CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone – QUALCHE RIFLESSIONE SULL’INCHIESTA SPEZIA-PARMA

gianni barone(Gianni Barone) – In questa calda domenica di Giugno che indurrebbe tutti a farsi un bel bagno, magari proprio nel Golfo di La Spezia, ci tocca col badile smuovere i fanghi attorno alla partita valsa la promozione delle promozioni dei Crociati, appunto quello Spezia-Parma del 18 Maggio 2018. Già, 18 Maggio, per via dei corsi e dei ricorsi storici una salutare grattatina a ciò che ci è rimasto dell’apparato di un tempo è necessaria, se si considera che il precedente 18 Maggio fu quello del 2014 che sancì il diritto sul campo a partecipare alla seguente Europa League, possibilità poi immediatamente svanita per via di quei 300.000 euro tardivamente versati dal Ghiro & C., atto prima di una precipitosa discesa che ci portò tra i Dilettanti prima della risalita record con tre promozioni tre: ora il rischio che per una leggerezza possa addirittura esser cancellato il “Come noi nessuno mAi” aleggia tra i più pessimisti: possibilità estremamente remota come ci conforta l’Avvocato Paolo Malvisi, firma illustre, temporibus illis di StadioTardini il quale, intercettato da Parma Today paolo malvisipoche ore fa ha dichiarato: “Tre sms sono il nulla”. Questo il virgolettato completo dell’uomo di legge, che tra l’altro, in serie C, è  delegato di Lega nell’ambito della Commissione Sicurezza e Controllo Sportivo: “Non possono tre messaggi mettere a rischio la promozione del Parma. Ci deve essere ben altro per un eventuale deferimento. Probabilmente la vicenda si chiuderà con l’archiviazione e solo tre sms – che non sono nemmeno congruenti tra di loro – non presuppongono un deferimento né per i giocatori né per la società per responsabilità oggettiva. Francamente eviterei di parlare di sanzioni, perché c’è un problema grosso di impatto mediatico. Visto che sono situazioni molto complesse evitiamo gli allarmismi. Sulla base delle indagini che farà la Procura bisogna sapere se c’è archiviazione o deferimento. In base alla mia esperienza finirà tutto in una bolla di sapone. Tre sms sono praticamente il nulla”. Se il noto professionista induce ad esser prudenti e a non sbilanciarsi su quale sarà il futuro, al contrario ci sono alcuni organi di cor sport procura incalzastampa che ci stanno marciando in verso contrario, come ad esempio la versione rossa (Centro Italia) del Corriere dello Sport Stadio che, da falco, titola: “Messaggi Sospetti. La Procura incalza”, dando un’impronta visibilmente colpevolista, elencando, nel pezzo a firma di Tullio Calzone, che il rischio per la società è un deferimento per responsabilità oggettiva: articolo 1 del Codice di Giustizia Sportiva (slealtà per l’inopportunità dell’invio del messaggio a pochi giorni dalla partita) oppure per l’articolo 7 CGS (per tanto illecito). Esclusa in ogni caso, la responsabilità diretta del club emiliano non essendo coinvolto alcun suo legale rappresentante”. Bontà sua, verrebbe da dire… Facendo un passo indietro di 24 ore, anche 30 ormai, ma ancora non m’è passata la nausea, qualche fastidio lo ha provocato la visione delle locandine dei giornali locali che campeggiavano ieri dinnanzi le edicole della città dell’Arsenale: in particolare – poco consona ai fatti e con un virgolettato attribuito allo Spezia, senza che dello Spezia abbia mai parlato con loro o qualcun spezia locandinealtro, almeno ufficialmente – quella de La Nazione, che si divide il mercato della carta stampata del posto con il Secolo XIX: “Spezia: «Pressioni per perdere con il Parma»”. Nelle due pagine interne, manco una riga di virgolettato di qualcuno che potesse giustificare un urlo del genere. Deontologicamente credo si possa stigmatizzare. Già c’è un “odio” (per me senza senso) tra le due tifoserie estreme un tempo gemellate, già questa vicenda rischia di aumentarlo, se poi ci si marcia, amplificando, come cronisti non stiamo facendo il nostro corretto lavoro. Anzi. L’impressione che ne può sommariamente derivare, agli occhi di chi si fa un’opinione a caldo, come avviene ora ai tempi dei social, è che lo Spezia abbia denunziato il Parma per fargli uno sgarro; probabilmente, invece, una corretta lettura, o per lo meno più equilibrata, va nella direzione di un loro volersi tutelare. data la delicatezza della questione e del momento. Chi ha ricevuto gli SMS (noto che il Fatto Quotidiano, invece, parla di Whatsapp che ha rovinato la festa al Parma, e anch’io propendo sul fatto che possa essere stato questa moderna app più che l’ormai obsoleto sistema degli short message, ma poco cambia, se non la velocità e facilità di esecuzione, magari con inserimento di emoticons che, almeno secondo chi li usa abitualmente, sono parte integrante di un testo, chissà se è così pure per gli austeri giudici che magari usano il telefono solo per telefonare e non per farci anche il caffé o fare il simpa tredicenne con cuoricinil fatto parma whatsappi e faccine), sentendosi a disagio e per non  incorrere nella sanzione di omessa denuncia, la denuncia, esercitando un proprio dovere, l’hanno fatta. Poi, giustamente, dopo essersi scaricati l’incombenza e la coscienza, mo’ saranno problemi del Parma e di chi deve giudicare quanto quelle comunicazioni fossero una pressione a perdere. Tolto che le pressioni a perdere penso si esercitino diversamente da due o tre sms o Whatsapp, sia pure palesemente da evitare e i cui contenuti (circa “Ci vediamo prossimamente” e “Mi raccomando non picchiatemi troppo…” secondo la GdP), al di là della pelosa curiosità di qualcuno, il club penso abbia fatto bene a non rivelare direttamente per evitare l’ulteriore beffa per eventuale violazione del segreto istruttorio, segreto, peraltro, violato, da chi – come giustamente rimarcato dalla Società – ha spifferato ai media dell’inchiesta. Sarà perché anch’io SONO della vecchia guardia come Sandro Piovani (se fosse rimasto pubblicista anche lui avrebbe il tesserpiovani il bel tacerino color verde come il mio e non vinaccia), ma condivido (“quoto” per i più giovani) il suo pezzo di stamani «Il bel tacer non fu mai scritto»: col suggerimento “meglio bloccare le tastiere dei cellulari”. Ecco come argomenta il collega il suo pensiero:  “Tutto questo polverone da cosa nasce? Da tre sms «ingenui». E inutili. Che due giocatori esperti come Fabio Ceravolo (31 anni) ed Emanuele Calaiò (36) hanno spedito a due colleghi-amici e, per 90′, avversari. Due giocatori, Ceravolo e Calaiò, che conoscono bene il calcio italiano, fondato più sul sospetto che sulla meritocrazia. Per questo l’ingenuità commessa quattro giorni prima della gara è incomprensibile. Ingenuità che i giocatori crociati evidentemente non faggiano festeggiatohanno saputo valutare, nonostante l’esperienza. Ecco perché, in casi come questi, deve venire in soccorso la società. Con un regolamento interno inflessibile e severo, un regolamento che non presti il fianco a nessun fraintendimento. I calciatori non sono bambocci ma evidentemente a certe tentazioni proprio non sanno resistere. Per questo vanno indirizzati sulla giusta strada. E’ evidente che l’inchiesta della Procura Federale sia un atto dovuto ma è altrettanto evidente che nasca da sms giudicati ambigui. Non proposte di combine, tanto meno di denaro e tanto meno di accordi sottobanco. Ci mancherebbe. Sms semplicemente ambigui, spediti da ragazzi poco avveduti. Meglio non rischiare però con la giustizia sportiva”. Regolamenti interni severi e inflessibili? Sulla carta ceravolo instagramesistono già, certo implementabili, a mio modo di vedere dovrebbero essere soprattutto fatti rispettare con un certo rigore, senza far finta di niente. L’impressione che ho io è che ci sia troppo permissivismo: poi la Promozione ha cancellato tutto, ma molti tifosi, inclusi e soprattutto i Boys, non è che abbiano mai goduto le frequenti esternazioni, alcune francamente pure discutibili, sui social di alcuni giocatori: lo stesso Ceravolo, uno dei protagonisti di questa vicenda, è ad esempio tra i più assidui compositori da social: e se può farlo lì che è pubblico, why not? in privato? Se la serie A, come tutti auspichiamo, sarà confermata, sarà bene cogliere questa lezione, cercando di essere ed avere a tutti livelli atteggiamenti da top professionisti. Va infine salutato con estremo piacere l’editoriale su TuttoSport di Xavier Jacobelli che, dopo jacobelli tuttosportl’involontaria cura dei fanghi di queste ultime ore, è stato un vero toccasana per chi ama con cuore sincero i colori Crociati: “Attenti alle colate di fango”. Jacobelli appunta: “Il Parma ha riconquistato sul campo la serie A e nessuno, senza uno straccio di prova, si può permettere di metterla in dubbio. Il Parma merita rispetto, lo stesso cui hanno diritto lo  Spezia e i giocatori coinvolti nella vicenda. Ecco perché bisogna stare molto attenti alle colate di fango, alle congetture, alle supposizioni sparate a casaccio. Gli scandali di questi anni dovrebbero avere insegnato molto. O almeno qualcosa. Anche alla giustizia sportiva”. Il Parma stesso, stanco delle continue insinuazioni interessate degli ultimi anni da più parti (in primis Zamparini, ma anche il suo ex dipendente Tedino e Lovisa, del Pordenone, e buon ultimo Lo Monaco del Catania) nella nota stampa emessa il giorno dopo l’emerge dei fatti, ha fatto capire che la misura è ricolma e che farà fare gli straordinari al proprio ufficio legale per rintuzzare chi insisterà ad azionare la macchina del fango. Sempre da Tuttosport, il corrispondente dalla Spezia Armando Napoletano, ha riferito delle scritte apparse all’esterno del Centro Sportivo Ferdeghini, ove ha sede la società bianconera: alcune erano inneggianti ai delatori Pippo De Col e Filippo Masi (“visti come la faccia onesta della storia”), altri contro Claudio Terzi, il capitano della squadra bianconera e verso Calaiò. Oltre che verso parte della stampa. Ecco questi murales contribuiscono a render ancora più fosca la situazione, magari agli occhi di chi deve giudicare serenamente e che potrebbe esser trasportato lontano dai binari che a noi paiono più razionali (cioè l’ingenua cavolata) per pensare a chissà quale trama. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO, di Gianni Barone – QUALCHE RIFLESSIONE SULL’INCHIESTA SPEZIA-PARMA

  • 10 Giugno 2018 in 22:54
    Permalink

    Non vorrei che i 2 dello Spezia andati in procura abbiano subito minacce e pressioni da parte dei tifosi.

  • 10 Giugno 2018 in 22:54
    Permalink

    Un gran bell articolo.
    Ha fatto bene a riportare L opinione di malvisi che per quello che posso capire mi sembra abbia fatto in analisi impeccabile e previsioni verosimili.
    Fa anche bene a rimarcare, quasi ad approvare, eventuali azioni del Parma verso una parte di stampa perché non sono mancati commenti ed articoli che lo meriterebbero.
    Al tempo stesso però non so fino a che punto si possa sostenere gesto ingenuo dei giocatori. Sarà perché nei messaggi non è possibile evincere il tono ma a me il messaggio di calaio non è piaciuto per niente e tanti in tutta Italia lo hanno interpretato come me. Comunque vada il danno lo abbiamo subito e dal mio punto di vista è molto grave perché il 99% degli sportivi non sa neanche cos e l art 1 l art 6 etc, punibili o meno la sintesi è che qualcuno ha mandato messaggi prima della partita decisiva. A me fa molto male la cosa, non infierisco sul giocatore perché non ne vale neppure la pena, pure il capitano ha fatto, boccaccia mia statte zitta

  • 10 Giugno 2018 in 23:15
    Permalink

    Segreto istruttorio? Se non l’ha capito è la procura federale che sta facendo l’inchiesta, mica un triibunale, non possono obbligare proprio nessuno a tenere segrero niente, possono solo prendere deciisioni in merito ai tesserati su questioni sportive in ambito sportivo.

  • 11 Giugno 2018 in 10:41
    Permalink

    Comunque pare si stia già andando verso l’archiviazione…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI