NOTA DELLO SPEZIA: “NOSTRA CONDOTTA ISPIRATA AL MASSIMO RIGORE E AL RISPETTO DELLE REGOLE”

SPEZIA LOGO(www.acspezia.com) – In seguito al clamore mediatico sviluppatosi nel periodo successivo all’incontro Spezia-Parma del 18 maggio scorso, la società Spezia Calcio intende chiarire che, nel pieno rispetto delle normative federali previste dal Codice di Giustizia Sportiva, si è immediatamente attivata per trasmettere alla Procura Federale il contenuto dei messaggi ricevuti nei giorni precedenti la partita in questione dai propri tesserati Filippo De Col ed Alberto Masi, rimettendo agli organi competenti la valutazione di eventuali profili di illiceità.

Nel denunciare quanto appreso, Spezia Calcio e i propri tesserati, si sono quindi attenuti ad una condotta ispirata al massimo rigore e rispetto delle regole, evitando sia ai calciatori che al Club sportivo di incorrere in qualsiasi forma di illecito.

Lo Spezia Calcio si dichiara completamente estraneo a qualsivoglia fatto ed accadimento di cui alle notizie diffuse a mezzo stampa e provvederà a tutelare i propri interessi e ad esercitare i propri diritti nelle opportune sedi a fronte delle dichiarazioni che l’hanno riguardato (e che in futuro potranno riguardarlo) in relazione a tale vicenda, laddove possano in qualche modo risultare lesive della propria immagine e reputazione.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

38 pensieri riguardo “NOTA DELLO SPEZIA: “NOSTRA CONDOTTA ISPIRATA AL MASSIMO RIGORE E AL RISPETTO DELLE REGOLE”

  • 22 Giugno 2018 in 11:02
    Permalink

    Ecco questa mancava.. Non l ho protetto capita ma va bene così

  • 22 Giugno 2018 in 11:18
    Permalink

    volevo scrivere “non l’ho proprio capita”

  • 22 Giugno 2018 in 11:26
    Permalink

    Certo che nessuno ha ipotizzato che se chi è andato a denunciare il fatto (giocatori dello spezia) ha dichiarato che il messaggio era per alterare il risultato della partita siamo spacciati……
    Facciamo senza fare il processo….
    E da spezia sembra proprio che i due calciatori interrogati abbiano dichiarato questo….

    • 22 Giugno 2018 in 12:25
      Permalink

      Ma non scherziamo mica devono dirlo quello dello spezia, a loro spetta la segnalazione, hanno ritenuto di farla per evitare casini, ci puo stare, finisce li, ma la condotta di calaio e l’eventuale responsabilità del parma sarà giudicata dal tribunale federale! i giocatori li ascoltano per conoscere fatti non opinioni!
      ormai tutte le carte sono in tavola, noi tifosi è meglio che pensiamo a fare abbonamenti perchè questo abbiamo sempre fatto nelle difficoltà, era sicuramente peggio l’estate di 3 anni fa

    • 22 Giugno 2018 in 13:45
      Permalink

      Ma cosa ne sai tu? Allora non facciamo neanche il processo, dai.

  • 22 Giugno 2018 in 11:51
    Permalink

    ma chi lo dice ??
    ..
    conterà quanto riferito negli interrogatori nei confronti degli inquirenti, sia da parte dei calciatori dello spezia ma pure quelli del Parma..

    non credo proprio che gli spezzini possano aver dichiarato ciò che dici tu…
    da cosa si rileverebbe ? dagli sms ? da telefonate ?
    da intuito soggettivo ?
    dalla discrezionalità di un giudice piuttosto che da quella di un suo collega ? che magari la valuta in modo diverso ?

    insomma dai….acqua sul fuoco ..non benzina…
    ci sono stati già in troppi a buttarne di materiale infiammabile ..
    GIORNALI…GIORNALAI…PRESIDENTI….TUTTI CONTRO TUTTI…
    fanno così gola quei 35/40 milioni di euro che la Serie A porta in dote vero ?
    moro

    • 22 Giugno 2018 in 12:11
      Permalink

      Ciao Mauro…la penso come te…

      in più aggiungo…in totale ignoranza..basandomi sull’intuito (e potrei quindi essere smentito..) mi gioco una birra che l’eventuale verdetto sarà emesso non prima del primo luglio.

      Questo potrebbe significare che ogni eventuale sanzione sarebbe da scontare nella stagione 2018/2019 in quanto la 2017/2018 si concluderà al 30 giugno ufficialmente…

      Credo che in ogni caso le autorità non abbiano interesse a creare un precedente di penalizzazione in una serie B dove riscrivendo la classifica si dovrebbero probabilmente rigiocare i playoff con squadre che sono già state smantellate, allenatori già migrati, giocatori in ferie…

      questo pensiero è ovviamente basato sull’aria fritta/intuito…non su studi di diritto sportivo…

      fatto salvo che a mio avviso…non ci sarebbe alcun motivo per arrivare ad una penalizzazione…in più ti dico…non vivendo in città, forse il clamore di questa faccenda lo vivo un po’ smorzato…e onestamente..amici e conoscenti quando mi parlano di sta storia fanno fatica a prenderla sul serio…

  • 22 Giugno 2018 in 11:57
    Permalink

    Ma ragas ma di cosa stiamo parlando?! …

    ovviamente non si può biasimare lo Spezia per essersi tutelato…ma sta storia è una pagliacciata clamorosa!

    Con tutto che Calaiò poteva evitare…perchè poi una battuta cosi la si poteva fare anche una volta incrociati i giocatori avversari negli spogliatoi…l’impressione è che ci sia un teatrino atto a destabilizzare l’ambiente Parma…

    Ricordo che per esempio le accuse a Conte, alcuni suoi giocatori e il suo Siena furono basate su questioni ben più serie..si parlava di giri di denaro..si parlava di intermediari..mica di un messaggino con scritto di non rompere il cazzein…

    Il mio scenario noir vede in realtà la regia di chi rischia di dare il giro…e che si aggrappa ai vetri per poter stare a galla…qualcuno che…dopo che la notizia uscì ai primi di giugno..un po’ la cavalcò..ma poi c’erano i playoff da giocare…per cui temporeggiò…qualcuno che poi quei playoff li perse…qualcuno che fece ricorso per la partita persa…qualcuno che se lo vide respingere…qualcuno che ora resta in B…e che forse ha vitale bisogno dei soldi della A (o del paracadute derivante da una successiva retrocessione?)…

    beh noi siamo ormai abituati alle palate di m****a…ma come diceva mio nonno…gli stronzi vengono sempre a galla…vedremo che maglietta avrà su…intanto Lugaresilingualunga…

  • 22 Giugno 2018 in 12:12
    Permalink

    Bravo LucaDena. La penso esattamente come te!

  • 22 Giugno 2018 in 12:22
    Permalink

    Ma tal procuratore della Figc Giuseppe Pecoraro è lo stesso che a febbraio 2018 si augura in un intervista che è ben presente in diversi siti della rete che lo scudetto lo vincesse il Napoli anziché la Juve??
    Perché se è così (e a meno che non sia subentrato un omonimo nello stesso ruolo cosa difficile) ritengo assurdo che non sia stato sollevato da tale incarico subito dopo , e che addirittura il soggetto si interessi di questa grottesca storia qua degli sms etc.
    Allora probabilmente è giusto non andarci ai mondiali per decenni.

    Detto questo sono uno dei pochi che rimane convinto che la A non è a rischio.
    Il problema è il danno d’ immagine e i tempi per la costruzione della squadra per la prossima stagione.
    Mi pare che il mercato ufficiale parta dal 01 luglio. se entro tale data non sarà messa la parola fine ritengo che il Parma stesso diventi parte lesa per l’ impossibilità di avere gli stessi tempi nel pianificare gli acquisti rispetto alle altre squadre di qualsiasi categoria.

  • 22 Giugno 2018 in 12:30
    Permalink

    altro ke venite a lerici o san terenzo ecc.!!!! mare sporco

    cucina non all’altezza e prezzi alti !!!! boicottiamoli dai là

    evviva torre del lago e la versilia etor ke canelì e asprelì

  • 22 Giugno 2018 in 12:40
    Permalink

    Siamo seri, il tentativo d’illecito c’è tutto e i giocatori dello Spezia hanno fatto solo quello che dovevano fare.
    Sulla responsabilità oggettiva si può discutere, ma le società sono le prime responsabili perché se ne ricordano solo quando tocca loro, degli altri se ne fregano; adesso che la federazione è commissariata sarebbe il momento giusto per modificarla, ma ne avete sentito discutere? Ovviamente no perché pensano solo ai soldi e alle poltrone!
    Detto questo spero che il Parma se la cavi con una multa o al massimo con una penalizzazione in serie A, anche perché se ci penalizzassero nello scorso campionato avremmo il diritto sacrosanto di giocare i playoff, non importa se a ferragosto; se invece ci rimandassero in b con qualche cavillo burocratico fossi la società ritirerei la squadra.
    Quanto a Calaiò comunque finisca la vicenda non voglio più vederlo con la maglia crociata, e se viene condannato spero gli diano il massimo della pena e che esca per sempre dal calcio (ma sicuramente lo ricicleranno come allenatore o dirigente…)

    • 22 Giugno 2018 in 13:19
      Permalink

      Ma vivi sereno

      • 22 Giugno 2018 in 18:19
        Permalink

        Vivo come pare a me.

    • 22 Giugno 2018 in 15:20
      Permalink

      Penalizzazione?
      Ma tu Galuf sei fuori di testa.

      • 22 Giugno 2018 in 18:16
        Permalink

        Detto da te equivale a un complimento.

  • 22 Giugno 2018 in 13:31
    Permalink

    Non sono d’accordo assolutamente sul tentativo di sollecito …dipende totalmente da come si interpretano i messaggini…
    Innanzitutto faccio un esempio , tutti noi ci ricordiamo le dichiarazioni di guerra dal fronte Spezzino, giornali e curva ligure a lanciare strali contro Parma …”qui non festeggerete nulla ecc…
    Se Calaio’per esempio avesse voluto solo stemperare coi suoi messaggi un clima ostile ?
    Può darsi non sia così, ma dopo aver messo sulla gogna e lo dico anke ai nostri tifosi Ceravolo…forse dovremmo almeno aspettare una sua dichiarazione semmai ci fosse.
    Ripeto l’asinata l’ha fatta ma da li a riuscire ad alterare una partita ne corre …se bastassero 2 sms…sarebbe troppo facile .
    Chi giudicherà’ dovrà essere un bravo psicologo ed entrare nelle pieghe dei messaggini e sono d’accordo Anch’io che decideranno il tutto oltre il 30 giugno.
    Un mio umile punto di vista…

  • 22 Giugno 2018 in 13:34
    Permalink

    Il significato e il senso di questo comunicato francamente mi sfuggono…

    • 22 Giugno 2018 in 16:11
      Permalink

      Non hanno gradito l’analisi e i commenti di sportitalia..

  • 22 Giugno 2018 in 14:00
    Permalink

    comunque come ha scritto PASQUALE a commento di un articolo precedente , la famiglia Miccichè di cui il Palermo ha avuto un esponente fino lo scorso anno come vice presidente dimissionario per il solo motivo della vendita annunciata e poi saltata , è davvero potente nel giro delle banche e nella politica da diversi decenni (oltre adesso presente in Lega serie A con Gaetano).
    quindi è davvero palese la necessità di reperire liquidi che significa serie A e poi eventuale paracadute per il Palermo….
    il personaggio più simpatico ma più svogliato pare però essere Gianfranco un fratello ex polito che sostiene in una recente intervista che se gli tolgono il vitalizio dovrebbe chiedere l’ elemosina per vivere.
    in rete si trovano un sacco di cose interessanti che spiegano come funziona in Italia!

    • 22 Giugno 2018 in 14:24
      Permalink

      Non volevo essere così esplicito…

  • 22 Giugno 2018 in 14:14
    Permalink

    stringiamci a coorte siam pronti alla morte siam pronti alla morte il parma chiamo’ stringiamci a coorte siam pronti alla morte siam pronti alla morte il parma chiamo’ SI !

  • 22 Giugno 2018 in 15:30
    Permalink

    Prima riflettendo sulla faccenda ho tirato un sospiro di sollievo pensando: se nei messaggi oltre a pippein e claudien avesse nominato anche albertein (gilardino)? Ci avrebbero crocifisso all’istante ma, almeno per quello, è andata bene.

  • 22 Giugno 2018 in 16:04
    Permalink

    Se il linguista si riferisce a me , chiedo scusa se non sono stato chiaro, ma da artigiano trovo giusto quei 5 minuti che il lavoro mi consente di “sprecare” tempo a scrivere e la fretta a volte fa fare confusione…
    Cmq brevemente ri provo..l’essenza del mio messaggio era che Calaio avrebbe forse (cerco una scusante sia chiaro) cercato di far capire di non esagerare con l’i agonismo da parte dei suoi ex compagni che spinti dai loro tifosi che più o meno chiedevano “uno scalpo crociato”.cioe..giocare va bene ma non fate male ….
    Potrebbe essere stata questa la molla per scrivere “Non fare il cazzein!”
    Cerco di capire …di credere che non abbia chiesto di favorirci e basta.!
    Tu cosa ne pensi invece ?
    Ps. Se non e’ chiaro mi arrendo.
    Saluti

    • 22 Giugno 2018 in 19:24
      Permalink

      Penso che il Linguista si riferisse al comunicato dello Spezia.

  • 22 Giugno 2018 in 16:56
    Permalink

    …continua…Un omicidio colposo indica delle ‘scusanti” per giustificare l’evento delittuoso e quindi molto meno gravoso sul piano della condanna…la preterintenzionalita’invece no…giusto?
    Funziona così anche nei processi sportivi ?
    Sarebbe perseguibile come linea di difesa dire che ha scritto di non fare il cazzein per paura di botte ingiustificate visto il clima infuocato pre partita?…ecco ci sono arrivato pfiuuu….
    Io voglio credere lo abbia fatto per quello…poi ha capito di aver minchiato e dice di aver scherzato…legittima difesa…! Assolto !
    Bravo Perry Mason….

    • 22 Giugno 2018 in 17:39
      Permalink

      Il mio è solo un parere personale, da tifoso, ma credo che, fermo restando che si puo sostenere tutto per difendersi, sarebbe poco credibile come spiegazione.
      Il punto, come molto ben evidenziato da diversi articoli pubblicati qui, è che l’accusa è l’illecito quando in realtà per aversi un illecito non basta un messaggio, dovrebbero provare che ci sono stati altri comportamenti finalizzati ad ottenere vantaggi, ad alterare la partita. Da solo il messaggio di calaio, anche a volerlo interpretare nel peggior modo possibile, può essere qualificato al massimo come comportamento sleale ma non come illecito. Venisse considerato sleale ci sarebbe una condanna del giocatore ma nessuna penalizzazione per il parma

      • 22 Giugno 2018 in 21:15
        Permalink

        Questo è un processo basato su idee,supposizioni ed interpretazioni. Purtroppo nel processo sportivo l’onere della prova è a carico di chi si difende. Detto questo, per me l’espressione non fate i cazzein può voler dire qualunque cosa e in assenza di altri elementi non può essere considerata come prova di tentato illecito.Però è anche vero che un tifoso esterno può pensare male leggendo “per il rapporto che avete con me” e credo che su questa frase anche Calaiò avrà titubato davanti agli inquirenti..

  • 22 Giugno 2018 in 17:56
    Permalink

    Certo hai ragione sulla slealta’ mi sono spinti oltre chiedendo l’assoluzione con formula piena….:)

  • 23 Giugno 2018 in 00:35
    Permalink

    vorrei chiedere a tutti voi farvi un quesito ci potrebbe essere lo ZAMPINO O GLI ZAMPiNI di qaulcuno dietro quesat storia ?

    • 23 Giugno 2018 in 09:53
      Permalink

      Ma nooo, addirittura questo no! Stai dicendo che qualcuno stia spingendo per far retrocedere il Parma ? Ma no, questo in Italia no. Vuoi dire che si vuole ripetere ciò che è stato scoperto con calciopoli, ossia che in Lecce Parma doveva retrocedere il Parma per far salvare un’altra squadra collusa con il sistema? In pratica, vuoi affermare che sia tutta una forzatura perché la retrocessione del Parma serva per altri fini ?scusa, ma quali sarebbero? Non lo voglio pensare neanche se fosse per una questione di sopravvivenza sportiva, del tipo o vanno in A o rischiano il crack. Fortunatamente oggi non ci sono più questi pericoli. In Federazione e lega ci sono persone d’onore e valori morali altissimi. Ti ricordo, che servirebbero agganci moto forti, quasi fraterni, con persone molto potenti , affinché si possa indirizzare una tale cosa. Sinceramente io non vedo la zampa di nessuno in tutto ciò.

  • 23 Giugno 2018 in 08:32
    Permalink

    Per me c’e lo zampino o gli
    ZAMP ar INI
    di qualcuno dietro questa storia.

  • 23 Giugno 2018 in 09:38
    Permalink

    “evitando sia ai calciatori che al Club sportivo di incorrere in qualsiasi forma di illecito.” Quindi partita regolare.
    Processo fatto su supposizioni, dubbi, interrogativi, interpretazioni di 3 msg.

    Incrociamo le dita e il c….o

  • 23 Giugno 2018 in 10:45
    Permalink

    Non venitemi a dire che tra ex compagni di squadra non si mandano sms!!!
    Per me de De Col è un cretino altro che tutelare lui e lo Spezia,
    Se dovessero controllare i telefoni di tutti i giocatori sai che casino ci sarebbe!!!!
    Il problema che quel’idiota di de Col a fatto una porcata!!!!
    Sto deficente….

    • 23 Giugno 2018 in 13:37
      Permalink

      Come definisci invece Calaiò??

      • 23 Giugno 2018 in 18:07
        Permalink

        Poco furbo!!!
        Però come ho già detto sai quanti messaggini si mandano i giocatori durante il campionato per sapere la rava e la fava?
        De Col ha fatto una porcata….
        Io sono convinto che ci sia un accordo con qualcuno prima della partita,
        Del tipo se vi arriva un qualche SMS (perché sanno che funziona così) quelli del Parma li dobbiamo I. C….E!!!

  • 23 Giugno 2018 in 14:16
    Permalink

    Semolino?

  • 24 Giugno 2018 in 13:12
    Permalink

    il massimo rigore lo ha tirato gilardino in effetti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI