CARO ARCIERE TI SCRIVO…

Luca Savarese(Luca Savarese) – Caro Arciere Ti scrivo, così mi distraggo un po’, e visto che starai molto lontano dai campi e dalle aree di rigore, la tua seconda casa, più forte ti scriverò. Inizio con una parola: grazie. In pochi, tre anni fa, col Parma appena promosso in C, avrebbero accettato di mettersi così in gioco. Eppure Tu avevi giocato e tanto, segnando e sognando ai piani superiori del pallone. Sei sceso in C, come già avevi fatto anche col Napoli, perché sei uno che ama così tanto le sfide che non solo sente di poterle vincere, ma le vince. Barricadiero per natura, sorprendente per vocazione. Il tuo sinistro, te lo confesso, mi ha dato sicurezza. Quando lo aprivi per sventagliare un pallone, andartene in dribbling o imbastire un numero in un fazzoletto di prato, provavo la stessa sensazione di quando salgo in macchina e vedo che posso fare ancora 70 di km. E che viaggi dentro quel sinistro istrionico e glaciale, come il primo rigore alla Cremonese alla prima giornata della scorsa B, come quel tiro al fulmicotone al Del Duca di Ascoli quando ormai, quest’anno, la primavera era alle porte. A proposito di porta, tu l’hai sempre vista, l’eleganza e la puntualità, le 100 calaiòtue compagne di sempre, da quelle parti. Gol belli, utili, a volte più di concezione brasiliana che di fattura italiana. Ricordo ancora quando ti incontrai, nella pancia di un Martelli di Mantova ormai vuoto, dopo che Mantova e Parma avevano chiuso in parità in Lega Pro e tu eri ai box. Scambiammo due chiacchiere, eri dispiaciuto per il pareggio e perché il Venezia stava scappando. Mi bastarono quei 2 minuti per vedere una persona seria, attaccata alla causa che vive. Piccola postilla: a parte che mi piacevi già un sacco anche quando eri lontano dal “mio” Parma. Il tuo sinistro, l’ho sempre immaginato come un’entità a parte dal tuo corpo: una specie di picar con la cicca in bocca, che va in giro per i cortili di tutto il mondo ad insegnare l’arte, rara, del futebol. Una piccola scintilla di convinzione in mezzo a tante lampadine che non prendono. Il tuo famigerato messaggio su whats, in scavone calaiò pescara parmafondo, è stato come se il tuo sinistro, forse in quella circostanza non calibrato come al solito, invece che la palla incocciasse un boomerang fatto di aule pruriginose di giustizia sportiva, di condanne pesanti. Ma tu, stai tranquillo, due anni sono anche una possibilità per vedere tutte quelle albe e quei tramonti che tra un ritiro e l’altro, non avevi potuto magari apprezzare. Appena la squalifica sarà finita, ne sono certo i tuoi gol e i tuoi graffi torneranno ad essere più pesanti di tutte le condanne. Perché il tuo sinistro è più forte anche della carta d’identità. E se magari avrò un’altra occasione per vederti, te ne prego, insegnami a far cantare la palla col mancino. Io nella mia modesta carriera amatoriale sono ambidestro, ma sai cosa significherebbe per il mio sinistro stare un giorno a lezione dal tuo? Come se uno che ama le stelle fosse portato, all’improvviso, sul grande carro. Tieni duro Emanuele, coraggio Arciere: le tue frecce scoccheranno ancora e non moriranno mai. Luca Savarese

52 pensieri riguardo “CARO ARCIERE TI SCRIVO…

  • 24 Luglio 2018 in 12:44
    Permalink

    Mamma mia a leggere le dichiarazioni do oggi di Zamparini vengono i brividi misti a uno sconfinato senso di rabbia. Riesce a vomitare qualsiasi insulto ed accusa che gli vengano in mente verso il Parma e chiunque non gli dia ragione. Spero che presto partità la controffensiva della Società per fare cessare questo umiliante scempio quotidiano, anche rivolgendoci alla giustizia ordinaria previa autorizzazione.

    • 24 Luglio 2018 in 12:52
      Permalink

      Come spesso dico è meglio non lasciarsi coinvolgere dalle liti di cortile, c’è solo che da rimetterci nello scendere di livello.
      Quelli di Zamparini ritengo siano gli ultimi starnazzamenti: del resto basta sfogliare la mazzetta dei giornali di stamani per vedere come abbia avuto cassa di risonanza solo sui media palermitani senza che i quotidiani nazionali riprendessero.
      La frustrazione dello Zampa penso renda abbastanza evidente ai teorici del suo complotto ai nostri danni quanto siano state utili le sue urla: non mi pare proprio che sia stata data la A al Palermo ai nostri danni.
      Lasciatelo sfogare, gli passerà…

      • 24 Luglio 2018 in 12:59
        Permalink

        Si Majo forse non mi sono spiegato bene, non dicevo adesso ma a bocce ferme, quando dovrà pagare per..il fango che ha gettato a profusione. Non è ammissibile che chiunque possa dire qualsiasi cosa ed insultare impunemente.

        • 24 Luglio 2018 in 13:28
          Permalink

          Senza dare molta cassa di risonanza alle proprie azioni, come sua abitudine, il Parma aveva fatto l’esposto alla Procura Federale per delle pesanti dichiarazioni di Zamparini (non ricordo più quali perché tutti i giorni ne strologa una): la Procura, raccolta la segnalazione, aveva deferito il suddetto: pochi giorni fa la sentenza, invero piuttosto discutibile, del TFN che assolveva Zamparini perché il deferimento della Procura era troppo “appiattito” rispetto alle ragioni dell’esposto del Parma (a me, viceversa, è parsa troppo appiattita la sentenza del TFN di ieri sulle richieste della Procura, ma questo è un altro discorso), perché la Procura si era scordata di aggiungere alla documentazione prodotta dal Parma la copia stampata dell’articolo in questione pubblicata dal Giornale di Sicilia, e perché quindi, così, le dichiarazioni erano state diffuse solo da Media Gol che a parere di Lor Signori sarebbe uno strumento in ambito locale, peccato che quel sito web sia della galassia GAzza Net, ovvero Gazzetta dello Sport, e che internet non abbia confini…
          Insomma: il Parma ci aveva provato a seguire le strade della giustizia sportiva, così come previsto dagli ordinamenti vigenti, ma il risultato è stato quello di cui sopra. Per adire la giustizia ordinaria andrebbe “violata” (o autorizzata) la clausola compromissoria… Onestamente è tempo perso per niente. Meglio concentrarsi sulle cose importanti e lasciarlo starnazzare. Ormai ha poco seguito e penso avrà altri problemi che non vomitare m addosso al Parma…

      • 24 Luglio 2018 in 14:37
        Permalink

        Direttore in realtà e’ anche sulla gazzetta dello sport on-line…. ha sentito le dichiarazioni di BARGIGGIA???
        Ci stanno preparando la torta finale???

        • 24 Luglio 2018 in 14:59
          Permalink

          La torta finale? E il pasticcere sarebbe Bargiggia?

          Ma no, dai, non scherziamo

    • 24 Luglio 2018 in 16:10
      Permalink

      Luca Savonese.ormai che ci sei
      dovevi proporre Calajo’ come
      SANTO SUBITO
      o in alternativa a
      SINDACO.
      Osio ormai ha finito
      il suo mandato…

  • 24 Luglio 2018 in 12:49
    Permalink

    Direttore se mi puo’ rispondere, la serie A è ancora a rischio o possiamo dire di esserci al 100%????
    E poi come mai nei calendari di serie A gira voce che il parma sara’ denominato con una X????
    In sostanza Zamparini puo’ ribaltare la sentenza???

    • 24 Luglio 2018 in 13:06
      Permalink

      Come ho risposto poco fa al Demo a parere del pool degli avvocati di StadioTardini.it la sentenza, sia pure di primo grado, è già esecutiva: pertanto il Parma è iscritto alla serie A con 5 punti di penalità. In forza di questo in occasione dell’uscita dei calendari dovrebbe esserci regolarmente la scritta Parma e non la X.

      Per quanto riguarda la serie A, io, già da ieri, sono stato tra i più prudenti a sbilanciarsi nel ritenerla salva proprio in virtù del fatto che la guerra legale è solo all’inizio e non certo alla fine. Ragionevolmente con un verdetto di primo grado che certifica la permanenza si può essere più che tranquilli anche se non mi sento di sottoscrivere una garanzia al 100%, nell’attesa di conoscere i prossimi scenari. Sappiamo che il Parma farà ricorso, come è naturale che sia, dopo una sentenza che agli occhi “ignoranti” del grande pubblico neutrale può sembrare a favore (dopo che per settimane si era aleggiato lo spettro della B), ma che in realtà è estremamente pesante non solo per le conseguenze sul campo, ma anche perché non commisurata al reato compiuto; il Palermo ha preannunciato fuoco e fiamme, ma poi bisognerà vedere se lo farà davvero, e cosa richiederà: immaginiamo i due punti di penalizzazione in serie B come da prima richiesta della Procura Federale, in quanto non credo, pur ripartendo da zero, che si possano aggiungere ulteriori elementi rispetto a quelli raccolti in occasione del processo di primo grado, per cui non penso che si avventurino a chiedere la responsabilità diretta del Parma così come “sbraitato” da Zamparini che fa di tutta l’erba un fascio, ma la sentenza di primo grado ha già sancito che il Parma non sapeva della iniziativa di Calaiò e la serie A è stata conquistata meritatamente sul campo così come scritto nel dispositivo (anche se rimane inspiegabile il perché di una penalità così elevata), comunque a mio avviso il ribaltone è impossibile; infine la Procura Federale: tutti quanti stiamo dando per scontato che non ricorrerà perché dovrebbe essere paga del successo ottenuto in primo grado. Se Catapano fino a pochi istanti prima del verdetto diceva che lo scopo degli OO7 era trovare almeno un tribunale che potesse dare loro ragione direi che possano essere soddisfatti visto che, sia pure solo con la richiesta subordinata, ma è stato accettato l’intero impianto che ragionevolmente avrebbe dovuto essere spazzato via. Quindi è molto difficile che ricorrano per ottenere quanto richiesto in prima istanza, anche perché per il segnale moralizzatore che volevano mandare han già ottenuto il necessario con la prima sentenza di colpevolezza. Dunque spetterà alla Corte Federale d’Appello l’abituale compito di correggere le tante storture del primo grado, e in cuor mio sono più che fiducioso si possa arrivare al punto che, con buon senso, StadioTardini.it indica fin dall’inizio, ovvero la derubricazione a semplice slealtà sportiva, cosa che, senza un avvocato della Procura Federale in aula, potrebbe avvenire senza troppe difficoltà.

      • 24 Luglio 2018 in 15:46
        Permalink

        Ottima disamina! Ma aggiungo che nel caso foggia il ricorso di procura ed entella venne respinto con ulteriore diminuzione di punti ( e si parla di fondi neri..roba seria)..per que sto sono convinto pure io che ci sarà la derubricazone! Mi conferma che l udienza /sentenza avverrà nello stesso giorno e che potrebbe essere fissata fra il 7 ed il 10 agosto?

  • 24 Luglio 2018 in 13:12
    Permalink

    Zamparini è disperato, sa benissimo che la motivazione della sentenza esclude qualsiasi responsabilità diretta del Parma. Ad appoggiare la sua linea ci sono Bargiggia, che dimostra di non saper comprendere affatto la sentenza dissertando su di un sito politicamente assai schierato, ed i giornali di Palermo per ovvi motivi

  • 24 Luglio 2018 in 13:39
    Permalink

    Concordo in pieno con la Sua disamina. Mi permetto solo di aggiungere che le farneticazioni del veneto trapiantato in Sicilia non sono poco cosa, essendo una continua e costante diffamazione che andrebbe stoppata e di cui chiedere conto.

  • 24 Luglio 2018 in 13:41
    Permalink

    Bargiggggia, così come Crosetti e tanti altri (non ho sentito il parere di Schianchi che sarà sicuro pro Palermo) sono vomitevoli. A parte che a vederlo Bargiggggia sembra uno che ha due giorni di vita al spusa ad piella come diceva mia nonna.

  • 24 Luglio 2018 in 13:42
    Permalink

    Dott Majo, mi riallaccio alla Sua esaustiva spiegazione: ma la Corte di appello, per ribaltare la situazione, deve avere nuovi elementi, oppure lo può fare a prescindere? Se il Palermo presenta le proprie ragioni, possono dire che la sentenza precedente sia sbagliata? Il tribunale ha comunque specificato che una penalizzazione nel campionato passato sarebbe stata troppo afflittiva ergo penso che sia lecito e quindi non inderogabile la sanzione nel campionato in cui si verifica l’illecito. In ultimo, cosa comporta la violazione della clausola compromissoria? Grazie.

    • 24 Luglio 2018 in 21:19
      Permalink

      Il giudizio di appello ha ad oggetto la revisione degli elementi di prova già.presentati in primo grado. Prove nuove sono ammissibili solo se formate successivamente o se la parte dimostra che non poteva produrle prima. Diversamente si rivalutano gli elementi. Piuttosto bisognerebbe leggere le esatte dichiarazioni di de col e terzi perché sembra che queste abbiano pesato molto in primo grado. Teniamo presente poi che il tfn di fatto , giudica se stesso e difficilmente si dà torto. Fiducia nell’appello. Leggete le dichiarazioni di cintio che sono molto puntuali e appropriate a mio avviso. Poi è chiaro, che i due avvocati devono fare la loro parte in modo incisivo e puntuale.
      Il Palermo essendo parte in giudizio può proporre appello a propria volta chiedendo l’accoglimento della tesi originaria della procura ( la c.d. domanda principale). Ma se la procura non impugna la sentenza, direi che ha zero possibilità di accoglimento. La clausola compromissoria ha ad oggetto l’obbligo che i soggetti affiliati ad un ordinamento sportivo, hanno di adire l’autorità giudiziaria sportiva. Per adire quella ordinaria devi, in alcune circostanze, richiedere autorizzazione. È problema di giurisdizione. E spesso si registrano contrasti.

      • 25 Luglio 2018 in 10:26
        Permalink

        io facendo il macchinista dei treni di mestiere mi ero permesso di porre la questione prima che partisse il treno appunto.

        maledetta Trenitalia e i suoi ritardi ,ossequi avvocatein

        • 25 Luglio 2018 in 10:32
          Permalink

          PS: era afferente a de col e terzi ovviamente,quantunquemente

  • 24 Luglio 2018 in 14:23
    Permalink

    E speriamo che Lotito ci prenda la “Belva”

  • 24 Luglio 2018 in 14:41
    Permalink

    ma le maglie nuove quando le presentano?

  • 24 Luglio 2018 in 15:19
    Permalink

    Scusi direttore ma, adesso basta.
    BASTA
    BASTA
    BASTA
    e poi ancora BASTA.
    SI È PASSATO ILSEGNO
    NON SE NE PUÒ PROPRIO PIÙ.
    Zamparini va denunciato.
    senza “se” e senza ” ma”
    Ma avete sentito cosa ha scritto su di.noi?
    Ci butta merda in modo industriale ma il
    parma calcio ha una dignita’?
    Perché si fa infagare cosi?
    C’è in quello che dice
    diffamazione ALLO STATO PURO
    Lui cerca di condizionare i giudici.
    Vuole che all’appello ci diano 2 punti o 28 punti di penalizzazione che poi è la stessa nello scorso campionato da noi vinto ma visto che non abbiamo fatto play off che ci aspettavano di diritto dobbiamo smettere di subire e usare il
    “METODO.ZAMPARINII”
    Continuiamo a BELARE?
    Finora “BELARE” e’ stato controproducente
    Ci hanno affibbiato ua condanna
    come se fosse
    RESPONSABILITÀ DIRETTA
    Cracchio se ci sei, batti un colpo.
    Ora basta
    PARMA CALCIO 1913, FUORI LE PALLE ( se c’e le avete )
    Zamparini chiede 50 milioni di danni per un cazzein?
    E noi chiediamo 200 milioni di euro per diffamazione
    per aver infangato lavnostra società
    Ma è ancora Zamparini il presidente del Palermo calcio?
    A me non risulta….
    Se grazie a queste bravate. i giudici avranno paura dei RUGGITI di Zamparini ( come probabile) è non di noi che.BELIAMO COME PECORELLE al macello, lpkk potremmo anche trovarci improvvisamente in B.
    Direttore questo è ancora possibile e lei lo sa
    Se ciò succederà
    DENUNCIAMO TUTTO E TUTTI con la giustizia ordinaria e
    fermiamo i campionati.
    o preferiamo accettare tutta la merda che ci viene buttata.addosso come.siamo soliti fare come da prassi.consolidata nel tempo
    porgento evangelicamente sempre l’altra guancia.?
    SVEGLIA PARMA
    SVEGLIA CRACCHIO. finora sei da 2 in pagella.
    Se sei tra i migliori avvocati sul diritto sportivo
    DIMOSTRACELO PERCHE’
    FINORA NON CE L’HAI PROPRIO
    DIMOSTRATO ANZI…………….
    SCATENA L’INFERNO se sei veramente bravo
    O
    dimettiti se non te la senti

    • 24 Luglio 2018 in 15:22
      Permalink

      Intanto le pecore sono in serie A, i lupi spelacchiati in B…

      Non serve ululare…

      Velenoso, questo populismo da due soldi risparmialo, grazie

      • 24 Luglio 2018 in 16:26
        Permalink

        Si caro direttore siamo in A ( per ora) ma con 5 punti di penalizzazione per responsabilità oggettiva dove la giustizia sportiva dovrebbe essere come penalizzazione al massimo di due punti per cui finora le pecorelle hanno….cannnato.

          • 24 Luglio 2018 in 17:55
            Permalink

            il settimo giorno riposòhttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_smile.gif

      • 25 Luglio 2018 in 11:16
        Permalink

        hai pensato all’avellino , a palermo no lupi ma lupare

    • 24 Luglio 2018 in 15:42
      Permalink

      Zamparini, sportivamente Parma parlando, è messo malissimo. Ha buttato via una più che possibile promozione per via della sua smania di protagonismo, esonerando Tedino scriteriatamente. La tifoseria è in fermento ed a lui torna comodo alzare polveroni contro il Parma, che saprà certo tutelarsi senza le tue sollecitazioni. Continuare a storpiare il nome del legale del Parma ed insinuare dubbi sulle sue capacità è una cosa che dovresti smettere di fare perché non ha assolutamente senso

  • 24 Luglio 2018 in 15:41
    Permalink

    Se lo dice lei……..
    Spero che veda più lontano di me
    Vedremo alla fine
    A BOCCE FERME
    Chi vivrà vedrà e…..giudicherà.

  • 24 Luglio 2018 in 15:43
    Permalink

    comunque non e’ accetabile prendere degli imbroglioni e non replicare a quel punto e’ ammetere di esserlo ma in nessun settore o mestiere o vita civile un accusa pubblica cosi puo ‘ essere accetata , e noi facciamo i superiori ? di che superiori ? il frosinone dopo un m iniuto ha fatto querela a zamparini ed e subito satto zitto NO NON CI STO ( DIREBBE SCALFARO EX PRESIDENTE RICORDATE ) AD ESSERE TIFOSO DI UNA SQUADRA CHE accetta tutto passivamente di fatto confermando le accuse dei detrattori ……….non e’ accetabile la racconti come vuole ma non e’ accetabile e in ogni caso l aria di superiorita’ e radical schick non paga i tempi sono cambiati e attenzione che in secondo grado potrebbero esserci sorprese se continuiamo con questo attegiamento che abbiamo visto non paga

    • 24 Luglio 2018 in 16:11
      Permalink

      Posto che la sentenza di primo grado non è assolutamente da me reputata soddisfacente, essa, comunque, certifica che il Palermo – a detta dei tanti populisti dietrologi che farneticano dietro le tastiere il “grande mandante” della Procura per cacciare il Parma in B e salire in A – se ne resta tra i cadetti, con i Crociati nella massima serie, sia pure puniti con una penalizzazione hard. Lo “sgorbio giuridico” (come lo chiama un deposto Re del Mercato televisivo) partorito ieri finisce per scontentare tutti a parte la Procura che aveva l’impellenza di mandare un segnale, ma non quello, evidentemente, di favorire Zamparini: il Tribunale, se no anziché arrampicarsi sugli specchi per trovare una motivazione per non infliggere una pena troppo afflittiva per il Parma lo avrebbe afflitto cacciandolo giù come da prima richiesta degli 007 federali, cosa che non è avvenuta. L’Inquisizione, però, dicono goda assai per il grande successo di ieri (trovare un tribunale che gli desse ragione) e appagati di questo non sembrerebbero interessati (almeno questo è quanto comunemente tutti dicono in giro) a ridiscutere il primo grado che li ha visti uscire vincitori davanti a tutti. Quindi la mission non era cacciare il Parma in B e favorire la promozione d’ufficio del Palermo in A, ma appunto quella di mandare un segnale moralizzatore: queste cose non si fanno!
      Dunque il Parma, che ribadisco fa benissimo a starsene lontano dagli starnazzamenti da comari in cortile, senza stracciarsi le vesti sparando minkiate ai quattro venti in continuazione, sia pure con un handicap notevole (e ingiusto, iniquo, etc. etc.) ha raggiunto l’obiettivo minimo che gli fosse riconosciuto il diritto di giocare nella massima serie che si è guadagnato onestamente come sancito (e messo nero su bianco) sulla stessa sentenza di ieri.
      Zamparini e il suo pool di legali può spararle grosse quanto vuole, ma anche dopo il secondo grado resterà con le pive nel sacco per il semplice fatto che non si sta celebrando un processo per responsabilità diretta, ma oggettiva, le prove raccolte sono quelle della Procura oggetto nel processo di primo grado, quindi è inutile che speri di dimostrare chissà cosa tirando in ballo il povero Gilardino. I sospetti non bastano, ci vogliono delle prove. Ci vuole la dimostrazione che Calaiò ha agito su mandato del Parma.
      A mio avviso in secondo grado, finalmente, ora che la Procura è stata accontentata per il segnale che voleva lanciare, si potrà fare un processo non politico e fare giustizia, con la Corte d’Appello Federale che riconoscerà che quella di Calaiò, come sancito da loro stessi in un caso peggiore pochi mesi fa (Dalle Rive dell’Altovicentino in visita pastorale al campo d’allenamento di una squadra avversari) è semplice slealtà e non tentato illecito, con il Parma che dunque non dovrà scontare alcun punto non essendo prevista penalizzazione in punti a seguito dell’art. 1
      Ho già risposto prima ad altro lettore che invocava querele per Zamparini: il Parma aveva fatto un esposto, accolto dalla Procura Federale, ma poi respinto con motivazioni assai illogiche dal TFN. Credetemi: non serve a una Benedetta Mazza perdere del tempo dietro ogni rivolo di polemica. Serve tenere la mente lucida sugli argomenti importanti. E urlando urlando Zamparini non è arrivato da nessuna parte…

      • 24 Luglio 2018 in 16:44
        Permalink

        Ma la Corte di appello, per ribaltare la situazione, deve avere nuovi elementi, oppure lo può fare a prescindere? Se il Palermo presenta le proprie ragioni, possono dire che la sentenza precedente sia sbagliata,ad esempio perchè la pena deve essere afflittiva? Il tribunale ha comunque specificato che una penalizzazione nel campionato passato sarebbe stata troppo afflittiva ergo penso che sia lecito e quindi non inderogabile la sanzione nel campionato in cui si verifica l’illecito. In ultimo, cosa comporta la violazione della clausola compromissoria? Grazie.

        • 24 Luglio 2018 in 17:13
          Permalink

          Avevo già letto la sua precedente domanda su questi temi, chiedendo al nostro LEX di risponderLe direttamente: sperando possa farlo a breve.
          Del resto lui è un avvocato specializzato in diritto sportivo e dunque più qualificato di nome.
          Io a spanne le posso ribadire quanto già detto in precedenti commenti: ritengo altamente improbabile il rischio di ribaltoni, per gli elementi attualmente in possesso.

          • 24 Luglio 2018 in 17:14
            Permalink

            Ah ok, grazie. Attendo.

  • 24 Luglio 2018 in 15:47
    Permalink

    Fora Velenoso dal forum!

    • 24 Luglio 2018 in 16:06
      Permalink

      Pencroff c’era una canzone che Caterina Caselli cantava
      ” Nessuno.mi po’ giudicare nemmeno tu….
      La verità ti fa male lo so..”

      • 25 Luglio 2018 in 11:17
        Permalink

        ti ci vedo col caschetto biondo

  • 24 Luglio 2018 in 15:58
    Permalink

    Zamparini va femato in qualche modo, sta continuando a sparare merda. Ha anche detto che noi vinciamo imbrogliando. Ma come è possibile che una società, che ha dei tifosi da difendere, si faccia sputtanare in questo modo senza dire nulla. Questo ci sputtana tutti i giorni da mesi e non c’è nessuno che difenda la nostra dignità. CHE DELUSIONE!

    • 24 Luglio 2018 in 16:18
      Permalink

      La nostra dignità – che poi, mi conceda, prima di tutto è dignità della società per prima tirata in ballo e che paga davvero le conseguenze, al di là delle chiacchiere – è tutelata con i metodi e le forme che vengono ritenuti più opportuni e tra queste non c’è quello di mettersi a cantarle per le rime scadendo agli stessi livelli di altri.
      E’ solo inutile populismo quello di mettersi lì a rispondere. Anzi, sarebbe bene se evitassimo di dare ulteriore cassa di risonanza anche nel nostro ambito locale a chi cerca di pararsi il culo (perdoni il francesismo) nel proprio di ambiti locali…

      • 24 Luglio 2018 in 22:24
        Permalink

        Majo se ci danno dei ladri. degli imbroglioni
        dei corrotti, dei manipolatori di partite
        dobbiamo subire.?
        MA BASTA! !
        Ma mi faccia il piacere….
        Facciamo ridere tutta l’Italia.
        MA NON AVETE DIGNITA?
        Di solito subisce chi sa di avere torto
        LA GENTE LA PENSA COSÌ e dice
        “Se non replicano ad accuse infamanti hanno qualcosa
        da nascondere”
        ma il Parma diamine ha ragione.
        Perché prenderla nel culo e
        non dire nemmeno ” Haia “?

      • 25 Luglio 2018 in 07:39
        Permalink

        Si però se io offendessi di brutto lei Majo sul sito. ammettendo che lei non mi possa cestinare, presumo che lei non acetteerebbe la merda che gli butterei addosso ?
        Dico bene?
        Penso giustamente che reagirebbe e allora perché il Parma non lo fa?
        L’opinione pubblica non essendoci reazione direbbe
        ” Se il Parma non si difende si vede che il Palermo ha ragione”
        Speriamo che questo non lo pensino i giudici….

  • 24 Luglio 2018 in 16:00
    Permalink

    Ma basta….che vittimismo….guardiamo avanti…

    Ieri sera al Tremonti 2 si festeggiava il ritorno di Ciciretti & c.

    Grande festeggiamenti….mi sembra di essere alla

    “La Feria de Malaga” un po’ in anticipo….però….

  • 24 Luglio 2018 in 16:31
    Permalink

    Lo Zampa è un uomo coerente

  • 24 Luglio 2018 in 16:46
    Permalink

    Majo una curiosità.. sa quando verrà fatta la presentazione ufficiale delle maglie? Se non sbaglio la coppa Italia inizia il 12 agosto

    • 24 Luglio 2018 in 17:10
      Permalink

      Segreto militare… Non posso svelarlo. Del resto, come già specificato, mi son preso la libertà di scrivere qui solo ed esclusivamente della vicenda giudiziaria, per spirito di servizio.

      Comunque a breve immagino possano esserci anticipazioni attraverso gli strumenti officiali

  • 24 Luglio 2018 in 18:10
    Permalink

    mi domando perkè sabato allo stadio briamasco i prezzi

    non sono affatto popolari anzi trattandosi di una amikevole

    visto poi ke vicino allo stadio ( x modo di dire ) c’è l ‘adige

    forse un bagnettello ai piedi è meglio tempo permettendo

  • 24 Luglio 2018 in 23:16
    Permalink

    2 anni di squalifica per uno di 36 anni significano la fine della carriera. Poi saranno probabilmente ridotti, ma comunque ha finito di giocare.

  • 26 Luglio 2018 in 15:15
    Permalink

    Complimenti all’articolo di Luca Savarese che esprime il suo sostegno ad uno dei pilastri del Parma!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI