo 27.6 milioni
    Frosinone 24.5
    Parma 20.2
    Bari 19.8
    Pescara 19.1
    Empoli 17.8

    Abbiamo il terzo monte ingaggi…. un investimento molto importante… È chiaro che l’obiettivo era la promozione quest’anno. …. Altro che la doppia neopromossa…. un investimento così importante dato in mano ad un tecnico cosi scarso…
    Guardate cosa ha fatto il Venezia con meno della metà del nostro investimento…. E la cremonese con solo 14 milioni? Ed il cittadella con 13? Il vero investimento sta nel manico…. Da chi è in grado di guidare la squadra a risultati importanti….

    • 10 Febbraio 2018 in 20:00
      Permalink

      Ma dai che per ilgranada ne han spesi 40 e sono retrocessi a sasso ,ma per piacere

    • 10 Febbraio 2018 in 22:38
      Permalink

      Immaginando che i valori numerici da te esposti siano veritieri…faccio solo presente che..

      1) il campionato finisce, comunque, per tutti quanti il 18 maggio pv

      2) PALERMO PESCARA ed EMPOLI hanno percepito il famoso e redditizio paracadute in quanto discesi dalla Serie A…

      3) le citate Cittadella e Cremonese arriveranno si nei primi 8 posti ma, non sicuramente nei primi 4 …
      i quali saranno occupati, in ordine del tutto e solo alfabetico da

      EMPOLI
      FROSINONE
      PALERMO
      PARMA …..

      magari, forse, pure con quest ordine ma …queste saranno le prime 4 ….e ..presto ..arriverà il PESCARA a rompere le uova nel paniere a tanti

      moro

      • 11 Febbraio 2018 in 08:49
        Permalink

        Per quanto riguarda le cifre ho copiato il link dal sito transfemarkt per chi volesse verificare.
        Riguardo al Parma 4o la vedo assai difficile con questo mister qui. … considerato pure il fatto che l’anno scorso in primavera siamo crollati. Ritengo i primi 4 posti impossibili da raggiungete. Il 5o o 6o molto difficili. Al massimo possiamo aspirare al 7o oppure 8o posto…. dietro di noi ci sono squadre ben organizzate ed agguerrite che stanno recuperando. .. Non vincere oggi è pareggiare la prossima significherebbe ritrovarsi all’ 11o posto. Ricorda caro Mauro che adesso cominciano gli scontri diretti…. Empoli Palermo Pescara. …

  • 10 Febbraio 2018 in 12:30
    Permalink

    Azz…. speso abbiam speso….

  • 10 Febbraio 2018 in 12:31
    Permalink

    Etor che pioció…. spendació col man busi…

    • 10 Febbraio 2018 in 20:01
      Permalink

      Ma fatti due spaghi al pomodoro ,ma povera italia

      • 10 Febbraio 2018 in 21:25
        Permalink

        Jdm ….Domani voglio un bel 3 a 0 …e dopo voglio mangiare …
        Palombacci alla Perugina. Piccioni selvatici conditi dentro e fuori solo con sale, pepe e avvolti in fette di prosciutto di Parma

  • 10 Febbraio 2018 in 13:41
    Permalink

    Calcolando che il Palermo ha usufruito del paracadute ed il Frosinone ne ha usufruito l’anno scorso (magari in cassa gli poteva essere rimasto ancora qualcosa) siamo quelli che di tasca propria hanno più investito…. È chiaro che si è puntato sulla promozione, ed anche diretta, aggiungerei io.
    Tutto questo investimento adesso è in mano a questo tecnico mediocre…. ma quale società investe molto e poi fa gestire a dirigenti mediocri?????? Svegliaaaaa…. Via DAversa SUBITOOOOOO

  • 11 Febbraio 2018 in 11:58
    Permalink

    Scusa Jdm, posso fare gli spaghi con la ciccia anzichè alla tomacca?
    Com’è buono Lei, mia maestà busonica

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI