IL VICESINDACO BOSI A PARMA PRESS 24: “TARDINI, STADIO GLORIOSO, MA NON AL PASSO COI TEMPI”

VICE SINDACO MARCO BOSI(di Arianna Belloli, da Parma Press 24) – Lo stadio Ennio Tardini è  “un impianto glorioso per la sua storia, ma non più al passo coi tempi”. Il Vicesindaco e Assessore allo Sport, nonché tifoso in curva gialloblù, Marco Bosi, mira così alla riqualificazione totale dell’area. Un obiettivo ambizioso ma divenuto ormai necessario. Un intervento tuttavia “pesante” che non potrebbe essere adempiuto dal solo ente pubblico. Si aprono così i dialoghi con la società sportiva del Parma Calcio – ora in via di  conclusione col passaggio di proprietà – ma anche con i privati e le altre istituzioni come l’Università di Parma ci si attende di parlare. Si prospetta ormai pressante la necessità di rendere lo stadio del Parma Calcio moderno, attrattivo, vissuto e integrato nel quartiere residenziale.

Il gioiello Tardini ormai sente il peso degli anni, parte delle tribune e di una curva sono chiusi all’accesso. Manca il confort di altri prestigiosi stadi italiani. Mancano i servizi. Manca la visione di business improntato come quello degli stadi tedeschi che integrano l’esperienza della partita in un contesto vivo, di negozi e attrazioni non solo per i tifosi.

Si era parlato di riqualificazione dell’area anche in campagna elettorale quando l’assessore all’urbanistica Michele Alinovi, nell’ambito del PSC di Parma 2030, aveva lanciato l’idea  di demolire l’attuale struttura della scuola Puccini con il trasferimento, dopo restauro, nell’ex Polveriera di via Zarotto. Il progetto vorrebbe così creare un Parco dello Sport andando ad aprire e unire le strutture stadio al vicino Parco Ferrari diventato, nella parte interessata, di proprietà comunale nel settembre del 2017.

A riaccendere la curiosità sul Tardini e sui progetti dell’amministrazione Pizzarotti è arrivato un post su Facebook da parte del Vicesindaco che annunciava l’interesse di alcuni universitari a seguire uno studio sulla sua riqualificazione. Il post “è nato perché un gruppo di studenti del politecnico di Milano, di un master sull’impiantistica sportiva, sta facendo uno studio sul Tardini, partendo dalle funzionalità e non dall’architettura, – spiega Marco Bosi – superando così quell’approccio dell’architettura fine a se stessa. Il Comune al momento non ha un progetto ma questo studio potrebbe essere per noi molto interessante”.

Vicesindaco, c’è stato già un dialogo con il Parma Calcio sulla questione? L’amministrazione pensa alla vendita?

Al Parma Calcio ho comunicato la mia disponibilità a ragionare su un intervento “pesante”.  Già, in passato, stavamo comunque ragionando sul concedere il diritto di superficie.  La proprietà sta cambiando quindi l’interlocuzione con il presidente Lizhang non è così immediata ma da parte nostra c’è massima apertura. Penso a Bergamo dove lo stadio è stato venduto alla società sportiva. A noi piace più l’idea del diritto di superficie ma in sostanza non cambierebbe molto poiché la gestione spetterebbe comunque in toto alla società sportiva.

La manutenzione straordinaria, infatti, oggi è in capo al Comune. Il pubblico al 100% può essere una scelta politica ma se lo lasciamo inadeguato perché non in grado di fare manutenzione seria non è lungimirante per la città. Miriamo a una sostanziale riqualificazione dello stadio e del vivere lo stadio non solo per la partita.

Quello su cui ho invitato il Parma Calcio a ragionare è un intervento strutturale che riveda in maniera significativa sia il concetto di stadio che il suo inserimento nel tessuto urbano e le sue funzioni. Vorrei uno stadio attrattivo anche per i cittadini tutti.

Ma il Tardini e Parma sono pronti a livello di sicurezza e in regola per la serie A?

Se si parla di disordini con i tifosi, negli ultimi 5 o 6 anni sono calati drasticamente, io a Parma ricordo solo i problemi avuti con i tifosi della reggiana arrivati per il derby l’anno scorso, in cui loro sono riusciti a sfuggire al controllo della polizia. Ormai il tifo e il mondo del calcio non sono più come nei primi anni duemila. Al di là del giudizio positivo o negativo della tessera del tifoso si sono ridotti molto i numeri di chi va in trasferta.

I cittadini sono divisi tra chi lo vuole lasciare lì e chi lo vorrebbe esterno alla città.  Lei Assessore come si pone?

Chi lo vuole lasciare dov’è ha un legame affettivo con quel posto. Chi lo vuole fuori città forse non è un appassionato di calcio e lo vede solo come un disagio. La risposta, secondo me, è stare da tutte e due le parti: dare risalto al valore simbolico del luogo costruendo impianto che vada a eliminare i disagi, almeno in parte, a chi vive in città.

La tifoseria del Parma è calorosa e tra le più civili d’Europa, ma puntate ad attirare anche altri target come le famiglie e gli appassionati? Quali servizi e motivi di attrattività per loro?

E’ vero. Lo stadio nuovo è un’ importante occasione per attirare anche l’appassionato, le persone “normali”, le famiglie: a cui mi piacerebbe dare uno spazio bimbi all’interno della struttura. All’estero sempre di più si aumenta la percentuale di posti business per cui non pago solo il posto ma una serie di servizi pre e post partita. Credo che ogni parte dello stadio vada valorizzata per il tipo di frequentatore.

Quale l’obiettivo primario e quindi il risultato finale di tutta la riqualificazione?

Vorrei uno stadio che non viva solo ogni 15 giorni. Se studiamo qualcosa di integrato con il quartiere e la città, lo stadio deve avere dei servizi. Abbiamo fatto tante ipotesi, guardando all’estero vediamo: spazio bimbi, servizi legati al business e al turismo, hotel, centri congressi, centri medici, aule scolastiche, centri diurni per anziani, servizi legati al welfare. Abbiamo già ragionato sulla possibilità di inserire negozi di quartiere, la zona infatti è scarsa di esercizi di vicinato.

Quale il vantaggio di riqualificare rispetto al costruire da nuovo. Ci sono esempi virtuosi a cui lei si ispira?

Ci sono stati anni in cui la tendenza era costruire fuori dalla città, ora c’è un inversione di rotta e si cerca sempre più di recuperare e riqualificare l’esistente. Penso allo stadio di Bilbao e l’Atletico Madrid. Penso al museo e agli introiti che porta il Barcellona. Ci sono anche un paio di esempi in Germania. In Italia c’è Pisa. Anche in termini di finanziamenti ci sono molti più incentivi al recupero del vecchio esistente. Il concetto è sempre sulla funzionalità, se costruisci lo stadio fuori dalla città sarà difficile farlo vivere oltre alla partita. L’obiettivo è che i residenti siano contenti di vivere vicino a questo stadio. In alcuni casi in Europa che stiamo guardando lo stadio ha portato ad aumentare il valore degli immobili della zona.

Avete pensato alla possibilità di aprirlo ad eventi e concerti?

Sì, anche se non deve essere la quotidianità. Una volta che organizzi 5 o 6 concerti all’anno credo se ne siano fatti già tanti. A Parma di grandi concerti non ce ne sono perché non abbiamo luoghi adeguati ad accoglierli. Avere un luogo in grado di ospitarli sarebbe un’altra occasione di attrattività per la città.

Cosa manca e sarà difficile da realizzare?

Si potrebbe ragionare su una copertura totale, come la Veltin- Arena in Germania, ma il costo è difficilmente recuperabile. Sarebbero almeno 10 milioni di euro. Poi c’è il problema dei parcheggi con la difficoltà di trovare uno spazio per un parcheggio interrato. Nelle immediate vicinanze del Tardini ci sono delle aree private che però stiamo valutando.

Copertura delle curve. A che punto siamo?

Al momento a zero. Mi piacerebbe ragionare su intervento strutturale completo, e non a pezzi. Quindi è evidente che in un intervento di riqualificazione anche le curve verrebbero coperte e la tribuna est ora in pratica sottoutilizzata verrebbe rifatta e modernizzata, con la potenzialità di diventare quella principale.

Il suo, invece, di stadio ideale?

Per me lo stadio dovrebbe avere meno posti. Intendo meno posti come numero ma più larghi e con maggiore confort.  Dai 29 mila seggiolini si dovrebbe scendere a 20 mila. Lo stadio dovrebbe avere un mono anello con una copertura su tutte le sedute in modo da rendere anche il clima e l’esperienza della partita per il tifoso più significativa. Uno stadio più caldo e più difficile da giocare per gli avversari.  Il fossato non è eliminabile perché c’è l’accesso ai piani superiori. Se fosse tutto coperto, poi, potrebbe diventare anche una grande centrale energetica con i pannelli solari. Mi piacerebbe che l’Università, avendo un corso di laurea in scienze motorie, potesse avere delle aule all’interno dello stadio.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “IL VICESINDACO BOSI A PARMA PRESS 24: “TARDINI, STADIO GLORIOSO, MA NON AL PASSO COI TEMPI”

  • 25 Marzo 2018 in 12:20
    Permalink

    Partiamo dall’intervento sui bagni, veramente indecenti per uno stadio di una grande del calcio italiano. Poi passiamo alla copertura delle curve.

  • 25 Marzo 2018 in 23:56
    Permalink

    Coi soldi dei privati facciamo tutti grandi progetti, che pensi a rifare almeno i bagni.
    Poi se devi fare lo stadio e rovinare il campo coi concerti.. lasciamo perdere che è meglio, vedremo in futuro

  • 26 Marzo 2018 in 00:30
    Permalink

    Condivido ! Condizioni da serie D

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI