IL CORRIERE DELLO SPORT: “L’INCHIESTA SPEZIA-PARMA NON SI FERMA”

Ieri mattina, traendo un certo sospiro di sollievo, avevamo riferito il lieto annunzio, tratto da una breve di Repubblica, che la Procura Federale era ormai orientata verso l’archiviazione. Di parere opposto, invece,  stamani, martedì 12 Giugno 2018, il Corriere dello Sport Stadio, secondo cui gli investigatori starebbero proseguendo l’inchiesta: “SPEZIA-PARMA NON SI FERMA” urla, ulula, il titolo a tutta pagina del servizio di Edmondo Pinna. Per chi è meno avvezzo alle robe di stampa facciamo presente che il quotidiano è romano – tanto come Repubblica – e dunque potrebbe esser teoricamente vicino al Palazzo. Il fatto gli è, però, che il Palazzo, di solito, quando intende far trapelare qualcosa opta, di solito, sulla più diffusa Gazzetta dello Sport, non a caso il giornale che, quando è scoppiato il caso, aveva i maggiori dettagli, con tutti gli altri a traino, compreso il CorSport, ma non molti meno dettagli rispetto a chi avrebbe dovuto fare lo “scoop” in esclusiva. Questo solo per evitare che ci si fasci la testa in questo otto-volante, che ci porta su e poi precipitevolissimevolmente giù, ricordando che comunque è sempre concreta solo l’ufficialità di una notizia, bella o brutta che sua, e non il semplice spiffero o zefiro. Il non si sa bene quanto ben informato Pinna, armato di condizionali, riferisce che ci sarebbero “altre audizioni in vista, ancora qualcosa da chiarire, magari di marginale, proprio per non lasciare nulla per strada e fare piena luce sugli SMS che Calaiò (soprattutto) e Ceravolo hanno inviato ai colleghi dello Spezia, Fillippo De Col e Alberto Masi. Messaggini sconvenienti, sicuramente, ma che lascerebbero la porta aperta all’accusa più pesante nell’ambito dell’ordinamento sportivo, quello dell’illecito. Perché, per le norme, vale anche il <tentativo di…> e dunque anche l’ultimo SMS, quello che per gli inquirenti potrebbe anche essere un tentativo di allontanare i sospetti (<tanto non gioco>, <non vorrei avessi capito male> o qualcosa del genere, è per dare il senso) potrebbe avere un peso. Il procuratore federale, Giuseppe Pecoraro, stra stringendo i tempi, l’intenzione sarebbe quella di chiudere l’inchiesta entro venerdì, alla vigilia della finale di ritorno tra il Palermo e il Frosinone. Non un caso.” Verso la fine dell’articolo Pinna spiega il perché: “La perdente della finale di ritorno fra il Frosinone e il Palermo avrebbe diritto di presentarsi da terzo interessato in giudizio (solo in caso di deferimento per illecito, ovviamente). A quel punto sarebbe difficile far passare l’afflittività della sanzione alla prossima stagione, ma pure pensare che il Parma possa avere una doppia punizione (perdita della A diretta e impossibilità di giocare ai play off). Un bel ginepraio”. Il giornalista, insomma, vede spianata la strada del deferimento (in particolare di Calaiò) rispetto all’archiviazione avanzata ieri da Repubblica: “La Procura sta continuando a valutare il materiale probatorio. Ha già ascoltato sia Ceravolo che Calaiò, la posizione più scomoda sarebbe proprio la sua. I messaggini che ha inviato sono sicuramente sconvenienti, in altre situazioni (diciamo pure con nulla in palio) potrebbero anche inserirsi in un semplice <articolo 1 bis> (lealtà e probità). Ma potrebbero anche inquadrarsi in un tentativo di illecito, il che inguaierebbe (per responsabilità oggettiva) anche lo stesso Parma. Gli 007 di Pecoraro hanno anche ascoltato i giocatori dello Spezia, De Col e Masi, per avere un quadro chiaro della situazione. La volontà è quella di chiudere in fretta, difficile che possa esserci archiviazione. Perché, bene che vada, proprio Calaiò rischia di essere deferito quantomeno per slealtà sportiva (nel caso ammenda per il Parma). Ma – è (notarsi bene l’uso dell’indicativo e non del condizionale “sarebbe”, dunque ne è certo…, ndr) la riflessione che stanno facendo nelle segrete stanze di Via Campania, sede della Procura – è possibile derubricare, tout court, tutto alla slealtà? Ecco il perché di altre audizioni, i prossimi giorni saranno di riflessione. L’indirizzo, per ora appena abbozzato, all’esame delle carte a disposizione, sarebbe quello di inchiodare soprattutto i giocatori alle loro resposanbiltià. In questo quadro non entrerebbe Gilardino per quel rigore sbagliato (sarebbe stato quello dell’1-1), il suo sarebbe un errore punto e basta”.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

23 pensieri riguardo “IL CORRIERE DELLO SPORT: “L’INCHIESTA SPEZIA-PARMA NON SI FERMA”

  • 12 Giugno 2018 in 10:13
    Permalink

    A questo punto se ci deferiscono
    e ci buttano in B non dandoci
    nemmeno la possibilità dei play off
    bisogna ritirare la squadra dal
    campionato.
    SE SI È UOMINI E NON.PAGLIACCI
    BISOGNA FARLO.
    Non ci vogliono nel calcio
    Inutile restare a dispetto dei santi

    • 12 Giugno 2018 in 12:47
      Permalink

      Ma sei normale?

  • 12 Giugno 2018 in 11:04
    Permalink

    Fermo restando che confidiamo tutti di non doverci porre il problema, avevo letto altrove che se la condanna fosse successiva all’ultima partita (ossia finale playoff) la sanzione andrebbe scontata necessariamente nella prossima stagione. Non è obiettivamente molto chiaro questo concetto di pena afflittiva.

  • 12 Giugno 2018 in 11:15
    Permalink

    Quindi rimaniamo in B e calaio ha finito di giocare????
    Non capisco come mai con una cosa cos’i importante la società non abbia ancora rassicurato i tifosi… forse qualcosa di vero ci sarà….

    • 12 Giugno 2018 in 12:47
      Permalink

      veramente ha fatto un comunicato…

    • 12 Giugno 2018 in 14:22
      Permalink

      E’ stato fatto un comunicato sabato, sveglia

  • 12 Giugno 2018 in 11:37
    Permalink

    Complimenti Calaiò

  • 12 Giugno 2018 in 12:49
    Permalink

    Secondo me per pensare che la categoria possa essere a rischio per una roba del genere, non bisogna essere tanto normali…

  • 12 Giugno 2018 in 13:16
    Permalink

    Solo la responsabilità diretta ci farebbe perdere la sieria A, ma questa non è mai stata neanche ipotizzata.

  • 12 Giugno 2018 in 13:25
    Permalink

    dai dai ragazzi basta con questa pagliacciata!
    capisco che dovevano salire due squadre del sud e che la geografia calcistica in A si è spostata ma direi basta.
    oppure che facciano la A con 21 squadre se hanno questa incredibile esigenza.
    un po’ di buon senso e correttezza.
    e allora il tipo del Frosinone che va dopo il 2-2 da quello del Foggia e gli dice… cosa ve ne fate del pareggio più penso anche ben altro che le telecamere non hanno colto…
    li va tutto bene?
    l

    • 12 Giugno 2018 in 13:54
      Permalink

      Concordo direi che sia ora di darci un taglio.
      Sempre e solo forza Parma

  • 12 Giugno 2018 in 14:16
    Permalink

    La società porge sempre l’altra guancia
    in modo evangelico e la prende sempre
    in quel posto dove non batte il sole ma
    subisce con dolore ma subisce sempre.
    Non critica mai nessun arbitro, non denuncia
    mai fatti che ci penalizzano.
    Prende pugni alla Tyson ma al Parma
    TUTTO VA BENE
    Accetta e subisce e pertanto vista che manca
    la reazione, tutti si scagliano su di lei e gliela
    mettono in quel posto visto che non reagisce.
    La società anche ora non parla.
    Non pubblica gli SMS.
    Sembrano la società una società di fantasmi
    Sembra che tutto gli vada bene anche
    la retrocessione.
    Potrebbe farlo, potrebbe farsi sentire
    pubblicamente ma non lo fa per rispetto ma
    il rispetto verso chi?
    E poi il rispetto bisogna meritarselo e la procura
    non se lo b sta c meritando.
    A questo punto o i giornalisti di Repubblica
    hanno dato notizie false o invece le hanno date
    i giornalisti del Corriere dello sport.
    DA QUESTO BIVIO NON SI SCAPPA
    NON C’È VIA DI FUGA
    Vediamo se sono più seri i giornalisti
    di Repubblica o quelli del Corriere dello sport.
    Vediamo CHI VOLEVA VENDERE PIÙ COPIE.
    Vedremo ma la vedo
    NERISSIMA

    Prendiamo la Reggiana.
    Sportivamente l’arbitro dando al novantanovesimo
    un rigore al Siena SUPERinesistente ( era fallo per la,Reggiana)ha chiarito tante cose.
    Senza quel rigore la Regia andava in semifinale
    e forse sarebbe venuta in B essendo del lotto
    la squadra piu forte
    Per ” il palazzo” la Reggiana deve rimanere.in C
    e quello.il suo habitat naturale e hanno fatto di tutto
    affinché la missione fosse compiuta.
    Per ” il Palazzo” il Parma deve rimanere in B.
    È questo per il “Palazzo” l’habitat naturale del Parma
    La procura si è attaccata a niente ma anche
    il niente può essere devastante se non ti vogliono con loro
    e se ti vogliono attaccare al muro.
    Altro che serie A è vedrete che ci terranno in B senza averci fatto fare i play off.
    CI DETESTANO
    NON CI VOGLIONO
    forse perché c’invidiano tutto quello che abbiamo
    Ci hanno fatto festeggiare ma poi noi…..porgeremo l’altra guancia.
    come da prassi CONSOLIDATA NEL TEMPO.

  • 12 Giugno 2018 in 14:17
    Permalink

    Infatti …. aria fritta che la magistratura sta per archiviare perchè non c’è nulla…. I giornalisti non sanno ora di cosa scivere per vendere giornali ed allora ingigantiscono, fino ad inventare….
    Ripeto…. meno male che fra poco inizia il mondiale….

  • 12 Giugno 2018 in 15:46
    Permalink

    Non mandate
    in vacanza gli
    avvocati del Parma.
    Presumo che
    quest’estate
    saranno molto
    impegnati.

  • 12 Giugno 2018 in 19:12
    Permalink

    uno “scandalo” estivo che consente a Velenoso di scrivere interventoni tragicomicihttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_mail.gif

  • 12 Giugno 2018 in 20:44
    Permalink

    Venerdì si saprà tutto
    speriamo di non essere in lutto

    Ci vogliono quei ladroni affossare
    solo perché non sappiamo rubare

    Zamparini vuole il nostro posto
    e lo vorrà pagando qualunque costo

    Siamo troppo puliti per questo mondo
    È per questo che ci vogliono buttare a fondo

    Calajo con i messaggini ha scazzeggiato
    Era meglio che a gennaio se ne fosse andato.

    Ora non ci resta che sperare
    in questa giustizia che fa solo cagare

    Spero solo in questa società
    che mette al primo posto la lealtà

    Spero si ribelli a questa dittatura
    a questi ladri, a questa lardura
    ma io ve lo confesso ho tanta paura.

    • 12 Giugno 2018 in 22:55
      Permalink

      Mi ricordi gli Skiantos

    • 13 Giugno 2018 in 15:30
      Permalink

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

      velenosorap

  • 12 Giugno 2018 in 20:47
    Permalink

    Ma per favore! Illecito per 2 SMS? I giornalisti ci odiano proprio per scrivere cose del genere.

  • 12 Giugno 2018 in 23:59
    Permalink

    Ragazzi ma cosa dite ?
    ma che complotto ma che cosa ma che giornalisti della mia minc…!
    Di cosa stiamo parlando ?
    Del Mattino, tramite il sig. nello m ?ù
    che ha lanciato un sasso pesante senza nessuna prova ?
    sasso che le indagini accurate hanno tolto dal laghetto ?
    ma, intanto, l’opinione pubblica e le contraeree avversarie sguazzavano nel brodo propinato come losco e torbido ..!!

    3 msg prima di una gara, decisiva solo per noi, e si creano fantasmi, allarmi, allarmismi, NO, IO NON CI STO AI PROCESSI ANTICIPATI, ALLE GOGNE MEDIATICHE, AI TITOLONI ..DAGLI ALL ‘UNTORE …NO NO ..
    BASTA, E’ ORA DI DIRE BASTA,,, IN MODO FERMO E DECISO ,,,

    O SI TIRANO FUORI DELLE PROVE O SI PAGA..
    IN QUERELE ..DIFFAMAZIONE …DANNO D’ IMMAGINE ..
    gli avvocati di parte sapranno come muoversi, sicuramente meglio di me.…
    però io CONTINUO A GRIDARE CONTRO UN SISTEMA SPORCO, GIORNALISTICO DA STRAPAZZO E ….prima di infangare ( anche se col condizionale )
    bisogna pensare a ciò che si mette in stampa ,,,NERO SU BIANCO …siete giornalisti iscritti o IMBIANCHINI ..cazzo ?

  • 13 Giugno 2018 in 00:03
    Permalink

    e ti Velenoso …DAG UN TAJ
    non è successo un cazzo ..
    faremo la Serie A
    lotteremo per la salvezza ma…
    venderemo cara la pelle
    …con Calaiò, Ceravolo …VIVIANO, SILVESTRE e pure HETENAJ
    .. ( chilù l è finlandes ..al prim ed la storia dal Paerma ..dai là )

    tola su dolsa Vele …fa al brev ….

  • 13 Giugno 2018 in 00:04
    Permalink

    HETEMAJ

  • 15 Giugno 2018 in 17:23
    Permalink

    Ohi Moro sle vera che arrivan Viviano SILVESTRE Sala Quagliarella Hetemaj e qualcun altro siamo già a 50 punti …..alza l’asta!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI