VIDEO MESSAGGIO DI CARRA (CON MALMESI E PIZZAROTTI): “NESSUNO POTRA’ TOGLIERCI LA SERIE A. CHIEDIAMO RISPETTO PER UNA SOCIETA’ RIPARTITA DALLA D E PER UNA CITTA’ CHE SI E’ SPORTIVAMENTE RIALZATA CON INVESTIMENTI ITALIANI E STRANIERI”

(www.parmacalcio1913.com) – Il Parma Calcio 1913 comunica di aver ricevuto questo pomeriggio la comunicazione della conclusione delle indagini da parte della Procura Federale nei confronti del proprio tesserato Emanuele Calaiò (a cui viene contestata la violazione dell’art. 7, commi 1 e 2, del C.G.S) e conseguentemente della società (a cui viene contestata la violazione dell’art.7, comma 2, e art.4, comma 2 del C.G.S.).

A tale proposito, l’Amministratore Delegato Luca Carra ha dichiarato:

“Dopo giorni di indiscrezioni sui media e una mattina trascorsa da “deferiti a nostra insaputa” il Parma Calcio ha finalmente ricevuto l’avviso di chiusura indagini per i messaggi inviati da un nostro tesserato ad un suo ex compagno di squadra prima della partita Spezia-Parma, gara che ha sancito il nostro ritorno in Serie A. Questa è una società che dal primo giorno ha misurato ogni parola. Il mandato affidatomi da primari investitori italiani e stranieri è chiaro: moderare i toni ed evitare polemiche sterili. Ma di fronte a questo, non possiamo – a nome di tutta la società e di tutta la proprietà – rimanere in silenzio“.

Ipotizzare un tentativo di illecito esclusivamente per un messaggio Whatsapp innocuo e con faccine ad un ex compagno di squadra, dopo che indagini approfondite non hanno evidenziato null’altro, è sconvolgente. Perdonateci ma la serie A del Parma, conquistata con merito, non può essere messa in discussione per una contestazione di questo tipo. Chiediamo rispetto per una società che è ripartita dalla Serie D. Chiediamo rispetto per una città che si è sportivamente rialzata grazie agli investimenti di importanti investitori italiani e stranieri e si è sempre distinta per stile e sportività. Attendiamo impazienti i tempi della Giustizia Sportiva e non abbiamo alcun dubbio che chi dovrà valutare la condotta del nostro tesserato, saprà giudicare. Parma ha compiuto sul campo un’impresa straordinaria, mai riuscita prima e stiano sereni i nostri tifosi: nessuno potrà mai sottrarci la Serie A”.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

29 pensieri riguardo “VIDEO MESSAGGIO DI CARRA (CON MALMESI E PIZZAROTTI): “NESSUNO POTRA’ TOGLIERCI LA SERIE A. CHIEDIAMO RISPETTO PER UNA SOCIETA’ RIPARTITA DALLA D E PER UNA CITTA’ CHE SI E’ SPORTIVAMENTE RIALZATA CON INVESTIMENTI ITALIANI E STRANIERI”

  • 20 Giugno 2018 in 19:51
    Permalink

    stiano sereni non doveva dirlo!

    • 20 Giugno 2018 in 20:26
      Permalink

      Xche scusa? Porta sfortuna?

      • 20 Giugno 2018 in 21:19
        Permalink

        Lo “stai sereno” di Renzi a Letta è paradigmatico .

        • 21 Giugno 2018 in 08:07
          Permalink

          scusa non lo ricordavo http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 20 Giugno 2018 in 20:15
    Permalink

    Alziamo i toni o questi ci calpestano!

  • 20 Giugno 2018 in 20:32
    Permalink

    Anche con la licenza uefa, non potevano togliercela…. secondo me va a finire male….

    • 20 Giugno 2018 in 21:49
      Permalink

      Quella non ce L hanno mai data..

  • 20 Giugno 2018 in 20:58
    Permalink

    Lo dico e lo ripeto per l’ennesima volta
    La Sicilia nel prossimo campionato non
    avrebbe avuto una sola
    squadra in serie A mentre l’Emilia e
    Romagna. con noi. ne avrebbero avute 4.
    Al PALAZZO gli abbiamo offerto su un piatto d’argento il
    pretesto per riequilibrare le cose
    Giù il Parma è su il Palermo.
    FINIRÀ COSI PURTROPPO.
    Siamo troppo puliti per
    questo mondo calcistico
    di fogna.
    La nostra società in Lega non conta
    un cazzo e questo è dimostrato anche dal fatto che
    la società è stata l’ultima a sapere del deferimento mentre
    doveva essere la prima.
    Preparatevi quindi a un verdetto già scritto
    Scritto quando il B Palermo ha perso col Frosinone
    Potremo avere le più grandi eccellenze
    i più grandi avvocati del mondo ma
    IL VERDETTO GIÀ SCRITTO È IN FRIGO
    Verdetto che Zamparini tirerà fuori
    dalla gjiacviaia.verso il 15 luglio
    con una bottiglia di
    CHAMPAGNE.
    “Il.METODO ZAMPARINI”
    è l’unico vincente.
    Offendere offendere e….. sbavare
    minacciando perfino.l’aria che si respira.
    La cosa sta funzionando alla grande.
    CHE SCHIFO.
    Se retrocessi ritirate la squadra
    dal campionato gestito dai maiali.

  • 20 Giugno 2018 in 21:02
    Permalink

    Che ci mandino in b o no cambia poco, non possiamo fare mercato…. game over…..

  • 20 Giugno 2018 in 21:11
    Permalink

    Chiede il rispetto?
    Il rispetto ce lo doveva dare Calaiò e non saremmo nemmeno qui a parlarne caro Carra.
    La tutela per la A è per i 38 milioni che ne derivano, i tifosi non li ha nemmeno in nota.
    Pensa che abbiamo l’anello al naso?

    Nessuno ci deve niente, se c’è stato un illecito sarebbe meglio accettare il verdetto con dignità piuttosto che affermare che nessuno può toglierci la serie A.

  • 20 Giugno 2018 in 21:16
    Permalink

    Forse sbaglio ma il mio ragionamento è il seguente.
    La denuncia è arrivata prima della partita con lo Spezia, infatti erano presenti allo stadio osservatori dedicati. Se nelle indagini immediatamente successive alla partita fosse emersa la possibilità di una irregolarità tale da pregiudicare la serie A allora a quel punto il procuratore avrebbe “congelato” i playoff (come fatto per il bari) in attesa di ulteriori indagini e giudizio sul parma.
    Non essendo ciò accaduto mi viene da pensare che il procuratore non ha ritenuto che questo scenario fosse plausibile. Quindi probabilmente il rinvio a giudizio del parma è più una questione di forma che di sostanza…
    Non sono un avvocato e quindi forse il mio ragionamento fa acqua dal punto di vista giuridico.

    • 20 Giugno 2018 in 23:10
      Permalink

      Il deferimento della società è per responsabilità oggettiva, l’ipotesi accusatoria esclude il coinvolgimento diretto del Parma. Ravvisare un tentativo di illecito nei messaggi, spediti con superficialità sconcertante, da Calaiò è decisamente opinabile. E se comunque ci fossero altri elementi di prova a disposizione dell’accusa nulla cambierebbe per la posizione del Parma, del tutto ignaro dei messaggini di Calaiò ( solo commettendo il reato di violazione della corrispondenza avrebbe potuto averne contezza ) e che non ha mai preso contatti con tesserati dello Spezia. Infatti non viene messo in discussione il risultato ottenuto sul campo.
      Nello spazio commenti della Gazzetta dello Sport stanno sguazzando i trolls di mezza Italia

  • 20 Giugno 2018 in 21:23
    Permalink

    L avvocato grassani sostiene che tutto l iter finirà prima di ferragosto… Addio mercato. Di male in peggio

  • 20 Giugno 2018 in 21:45
    Permalink

    Grande discurso Luca Carra ,
    Sono 100% dacordo con Lei ….
    Parma e’ sempre Parma … Parma e’ Nobile ….
    Sono Fortunato di essere un Tifoso Giallo Blu

  • 20 Giugno 2018 in 21:54
    Permalink

    La disarmante semplicità con cui media, addetti ai lavori e tifosi avversari ci stanno pisciando in testa negli ultimi 3 anni è mortificante. Il Frosinone ha denunciato Zamparini in 2 giorni. A noi ci hanno massacrato negli ultimi 3 anni e gli è stato sempre concesso, dato che i nostri non vogliono partecipare “al circo”. Forse non se ne sono resi conti, i protagonisti del circo siamo proprio noi. Parma città non merita questo.

  • 20 Giugno 2018 in 21:55
    Permalink

    Caso Parma..alle 23 su Sportitalia il messaggio di calaiò a de col. Staremo a vedere…..

  • 20 Giugno 2018 in 22:08
    Permalink

    Ma poi penso ora no…la società ha CHIESTO PLATEALMENTE di poter rendere pubblici questi messaggi. Probabilmente non li hanno ancora visti…e Sportitalia lì da in esclusiva?? Ma dove siamo? Ma Sportitalia è la Tv del palazzo?

  • 20 Giugno 2018 in 22:22
    Permalink

    Il mercato bisogna farlo se no addio, se l’iter finisse a ferragosto e pescano il Palermo che squadra farebbe anche lui?

  • 20 Giugno 2018 in 22:24
    Permalink

    Figa Majo ma non lo può bannare velenoso? È irritante e ripetitivo all ennesima potenza. Ha rotto i coglioni.,non se ne può più!

  • 20 Giugno 2018 in 22:47
    Permalink

    Fin da piccolo avevo doti particolari.
    Mia madre mi disse che quando fui battezzato
    mi mise in mano una rosa con le spine
    Col tempo mi sono accorto che ero veggente.
    Quando andato a scuola sapevo chi sarebbe stato
    interrogato, riuscivo in poche parole a vedere
    cosa c’era dopo l’oggi, dopo il domani in parole povere
    riuscivo a vedere cose che erano proiettate nel futuro.
    Anche con il Parma 8 volte su 10 indovinavo
    il risultato a volte anche i marcatori.
    Questo per dirvi che il nostro destino è segnato.
    Ritorneremo in B e vi rimarremo per altri due anni
    Il prossimo anno di B faremo i play off, arriveremo sesti
    ma verremo eliminati al secondo turno.
    Spero di sbagliarmi
    cazzo spero veramente di sbagliarmi.
    Calajo’ inutile dirvi che col calcio ha finito.
    Vedo inoltre la retrocessione del Parma
    in un’ottica strana, qualcosa di eclatante
    succederà un qualcosa di veramente
    eclatante succederà ma non so che cosa.
    Vedo Carta e i tifosi felici ma poi rivedo ilPama
    in serie B e questo non me lo so spiegare.
    Ciao a tutti.

  • 20 Giugno 2018 in 23:05
    Permalink

    Qui siamo alla follia più totale…a me non va bene neanche che ci diano punti di penalizzazione nel prossimo campionato!! Neanche mezzo! Non mi andrebbe giù neanche se ci dessero solo una multa! Tutta questa farsa per 2 messaggi tra amici….ci sarebbe da scendere in piazza solo per aver fatto i deferimenti! Nessuno di noi dovrebbe accettare questa presa per il culo!!

  • 20 Giugno 2018 in 23:24
    Permalink

    Io stacco
    Troppi se è ma
    Aspetto di vedere su S I il fatidico messaggio con faccini di contorno di Calaio, poi aspetto in religioso silenzio.
    Mi torna acidità di stomaco
    Dopo 3 anni ancora quella sensazione….

  • 20 Giugno 2018 in 23:43
    Permalink

    Ehi pippein non rompete il cazzein venerdì mi raccomando amico mio

    Cioè, tutto qua? Pecoraro, subito a raccogliere i pomodori!

  • 20 Giugno 2018 in 23:50
    Permalink

    Messaggio di Calaiò a De Col: ‘ehi pippein non rompete il cazzein venerdì, mi raccomando amico mio’ seguono tre emoticons.. Appena rivelato da Sportitalia. E per questo ci retrocedono??????

  • 20 Giugno 2018 in 23:54
    Permalink

    Carra non è stato etico. Il rispetto sarebbe dovuto a tutte le squadre anche se non promosse in tre categorie in tre anni. Non si facciano dichiarazioni vittimistiche col piantino. Il Parma deve essere rispettato punto e basta

  • 21 Giugno 2018 in 00:36
    Permalink

    Ragazzi scusate, .a secondo voi é un messaggio da mandare prima di una partita che poteva valere una stagione?
    Io rimango basito! Ma come si fa?
    Se il testo é quello riportato da SI, siamo nei guai, altro che balke

  • 21 Giugno 2018 in 09:17
    Permalink

    a noi il 18 maggio come data porta male… prima europa league poi tolta, adesso promozione in A …. http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif
    comunque calaiò ha fatto una grande cavolata

  • 21 Giugno 2018 in 09:53
    Permalink

    Certo che ascoltare Carra è come ascoltare la Rasanna Vaudetti

    quando annunciava la trasmissione “lascia o raddoppia”.

    Di una tristezza infinita….

  • 21 Giugno 2018 in 12:13
    Permalink

    Ehi pippein non rompete il cazzein…..

    “Sistema di gradimento”

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI