PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Ispettore Callaghan, il caso S.M.S. è tuo…

parmaland serie A

Prefazione: questo articolo contiene anche delle cose serie, molto serie: si prega di custodire in luogo fresco, ben aerato e lontano dalla portata degli inquirenti della P.F.S (Premiata Forneria Sportiva) potrebbe arrecare conseguenze nocive alla salute mentale di chi dovrà emettere il “biscotto” finale…

mauro morosky moroni 25 06 2018(Mauro “Morosky” Moroni) –  Di fatto, il titolo del presente articolo doveva/voleva essere un altro (SMS tana liberi tutti), ma per ovvie, sopraggiunte ragioni, ho dovuto modificare tenore ed umore: eh sì, in seguito la chiameranno quella calda e turbolente estate del 2018: dramma sportivo? Tsunami mediatico ? Giornali gossip.sportivi informati prima degli “imputati”! Che altro? Processi già pronunciati e decisi ancor prima della fine delle indagini? Ma chi comanda le operazioni? Chi butta benzina sul piccolo fuocherello di 2 sms “ridiculein e pippein”? Sarà mica stato cazzein? Va a finire che “tanto va la gatta al lardo ($soldoni$ televisivi della Serie A) che ci lascia lo “zamp(ar)ino” ? (Gianni B., concedimela: non è plagio, ma ti assicuro che questa era preparata da tempo, aspettavo solo il momento giusto per “picchiare”, a modo mio, l’unico chiodo che c’è da battere, ma fort bomben, miga pian!).
Non so più cosa pensare: piangere no sicuro, ma ridere. Certamente ridere amaramente per quello a cui stiamo assistendo e vivendo in questa “Italietta” fuori dai Mondiali (nessuno si ricorda più di questa debacle sportiva? C’è Panama, c’è l’Iran, la Lapponia, la Polinesia, Disneyland, ma gli azzurri sono a Formentera, Maldive, Milano Marittima, Santa Margherita di Pula, ecc ecc ), da parte di questa giustizia sportiva, fuori di cabeza? O siamo fuori di testa noi che abbiamo conquistato 3. tre.promozioni.3 in tre anni consecutivi?

hope groupSe mi avessero “letto” (le mie profezie, come dice il “Gianni B.”) l’anno scorso, dopo le prime due, avrebbero saputo in anticipo che noi saremmo saliti nuovamente, con le nostre piccole forze, con i nostri (Magnifici Sette) soci “pramzan”, col nostro presidente cinese (ciao John, tranquillo, siamo e resteremo in Serie A, be quiet, we HOPE), col nostro grande Capitano Ale 6.un mito, con la Veronichein, con Carlein, Gigein, Armandein, Giorgein e con tutti gli altri fedelissimi “pensionatein” che giornalmente vanno a seguire gli allenamenti a Collecchio; cavolo, se mi aveste letto, lo avreste saputo (no, non Caputo), proprio saputo, che saremmo saliti: potevate prendere dei provvedimenti drastici, tipo, sul 3-0 contro il Palermo (3 gol di Calaiein) potevate dare 4 rigori ai siculi… Che altro? Contro il Frosinone, magari, facevate buttare delle mongolfiere in campo (visto che coi soli palloni non si prende nessun provvedimento sanzionatorio: proviamo con le mongolfiere…), insomma potevate agire per tempo, ma non mi avete letto: allora, sapete cosa vi dico? Ora, a promozione/i avvenuta/e sul campo, senza infamia e senza lode, ma pure senza macchia/e, vi dico che la dovete smettere di rompere il “cazzein” a questi bravi ragazzi che si sono sudati ciò che hanno guadagnato sul campo, in casa e fuori casa. Punto e basta! Chiaro? Se no vi faccio una “profezia” delle mie, occhio eh? Vi mando le telecamere di “Striscien la Notiziein” con Valerio Staffellein e vi faccio recapitare il Tapir.la d’Oro per il più “ridiculess” dei processi mai avvenuti al mondo: quello che verrà ricordato come il processo alle “emoticons”, faccine e sberleffi! Mo che lavor! Ridono anche i pulcini del mio pollaio che ho ancora a Besganola! Che brev ragasz!

IMG-20180622-WA0000Dalla chiusura delle indagini della Procura Federale di Roma, (filone “anti.comunicazioni whatsapp” tra calciatori della stessa categoria, comma 2. ex compagni di squadra.nador/1.pippein&cazzein, ma, pure con l’ausilio della *messaggeria telefonica s.m.s. Moro.Sky.Zar8.Telefunken*, vi comunico che, dopo oltre 37 giorni di “duro e serrato lavoro”, si è arrivati al dunque: dopo aver “in-giustamente” ascoltato altissime grida “al lupo al lupo”, come im-previsto (mi sembra assurdo, ridicolo e grottesco) ecco il deferimento per il calciatore, ma pure per la Società, con successiva iscrizione nel Registro dei “nador” professionisti per il solo “Manuelito Whatsappò”: a tal proposito i nostri avranno 10 giorni di tempo per predisporre l’adeguata arringa difensiva.
Premesso che non ho grandi competenze in materia di diritto sportivo (ho sempre amato più il campo da gioco, l’erba ed il profumo di olio canforato ), ciò nonostante posso dire di essere stato molto sul pezzo, leggendo e seguendo, quotidianamente, questa “buffa e ridicola stampa-novela” di carattere tutto italiota a seguito della nostra straordinaria e smisurata “cultura del sospetto”: detto questo, anche in riferimento agli articoli apparsi nei giorni scorsi a firma Gianni Barone (Vice-Direttore esecutivo di Stadio.Tardini.itgiornalista “vecchio stampo” in possesso di regolare tesserino verde, di quelli che oggi non erogano più ) e Lex”, oltre alle interviste agli Avv. Malvisi e Diana (rispettivamente a Palla in Tribuna su Radio Parma e Palla in Tribuna in Tv), particolarmente esperti in materia di diritto sportivo, mi sono arricchito, culturalmente, di leggi, articoli, commi, cavilli, tipi di reato (il termine delittuoso è fantastico considerato l’ sms incriminato) e quant’altro. Da tutto questo intreccio-garbuglio (ecco perché esistono gli azzecca-garbugli di “manzoniana” memoria) mi sono fatto la seguente opinione:

  • Si presume che la linea difensiva dei legali del Parma Calcio 1913 cercherà di provare (prcaso skorpioove alla mano), razionalmente, a chiedere la derubricazione del capo di imputazione, da tentato illecito in slealtà sportiva, con la società stessa che non sarebbe più “penalizzata” (in punti) dalla responsabilità oggettiva (non prevista dall’art. 1) e quindi, come prima ratio, si manterrebbe la categoria guadagnata, meritatamente, in campo.
  • E’ molto chiaro ed evidente che, nonostante questo, la società medesima stia subendo un grave ed ingente danno con flessione della campagna abbonamenti, legami-accordi economici con gli sponsor e pure riflessi pesanti sul mercato, non ancora iniziato ufficialmente, ma, di fatto, già in movimento: e già questi fenomeni, visibili e concreti, possono essere considerati quella pena “afflittiva” che, a processo finito, nessuno rimborserà anche dopo l’eventuale proscioglimento parziale o totale dai suddetti capi d’ imputazione.

Auspico che, per tutta questa “sporca storia infangante”, la parola fine arrivi il più presto possibile con un verdetto sereno, giusto e corretto, senza sconti, senza privilegi, ma solo con l’accertamento reale e concreto dei fatti-non fatti successi prima, durante e dopo la gara di venerdì 18 maggio scorso... Poi mi sono svegliato, era stato un brutto sogno, avevamo vinto “solo” tre campionati consecutivi, 2015-2018, dalla Serie D in avanti ed eravamo in Serie A – Campionato 2018-2019

Speciale Mondiali *

classifiche mondiali 25 06 2018

Gruppo A

14/06 – 5-0 Russia-Arabia Saudita

15/06 – 0-1 Egitto-Uruguay

19/06 – 3-1 Russia-Egitto

20/06 – 1-0 Uruguay-Arabia Saudita

Gruppo B

15/06 – 0-1 Marocco-Iran

15/06 – 3-3 Portogallo-Spagna

20/06 – 1-0 Portogallo-Marocco

20/06 – 0-1 Iran-Spagna

Gruppo C

16/06 – 2-1 Francia-Australia

16/06 – 0-1 Peru’-Danimarca

21/06 – 1-1 Danimarca-Australia

21/06 – 1-0 Francia-Peru’

Gruppo D

16/06 – 1-1 Argentina-Islanda

16/06 – 2-0 Croazia-Nigeria

21/06 – 0-3 Argentina-Croazia

22/06 – 2-0 Nigeria-Islanda

Gruppo E

17/06 – 0-1 Costarica-Serbia

17/06 – 1-1 Brasile-Svizzera

22/06 – 2-0 Brasile-Costarica

22/06 – 1-2 Serbia-Svizzera

Gruppo F

17/06 – 0-1 Germania-Messico

18/06 – 1-0 Svezia-Corea del Sud

23/06 – 1-2 Corea del Sud-Messico

23/06 –  2-1 Germania-Svezia

Gruppo G

18/06 – 3-0 Belgio-Panama

18/06 – 1-2 Tunisia-Inghilterra

23/06 – 5-2 Belgio-Tunisia

24/06 – 6-1 Inghilterra-Panama

Gruppo H

19/06 – 1-2 Colombia-Giappone

19/06 – 1-2 Polonia-Senegal

24/06 – 2-2 Giappone-Senegal

24/06 – 0-3 Polonia-Colombia

Sulle gare dei suddetti non ho molto da dire se non che ci sono state delle sorprese, delle mezze sorprese, delle belle rivelazioni e delle squadre che mi hanno fatto divertire, entusiasmare e, naturalmente, riconciliare col calcio, col campo da gioco, con la tecnica e l’organizzazione tattica di squadra: tra coloro che mi sono piaciuti di più, per ora, anche indipendentemente dai risultati (ed avversari incontrati) metto il Messico, la Croazia ed il Senegal, queste per tecnica, corsa e ritmi elevati di gioco.

Mercato “discount” Serie A: Svinculeit ? a tal po’ dir *

Parlando di mercato, mi riallaccio a quanto esposto sopra: mi sembra evidente che, proprio per “l’affare sms”, le trattative dei Crociati possano avere avuto difficoltà nel concretizzarsi, vuoi perché c’è un procedimento in corso, vuoi per la situazione anomala in cui sta lavorando la dirigenza Crociata, ma in tutti i casi propongo un riepilogo, ad oggi, facendo il punto con la bozza del mio “calcio-mercato pensiero” tra rosa attuale, probabili confermati e/o partenti oltre alle decine di nominativi che sono usciti a proposto  dei “nuovi pezzi di ricambio” da inserire.

tabeella mercatale 25 06 2018

sms sotto mentite spoglie Come sempre, da queste spiagge, dopo che la pagina degli sms ha preso delle pieghe, a dir poco, grottesche, a mondiali in corso, ma soprattutto, quando il mercato, dopo tante voci e trattative, inizierà a mettere nero su bianco per dare corpo alle tante aspettative dei tifosi,

vi saluto cordialmente,

Mauro “Morosky” Moroni       

Stadio Tardini

Stadio Tardini

108 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / Ispettore Callaghan, il caso S.M.S. è tuo…

  • 25 Giugno 2018 in 09:09
    Permalink

    Buongiorno a tutti con ….
    QUELLI CHE..NOI CI SIAMO ABBONATI: 1.371

    forza ragazzi, prima di andare in ferie, BISOGNA ABBONARSI,
    parliamo di SERIE A non di sms, di processi o fanghi & veleni gettati sul “pianeta ParmaCalcio1913”..
    SERIE A con noi, col Parma e la Curva Nord, ma avete visto che spettacolo sabato pomeriggio, partita legends e 7.000 spettatori ..
    abbiamo una forza speciale, anche quest’anno
    IL NOSTRO MERAVIGLIOSO PUBBLICO..
    moro

  • 25 Giugno 2018 in 10:43
    Permalink

    Aggiungo una piccola cosa, a seguito di quanto sopra:

    A COMINCIARE DAL SOTTOSCRITTO, vi esorto-suggerisco, chiaramente con tono sereno e amichevole, a non parlare + di sms, di processi, di codice sportivo, di responsabilità oggettiva e di tutte quelle che sono le beghe degli azzecca garbugli: ma vi rendete conto che non si sta nemmeno + parlando di mondiali di calcio ? del fatto che ci siano fior di squadre, piacevoli sorprese
    ( anche la Colombia ieri sera mi ha fatto divertire ) ..
    parliamo di Serie A e di mercato, anche fanta, in attesa che si sviluppino gli accordi scritti ma lasciamo perdere il filone sms, rimaniamo fiduciosi nella lieve entità della cosa in se e della

    TOTALE ESTRANEITA’, CERTA E SICURA, DELLA SOCIETA’:
    male non fare paura non temere ..
    ..
    ci beccheremo una sanzione pecuniaria ( la medicina qualcuno la deve pur pagare, come sempre ) ma NESSUNO POTRA’ TOGLIERCI IL TITOLO ED IL MERITO ACQUISITO SUL CAMPO DI, una, due, tre PROMOZIONI CONSECUTIVE:
    questo è un fiore all’occhiello di cui ci si potrà vantare nel tempo
    sia per la Società, sia per tutti i giocatori che hanno contribuito, anno per anno, a porre mattoncini e tasselli all’avverarsi del SOGNO FINALE = serie a, SERIE A, SERIE A

    …in barba a presidenti, ricorsi, accuse, invidie, giornali paparazzanti, quaquaraqua e pennivendoli da strapazzo che, per 4 copie in +, venderebbero la loro madre ( hico de p.. )
    “bastiamola”, basta, bastardi, basta, e quando dico basta è basta..
    vi state rendendo ridicoli all’Italia intera …e ci state infangando a dismisura : esiste sempre una giustiza terrena, chi la fa l’aspetti, e chi semina il male…non potrà che raccogliere altrettanto..
    ..
    occhio per occhio….attenti al lupo…( anche noi abbiamo il nostro Lupo ) …

    tutto poi per il vil denaro ( ma cosa vuole che siano per lei sig Zeta, 40 milioni di euro, lei che è iper miliardario, cacci il denaro e se la compri una squadra in Serie A, che problemi ha ? )
    A parte la nostra, ce ne sono tante in vendita, in difficoltà economiche, VADA SUL MERCATO E NE COMPERI UNA QUALSIASI….
    senza fare nomi, ce ne sono tante, anche con l’acqua alla gola ..
    chi non ha i soldi per la Ferrari si comperi un ‘utilitaria, magari a metano, e, in luogo di Hamilton o Vettel, ci mette il suo di autista personale, non vincerà il mondiale di automobilismo ma, potrà dire di aver partecipato..
    ed ora le suggerisco di lasciar perdere, le faranno spendere un sacco di spese legali, processuali, avvocati e azzecca garbugli e, alla fine, ve ne starete in Serie B…magari fate la Targa Florio…
    o il GP delle Madonie, magari la Palermo-Catania e ritorno …
    suvvia, presidente, si metta l’animo in pace, ormai ha una certa età..
    si rilassi e TOLA SU DOLSA
    je suis Morosky ( il profeta )

  • 25 Giugno 2018 in 10:48
    Permalink

    Buongiorno Morosky,

    secondo me i lettori sono liberi di esprimere i propri commenti sugli argomenti che vogliono: in questo momento, purtroppo, prevale un sicuramente irrazionale timore di perdere la serie A, anche per qualche titolo indubbiamente esagerato su un rischio (minimo) che comunque esiste.
    Di conseguenza l’invito in pratica a metter la testa sotto la sabbia come se niente stesse accadendo, a mio avviso, è sbagliato; anzi, va riconosciuto a StadioTardini di essere in questa occasione, per noi tifosi, un punto di riferimento importante, proprio come qualche anno fa, grazie agli approfondimenti di specialisti.
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 25 Giugno 2018 in 11:02
    Permalink

    Ciao Morosky.
    Non sono daccordo sul non parlare più degli Sms. Pareri come quelli di Tardelli Di Xavier Iacobelli Criscitello e di tutti quelli che si sono espressi sulla vicenda non dico che possano influenzare chi andrà a giudicare, ma un pensierino prima di formulare (se dovessero essere propensi alla condanna per responsabilità oggettiva) il giudizio finale e fare una cazzata immane lo faranno. Il silenzio sarebbe un modo molto civile per dimostrare il nostro dissenso , ma questo non in Italia. Ben vengano i pareri di addetti ai lavori. Più gente si schiera dalla nostra parte e più chi sarà chiamato a giudicare “pondererà ” il giudizio finale.
    Detto questo vado a fare l’abbonamento. La maglia crociata mi emoziona ancora. In qualsiasi categoria la veda. Forsa Perma. Sempor !!!

  • 25 Giugno 2018 in 11:08
    Permalink

    Oggi sono lanciato, arrabbiato per il sistema che ci vede CONDANNATI ancora prima di aver letto i capi ( ridicoli ) d’imputazione, tenace a dare battaglia epistolare contro le infamità, le malelingue, i gossippari, i pipperi, i gabibbi ed i giustizieri, non di professione, con il cappio pronto ad infilarlo nel collo della società: NON AVRETE IL NOSTRO SCALPO

    NON AVRETE SCAMPO
    vogliamo giustizia pure noi, certa, giusta, corretta, inflessibile ma basata sulle REALI ,FUTILI e PUERILI PROVE CHE, LA SOCIETA’ NON HA COMMESSO NESSUN TIPO DI REATO SPORTIVO NE’ PENALE . punto !!

    tutto il resto è fuffa, ARIA FRITTA, LETAMAIO, IMMONDIZIA, BIDONI DELLA SPAZZATURA, PUZZOLENTI ED IMMONDI..
    portateli in altra discarica, il nostro inceneritore non accetta rifiuti tossici di tale natura….provate a telefonare dalle parti di ..
    in quella zona riciclano tutto, mettono tutto nel calderone e ne fanno un bel falò..e, chi s’è visto s’è visto …li non scherzano molto contro gli infami ….mettono tutto a tacere, nel silenzio dell’oblio..
    magari non sono stato nemmeno tanto criptico però …
    spero di aver reso l’idea …del mondo in cui viviamo …e questo è il solo aspetto della giustizia sportiva …
    quell’altra è ancora peggiore …

    IO MI GODO LA PROMOZIONE E LA RITROVATA SERIE A….
    che vuoi che ce la tolga ?
    chi non è stato capace a farlo sul campo ?
    chi vorrebbe provare a vincere facile ?
    chi millanta altolocate conoscenze ?
    chi usa il metodo SBRAIA FORTE BLA BLA BLA ??
    mi creda presidente ZETA, lei non lo sa che se mi metto di mezzo io, con le mie profezie, altro che Serie A, lei e la so SQUADRASA vi ritrovate in Serie C, C come CAZZEIN , si ,potrebbero essere tutti CAZZEIN VOSTAR, …HA PRESENTE l’altro presidente, quello ligure, il signor G.??
    ha visto dov’è andato a finire con la sua squadrasa ??
    dove meritava per il solo fatto della correttezza !!
    detto fatto….retrocess, ciapa su e porta a ca…
    mi piace quando profetizzo e poi, di culo, o di concerto ? si avvera
    che spetacol..roba gnan da credor !!
    vai Stadio Tardini…pubblica pubblica…
    che ci facciamo due risate …come dopo la lettura dei PIPPEIN CALAUDIEIN E CAZZEIN …..robi da miga normel…
    moro

  • 25 Giugno 2018 in 11:09
    Permalink

    spero solo che la giustizia faccia il suo corso rapidamente…. qualcuno sa se e quando è stata fissata l’udienza davanti al tribunale sportive?

    • 25 Giugno 2018 in 11:24
      Permalink

      Ieri LEX, autore di Stadio Tardini, avvocato specializzato in diritto sportivo, ha postato l’articolo 41 CGS che regola procedure e tempistiche dei processi sportivi.

      Al comma 3 si legge; “II termine per comparire innanzi all’Organo di giustizia sportiva non può essere inferiore a venti giorni liberi, decorrenti dalla data di ricezione dell’avviso di convocazione, salva l’abbreviazione dei termini per giusti motivi”.

      20 giorni, dunque, ma, attenzione, dalla data di ricezione dell’avviso di convocazione, che supponiamo essere il deferimento vero e proprio di cui non si ha notizia dell’avvenuta ricezione da parte del Parma, che la settimana scorsa, invece, aveva ricevuto invece la “comunicazione di conclusione delle indagini della Procura Federale”.

      Quindi 20 giorni a partire da quando arriva il deferimento, questa è la nostra interpretazione.

      Attenzione, tuttavia, alla finestra lasciata aperta sempre dal Comma 3: “salva l’abbreviazione dei termini per giusti motivi”.

      Tra i giusti motivi potrebbe essere considerato l’impellente inizio dei campionati e della preparazione?

  • 25 Giugno 2018 in 11:16
    Permalink

    Morosky sempre molto sintetico

    • 25 Giugno 2018 in 15:24
      Permalink

      mi piace …”slungarmi”, mi infervoro, tutte queste boiate mi fanno incazzare e divento doppiamente logorroico ..
      mi perdonerai spero http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gifhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 25 Giugno 2018 in 11:19
    Permalink

    Giusto Alessio,
    non ho obbligato nessun llettore a non parlarne, non sono nemmeno nessuno per poterlo fare ma, comunque siano le cose, IO, LEI E NOI …nulla possiamo fare ora, in questo momento, per modificare, migliorare o decidere, definitivamente, uno status di cose che verrà analizzato, vivisezionato e giudicato da un TRIBUNALE SPORTIVO..
    il mio voleva essere un suggerimento-consiglio per attenuare i toni e le polemiche verso questo argomento, fatto accaduto, per il quale non si può, ora, tornare indietro:

    proprio dopo aver letto e ben ascoltato le parole degli AVVOCATI specialisti ( QUELLI PROFESSIONISTI INTENDO, MALVISI, DIAN E LEX ) ..
    personalemnte mi sono rasserenato e di molto ( anche se io ero comunque fiducioso da prima ) in quanto il parere di 3 diversi PROFESSIONISTI, UNANIME, ci lascia delle porte apertissime alla soluzione ottimale migliore PER LA NOSTRA SOCIETà..

    saluti a tutti …
    io continuo a dare battaglia , a modo mio ( NON CONTRO LA GIUSTIZIA SPORTIVA, MA CONTRO I TERZI, CERTA STAMPA, CERTI GIURISTI INVENTATI, LI PER LI, CHE GODONO NEL CERCARE DI AFFOSSARE QUESTO PICCOLO GIOIELLINO DI
    società, gruppo, squadra e tifoseria ….che non meritano questo infangamento interplanetario …)
    cazzein
    moro

  • 25 Giugno 2018 in 11:50
    Permalink

    Purtroppo io non sono per nulla convinto che il low profile , quello del silenzio, sia efficace. In Italia funziona che ha la meglio chi riesce a smuovere di più le acque, chi riesce ad indirizzare la massa tramite i giornali, che in cerca del titolone, tendono a speculare sulle situazioni, indirizzando le decisioni. È questa la verità. Con il loro modo pacato, permettono a chiunque di infangarci a mezzo stampa, dicendo solo di non essere disposti a partecipare al circolo mediatico. Ammiro il Frosinone, che subito è partito con le denunce, facendo nomi e cognomi del destinatario. Il danno ormai è fatto. Palermo in A, noi in B, Calaiò a godersi un pò di vacanze forzate, la piazza di Parma derisa ed un’immagine nuovamente distrutta. Il tutto per l’idiozia di un calciatore balordo, in tutto ciò palermitano, guarda un pò il destino.

  • 25 Giugno 2018 in 11:59
    Permalink

    Vede Morosky,

    come scriveva sopra parmaletale sarebbe un perfetto autogol abbassare l’attenzione, meglio: un’attenzione favorevole al Parma, e lasciar campo libero allo Zamparini che conosce bene come sguazzarci in questi casi, riuscendo a portare dalla propria parte l’attenzione dei media.

    A Palermo è in corso una vera e propria offensiva mediatica, e consideri bene che questa è anche una guerra che viene combattuta non solo sul piano del diritto, ma appunto anche sui mezzi di comunicazione.

    Legga, ad esempio, cosa scrive oggi sul Giornale di Sicilia il giornalista Butera in un editoriale dal titolo: “Il buonismo fuori luogo che danneggia i rosanero”. Tralascio tutta l’abbondante parte che non ci riguarda, (cioé il caso Frosinone) e mi limito a copiare per lei e i lettori le considerazioni sul Parma:
    “Nel frattempo resta aperto anche l’altro fronte, quello del deferimento del Parma per i messaggi di Calaiò agli amici dello Spezia. Anche qui si sentono e si leggono parole ‘buoniste’. Quelle raccomandazioni a scansarsi scritte da Calaiò a ‘Pippein’ e ‘Claudien’ sarebbero solo dei messaggi goliardici. Ma di cosa stiamo parlando? Le 22 società di B anche quest’anno sono state coinvolte dalla Lega in sessioni formative dedicate al tema della lotta contro le frodi sportive (match-fixing). A Parma si è tenuta il 22 Novembre del 2017. Agli incontri hanno partecipato anche i giocatori. E dopo Calciopoli nessuno può sostenere di non sapere come si finisce nei guai, tant’è che i giocatori dello Spezia (Terzi, uno dei destinatari dei messaggi, ne sa qualcosa) – peraltro questo è un errore dell’articolista perché Terzi è solo citato in uno dei messaggi destinati a De Col e non è invece un destinatario – hanno subito denunciato quello che era accaduto. Chi va fuori dal seminato deve pagare. Punto e basta. Sperando che non si arrivi a sentenze in stile giudice sportivo su Frosinone-Palermo o a penalizzazioni su misura, come accade nel 2006 con il Milan, che conservò il piazzamento Champions proprio a scapito del Palermo. O peggio ancora ad archiviazioni. Se sarà così, tutti sarebbero autorizzati a scrivere un messaggio al ‘Pippein’ di turno per ricevere un trattamento di favore in questa o in quella partita. E se non basta, poi si può buttare anche qualche pallone in campo dalla panchina o invadere il campo prima del triplice fischio”

    Parole non leggere, e la mazzetta dei giornali arriva sulla scrivania di chi sarà chiamato a giudicare, appunto ponderando tra il sostenere la goliardata come facciamo noi qui al Nord, e chi invece, interessato, al Sud la legge minimo come un tentatuvo di ammorbidimento dell’avversario.

    Le ragioni del Parma dovrebbero essere, invece, oltre modo amplificate. E qui ricopio e sottoscrvo quello che ha scritto Gianni Barone a proposito dell’amica Sky…

    “All’appello manca ancora Sky: possibile che chi aveva fatto persino un reality ai tempi del fallimento, che ha sempre simpatizzato per i Crociati al punto dal raccontarne l’epopea in serie D con telecronache da Arzignano in poi e che non manca di produrre lunghissimi speciali in caso di promozioni con millanta interviste ai protagonisti non senta la necessità di mandare qualche inviatone che tra una fetta di culatello e una di crudo, tra un piatto di tortelli e un savarin, tra una punta e una duchessa faccia un reportage (magari anche un po’ a favore) su “chi come noi nessuno mai?”

    Grazie alla successiva “Operazione Nostalgia” qualcosina su Sky è andato anche in onda, ma con non troppo clamore…

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 25 Giugno 2018 in 12:27
    Permalink

    Il Palermo era la squadra potenzialmente piu’ forte del campionato, sarebbe probabilmente stato promosso se Zamparini avesse limitato la sua brama di sostituirsi agli allenatori. Esonerare Tedino e’ stato un harakiri.
    Quanto al giornalista che pensa si aggiustino le partite con gli emoticon dei bacini…e usa il trito espediente retorico del “di cosa stiamo parlando..”, se non si accorge quanto sia assurdo attribuire a tre insulsi messaggini il potere di avere influenzato la partita…la situazione e’ disperata, ma non e’ seria, come diceva Flaiano.
    Da giorni comunque imperversano schiere di trolls nei commenti della GDS, ormai si organizza anche questo.

  • 25 Giugno 2018 in 13:43
    Permalink

    Primo acquisti coi fiocchi. Stulac grande acquisto, meno male che non verranno sia viviano sia quagliarella. Ora un buon difensore, e poi iniziamo a sfoltire.

  • 25 Giugno 2018 in 13:53
    Permalink

    Ognuno, giustamente è libero di pensarla nel modo che ritiene opportuno, io, a tal riguardo AGGIUNGO e SOTTOLINEO una cosa che AMMIRO e CONDIVIDO pienamente al 100%:

    CONDIVIDO, AMMIRO e STIMO
    la CONDOTTA COMPORTAMENTALE della nostra SOCIETA’:
    2015, 2018, questo è il suo quarto anno di vita, di lavoro e di sport,
    in 3 anni non si è mai sentita una parola fuori posto, qualcuno che sbraitasse nè che alzasse la voce:
    E’ UNA QUESTIONE DI STILE, DI CLASSE, DI SAPER STARE AL MONDO, DI BON TON, non tanto da salotti buoni piuttosto che da far west quanto, da UOMINI, PROFESSIONISTI, IMPRENDITORI DI LIVELLO MONDIALE che non hanno bisogno di leggere le loro imprese, nè personali nè sportive, sui giornali, locali, sportivi o nazionali; le loro imprese di professionisti ed imprenditori si leggono da sole, dalle loro aziende, dai fatturati, dalle maestranze occupate e dall’indotto che gravita attorno.

    Sono arci convinto che il calcio non faccia parte del loro dna e non
    sia tale per arrivare ad un business come lo può essere o essere stato per qualcun altro: il calcio a Parma E’ FALLITO DUE VOLTE, presieduto da presidenti italiani e, dal più recente di questi due fallimenti QUALCUNO HA RIAPERTO LE PORTE DEL CALCIO A FAVORE DEL PARMA !!
    I soci fondatori, tanto per intenderci, I PADRONI PROPRIETARI, non hanno mai interferito sulle vicende sportive, non hanno mai abusato della loro forza economica per dire BAU..
    SONO ENTRATI IN SILENZIO, HANNO MESSO IL PROPRIO DENARO ( IN SILENZIO ) E NON HANNO LESINATO, IL SECONDO ANNO, AD IMMETTERNE ANCORA: tutto questo sempre nella massima e totale corretta distanza, sia dalle cronache sportive sia dal ponte di comando interno!!

    ALTRI PRESIDENTI-FACCENDIERI hanno l’italica e negativa abitudine nel DARE LAVORO A GIORNALI E STUDI LEGALI…
    qui SONO STATI PORTATI AVANTI DEI PROGETTI, SONO AVVENUTI DEI FATTI con pochissime e scarne parole, discorsi o titoloni ,
    QUESTA E’ UNA REALTA’ INCONFUTABILE, PER ME E’ UNA GROSSA SODDISFAZIONE, UNA GIOIA ANCHE PERSONALE
    ( io non c’entro nulla non avendo fatto niente ) un qualcosa che mi rende orgoglioso di un progetto pensato, avallato, portato avanti coi piccoli passi legati alla lunghezza della gamba, step by step, modificando situazioni, uomini, cercando di arricchire e migliorare, quando e ,ove possibile, la macchina organizzatrice del triplice salto in alto.

    LASCIO PURE CHE GLI ALTRI URLINO
    SBRAITINO
    FACCIANO CASINO
    ATTIRINO L’ATTENZIONE,
    alla fine, come nelle migliori tradizioni, can che abbaia non morde,
    ..
    io sto con questa gente , io sto col PARMA.CALCIO1913
    lasciamoli sfogare, perderanno fiato, lasciamoli rognare, lasciamoli andare in appello, immagino come gongoleranno i loro avvocati, tirino pure alla lunga, vadano ai ricorsi, al TAR, al TAS, a Losanna, dalla Merkel, dal Papa, magari pure da Trump e da Putin…
    vadano pure..
    a…
    moro

  • 25 Giugno 2018 in 13:56
    Permalink

    Quella squadra la, tanto per ricordarlo, la penultima gara di campionato, ha sbagliato un rigore, alla fine del primo tempo, in casa col Cesena : la partità finì 0-0 ..
    questo campionato NON LO HANNO VINTO…SUL CAMPO
    il Parma ed il Frosinone hanno totalizzato un punto in + e …la matematica, NON E’ UN OPINIONE

    72
    72
    71 = serie B e …muto !! ciciaron

  • 25 Giugno 2018 in 14:23
    Permalink

    Se decidessero di penalizzarci in B una pena di 2 punti avrebbe la stessa afflittivita’ di una pena di 15 punti visto che i playoff si sono già giocati quindi credo via siano fortissime e solidissime basi legali per impugnare una sentenza del genere .

  • 25 Giugno 2018 in 14:44
    Permalink

    Caro Mauro una domanda. Se anche siamo tutti sereni e tramquilli sugli esiti del processo sportivo mi spieghi una cosa?Ad oggi 25 giugno alla voce acquisti c’è un bello 0. Tutte le operazione impostate sono state bruciate. Non sappiamo se e quando ci sarà la famosa sentenza. Mi spieghi come possiamo pensare di provare a stare in serie A con Di Cesare, Scozzarella, Munari, Calaiò, Baraye, Vacca, Nocciolini etc.?
    Il budget semnrava già misero…in più saremo costretti eventualmente a comprare con l’acqua alla gola ed i prezzi saliranno. Io sono molto molto preoccupato. Molto più di questo che del processo.Ad oggi nemmo il portiere abbiamo preso. Così davvero è come andare al suicidio, ma non quello del venditore di carburante Lugaresi (ricordiamo Defrel), un suicidio vero.

    • 25 Giugno 2018 in 14:58
      Permalink

      Caro Davide,

      è vero, siamo incappati, nostro malgrado, in un pasticciaccio brutto che già di per sé così, come dice giustamente Morosky, è già anche troppo afflittivo.

      Però credo che star qui a fasciarsi la testa su queste antipatiche complicanze non serva assolutamente a niente.

      Le preoccupazioni maggiori dei tifosi sono sul mercato, ma i danni principali sono di natura economica e non stiamo qui a tediarvi nel raccontarli.

      Però per quanto concerne il mercato, al di là della problematiche che nessuno tende a nascondere, è bene non fare del terrorismo (anzi: auto-terrorismo). Se è vero che almeno un paio di operazioni già fatte sono saltate all’ultimo per questo problema, resta il fatto che, comunque, dopo il processo di primo grado, se tutto andrà come logica vuole (quindi con Calaiò punito per slealtà, senza la responsabilità oggettiva del Parma) le trattative potranno riprendere e ci sarà tutto il tempo per rimediare. Addirittura potrebbe esistere anche la possibilità per il Parma di ottenere una finestra supplementare, ma semmai ne riparleremo a tempo debito. Comunque gli affari sappiamo bene che si fanno negli ultimi giorni.
      La squadra dello scorso anno, anche se è palese debba esser rinforzata per la serie A, non è comunque così scarsa come la si dipinge, anche se siamo ben consci tutti di come si stia muovendo assai bene la Spal e che non ci siano tante squadre materasso quest’anno, o comunque candidabili alla retrocessione, quindi il compito sarà difficile. Ma le cose non si risolvono piangendosi addosso in continuazione come tu o altri lettori fate.
      Per il tunnel nel quale siamo entrati è ora prorità assoluta saltarci fuori, anche per evitare che i famosi 40 ml che fanno gola a Zamparini se li pappi lui inguaiando noi (ricordiamo anche gli investimento XXL delle passate stagioni).
      Infine e lo scriviamo maiuscolo: BASTA CON LA FOLA DEL BUDGET BASSO DI MERCATO, I famosi 12 ml di cui si è parlato sono fantasia pura, o frutto di valutazioni giornalistiche non corrispondenti alla realtà. Il budget, come affermato dall’AD Carra, è adeguato ai parametri delle squadre della nostra fascia di pertinenza in serie A.
      Un po’ di fiducia non guasterebbe, magari!

  • 25 Giugno 2018 in 14:50
    Permalink

    A proposito. Complimenti a Lugaresi. I soldi di Defrel evidentemente non sono bastati. Forse potrebbe pensare di vendere qualche zanna di elefante o qualche pelle di tigre.

  • 25 Giugno 2018 in 14:52
    Permalink

    Punti di penalizzazione che annullerebbero la promozione sarebbero un grosso danno … ma è un danno notevole anche l’incertezza che si è creata! Insomma in ogni caso il danno c’è ed è palpabile. http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_cry.gif

    • 25 Giugno 2018 in 15:07
      Permalink

      Sui punti di penalizzazione, come Stadio Tardini ha scritto attraverso i propri specialisti negli ultimi giorni, c’è da intendersi bene:

      posto che noi abbiamo la razionale convinzione che sarà derubricato il reato di Calaiò da tentato illecito a slealtà sportiva (con conseguente scomparsa della responsabalità oggettiva che è quella che può costare dei punti), il Parma, che è completamente estraneo a qualsiasi tipo di condotta negativa, perché dovrebbe prendere più di un punto di penalizzazione, che è il minimo del listino?

      Certi ottusangoli che blaterano a vanvera di un maggior numero di punti su cosa basano il proprio assioma?

      Al massimo il punto può essere uno e uno solo e, per il principio della afflittività, da scontarsi la prossima stagione, con buona pace di Zamparini & C.

      Noi per indole non crediamo (non lo abbiamo mai fatto, né lo faremo) alle congiure: e nel diritto tutto va provato e le pene debbono essere commisurate al “reato” commesso.

  • 25 Giugno 2018 in 14:53
    Permalink

    Credo che la linea difensiva del Parma sarà nel dichiarare che i messaggi di calaio’ erano mirati non a ottenere un minor impegno ma bensì a non subire troppi falli o a non essere picchiato troppo…che poi è quello che la società ha sostenuto dall’inizio! E a pensarci effettivamente non c’è un reale riferimento al “non impegnarsi”…si baserebbe tutto su un’interpretazione,e condannare qualcuno per una interpretazione mi sembra francamente illogico! Ma come ho già scritto tutta questa situazione è fuori logica…

    • 25 Giugno 2018 in 15:22
      Permalink

      bravo Ciccio7.
      il tutto è davvero una commedia all’ italiana!
      però la fuga di notizie, alcuni titoloni di testate sportive e non a me non son piaciute tanto.
      per il resto come scritto è tutto fuori logica!

    • 25 Giugno 2018 in 15:45
      Permalink

      e’ come leggere la bibbia va interpretata,speriamo sia un creazionista il giudice

  • 25 Giugno 2018 in 15:09
    Permalink

    premetto che non è mia materia ma ripeto che il Parma se penalizzato oltre il 30 giugno diventa parte lesa per la sessione calciomercato non avendo a disposizione lo stesso tempo delle altre.
    inoltre se penalizzato per la scorsa stagione dovrebbe avere la possibilità di disputare i play off quindi diventa tecnicamente impossibile e questa cosa non ritengo minimamente praticabile.
    la cosa meno peggio per i giudici visto anche il polverone mediatico sollevato è di uscirne con 1 o 2 punti da scontare la prossima stagione e già così rimane in piedi il danno tempi calciomercato ufficiale che non so se sia regolare perché mi pare che neanche la prima sentenza possa arrivare entro sabato.
    pertanto ritengo che l’ unica scappatoia rimane l’ assoluzione in toto che già poco sarà digerita ma che metterebbe intanto la parola fine.

    direi che il pastrocchio creato è senza precedenti!

  • 25 Giugno 2018 in 15:18
    Permalink

    Ciao DAVIDE buongiorno,
    sul discorso MERCATO la tua domanda non fa una piega, vero: ad oggi, nella casella acquisti c’è uno ZERO tondo tondo ma, io sono arci convinto che, appunto, come scritto da qualche altra parte, alcune trattative pre intavolate siano state volutamente CONGELATE, in accordo reciproco coi calciatori interessati e loro procuratori, in attesa che si by passi la data del 30 giugno: data che sancirà la CHIUSURA DEFINITICA DELLA STAGIONE 2017/18, ergo, Serie B !!

    Dal 1 luglio inizierà sia il calcio mercato sia la stagione futura, 2018/19, ergo Serie A: nessuno potrà togliere punti alla classifica di Serie B, ultimata, e, tutto ciò che sarà DA GIUDICARE , in tutti i casi, sarà riferito alla nuova stagione agonistica:
    solo se dovessero esserci dei particolari, prove, argomenti, fatti o testimonianze, a noi ed ai giornali, sconosciuti, solo in quel caso potrebbe esserci un rischio diverso tale da FARCI SALTARE LA CATEGORIA ( questo ho dedotto dalle parole dei saggi competenti in merito ) : 3 sms del piffero, così delineati, mi sembrano infatti, oltre che ridicoli da prendere in considerazione, pure talmente blandi da non provocare nessun terremoto a livello di giudizio finale:
    CONTINUO A MANTENERE IL MIO OTTIMISMO …
    VORREI CONTAGIARVI TUTTI …
    ciao a presto
    moro

  • 25 Giugno 2018 in 15:41
    Permalink

    Dai si torna in B, nessun dramma, probabilmente la nostra dimensione è quella. In fin dei conti in A ci si starebbe per sopravvivere e per tentar di mantenere la categoria ogni anno. Le nostre disponibilità economiche e l’attuale proprietà ci permettono di puntare solo alla sopravvivenza, tanto vale stare in B.

    • 25 Giugno 2018 in 16:34
      Permalink

      Replichiamo a DavFab, ma il ragionamento vale anche per Luca (il pessimista per antonomasia) che potete leggere più sotto:

      mettiamoci bene in testa una cosa e cioè che tornare in B sarebbe sì un dramma – più che sportivo – per l’evidente danno economico che ne consegue.

      Indipendentemente dai luoghi comuni scritti spesso anche in qiesto spazio commenti da alcuni lettori, compreso il suo omonimo Davide, i cosiddetti “piocioni” per raggiungere l’obiettivo della serie A non hanno lesinato spese facendo investimenti (o spese) extra large. Per questo il conseguimento dell’obiettivo, con le derivanti importanti entrate economiche, è di fondamentale importanza per la prosecuzione del progetto.

      Piuttosto sarebbe meno drammatica una eventuale retrocessione alla fine della prossima stagione poiché intanto sarebbero entrati i soldi previsti per la presenta annata in A e in più si potrebbe beneficiare del salvagente previsto per chi perde la categoria.

      Ma perderla ora – lasciando perdere tutti i risvolti emozionali della questione – sarebbe un danno incalcolabile.

      Per questo non smettiamo di sottolineare come adesso la prorità assoluta sia il saltarci fuori da ‘sto casino. Poi il mercato e tutti gli altri problemi si possono risolvere o attenuare con maggiore serenità. Quindi vale l’invito fatto prima a Davide: lasciamo lì di fasciarci la testa sul mercato bloccato. A quello penseremo dopo. Primo pensiero è restare in A. Semmai, per dirla come DavFab, non sarebbe un dramma esser retrocessi, appunto perché lo si potrebbe fare “in sicurezza”.

      Infine: piantiamola di sparare cavolate sulla disponibilità economia di questa proprietà: a parte che parlano i fatti, e cioè i soldi cacciati a dismisura nelle stagioni precedenti sull’altare della serie A da raggiungere. Però è palese che se non si vuole finire a gambe all’aria stile Ghiro (che ora tanto contestate, ma che avete applaudito quando vi faceva stare dalla parte sinistra della classifica, costasse quel che costasse…) è necessaria una maggiore attenzione ai conti. Il che non significa non spendere o non avere soldi. Ce ne fossero di società solide come il Parma Calcio 1913 !

      Caro DavFab, dal punto di vista del bilancio è molto più semplice gestirsi con i ricavi da serie A, che non spendere tanto in B senza ritorni.

  • 25 Giugno 2018 in 15:50
    Permalink

    Dai ora sogno ancora e vi sforno una bozza di formazione che godrei parecchio ( basandomi sulle GRANDI COMPETENZE DEI GIORNALI E DEI SITI SPECIALIZZATI)

    ………………………….SCUFFET……………………
    ………….Iacoponi SILVESTRE Gagliolo
    ………SALA Dezi STULAC CIGARINI BIABIANY
    …………………..ceravolo…….???????

    siamo sempre ed ancora in alto mare ma….sognare non costa nulla

    ..mancherebbe una punta di peso poi, se questi nominativi ANDASSERO IN PORTO ..non sarebbe una cattiva base di squadra …

    sono sempre in rosa : GAZZOLA, DI CESARE, SCAVONE, SILIGARDI, DI GAUDIO, FRATTALI..chiamiamoli rincalzi che potrebbero starci o no ??

  • 25 Giugno 2018 in 15:56
    Permalink

    Scusa MOROSKY ma per quale campionato ??? La B sp ti perché con questa squadra fai la fine del Benevento…scuffet sala stulac biabiani e Cigarini o sono ex giocatori o gente che non ha mai fatto la A… se questo deve essere il mercato meglio stare in B…

    • 25 Giugno 2018 in 17:02
      Permalink

      Cavolo qui regna il meglio del pessimismo al cubo !!

      Vi apro un sondaggio:

      1) secondo voi al Parma verrà AFFIBBIATA la responsabilità oggettiva o verrà derubricata ?

      2) in base a questo ci daranno punti di penalizzazione, sanzione pecuniaria o estromissione dalla categoria ?

      sinceramente, cosa ne pensate ?
      è un garbuglio ma …proviamo a fare un sondaggio in merito a cosa deciderà, in seguito alla difesa dei Crociati, il Giudice Sportivo preposto alla definizione del pasticcio…
      sarà biscotto o un dolce morbido croissant ?

    • 25 Giugno 2018 in 17:06
      Permalink

      Luca, puoi sempre intervenire suggerendo a Faggiano chi andare a trattare ..
      bisogna anche sapere scegliere, tra giocatori di categoria che abbiano un costo ed un ingaggio equlibrati per le possibilità della borsa messa a disposizione ..
      ..
      serve appunto gente abbordabile a prezzi contenuti..
      poi, con una buona organizzazione di squadra, una buona difesa e tanta corsa …lotta e agonismo …si può fare un campionato anche decente….

    • 25 Giugno 2018 in 17:26
      Permalink

      In base alle tue puntuali analisi per te dovremmo essere ancora in serie c con la reggiana…continua pure a fare previsioni che porti fortuna

  • 25 Giugno 2018 in 16:07
    Permalink

    Sarà molto importante avere un esito favorevole già in primo grado, poi gli altri che facciano ricorso..
    La contrapposizione mediatica mi fa piuttosto ridere, si nota lontano un miglio che tanti, da una parte e dall’altra, sono simpatizzanti, per fortuna qua e la c’è qualcuno che ha fornito analisi obiettive.
    E’ logico che il parma chieda l’assoluzione del giocatore ma con tutto il casino che ne è scaturito dubito possa passare il concetto che è lecito scrivere all’amico avversario di turno, penso e spero che tuttavia venga solo considerato sleale e non un illecito.
    Davide non ha tutti i torti, è normale preoccuparsi anche di come possa essere costruita la squadra, va bene che ci sono le occasioni last minute e potremmo eventualmente beneficiare di una proroga se ce la dovessero concedere ma poi la squadra va plasmata e noi non siamo nelle condizioni di poterlo fare anche perchè non puoi spendere soldi per giocatori di categoria se non sei certo di farla, speriamo che almeno si riescano a fare dei prestiti
    Non ho il raffronto con gli anni passati ma 1500 abbonati mi sa che siamo indietro, i tifosi devono fare comunque la loro parte anche perchè l’unica cosa certa è che la società non ha fatto nulla di male

    • 25 Giugno 2018 in 17:41
      Permalink

      Gabriele il danno non è solo, purtroppo, per il calciomercato.
      Bisogna ricordarsi che il Parma ha speso molto per la stagione scorsa e la promozione in serie A , con tutti gli introiti del caso, chiudeva anche il bilancio al 30.06 senza dover in alcun modo mettere le mani in tasca ai soci.
      Così, invece, bisogna comunque sistemare le cose.
      Poi i denari rientreranno in cassa, più avanti.
      C’è anche un danno di immagine, sponsorizzazioni ecc…
      Il calciomercato ora non è proprio il primo problema, almeno secondo me.

    • 25 Giugno 2018 in 17:25
      Permalink

      Cerchiamo di avere la maturità di capire che il Parma è stato deferito per responsabilità oggettiva a segutio dei famosi messaggi whatsapp inviati da Calaiò a Pippein: se Manu si fosse astenuto non sarebbe scattata alcuna indagine.
      Quindi: Zamparini non è la causa dei nostri attuali problemi, anche se cerca di approfittarsene per trarre vantaggio per il Palermo.
      Che la Procura Federale, viste le polemiche, abbia preferito fare Ponzio Pilato passando la palla al TFN è un retropensiero che può anche aver fondamento, ma anche in questo caso se non ci fosse stata prima la corbelleria, nulla sarebbe successo…
      Infine: il Parma, ahinoi, non è stato prosciolto un bel niente e le magagne del Chievo non c’entrano una “benedetta mazza” con la nostra attuale posizione con la giustizia sportiva.
      Ripetiamo che razionalmente la soluzione più probabile è una rivisitazione delle tesi dell’accusa, con il passaggio alla semplice slealtà sportiva, e non illecito che comporterebbe la pena del Parma. Nell’improbabile caso che il Parma dovesse esser condannato per responsabilità oggettiva non si capisce su quale fondamento possano esser previste sanzioni maggiori rispetto al minimo edittale di un punto.
      Infine: su che fondamento crede che il posto del Chievo (che a propria volta affronterà un processo, anche se le accuse son ben più pesanti, visto che qui è stata tirata in ballo persino la responsabilità diretta che tradotto è retrocessione, ma comunque c’è tutto un iter processuale anche in questo caso) debba essere del Palermo e non già del Crotone?

      • 25 Giugno 2018 in 17:31
        Permalink

        aggiungo io che il posto del chievo ( che rischia ben più della retrocessione, se i fatti saranno confermati in giudizio ), non andrà in automatico al Palermo ma andrà a vantaggio della società che avrà i titoli per ottenere il ripescaggio. E forse faranno domanda anche altre società in base ai parametri che verranno indicati

        • 25 Giugno 2018 in 18:58
          Permalink

          Secondo lei è applicabile la radiazione nella peggiore delle ipotesi? Quindi anche per il Cesena anche se sta già provvedendo in autonomia visti gli altri enormi problemi che ha

          • 25 Giugno 2018 in 19:40
            Permalink

            per i dirigenti coinvolti direi proprio di si. Del resto le plusvalenze fittizie che determinano falsi in bilancio sono anche nel processo sportivo dei dirigenti del defunto Parma.
            Loro due sono stati radiati, anche se uno ha ottenuto dal Tar la sospensione del provvedimento.

          • 25 Giugno 2018 in 19:50
            Permalink

            Se fosse accertato che i blianci sono stati falsati da plusvalenze fittizie, si aprirebbe quasi automaticamente la richiesta di fallimento da parte della Procura della Reoubblica nei confronti delle due società. Il Cesena pare abbia già la richiesta formulata dalla procura, perchè la mancata omologazione del piano di ristrutturazione del debito commerciale ( non sportivo) da parte di Equitalia, ha di fatto dimostrato che la società si trova nella situazione prevista dall’articolo 5 della legeg fallimentare ovvero situazione di insolvenza.
            Nel caso del Chievo, l’accertamento dell’illecito, farebbe scattare anche il procedimento penale. Si ealizzerebbe una situazione tipo Parma calcio con possibili azioni di responsabilità personali nei confronti dei dirigenti.
            Poi ci sono i problemi legati ai due clubs sportivi veri e propri e qui al momento non posso indicare soluzioni possibili perchè sono tante e dipendono anche dalla durata dei vari processi.

        • 25 Giugno 2018 in 19:21
          Permalink

          Eh è un po che il calcio italiano è tecnicamente fallito

      • 25 Giugno 2018 in 19:18
        Permalink

        Sempre bello leggere questi commenti ottimistici, ma io mi Chiedo cosa c’entra la società se un genio decide di suo di mandare dei messaggi a un ex compagno…./ majo me lo faccia capire…. e noi dovremmo perdere la serie a per questo soggetto..

        • 25 Giugno 2018 in 19:24
          Permalink

          Il principio della responsabilità oggettiva era stato istituito al fine di evitare che ci fossero dei furbi che mandassero avanti altri a far comibe tenendo ben protette le società. Una sorta di dterrente, che in effetti, forse, andrebbe un po’ rivisto in virtù della evoluzione dei tempi.
          La Società c’entra dal momento che Calaiò viene deferito per tentato illecito ai senso dell’art. 7 del CGS che appunto prevede la responsabilità oggettiva.
          Siccome è palese che la società con questa iniziativa non c’entra niente, se proprio deve essere punita perché lo prevede il Codice (e certo il Codice non può cambiare in corsa o a breve) deve essere applicato il minimo della pena, che è un punto. Per questo abbiamo più volte definitivo “ottusangoli” coloro che senza senso alcuno paventano pene superiori. E l’ottimismo (ragionato) deriva da questo.

    • 25 Giugno 2018 in 18:14
      Permalink

      Hanno scoperto l’acqua calda, sul web è parecchio che avevano fatto notare quello strano giro di giocatori.. i controlli non esistono salta fuori ora perchè c’è di mezzo il fallimento del cesena

  • 25 Giugno 2018 in 17:20
    Permalink

    Io non ci voglio stare in Serie B, intanto, visto che,

    PER MERITO SPORTIVO, CE LA SIAMO GUADAGNATA E RI-PORTATA A CASA, TENIAMOCELA BEN STRETTA..

    incassiamo i soldoni
    facciamo il campionato
    vediamo che succede
    e, proprio male che vada, se si dovesse retrocedere subito,
    ci sarebbe pure il discorso del paracadute che,
    PALERMO, EMPOLI e PESCARA hanno avuto quest anno, partendo già in pole position economicamente parlando ..rispetto a tutte le altre ..
    non è difficile, come concetto, da mettere a fuoco ..o no ?
    ..
    ribadisco, SI FACCIA IL CAMPIONATO, SI PROCEDA SULLA LINEA SEGUITA FINO AD ORA ..
    non dobbiamo pensare a nessuno…juve, inter, milan ( che non sia messo peggio di noi ?? ) roma napoli fiorentina, lazio..atalanta…sampdoria…NON BISOGNA PENSARE A QUESTE ..
    …si pensi a quelle alla nostra portata: frosinone, cagliari, chievo, sassuolo, bologna, genoa, udinese …..
    ECCO, NOI, CON GLI ACQUISTI CHE VERRANNO EFFETTUATI ANDREMO A COMPETERE CONTRO QUESTE FORMAZIONI …
    serve anche calma e meno pretese esagerate…
    salvezza = 40 punti e basta, nessun altro obiettivo..
    entrare in punta di piedi e cercare un consolidamento general, assetto societario, centro sportivo, stadio e squadra…
    NON SERVE TUTTO SUBITO ..SERVE RITORNARE NEL GIRO CHE CONTA…POI SI VEDRA’ …
    giorno dopo giorno

  • 25 Giugno 2018 in 17:26
    Permalink

    Aggiungo anche che, sulla base del CONGELAMENTO di cui sopra, ritengo che, nei primi di giorni di luglio, verranno subito ufficializzati 3/4 acquisti tali da coprire quella spina dorsale di cui si era accennato tempo fa:

    PORTIERE

    DIFENSORE CENTRALE + ALTRO DIFENSORE

    CENTROCAMPISTA PLAY-REGISTA + ALTRO CENTROCAMPISTA

    ATTACCANTE
    ..
    serve sempre la solita calma, freddezza e nessun tipo di fretta: il mercato termina il 17 agosto…..

  • 25 Giugno 2018 in 17:40
    Permalink

    Se viene provato che i requisiti per l’iscrizione ai campionati non sussistevano già da tre anni succederà un pandemonio.
    Qui sì che ci sarebbero le basi per un tot di ricorsi da parte delle retrocesse in B in questi tornei.
    Si tratta di cose un po’ più serie rispetto all’inviare bacini su WhatsApp…

  • 25 Giugno 2018 in 17:46
    Permalink

    con la regia e modna in d ci dispiace ma x quest’anno è così

    evviva il calcio moderno !!!! etor ke modello inglese !!!!

    do el col dal stadio nuovo con negozi e cinema ke lavor

    forsa pàrma

  • 25 Giugno 2018 in 19:14
    Permalink

    In linea di massima sposo la linea del Moro perché già in passato ritenevo che il continuo tourbillon seppur molto utile fra i tifosi e chi spiega o chi da pareri più o meno sparati dagli addetti ai lavori (L’ex no…!) Causano forse anke una situazione da malato immaginario….dico forse….
    Per me la società avrebbe dovuto però in “diretta mondovisione” dire la sua almeno 1 volta…
    Avevo scritto di non fasciarsi la testa
    Chiedevo se era possibile attraverso lo stesso post di Ciccio 7, di avere Calaio ‘ assolto …
    Di parlare di mercato ecc..
    Non lo ho fatto per essere un sotuttoio ma per rendere meno pesante moralmente questo blog(ci pensano già troppo terze persone) e di passare un po per un burlone di corte cercando di vedere anche un minimo di positivita …d’altronde ci sarà chi scrive su queste pagine chi alla fine avrà vinto la sua scommessa sul processo e del destino del Parma e chi no.
    IO PER rispondere al Moro dico:
    Pena derubricata al Parma e sanzione pecuniaria 50.000
    3 mesi a Calaio e 10.000 euro di multa.
    …….provateci anche voi così rimane una traccia !
    Buona fortuna !
    FORZA PARMA SEMPRE

    • 25 Giugno 2018 in 19:19
      Permalink

      Le mie previsioni:

      Calaiò: pena derubricata da tentato illecito a slealtà: 6 mesi di squalifica.
      Parma, cadendo la responsabilità oggettiva, viene assolto con formula piena
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 25 Giugno 2018 in 19:16
    Permalink

    Quando si avrà la sentenza di primo grado?

  • 25 Giugno 2018 in 19:22
    Permalink

    Infatti volevo dire Calaio passa da tentato illecito a slealta .

  • 25 Giugno 2018 in 20:18
    Permalink

    Sarei d’accordo, e pure molto contento, se si verificasse la versione di Alessio:

    derubricazione da ILLECITO in SLEALTA’ SPORTIVA,

    squalifica, anzi, meglio un ammenda per Calaiò e PARMA assolto su tutta la linea
    ..

    poi, SE DOVESSERO FARE RICORSO TERZI ATTORI, FATTI LORO, INIZIAMO IL CAMPIONATO E …vadano pure avanti con le beghe legali…
    intanto arriviamo a natale …poi ne parliamo

  • 25 Giugno 2018 in 20:28
    Permalink

    Se vi fasciate la testa prima del tempo siete fascisti

  • 25 Giugno 2018 in 20:54
    Permalink

    Per Douglas , Hetemaj ha rinnovato con il Chievo che ora vuol fare casssa vendendolo ,ma dopo il deferimento diretto non so cosa succederà…

    • 26 Giugno 2018 in 09:20
      Permalink

      Okay …. insomma con Stulac e Cigarini siamo a posto

  • 25 Giugno 2018 in 21:05
    Permalink

    Una domanda per l’Avvocato e per Majo: mi potreste chiarire un punto? Ma se nella peggiore delle ipotesi per confermata l’accusa ma la sentenza sarà emessa dopo il 30 giugno, è da regolamento che debba essere scontata nella prossima stagione? leggendo la norma non ho letto questo particolare. Gradirei risposta, grazie. Detto questo due considerazioni: 1 ) se come dice Majo, la pena minima è di 1 punto, non vedo perchè darne in più. Dovrebbe trovare giustificazione. 2) considerando che non si potranno ripetere i playoff, In caso di 2 punti, la pena afflittiva sarebbe equivalente ad un meno 15, cosa non possibile oltre che doppiamente sanzionatoria, in quanto toglierebbe la promozione diretta ma anche il diritto ai playoff. Su questo potrebbe dibattere la difesa.

  • 25 Giugno 2018 in 21:06
    Permalink

    La Procura ha delle gatte da pelare molto più grosse rispetto a quella del Parma, non è bellissimo dirlo ma dopo le notizie sul Chievo & co penso che le chance di una nostra piena assoluzione siano molto più alte (non scordiamoci che anche il Frosinone non è sicuro al 100% della promozione).
    Sarà compleso far partire i campionati di A e B tra ricorsi e controricorsi si rischia un quasi certo slittamento.
    Sempre e solo forza Parma

  • 25 Giugno 2018 in 21:06
    Permalink

    Errata corrige: Ma se nella peggiore delle ipotesi sarà confermata l’accusa …

  • 25 Giugno 2018 in 21:12
    Permalink

    Su tv Parma Malmesi ha riferito che il Parma non ha ancora ricevuto il vero è proprio atto di deferimento.. di solito quanto tempo passa tra l’avviso di chiusura indagini e il deferimento ?

  • 25 Giugno 2018 in 22:06
    Permalink

    Intanto sequestrati beni a zamparini….http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 25 Giugno 2018 in 22:11
    Permalink

    Si, vero e confermato ma, nell’atto di chiusura indagini c’è già quella che sarà l’imputazione, art, comma ecc ecc…
    da ciò che ho capito è come se fosse un anticipazione vera e propria del deferimento per TENTATIVO di illecito sportivo
    ..
    però lo stesso legale, in questo caso anche socio fondatore oltre che consigliere d’amministrazione, ha trasmesso molta fiducia e serenità avverso quello che sarà un processo che ..dovrebbe..uso il condizionale …risolversi in poco o nulla di fatto…

    tranquilli giovani, abbonatevi e domani vedrete che verrà pure presentato un acquisto ….

  • 25 Giugno 2018 in 22:24
    Permalink

    È giusto tremare anche perché ci sembra di rivivere la vicenda licenza UEFA che ci ha un po’ traumatizzato. È però importante capire che la situazione è completamente diversa. In questo caso non è che dobbiamo sperare nella clemenza della corte: il fatto è che, sulla base di quanto detto dagli esperti , non ci sono proprio le condizioni di regolamento per farci perdere la A, nemmeno se interviene il papa in persona. Poi danno di immagine , danni e tutto quello che volete, ma su questo ci rialzeremo. Magari è la volta che sul mercato viene fatto quel colpo ad effetto che altrimenti non si sarebbe fatto.

  • 25 Giugno 2018 in 22:55
    Permalink

    Il Palermo ci vuole in B, quando loro sono messi molto peggio di noi.
    Carà società, sarebbe il caso di rispondere colpo sul colpo a certi personaggi.

  • 26 Giugno 2018 in 09:27
    Permalink

    I pm avevano chiesto il sequestro di oltre 50 milioni di euro, ma il gip Fabrizio Anfuso ha deciso di sequestrare solo un milione alla società.

  • 26 Giugno 2018 in 09:28
    Permalink

    In ogni caso a me a sentir parlare di paracaduti e di convenienze a salire in A per tornare in B col paracadute per fare una bella squadra e rivincere la B tremano i polsi. Sono ragionamenti da Corsi, Vigorito, Stirpe e Lugaresi. Proprio perchè la A è un bene da difendere con i denti oltre al tribunale è fondamentale fare una squadra forte. La Spal ha messo su una rosa di tutto rispetto e fare le figure del Benevento non è sicuramente un bello spot.

  • 26 Giugno 2018 in 09:43
    Permalink

    I nostri ragionamenti di ieri si basavano sulla convinzione del suo omonimo che non sarebbe un dramma la serie B perché a suo dire evidentemente è la nostra dimensione, sommato alle sue preoccupazioni di ieri sulle oggettive difficoltà di mercato con conseguente rischio di non riuscire ad allestire una squadra in grado di mantenere la categoria.
    Non era un elogio del paracadute tout court. La B, se programmata da non avere ripercussioni economiche, è un dramma solo sportivo (ad es. alla fine della prox stagione nella improbilissima peggiore delle ipotesi) mentre sarebbe una vera disgrazia, dal punto di vista dei conti, se fosse negata ora la meritata promozione in A.
    Dunque, essendo finiti inconsapevolmente in questo casino, c’è da sperare tutti insieme di uscirne, ed è la priorità assoluta, senza fasciarsi la testa per le difficoltà di mercato perché comunque, come detto sopra, i danni sarebbero circoscritti.

  • 26 Giugno 2018 in 09:48
    Permalink

    Se ti riferisci a me io preciso subito che la mia era una risposta al pessimismo di Luca:
    io ho asserito che INTANTO ANDIAMO IN A E GIOCHIAMO IL CAMPIONATO, se malauguratamente dovesse andare male, oltre ai primi 40 milioni, bonus di ingresso per diritti televisivi, premio promozione e ammenicoli vari, nella + malaugurata delle ipotesi, tornando in B ( categoria nella quale lui ha affermato di voler restare, a priori ) ci sarebbero pure i milioni di ritorno, appunto, legati al “paracadute”..tutto li..
    IO VOGLIO LA A, a qualsiasi condizione..
    faremo mercato, faremo la squadra e della SPAL oggi o del BENEVENTO IERI me ne sbatto altamente…
    ci saranno sempre quelle 7/8 squadre che saranno alla nostra portata ….sia ECONOMICAMENTE ( forse pure meno ) sia dal punto di vista TECNICO, DI ROSA , DI SPESSORE …
    ..tutto qui

    per la serie QUELLI CHE, NOI CI SIAMO ABBONATI: 1.449 a ieri

    moro

  • 26 Giugno 2018 in 10:21
    Permalink

    Buongiorno con un pò di news:

    1) come avrete tutti letto il Palermo NAVIGA con la barca che fa acqua da tutte le parti e, ciò nonostante, in luogo di preoccuparsi dei “cazzein” suoi, si preoccupa di quelli altrui : è proprio vero, guardando in casa degli altri poi non riesci a seguire bene ( anche se non è vero ) i tuoi affari personali, ergo, BADA A CASA TUA SIG. ZETA..e sta tenta dot met i pè…a ghè l’acqua elta…spera d’isar bon ed noder…pesciolon

    2) del CESENA e del CHIEVO avrete letto ( i famosi professionisti delle plusvalenze di “leonardiana” memoria….prendi un gatto, vendi due pulcini, alzi, gonfi e pompi le carte ed ecco che hai un patrimonio centuplicato, iper gonfio di ARIA FRITTA, CARTE E CARTONI che non valvono un “pippein di un cazzein di niente”

    ci sono + società sull’orlo della crisi e del fallimento che società sane…
    QUESTA PIAZZA HA GIA’ PAGATO ( anno 2015 ), ha già dato, sebbene per colpe non proprie bensì di chi aveva il timone in mano nel ponte di comando ( ammiraglio e comandante erano giusto ? )
    ..ora, quella che chiamasi GIUSTIZIA SPORTIVA…colga l’occasione per effettuare questo “processo”, verifica, sulla base dei “messaggen” , con rigore ed equita ma …IN TEMPI RISTRETTI…SI APRA E SI CHIUDA ALLA SVELTINA IL DIBATTIMENTO:
    se ci sarà da pagare il disturbo date l’ammenda pecuniaria a CALAIO’, nemmeno la squalifica, UNA SANZIONE ECONOMICA rende di + la sostanza a chi non deve commettere ulteriori leggerezze in questo ambito del pippero.

    si apra il mercato, si dia termine alle menzogne, alle sparate gionalistiche e SI FACCIA PIENAMENTE LUCE SU TUTTO
    ..
    sul PARMA,
    SUI CAMPIONATI, SULLE PARTITE, SULLE ISCRIZIONI FASULLE, SUI DOCUMENTI TAROCCATI, SULLE FIDEJUSSIONI CABRIOLET, SUI RAGGIRI, SUI PAGAMENTI RITARDATI, SUI DEBITI ACCUMULATI E SU TUTTE LE MAGAGNE VERE, CORPOSE, DOCUMENTATE E SEGNALATE DAI VARI CONTROLLI della Guardia di Finanza, dalle Ispezioni da parte degli organi preposti…
    SU TUTTO QUANTO BOLLE IN PENTOLA ..
    ..
    noi siamo nella FOOD GREEN VALLEY …eccellenze del territorio, specialità gastronomiche e non solo ….ma, anche una
    SPLENDIDA REALTA’ SPORTIVA, CALCISTICA che ha saputo risalire la china, con investimenti, progetto, uomini, serietà, laboriosità e passione: davanti a questo gruppo, in campo, c’è sempre stato un CAPITANO, quella MAGLIA NUMERO 6.sei un mito…Alessandro Lucarelli ..
    e, senza togliere nulla ai MAGNIFICI SETTE nè PARMA PARTECIPAZIONI CALCISTICHE, proprio
    ALESSANDRO LUCARELLI e MARCO FERRARI sono gli uomini simbolo di questa RINATA REALTA’ CALCISTICA PARMIGIANA
    ..
    grazie ragazzi, grazie PARMACALCIO1913

    mi sia concesso di chiamarvi ” emozionalmente” per nome

    grazie ad Ale, Marco, Giacomo, Angelo, Mauro, Giampaolo, Guido, Paolo ( ora anche Pietro )….

    mauro morosky moroni

  • 26 Giugno 2018 in 10:44
    Permalink

    comunque oggi la gazzetta dice che il giudizio di primo grado dovrebbe essere I primi di luglio… così la facciamo finite con questa storia…. e si riprende a vivere e a fare mercato…

    • 26 Giugno 2018 in 11:05
      Permalink

      E’ sicuramente apprezzabile il tentativo della Gazzetta di Parma di fare un po’ di opera di divulgazione su questo tema che sta rovinando le vacanze dei tifosi Crociati, peraltro a Parma la Gazzetta è considerata come il Vangelo perché se lo dice la gaseta alora le vera…

      Però proprio sulla questione temporale, non per fare gli azzeccagarbugli, ma abbiamo qualcosa da eccepire rispetto alle parole riportate del Principe del Foro Diana.

      Egli, infatti, fa riferimento a una data di ricezione del deferimento che non corrisponde alla realtà dei fatti, dal momento che, per lo meno fino a ieri, l’unico documento ricevuto dal Parma Calcio 1913 era il solo avviso di fine indagine, che un legale sa bene esser cosa diversa dal deferimento vero e proprio. Abbiamo letto, riportate da Parma Live, ad esempio le fresche dichiarazioni, proprio a 12 Tv Parma, emittente televisiva dello stesso gruppo editoriale, che l’Avv. Malmesi aveva dichiarato che il deferimento non era ancora arrivato. Non solo: sulla Gazzetta dello Sport di oggi il sempre ben informato (dalla Procura Federale) Catapano ha scritto, a conclusione di un trafiletto dedicato al Caso Foggia: “E intanto anche a Parma aspettano che la Procura federale emetta il dferimento di Calaiò. Ci vorrà qualche giorno”. E se lo dice Catapano, abbiamo imparato, potrebbe esser vero, misunderstanding su Ceravalo a parte.
      Sic rebus stantibus, per noi, a proposito delle tempistiche, vale quanto già avevamo scritto in un precedente commento in risposta proprio a Lei, LukFur (che evidentemente crede più alla Gazza che a Stadio Tardini…) e che qui replichiamo:

      “Ieri LEX, autore di Stadio Tardini, avvocato specializzato in diritto sportivo, ha postato l’articolo 41 CGS che regola procedure e tempistiche dei processi sportivi.

      Al comma 3 si legge; “II termine per comparire innanzi all’Organo di giustizia sportiva non può essere inferiore a venti giorni liberi, decorrenti dalla data di ricezione dell’avviso di convocazione, salva l’abbreviazione dei termini per giusti motivi”.

      20 giorni, dunque, ma, attenzione, dalla data di ricezione dell’avviso di convocazione, che supponiamo essere il deferimento vero e proprio di cui non si ha notizia dell’avvenuta ricezione da parte del Parma, che la settimana scorsa, invece, aveva ricevuto invece la “comunicazione di conclusione delle indagini della Procura Federale”.

      Quindi 20 giorni a partire da quando arriva il deferimento, questa è la nostra interpretazione.

      Attenzione, tuttavia, alla finestra lasciata aperta sempre dal Comma 3: “salva l’abbreviazione dei termini per giusti motivi”.

      Tra i giusti motivi potrebbe essere considerato l’impellente inizio dei campionati e della preparazione?

  • 26 Giugno 2018 in 10:49
    Permalink

    Vorrei porgere le condoglianze alla Fam. Fontana per la prematura scomparsa di Silvano, mitico personaggio , istrionico e pittoresco, ex dj, appassionatissimo e competente tifoso di calcio, contitolare del Chelsea Pub di Parma:

    abbiamo pranzato insieme due domeniche fa, eri una bella persona, aperta e solare, ciao Silvano, r.i.p.
    Mauro morosky

  • 26 Giugno 2018 in 11:30
    Permalink

    Quindi o entra in gioco il comma 3 o si va veramente per le lunghe… spero proprio che almeno per una volta, in questo paese illogico e comico, prevalga il buon senso e si dia un’accelerata a questo processo, perchè veramente ne ha del ridicolo. A questo punto, se così non sarà, spero che la società chieda i danni per i danni causati dal protrarsi delle tempistiche.

    • 26 Giugno 2018 in 12:16
      Permalink

      La Gazzetta dello Sport è molto diffusa e basta saperla leggere…

      I grandi del giornalismo han sempre insegnato che le migliori chicche sono nelle brevi e nei trafiletti, quelli solitamente saltati dai lettori che si fanno abbagliare dai titoloni…

  • 26 Giugno 2018 in 12:16
    Permalink

    Certo che lo leggono se no come farebbero ad avere notizie fresche, pareri di professionisti competenti , sparate di noi tifosi-lettori, gossip e quant altro si possa leggere su queste pagine nere vergate di bianco ?
    A proposito dov’è andato a finire Velenoso ?
    Velenoso ?…Velenosooooooooooooo
    se ci sei batti un colpo, due al massimo, visto che non c’eri ho fatto io un po di commenti corti corti ..si fa per dire ..
    sei in ferie ?
    mi manchi sai ?
    volevo sapere il tuo ultimo parere ..prima che finisca la stagione agonistica 2017/18 …poi, dal 1 di luglio siamo in quella successiva e li..si parla di bassa Serie A…che, comunque, è sempre vicina all alta Serie B, cioè dove siamo arrivati …appena appena secondi …mo pr un pel tal se an ??
    dai salta fuori dal letargo !
    ti avranno mica bannato ?

    Stadio Tardini voi ne sapete qualcosa ?
    è in ferie ?
    in ritiro ?
    ne sta preparando una delle sue ?
    ah, a proposito, il Modena riparte dalla Serie D, con gigi, luca e fabio…vuoi vedere che vincono il campionato ?
    scomettema un caffè ??
    dai su fat vedar

    • 26 Giugno 2018 in 12:48
      Permalink

      Si è autobannato dopo la cetinatura di un commento a suo avviso non meritevole di finire nel cestino: però su questi argomenti delicati non bisogna eccedere nel fare i troll e soprattutto a lui manca un senso della misura, perché, come gli abbiamo ripetuto centomila volte, non può caricare centomila commenti, reiterando sempre gli stessi argomenti

    • 26 Giugno 2018 in 13:22
      Permalink

      Caro Mauro …lascia stare Velo …per favore
      “Te A proposito dov’è andato a finire Velenoso ?
      Velenoso ?…Velenosooooooooooooo
      se ci sei batti un colpo, due al massimo, visto che non c’eri ho fatto io un po di commenti corti corti ..si fa per dire …”
      no abbiamo più’ bisogna de negativissimo …di piangere adosso ..
      di tragedia Greco ….
      Aspettiamo il Velo positivo di Calciomercato Paerma …
      lets think big Parma Calcio 1913 …
      Grande Societa …Grande Faggiano

  • 26 Giugno 2018 in 12:48
    Permalink

    Una domanda per l’Avvocato e per Majo: mi potreste chiarire un punto? Ma se nella peggiore delle ipotesi per confermata l’accusa ma la sentenza sarà emessa dopo il 30 giugno, è da regolamento che debba essere scontata nella prossima stagione? leggendo la norma non ho letto questo particolare. Gradirei risposta, grazie. Detto questo due considerazioni: 1 ) se come dice Majo, la pena minima è di 1 punto, non vedo perchè darne in più. Dovrebbe trovare giustificazione. 2) considerando che non si potranno ripetere i playoff, In caso di 2 punti, la pena afflittiva sarebbe equivalente ad un meno 15, cosa non possibile oltre che doppiamente sanzionatoria, in quanto toglierebbe la promozione diretta ma anche il diritto ai playoff. Su questo potrebbe dibattere la difesa.

    • 26 Giugno 2018 in 13:37
      Permalink

      La questione, Pasquale, non è se la sentenza viene emessa dopo il 30 Giugno (anche perché sicuramente sarà emessa dopo il 30 giugno), quanto la cosiddetta “afflittività”, cioè la penalizzazione deve essere afflittiva e da scontarsi nella stagione di riferimento al tentato illecito.
      Pertanto il Parma, in caso di (improbabile) condanna, dovrebbe scontarla con effetti sulla passata stagione.
      Questo a regola di briscola. Poi c’è tutta una serie di ragionamenti correlati da fare.
      Ipotizziamo, ad esempio, che al Parma venga riconosciuto il minimo della pena, cioè un punto: in questo caso, per via della classifica avulsa non cambierebbe nulla visto che il Parma si troverebbe a pari del Palermo come punti, ma in vantaggio per gli scontri diretti: ebbene il punto di penalizzazione non sarebbe afflitto se scontato in questa stagione e dunque andrebbe scontato in quella successiva. Se i punti fossero 2, come da abituale giurisprudenza, le cose si complicherebbero non poco visto che il Parma perderebbe la categoria senza possibilità di disputa dei play off (dopo il 30 Giugno la stagione è finita), e anche in questo caso facilmene verrebbe scontata in quella successiva.
      Ma il nostro parere razionale è che al Parma non venga dato alcun punto di penalizzazione, visto che il “reato” supponiamo possa essere declassato da tentato illecito a slealtà.
      E’ evidente che il collegio difensivo del Parma e del calciatore punterà al totale proscioglimento di Calaiò, ma, obiettivamente, non crediamo che questo tipo di obiettivo possa esser centrato.

      • 26 Giugno 2018 in 14:31
        Permalink

        Ah ecco, in sostanza, data l’impossibilità di giocare i playoff, POTREBBE essere scontata nella prossima stagione. Fermo restando la mia convinzione di art. 1, come giusto che sia, perchè non credo nell’assoluzione totale, ho paura che ci benedicano con 2 punti e ,data l’impossibilità dei playoff, faccia fede la classifica derivante.

        • 26 Giugno 2018 in 14:36
          Permalink

          Restiamo fermamente convinti che il tentato illecito si scioglierà come neve al sole in sede di dibattimento: non ci sarà penalizzazione, di conseguenza, dando per certa la derubricazione in semplice slealtà. Abbiamo ragione di credere che il collegio difensivo del Parma, in solido con quello di Calaiò, punterà alla totale assoluzione, ma restiamo convinti che una esemplare condanna del giocatore rientri tra gli obiettivi degli inquirenti, anche per, chiamiamole così, ruggini precedenti, e per dare l’esempio ad altri di non imitare tale condotta.

        • 26 Giugno 2018 in 18:09
          Permalink

          Restiamo fermamente convinti che il tentato illecito si scioglierà come neve al sole in sede di dibattimento: non ci sarà penalizzazione, di conseguenza, dando per certa la derubricazione in semplice slealtà il Parma ne uscirà indenne. Abbiamo ragione di credere che il collegio difensivo del Parma, in solido con quello di Calaiò, punterà alla totale assoluzione, ma restiamo convinti che una esemplare condanna del giocatore rientri tra gli obiettivi degli inquirenti, anche per, chiamiamole così, ruggini precedenti, e per dare l’esempio ad altri di non imitare tale condotta.

  • 26 Giugno 2018 in 14:06
    Permalink

    Una penalizzazione applicata sulla classifica finale di questo campionato porterebbe al caos, fosse anche di un punto solo.
    Non e’ che il Palermo sia, in quel malaugurato caso, automaticamente promosso. Tutte le altre partecipanti ai play-offs farebbero ricorso, dato che gli stessi avrebbero avuto diversa composizione e diversi accoppiamenti. Non se ne uscirebbe piu’. Aggiungiamoci la situazione del Palermo stesso, viste le notizie di ieri, ed anche il procedimento che dovra’ affrontare il Chievo. Si rischia di vedere slittare l’inizio dei campionati a chissa’ quando.

    • 26 Giugno 2018 in 14:32
      Permalink

      Siamo convinti che l’eventuale penalizzazione di un punto, applicata alla fine della passata stagione, non comporterebbe l’automatica promozione del Palermo, per il semplice fatto che il Palermo si troverebbe con gli stessi identici punti del Parma, ma sotto per differenza reti. Ragion per cui sarebbe sempre davanti il Parma. E’ altresì vero che a quel punto sarebbe diventato secondo il Frosinone, che avrebbe dovuto saltare i Play Off. Ma proprio per evitare problematiche relative alla coda della stagione (peraltro molto interessante l’intervista rilasciata nei giorni scorsi dall’ex capo redattote del Giornale Radio e voce di Tutto il Calcio Minuto per Minuto che ha espresso forti perplessità sul fatto che ci siano i play off alla fine di un campionato lunghissimo come la Serie B) non si farebbe riferimento ai play off, comunque già disputati e non disputabili, ma alla classifica di riferimento della regular season.
      Ma sono tutti ragionamenti che riteniamo superflui, forti della nostra forte convinzione che il reato di tentato illecito di Calaiò sarà derubricato in semplice slealtà sportiva, per cui è inutile star qui a far di conto su uno o più punti di penalizzazione, ipotesi pressoché irreale

      • 26 Giugno 2018 in 14:47
        Permalink

        Tutto vero ma in questo caso una pena di 2 punti equivarrebbe ad una pena di 15 punti vista l’impossibilità di fare i playoff . Non sarebbe un abominio giuridico ?

  • 26 Giugno 2018 in 14:35
    Permalink

    Beh allora faccio la formazione della
    Whatsapp Tim Comunication Cup riservata a “nador” professionisti:

    …………………… GUARDALBEN
    ……………Pippein Claudiein Cazzein
    ………Giorgen Carlen Luigen Ginen Sevren
    ………………….whatsappò …Pepen

    allenatore : staben
    a disposizione: povren, nanen,

    tratto dalla famose canzone di Gino Paoli ecco il ritornello , leit motiv della Procura:

    eravamo 4 amici al VAR,
    che volevano cambiare il CALCIO,
    destinati a qualche cosa in MENO che a UNA SQUADRA
    ed un impiego in PROCURA ,

    Si parlava con profondità di MSG e di WHATSAPP
    tra un bicchier di coca ed un caffè
    tiravi fuori i tuoi perché e proponevi i tuoi “farò…”.

    • 26 Giugno 2018 in 15:34
      Permalink

      ahahahah troppo divertente!!!!!

  • 26 Giugno 2018 in 17:57
    Permalink

    Que bueno Mauro….
    Menos mal que hay alguien que tiene humor ahora con tanta pesimismo,,,
    Chapeau

  • 26 Giugno 2018 in 18:25
    Permalink

    Bellissima

  • 26 Giugno 2018 in 18:29
    Permalink

    As fa col cas Pol…in attesa di tempi migliori..ritiro amichevoli coppa Italia e..finalmente..SERIE A ..WHATSAPP CON NOI

  • 26 Giugno 2018 in 18:43
    Permalink

    Fermi tutti, finalmente svelato l arcano dell’arrivo della chiusura indagini ma non quello legato al deferimento vero e proprio: quest ultimo , che arriverà in aereo..sta volando con l aereo della compagnia …whatsapp quella che aveva preso il piccione cinese
    segue

  • 26 Giugno 2018 in 20:02
    Permalink

    ricordate quello che nel novembre scorso doveva veicolare gli juan cinesi ?
    chi 15 milion ed juan cas gneva ..e in rivevon miga..per forza, il piccione, in avaria, si era fermato in un hangar di Istambul, li aveva conosciuto una piccionessa ottomana e ce n’è venuta una gamba..
    i soldi, poi, sono arrivati in seguito ma che spavento ..

    e arriverà pure il deferimento, questo però, senza spavento, abbiamo già predisposto la linea operativa …

    avremo un pool di 14 avvocati,
    11 PARTONO SUBITO IN AULA E TRE SONO IN PANCHINA..

    i primi 6, difensori, si occupano della parte culinaria, come difendere il nador ?
    gli altri 5 attaccano a tutta manetta, in contropiede…
    sembrerebbe una squadra sbilanciata ma vedrete…

    l’importante, come nel periodo di caccia, è fare assolutamente tacere al nadar mut ( onde evitare ulteriori danni ) anche se, come idiomi legati alla provenienza, si dovrebbero capire alla perfezione, pure in dialetto …
    ma, in tutti i casi, meglio che i nostri si portino un interprete multi lingue, diciamo pure poliglotta , che conosca almeno 4 dialetti base diversamente settentrionali quali il calabrese, il sardo, il napoletano e, ovviamente il siculo stretto, quello della bassa lampedusa ..!!

    i preparativi ultimi sono stati approntati, manca solo l’arrivo del deferimento ( se arrivasse per posta, nel frattempo saremmo già agli europei 2020 ma, con il ns piccione …fra 3..4 giorni arriverà a Collecchio ..

    dalla procurata paura per la serie B alla gioia per al’arrivo del piccione ..
    ed ora …Nigeria Argentina …quasi quasi faccio il tifo per i colorati di verde ..

    • 26 Giugno 2018 in 22:59
      Permalink

      Moro no Moro no,,,
      Io tifo Messi e Argentina….
      Igual que Maradona

      Douglas

  • 26 Giugno 2018 in 20:50
    Permalink

    Per vs. informazione
    STULAC ha firmato : l’operazione verrà annunciata all’apertura ufficiale del mercato…
    non sarà Modric né Kroos ma ha 24 anni ..ha fatto un gran campionato pur essendo partito dalla panca ( inizialmente giocava Bentivoglio ), vede il gioco, ha un gran tiro, appoggia, lancia, tampona…mi sembra un potenziale centrocampista completo..
    rose in fiore ?

    non aspettatevi Pirlo, lasciatelo crescere e anche sbagliare

    e uno lo abbiamo preso !!

    • 27 Giugno 2018 in 13:16
      Permalink

      Stulac, ottimo acquisto, può far bene anche nella serie A
      Speriamo che si sbrighino con sta pagliacciata dei messaggini e ci lascino ripartire. Ci sono sequestri di milioni di euro, indagini per false plusvalenze, società che falliscono per non aver pagato le tasse, società che non riescono ad iscriversi in Serie C ( Reggiana), e stiamo a perdere e far perdere tempo nonché denaro per degli stupidi messaggini! Sveglia Federazione!

  • 26 Giugno 2018 in 23:05
    Permalink

    Moro scusa quante volte hai avuto 100 commenti o più sotto tuo articolo ,??

  • 27 Giugno 2018 in 09:35
    Permalink

    Ciao Gian Marco,
    devo dire che io collaboro all’aumento dei commneti, una 30ina saranno miei …………ah ah ah ah ah …
    devo dire che fa piacere , sicuramente…ma è solo a causa, PURTROPPO, DELL’ARGOMENTO SMS,
    preferirei che si parlasse di campo, di gioco , di tunnel, rabone, lanci di 50 metri, come quelli di Veron …

    …a proposito, io sono entrato per

    QUELLI CHE..NOI CI SIAMO ABBONATI : 1.530 ( fonte GdP)

    comunque…sui 90 ..un paio di volte ci si era arrivati…tieni sempre presente che io bombardo molto di mio …faccio + commenti di velenoso….ah ah ah ah

    lettore-tiifoso VELENOSO, dopo che ti sei auto-bannato, io, mauro morosky moroni, ti ordino di AUTO SBANNARTI….
    ritorna su queste pagine nere, StadioTardini senza i tuoi commenti ( pittoreschi, a volte ripetitivi e monotematici ma cmnq pungenti ed efficaci, SE NON ESAGERI ) ….è COME UNA MINESTRA SENZA SALE..
    non c’è gusto ..serve uno come te …il contradditorio che si contraddice un msg si ed uno no ..
    che cambia idea , nick e attacchi frontali ..
    sempre in auge nel tuo olimpo FAGGIANO e D’AVERSA ?
    IL MISTER HA RINNOVATO fino al 2020 lo sai vero ?
    ti aspetto
    movet
    moro

  • 27 Giugno 2018 in 10:03
    Permalink

    Preso pure SIERRALTA

    eppur si muove …( questo mercato ) ..pian pianino stiamo arrivando..Serie A ..A..spettaci …non vogliamo più scendere !!!

    circa 25 Serie A
    ed ora …si ricominci A

  • 27 Giugno 2018 in 10:11
    Permalink

    mi fa piacere che hai risposto Moro, cosi ti ho aiutato a superare quota 100 !!!!!
    Visto che anche a me piace di piu parlare di mercato …Pedulla’ ci informa che il Parma tratta Trezeguet …quello Egiziano compare di Salah…beh te lo dico questo e’ meglio di Di Gaudio, Insigne, Siligardi messi insieme….sara’ Faggiano o Cordon che ha fatto l’aggancio >?
    Sperema….
    io mi abbono ma aspetto il 9 luglio per cambio settore…non e’ per sfiducia ….

  • 27 Giugno 2018 in 12:05
    Permalink

    Ma qualcuno ha visto il mercato che sta facendo la Spal?Non il Real Madrid ma la Spal. Se l’ottica non è quella di fare i Corsi o i Vigorito bisogna mettersi almeno a quel livello…e ad oggi la Spal ovvero la peggiore delle squadre è anni luce avanti. A ghe da ders na mossa!

  • 27 Giugno 2018 in 14:54
    Permalink

    ….speriamo valga il chi va piano…..
    questa squadra se non si ribalta ora perche non ci sara tempo , sara determinante la scelta di quei 5o6 acquisti che non si devono sbagliare…poi il gioco…se in A non sei capace di offendere e’ dura…dura…De Zerbi ha insegnato qualcosina con mi pare 18 punti nel ritorno e non con fenomeni …be Sandro Letizia Djimsiti Diabate’ e Djuricic Viola Brignola non erano male ma credo che non saremo piu deboli di questi…facciamo almeno 15 punti poi……mercatone gennaio mal che vada….ohe’ faccio un esempio eh…mal che vada …
    Tardini Fortezza !!!

  • 27 Giugno 2018 in 23:43
    Permalink

    è sempre un piacere leggere il Direttore.
    ritorno al vecchio/vero stile di stadiotardini.
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI