CERESINI, CALAIO’ E TERZI… “DAGLI AMICI MI GUARDI DIO CHE DAI NEMICI MI GUARDO IO…”

fulvio fb(Fulvio Ceresini, da Facebook) – Per farmi un po’ di male, mi sono letto la sentenza del TFN e Leggo quanto dichiarato da Claudio Terzi sul suo rapporto con Calaio’ : “……..Eravamo compagni di squadra ……. ma non posso dire di avere un rapporto di amicizia..”

Insomma si , si conoscevano ma… niente di più.

Eh si hanno giocato insieme Terzi e Calaio’, hanno giocato insieme solo ….. per 5 cinque anni , 4 a Siena e 1 anno a La Spezia . e quando Terzi nel 2013 è andato a Palermo, in una intervista a Calcio mercato.it si augurava che a il Palermo prendesse anche il suo conoscente Caialo’:”… la società metterebbe a segno un colpo importante considerate le qualità di Emanuele e il suo grande carattere…”

Dagli amici mi guardi Dio che dai nemici mi guardo io.

 

Nella foto in evidenza e nel post di Fulvio Ceresini: i “conoscenti” Emanuele Calaiò e Claudio Terzi ai tempi del Siena…

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “CERESINI, CALAIO’ E TERZI… “DAGLI AMICI MI GUARDI DIO CHE DAI NEMICI MI GUARDO IO…”

  • 24 Luglio 2018 in 18:45
    Permalink

    ecco perkè il senatore a vita andreotti non si sbagliava

    infatti in una delle sue grandi battute aveva asserito la più

    grande differenza tra lui e il presidente alcide de gasperi

    ke alcide va in kiesa perkè credente… lui cioè giulio

    va in kiesa x cercare di prendere più voti possibili !!!!

    sarà ma lo scrittore romano la sapeva lunga e non solo

    • 24 Luglio 2018 in 19:29
      Permalink

      Mi pare che fosse Montanelli a scrivere ” In chiesa De Gasperi va a parlare con Dio, Andreotti va a parlare con il prete…”.
      La replica di Andreotti fu…”Ma almeno il prete rispondeva..”

  • 24 Luglio 2018 in 19:15
    Permalink

    Beh come i nostri amici dell’Empoli con Caputo…

  • 24 Luglio 2018 in 19:30
    Permalink

    Io attendo che finalmente dica qualcosa anche Calaiò. Almeno subito dopo la sentenza d’appello

  • 24 Luglio 2018 in 20:04
    Permalink

    È vero che gli amici si contano sulle dita di una mano,passerà del tempo ma verranno tutti scagionati!
    Poi voglio vedere in quanti chiederanno scusa al Parma e Parma

    • 24 Luglio 2018 in 22:43
      Permalink

      Se ti aspetti delle scuse aspetterai un bel pezzo. Diranno invece che finisce sempre tutto a tarallucci e vino, che ci hanno graziati perchè siamo benvoluti ecc, tutte quelle simpatiche cagate che si leggono dappertutto.
      Uno come Bargiggia che dovrebbe essere un giornalista sportivo per professione si permette di dare certi giudizi senza, come si capisce dalle affermazioni, avere letto nemmeno una riga della sentenza!

  • 24 Luglio 2018 in 22:57
    Permalink

    Entro quanto ci sarà l’appello?

  • 24 Luglio 2018 in 23:56
    Permalink

    Grande Fulvio! Eh sì, amici proprio fedeli… per esperienza personale posso dire che degli amici ti tradiscono per due motivi: donne o affari. Quindi o calaio si è intrattenuto con la donna di de col o terzi (ma non mi pare..). Oppure avevano degli affari o interessi privati da difendere per i quali Han deciso senza remore di giocarsi il legame che li univa

    • 25 Luglio 2018 in 00:44
      Permalink

      Stefano non mi trovo d’accordo, anche perché non mi piace che illazioni viaggino attraverso lo spazio commenti di cui sono il responsabile dei contenuti (e velenoso ed altri riflettano su certe censure che a loro sembrano senza senso, ma che potrebbero comportare problemi a loro e a me, diciamo per responsabilità oggettiva…).

      La spiegazione è molto più semplice: come scritto dalla Gazzetta di Parma di stamani (o meglio ieri, ormai) Claudiein (Terzi) è una sorta di pregiudicato per via di una sentenza che lo ha visto condannato quando era al Siena; per cui, onde evitare rogne come omessa denuncia e altro, ha fatto un po’ “l’infame” (scusate il gergo mafioso, ma rende l’idea) durante l’interrogatorio negando persino l’evidenza – come evidenziato, da Fulvio ceresini nel post di oggi) – ed inguaiando il collega.

      A parziale rettifica di quanto scritto da Lex nel suo commento, io ritengo che la Procura Federale dei verbali dell’interrogatorio dei due spezzini abbia riportato la parte che più faceva comodo alla propria tesi accusatoria, sapendola cucinare bene. Altro particolare non trattato in sentenza, ma che non può essere dimenticato, la singolare decisione precedente dello Spezia Calcio che aveva imposto ai propri tesserati di mostrare ogni messaggino eventualmente ricevuto dai giocatori del Parma.

      Eviterei, quindi, di parlare impunemente di donne e affari…

      Ricordo sempre, infatti, che questo spazio commenti dovrebbe ospitare opinioni, commenti, valutazioni, idee, etc etc, ma evitando le illazioni, come in questo caso, o contumelie, offese e falsità (come in casi di altri che poi piangono se i propri componimenti terminano nel cestino).

  • 25 Luglio 2018 in 07:24
    Permalink

    La verità è che Terzi con gli inquirenti ha calcato la mano
    proprio perché ODIA l’arciere dal più profondo del cuore. Gli ha fatto credere di essere suo amico invece lo.odiava e non vedeva l’ora di fargliela pagare e glel’ha fatta pagare ALLA GRANDE rovinandogli non il fine carriera ma la carriera totale infatti Calajo’ negli annali sarà ricordato non per i suoi gol ma per aver detto un innocuo NON ROMPERMI IL CAZZO frase che Terzi ha manipolato per rovinare il suo più grande nemico, altro che amico

  • 26 Luglio 2018 in 22:43
    Permalink

    Il buon (si fa per dire) Terzi ha la fedina penale sportiva non proprio limpida… e in questi casi si preferisce vendersi anche il posteriore pur di non incorrere in una seconda accusa che sa di recidiva….. Detto questo, sempre il buon (e si fa sempre per dire) Terzi nonostante l’onestà veramente commovente dimostrata nella deposizione (nel senso che fa piangere dal ridere) è sotto tiro dai simpatici e per nulla faziosi tifosi spezzatini per chissà quale altra ragione (chiedete a loro non a me). Voci portate dal mare (La Spezia è una seppur triste località di mare) dicevano per una presunta amicizia con Calaiò… pensare voi… e lui poverino neppure lo conosce e a quei messaggi da uno sconosciuto a consigliato a De Col di rivolgersi alla società in prima battuta e poi per essere sicuri magari anche alla DIA non si sa mai…..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI