GIUSTIZIA DEL CAZZEIN, VIDEO SFOGO PAPIRUS

giustizia del cazzein papirus(Giuseppe Monda) – La serie A è salva. Dovremmo essere contenti? Può darsi. Ma noi non siamo così. Non accettiamo una sentenza di colpevolezza. (O meglio, come afferma la sentenza:” La Società ha conseguito sul campo la posizione finale in classifica che le ha consentito la promozione diretta in Serie A”, per cui, anche per loro, la promozione non era in discussione. Ma allora, perché punirci?
Siamo costretti a pagare le conseguenze di un calcio italiano che sta morendo sempre più. Con società malate che falliscono ogni giorno, o che tentano invano di coprire i buchi di bilancio con denaro “fantasma”. Calaiò è stato dichiarato colpevole di “tentato illecito” per quel: “non rompete il cazzein”, ed essendo un tesserato del Parma, ne paghiamo noi le conseguenze. Ci usano da precedente, per chiunque tenti di fare cose simili. Come se le società potessero controllare i telefoni dei propri tesserati!
Vogliono far così? Perfetto! Allora creiamo una nuova legge: i giocatori devono presentare i tabulati telefonici ogni lunedì, così da controllare se, durante il week end, hanno provato a scrivere ad un avversario.
Facciamo così?
Correremo in appello sicuramente, e di certo, la pena si abbasserà. Ma, la nostra faccia ormai è compromessa. La gente fa finta di non leggere i messaggi (poiché la giuria si è basata solo quelli) e, per non so quale motivo pensa che ci sia altro e ti accusa di altro, facendo crescere la leggenda dell’ “aiuto dal palazzo”, che ti ha evitato la retrocessione. Paradossale! Anche quando subiamo noi un’ingiustizia, per taluni viene considerata un’ancora di salvezza! Per questa gente, l’ingiustizia è darci la A, quando meriteremmo la B.
In effetti, se pensiamo che per alcuni giornali, siamo stati anche “graziati”, non possiamo sbalordirci.
Noi non molleremo, e come fenice, risorgeremo più forti. E allora lì si, che vedremo chi è il Pippein e il Cazzein.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “GIUSTIZIA DEL CAZZEIN, VIDEO SFOGO PAPIRUS

  • 24 Luglio 2018 in 09:56
    Permalink

    Calajo’ hai dei begli amici……..

  • 24 Luglio 2018 in 10:08
    Permalink

    Far vedere i tabulati del cellulare alla società per la privacy non è attuabile ma anche se lo fosse. potrebbe avere un altro telefonino con altro numero telefonico e fare poi quello che vuole.

    • 24 Luglio 2018 in 11:01
      Permalink

      C’è pieno di gente che fa ben di peggio rispetto a quanto ha combinato Calaiò. C’è pieno di scemi che scrivono minchiate su Whatsapp mentre sono al volante … Almeno Calaiò non ha ammazzato nessuno!

  • 24 Luglio 2018 in 10:31
    Permalink

    Secondo me è andata bene. Anzi sono preoccupato per il ricorso perché purtroppo se hanno condannato (pesantemente) Calaio vuol dire che il Giudice non da credito alla buonafede del giocatore. Sono preoccupato perché il Giudice deve attenersi ai fatti oggettivi che sono maledettamente a danno del Parma: Calaio!! Ma che cavolo ti è venuto in mente di fare….?

    • 24 Luglio 2018 in 14:38
      Permalink

      Perché o fatti oggettivi sarebbero a danno del Parma?

      • 25 Luglio 2018 in 07:16
        Permalink

        Purtroppo il fatto oggettivo è il messaggio che Calaiò ha scritto e su quello il Giudice deve decidere. Poi tutti hanno diritto ad interpretare adducendo chi scusanti e chi aggravanti ma alla fine quello che conta è l’interpretazione del Giudice.

  • 24 Luglio 2018 in 10:55
    Permalink

    La vicenda di Ceravolo è comica. Se Ceravolo ha mandato qualche messaggio particolare, è ovvio che il messaggio è memorizzato anche sul cell del destinatario, ergo, è irrilevante che lo abbia smarrito, basta che che si interpelli il destinatario, qualora esista. ERGO,ALTRA MERDA INUTILE DA PARTE DEI GIORNALAI.

    • 24 Luglio 2018 in 11:33
      Permalink

      I giornali hanno riportato quanto scritto in sentenza. E quanto questo dettaglio fosse rilevante ai fini della medesima lo lascio giudicare a Lei…

  • 24 Luglio 2018 in 13:11
    Permalink

    Ma Claudien alias Claudio Terzi, capitano dello Spezia è lo stesso Claudio Terzi che prima giocava nel Palermo dell’amico Zamparini e che fu prima deferito e condannato per calcioscommesse e poi successivamente indagato dalla giustizia penale per associazione a delinquere? Se si come è possibile che le parole di una persona su cui si hanno de dubbi così pesanti sulla sua onestà e sulla sua correttezza venga presa come testimone fondamentale in un processo con questa leggerezza?

  • 24 Luglio 2018 in 23:20
    Permalink

    Colpire 1 per educarne 100. Da agosto si rinizierà con i messaggi tra ex compagni di squadra.

I commenti sono chiusi.