IL COLUMNIST / I CONTENUTI DELLE STESSE WHATSAPPATE CALAIO’-DE COL DIMOSTRANO CHE TRA LORO CI FOSSE SPIRITO DA CASERMA ALLA STURMTRUPPEN. ALTRO CHE ESTRANEI!

il columnist luca russo(Luca Russo) – “Nella vita è importante avere un amico che sia, a un tempo, specchio e ombra. Lo specchio non mente e l’ombra non si allontana”. Non ci è dato sapere se e quanto De Col e Terzi siano stati per Calaiò specchio e ombra ai tempi dello Spezia. Ma si può ragionevolmente ipotizzare che da un paio di mesi a questa parte, e cioè dalla deflagrazione del Whatsapp Gate, tra i due difensori degli aquilotti e il nostro centravanti ci sia meno feeling rispetto al passato, se si presta fede alla revisione che gli spezzini avrebbero imposto, in presenza degli 007 federali, al loro legame con l’ex compagno, cosa che ha scandalizzato non poco i nostri tifosi sui social. C’è da dire, però, che il TFN, nell’appiattirsi pressoché totalmente alle richieste dei Federali per la penalizzazione del Parma, pur IMG-20180726-WA0033dimezzando la punizione dell’Arciere, hanno fatto leva solo su una parte, una piccolissima parte, delle fluenti deposizioni dei due difensori spezzini, saltando – verrebbe da sospettare ad arte – i passaggi, pur verbalizzati (e immaginiamo che pure nella verbalizzazione altri siano saltati) in cui, viceversa, offrivano conferma alle tesi difensive parmigiane, tra cui, soprattutto, quella che la finalità sottesa alle chattate di Calaiò era quella di non esagerare troppo nei rudi interventi su di lui, confermando come già in passato Manu fosse un po’ piangina lamentandosi di certi lavoretti duri da difensori subiti in allenamento. In ultima analisi si potrebbe asserire e non sarebbe un azzardo che Calaiò chiedesse solo loro di rispettare il regolamento, dal momento che questo punisce il gioco duro… Che il TFN abbia sancito, poi – sempre sulla scorta di una piccola parte dell’interrogatorio, magari, fatemi romanzare un po’, fatto in una buia stanza con la lampada puntata agli occhi dopo aver portato allo stremo i teste – che non ci fosse abituale spirito cameratesco tra Calaiò e De Col è smentito semplicemente in re ipsa, vedendo il linguaggio da caserma stile “Sturmtruppen” che i due avevano abitualmente tra loro e certificata dal tono dei messaggi di congratulazioni che il secondo inviava al primo quando questi battezzava col gol le sue prestazioni. Come il 10 marzo di quest’anno, ad esempio (anche se in udienza al TFN è emersa la circostanza falsa e tendenziosa che prima dei dialoghi alla base della incredibile accusa di tentato illecito l’ultimo contatto fosse stato a Natale per gli auguri…): “Ehi Trebbietein complimentein!!!IMG-20180726-WA0021“. O come ad inizio aprile: “Grande Stempia!!! Sei troppo forte!!!”. (Fonte: Parma Today: clicca qui). Il tutto con l’immancabile condimento di faccine tipiche delle conversazioni tra amici, di gente che si spoglia nello stesso spogliatoio, mica di estranei! Non va poi mai dimenticato che se lo Spezia viene informato da De Col e Terzi dei messaggini ricevuti dai parmigiani era non certo motu proprio, ma per il precedente inusuale ordine di servizio impartito dal club ligure di riferire a team manager e ds di eventuali contatti da parte dei prossimi avversari. Gli interrogatori dei calciatori liguri potrebbero esser stati lunghissimi, ribadiamo, ed emergerebbero, come dicevamo, pure elementi in un certo qual senso favorevoli a Calaiò, e quindi al Parma, ma, guarda un po’, non sono stati tenuti in debita considerazione… Un Tribunale meno frettoloso (anche se ci sono, capiamo bene, tempi stringenti) in caso di dubbio anziché accontentarsi di sfogliare distrattamente gli incartamenti, selezionando solo una parte del contenuto, anche se, guarda un po’, la più penalizzante, avrebbe potuto convocare ed audire direttamente i due giocatori, dal momento che il pesantissimo verdetto a seguire è costruito appunto sulla presunta percezione di tentata combine dei contattati. Mi preme, altresì, mettere sotto la lente di ingrandimento, circa la retromarcia repentina di De Col e Terzi, il fatto che ammettere un più profondo legame d’amicizia con Calaiò avrebbe potuto mandare in corto circuito le gazzetta di parma terziproprie carriere: il riferimento è soprattutto per Claudiein, quello che ha ridimensionato il rapporto con l’Arciere a semplice conoscenza, nonostante ne avesse caldeggiato l’acquisto, perché ritenuto davvero forte, alla sua società dopo quattro anni al Siena. Già, il Siena: un certo fumus persecutionis sale si considera quanti personaggi diretti o indiretti, Procura Federale inclusa, ci siano in questa storia con trascorsi nella società toscana. E, a proposito di precedenti, non va certo scordata la condanna confermata anche in secondo grado sia pure ridotta a sette mesi, dello stesso “pregiudicato” specifico Terzi (ne ha scritto nei giorni scorsi la Gazzetta di Parma, immagine a lato), che dunque, riportato di nuovo negli uffici della Procura Federale potrebbe aver subito una sorta di trauma che lo avrebbe portato a questa retromarcia nei confronti del rapporto con Calaiò che lo stesso rattrista, perché prova una volta ancora la validità di quel proverbio per cui “solo nel carcere e nella malattia si riconoscono i veri amici”. Una retromarcia che, sia pure capibile, resta inopportuna e inelegante perché quasi trasforma Calaiò in un appestato della peggior specie. Luca Russo

67 pensieri riguardo “IL COLUMNIST / I CONTENUTI DELLE STESSE WHATSAPPATE CALAIO’-DE COL DIMOSTRANO CHE TRA LORO CI FOSSE SPIRITO DA CASERMA ALLA STURMTRUPPEN. ALTRO CHE ESTRANEI!

  • 30 Luglio 2018 in 07:43
    Permalink

    Oggi è 30 luglio e mancano 19 giorni alla fine del mercato. Ad oggi , questa squadra vincerebbe il campionato di B, ma in A farebbe 25 punti. Per me mancano almeno 5 titolari: 1 centrale di difesa, le due mezze ali, uno al posto di Di Gaudio ed un centravanti. Se ci fossero abbastanza soldi, punterei : Tonelli, Marchisio, Grassi, Ljaic e Balotelli. Naturalmente so benissimo che sono fuori budget. Il punto è che non ho capito quale sia il budget, dato che sembra proprio che non ci siano soldi. Majo dice che sono più dei 15 dichiarati ma sinceramente manca poco e non vedo questa possibilità economica dato che si possono trattare solo prestiti o svincolati.

    • 30 Luglio 2018 in 08:24
      Permalink

      La piantiamo con queste perniciose illazioni sulla mancanza di soldi? Sembra?pare? dicunt?
      Queste leggende metropolitane han rotto gli zebedei. Non sono bastate tre promozioni,scandite da investimenti milionari, per fugare dubbi?
      Semplicemente non c’è la volontà di sputtanare soldiva vanvera, ma di investire il necessario per il mantenimento della categoria, che significa ulteriori 40 ml l’anno dopo.

      • 30 Luglio 2018 in 08:36
        Permalink

        Con mancanza di soldi si può tranquillamente intendere mancanza di volontà nell’ immettere altre risorse, no che Barilla e compagnia non li abbiano. Il fatto che servano 5 titolari validi per metterci alla pari delle ultime 4, credo sia evidente a tutti, pure a D’ Aversa. Ad oggi solo prestiti e svincolati over 34, mentre sono difficili le trattative quando chiedono soldi. Il tutto in evidente contrasto con un budget superiore ai 15 milioni.

        • 30 Luglio 2018 in 08:55
          Permalink

          Voi avete una fretta indiavolata. I soldi non vanno sputtanati a vanvera e col fuoco al deretano.

          Quanto la proprietà ritiene necessario investire sul mercato è stato e verrà investito da chi è stato incaricato, in base ai propri convincimenti e alla propria professionalità.

          Peraltro è abbastanza fastidioso che ci sia chi tira per la giacchetta l’allenatore evidenziando frasi che, sia pure evitabili (meglio non offrire il destro perché poi si ritorcono contro), nulla di più sono che banali frasi di circostanza in risposta ad altrettanto abituali domande. Lo sappiamo tutti quanti che il cantiere è aperto e lo sarà fino in fondo. Basterebbe mettersi un po’ l’anima in pace e lasciar lavorare chi di dovere. I giudizi si traggano alla fine. Ma non a fine mercato che possono esser poi smentiti, nel bene o nel male (con squadre a dire di Voi lettori dal palato fine ed incontentabili dall’organico incompleto ha conquistato la serie A), appunto al termine della stagione quando si saprà se l’obiettivo – un punto in più della quartultima – sarà raggiunto e conquistato.

          Anche ai ragionierini con l’occhialetto da presbite che blaterano di 15 milioni di budget ogni piè sospinto (almeno sono 3 in più dei 12 precedenti) consiglio di andare un po’ al mare o in montagna e viversi un minimo di vacanza, lasciando a chi di dovere il compito di fare la spesa

      • 30 Luglio 2018 in 09:20
        Permalink

        capire tu non puoi ,tu chiamale se vuoi illazioni.

        Majo perniciose o faggianose ? in do sit alla lipu di torrile ? ,in effetti li si guarda col binocolo

    • 30 Luglio 2018 in 20:30
      Permalink

      Io sono ancora abbastanza fiducioso. I veri colpi si fanno nell’ultima settimana di mercato.

  • 30 Luglio 2018 in 08:29
    Permalink

    Spero che Chiacchio punti su tutto questo nell’appello! Tra l’altro Criscitiello ha scritto che l’ udienza/ sentenza ci sarà giovedì 9 agosto! Le risulta Majo?

    • 30 Luglio 2018 in 08:44
      Permalink

      Secondo il Giornale di Sicilia, in edicola oggi, “entro il week end attesa la sentenza sul .

      • 30 Luglio 2018 in 09:07
        Permalink

        Quindi entro questo venerdì? Cosi presto?meglio..mi sembra strano però..

        • 30 Luglio 2018 in 09:12
          Permalink

          Io ho solo riportato quanto scritto dal GdS, poi non so quanto ci sia di vero

  • 30 Luglio 2018 in 09:18
    Permalink

    Speriamo che questa settimana Carra non apra bocca. Ho notato che le sue terrificanti dichiarazioni rilasciate durante i sorteggi dei caldendari sono state passate sotto silenzio della stampa locale (per non infierire forse o per dare una mano come temo), mentre al contrario sono state riportate a caratteri cubitali sulla stampa nazionale. Venendo invece al mercato, budget, etc. penso sia scorretto dire “chiudete gli occhi, e aspettate maggio 2019”. E’ diritto di ogni tifoso o appassionato osservare la situazione attuale e commentare. Ad oggi la squadra è oggettivamente pessima e incompleta e gli acquisti sono stati pari a zero (il solo Stulac, rincalzo di squadra di serie B) se si escludono svincolati over 35 e parametri zero. Ad oggi la coppia titolare in attacco è Ceravolo/Baraye con Da Cruz come rincalzo. Non è questione di essere disfattisti o altro, ma i fatti sono questi. E con questa squadra fai i punti del Pescara di due anni fa. Se poi entro 15 giorni arriveranno almeno 5 giocatori under 35 di serie A e per la serie A penso saremo tutti felici di commentare la cosa postivamente. La fede al buio è religione e non penso esista una religione che veda Lihzang come divinità.

    • 30 Luglio 2018 in 09:46
      Permalink

      leggenda narra che avendo rivisto qualche partita anni 90 del parma ac quando si innamoro’,stia cercando informazioni su un certo zoratto per dare ordine e geometrie al centrocampo del gruppo speranza

  • 30 Luglio 2018 in 09:22
    Permalink

    lei Luca Russo,mi ricorta quel diafolen di galeazzo musolesi

  • 30 Luglio 2018 in 09:26
    Permalink

    Cmq questo Terzi è stato condannato ed ha un discreto passato nel Palermo di Zamparini. Diciamo che qualche dubbio sulle sue strane dichiarazioni viene.
    Sarebbe curioso sapere se ci sono stati contatti tra i due…io scommetto che almeno una telefonatina è partita.

  • 30 Luglio 2018 in 09:38
    Permalink

    Direttore…..con sta storia di: I soldi non vanno sputtanati a vanvera
    ci stiamo facendo prendere in giro da tutti.
    Suvvia non ci crede più nessuno….
    A partire dagli abbonamenti….in netto calo,
    ci sarà un motivo….
    i parmigiani forse forse così indormenti non lo sono…
    queste sue frasi di circostanza lasciano il tempo che trovano…

    Le consiglio di riposarsi un po’..ne va della sua salute.

    • 30 Luglio 2018 in 11:05
      Permalink

      Vedo che il mio stato di salute Le è tanto caro e di questo La ringrazio di cuore.

      Però, se mi conosce bene, sa che sono al top quando sono “operativo”, non quando batto la fiacca…

      Detto questo, a costo di sentire Assioma che dice che faccio sempre l’anamnesi di “Nuovo Inizio”, ricordo che nella compagine societaria parmigiana non sono presenti soci che abbiano l’intenzione di fare “gli imprenditori calcistici”, definizione che significa che nessuno di loro ha voglia di mettere a repentaglio (col calcio è un attimo… chiedete al simpatico Mike Piazza) le proprie risorse personali o d’azienda. Partita come iniziativa quasi sociale con la D, con entusiasmo crescente si è raggiunta la serie A, finendo per metterci ben più risorse di quanto, all’atto dell’entrata nella “copperativa” potessero immaginare, ma il fine è stato raggiunto, appunto la serie A coi suoi lati ricavi (ma, attenzione, anche con le sue non inferiori spese…). Il gioco sta nel sapere gestire i proventi garantendo quanto più a lungo possibile la permanenza nella massima serie (e con essa il ricco introito conseguente). Spese pazze? Non credo rientri nel loro DNA. Investire su calciatori che possano garantire che i 40 ml di ricavi arrivino con continuità anche in futuro? Penso proprio di sì, perché sarebbe da stolti – e noi sappiamo bene che non li sono – esser arrivati sin qui per poi dilapidare tutto.

      Ordunque: la prima preoccupazione societaria è il mantenimento della categoria (e dei 40 ml). Se c’è chi nega questo vuol dire che la mia frequente anamnesi di Nuovo Inizio non è stata ancora bene percepita.

      Dopo di che ci sono le occasioni: siccome, appunto, ci sono degli imprenditori di successo nella compagine societaria, è chiaro che se capitasse qualcosa davvero di interessante al prezzo giusto potrebbero anche considerare la cosa.

      Sul calo degli abbonamenti non credo influisca il mercato finora poco apprezzato da alcuni lettori. La tifoseria di Parma è sempre stata matura e non ha mai fatto impennate col grande nome, perfino Cassano non mosse le folle, direi che se grazie a lui si eran fatti 1.000 abbonamenti in più era già una esagerazione (con buona pace di Boni). Per converso, dunque, non si può giustificare la flessione col solo mercato, né credo potrebbero esserci 1.000 abbonati in più domani se oggi venisse annunziato, che so… Balotelli. Il ragionamento sociologico correlato è più lungo e complesso e necessiterebbe di analisi maggiormente approfondite, ma, visto che sono qui, gliene suggerisco alcune altre di motivazioni da aggiungere a quella così banale del mercato: intanto rispetto al passato la Campagna è iniziata sensibilmente prima ed è ancora lunga a terminare; il processo del Cazzein ha comportato a propria volta un freno, anche e soprattutto perché la gente si è rotta le scatole di questo tipo di calcio più che mancanza di fiducia nel Parma in ogni sua componente; l’assuefazione: passata la moda della serie D, quando sono tornati fuori anche i vecchi tifosi di un tempo con 25 anni in più sulle spalle, la serie A viene quasi quasi disdegnata con tutti i problemi che comporta nell’andare nelle gabbie dei grandi stadi, senza la libertà d’azione dei piccoli campi sportivi provinciali con annessa gitarella eno-gastronomica.

      Purtroppo chi giudica il mercato (ma anche gli abbonamenti) si dimentica sempre quanto possa aver pesato il fattore processo. Non vuole essere un alibi, anche perché sappiamo bene che il mercato riserva gli exploit nella coda. Tutte considerazioni che sarebbe giusto tenere a mente prima di trarre giudizi tranchant

      • 30 Luglio 2018 in 13:26
        Permalink

        le famose tre tranchant da hong kong

      • 30 Luglio 2018 in 15:04
        Permalink

        MAIO per lei il processo e’ una crociata e il rosso per il toro la madre di tutte le battaglie ………..lo vede ovunque anche per gli abbonamenti ok all inizio ma adesso da 7 gg chiaccio ha detto che la categoria e’ salva per cui non si abbonano perche’ nessuno e’ u fessu non hanno fiducia della squadra e va bene partecipare ma fare la fine del benevento no ……. attenzione la penalizzazione al contrario da che mondo e mondo compatta l ambiente per cui dovrebbe portare piu gente allo stadio per un altra epica avventura ( la categoria dice chiaccio e salva ) e invece no ma ormai non c entra piu il processo e poi nella peggiore delle ipotesi saremmo in serie B come l anno scorso e allora con una sqaudra gia pronta per la b perche non si abbonano se l anno scorso si sono abbonati in 10.000 ? a parita di categoria non ci si crede nella societa del cinese non capisce c e scetticislmo sul cinese e detto da me cinese…ma e la realta’ ormai gli industriali di parma non c entrano piu sono al 30 % e il cinese soldi non i sta meettendo a mai visto squadre aitosufficienti in serie A io no !! puo andare bene un anno ma poi …i nodi vengono al pettine il cinese ha si comperato le quote con 15 ml liberando i parmigiani che non aspettavano altro( che non sono eroi perche sono rientrati dell investimento !!! per cui coasa hanno speso ? dei fidi bancari poi rientrati con il cinese ) ma poi non ne ha messi claro ? e non fai la serie a ripianando i debiti degli anni passati con penalizzazione pensando di sfangarla ripeto magari di culo un anno va bene ma poi ? l autosufficienza non esiste nel calcio poi questi non portano nulla abbiaa pazienza pensavo dessero giocatori stranieri che cordon segnalasse al parma invece nulla di nulla non fanno neppure scoutung internazionale e allora cosa fanno ? hope hope hopre

  • 30 Luglio 2018 in 09:59
    Permalink

    Caro Luca Russo, per definirli contenuti ci vuol proprio un bel coraggio !!!!

  • 30 Luglio 2018 in 10:27
    Permalink

    MA CHE AMICIZIA DI COSA PARLA RUSSO ? non so a napoli ma a parma se uno parlo di calio’ non si fa mai vivo al telfono ma riceve solo messaggi rari 2 in 6 mesi da un altro de col e non risponde neppure ……..l non si vedono mai per un uscita e parma e spezia sono vicine , le famiglie non si frequntano non escono con altri amci non hanno raèporti su social (si seguono si commentano ) eccc e de col scrive 2 messaggi in 6 mesi !!!!!!! uno per natale ( sai qaunti ne mandiamo sono tutti amcii o conoscenti ? ) e il secondo per i 100 goal anche li sai qaunti ne ha ricevuti calio’ allora sono tutti amcii di calio ? sono atti dovuti da conoscenza di educazione direi ……….ecco allora lei davanti a un goudice a uno che non si fa mai vivo alla precisa domanda dice siamo AMICONI ? ma va ………abbi pazienza conoscenti tra l altro ripeto caio non ha mai scritto a de col neppure risposto al msg dei 100 goal cosi algi atti ne gli ha mai telefonato questo e quello che c e scritto se poi non e’ coi port gli atti per favore e lei dice amico ? conoscente non amico normale rapporto tra ex compagni se poi in quella squadra si scriveva cosi lo hanno continuato a fare ma mica perche’ sono grandi amici abbia pazienza poi ognuno da il valore all amicizia diverso per de col non la era forse per calio si ( bha Poi possiamo dire che la sentenza e assurda ingiusta eccc tutti d caccrodo che dica pero che erano amici per 2 messaggini in 6 mesi no

    • 30 Luglio 2018 in 11:20
      Permalink

      Rispondo io, quale direttore, poi semmai Luca Russo si aggiungerà se lo riterrà opportuno.

      A StadioTardini.it sapere se De Col e Calaiò sono amici impipa nel minuto in cui la Procura Federale (e di conseguenza il TFN che di fatto si è appiattito sulle sue richieste) porta avanti questo argomento al fine di motivare le proprie richieste hard core di squalifica per il calciatore e di conseguenza per il club per responsabilità oggettiva.

      A StadioTardini.it non piacciono le falsità: e che sulla sentenza vengano fuori solo alcune frasi che fan comodo e vengano taciute le altre dello stesso interrogatorio non va proprio bene. Noi siamo degli inguaribili idealisti e riteniamo che una Procura Federale, come una pubblica accusa, abbia il dovere non di costruire dei teoremi più o meno strampalati, ma di inseguire la verità, provandola. Non fare come un normale azzeccagarbugli che azzecca un garbuglio per addivenire a un risultato. Evitando guerre sante ideologiche o educative (salvo farsi sbugiardare in appello).

      A StadioTardini.it non piace che in una sentenza sia scritto il falso: se anche altre due volte, per lei, sono poche, però al contrario di quanto scritto nel dispositivo, Calaiò e De Col si erano chattati in altre due occasioni e, come scrive Luca Russo, il linguaggio stesso da caserma è in re ipsa nel corpo del reato, visto che ci sono nomignoli da “Sturmtruppen” sia nei messaggi analizzati sia negli altri prodotti dalla difesa e regolarmente nel fascicolo, ma non considerati visto che si parla di contatto precedente a Natale.

      In conclusione: il termine amicizia, conveniamo, che non vada abusato, ma non deve essere una ragione per cercare di dimostrare che Gesù Cristo è morto dal freddo dei piedi…

      • 30 Luglio 2018 in 11:57
        Permalink

        Majo gli altri due (sig) messaggi sono stati spediti da de col a calaio’ per complimentarsein dopo una partitein avvenutein che non era speziein parmein ai quali lui ha risposto …..trova le differenze come la settimana enigministica

        • 30 Luglio 2018 in 12:00
          Permalink

          con lo spedirne uno tre giorni primein di spezia parma dove si scherzava di non rompere il cazzein tu e caludien diglielo per l’amicizia che ci lega ,ti ho dato l’aiutino ,con questa difesa ci siamo beccati 5 punti e 2 anni ,io batterei su altri tasti che dici ?

          • 30 Luglio 2018 in 12:02
            Permalink

            dulcis in fundo ci sono le deposizioni degli amichein del cazzein e la frittata e’ fatta

      • 30 Luglio 2018 in 12:27
        Permalink

        dopo tutto questa pappardella doi risposta mi consenta dott maio a buon se nso chiunque capisce che tra i due c era solo conoscenza ed eduzazione tra ex colleghi e poco piu’ come detto poi il sentimento di amicizia e indefinibile ognuno ha i suoi parametri de col li ha diversi rispetto a calio’ ( che non si faceva mai sentire tranne 3 ff prima della partita incriminata ) detto questo abbia pazienza mi consenta c era un GIUDICE TOCCHERA’ AL GIUDICE CAPIRE O DEFINIRE SE ERANO IMPORTANTI GLI ATTI NASCOSTI CHE LEI DICE ……….SE NONLE BASTA C ERA UN AVV GRANDE PRINCIPE DEL FORO COME MAI NON LO HA FATTO NOTARE AL GIUDICE NON LO HA RICHIESTO LA DISAMINA ? NULLA CHIACCHIO NON HA EVIDENZIATO NE RICHIESTO NULLA A TAL PROPOSITO PER CUI DI COSA PARLA se lei pensa di essere piu informato di chiacchio ne parli con lui lo suggerisca , evidentemente n e per chiacchio ne per il giudice gli atti nascosti erano importanti

        • 30 Luglio 2018 in 12:32
          Permalink

          Forse per il Giudice non erano importanti…

          Comunque, spentosi il sacro fuoco della guerra santa moralizzatrice, vedrà che ci saranno Giudici meno frettolosi che i fascicoli non li sfoglieranno e basta e che saranno meno appiattiti alle richieste della Procura. Almeno questo è il mio auspicio, auspicio che ingenuamente credevo di poter condividere con tutti i tifosi del Parma, dimenticando che tra questi ce ne sono di quelli un po’ masochisti che godono se le cose vanno male o che stanno lì a cercare di dare appigli agli avversari…

          • 30 Luglio 2018 in 14:04
            Permalink

            ovvio la colpa e’ di chi ragiona col cervellein e non col culein

          • 30 Luglio 2018 in 14:07
            Permalink

            sto posando la prima pietra del monumento a calaio’ ,partecipera’ alla cerimonia cesati ,mo che lavor

  • 30 Luglio 2018 in 10:28
    Permalink

    L’amichevole coi cugini è stata indegna.
    Mancano almeno 2 giocatori per ogni reparto.
    (ma buoni…mica da B o da lega pro)
    Sentire l’intervista di Piovanone a D’Aversa è stata
    la messa domenicale su Radio Maria.

    Ma basta…..

    • 30 Luglio 2018 in 10:48
      Permalink

      Nessuno nega che AD OGGI l’organico sia da completare. Infatti: dov’è la notizia?

  • 30 Luglio 2018 in 11:52
    Permalink

    la notizia e’ che anche “AD DOMANI” sara’ cosi’

    • 30 Luglio 2018 in 14:03
      Permalink

      L’importante è che non sia questa la rosa al 17 agosto e sono convinto che ci saranno almeno 4 o 5 innesti importanti.
      Le vere trattative iniziano solo ora…
      Sempre e solo forza Parma

  • 30 Luglio 2018 in 11:58
    Permalink

    Quello che mi fa più specie, direttore è quello che scrive:

    “ricordo che nella compagine societaria parmigiana non sono presenti soci che abbiano l’intenzione di fare “gli imprenditori calcistici”, definizione che significa che nessuno di loro ha voglia di mettere a repentaglio (col calcio è un attimo… chiedete al simpatico Mike Piazza) le proprie risorse personali o d’azienda. ”

    Lei mi vuole far credere che i 7 big non hanno mai avuto
    l’intenzione di esporsi economicamente?
    E chi ha coperto le perdite precedenti? In che modo?
    Mi spieghi ulteriormente, perché faccio veramente fatica
    a capire….

    • 30 Luglio 2018 in 12:08
      Permalink

      Un conto è metterci un milioncino o due (a testa) in tre anni, un conto è smenarne a decine in una stagione (come è facile che possa accadere in A se uno si lascia prendere la mano). Facevo prima l’esempio di Mike Piazza: l’ex campione americano di baseball di milioncini ne ha messi non pochi nella Reggiana (forse è stato il più munifico di tutti i tempi), salvo poi finire le risorse e rimediare le ultimr figure barbine.

      Resto dell’idea che sia di garanzia per il territorio – dopo che la serie A in passato ci ha fatto molto, ma molto male e certe ferite non sono mai state rimarginate – una proprietà che si comporti da buon padre di famiglia, facendo fatti concreti e non i soliti proclami di gente che poi finisce a gambe all’aria.

  • 30 Luglio 2018 in 12:38
    Permalink

    Sono veramente basito a leggere certi commenti. Ancora siamo qui a fare i conti in tasca ad una proprietà che in 3 anni ci ha portati dalla D alla A?Ma veramente c’è gente che giudica e spara sentenze a 18 giorni dalla fine del mercato? Ma quando avete cominciato a seguire il calcio, si può sapere?
    Beh c’è da dire che le amichevoli estive in effetti sono importantissime, sopratutto quando giocate con una rosa che definire in fase di allestimento è un eufemismo. Eppure c’è chi già urla contro Faggiano i “piocioni”e via discorrendo. Ma quanto è corta la vostra memoria? Vogliamo cominciare a sputtanare soldi a destra e a manca quando mancano ancora 18 giorni alla chiusura del mercato, quando si sa che gli affari si fanno sempre nelle ultime ore? Dai per piacere, non dico un pò di pazienza, perchè è evidente che ce l’hanno in pochi, ma almeno un pò di riconoscenza ci vuole suvvia…Basta fare i bastian contrari e i critici come uno si muove, di Ghirardi ne abbiamo già avuti, preferisco 100000 di volte questa linea di gestione societaria, e ci mancherebbe altro!

  • 30 Luglio 2018 in 14:03
    Permalink

    Grande Simone T. prova a rispiegarglielo come funziona perchè non è mica stato ancora afferrato il concetto…
    ….
    moro

  • 30 Luglio 2018 in 14:10
    Permalink

    Resto dell’idea direttore,

    ma questo è un mio pensiero, che 7 milioni versati in 3 anni

    nelle casse è un pò pochino…

    (quando le perdite solo nell’ultimo anno sono state di 20 milioni)

    Le figure barbine le stiamo facendo noi…mi creda…

    • 30 Luglio 2018 in 14:56
      Permalink

      Ma i 20 milioni di perdite chi li copre, se non la società? Evidentemente tornare subito in serie A ha avuto un costo.
      La nostra forza economica è questa, non c’è nessuno che ha voglia di buttare i propri soldi al vento. Una società seria fa dei programmi in base agli introiti ed in funzione di quelli si pone degli obiettivi, cercando di raggiungerli. Dei piagnistei dei cosiddetti tifosi mai contenti, non gliene importa una benedetta mazza, a meno che gli stessi tifosi non si propongano di cacciare i soldi. Oggi nel calcio non esistono più presidenti che sovvenzionano le società di calcio, non disperdono le loro fortune per i tifosi brontoloni. Perché il Parma dovrebbe spendere più di quanto incassa, per acquistare e pagare giocatori che non può permettersi? Per fallire nuovamente?

  • 30 Luglio 2018 in 15:00
    Permalink

    Ma perchè sparare numeri a vanvera??A che scopo??

  • 30 Luglio 2018 in 15:30
    Permalink

    Qualche mese fa, lessi i bilanci depositati della D e della Lega pro.. vado a memoria anche se sbaglierò di poco ma nel primo anno ci fu una perdita di 3 milioni e nel secondo anno di 7..Dato che vado a memoria, diciamo in via prudenziale perdite di 12 milioni. IL bilancio della B non è stato ancora pubblicato, dato che ci sono 4 mesi per depositarlo. Sarei curioso di conoscere le perdite della B, anche se per arrivare ai 30 milioni menzionati e ricapitalizzati, significa perdite per 18, il che mi sembra esagerato.

    • 30 Luglio 2018 in 16:40
      Permalink

      Io non ho gli occhialetti da presbite (ma da miope sì… e non vedo piùin là del mio naso, ma ce n’è già abbastanza…) né ho fatto ragioneria, men che meno ho note contabili sott’occhio… Per quanto concerne i numeri dati mi rifaccio a quelli espressi in occasioni pubbliche dagli amministratori…

      • 30 Luglio 2018 in 16:44
        Permalink

        Io invece guardo direttamente i bilanci, faccio prima ed ho un dato certo.

        • 30 Luglio 2018 in 17:22
          Permalink

          Il capitale non è che serve solo a coprire le perdite, visto che è stato dichiarato l’assenza di debito finanziario (quello commerciale è fisiologico), nell’avere dello stato patrimoniale dovrà esserci del capitale (patrimonio netto) per pareggiare gli attivi iscritti in dare (per le note regole della partita doppia), ecco che si ritorna alla cifra nota.

          • 30 Luglio 2018 in 20:14
            Permalink

            Nell’anno di Lega pro c’è stato un ripristino del capitale sociale , tra copertura perdite ed aumento capitale pari a 150.000,00 . Poi 8 milioni dei cinesi, dopo la chiusura del bilancio 2016/17 , ossia ciò che era il saldo per le quote, a cui hanno rinunciato i soci di nuovo inizio, a fronte di un aumento di capitale. Questo ha permesso la copertura delle perdite di fine esercizio. Non ho mai letto l’ultimo bilancio, quindi non so l’investimento per la B. Non credo che in totale siano 30 ma comunque hanno investito molto per risalire in A.

        • 30 Luglio 2018 in 21:41
          Permalink

          Inoltre a bilancio c’è anche Collecchio…

          • 31 Luglio 2018 in 07:10
            Permalink

            Si, ma sempre utilizzando le somme versate e riportate a bilancio a meno che non sia stato comprato con una società costituita ad hoc per la gestione degli immobili, allora bisogna tener conto anche di quelle somme.

          • 31 Luglio 2018 in 09:06
            Permalink

            Io non riesco perfettamente a capire quale sia il problema. Ci hanno riportato in serie A? Sì. Hanno riacquistato il centro di collecchio? Sì. Stanno facendo i lavori per sistemare lo stadio? Pure.

            E allora se hanno speso 25 o 27 invece di 30 cosa cambia?

  • 30 Luglio 2018 in 16:24
    Permalink

    Si si direttore……la conti pure a mio nonno…..

  • 30 Luglio 2018 in 16:32
    Permalink

    Occhio alla pentola a pressione…………

  • 30 Luglio 2018 in 17:30
    Permalink

    n’etor ragioner col “Pasquale” chi.

    Pignoletto

    • 31 Luglio 2018 in 08:53
      Permalink

      il cugino di rigoletto,ridi pagliaccio

  • 30 Luglio 2018 in 17:33
    Permalink

    Quindi se 2 persone non sono amici/parenti è tentato illecito scrivere un sms, mentre se 2 sono parenti non lo è? Boh! Sentenza vergognosa! Attenzione, allora, cari fratelli Inzaghi…se scambiate sms nella settimana di natale (il 26 dicembre c’è bologna lazio) del tipo “auguri! Ci vediamo il26” accompagnata da una faccina, qualcuno vi può denunciare per tentato illecito!!! Come potrebbe infatti il giudice escludere che trattasi di ciò? Rimarrebbe come per Calaiò il dubbio…http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_wacko.gif

    • 30 Luglio 2018 in 18:34
      Permalink

      A questo punto io metterei sotto la lente di ingrandimento anche le comunicazioni verbali coperte dalle mani tra i calciatori in campo…

  • 30 Luglio 2018 in 18:21
    Permalink

    Direttore si è saputo, con certezza, se oltre a noi e al Palermo anche la Procura sia ricorsa in Appello ?

    • 30 Luglio 2018 in 19:02
      Permalink

      A me risultava di no. Peraltro i ricorsi andavano fatti (e sono stati fatti entro 48 ore).

  • 30 Luglio 2018 in 18:28
    Permalink

    Strano non si sia pensato a Reginaldo e Marchionni.

    • 30 Luglio 2018 in 18:59
      Permalink

      I giornali on line e chi li riprende creano più danni che la peste

      • 30 Luglio 2018 in 19:02
        Permalink

        Ok afferrato

      • 30 Luglio 2018 in 19:14
        Permalink

        Sul fatto che criscitiello da per sicuro il.9 agosto ha saputo qualcosa in più?

      • 31 Luglio 2018 in 08:52
        Permalink

        dagli all’untore ! a chi la tocca la tocca

  • 30 Luglio 2018 in 22:10
    Permalink

    Il super bomber era svincolato?

  • 30 Luglio 2018 in 22:56
    Permalink

    Questa dei ricorsi di oggi è una topica ultra superficiale anche di Via Mantova. Come ha scritto il direttore andavano prensenti entro 48 ore. Via Mantova ha copia e incollato la c…a del ballerino Zazzaroni.

  • 30 Luglio 2018 in 23:08
    Permalink

    Gdp e categoria giornalistica in generale veramente di bassissimo livello… In caduta libera direi

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI