D’AVERSA: “QUANDO SI CONCEDONO DUE GOL COME QUELLI DI OGGI POI E’ DIFFICILE PORTARE A CASA LA PARTITA. NON SIAMO ANCORA MATURI: DOBBIAMO MIGLIORARE” (VIDEO)

d'aversa brescia parma(www.parmacalcio1913.com) – Dopo il match concluso 2-1 tra Brescia e Parma, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella mixed zone dello stadio Rigamonti.

“Dopo il pareggio l’inerzia della partita credo fosse a favore nostro, poi è chiaro che se si concedono due gol come quelli di oggi è difficile portare a casa la partita. Se andiamo a vedere gli episodi li abbiamo fatti pendere tutti dalla loro parte, abbiamo preso un gol da un lancio dalla tre quarti di campo e l’altro su una situazione da cross dove non siamo stati aggressivi. Anche dopo il loro secondo gol abbiamo avuto occasione per pareggiarla, ma quello che cerco di fare capire ai miei ragazzi è che per portare a casa le partite ci vogliono cattiveria e determinazione, in questo momento abbiamo delle lacune che vanno migliorate al più presto se si vuole fare un campionato importante, se no si continua ad alternare questi risultati: se l’avversario dimostra di essere superiore ok, altrimenti come successo anche oggi siamo troppo leziosi“.

Non posso pensare che la mia squadra possa prendere due gol come quelli di oggi, dobbiamo raggiungere il più velocemente possibile quella maturità che ci permette di fare un campionato diverso da quello che stiamo facendo. Ceravolo? Gli ho voluto dare un altro spezzone prima di farlo partire dall’inizio perché credo che il suo percorso giusto sia questo, alla fine credo abbiano fatto una buona partita sia Da Cruz che è partito dall’inizio sia Fabio: una nota positiva è il suo ritorno al gol. Non ho ancora rivisto le reti, ma se ho una buona memoria abbiamo preso il primo gol su un cross dalla tre quarti dove eravamo anche posizionati ma abbiamo perso il contatto con l’avversario, poi è emblematico il secondo perché se il giocatore è girato di spalle e stoppa la palla di petto l’unica cosa da non concedergli è il tiro in porta”.

Abbiamo una maturità da raggiungere e siamo venuti a Brescia contro una squadra in difficoltà ed era compito nostro fare in modo che non uscisse da questa situazione. Poi è chiaro che i sistemi di gioco possono essere diversi, come ad esempio quando abbiamo giocato con due trequartisti e Ceravolo davanti: devo sempre fare in modo di mettere i giocatori nelle condizioni di poter fare bene, ma ripeto che oggi il problema non è stato tattico. Il problema è che non siamo maturi, è il nostro limite e dobbiamo migliorarlo, è chiaro che poi quando le aspettative aumentano c’è bisogno di caratura, di spessore. Non posso pensare dopo la prestazione contro il Novara dove c’è stata corsa e intensità, pur sapendo che di fronte avevamo un avversario che avrebbe messo in campo intensità e forza fisica, che oggi siamo stati così leggeri o comunque non determinati nel portare a casa il risultato“.

DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA DOPO BRESCIA-PARMA 2-1

Stadio Tardini

Stadio Tardini

19 pensieri riguardo “D’AVERSA: “QUANDO SI CONCEDONO DUE GOL COME QUELLI DI OGGI POI E’ DIFFICILE PORTARE A CASA LA PARTITA. NON SIAMO ANCORA MATURI: DOBBIAMO MIGLIORARE” (VIDEO)

  • 3 Febbraio 2018 in 21:09
    Permalink

    Sabato nel mio piccolo faccio sciopero.
    Non andrò alla partita.
    Mi sento tradito
    La curva nord accetta il tradimento.?
    Penso di si, loro sostengono sempre tutti
    In puro stile evangeli oporgono sempre l’altra guancia
    dopo aver preso pugni allo stomaco.
    IO NO
    Loro sapevano quanto ci tenevamo vincere a Cremona
    Loro sapevano quanto ci tenevamo vincere a Brescia
    Loro i giocatori cosa hanno fatto?
    Se ne sono fregati.
    D’Aversa è con Faggiano è il punto debole della squadra.
    Due delusioni enormi che non meritavamo.
    Visto che questi giocatori, svernatori professionisti seriali non si vergognano purtroppo, sono io a vergognarmi per loro.
    Si vadano a nascondere e se girano per Parma, si mettino una barba finta affinche’ nessuno.li riconosca e questo vale ovviamente anche per il
    DUO. MERAVIGLIAO che tutta la serie B c’invidia.
    FAGGIANO. & D’AVERSA.
    FACCIAMO GIOCARE LA PRIMAVERA. e mettiamo come allenatore il magazziniere.

  • 3 Febbraio 2018 in 21:24
    Permalink

    Il nostro periodo migliore è arrivato quando abbiamo cambiato modulo e inserito Ceravolo. Con il 4-2-4/4-2-3-1 è aumentato il numero di giocatori vicini all’area di rigore e di conseguenza la nostra pericolosità. Di conseguenza, possiamo smetterla con questo 4-3-3?

    • 3 Febbraio 2018 in 22:48
      Permalink

      Abbiamo un punto
      di vantaggio
      sull’ottava e poi
      ADDIO PLAYOFF

  • 3 Febbraio 2018 in 21:28
    Permalink

    Dimissioni subito!!!!

    • 3 Febbraio 2018 in 22:06
      Permalink

      Penso che D’Aversa non si dimettera’ mai e visto che nessuno lo esonerera’ mai preparatevi ad averlo anche il prossimo anno in serie B
      Visto che noi non abbiamo con la società voce in capitolo
      e nonostante un giudizio unanime su D’Aversa, questo non viene esonerato
      SE NON SIAMO TONTI
      Dobbiamo fare sabato
      LO SCIOPERO DEL TIFO

      Giocatori che non s’impegnano
      meritano solo FISCHI
      dall’inizio partita a fine partita
      altrimenti se li applaudiremo
      allora siamo veramente
      TONTI.

      Questo allenatore e’ peggio di
      VENTURA.

  • 3 Febbraio 2018 in 21:37
    Permalink

    Esigo come minimo le dimissioni !

  • 3 Febbraio 2018 in 21:45
    Permalink

    Ma Don Luca che dice
    Il nostro periodo migliore?
    Perché lei padre ha visto
    un periodo migliore?
    Io la squadra mi ha fatto schifo
    dall’inizio alla fine.

  • 3 Febbraio 2018 in 22:33
    Permalink

    Per l’esonero di D’Aversa il nostro amato Carra ha inviato un piccione viaggiatore in Cina.
    Si attende la risposta dal sol levante…

  • 3 Febbraio 2018 in 22:35
    Permalink

    Te ne devi anna ma Lizhang i soldi gli piace buttarli ner ce..o?

  • 4 Febbraio 2018 in 00:28
    Permalink

    Vedi il Parma perdere a Carpi e dici.
    ” Peggio di così non si può giocare
    a Cremona giocheranno senz’altro meglio”
    Vai poi a Cremona e perdi e
    giochi peggio che a Carpi e dici
    “Peggio di così non si può giocare
    a Brescia giocheranno senz’altro meglio”
    Vai a Brescia e perdi e
    giochi peggio di Cremona.
    È un pozzo senza fine
    Pensi di aver raschiato il fondo del barile
    e invece raschi raschi ma il fondo
    non arriva mai.
    La prossima sarà ad Empoli.
    Mamma mia contro Caputo & Co.
    Mamma mia……
    Giocheremo peggio che a Brescia?
    Con D’Aversa le premesse ci sono tutte
    SEMBRA IL GIORNO DELLA MARMOTTA

  • 4 Febbraio 2018 in 01:19
    Permalink

    ma siete di coccio ancora a chiedere la testa dell allenatore non avete capito che non gli hanno preso la punta ? cosa sa fare da cruz l avete visto tutti grande scommessa di faggiano , innutile che insistete a faggiano serve come parafuulmini dei suoi errori e incapacita a prendere la punta , alla propieta sta bene perche diciamo non volgliono (forse sarebbe piu corretto usare altro verbo ) pagare un altro allenatore ……………cosa insistete non va via stare calmi

  • 4 Febbraio 2018 in 08:50
    Permalink

    solita storia…
    NON ABBIAMO GIOCO E CARATTERE.

    D’Aversa parla di maturità..
    ma noi abbiamo una rosa di veterani!!!

    guardate i 2 gol, in pratica glieli abbiamo lasciati fare…
    con più attenzione e determinazione questi 2 gol erano evitabili.
    ma poi,
    vi rendete conto che contro di noi si sembrano tutti in fenomeni?
    quindi?

    D’Aversa (con tutto il rispetto) NON è riuscito, in 2 anni, a dare un GIUOCO alla squadra, e nemmeno tatticamente ha dimostrato di saper rivedere tempestivamente il modulo e le disposizioni tattiche a partita in corso. fatichiamo a rimontare uno svantaggio, reagiamo lentamente, tiriamo poco in porta, non li assediamo e non li intimoriamo, da un nostro calcio d’angolo (non capisco quali schemi adottiamo) gli abbiamo permesso una pericolosa ripartenza fermata a costo di un cartellino..
    tutto questo è un nostro grave limite.

    i giocatori li abbiamo ma ribadisco, ci manca amalgama e personalità.
    a cosa serve quindi un allenatore?

    D’Aversa probabilmente diventerà un buon allenatore, ma ora noi abbiamo bisogno di un mister di spessore che sappia gestire al meglio questo gruppo (allestito per la promozione) e dare subito una scossa; gradirei un cambio con un allenatore più esperto.

    forse pensano di proseguire così (con risultati altalenanti), e fare i PLAYOFF sperando ci aiutino (per il nostro blasone) acciuffando la promozione per il rotto della cuffia… sarebbe TROPPO RISCHIOSO.

    e poi? faremmo la serie A con questo Mister? rischiamo di fare una campionato alla “Benevento”…

    dobbiamo cambiare e subito.
    sulla carta abbiamo una rosa MOLTO competitiva che non rende, se non al 40-50 per cento… basterebbe il 70-80 per cento per raggiungere la vetta.. ma questo dipende dal MISTER..

    nota positiva di ieri la crescita di Da Cruz (da lodare il suo rientro nella nostra area a difendere) e Ceravolo (ritorno al gol e buoni movimenti);

    peccato per Baraye (così lo bruceremo), Insigne impalpabile, per la prestazione del Capitano… NO COMMENT.

    Savo (molto deluso)

    • 4 Febbraio 2018 in 10:09
      Permalink

      Non sto qui a difendere d’aversa perché i suoi limiti li ha. Però credo che occorra essere oggettivi sul valore della rosa e dire che : difesa e attacco sono da prime posizioni, il centrocampo no (solo scozzarella è all’altezza,Munari è bravo tecnicamente ma è lentissimo, gli altri credo siano da bassa serie b se paragonati ai centrocampisti dell’Empoli)..Con il rientro di ciciretti spero in un cambio di modulo :4231 : frattali;Gazzola,iacoponi,Lucarelli,gagliolo;scozzarella,scavone;ciciretti,siligardi,di gaudio;Ceravolo

      Siligardi x me va rilanciato perché è forte e può darci una mano

      • 4 Febbraio 2018 in 14:55
        Permalink

        ciao Stefano, i giocatori di centrocampo attualmente in rosa sono:

        SCOZZARELLA
        VACCA
        DEZI
        BARILLA’
        SCAVONE
        MUNARI

        sono in 6 per 3 posti.

        Dezi e Scozzarella sono da alta B, così come Barillà (ha solo 29 anni) che potrebbe tornarci utile.
        Munari (35) hai ragione risultà un pò lento e se la squadra non gira lui fa doppiamente fatica. però Vacca non è male, così come Scavone.

        manca solo il gioco per valorizzare le capacità dei singoli, a mio avviso.

      • 4 Febbraio 2018 in 15:02
        Permalink

        per il cambio modulo, ci può stare il tuo ragionamento.. la cosa che mi preoccupa di più è il Mister che non riesce a trasmettere ai giocatori quel quid che serve per vincere le partite.

        se entrano in campo svogliati
        se corrono a vuoro
        se arrivano in ritardo sui palloni
        se lasciano tirare gli avversari
        se non impongono il gioco
        non c’è modulo che tenga.

        fosse arrivato da noi Caputo quanti gol avrebbe segnato? ma lo vedete l’Empoli come gioca?

  • 4 Febbraio 2018 in 10:06
    Permalink

    È intanto ieri Pazzini ha segnato

  • 4 Febbraio 2018 in 10:55
    Permalink

    ma è ridicolo dice sempre le stesse cose ormai lha fatto capire in mille modi più di cosi nn può fare ,cerca sempre alibi nn so che dire società se vi muovete c’e ancora un’attimo di speranza cambiare adesso, se no rischieremo veramente di nn farli i playoff cn questo soggetto..

  • 4 Febbraio 2018 in 15:23
    Permalink

    Sei tu che non sei maturo, caro mister!!! Non certo Ceravolo, Di Gaudio, Ciciretti, Calaiò, Munari, Lucarelli, Gazzola, Gagliolo, Di Cesare, ecc… Forse lo sono Insigne, Dezi e Da Cruz? Bene: che non giochino più, allora! Lo sapevo che era solo un caso la vittoria con sprazzi di gioco contro il Novara, ma così proprio non va! La squadra ora non è inferiore alle prime tre: forse le due retrocesse hanno qualcosa in più, ma il Frosinone? Dieci punti in più? Per non parlare del Cittadella, della Cremonese!! Sei tu che non sei maturo, caro mister!!!

  • 4 Febbraio 2018 in 16:16
    Permalink

    Mi spiace ho sperato tanto che D’Aversa con il passare del tempo potesse diventare un bravo allenatore e in alcuni momenti quest’anno ci ho anche creduto.

    Purtroppo le cose non vanno bene e ormai non arrivano segnali positivi da diverse “domeniche”.
    Le sue interviste dopo le partire sono anche peggio delle prestazioni in campo.
    Non vedo altre soluzioni che esonerarlo e trovare un allenatore che bravo lo sia già.
    Di questo passo si rischia anche di non centrare i play off.

    Però ad essere sinceri la rosa è due spanne sotto rispetto a Frosinone, Palermo e Empoli, che sono le uniche a puntare seriamente alla Seria A.

    Di soldi ne sono stati spesi tanti , ma male. Almeno il 50% dei nuovi giocatori presi a giugno ormai sono delle delusioni conclamate (Barillà, Dezi, Siligardi) ed avendo un ingaggio elevato non li vuole nessuno.

    L’acquisto di Ciciretti per me è incomprensibile; si vuole costruire per il futuro, almeno cosi di dice, e si prende un giocatore in prestito per 6 mesi, che salta (almeno) le prime 3 partire per infortunio.

    Faggiano è il primo colpevole di come stanno andando le cose ed è incomprensibile che dopo il “colpo” Ceravolo gli sia stato rinnovato il contratto.

    D’Aversa, mi spiace molto, ma è bene che vada ad allenare altrove, anche se tempo che farà la fine di Gigi Apolloni….

    In società manca un uomo “forte” che in situazioni ricompatti il gruppo (Tipo Baraldi).

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI