VIRTUS ENTELLA-PARMA 2-0 (FINALE) HIGHLIGHTS, TABELLINO E CRONACA LIVE DI ILARIA MAZZONI

VIRTUS ENTELLA-PARMA 2-0 – CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS

VIRTUS ENTELLA-PARMA 2-0 – IL TABELLINO

Marcatori: 45′ e 88′ La Mantia

VIRTUS ENTELLA – Iacobucci, Aliji, Ceccarelli (Cap.), Cremonesi, De Luca (77′ Aram), Benedetti (V.Cap.), Gatto (79′ De Santis), Ardizzone (85′ Icardi), La Mantia, Crimi, Acampora. All. Aglietti
A disposizione: Paroni, Massolo, Troiano, Eramo, Llullaku, Di Paola, Currarino, Brivio.

PARMA –  Frattali, Iacoponi, Lucarelli (Cap.), Calaiò (V.Cap.), Baraye (77″ Di Gaudio), Munari (46′ Vacca), Da Cruz (57′ Ceravolo), Gazzola, Gagliolo, Scavone, Dezi. All. D’Aversa
A disposizione: Nardi, Dini, Di Cesare, Mazzocchi, Frediani, Anastasio, Barillà, Siligardi, Sierralta.

Arbitro: Sig. Riccardo Ros di Pordenone

Assistenti: Sigg. Luigi Rossi di Rovigo e Valerio Vecchi di Lamezia Terme

IV Ufficiale: Sig. Simone Sozza di Seregno.

Allontanato dalla panchina l’allenatore del Parma Roberto D’Aversa (90′)

Ammoniti: Acampora, Gazzola, De Santis e Frattali.

Calco d’angolo: 3-8

Recupero: 2’+5’

LA CRONACA LIVE DI ILARIA MAZZONI

A Chiavari la Virtus Entella scende in campo con questa formazione:  Iacobucci; Benedetti, Ceccarelli, Cremonesi; Gatto, Ardizzone, Acampora, Crimi, Aliji; De Luca, La Mantia. Allenatore: Aglietti.

Crociati che rispondono con: Frattali, Gazzola, Iacoponi, Lucarelli, Gagliolo; Dezi, Munari, Scavone; Da Cruz, Calaiò, Baraye. Allenatore: D’Aversa.

01′ è iniziato il match

05′ Baraye cerca la rete ma il suo tiro non trova lo specchio della porta

07′ punizione per i gialloblù nella metà campo avversaria

08′ cerca di penetrare nell’area crociata l’Entella che potrà usufruire di un calcio piazzato

11′ estrae il primo giallo della gara l’arbitro che sancisce Acampora (Entella), reo di aver fermato fallosamente un’azione in ripartenza di Baraye

15′ ci prova dalla catena di sinistra l’Entella, ma il traversone non preoccupa Frattali che recupera facilmente il pallone

16′ occasione per i crociati: parte in fuga Scavone che serve per Da Cruz. Il portiere ligure, però, è reattivo e riesce a togliere il pallone dai piedi dell’attaccante gialloblù pronto per il tocco in rete

18′ primo vero tiro dell’Entella; ci prova Aliji, buona la conclusione ma ancor meglio la risposta di Frattali che blocca la sfera tra le sue mani

20′ pericoloso il calcio d’angolo battuto dal Parma; Scavone ci ha provato di testa ma il giocatore non riesce ad inquadrare la porta presidiata da Iacobucci

22′ buona occasione per i crociati con l’arciere che, di prima intenzione, cerca di infilare il pallone in rete, tiro troppo centrale però

26′ occasione per l’Entella con La Mantia, pallone che però, per fortuna dei crociati, sorvola la traversa di Frattali

28′ buona ripartenza per l’Entella che si porta alla conclusione senza centrare la porta

36′ buona azione del Parma; buon traversone di Dezi, Calaiò si fionda sul pallone ma trova una risposta di Iacobucci

38′ Parma avanti con Baraye che si rivela, però, troppo lento

40′ conclusione dell’Entella ma Crimi tira abbondantemente fuori; primo ammonito anche nel Parma ad essere sanzionato Gazzola per aver fermato una ripartenza dei padroni di casa

45′ errore difensivo dei crociati, l’Entella ne approfitta e si porta avanti con La Mantia; 1-0 per l’Entella e due minuti di recupero

46′ per un soffio il Parma non riesce immediatamente a riportare in equilibrio la partita; questa volta è Dezi che sfiora il goal con un bel diagonale

48′ l’arbitro decreta la fine del primo tempo; squadre che vanno negli spogliatoi con il risultato che premia, per una rete a zero, la squadra padrona di casa

 

Tornano in campo le due formazioni; tutto pronto per giocare la ripresa, intanto D’Aversa ha operato la sua prima sostituzione scegliendo Vacca che rileva Munari

49′ ancora pericoloso l’Entella, pensano a sbrogliare la matassa per i crociati Lucarelli e Iacoponi anche se con qualche difficoltà

53′ corner per i gialloblù; nulla di fatto

57′ un altra sostituzione per i gialloblù: entra Ceravolo per Da Cruz

59′ grande occasione per l’Entella con De Luca, l’arbitro aveva, in ogni modo, fermato il gioco in precedenza

60′ cade nell’area crociata Crimi, Entella che protesta con l’arbitro per non aver concesso il calcio di rigore. L’intervento in questione era di Capitan Lucarelli

62′ bell’azione confezionata dalla coppia Ceravolo-Baraye, cross per Calaiò ma interviene ottimamente Iacobucci e nega il pareggio ai crociati

67′ Parma vicinissimo al pareggio con Ceravolo, l’attaccante, con un colpo di testa, non riesce però a centrale la porta avversaria

71′ serie di corner per la squadra ligure che cerca di mantenere alta la pressione sul Parma mentre aumenta la pioggia sullo stadio Comunale di Chiavari

76′ grande intervento di Iacobucci che salva l’Entella su una grande occasione di Baraye

77′ corner per il Parma, dalla bandierina Dezi che non sfrutta, però, quest’occasione

78′ ultimo cambio per il tecnico crociato che sceglie Di Gaudio per Baraye

79′ sostituzione anche per l’Entella: subentra Aramu ed esce De Luca

79′ Entella che stava per complicarsi la partita rischiando un clamoroso autogoal

80′ Altro cambio per l’Entella. De Sanctis rileva Gatto

85′ ultima sostituzione per la formazione che gioca in casa: Ardizzone torna in panchina per lasciare spazio a Icardi

86′ ammonito De Sanctis intervenuto fallosamente su una ripartenza di Di Gaudio

88′ opportunità per l’Arciere che prova a mettere a segno il suo sinistro purtroppo, però, non ci riesce; Parma che continua a rimanere in svantaggio

89′ chiude il match l’Entella con La Mantia che mette a segno la doppietta che decreta probabilmente il risultato finale di 2-0 per la squadra di casa

90′ cinque i minuti di recupero di cui potrà disporre la squadra crociata per tentare l’impresa di risollevare le sorti di questo match

91′ ammonito per proteste l’estremo difensore crociato, Frattali

95′ termina la gara al Comunale di Chiavari, Entella che riesce a raccogliere la sua prima vittoria tra le mura di casa del 2018, mentre il Parma sciupa l’occasione di riportarsi a ridosso della zona alta della classifica

 

64 pensieri riguardo “VIRTUS ENTELLA-PARMA 2-0 (FINALE) HIGHLIGHTS, TABELLINO E CRONACA LIVE DI ILARIA MAZZONI

  • 17 Marzo 2018 in 15:39
    Permalink

    Siamo ridicoli…. ma Gazzola giocava negli amatori???

  • 17 Marzo 2018 in 15:49
    Permalink

    Meglio non commentare siamo ridicoli oggi ho chiuso con questi buffoni, riusciamo a perdere con dei morti…

  • 17 Marzo 2018 in 15:50
    Permalink

    Solito Parma: non segna mai, subisce al primo tiro in porta.

    Parma risorto, eh?

  • 17 Marzo 2018 in 15:51
    Permalink

    Primo tempo sottotono, un paio di gol ce li siamo mangiati, poi ne abbiamo preso uno da piti.
    Fascia destra insufficiente. Rimane l’equivoco: Di Cesare, uno dei migliori difensori della B, è in panca.

    Coraggio: c’è tutto un tempo per cambiare le cose! Dai dai daiiii!

    ps: ipotizzo cambio programmato Di Gaudio per Baraye al 20 del st. indipendentemente dal risultato.
    E poi Ceravolo ovviamente…

  • 17 Marzo 2018 in 16:03
    Permalink

    Solito gioco stitico e non abbiamo la verve giusto per attaccare …Entella impaurito ma non ne approffittiamo…siamo deboli mentalmente come il suo allenatore.
    Solo Ceravolo dal 1 minuto lo puo indirizzare nella ns direzione …ma scommetto che lo mette dal 65′..Baraye e da cruz giocano?

  • 17 Marzo 2018 in 16:19
    Permalink

    Dopo 15 minuti e 18 sevondi. VACCA non ha ancora toccato palla

  • 17 Marzo 2018 in 16:21
    Permalink

    Ci stanno dominando dei morti !!!! Ormai quest’anno è così…

  • 17 Marzo 2018 in 16:24
    Permalink

    Stiamo ogiocando DA CANI come con l’Empoli

  • 17 Marzo 2018 in 16:30
    Permalink

    Mi sfogo qui altrimenti spacco la televisione!!!!! Ma come cazzo si fa!! Perdiamo e abbiamo fatto zero tiri in porta. Allucinante

  • 17 Marzo 2018 in 16:48
    Permalink

    Cacca…..

  • 17 Marzo 2018 in 16:48
    Permalink

    mi arrendo anch io ormai…..LO MANDIAMO VIA ALLORA?

  • 17 Marzo 2018 in 16:50
    Permalink

    Mi Mama…cone previsto la prova del 9 miseramente fallito.
    D’Aversa: se non entriamo nei primi 8 sarebbe fallimentare…..ed io: SEI SULLA BUONA STRADA!!!

  • 17 Marzo 2018 in 16:51
    Permalink

    Come al solito facciamo resuscitare i morti..

  • 17 Marzo 2018 in 16:51
    Permalink

    Grazie Bobby! Da Monfalcone a Chiavari per vedere una sconfitta. Me lo ripaghi tu il biglietto?

  • 17 Marzo 2018 in 16:52
    Permalink

    Faggiano torna in Sicilia

  • 17 Marzo 2018 in 16:53
    Permalink

    Uno schifo.
    Inutile prenderci in giro.
    Questa e una squadra che forse potrà andare o non andare ai play off ma NON CERTAMENTE IN SERIE A.
    Sono supponenti non corrono.
    Pensano di essere il Real Madrid
    Una squadra da metà classifica.
    Una squadrache non sa fare il salto di qualita e intanto Cerri…..
    Stessa prestazione di Empoli.
    A teine del campionato
    PIAZZA PULITA

  • 17 Marzo 2018 in 16:54
    Permalink

    Siamo tornati!!!! Quelli di sempre. Inutili pietosi e fermi.
    Si era detto che salernitana e Pescara avevano 11 zombi in campo ma tutti a dire che eravamo tornati una squadra da promozione diretta.
    E’ bastato giocare contro 11 persone che corrono e ci hanno disintegrato.
    Complimenti anche all’allenatore con i soliti cambi programmati, i 40enni in campo e i difensori cazzuti in panca.
    Dezi, Vacca, Da Cruz e Gazzola inguardabili. Salvo Calaio’ e Scavone, molto generosi ma imprecisi.

    Nota: questi non vincevano in casa da Dicembre!

    • 17 Marzo 2018 in 17:11
      Permalink

      D’accordo con Gaio1974
      DEZI VACCA DA CRUZ e GAZZOLA inguardabili.
      Se penso che tre di questi quattro sono stati presi a gennaio, mi viene male.
      Accntentiamoci di salvarci e a giugno fare
      PIAZZA PULITA tecnica e con giocatori diversi che corrono e che hanno fame.
      Il 90% di questi giocatori non sono da Parma
      Primo nome da prendere Cerri.

  • 17 Marzo 2018 in 16:57
    Permalink

    Che schifo fate schifo. Dopo aver dato 6 punti a Ghirardi e Cellino anche a tre a Gozzi. A casa tutti. E chi ha portato Ciciretti Siligardi Da Cruz Anastasio e Gazzola dovrebbe avere la decenza di restituire lo stipendio.

  • 17 Marzo 2018 in 16:59
    Permalink

    Vacca…. ma Faggiano nadör ma l’hai visto che giocatore hai preso?

  • 17 Marzo 2018 in 17:01
    Permalink

    già dall’intervista di ieri si capiva che si partiva per il pareggio e si è visto come è andata a finire. Fino a che il Sig. D’Aversa non capira’ come caricare la squadra rimarrà sempre un allenatore di categoria inferiore. Nonostante questo vinceremo i play-off
    FORZA PARMA.

    • 17 Marzo 2018 in 21:14
      Permalink

      Se andiamo aiplay off e li vinciamo
      GIURO
      Mi faccio monaco di clausura

  • 17 Marzo 2018 in 17:01
    Permalink

    Sarà contento MOROSKY.
    Voleva che i giocatori facessero il solito compitino.
    È stato accontentato.
    Gliel’avevo detto che se andavamo per fare il solito compitino per devamo di brutto e infatti…
    L’ Entella ha dato il 120% noi solo il 30%.
    Avessimo CERRI…..
    Speriamo di averlo il prossimo anno.
    Altro che Ceravolo e compagnia fritta…..

  • 17 Marzo 2018 in 17:05
    Permalink

    Adesso aspettiamo Malmesi e Paperino Carra dire che siamo in linea con gli obiettivi e che D’Aversa uscirà dalla crisi. Faggiano giustamente ha la decenza di non farsi più vedere.

  • 17 Marzo 2018 in 17:19
    Permalink

    IL DOTT GOZZI PRESDIDENTE DELL ENTELLA PORGE I SUOI SALUTI AL SIGN MORONI MOROSKY MI HA PREGATO DI RECAPITARGLIELI DOPO IL BEL ARTICOLO E PAROLE CHE HA SPESO SU DI LUI

    • 18 Marzo 2018 in 20:55
      Permalink

      Se tu avessi le palle ti firmeresti con nome e cognome furbetto di quartiere….IO GLI HO SOLO AUGURATO LA RETROCESSIONE E RIBDITO CHE, AD AGOSTO, QUALCUNO HA MANCATO DI PAROLA…

      poi tu, anonimo, puoi scrivere ciò che vuoi!

  • 17 Marzo 2018 in 17:19
    Permalink

    Uufffff
    😫

  • 17 Marzo 2018 in 17:25
    Permalink

    quel menagramo di moroni morosky l altro giorno nel suo artiolo (chiamlrlo cosi ce ne vuole nel suo copia incolla ) ha sputato veleno su gozzi e augurato la serie c all entella la sfida gli e tornata indietro tutta che elemento

    • 18 Marzo 2018 in 20:58
      Permalink

      invece per quest altro furbetto di quartiere, se credi ancora alla superstizione e alla sfiga …sei messo maluccio …

      ho augurato la retrocessione all Entella …eh allora ?
      è un reato penale ?
      ian pers parchè in coren ed in loten miga …oltre a mei tirer in porta ..

      porta: è QUELLA DELIMITATA DA UNA TRAVERSA E DUE PALI…LUNGA CIRCA 7.50 E ALTA 2.44 …

      TUTTO QUELLO CHE VA OLTRE …non dicesi tiro in porta…ma ..FUORI

  • 17 Marzo 2018 in 17:29
    Permalink

    Adesso datemi ampollini, voglio andare a teleducato poi gli spiego due cose…. mi sono rotto le palle di ascoltare opinionisti che non sanno niente e vendono fumo…. non abbiamo squadra società allenatore e giocatori solo questo…

    • 17 Marzo 2018 in 20:55
      Permalink

      nella diagnostica psico analitica trattasi di elemento pieno di se stesso ,all’atto pratico pieno di nulla ,ciao piccolo Marchisio http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

    • 17 Marzo 2018 in 21:18
      Permalink

      ma è lo speaker ufficiale della società, penso sia normale ci vada giù “leggero”…

      comunque,
      su TvParma è ancora peggio…

      non dimentichiamoci che si fonderanno in un unica TV quindi sarà molto negativo per la critiva vera e propria.

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

      • 17 Marzo 2018 in 21:27
        Permalink

        ah ecco,tiene famiglia

        eccheccazzo bastava dirlo mr sottuttoio ,le vede solo lui le partite, il resto dell’universo no

  • 17 Marzo 2018 in 17:36
    Permalink

    SENZA SCUSE.
    Anche se per molti quello che dirò è noto, se non addirittura scontato, intendo ribadire alcune considerazioni sulle cause e sulle conseguenze di questa ennesima disfatta.
    Un soggetto l’allenatore che non è in grado di compiere scelte giuste e consapevoli, cioè un personaggio incapace e in confusione.
    La squadra non corre, allora via i quarantenni, via l’allenatore subito, non esiste alcuna valida ragione per cui debba restare,
    La società, se esiste e vediamo adesso se esiste, usi il buon senso e prenda un allenatore fino al termine della stagione.
    Adesso basta scuse, entrino le seconde linee, via i signorini, oggi si vedeva chiaramente chi aveva fame e chi no.
    RIVOLUZIONE SUBITO!

  • 17 Marzo 2018 in 18:18
    Permalink

    il silenzio dei microcefali….

  • 17 Marzo 2018 in 18:33
    Permalink

    il parma si è ritrovato!!!!
    ma chi è che ci credeva?
    sicuramente uno che non ha visto le ultime due partite…
    non sono affatto sorpreso di questo risultato.
    purtroppo non abbiamo un organico di qualita, non abbiamo una preparazione atletica giusta e non abbiamo nemmeno un comandante al timone….
    credo che sia veramente difficile fare peggio di cosi, non facciamo 2 passaggi di fila non verticalizziamo mai passaggi a 3 metri sbagliati giocatori che arrivano al limite dell area e allargano sulla fascia centrocampo che sotto di un gol continua ad appoggiare palla in difesa giocatori con le gambe che tremano e non vogliono prendersi responsabilta poca grinta sempre secondi sul pallone…
    insomma cerchiamo di pensare positivo…per migliorare basta veramente poco http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_scratch.gif

  • 17 Marzo 2018 in 19:27
    Permalink

    ma da cruz se si chiamasse da croce in che categoria giocherebbe?

    • 17 Marzo 2018 in 20:58
      Permalink

      chiedilo a novara che si stanno segando a due mani http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

      han preso puscas ha gia’ segnato 8 gol mi pare ,e lo hanno strappato all’arsenal di marore ,giusto la squadra di da croce

    • 17 Marzo 2018 in 21:19
      Permalink

      Beh se Da Cruz si chiamasse Da Croce forse giocherebbe come riserva nel Salsomaggiore ( eccellenza)

  • 17 Marzo 2018 in 19:34
    Permalink

    La squadra e lo staff tecnico sono questi! Ci illudiamo per qualche segnale positivo, ma poi torniamo sempre alla dura realtà.

    Ma Faggiano è ancora al Parma?

    Dalla partita con il Perugia non si è più visto!

    • 17 Marzo 2018 in 21:23
      Permalink

      Forse,Crociato 78 Faggiano gira per Parma con barba finta per non farsi riconoscere e insultare.
      Va capito. anche lui è cosciente dello SCHIFO fatto nel mercato estivo e invernale e ora ha VERGOGNA

  • 17 Marzo 2018 in 19:38
    Permalink

    Se dovessi scegliere se andare ai play off e ovviamente con questa squadra di zombie che abbiamo, venire eliminati subito
    o potendo scegliere
    arrivare a fine campionato anche a metà classifica ma con la garanzia di fare PIAZZAPULITA mandando via
    FAGGIANO
    D’AVERSA con
    DEZI
    DA CRUZ,
    VACCA
    GAZZOLA
    DI GAUDIO
    CICIRETTI
    INSIGNE e
    MUNARI
    non avrei dubbi
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif
    Sceglierei di salvarmi anche con un solo punto in più dei play aut
    ma avere la certezza che tutta questa gente svernatrice seriale se ne vada.
    ho infatti paura che se D’ AVERSA DOVESSE CENTRARE I PLAY OFF e se anche venisse eliminato dopo la prima partita, lui con Faggiano e molti di questi zombi di calciatori, ce li ritroveremmo QUASI SICURAMENTE anche il prossimo campionato.

    GIURO CHE SU D’Aversa e Faggiano non cambierò più opinione fino alla fine del campionato.

    Ci vuole un Direttore sportivo che non vada a pescare tra gli scarti di altre società spendendo fior di milioni per giocatori inutili e rotti e poi ci vuole un allenatore che faccia gioco che sappia caricare i giocatori invece il nostro gli addormenta, non li sa motivare.
    Il calcio è uno spettacolo e D’AVERSA non sa far giocare la squadra in modo spettacolare ma la fa
    giocare in modo imbarazzante
    Ci VUOLE O GUIDOLIN O PRANDELLI. o un allenatore vincente di categoria altrimenti tra dieci anni siamo ancora in B.

    ,

    • 17 Marzo 2018 in 21:26
      Permalink

      Mi ero dimenticayo dello zombie Ceravolo.
      Anche lui via a giugno.

  • 17 Marzo 2018 in 19:42
    Permalink

    Se fossi un giocatore del Parma dopo la prestazione DA URLO” di oggi avrei vergogna perfino di respirare l’aria di Parma.

  • 17 Marzo 2018 in 19:51
    Permalink

    In generale oggi ha vinto la squadra che avevamo più fame, più cattiveria e più voglia di vincere. Hanno corso più di noi, vincevano i contrasti ed arrivavano primi sulle seconde palle.
    In tutto questo le occasioni le abbiamo avute, almeno 4 o 5 molto nitide, però non siamo riusciti a concretizzare, mentre gli altri due tiri in porta e due gol (e non è un alibi, anzi).
    Discorso allenatore oggi ha provato cose nuove, non ha fatto i soliti cambi, ha cambiato almeno tre volte il modulo, passando dal 4-3-3 al 4-3-1-2 e chiudendo con il 3-5-2 (con Di Gaudio esterno offensivo), ma non c’è stato niente da fare. Il problema che una squadra che funziona partite del genere non le perde ed a volte gli capita di vincerle, noi invece le perdiamo
    sistematicamente.
    Venendo ai singoli, malissimo (come al solito) Dezi, praticamente inesistente ha passeggiato per il campo tutta la partita, malissimo Da Cruz, anche lui spettatore non pagante, e male anche Gazzola che non spinge e sbaglia tutti i cross (a questo punto meglio ritornare con Iacoponi a destra ed inserire Di Cesare in mezzo).
    Sul capitano vorrei fare due considerazioni, primo il fatto che abbia 40 anni (anzi quasi 41), non deve essere un motivo per criticarlo, lui stà facendo dei miracoli, quanti altri difensori giocano alla sua età? è ovvio che non può avere la reattività e la velocità di un ventenne ma è l’unico difensore di tutta la rosa del Parma che sa impostare l’azione e di testa (specialmente in attacco) è tra i più forti in tutta la categoria. Secondo non mi sembra che abbia sbagliato molte partite quest’anno, se è per questo ne ha sbagliate molto di più Gagliolo che ha 15 anni in meno e dovrebbe essere un top player nel suo ruolo in categoria.
    Chiudo con i migliori, come al solito bene Scavone per l’impegno, bene Calaio che oltre alla solita grinta ha provato in tutti i modi a far salire la squadra, giocare di sponda e creare qualcosa. Benino anche Baraye soprattutto il primo tempo poi nel secondo si è spento come tutti gli altri.

  • 17 Marzo 2018 in 20:36
    Permalink

    D’aversa è.questo. un miracolato che non ha personalità, non ha in mano la squadra ( ha detto che non potevano giocare.insieme calaio e.ceravolo e sulle.frasi di calaio a bar sport li ha subito messi insieme.nella.mossa.della.disperazione) , non ha gioco offensivo e.per ogni sconfitta dà.colpa ai giocatori. Quando nel 2019 andrà.via, allenerà forse.il seregno. Ma qui andrai avanti un anno e mezzo ancora.con alti e bassi e zeru tituli. Per fortuna che abbiamo una proprietà ricca che quest’anno non avrà problemi a coprire una perdita di oltre 10 milioni. Perché se li avesse lo avrebbe cacciato dopo cremona

  • 17 Marzo 2018 in 20:39
    Permalink

    Vergogna assoluta!!!! Umiliazione incredibile e questo fenomeno di allenatore e anche in grado di dire in conferenza che ci e’ mancato il goal…

    • 17 Marzo 2018 in 21:11
      Permalink

      NON c’è il gioco e ci aggrappiamo ai singoli episodi.. cazzo, ma fai 25 tiri in porta, assediali, poi se non vinci ok… ma giocare così è NON giocare, è NON essere il PARMA!!! cazzo!
      (scusate l’eufemismo, non ho restitito)

  • 17 Marzo 2018 in 21:05
    Permalink

    dopo l’ennesima sconfitta (o opportunità sfumata di scalare posizioni in classifica), ribadisco la mia opinione:

    la ROSA è da ALTA SERIE B.

    purtroppo NON abbiamo IL GIUOCO.
    purtroppo NON abbiamo un Mister all’altezza.
    manchiamo in personalità, grinta, movimenti, schemi, giocatori fuori posizione, siamo troppo prevedibili, ecc..

    ma i calci d’angoli battuti lunghi sull’altro calcio d’angolo dove non c’è nessuno ne vogliamo parlare?
    no comment.

    campionato ALTALENANTE di una squadra (sul campo) mediocre.

    detto questo, sono certo raggiungeremo i PLAYOFF e in un modo o nell’altro andremo in SERIE A, anche se NON ce lo meritiamo.. (vedi l’anno scorso col Pordenone), e di questo ne sono convinto.

    ma per la prossima stagione,
    URGE una vera e propria RIVOLUZIONE,
    questo NON è un progetto calcistico lungimirante, nemmeno a breve termine, questo progetto è stato progettato MOLTO MALE e i responsabili dovranno farsi da parte.

    per la SERIE A ci vorrà un NUOVO progetto, concepito da NUOVE teste, e qualche giocatore di qualità in più.

    oggi non mi sento di colpevolizzare i calciatori.
    il problema (a mio avviso) è un altro..

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 17 Marzo 2018 in 21:09
    Permalink

    sulle vittorie non mi sono esaltato perchè il gioco NON si era visto, erano vittorie derivate dalle mancanza degli avversari e dalle giocate individuali..

    quando vedo certe prestazioni e certi errori progettuali sono su tutte le furie.. non è possibile avere gli occhi bendati… SVEGLIA SOCIETA’ !!!
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_unsure.gif

  • 17 Marzo 2018 in 21:31
    Permalink

    Se il prossimo anno rimangono questi zombie di giocatori
    con D’Aversa e Faggiano, io non faccio più l’abbonamento.
    LO GIURO

  • 17 Marzo 2018 in 21:42
    Permalink

    Con DA CRUZ abbiamo preso una bidonata colossale, oserei dire
    EPOCALE
    Secondo me, il presidente del Novara sta ancora brindando a champagne con del DOM PERIGNON d’annata per avere bidonato Faggiano facendoselo pagare non come BROCCO ASSOLUTO ma come campione in.prospettiva
    Un giocatore questo DA CRUZ veramente inguardabile.
    Una larva in campo.
    Un paracarro.
    Pensavo fosse veloce invece corre come un ottantenne
    Nel Salsomaggiore abbiamo giocatori migliori. per fortuna come D.S. non abbiamo Faggiano…

  • 17 Marzo 2018 in 22:17
    Permalink

    Domenica bisogna fischiare.
    La pazienza è proprio finita.

  • 17 Marzo 2018 in 22:21
    Permalink

    I giocatori acquistati a gennaio stanno avendo un rendimento molto basso, la squadra non si e’ per niente rafforzata.
    Oggi si e’ giocato senza la grinta necessaria per fare risultato, facendosi pure picchiare senza rispondere colpo su colpo. Perdere contro l’Entella vista oggi non era facile.
    In pochi si sono salvati.
    D’Aversa ci ha messo del suo con scelte assai opinabili

  • 17 Marzo 2018 in 22:46
    Permalink

    Io ho IL TERRORE che D’ AVERSA e FAGGIANO vengano riconfermati anche il prossimo anno.
    A questo punto quando la,salvezza,sara quasi matematica tifero’ contro il Parma nel senso che farò il tifo per non vedere il Parma negli inutili play off in cui verrebbe sicuramente eliminato ma almeno non entrando nei play off D’AVERSA FAGGIANO e il 50% della rosa finalmente…..TOGLIERANNO IL DISTURBO

  • 17 Marzo 2018 in 23:24
    Permalink

    2 puntualizzazioni: ci saranno pure dei giocatori che deludono tecnicamente ma quasi tutti e’ IMPOSSIBILE che siano scarsi .
    A mio avviso è solo colpa del Non gioco e idee confuse che generano le nostre partite e contribuisce a non esaltare quel poco di buono che ce.
    Poi Ceravolo non va criticato, entrando sempre a 25 dalla fine che deve fare ? Poi in questa squadra fallirebbe pure Caputo….
    Lucarelli ultimamente a mio parere e’ più lento fa più falli oerche in ritardo e per esempio col Pescara 8 (contati) lanci errati oggi 4o5 (Non contati) quando deve riposare deve stare giù anche lui come gli altri e non gettare la fascia x una sostituzione a 15 dalla fine di una partita ampiamente vinta.

  • 17 Marzo 2018 in 23:42
    Permalink

    Lucarelli a 41 anni solo con D’Aversa può giocare da titolare inamovibile. Io dico che questo allenatore ha una grossa fortuna: chi comanda sta a migliaia di chilometri, altrimenti avrebbe già finito il proprio ciclo. Comunque ai playoff ci arriviamo e poi ci cacciano fuori subito.

    • 18 Marzo 2018 in 10:33
      Permalink

      Lucarelli aveva buttato la fascia da capitano IN SEGNO DI SPREGIO VERSO LA SOCIET’A E I CIOMPAGNI per terra imprecando verso D’Aversa il quale.ora HA PAURA FOLLE nel non farlo partire titolare.
      D’Aversa ora è succube di lui
      Con D’Aversa Lucarelli giocherebbe fino a 50 anni.
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cry.gif

    • 18 Marzo 2018 in 19:07
      Permalink

      Ai play off purtroppo non ci arriveremo neanche. Questa è una squadra scaduta.

  • 18 Marzo 2018 in 09:33
    Permalink

    Lucarelli fa più danni della grandine, ma gioca perché contribuisce ad impostare la manovra.. e questo la dice lunga. A 40 anni in serie B in una squadra decente al max entri a 5 minuti dalla fine mica parti titolare tutte le partite.. poi mi piacerebbe capire perché ogni partita abbiamo un giocatore che si infortuna a livello muscolare.., siamo i più sfigati d’Italia e forse c’è qualche altro problema??

  • 18 Marzo 2018 in 23:52
    Permalink

    Scusate mo co ghentra Lucarelli dai la

    • 19 Marzo 2018 in 12:22
      Permalink

      Parchè le du mes cal fa pietè..

  • 19 Marzo 2018 in 06:58
    Permalink

    No non c’entra niente, facciamolo giocare fino ai 50..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI