Giuseppe-Monda(Giuseppe Monda da “Numero Diez”) – Nevio Scala, allenatore vincitore con il Parma degli anni ’90 di una Coppa Uefa, una Supercoppa Uefa e una Coppa italia, è intervenuto ai microfoni di Numero Diez per parlare del match in programma Sabato 1 Settembre tra la sua ex squadra, il Parma, e la Juventus:Il Parma sabato affronterà una sfida difficilissima contro la Juventus, in un big match che rievoca le grandi sfide degli anni Novanta. Cosa consiglierebbe lei, che ti sfide come queste ne ha vinte molte, al Parma di D’aversa? 

Purtroppo, dopo la triste vicenda di due anni fa (quando Scala, in serie D, è stato presidente del nuovo Parma ed è poi stato costretto a dare le dimissioni dopo l’esonero di Apolloni, perchè in disaccordo con tale scelta), il Parma non lo seguo più. Ho deciso di distaccarmi completamente da tutto, quindi non mi posso permettere di dire niente perchè non conosco i giocatori.

Della Juventus invece? Cosa ne pensa? Come vede l’acquisto di Cristiano Ronaldo?

La Juventus, vista così a tratti in questi ultimi giorni, è una corazzata. Cristiano Ronaldo, sebbene in questo momento sia un po’ criticato perché non fa gol,  è un giocatore di straordinaria qualità. Dal punto di vista economico la Juve ha fatto un passo decisamente importante, ma ne ha guadagnato dal punto di vista tecnico.
Bisogna soltanto aspettare, magari qualche settimana, che Ronaldo riesca ad entrare a pieno nei meccanismi del suo nuovo allenatore e del nostro calcio, ma io sono convinto che per la Juve si rivelerà un acquisto straordinario, sia dal punto di vista economico e mediatico, che dal punto di vista tecnico. Ripeto, non critichiamolo subito solo perché non ha fatto gol, perché non appena si sbloccherà, ne farà anche quaranta.

Quindi lei crede che Ronaldo possa fare molto bene nel calcio italiano?

Assolutamente si, perché ha fatto bene dappertutto, e un giocatore delle sue qualità non può far male qui da noi. Mi ha sorpreso, poi, come si è calato nella realtà juventina. Credo sia una persona di ottimo spessore, quindi questo accanimento mediatico lo costringe un po’ sulla difensiva. E’ un ragazzo intelligente, non è più un ragazzino e ha dimostrato di sapersi muovere in maniera molto intelligente.

Tornando a Parma – Juventus, il Tardini sarà pieno…

Si come tutti gli stadi italiani quest’anno. Questa è stata la mossa geniale della Juventus. Io mi auguro che i tifosi del Parma si divertano, come si divertivano quando c’eravamo noi o quando si davano battaglia con la Juventus di Lippi. Era un altro calcio, era un altro periodo ed è un calcio del quale mi sono un po’ allontanato.

scala numero diezLei per chi farà il tifo?

Dopo la spiacevole vicenda di due anni fa, non mi va molto di parlare del Parma. Dico, però, che farò il tifo per i giocatori del Parma ma soprattutto per i suoi tifosi, perchè dopo tutto quello che hanno passato, meritano di tornare ad essere protagonisti come lo sono stato nel passato.

Con il cambiamento che sta portando Ronaldo al calcio italiano, le è venuta un po’ di voglia di tornare ad allenare?

Vedendo Ancellotti, vedendo Lippi, un po’ di nostalgia mi viene. Per ora, sono riuscito a frenarla, ma non escludo niente. Il calcio è stata la mia vita e, dopo qualche anno di pausa e dopo la parentesi di Parma come presidente, un po’ la voglia mi è tornata. Per adesso, però, direi di no, poi mai dire mai… Giuseppe Monda da “Numero Diez”