TORNEO DI VIAREGGIO, SEMIFINALE: INTER-PARMA 2-0. I CROCIATI ESCONO CON ONORE (VIDEO DA DIETRO LA RETE) – L’ORGOGLIO DELL’AD CARRA, DI MISTER IORI E CAP MASTAJ PER UNA SEMIFINALE GIOCATA A TESTA ALTA

TORNEO DI VIAREGGIO, SEMIFINALE: INTER-PARMA 2-0. I CROCIATI ESCONO CON ONORE DALLA COPPA CARNEVALE, ELIMINATI DA DUE CALCI PIAZZATI (VIDEO DA DIETRO LA RETE)

spezia inter parma semifinale torneo di viareggio undici crociato(www.parmacalcio1913.com) – La splendida avventura della formazione Primavera del Parma Calcio 1913 alla 70^ edizione del prestigioso Torneo di Viareggio è terminata, oggi pomeriggio sul campo sintetico Bruno Ferdeghini “Intels training center” di La Spezia, in semifinale contro l’Inter Campione d’Italia.

I ragazzi Crociati sono stati eliminati dalla manifestazione contro il quotato avversario a testa alta.

Giocando con sicurezza e dimostrando che il loro percorso che li ha portati a essere nel novero delle quattro migliori squadre è stato ampiamente meritato.

La sconfitta per 2-0 è maturata con due reti per tempo, che hanno avuto un’identica matrice: al 39’pt Rover e al 29’st Nolan con due  colpi di testa perfetti hanno segnato sugli sviluppi di altrettanti calci d’angolo.

In entrambe le situazioni è emersa la maggior prestanza fisica dei giovani nerazzurri, i quali hanno creato altre circostanze offensive in cui tre volte il nostro portiere Federico Adorni si è superato con la sua consueta bravura.

Il Parma  ha provato a trovare la rete in almeno sei occasioni: con Hamza Garni all’11’pt (tiro a lato) e al 36’pt (conclusione deviata dal portiere), con Capitan Davide Mastay al 21’pt (punizione parata), con Lamin Colley al 5’st che per poco non ha intercettato a centro area un cross basso di Longo, il quale al 23’st e al 46’st si è visto parare un paio di tentativi dal limite.

I nerazzurri, però, più volte hanno impegnato il portiere Adorni, decisivo già all’8′ sull’ex Adorante, ma al 38′ si è superato per deviare in angolo su Rover, proprio poco prima del suo gol. Al 12’st Adorante conclude di poco sopra la traversa e al 31’st di nuovo Adorni protagonista di uno strepitoso salvataggio di piede.

IL TABELLINO

INTER-PARMA 2-0

Marcatori: 39′ Rover, 29′ st Nolan 

INTER – Pissardo; Valietti (41’st Marzupio), Sala (Cap.)(41′ st Corrado); Nolan, Rizzo, Rover (25’st Merola); Adorante (19’st Belkheir), Schirò (25’st D’Amico), Danso (1’st Pompetti), Gavioli (19’st Brignoli), Zappa. All. Vecchi
A disposizione: Pozzer, Bagheria, Van Den Eynden, Visconti, Vergani, Roric.

PARMA – Adorni; Di Stefano (1’st Patacchini), Di Maggio; Santovito (19’st Oberrauch), Mastaj (Cap.)(45’st Davitti), Binini (1’st Longo); Rallo, Dodi, Seck, Garni (31’st Carniato), Colley. All. Iori
A disposizione: Corvi, De Meio, Madonna, Vecchi, Djalo, Rocchi.

Arbitro: Sig. Luca Massimi di Termoli

Assistenti: Sigg. Pietro Guglielmi e Daniele Colizzi di Albano Laziale

Ammoniti: Danso (20’pt), Santovito (26’pt), Pompetti (24’st), Brignoli (31’st), Colley (31’st).

Calci d’angolo: 9-1.

Recupero: 0’+4′

VIDEO DAL CANALE UFFICIALE YOU TUBE DEL PARMA CALCIO 1913

ANNUNZIO FORMAZIONI

INGRESSO SQUADRE IN CAMPO, INNO NAZIONALE E CALCIO D’INIZIO

11′ CONCLUSIONE DI GARNI, A LATO

21′ PUNIZIONE MASTAJ, PARATA

36′ CONCLUSIONE GARNI, DEVIATA

INTER-PARMA 1-0, 39′ GOL DI ROVER (ANNUNCIO SPEAKER ED ESULTANZA)

44′ SCHEMA SU PUNIZIONE

INTER-PARMA 1-0 (PARZIALE FINE PRIMO TEMPO) – RIENTRO NEGLI SPOGLIATOI

CALCIO D’INIZIO DELLA RIPRESA

5′ ST CROSS BASSO DI LONGO PER COLLEY NON INTERCETTATO

10′ ST DIFESA INTER SVENTA PUNIZIONE

17′ ST EGOISMO DI GARNI

23′ ST TIRO DAL LIMITE DI LONGO, PARATA

INTER-PARMA 2-0, 29′ ST GOL DI NOLAN (ANNUNCIO SPEAKER)

41′ ST CONTATTO IN AREA RIZZO-MASTAJ

46′ ST TIRO IN CORSA DAL LIMITE DI LONGO, DEVIATO

INTER-PARMA 2-0, GLI ULTIMI ISTANTI DEL RECUPERO, IL TRIPLICE FISCHIO, L’ANNUNCIO DELLO SPEAKER DELLE FINALISTE INTER-FIORENTINA E IL FAIR PLAY FINALE

TORNEO DI VIAREGGIO, LE VOCI DOPO INTER-PARMA 2-0 – L’ORGOGLIO DELL’AD CARRA, DI MISTER IORI E CAP MASTAJ PER UNA SEMIFINALE GIOCATA A TESTA ALTA (VIDEO)

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine della semifinale del Torneo di Viareggio, che la formazione Primavera del Parma Calcio 1913 ha perso oggi pomeriggio contro l’Inter Campione d’Italia, hanno parlato l’amministratore delegato Luca Carra, l’allenatore Cristian Iori e il Capitano Davide Mastaj.

Le parole dell’A.D. Luca Carra intervistato da Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione del Settore Giovanile e della Squadra Femminile del Parma Calcio 1913

pietro pizzarotti luca carra semifinale torneo di viareggio“La partita odierna ha dimostrato che il Parma ha meritato di starci in questa semifinale. Alla fine siamo andati nello spogliatoio con la proprietà (n.d.r.: era presente – foto a lato –  il consigliere di amministrazione Pietro Pizzarotti) perché volevamo in ogni caso complimentarci con i ragazzi per quanto hanno fatto. ben oltre ogni aspettativa. Partire da zero, dopo un fallimento, nel ricostruire un settore giovanile è molto più dura che riorganizzare una società di calcio. In tre anni essere arrivati a una semifinale del Viareggio è un gran bel risultato. Adesso, però, non dobbiamo fermarci. Dobbiamo continuare. Dobbiamo ancora crescere molto, perché il Parma deve continuare ad avere un settore giovanile veramente importante. Pure oggi ci siamo giocati la nostra partita, avendo anche qualche occasione per segnare. Il risultato ci ha dato torto, ma non possiamo davvero rimproverare nulla ai nostri ragazzi che hanno dato tutto contro questa Inter che è una delle migliori formazioni Primavera. La proprietà sia cinese, in diretta virtuale, che parmigiana, con la sua presenza, ha seguito da vicino e con orgoglio questa esperienza al Viareggio. Tenendoci a far sentire a questi ragazzi come la nostra società siano anche loro. Ora devono ripartire nel campionato Primavera con l’entusiasmo che ci ha dato questo torneo e con la convinzione di essere assolutamente all’altezza dei migliori”.

Le parole di Mister Cristian Iori intervistato in diretta, al termine della partita da Angelo Oliveto, bordocampista di  Rai Sport

“Siamo riusciti anche oggi a fare la nostra prestazione. Pure oggi siamo riusciti a mettere abbastanza in difficoltà un avversario come l’Inter. I due gol che abbiamo subito sono arrivati da calci da fermo. Non è andata benissimo dal punto di vista del risultato, ma siamo contenti. I ragazzi hanno fatto un’esperienza davvero importante”. 

Le parole di Mister Cristian Iori intervistato da Michele Deroma collaboratore della Gazzetta di Parma

I due gol subiti da corner non sono dovuti a un problema di attenzione. La differenza l’ha fatta la maggiore qualità dei nostri avversari su alcuni fondamentali e sulla caratteristiche fisiche. Ci hanno segnato due giocatori che, seppur marcati, ci hanno sovrastato fisicamente. Non parlerei, quindi, di scarsa attenzione. I ragazzi sono stati anche oggi molto bravi. Un applauso va fatto a tutto questo gruppo, che anche oggi ha dimostrato di voler giocare a viso aperto con coraggio senza rimanere arroccati alla fase difensiva. Abbiamo cercato di fare la nostra partita come le altre volte qui al Viareggio. Avevamo di fronte l’Inter, le cui qualità importanti sono note. Fino all’ultimo minuto abbiamo avuto uno spirito giusto, cercando di spingere anche con i due esterni, cambiandogli posto nello scacchiere. Oggi non abbiamo sofferto più di tanto. Come staff e come squadra portiamo a casa da questo torneo un fattore di crescita importante, che era poi il nostro obiettivo primario. Un’esperienza che spero possa servirci già da sabato, quando torneremo a giocare in campionato.

Le parole di Capitan Davide Mastaj intervistato da Gabriele Majo, Responsabile Ufficio Stampa e Comunicazione del Settore Giovanile e della Squadra Femminile del Parma Calcio 1913

“Siamo rammaricati per aver perso la partita con due calci piazzati, ma ognuno di noi deve essere orgoglioso di far parte di questo gruppo e di essere arrivato in semifinale. Quando abbiamo iniziato il Viareggio nessuno se lo aspettava. Abbiamo fatto un grandissimo torneo. Ovviamente dispiace uscire, ma dobbiamo essere orgogliosi di noi stessi per quanto fatto. Oggi ha vinto chi ha fatto meno errori, ma fa parte del calcio. L’Inter aveva maggiori qualità, ma a livello di gioco siamo stati superiori. Giocando palla a terra e provando a impostare. Loro hanno giocato buttando la palla in avanti. E’ stata la mia seconda esperienza al Viareggio. Come società e come staff del Settore Giovanile dobbiamo essere davvero felici per essere passati da una eliminazione dal girone nella scorsa edizione a una semifinale. Adesso ci dobbiamo ributtare in campionato con la stessa mentalità per fare più punti possibili”.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

9 pensieri riguardo “TORNEO DI VIAREGGIO, SEMIFINALE: INTER-PARMA 2-0. I CROCIATI ESCONO CON ONORE (VIDEO DA DIETRO LA RETE) – L’ORGOGLIO DELL’AD CARRA, DI MISTER IORI E CAP MASTAJ PER UNA SEMIFINALE GIOCATA A TESTA ALTA

  • 27 Marzo 2018 in 00:17
    Permalink

    Peccato. Era comunque durissima, essendo loro veramente i più forti in Italia a livello giovanile. Resta comunque un Viareggio oltre le aspettative

  • 27 Marzo 2018 in 01:04
    Permalink

    Bravissimi gran torneo spero vengano premiati

  • 27 Marzo 2018 in 09:42
    Permalink

    IL Torneo di Viareggio è diventato il Torneo dei “dilettanti”.
    Non è più così prestigioso come una volta….
    Infatti i giovani giocatori presenti sia della Juventus che dell’Inter
    che di altre società sono di seconda fascia o forse terza…
    Ero presente….e francamente giovani di prospettiva non ne ho
    visti….quindi per favore non esaltiamoci….
    E’ stato il classico Torneo estivo organizzato dalla parrocchia
    del paese.

    • 27 Marzo 2018 in 10:23
      Permalink

      Ma è mai possibile, dico io, che non si possa mai gustare in pace una gioia che deve saltar fuori il tipo di turno che viene a sminuire quella che, in realtà ed oggettivamente, è una vera e propria impresa?
      Ma è ai possibile che questo spazio commenti, una volta, tra l’altro, fucina di idee e spunti di buon senso, debba esser diventata una prateria in cui spargere costantemente del letame su qualsiasi argomento, anche quelli che dovrebbero arrecare solo orgoglio e felicità?

      • 27 Marzo 2018 in 11:12
        Permalink

        Certo che è possibile Majo, qui ormai non si fa altro: si critica tutto, a prescindere. Che si sostengano tesi vere o false non ha importanza, l’importante è attaccare e insultare. Basta notare che se il Parma perde ci sono 300 post se vince 10, e di quei 10 almeno 5 dicono: si però abbiamo vinto con dei morti viventi o perchè abbiamo solo culo. Solo una riflessione sulla partita di ieri: che il Viareggio sia un Torneo importante è verissimo, ma perchè lo trattano così? Si gioca ovunque e in campi molto discutibili. Ieri da quello che vedevo in Tv sembrava di giocare la semifinale ai Campi Stuard della Crocetta. Un saluto

        • 27 Marzo 2018 in 11:52
          Permalink

          Purtroppo è un problema “strutturale” nel senso che da quando sono dipendente del Parma, non ho più la possibili di occuparmi personalmente della moderazione dello spazio commenti di Stadio Tardini e così non posso confutare, argomentando e motivando, le tesi non condivisibili che comunque ospitiamo per contribuire comunque a un dibattito, pur conscio che la qualità si sia abbassata. È fisiologico, comunque, che il dissenso si manifesti quando le cose non vanno bene
          Viceversa quando tutto funziona la gente non si sfoga. Ma è così dappertutto, non solo qui, anche se c’è delusione in me perché speravo che dopo gli anni gloriosi questo spazio avrebbe meritato sorti migliori. Ci sono, è vero, tanti commentatori propositivi,ma troppi che per sport vengono qui a fare i lanciatori di m.
          Per quanto concerne il Viareggio: ebbene ha 70 anni, due più del Festival di Sanremo della Canzone italiana. È un must della nostra tradizione. Ed essere attivati in semifinale alla prima partecipazione con la Primavera dopo la ricostruzione è “tanta roba” e non può essere sminuita dal primo invidiosetto di turno. Ecco perché eccezionalmente sono tornato a scrivere qui stamani.
          L’antica competizione può anche darsi che mostri i segni degli anni, ma resta a livello giovanile la massima espressione.
          Sul discorso dei campi credo che prevalga la tradizione che vuole i match disseminati nei dintorni della perla del Tirreno. Il maltempo ha contribuito a renderne alcuni impresentabili, specie quelli in erba naturale, ma non è certo il caso del parco sportivo Ferdeghini, in sintetico, e struttura da poco inaugurata e tutt’altro che parrocchiale.
          Cordialmente
          Gmajo

  • 27 Marzo 2018 in 12:03
    Permalink

    Guardi direttore che non ho assolutamente criticato
    il suo operato…..anzi…sentiamo tutti la sua mancanza.
    Ma far passare il Torneo di Viareggio come il miglior torneo
    del mondo…proprio no….
    Diciamo che è un torneo per far esperienza.
    Ma che dal Torneo di Viareggio soprattutto quest’anno,
    escano dei giocatori per il futuro Parma….
    è tutto da dimostrare….

    Buona giornata.

    • 27 Marzo 2018 in 12:42
      Permalink

      Buongiorno Ludovico e grazie per le Sue parole di stima.

      Se in precedenza ero intervenuto, proprio in risposta a Lei, non era perché dalle Sue parole ravvisavo critiche nei miei riguardi – del resto io sono maggiorenne e vaccinato, e notoriamente mi fortifico (e talora diverto) nel leggere commenti contro di me – quanto perché, pur con tutti i limiti che il Viareggio può evidenziare, essere arrivati tra i primi 4 di questo Torneo credevo potesse essere per la Comunità Crociata un motivo di orgoglio. Ma passi (e poi e poi…) che tafazzianamente dopo ogni successo della prima squadra c’è chi viene in questo spazio a ravanare questionando sul perché e sul percome (dimenticandosi sempre del gatto vivo mangiato, perché il rischio di fare la fine della pallavolo locale o del calcio anche a pochi chilometri da qui era immenso, dunque godiamoci il brodo grasso…), però che si debba sminuire l’impresa di questi cuccioli al Viareggio, come direbbe Scalfaro, “io no, non ci sto…” (ben scandito). I ragazzi, ieri, anziché godere del terzo/quarto posto erano demoralizzati perché avrebbero voluto arrivare in finale, e non fosse stato per due alci piazzati, su cui due marcantoni han avuto la meglio, il sogno avrebbe potuto anche concretarsi pur al cospetto di un enorme Golia per il nostro piccolo Davide. Questo gruppo, sostanzialmente, è lo stesso che l’anno scorso faceva la Bettetti, e che era tornato a caa con le ossa piuttosto rotte dallo stesso Torneo. Quest’anno è arrivato in Semifinale. Calciatori che sono stati messi insieme, come si è potuto, tre anni fa dopo la grande migrazione verso Sassuolo del gruppo iniziale (di cui ieri in campo c’era, come avversario, Adorante) a seguito del fallimento. Lo so anch’io, lo sappiamo tutti, che dal Viareggio difficilmente verrà fuori qualche pezzo pronto per la prima squadra: ma è assurdo pretenderlo. E’ stato dichiarato più e più volte dagli addetti ai lavori che serviranno due/tre anni prima di veder cogliere qualche frutto. Adesso siamo ancora abbondantemente nel periodo della semina, e che ci sia stata questa “primizia” fuori stagione del Viareggio dovrebbe far piacere a tutti coloro che hanno nel cuore cari i colori Crociati. Il tanto celebrato Palmieri (dopo che se n’è andato…) prima di raccogliere frutti col Settore Giovanile del Parma ci aveva messo circa un lustro: e prima gliene dicevano di ogni, magari gli stessi che poi lo portavano in trionfo. Se serve pazienza a livello di ricostruzione di una prima squadra, ancor di più per quanto concerne il Settore Giovanile.
      Cordialmente
      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI