BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / LOTTATORI, DEGNI CROCIATI

claudio mastellari(Claudio Mastellari per www.destrosecco.it) – Lo abbiamo ripetuto cento volte, l’ho detto e scritto in più articoli nel grigio inverno crociato. A questa squadra mancava il mordente, mancava la voglia o lo stimolo di lottare su ogni pallone, di sudare la maglia dal primo all’ultimo minuto. Non si riusciva a localizzare quella scintilla che valorizzasse il potenziale della rosa.

Da più di un mese abbiamo trovato la scintilla per accendere la luce, sempre. Il Parma ha ora i fari di tutta la serie B puntati sul suo cammino. Un percorso straordinario, imperfetto, quasi inaspettato, condito da carattere, voglia di rivalsa e di stupire, di mettersi in gioco, di ripagare i tifosi, di fare qualcosa che nella storia del calcio non è riuscito a nessuno.

Immagine di proprietà del Parma Calcio 1913

Il gruppo è unito più che mai, la condizione atletica sembra ottimale per il finale di campionato. Peccato per gli infortuni. E’ stato un bagno di sangue anche ieri contro il Carpi. Finire una partita in dieci per quattro infortuni è una mazzata che non ricordo di avere mai visto, per lo meno in tempi recenti. Non so come, non so in che modo, ma bisogna correre ai ripari. E in présia, dicono dalle mie parti.

Sono in ansia, oltre che per Munari di cui temo sia finita la stagione, per il Capitano. Non voglio neanche pensare lontanamente che la sua carriera sia terminata con un infortunio. Torna Ale, stupiscici ancora!

Facendo un rapido calcolo a mente, contro la Pro Vercelli, saranno 10/11 i giocatori che d’Aversa non potrà schierare o non potrà utilizzare per tutti i novanta minuti. E’ veramente allarme rosso. Uno scoglio per il fisico, uno stimolo in più per la mente. D’Aversa lo sa bene e fare leva ancora una volta sulle difficoltà potrebbe essere l’arma in più di questo Parma.

Intanto il Frosinone è chiamato alla prova di maturità lunedì sera, se i ragazzi di Longo non vinceranno in casa contro la capolista il secondo posto (precedenza per scontri diretti, ndr) sarà del Parma.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

7 pensieri riguardo “BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / LOTTATORI, DEGNI CROCIATI

  • 23 Aprile 2018 in 14:05
    Permalink

    Allarme rosso, impresa titanica, o adesso o mai più!!!
    Sono convinto che chiunque andrà in campo ci andrà per bagnare anke di sangue la maglia per VINCERE a Vercelli…ormai il seme della vittoria e’ nato in tutti i giocatori e tocca a noi innaffiarlo per rendere il finale INDIMENTICABILE !!!
    Forza Parma

  • 23 Aprile 2018 in 14:16
    Permalink

    Di Lucarelli possiamo anche fare a meno. Mi preoccupano le assenze di Di Cesare e Munari.

  • 23 Aprile 2018 in 15:04
    Permalink

    Lucarelli ha fatto un campionato straordinario considerando l’ età.
    il suo contributo è stato davvero importante.
    Sierralta è un valido sostituto giovane che in questo periodo dell’ anno può dare ottime garanzie.
    l’ assenza di Munari è decisamente quella più preoccupante considerando anche un reparto falcidiato da altri infortuni.
    se non recupera nessuno Gazzola a centrocampo oppure Baraye.
    per il finale dopo mesi in cui poco pervenuti, mi auguro che Ciceretti oppure Insigne lascino il segno.

    • 23 Aprile 2018 in 15:43
      Permalink

      Concordo in pieno, l’infortunio a Lucarelli è ammortizzabile perché ha già fatto un campionato più che positivo nonostante la sua età. Purtroppo invece Munari era il perno del nostro centrocampo e guarda caso da quando si sono alzate di livello le sue prestazioni è migliorato il gioco di tutta la squadra (anche l’anno scorso è stato così).
      A centrocampo speriamo di recuperare Scavone e Dezi (anche Vacca non dovrebbe avere un infortunio preoccupante) senza poi considerare che Gazzola, Baraye ed Anastasio potrebbero essere adattati nel ruolo di interno (prima o poi dovrebbe recuperare anche Scozzarella).
      Ormai non mancano tante partite, ne restano solo cinque di cui due impegnative (Bari in casa e Cesena in trasferta) le altre hanno un coefficiente di difficoltà basso e si possono vincere anche non giocando con i migliori undici.
      Sono poi convinto che per andare in A potrebbero bastare 3 vittorie e due pareggi (o quattro vittorie ed una sconfitta). Adesso bisogna crederci più che mai puntando alla promozione diretta che è ad un passo, con i tanti problemi fisici la vedo dura uscire fuori vittoriosi dai logoranti play off.
      Sempre e solo forza Parma

      • 23 Aprile 2018 in 18:28
        Permalink

        Non concordo LG su alcune cose
        La,Ternana ora è un osso duro.
        L’ho vista giocare vincenfo a Perugia
        Forma smagliante
        Una fame pazzesca
        Due attaccanti… da Parma
        Ci vogliono 5 vittorie
        Con tre vittorie e due pareggi arrivi quarto.
        Chi gioca son certo darà l’anima.
        A proposito fare BAR SPORT in contemporanea con Frosinone – Empoli non ha senso

  • 23 Aprile 2018 in 22:33
    Permalink

    Bravo Empoli….geazie!!!
    Hai ragione Ternana velenosa ha giocato bene davvero…spero fosse solo effetto derby….

I commenti sono chiusi.