ARIA CONDIZIONATA di Luca Savarese (3^ Puntata) – Bruno Alves, Cristiano Ronaldo, sua mamma e i calcioni…

aria condizionata(Luca Savarese) – L’irruzione di sua maestà Cristiano Ronaldo nell’italico pallone, prima di creare in campo, allo Stadium e nei terreni europei di Madama una vera moltiplicazione dei pani e dei pesci e dei risultati sta scatenando un vero effetto domino: elettrizzante, esuberante, caleidoscopico. Per esempio i tappettini targati Tim, che fino alla fine dell’ultimo torneo di serie A campeggiavano accanto ai pali delle porte, probabilmente allo Stadium, dall’avvento del C re 7, saranno personalizzati a suo logo e Luca Savaresesomiglianza. Non ha ancora dato la vista ad un cieco, però alla sua ciclopica conferenza stampa di presentazione, martedì 17 luglio 2018, che parterre: 200 giornalisti al seguito, 30 televisioni, una vera e propria cena di Trimalchione. C’erano anche due occhi, appena approdati a Parma, a guardare l’arbiter elegantiae, i questione, nel suo gessato nero e nel suo nuovo entusiasmo bianco e nero. Chi il misterioso osservatore? Bruno Alves, nato a Povao de Varzim, il 27 novembre del 1981 e grande amico di Cristiano ed invitato all’evento da Jorge Mendes, il manager della star portoghese. Ma c’è di più, lo statuario novello difensore crociato faceva parte anche del novero degli eletti che hanno condiviso la prima cena juventina del numero 7 lusitano presso la Royal Park “I roveri” al parco della Mandria di Torino. Così il buon (insomma a vedere certe sue entrate verrebbe da dire il cattivo…) Bruno Alves è stata una sorpresa architettata dall’abile Mendes, evidentemente esperto anche in human touch e non solo in clausole da capogiro e dintorni. ronaldo bruno alvesVoleva che nel nuovo mare magnum bianconero ci fosse un volto amico e che avesse condiviso con Ronaldo molti sacchi di sale, per dirla alla Aristotele. Come, forse il più prezioso, il titolo europeo conquistato in Francia nell’estate 2016. Bruno, al di là dei convenevoli di rito e dell’imbocca al lupo al suo compagno di una vita per la sua nuova avventura italiana, prima gli ha dato qualche consiglio sul futebol di casa nostra, visto che questa con la maglia del Parma è la sua seconda esperienza in terra nostrana, la prima la visse nella stagione 2016-2017 con la maglia del Cagliari. Lo scorso anno era in Scozia con la maglia del Glasgow Rangers. Poi, più che al suo amico, durante il gran galà si è rivolto personalmente e scherzosamente alla mamma di bruno alvesCristiano, alla signora Maria Dolores Dos Santos Aveiro, dicendole, se le concedeva il permesso di dargli qualche botta nel prossimo campionato quando il calendario proporrà Parma-Juve e Juve-Parma. Del resto, ha raccontato Bruno, già ai tempi in cui doveva marcarlo stretto nel Porto e Cr7 militava nello United, le botte non erano mancate, come d’altronde gli abbracci sani a fine tenzone. Permesso, concessogli dalla madre. Non sia sa quale sarà il destino crociato, però, il lungagnone con la faccia un po’ da indios e tanto da battaglie, Bruno Alves, pare avere le idee chiarissime riguardo alle prossime sfide con il suo amicone. Luca Savarese

53 pensieri riguardo “ARIA CONDIZIONATA di Luca Savarese (3^ Puntata) – Bruno Alves, Cristiano Ronaldo, sua mamma e i calcioni…

  • 22 Luglio 2018 in 03:26
    Permalink

    Mi vuole far credere che Alves è un fenomeno come Ronaldo?

    Ma per favore…..si ponga invece la domanda come mai il

    Cagliari l’anno scorso l’ha ceduto al Glasgow……

    • 22 Luglio 2018 in 09:54
      Permalink

      …dopo avergli fatto giocare 36 partite da titolare! Ce ne hanno messo di tempo a capire che era scarso vero?

      • 22 Luglio 2018 in 10:49
        Permalink

        o magari han pensato che fosse ora che giocasse in scozia a 35 anni

  • 22 Luglio 2018 in 09:37
    Permalink

    Sulla gazzetta dello sport nella cronaca
    della partita col Foggia, si legge che il Parma
    è stato deferito per RESPONSABILITA’ DIRETTA
    e non oggettiva come ho sempre creduto
    Ma non era responsabilità oggettiva?
    Majo ma che storia è questa se il Parma
    non è mai stato ascoltato dalla procura?

    • 22 Luglio 2018 in 10:04
      Permalink

      Purtroppo è l’ennesima cialtronaggine di una categoria in decadenza in caduta libera. Sarà stato anche un lapsus ma su queste cose bisogna stare attenti. Esattezza, esattezza, esattezza come predicava il povero Belle’.
      Il Parma è deferito per responsabilità oggettiva ed è già anche troppo…

      • 22 Luglio 2018 in 10:17
        Permalink

        Majo però a questo punto va segnalato in società questo grave errore! Giusto che il Parma faccia un comunicato in merito!

        • 22 Luglio 2018 in 10:52
          Permalink

          Non sono d’accordo. Io sono sempre della linea che non bisogna starnazzare in giro, ma fare fatti concreti

          • 22 Luglio 2018 in 11:31
            Permalink

            Majo nel frattempo lei ha qualche info in più (magari direttamente dai nostri avvocati) sul uscita della sentenza? Domani o martedì?

      • 22 Luglio 2018 in 11:22
        Permalink

        Una cosa è vomitare tutti i giorni sui giornali come fanno da altre parti ed una cosa è difendersi da cazzate che scrivono sui giornali dei giornalai incompetenti.

    • 22 Luglio 2018 in 19:04
      Permalink

      Mi pare un’evidente bufala in malafede per gettare ancora di più fango su di noi. L’obiettivo è chiaro: farci condannare.

  • 22 Luglio 2018 in 10:41
    Permalink

    Buongiorno Direttore
    Speriamo che Martedi si risolva tutto per il meglio.
    Certo che avere Zamparini e Tacopina alle spalle non aiuta.
    E non aiutano nemmeno i nostri precedenti
    Vedi TAS (Parma e Milan) Vedi Fallimento (gli altri paracadute e noi serie D) eccetera..
    Comunque vedremo altri 2 giorni…

  • 22 Luglio 2018 in 11:22
    Permalink

    ma indagheranno anche Ronaldo e Bruno alves? è legale chiedere il permesso per fare fallo? tentato illecito! per non parlare di Ronaldo che sente Ancelotti! o Balotelli e Insigne che scherzano su instagram tutto il giorno. chiunque abbia un social network sa che i giocatori si sentono prima e dopo le partite. Basta aprire un qualsiasi profilo instagram di calciatore e seguire i commenti….se calaio è colpevole allora bisogna fare una lista di nomi e bloccare la serie A.

  • 22 Luglio 2018 in 11:41
    Permalink

    Il Parma in B non ci torna. Sia perché la serie A l’ha meritata sul campo sia perché non ha commesso alcunché di scorretto ed illegale (A differenza di tanti che ora scagliano pietre! Vero mr Zamparini?). Ricordate Lotito a proposito del Frosinone in A 3 anni fa? Preoccupato a chi vendere le partire del Frosinone all’estero…. e già…. Palermo Frosinone Spal Venezia all’estero non valgono un fico secco…. ben diverso è il discorso Parma… le sue partite all’estero potrebbero avere un buon valore… Sia per il blasone di una squadra ai vertici dell’Europa negli anni 90 sia per l’impresa di 3 promozioni in 3 anni ed una resurrezione che ha del miracoloso…. questo ha valore all’estero… commercialmente parlando il Parma vale… e le sue partite valgono molto più del Palermo (ci sto solo da qualche emigrsnte) Spal Frosinone o Venezia….

  • 22 Luglio 2018 in 11:42
    Permalink

    Volete sapere che tipo di primo verdetto ho SOGNA-PROFETIZZATO per i prossimi giorni ??

    leggete il mio articolo domani …credo

    • 22 Luglio 2018 in 11:56
      Permalink

      Reato derubricato…. niente penalizzazioni per il Parma…. multa a Calaiò…

    • 22 Luglio 2018 in 18:58
      Permalink

      io ho sognato che rigiocavamo pro piacenza parma ,perché pesenti era in fuorigioco e avevamo fatto ricorso

      • 22 Luglio 2018 in 21:26
        Permalink

        …e tu di nuovo capivi tutto!

      • 22 Luglio 2018 in 21:56
        Permalink

        eh no, sbagliato entrambi !!
        dalla Coppa Italia meglio uscire subito ragazzi, ricordatevi i trascorsi , Correggese, Piacenza e Bari ..dopo di che, ci concentreremo sul campionato ..
        OBIETTIVO SALVEZZA ..40+2 ….PUNTI
        obiettivo salvezza serena…
        credetemi..
        lasciatemi carta bianca..
        il prossimo anno , SERIE A , forse, dico forse, cercheremo l’obiettivo, STEP MAGGIORE, 50 punti dai ..
        qua la mano …chi taglia e suggella il patto ?
        ASSESTAMENTO, CONSOLIDAMENTO, PICCOLI PASSI DEI NEOPROMOSSI ..di chi ha disponibilità limitate per competere contro squadre che, forse, alla fin fine , saranno meno competitive di noi ..
        ..alleluja
        allelulija
        sia fatta l volontà di Lapo Elkan
        di Maurizio ZETA
        con la straordinaria partecipazione di TACO TACO ..
        sig Pina ? fa ricorso ?
        che brev ragasz…

  • 22 Luglio 2018 in 11:55
    Permalink

    Bologna, Cagliari, Chievo, Empoli, Frosinone, Genoa, Sassuolo, Spal, Udinese…. con queste ci giocheremo la salvezza… guardate le loro formazioni… Non mi sembrano nulla di che…. la nostra forza è il gruppo… un paio di ottimo rinforzi a centrocampo un difensore centrale ed una punta e ci sarà una salvezza più che tranquilla…

    • 22 Luglio 2018 in 20:52
      Permalink

      detto da uno ke fino due mesi fa voleva guidolin in pankina

      mi sembra fuori luogo parlare di salvezza tranquilla !!!!

  • 22 Luglio 2018 in 12:59
    Permalink

    Chiedo scusa pubblicamente al BURUNDI per aver paragonato la giustizia sportiva italiana alla nostra.
    Noi siamo veramente peggio

  • 22 Luglio 2018 in 14:00
    Permalink

    Quasi fatta pure per Ciciretti. Se rimaniamo in B con la rosa attuale, considerando anche Ciciretti e Galano, facciamo 90 punti.

      • 22 Luglio 2018 in 18:59
        Permalink

        e po co vot la pensio’ ,cola li e’ a quota 100

    • 22 Luglio 2018 in 14:43
      Permalink

      Buona notizia di Ciciretti ….
      Il profilo di giocatore che a mi … mi piace ..
      con la ” Societa ” che ha con Ceravolo …
      Dico Io in Spagnolo …
      ” da puta madre ”

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 22 Luglio 2018 in 14:52
      Permalink

      Dei giocatori scesi in campo con il Foggia forse ci sono si e no 5 o 6 possibili titolari, il mercato è lungo e arriveranno altri giocatori importanti. Con Galano e Ciciretti abbiamo una corsia di destra niente male.
      Sotto certi punti di vista è più facile fare 35 punti in A (più che sufficienti x salvarsi) che farne 75-80 in B, questo xché in B tutti giocano alla morte contro il Parma mentre in A qualche avversario che sbaglierà l’approccio alla partita ci sarà.
      Sempre e solo forza Parma

  • 22 Luglio 2018 in 15:08
    Permalink

    Povero Parma con che” tfosi”ha a che fare!!!!!!!! Uno si lamenta perchè i “piocioni” ci hanno messo BEN 3 (dico tre) anni per passare dalla D alla A, l’altro che non vuole essere più italiano e che continua a scrivere il tutto e il suo contrario ritenendo di essere la luce della giustizia ed altri si lamentano perchè è troppo vecchio, perchè è troppo giovane, perchè è rotto(mi sono lamentato anch’io),Per fortuna che non siamo obbligati a leggerli ,perciò, quando leggo i loro nomi, sono obbligato, con dispiacere, a saltare i loro commenti anche se ,purtroppo, su dieci sette sono loro. FORZA PARMA GRANDE SOCIETA’.

  • 22 Luglio 2018 in 16:50
    Permalink

    Io penso che la società stia operando bene facendo le scelte giuste, pensando al presente ingaggiando giocatori esperti che garantiscono ancora un paio di campionati a buon livello tipo Alves, Rigoni e Gobbi, ed al futuro con Sepe, Di Marco, Stulac, Galano e Sierralta.
    Con un centravanti da almeno 15 goals la salvezza è decisamente alla portata, probabilmente ci sarà da aspettare ancora un paio di settimane per il suo ingaggio, che è di gran lunga l’operazione più importante di questa campagna acquisti

  • 22 Luglio 2018 in 17:02
    Permalink

    Bravo Mauro,,,,
    Le tue parole sono piu chiaro che la Aqua..,,
    Solo cé un direzione che é avanti ,,,,
    Questo é la Nostra Strada… niente meno..,
    Quando un Uomo arriva a la maturitá .,,iguale se é un giocatore o un Tifoso…. o tutti e due…..dovete ricordare che siamo Parma,,, no Frosinone ni Empoli ecc ecc..,
    Nostri storia e futuro é bello e forte,,,
    Aviso mio con Cuore,,, sientite forte,,, no piangi adosso.
    Abbiamo un Societa, Ds, Mister, e giocatori che fa la diferenzia,,,
    Ascolta Il Profeta Mauro …,
    Forsa Paerma…,
    P.S. sono a Malaga, España .., pero caro amici il mio cuore è a Paerma .,, per dire esatamente á Cassio Parmense,,, alto in montagna e vedo giu Parma Capitale di Provincia…
    Saluti
    Douglas

  • 22 Luglio 2018 in 17:58
    Permalink

    Il grande ritorno di Ciciretti.
    Il Napoli non lo vuole nemmeno vedere in cartolina…..
    Tutti qui a svernare…
    D’altronde il budget stanziato è di 12/15 milioni non si può
    fare altro….

    • 22 Luglio 2018 in 18:07
      Permalink

      Se deve pervicacemente insistere a sparger letame, La preghiamo di cambiare campo. Qui siamo concimati anche troppo…

      E per il budget abbiamo già più volte spiegato che quelle cifre non corrispondono alla realtà, per cui è fastidioso che Lei si serva di questo strumento, di cui io sono il direttore, per diffondere informazioni false e tendenziose.

      Poi un po’ di buon senso: Ciciretti è stato acquistato dal Napoli, è evidente che in una squadra che lotterà per le prime posizioni della classifica si trovi chiuso da dei Campioni, qualora arrivasse al Parma sarebbe tanta manna

      • 22 Luglio 2018 in 18:58
        Permalink

        Chi si lamenta di un eventuale ritorno di Ciciretti non capisce una beata mezza di calcio! Majo mi toglie una curiosità.. perché dimarco e sierralta nonostante siano dall inizio in ritiro non sono stati ancora ufficializzati? Si aspetta la sentenza?

  • 22 Luglio 2018 in 18:23
    Permalink

    manna mia che storia

  • 22 Luglio 2018 in 18:36
    Permalink

    Bravo Majo. Rimani, non sparire.

    • 22 Luglio 2018 in 20:02
      Permalink

      Purtroppo non posso, mi piacerebbe… Già questa è una licenza che mi sono concesso vista l’emergenza. Cmq grazie

  • 22 Luglio 2018 in 19:23
    Permalink

    Se riuscissimo a prendere Tonelli e grassi sarebbe un gran mercato

  • 22 Luglio 2018 in 20:26
    Permalink

    Majo devi rimanere
    altrimenti fatti clonare.

  • 22 Luglio 2018 in 20:35
    Permalink

    Rai radio 1. Sentenza Parma domani mentre il Chievo martedì.

    Ha sentito Majo? Le risulta?

  • 22 Luglio 2018 in 21:13
    Permalink

    Chi ghe un sac ed genta chi iaran fat sì e no la quinta ma i perlon ed baget c’me di profesor. Mi ang la fag miga

    • 22 Luglio 2018 in 23:35
      Permalink

      Quello della X è un problema per chi deve stilare i calendari, non penso che a noi cambi molto: se in prima istanza convertissero in semplice slealtà senza punti di penalità, sarebbe già tanta manna anche se poi ci sarebbero altre parti pronte ad appellarsi (di qui la X), ma onestamente chissefrega…

      Piuttosto trovo inquietante di nuovo la confessione della Procura, per bocca del proprio microfono Catapano (quando si hanno anticipazioni o confidenze bisognerebbe sapere come spenderle, e a mio parere sta facendo un pessimo servizio ai suoi amichetti 007…) di aver sparato alto con le richieste “almeno così portiamo a casa una sentenza di colpevolezza”. Dei vu’ cumprà, come sto ripetendo da martedì!

      Paradossale anche la conclusione: “Non è che la Procura Federale ce l’ha con Parma, Chievo o Foggia ma si vuole dare un segnale”.

      Appunto la guerra santa moralizzatrice di cui stiamo parlando da giorni dopo un titolo al riguardo del Corsera…

      Infine anche Catapano (addetto stampa occulto della PF) è convinto che alla fine in appello il reato sarà derubricato in semplice slealtà: “La Procura vuole che ci sia almeno un tribunale che non derubrichi l’illecito sportivo in slealtà sportiva, cosa che comporterebbe delle semplici ammende”.
      ma se è chiaro che il Parma è innocente e al massimo quella di Calaiò è una bischerata, perché un tribunale dovrebbe avallare il teorema ingiusto e scorretto degli investigatori? E’ uno schifo che il TFN deve a tutti i costi evitare. Se no il segnale anziché moralizzatore sarebbe dell’ennessima porcata

      • 23 Luglio 2018 in 00:21
        Permalink

        Per assurdo allora sarebbe meglio domani una penilazzazione in A in modo tale che l appello lo farà solo il Parma e male che vada confermano la penilazzazione se non la vogliono levare del tutto; in caso di derubricazione invece l appello potrebbe farlo la Procura..il Palermo..il Venezia..ma a sto punto direi ‘sti gran cazzi ‘ (e scusate il tecnicismo)..problemi loro!

        • 23 Luglio 2018 in 01:06
          Permalink

          No. Meglio si risolva in primo grado. Poi sono sti gran cazzi per gli altri (scusate il tecnicismo)

          • 23 Luglio 2018 in 07:44
            Permalink

            Allora prendiamo questo accordo Majo…se dovesse andare davvero così (speriamo) mi fa un titolo in un articolo dal tecnicismo da me suggerito!

  • 22 Luglio 2018 in 23:10
    Permalink

    è tornata la vera essenza di stadio tardini,
    speriamo resti,
    leggere il Direttore è sempre un piacere.

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

    • 22 Luglio 2018 in 23:23
      Permalink

      Grazie Savo, però questo estemporaneo ritorno è per la situazione particolare che stiamo vivendo…

    • 23 Luglio 2018 in 08:45
      Permalink

      eau de tardin ,per l’uomo che non deve chiedere mai

  • 23 Luglio 2018 in 08:39
    Permalink

    Non ci posso credere: “Cicimessi” e la sua band ritornano….

    Saranno contenti quelli del Tremonti due……

    Cicimessi a Napoli nemmeno convocato in prima squadra….

    Si era proposto di pulire la panchina..ma haimè..

    aghèra nètar pù bòn….

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI