Viaggio di sola Andata, di Luca Tegoni / Fare domande ad un allenatore dopo una sconfitta è una forma di sadismo. Dare invariabilmente la stessa risposta è masochismo…

ROBERTO D'AVERSA BRESCIA PARMA(Luca Tegoni) – Fare domande ad un allenatore dopo una sconfitta è una forma di sadismo. Dare invariabilmente la stessa risposta è masochismo. All’ottava sconfitta di questo campionato auspico che la società abbia un moto di pietas ed eviti che ci possa essere una nona volta. Certo, i casi sono due, o Roberto D’Aversa viene esonerato o non va più in sala stampa. Quando si ha un problema che tende a riproporsi periodicamente, spesso, e continua a proporre la solita soluzione che non funziona, vuol dire che sbaglia.

Tre sono gli attori che danno senso ad una squadra di calcio, i giocatori e l’allenatore, la proprietà e la dirigenza, i tifosi. I tifosi hanno ambizioni difficilmente sostenibili, vincere. La società ha ambizioni programmabili, vincere. I giocatori e l’allenatore corrispondono?

daniele faggiano conferenza stampa 09 01 2017Viene il dubbio che la società non pretenda risultati coerenti agli sforzi economici sostenuti e, siccome ogni tanto si sente dire “ricordiamoci che siamo una neopromossa”, pare che la giustificazione allo scadente rendimento della squadra, in rapporto alla qualità dei giocatori fino all’anno scorso dimostrata, sia sufficiente per non scendere in campo con una maggiore convinzione.

Bisogna dar atto a D’Aversa che effettivamente cambiare sistema di gioco non serve a niente. D’Aversa sta ancora scendendo dal 40° parallelo sud, deve ancora trovare il 52°, il suo Stretto di Magellano, resta da capire se ce la farà.

trono lucarelliIl Capitano, che fino a quel momento è stato anche il sostituto di Scozzarella in mezzo al campo, è inquadrato a terra nel momento in cui Torregrossa si appropria del pallone che gli arriva dalla trequarti di sinistra, controlla e mette alle spalle di Frattali. Mancano pochi minuti alla fine del primo tempo e il futuro appare grigio scuro, è noto che il Parma non recupera da un risultato svantaggioso. Peccato per l’esordio di Da Cruz che nel primo tempo ha avuto un’ottima occasione per portare in vantaggio il Parma, ma, dopo il bel lancio di Munari, altro sostituto di Scozzarella, davanti alla porta, leggermente sulla destra, allarga troppo il tiro e la palla finisce fuori, lontano dal palo opposto.

Dopo dieci minuti del secondo tempo esce Vacca (era in campo) sostituito da Ceravolo. Dopo tre minuti Da Cruz, ottimamente lanciato sulla sinistra d’attacco, ancora da Munari, scatena una corsa poderosa e inarrestabile che lo porta in area a mettere il pallone per la corsa di Ceravolo che, indisturbato, a un metro dalla linea di porta, non ha difficoltà a pareggiare. Festa crociata in campo, panchina compresa. Ci aspettiamo grandi cose, improvvisamente il 52° parallelo Sud sembra più vicino.

CERAVOLO BRESCIA PARMAInvece c’è un Torregrossa che s’inventa un gran goal dal limite dell’area. Stop di petto e in rotazione del busto da sinistra verso destra, colpisce col piede sinistro di contro balzo scagliando violentemente la palla sotto la traversa, violando la porta di Frattali per la seconda volta. Difensori un po’ troppo impreparati. Finisce qua, nonostante i tentativi di D’Aversa di aumentare il peso in attacco inserendo Baraye al posto di Insigne e Scozzarella al posto di Gagliolo.

Quella parte di mare che taglia la terra per trovare il passaggio da un mondo ad un altro rimane un’idea lontana, avvolta da nubi scure e dense. Laggiù, nella Terra del Fuoco, lo Stretto di Magellano, rimane inaccessibile.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

D’AVERSA: “QUANDO SI CONCEDONO DUE GOL COME QUELLI DI OGGI POI E’ DIFFICILE PORTARE A CASA LA PARTITA. NON SIAMO ANCORA MATURI: DOBBIAMO MIGLIORARE” (VIDEO)

Stadio Tardini

Stadio Tardini

24 pensieri riguardo “Viaggio di sola Andata, di Luca Tegoni / Fare domande ad un allenatore dopo una sconfitta è una forma di sadismo. Dare invariabilmente la stessa risposta è masochismo…

  • 4 Febbraio 2018 in 20:51
    Permalink

    Ma basta D’Aversa ha fallito: dopo mesi di non vittorie, è bastata una sola per avere già la pancia piena? Non riesce a motivare i giocatori, non riesce a farli giocare non dico a calcio, ma benino, subisce gli avversari e gli eventi ogni partita senza mai reagire! Camniare mister e prepararsi mentalmente ai playoff: una squadra rodata, con grinta, determinazione e voglia e ce la giochiamo, poi chi vince, vince!!!

    • 4 Febbraio 2018 in 22:17
      Permalink

      Ma Cifra abbiamo solo un punto di vantaggio sull’ottava
      ultimo.posto valido pet o play off
      Noi abbiamo 36 punti e dietro ce ne sono 3 a 35.
      Un mese e mezzo fa, eravamo
      PRIMI IN CLASSIFICA.
      Ora abbiamo dieci punti di distacco dalla prima
      e sette sulle seconda e la terza.
      È piu probabile che i play off noi non li faremo
      e visto che se per assurdo li dovessimo
      fare verremmo eliminati subito dovendo disputare dal
      quinto all’ottavo pisto una gara unica in trasferta.
      meglio allora non arrivarci.
      Per lo meno per il prossimo anno cambieremo tutto
      Mister. Direttore sportivo e giocatori anche perché se anche
      il prossimo anno non dovessimo centrare la promozione
      penso che sarà fallimento quasi certo
      I numeri e i debiti parlano purtroppo……. molto chiaro.

  • 4 Febbraio 2018 in 21:06
    Permalink

    Se perdiamo con il Perugia confermano d’aversa?

    • 5 Febbraio 2018 in 14:12
      Permalink

      orientativamente mi viene da dire anche se perdiamo ad empoli

  • 4 Febbraio 2018 in 21:16
    Permalink

    Personale complimento al titolo dell’articolo che riassume perfettamente il pensiero di chi lo ha scritto. E non solo il suo.

    ps: comunque Forza Parma sempre!

  • 4 Febbraio 2018 in 22:03
    Permalink

    D’Aversa ha le sue colpe
    e sono tante ma anche
    i giocatori hanno le loro colpe
    In campo ci vanno loro
    Prendete Insigne.
    Due mesi fa un fenomeno
    Sembrava suo fratello Roberto
    Srmbrava in fenomeno
    poi….fuoco di paglia.
    C’eravamo tutti sbagliati.
    Un giocatore di Lega Pro.
    Spero solo che
    NON VENGA CONFERMATO.
    Di Gaudio farebbe bene
    ad appendere le scarpette
    al fatidico chiodo.
    Quando lo vedo giocare
    MI VIENE IL MAL DI TESTA.
    Ieri ho visto Vacca e mi son detto
    “Ma questo è migliore di Corapi?”
    Veramente deludente. un
    mestierante e nulla più.
    Come dicevo sono resonsabili
    anche i tifosi della CURVA NORD
    che rendono Parma per
    questi svernatori
    UN’ISOLA FELICE.
    Come un bimbo che tu ami. lo devi
    sculacciare quando lo merita
    così i giocatori del Parma vanno fischiati
    quando lo meritano.ma
    la CURVA NORD
    NON CI SENTE
    non li fischia.
    PERCHÉ?
    Ve lo dico io il perché
    Anche lacurva nord
    come i giocatori
    non hanmo le palle..
    Nello spogliatoio visto che D’Aversa
    è molle ci vorrebbe il figlio di una
    BUONA DONNA
    temuto dai giocatori.
    Uno che al termine della partita
    attacchi simbolicamente
    ai ganci degli spogliatoi i
    lavativi e gli svernatori ma cosa volete
    dopo la prestazione di sabato
    ci vorrebbero 15 ganci.
    14 per i giocatori e uno per………D’Aversa.

  • 4 Febbraio 2018 in 22:11
    Permalink

    Stasera siamo più vicini alla C che alla A…

  • 4 Febbraio 2018 in 22:46
    Permalink

    Insigne era scarso prima figuriamoci ora, tolto qualche gol il resto noia. Davvero un bel articolo, oramai ho perso pure la speranza per le dimissioni di D’Aversa figuriamoci l’esonero:pura UTOPIA. Tanto sabato viene il perugia senza difesa probabilmente, e , forse un tecnico nuovo, vinciamo senza problemi e poi ci aspetta la trasferta di Empoli che se anche si perde c’ è la solita giustificazione : non siamo maturi e bla bla bla. Ci dobbiamo abituare a questa agonia che ci piaccia(No) di questa situazione. Per me continuare su questa strada è come credere che gli asini volano. Speriamo bene . Forza Parma sempre http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

  • 5 Febbraio 2018 in 00:20
    Permalink

    Mi fa strano che una società che comunque in estate e a gennaio ha investito tanto se ne stia beatamente a guardare i suoi soldi che diventano cartastraccia. Bah…

  • 5 Febbraio 2018 in 08:27
    Permalink

    prestazione e risultato non commentabili.
    se la società… Carra?.. non provvede oggi a sollevare il mister è da ricondurre a 2 motivi:
    A. non ci sono più soldi (e penso si parli di contratto per 6 mesi quindi parliamo di 400, 800 mila euro massimo) quindi la non promozione potrebbe aprire a scenari inquietanti.
    B. si è contenti di quanto raccolto fino ad ora. quindi male perché non c’ è ambizione e nemmeno corretta valutazione delle risorse disponibili che secondo me sono di vertice.

  • 5 Febbraio 2018 in 09:04
    Permalink

    LA MESSA E’ FINITA.
    Si torna sulla terra nuda e cruda, e soprattutto dura.

    PERCHE’ SE I TIFOSI LASCIANO LO STADIO, SARANNO
    I VACANZIERI AD ANDARE VERSO DI LORO?
    Chiedere a Vacca cosa succedeva a Foggia, nel tifo organizzato, questi vacanzieri venivano affrontati a muso duro con le cattive, invece a Parma la Grandeur Parma, molliccia e snob, hanno lo stipendio assicurato (ma fino a quando?).
    Sento parlare di piazzapulita a fine stagione, ma siamo tutti matti?
    Vero non c’è un progetto serio, ma proviamo a cambiare subito Faggiano, il signorino è contento di stare nel Parma Calcio? (SI RICORDA CON zAMPARINI AVEVA VITA DURISSIMA, QUI NO, FA QUELLO CHE VUOLE) ,noi no di lui, quindi via subito, l’altro il D’Aversa, ha fallito, ha messo a dura prova tutti e pure l’ambiente degli onesti, di coloro che sono innamorati di questa squadra, via con l’altro.
    Proviamo ad azzeccare un nuovo duo, magari S.Ilario, assieme a Ceresini fanno una grazia.
    Sento parlare di fallimento dietro alla porta principale, ma che siamo tutti matti o lo facciamo?
    E’ tutto irreale tutto questo, la proprietà sembra collaborare in alcuni casi tipo mercato dei giocatori, e questo i VACANZIERI sembrano apprezzare molto, forse perchè le ferie sono molto apprezzate, e la gente è meno stressata, e ha un atteggiamento più disponibile a spendere i soldini guadagnati in acquisti lussuosi, vero giovani?
    E per questo stiamo facendo un cartellone da esporre allo
    stadio …..
    UN BENVENUTO A PARMA CITTA’ DEL BENESSERE (falso) E DELL’AMORE.
    Al mare dunque, pardon a fare feste e vasche in centro e notti serene a tutti. fino a quando potete!http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 5 Febbraio 2018 in 09:24
    Permalink

    Il problema è che il budget da poter spendere è stato raggiunto nel mercato di gennaio, e credo proprio che la società non voglia più sganciare dindini per un altro allenatore. Dopo tutto meglio spendere fior di quattrini per giocatori non pronti che per un allenatore di categoria….logico

  • 5 Febbraio 2018 in 10:03
    Permalink

    La società è un fantasma, sono finiti gli sghei….
    e noi a lamentarci di D’Aversa….o di Faggiano….
    mo mama…..
    Purtroppo non tutti ci arrivano….è una semplice realtà….

  • 5 Febbraio 2018 in 10:06
    Permalink

    Mi sa che la luna di miele
    con questa squadra iniziata
    in serie D
    SIA FINITA.
    È come se chi ami ti tradisce
    e il Parma spiace dirlo
    ma ha tradito chi lo amava.
    A questo punto purtroppo
    non ci resta che il
    DIVORZIO.
    La curva Nord deve
    DIVORZIARE
    da questa squadra
    che li ha traditi altrimenti è
    UNA CURVA CORNUTA.

    La squadra domenica dirà
    astutamente alla curva nord
    per farsi perdonare
    ” Scusateci, vi vogliamo
    ancora bene, non vi
    tradiremo mai più ” e
    VINCERANNO e la curva NORD
    credera’ a questa ennesima bugia
    ma poi lontano dai nostri occhi
    fuori casa ci tradira’
    ancora e
    ancora e
    ancora.

    LO FARÀ PERCHÉ SA CHE NOI
    LI PERDONEREMO SEMPRE.
    PERCHE’ QUALUNQUE COSA FACCIA.
    IL NOSTRO PERDONO CI SARÀ SEMPRE

    Curva Nord se hai le palle reagisci
    La squadra NON TI AMA PIÙ
    METTITELO BENE IN TESTA
    IL SUO AMORE PER TE È FINITO.
    POLVERIZZATO.
    Reagisci curva tradita.

  • 5 Febbraio 2018 in 11:06
    Permalink

    Faccio una domanda. Ma i vari Dezi, Ciciretti & C. che si postano di continuo a Milano, Napoli, Benevento o in auto sulla A16 o A1 (la sera stessa della vergognosa partita) non sarebbe meglio che (essendo ad esempio il secondo rotto) se ne stessero in zona Parma ad allenarsi come sarebbe d’uopo?A meno che non siamo veramente un lazzaretto o un centro di recupero post traumi Paperino Carra dovrebbe chiedere a Zio Paperone (cinese) il permesso di intervenire (visto che immagino non abbia alcun potere). Magari chiedendo supporto a Gastone Crespo tra una manifestazione e l’altra o tra una partita di futsal tra vecchie glorie e una galappata.

  • 5 Febbraio 2018 in 11:54
    Permalink

    Il Parma calcio è diventato il nuovo talk show della De Filippi.
    I vari Vacca, Ciciretti e c. sono oramai i nuovi tronisti.
    Chi fosse interessato a partecipare attivamente alla nuova trasmissione è pregato di contattare direttamente la sede di Collecchio.

  • 5 Febbraio 2018 in 13:54
    Permalink

    no la sede e’ ad hong kong

  • 5 Febbraio 2018 in 14:10
    Permalink

    Specifico: la sede distaccata…..

    • 6 Febbraio 2018 in 14:18
      Permalink

      ecco distaccata e’ perfetto

  • 5 Febbraio 2018 in 14:16
    Permalink

    D’aversa DIMETTITI!!!!

  • 5 Febbraio 2018 in 14:18
    Permalink

    Commenti molto ironici… cedo che di gente allegra xké il Parma ha perso ce ne è parecchia… personalmente sono cattivo come una biscia e non mi viene di certo voglia di dire delle corbellerie.
    Sempre e solo forza Parma

    • 6 Febbraio 2018 in 14:08
      Permalink

      che poi mi hai fatto venire in mente corbellini e il palo che ha colto al mirabello al 90 esimo ,sig

  • 5 Febbraio 2018 in 15:48
    Permalink

    ne hai appena scritta una,sempre sia lodato

  • 5 Febbraio 2018 in 18:00
    Permalink

    Guarda che siamo incazzati tutti.
    E quello che scrivo non sono affatto corbellerie…ma realtà
    sacro santa…

    Siamo diventati la barzelletta d’Italia….

    grazie a D’Aversa e Faggiano…..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI