Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / 41° TURNO: GAVIA-BARI, GALLETTO ALLO SPIEDO

Noi (io) volevamo questa vittoria, noi (io) volevamo questa vittoria,

noi (io)  crediamo in questa promozione, noi (io) crediamo in questa promozione

mauro moroni morosky(Mauro “Morosky” Moroni) – Prefazione*: PR-BA 1-0. Quanta carne al fuoco, sia prima che dopo questa partita! Comunque parto dal risultato: bene il medesimo, bene la vittoria, bene i 3 punti, non bene la partita (dei Crociati), anzi, mediocre=campionato finito, Empoli e Frosinone in Serie A, Crociati al 3° posto e semifinale di andata play off il 29 maggio ore 20.30 contro la vincente (6°- 7°) tra Bari (ancora tu, ma non dovevamo vederci più?) e Cittadella; altra semifinalista designata, al 4° posto, il Palermo che (dopo un rigore tirato in curva) ha cannato la gara casalinga col Cesena non andando oltre lo 0-0; Venezia, Bari, Cittadella e Perugia, in ordine di piazzamento finale, saranno le altre partecipanti agli “spareggi”: and now, play off for you! Tutto bene quel che finisce bene quindi: ad inizio campionato avremmo tutti gioito e firmato per un piazzamento di questo spessore e valore e, giustamente, io gioisco e “godo”, sportivamente, per questo buon traguardo; ora, play off vengano e play off siano: andremo a recuperare qualche infortunato, presumo tutti meno “Gianni”, al “Giannon”, ma cercheremo di fare bene, senza di, ma anche per lui, garantisco io!
Scusate, scusate, un attimo in stand by, ho ricevuto una telefonata dalla mia Direzione Tecnica: pausa di 5 minuti, si , si , si , si, si, noooooooooo!!!!!! Davvero ? mo dai, mi prendi in giro ? Mo no !!??, mo non ci posso credere dai, mi prendi in giro !….incredulità, attonito, stordito! Manca una partita !??? Mo dai, mo co dit ? Manca una partita, l’ultima, venerdì a Spezia..!!!

parma performanceMo co dit ?? venerdì ? Mo an szughni miga ed sabet? Mo co el un anticip? O as serni scordè na partida aretreda? Mo an ghevni miga bele szughè a Speszia? Ievon pers 1-0! A no cola li l’era stè a Vercelli, do smani fa, mo no at ricordet mia, al 17 ed mers, ievon ciapè do peri dal Speszia, mo co dit ? Ieron si do peri ma da cla squadrasa ed Chiavari, cola dal president, col sioron, cmè s ciamol? Brozzi ? Strozzi ? Rozzi, no col li provret l’è mort, l’era al President (con la P maiuscola) ed l’Ascoli, Costantino Rozzi, ah si m’arcord adessa… l’era l’Entella e i san dè do peri e, al so president, al “frer”, quello degli acciai, un gran scio…ron, un gran signore (inteso nel senso di benestante), pare sia anche il presidente dell’Entella: ad ogni modo glielo avevo promesso, lo avevo sperato ed auspicato nel segno di, chi la fa l’aspetti e la retrocessione sia con lui & loro: la giustizia del campo ha colpito ancora, inesorabilmente, eh eh eh eh eh eh!!! Nador do volti !! Ad ogni modo, di questa gara, che andremo a recuperare venerdì sera, ne parlerò nei prossimi giorni con l’articolo finale, post “regular season” , dopo il quale andrà in onda lo special-format “mai dire play  off”, in the night time! Vi segnalo che, arrivando terzi, sia nelle semifinali che per le finali, in caso di parità, passa chi si è piazzato meglio in campionato: quindi, con 4 pareggi: quale occasione migliore per chiamarmi Mister X?

risultati gara 41

Lo avevo preannunciato che “ la dura legge del gol” avrebbe colpito a man bassa, assestando i suoi duri colpi, di giustezza e misura, a destra e a manca, dalla Liguria alla Trinacria: ha solo schivato la “ciociaria” lasciando stare la “food valley”, proprio by-passandola, indenne da intemperie e colpi bassi: ciapì su e porti a cà tipo take away, da asporto, come le pizze. Mi piace bomben!

La prestazione * 1-0 . Il mister ha detto che, dopo Cesena, non era facile ripartire, infatti, la partita (la nostra) l’è “steda un po’ inculenta, diciamo proprio che la fortuna (dopo tanta sfaiga) ci ha arriso: Palermo che sbaglia il rigore, tre tiri (primo tempo) verso la porta, da parte dei baresi, tutti fuori di un soffio oltre ad una traversa e un palo (secondo tempo, col pallone-flipper che ha girato molto vicino alla linea di porta) che hanno del clamoroso (dobbiamo sempre pensare se fossero capitati a noi, cosa avremmo detto, fatto e/o pensato?), mancava solo il pareggio dell’Entella, ma loro si sono immolati sull’altare degli eroi, ligi al volere del comandante “Gozzi” che, piuttosto di cercare di salvarsi (dandoci un grande vantaggio), ha preferito il “suicidio sportivo”, tutto d’un pezzo, novello Pietro Micca, piuttosto che darci un aiutino, non certo dovuto, ma gradito: è sempre bello notare che ci sono ancora degli eroi positivi…

Del mister, oggi, posso dire che, dopo 69 partite ufficiali di campionato, mi è piaciuto un cambio tattico effettuato al minuto 24 del 2° tempo: dentro Scozzarella per Di Gaudio e 3-5-2 fino alla fine gara della gara (inizialmente i due quinti di difesa sono stati Gazzola a destra e Barillà a sinistra, con quest’ultimo rilevato da Anastasio quando questi, al 36° è subentrato per Scavone, terminando la linea di centrocampo con Dezi, Scozzarella e Barillà).

Bene Frattali, Gazzola, Sierralta, Iacoponi, Gagliolo, Dezi, Scavone, Barillà, Ciciretti, Ceravolo, Di Gaudio, Scozzarella (bentornato Matteo, profumo di piedi buoni), Anastasio (a taris massè per quei due contropiedi “in vacca”, non Antonio, lui era in tribuna, con Gianni, Valerio, Yves, Luca, Pasquale, Robertino Insigne, ma pure ilmicio Melandri” c’era, con Carmen) e, non ultimo, bomber Calaiò.

* Molto bene invece *… Frattali, Iacoponi, Gagliolo, Barillà e Ceravolo, questi 5, a mio avviso, su tutti per prestazione, temperamento, resa globale, concentrazione  e “cazzimma” sempre accesa !! molto bene !!

 play off

play out

 

* Situazione diffidati (sono 7) e indisponibili

  • 4 Scozzarella, Calaiò, Iacoponi, Gazzola, Frattali, Lucarelli, Scavone (*)
  • 3 Munari, Mazzocchi, Barillà (*), Sierralta
    2 Dezi, Ciciretti , Baraye
    1 Di Gaudio, Da Cruz, Siligardi, Anastasio, Vacca (*)
  • Squalificati: Gagliolo, Baraye (espulso dalla panchina, rimane 1 turno)
  • Indisponibili: Munari, Siligardi, Mazzocchi e Vacca
  • Assenti, ma sempre presenti nei miei felici ricordiZommers & Fall, Ricci, Messina, “Lollo” Adorni, Simonetti, “Momo” Coly, Giorgino, Cacioli, “Ciccio Corapi”, “Felicione” Evacuo, “Micio Micio bau bau” Melandri, “Croce Cris Nonno” Miglietta, Gosthbuster Benassi, Fabio Lauria, Longobardi, Moussa Balla, Musetti e Guazzo, ve lo ricordate Sereni? Si è laureato in scienze motorie (disciplina e master” per i gol “sgagnati”)  e insegna *calci* nelle giovanili del San Martino in Rio, che brev ragasz!

Morosky da cruz* Parole “crociate” * – Ho consultato Radio tam tam Collecchio e, dalle notizie riportate (bisogna sempre stare molto attenti quando non si hanno certezze né testimonianze dirette, quindi, ve la vendo così come l’ho ricevuta), sembra che il motivo disciplinare legato alla mancata convocazione di Da Cruz abbia avuto origine sul campo di allenamento: la voce cita di un’ “entrataccia” durissima dell’olandese su un compagno, da li battibecco, discussione ed il mister, giusto per tagliare corto, lo manda negli spogliatoi anzitempo; se questa fosse la vera motivazione,  personalmente non mi trova d’accordo nel senso che, se devo punire una situazione sbagliata a livello comportamentale, adotto il provvedimento disciplinare classico: multa salata o salatissima, in base alla gravità del “malaffare”; già siamo in emergenza, già siamo sotto numero, panchina ridotta e vado ad auto-danneggiarmi da solo?
No: multa salata e gran “cazziatone davanti a tutti, giusto per insegnare il modus operandi e pure per l’educazione ai “giovini virgulti”: ma queste sono quisquilie, nel senso di piccole opinioni personali, non necessariamente legate agli aspetti tecnici del campo.

* Concetto di “squadra” Anche qui, nessuna pretesa di volerla sapere troppo lunga, ma per “squadra” intendo l’Empoli, il Frosinone, il Palermo, il Bari, il Foggia, forse Venezia, Cittadella e Perugia (dipende molto anche e, soprattutto, dagli interpreti, ma pure dal manico, staff e dirigenti tecnici): un insieme organizzato (strutture, campo, tecnica e soprattutto gioco, schemi, situazioni, fasi difensive, fasi offensive, transizioni, marcature, nonché lo studio scrupoloso dell’avversario sia nelle sue lacune che nei  punti di forza) di persone che formano un gruppo, unito, coeso, solido, basato su principi, motivazioni, disciplina, rispetto, forza singola, ma pure di equipe, soprattutto di equipe: questo è il mio concetto di squadra!

Il Parma, in campo, sul terreno di gioco non sembra una squadra, bensì un “compostaggio, un’accozzaglia” di singoli bravi (anche bravi), slegati in campo e quindi, sostanzialmente, privi di un gioco corale,  frutto di una manovra organizzata,  fluida,  snella, veloce tale da prendere in mano (nei piedi) il pallino del gioco, impostare, aggredire, prendere di infilata le linee avversarie: no, noi tutto questo non lo abbiamo, vige spesso la giocata individuale, lo stato di forma di questo o quest’altro, a volte riscontro fronzoli inutili, mancanza di velocità nei passaggi, parlo proprio della costruzione del gioco, dalle basi, dalla nostra aerea.

Faccio un esempio, in mezzo al campo il Bari aveva Henderson, Basha e Iocolano e, sulle fasce, soprattutto a destra, stava molto alto il laterale difensivo Sabelli, era lui che faceva l’ala (un po’ il solito ritornello tattico, se trovo uno che spinge non posso farlo marcare dai vari Ciciretti, Di Gaudio, Siligardi o Insigne, si andrebbero a sfiancare in un doppio lavoro, faticoso, ingrato e fisicamente impegnativo): quanti palloni ha giocato Basha? Quanti palloni ha giocato Henderson? Quante volte è andato al cross e al tiro detto Sabelli? Così, come a Vercelli, con Vives in mezzo e Mammarella a sinistra, sembravano, uno, il faro di centrocampo  e, l’altro, il pendolino sull’Adriatica, coast to coast !

Devo segnalare che, quando è entrato Floro Flores, era come vedere una luce diversa in campo: questo è veramente bravo, indipendentemente da età, carriera e quant’altro: capisco, dopo averlo visto trattare i primi due palloni giocati (dal vivo non ne avevo mai avuto il piacere), perché abbia esordito in Serie A, col Napoli, giovanissimo, 18 anni : ecco, questi sono i giocatori che piacciono a me, i bon bomben! I buoni!

E, e niente dai, non ci rimane che lasciar perdere le innumerevoli recriminazioni multiple che si sono moltiplicate esponenzialmente nelle ultime “trasfertacce”, ma, alla fin fine siamo qui, vediamo questo fine settimana cosa ci porterà, dopo la festa della mamma potrebbe esserci la festa a La Spezia, chissà, magari con diretta.gol sul telefonino, giusto per sapere cosa sta facendo il Foggia, nes sa mej!

Con simpatia, buonumore e rinnovato entusiasmo,

vi saluto cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

29 pensieri riguardo “Parmaland 1913 di Mauro “Morosky” Moroni / 41° TURNO: GAVIA-BARI, GALLETTO ALLO SPIEDO

  • 15 Maggio 2018 in 07:55
    Permalink

    Che sia di nuovo B o promozione in A, il prossimo anno D’Aversa deve andare. Di vedere un’altra stagione di botte di culo, non gioco e occasioni sprecare non ne ho proprio voglia.

  • 15 Maggio 2018 in 08:41
    Permalink

    Morosky, dopo un anno intero a scrivere che tanto già sapevi come fosse finita e oggi invece parli di play off……..
    Non capisco non siamo già in serie A?????????
    Dici che il Parma non sia una squadra di calcio con l’amalgama del bari o del frosinone, e te ne accorgi dopo 69 partite del “conte dei poveri”. Io credo che in questo periodo il Parma stia giocando da squadra molto di piu’ che nell’anno e mezzo passato…….
    Credo sia un miracolo sportitvo per i giocatori che abbiamo e l’allenatore che abbiamo arrivare terzi (anche se non sono ancora sicuro)…. Perchè molti sperano nel passo falso del frosinone, ma in realtà se lo facciamo noi (cosa molto probabile) ci troviamo quarti e forse a pari del venezia…. Quindi caro MOROSKY, ormai i nodi stanno venendo al pettine, e il tempo delle chiacchiere è finito… Il parma credo che si trovi anche in una posizione migliore di quella che merita, e considerando tutti i grossi problemi che ci sono in società non vedo come potremmo pensare di affrontare un campionato di serie A….. vogliamo fare un anno come verona o benevento??? meglio tornare a chiavari….. Saluti moro aspetto il tuo diario di viaggio il 10 giugno…..

  • 15 Maggio 2018 in 08:42
    Permalink

    Luca, porta pazienza dai, come tutti noi d’altronde…
    visto il percorso ( 2015-2018 , dal fallimento al sogno …? )
    non possiamo lamentarci assolutamente: pure io certe situazioni non le godo ma dobbiamo remare tutti insieme….noi col tifo, l’incitamento e la passione dei tifosi, appassionati, amici del Parma..
    loro con prestazioni, impegno, fatti e ..RISULTATI…anzi, ora si tratta di RISULTATO FINALE..CORONANTE QUESTO PERCORSO sofferto, tribolato ma, fino a qui…discretamente VITTORIOSO ….PUNTO..MI FERMO IN TEMPO…non aggiungo altro …

    ricordi vero cosa dissero i dirigenti ad agosto scorso ?
    assestamento, consolidamento, rafforzamento….erano palle ma …questo primo obiettivo, play off, è arrivato …. cerchiamo di fare una grande gara a Spezia, dare tutto in campo, provarci con tutte le forze e ….cerchiamo di vincere la partita..
    manteniamo il terzo posto.. e andiamo ai play off col vantaggio degli ipotetici pareggi ( senza abusare di questa facoltà )
    ..poi si vedrA’, hAi cApito ?
    tena dur ragazzo..
    moro

  • 15 Maggio 2018 in 08:52
    Permalink

    Ieri sono stato a Collecchio:
    non si sono visti fuori , in campo, SILIGARDI e GIANNI MUNARI;
    hanno lavorato a parte SCOZZARELLA, VACCA e MAZZOCCHI ;
    ..
    tutto il resto del gruppo è a disposizione per venerdì, ad eccezione degli squalificati BARAYE e BIG THOR VIKING ..Ricky GAGLIOLO …

    rientreranno DI CESARE e INSIGNE ..
    ho visto un clima disteso, sereno, tutti molto dediti al lavoro, all’impegno massimo profuso dal primo all’ultimo momento dell’allenamento..
    ho rivisto in campo D’AVERSA, cavolo ha ancora due piedi educatissimi, sta in mezzo al campo e dispensa palloni puliti, palla a terra, sempre sull’uomo senza sbagliare un tocco …
    MO, GLI FACCIO IL TESSERAMENTO …lo mettiamo al posto di Miglietta dai…in difesa c’era anche il PICCIO …altro baluardo che ha già giocato ancora..pure lui..
    ..
    ho visto un DA CRUZ pimpantissimo ( dopo la meritata e dovuta strigliata ) …nella partitella ha fatto 2..3 gol di buona fattura..
    ..
    sempre sugli scudi SIERRALTA, monumentale, IACOPONI, BARILLA’ ( credo che sia l’uomo + in forma in questo periodo ) ..ma tutti gli altri non sono stati da meno…
    VINCERE AIUTA A VINCERE, FA MORALE e rende ,campo e spogliatoio, luogo di lavoro, di divertimento e di successi …
    ..
    continuate così..

    BELVA e ARCIERE sono sempre molto presenti in zona GOL…
    …prendiamola su dolce ma….ho visto buone , ottime cose…
    bene ragazzi…TOCCA A VOI ….venerdì…
    moro

  • 15 Maggio 2018 in 08:53
    Permalink

    Il mio pronostico 3-1 per noi 2-2 frosinone foggia

  • 15 Maggio 2018 in 09:11
    Permalink

    se sarà B andrà di sicuro.
    se sarà A devono tenerlo penso fino a novembre quando verrà sollevato. con 2 promozioni consecutive è impossibile che lo rimuovano subito. magari invece a sorpresa di tutti in A farà bene….mah..

    comunque intanto vediamo venerdì cosa succede.

  • 15 Maggio 2018 in 10:04
    Permalink

    Pazzesco, con il nuovo regolamento, vincendo con lo spezia, o mantenendo la terza posizione, si potrebbero vincere I playoff pareggiando tutte e 4 le partite! Meglio non dirlo a Daversa, altrimenti smette di giocare e si fa prendere dall’ansia e dalla paura.
    Da un altro lato ci potrebbe avvantaggiare, costringendo gli avversari ad attaccare e fare gioco, mentre noi attenderli (gioco che ci ha portato molta fortuna nella regular season)… Sperem….

    • 15 Maggio 2018 in 10:47
      Permalink

      tu sei convinto che sia il nuovo regolamento ma ti assicuro che è così da almeno 15 anni!

  • 15 Maggio 2018 in 10:23
    Permalink

    La partita di sabato non è stata molto diversa da quella col cesena ma stavolta è andata bene. Senza scozzarella buttiamo via tutti i corner ed è un grosso limite. A me è piaciuto molto sierralta e faccio i complimenti a barillà perchè zitto zitto ha lavorato duro, non credevo che fisicamente potesse tornare a certi livelli. Ceravolo giocatore fortissimo, da tenere sempre in campo

  • 15 Maggio 2018 in 10:31
    Permalink

    morosky
    ma piantala di andare a Collecchio….
    ma cosa ci vai a fare???
    Ad autoconvincerti che siamo meglio del Real Madrid?
    (per alcuni lo siamo).
    A partecipare ad una conversazione con il mister?
    Tattica e altro…
    Ad un summit con Pizzarotti e Carra?

    • 15 Maggio 2018 in 22:41
      Permalink

      Ma dai Ludo….che dici ?
      Cosa vado a fare a Collecchio ?
      A vedere l’allenamento, dalla terrazzina, coi miei amici pensionati, con la Veronica, le ragazze del Centro Coordinamento, gli appassionati che, anziani come me, non hanno un caiser da fare e quindi, invece di andare al parco o al circolo, vanno, andiamo a vedere i ragazzi sgambettare, fare i torelli, il pressing, le partitelle a tema…
      Siamo il Parma, una media squadra di Serie B, nessuno ha pensato di essere il Real Madrid , forse il Real Baganza….
      no, col mister, di cui non amo il gioco ma, che stimo ,,
      ho parlato solo una volta…tanti mesi fa…
      io ad un summit con Pizzarotti e Carra ? ma che dici ?
      io sto sulla terrazzina, guardo i portieri, coloro che si allenano a parte, differenziato, guardo le partitelle e, soprattutto , guardo chi è in forma, chi corre, lotta, digrigna i denti e scalpita…
      punto ..
      ..sono libero di andare ancora oppure devo chiedere un permesso al Sindaco ?

  • 15 Maggio 2018 in 10:49
    Permalink

    Mauro,
    in programma su Sky, la serie evento IL MIRACOLO.

    Aspettiamo <>http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_heart.gif

  • 15 Maggio 2018 in 12:00
    Permalink

    quindi dovrebbe essere
    frattali
    gazzola iacoponi di cesare anastasio
    dezi scavone barillà
    ciceretti ceravolo di gaudio

    poi visto che si deve mettere bene
    insigne/ ciceretti
    Lucarelli / di gaudio
    scozzarella/ scavone

  • 15 Maggio 2018 in 13:34
    Permalink

    considerazione senza malizia ma solo analizzando gli ultimi campionati di A nelle retrocessioni e di B nelle promozioni dividendo l’ Italia in sud, centro e nord.

    attualmente in A
    sud 6 : napoli, roma , lazio , Benevento, crotone, caglieri
    centro 4 : spal , bologna, sassuolo , fiorentina
    nord 10 : le altre

    stagione 2013/14 dalla A
    retrocesse 1 sud, 2 centro —- salite 1 sud , 2 centro

    2014/15
    retrocesse 1 sud, 2 centro —— salite 1 sud , 2 centro

    2015/16
    retrocesse 1 sud, 1 centro, 1 nord —— salite 2 sud, 1 centro

    2016/17
    retrocesse 1 sud, 2 centro —— salite 1 sud, 1 centro, 1 nord

    2017/18
    retrocesse 1 sud, 1 nord , ? —– salite 1 centro, ? , ?

    tutto questo per dire che l’ equilibrio geografico in A conta.
    1 fra Frosinone, palermo o bari in serie A ci deve andare per forza.

    l’ altra retrocessione avverrà fra sud (crotone) e centro (spal). le altre giocando in casa le penso fuori dai giochi.

    sarebbe davvero utile salire venerdì e chiamarsi fuori prima di domenica (ma già davanti a queste statistiche magari casuali la vedo dura) per evitare 2 retrocessioni dalla A di squadre del sud che magari rendono ancora più “complicati” i play off.

    • 16 Maggio 2018 in 16:54
      Permalink

      e quale sarebbe la squadra del centro a salire in A?? ma dai…

  • 15 Maggio 2018 in 14:28
    Permalink

    Caro Moronsky, sai per caso se Sierralta è in prestito secco o con diritto di riscatto? Perchè nel caso, esercitiamo subito l’opzione.
    Seconda domanda, la situazione cartellini gialli si trascina pure negli eventuali playoff oppure si riparte da zero?
    Perchè nel primo caso… c’è da stare ben attenti…

    • 15 Maggio 2018 in 18:34
      Permalink

      Sierralta, prestito secco dall’Udinese

    • 15 Maggio 2018 in 19:09
      Permalink

      C’è da stare attenti..

    • 16 Maggio 2018 in 19:14
      Permalink

      Questo è quello che ho trovato io nel codice di giustizia sportiva della Figc:

      “12. Per le sole gare di play-off e play-out delle Leghe professionistiche:
      a) le ammonizioni irrogate nelle gare di campionato non hanno efficacia per le gare di play-off e play-out;
      b) la seconda ammonizione e l’espulsione determinano l’automatica squalifica per la gara successiva, salvo
      l’applicazione di più gravi sanzioni disciplinari. Le sanzioni di squalifica che non possono essere scontate in
      tutto o in parte nelle gare di play-off e play-out devono essere scontate, anche per il solo residuo, nel campionato successivo, ai sensi dell’art. 22, comma 6.”

  • 15 Maggio 2018 in 16:22
    Permalink

    A fine campionato si resettano tutti i cartellini

  • 15 Maggio 2018 in 22:44
    Permalink

    Leggo pareri contrastanti …io , adesso come adesso, sinceramente non lo so …mi informerò….
    se gira come ai mondiali o agli europei …dovrebbero azzerarsi ma….proprio,,,,non ne ho idea..
    moro

  • 16 Maggio 2018 in 10:53
    Permalink

    Buongiorno Mauro!

    è tanto che non scrivo quel che penso, perchè spesso avrei scritto robe poco educate…eheh

    Leggo che Sierralta avrebbe conquistato buona parte della tifoseria…io avendolo visto da molto vicino a Vercelli..onestamente l’ho trovato molto incerto palla al piede…anche se sempre ben posizionato…

    Detto questo, questione playoff…qui stiamo facendo mille calcoli…andiamo a trovare memorie storiche, ma qualcuno ha pensato ad una statistica di quante squadre abbiano mai vinto i playoff due stagioni consecutive? Mi sembra almeno improbabile…

    Ricordo il Torino di a cavallo del fallimento e l’arrivo di Cairo, ma quelli furono Playoff entrambi in B, con una squadra già fatta per la A…buh..

    In ogni caso, io d’Aversa, e lo dico dalla trasferta di Brescia, non lo confermo. Purtroppo per come la vedo io, se perdi 2-0 senza fare un tiro in porta vali il Brescia, cosi come la ProVercelli o il Cesena, NON ESISTE sentirsi più forti del Frosinone in queste condizioni. Poi se il Signore ci fa la grazia…noi la accettiamo di buon grado ecco eheh.

    Analizziamo un attimo anche la Rosa, perlopiù composta di ultratrentenni (qualche over 35…e nemmeno pochi), con tanti tanti infortuni che ne sono conseguiti..quanti di questi sarebbero in grado di fare un’altra stagione ad alti livelli? che sia A o B, tanti dovranno salutare…

    Ceravolo..mi ha fatto parzialmente ricredere, non è così un bidone come pensavo..e probabilmente avrebbe fatto molto comodo in passato…solo non è un fenomeno come qualcuno lo descrive..in fondo è semplicemente un centravanti vecchio stile Bobo Vieri…e serve come il pane la sua grinta…speriamo arrivino altri gol importanti..

    il Foggia farà la sua partita…e magari Kragl (non so se giocherà) farà un bel gol dell’ex..la partita per il frosinone pesa moooolto, almeno quanto peserà per noi vincere a La Spezia…riguardo le sparate del Sindaco di Frosinone….gente cosi andrebbe semplicemente silenziata…al pari di Zamparini…il quale mi stupisce non sia stato deferito.

    Mi permetto di fare una domanda…leggevo ieri che vacca è deferito per pagamenti in nero ricevuti dal foggia…questo cosa comporta??

    • 16 Maggio 2018 in 12:04
      Permalink

      Comporta che al termine del procedimento potrebbe essere squalificato da 3 a 6 mesi

    • 16 Maggio 2018 in 14:24
      Permalink

      Ciao LucaDena ben tornato, come stai ?
      si, per il discorso dell’età dei tanti in rosa potrei essere d’accordo parzialmente….
      io dico che

      MUNARI 1983
      DI CESARE 1983
      CALAIO’ 1982
      ..potrebbero tranquillamente restare in rosa…nel gruppo…andando a coprire detti ruoli con gente è giovane, con esperienza alemno 2/3 anni di max categoria ma, credimi, alla fin fine, tutti torneranno utili …

      LUCARELLI ..beh, 1977, 41 anni da compiere, …credo che sarebbe una RI-ALTRA- SODDISFAZIONE ENORME, PER LUI, essere nel gruppo….
      SENZA PRETESE
      SENZA OBBLIGHI
      SENZA FASCIA……darebbe ancor + lustro alla sua carriera, performance e con questo sarebbe il vero UOMO PARMA …qui ormai da 11 anni …

      SERVIRANNO …

      3 PORTIERI ( 1 giovane )
      10 DIFENSORI ( 2 giovani )
      7 CENTROCAMPISTI ( 2 giovani )
      7 ATTACCANTI ( 2 giovani )

      poi ..tutto dipenderà dalla categoria, dal Direttore Sportivo e dal Mister…..ma, se restano quelli attuali, sarà proprio come ho scritto io…forse, a parte Lucarelli, tutti gli altri “vecchietti” resteranno …
      così almeno credo
      moro

  • 16 Maggio 2018 in 13:22
    Permalink

    Ceravolo un bidone ? Non credo lontanamente forse non avevi seguito la B l’anno scorso.
    Anche Gilardino un ex se come dici vale la regola…meglio scordarsi la regola.
    D’accordo sul resto …partite povere, mister anche lui sullo slirato…ma cmq siamo li’ con gli altri che vuol dire che la mediocrità la fa da padrona.
    A caval donato…..

  • 16 Maggio 2018 in 14:15
    Permalink

    Importante che non venga intaccato il PARMA CALCIO ( al di la dell’assenza del giocatore che, cmnq, non pago, visto che il suo EVENTUALE NON POTER GIOCARE NON DIPENDEREBBE DAL PARMA CALCIO …anzi, proprio da questo viene penalizzato ma…credo che cio non avverrà…se dovesse essere squalificato , magari potranno stabilire una riduzione di stipendio proprio per detto motivo ….)

    • 16 Maggio 2018 in 18:56
      Permalink

      gli ultimi nervosi Son stati in per il Parma per cui direi che va tutto bene grazie! Eheheheh

      Detto ciò…non sputo su niente e nessuno quest’anno, men che meno su un po’ di fortuna..dico solo che spesso giochiamo sottoritmo..spesso ci siamo trovati con 4/5 infortuni per reparto…insomma non può esser un caso..

      La fortuna è stata di contro avere a turno dei giocatori in forma determinante…la difesa inizialmente…poi insigne…Calaiò..di gaudio..ora Barillà…se ora in 2/3 tra cui Ceravolo ingranassero non sarebbe male..

      Lucarelli esula per me dal discorso vecchietto…io uno così lo vorrei sempre nello spogliatoio, è il filo conduttore tra ciò che era, ciò che è e ciò che deve tornare ad essere..

      Mi girano un po’ che questo ultimo turno sarà al venerdì…fosse stato sabato mi sarebbe piaciuto venire giù a sperare nell’insperabile..

      Ah a proposito…ci tengo a fare i complimenti a tutti i tifosi gialloblù, ogni volta che vengo all’ennio o in trasferte come quella di Vercelli, mi accompagnano volentieri amici appassionati ma tifosi di altre squadre…nonostante questo vogliono sempre tornare..e mi riempie d’orgoglio..

      Ultima cosa…2 anni fa 17 aprile…l’anno scorso 17 giugno…Ci manca maggio..che cadrebbe il 18…ma vai a sapere, prendiamolo come un posticipo..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI