IN MORTE DI ANNA MARIA BIANCHI

GABRIELE-MAJO-Foto-Franco-Sacc-Archimmagine-007.jpg(Gmajo) – La notizia della prematura scomparsa di Anna Maria Bianchi – prematura perché 65 anni non sono poi così tanti, ma anche perché improvvisa per un’aneurisma che l’ha colta mentre era in vacanza – mi è piombata addosso, via WhatsApp, mentre stavo concludendo il precedente articolo sulle nostre piccole e grandi miserie quotidiane cioé quel WhatsApp Gate che sta tenendo col fiato sospeso tutti coloro che hanno i colori Crociati nel cuore: Anna Maria Bianchi era per me come una sorella più grande, visto che apparteneva alla mia “seconda famiglia” quella della Radio, in particolare dei pionieri della prima emittente libera italiana, Radio Parma, che mi accolse in tenera età (11 anni) finendo per dare un preciso indirizzo a quella che sarebbe stata la mia vita professionale, anzi alla mia vita tout court. Prima di passare ai ricordi personali di quei tempi, però, visto che StadioTardini.it si rivolge a una platea di sportivi appassionati del Parma Calcio cito subito quella che potrebbe esser stata una esperienza magari marginale nella vita di Anna Maria, ma che resta indelebilmente scolpita nella mente di tutti i tifosi: finita l’era spaziale del Bulova Accutron col Parma approdato in serie A grazie al mix Famiglia Ceresini-Parmalat, Anna Maria Bianchi, famigliare volto di Tv Parma, veniva ingaggiata dal sodalizio Crociato quale speaker ufficiale dello Stadio Tardini, compito che, se non ricordo male, svolse diligentemente fino alla fine del mandato Pedraneschi o forse appena dopo ai tempi di Malesani allenatore. Era lei che, dagli altoparlanti di Viale Partigiani d’Italia annunciava le formazioni delle squadre in campo, con il franco simone e anna maria bianchisuo gentile tratto femminile e lontana anni luce da quella teatrale spettacolarità che avrebbe poi contraddistinto gli eredi in epoche più moderne. Quando ripartimmo dalla Serie D, avendo il responsabile dell’area comunicazione anche il compito di identificare quale speaker sottoporre ai sommi vertici, confesso che feci più di un romantico pensiero a un Suo ritorno al microfono, proprio per riproporre un revival di allora, anche se poi non combinammo la cosa, proseguendo sul solco della tradizione post-moderna. L’ultima volta che ci siamo whatsappati (forse era anche la prima) era stata l’11 Aprile del corrente anno, allorché Le mandai alcune foto, ricevute da una cara amica curatrice di un libro in uscita sugli albori della radiofonia locale, che la ritraevano nel lontano 1975 con alcuni personaggi di allora di cui ci sfuggiva l’identità – uno di quelli era il cantante Franco Simone, mi avrebbe poi scritto – e soprattutto chi aveva effettuato gli scatti, per motivi di copyright. Ci salutammo con il comune desiderio di restare in anna maria bianchi carlo drapkindcontatto, anche se, a pensarci bene, con Lei ed i Radio-Pionieri di allora, purtroppo, ci si rivedeva sempre per dei funerali, a cominciare da quello dell’indimenticato direttore Carlo Drapkind, poi a seguire del fondatore e primo proprietario Virginio Menozzi, quindi del radiocronista Giuseppe “Pino” Colombi, della redattrice Elisabetta Zanlari,  poi anche Felice da Parma. Mai e poi mai avrei pensato che stavolta potesse toccare a Lei, lasciarci, ancora così bella come quando aveva 23 anni ai tempi in cui l’avevo conosciuta. Il 14 Giugno del 1975, a condurre “Buongiorno Signora” toccava non a lei, ma a Pia Russo: fu con un’intervista a me di Drapkind, inserita in quel contenitore mattutino, che in pratica iniziò la mia “carriera”: il direttore – al termine della conversazione con me ed Andrea Novellini, mio vicino di casa di allora e compagno di quella pazza trasferta dal quartiere Mutti-Lubiana in Oltretorrente – tra il serio e il faceto disse: se volete considerarvi tra i nostri più giovani collaboratori… ed io, ovviamente, il giorno dopo fui lì. Iniziai da vivandiere, portando i panini ai ragazzi più grandi, ma dopo pochi mesi condussi il mio primo programma musicale, anche se avevo ancora la voce “bianca”, Juke Box in tandem con l’altro enfant prodige dell’emittente, Luigi Furlotti, che però aveva 16 anni e non 11… Da tutti, inclusa Anna Maria, in quei tempi cercavo di assorbire qualcosa, un segreto tecnico, o di approccio alla conduzione, etc. Di quei tempi eroici, una decina di anni fa, avevo “salvato” e broadcast italiariproposto sul web attraverso il portale Broadcast Italia, alcuni spezzoni audio originali: con grande raccapriccio, prima di scrivere questo ricordo, ho verificato che il file contenente la riproduzione di una trasmissione di Anna Maria del 1976 non è fruibile, credo per un banale errore di caricamento: mi sarebbe piaciuto poterla ricordare facendo riascoltare quella “teca”. Si trattava, come si legge nella presentazione di accompagnamento che avevo preparato di: “Incontro con le Orme” è un programma andato in onda su Radio Parma a partire dalle 18.12 (e su questo non ci piove, dal momento che la “storica” annunciatrice Anna Maria Bianchi – la prima a pronunciare una parola in diretta su una Radio Libera – lo afferma in apertura dello stesso) del 27 dicembre 1976 (in questo caso, invece, come spesso ci succede quando riesumiamo i reperti di allora, andiamo per deduzione: in conclusione di programma, infatti vengono lette alcune dediche, con gli auguri, con un giorno di ritardo, ad alcune persone che si chiamano Stefano e Stefania, quindi immaginiamo che si tratti del 27 dicembre, mentre l’anno è certamente quello di uscita dell’album Verità Nascoste, cioè il 1976). Fatica per la datazione che mi sarei anna maria bianchi radio parmarisparmiato se, mannaggia a me, avessi avuto l’accortezza di appuntare sulla scatola della mini-bobina Scotch 3M anche la data di incisione, oltre alla dicitura “Presentazione 7° album delle Orme, speaker Anna Maria Bianchi, tecnico del suono Gabriele Majo, mono, velocità 7 ½”…  Il programma si apriva con “Insieme al concerto” , la prima di alcune canzoni dell’ LP che Radio Parma presentava ai propri ascoltatori in collaborazione con la casa discografica Phonogram. Tra un brano e l’altro Anna Maria leggeva alcune parti dei testi delle canzoni e citava alcune parole di Tony Pagliuca, che spiegava quanto fosse importante per il complesso questo album, concepito interamente a Los Angeles in California, avendolo tra l’altro anche arrangiato, prodotto e mixato. In quegli anni era particolarmente sentito il problema della droga: nel brano “Ad Amsterdam” se ne fa riferimento in termini assai realistici…”. Mi piacerebbe ritrovare il file e riproporlo, ma chissà in quale vecchio pc mi è rimasto. Nel ’78 lasciai Radio Parma per trasferirmi a Radio Emilia: pochi mesi dopo, terminata una lunga fase sperimentale che mi aveva peraltro visto tra i protagonisti attivi, iniziarono le trasmissioni regolari di Tv Parma, nel frattempo integrata nel gruppo editoriale della Gazzetta di Parma: Anna Maria, selezionata quattro anni prima proprio quale volto della Tv, ma passata alla storia come prima annunciatrice di una Radio privata, finalmente approdò anche sul piccolo schermo, diventando un indelebile simbolo, che avrebbe resistito anche dopo il successivo trasferimento al centralino della Gazzetta dove terminò la propria attività. Arrivederci, Anna Maria, sorella di Radio. Gabriele Majo

 Il funerale si terrà lunedì: la salma partirà da Massa alle 13,30, l’arrivo a Pianadetto – il suo paese d’origine – è previsto per le 15.

CLICCA QUI PER VEDERE IL RICORDO DI TV PARMA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “IN MORTE DI ANNA MARIA BIANCHI

  • 21 Luglio 2018 in 14:34
    Permalink

    Ricordo benissimo la sua voce e il momento della presentazione delle formazioni in campo. Oltre alla presenza giornaliera nel Tg. Parma di quegli anni. Grazie Anna Maria. Un bacio ed una lacrima. Luca

  • 21 Luglio 2018 in 15:37
    Permalink

    cosi’ e’ se ci pare,r.i.p.

  • 21 Luglio 2018 in 19:59
    Permalink

    R.I.P.

  • 21 Luglio 2018 in 21:52
    Permalink

    la ricordo bene, tra l’altro bellissima voce nostrana;
    era, assieme a Coruzzi, le voci che rappresentavano i primi ascolti radiofonici nella mia adolescenza.
    r.i.p.

  • 21 Luglio 2018 in 23:01
    Permalink

    R.I.P.
    🙏🙏🙏🙏

  • 23 Luglio 2018 in 15:29
    Permalink

    Ho ben chiaro nella mente il ricordo dell’accattivante voce femminile che annunciava le formazioni delle squadre allo Stadio Tardini, Niente a che vedere con il modo sguaiato del sig. Ampollini che nemmeno pronuncia per intero nome e cognome dei giocatori del Parma. Terribile quest’ultimo da ascoltare!!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI