ALLA SCOPERTA DI RADIOGOL, IL NUOVO LIBRO DI RICCARDO CUCCHI: “UN VIAGGIO TRA LE MIE EMOZIONI ALLA RADIO. LA MIA STORIA E’ PASSATA ANCHE ATTRAVERSO PARMA E IL TARDINI CHE RICORDO CON SIMPATIA, AFFETTO E PASSIONE”

ricardo cucchi e luca savarese san siro(Luca Savarese) – Kubilay Turkylmaz, ex bomber elvetico, nell’accoglierlo negli studi milanesi della Domenica Sportiva, dopo la sua ultima radiocronaca, Inter-Empoli, il 12 febbraio 2017 lo definì il Maradona dei radiocronisti. Ed in effetti stella cometa vocale lo è stata e lo rimane per uno stuolo di pastori. Dopo un anno da co-conduttore della Domenica Sportiva, adesso, scrittore nato, ha appena dato alle stampe Radiogol, un viaggio tra i suoi 35 anni di emozioni, snocciolate, tra calcio e radio. Disponibile e con il suo timbro inconfondibile, lo abbiamo sentito, in esclusiva per le nostre colonne.

Riccardo Cucchi, da Campobasso-Fiorentina, 22 Agosto 1982, ad Inter-Empoli, 12 Febbraio 2017. Dalla prima all’ultima radiocronaca. In mezzo 35 anni di calcio vissuti, sorseggiati, raccontati. E così, minuto per minuto, è venuta su una grande casa. Radiogol, edito da il Saggiatore, fa assaggiare questo tuo grattacielo vocale e le sue conseguenti pareti di brividi?

radiogoal riccardo cucchiSi è uscito il 6 settembre, è un progetto che abbiamo messo in piedi con la casa editrice il Saggiatore di Milano, mi ha subito convinto e coinvolto. Credo che si possa definire un atto d’amore, nei confronti della radio e del calcio, due mie grandi passioni. Non è un autobiografia nel modo più assoluto: è una serie di racconti, dove però i personaggi che vi compaiono e le partite che racconto sono reali. E’ un omaggio ad un tempo e soprattutto a quei personaggi meravigliosi di quel tempo, ad un mondo che mi ha insegnato il mestiere, ma fondamentalmente anche a vivere. E’un viaggio tra le parole, che sperano possano emozionare, come è successo con le parole che hanno pronunciato i grandi al microfono, alla radio. Sono stato fortunato, da questo punto di vista, io sono entrato in punta di piedi in questo mondo come era giusto, essendo molto giovane, ma avendo già vissuto nella mia infanzia tutto il fascino della radio, del racconto del calcio alla radio ed avendo già in un certo senso imparato, rubando da ascoltatore quello che i vari Ameri, Provenzali, Ciotti, Bortoluzzi, riuscivano a trasmettermi da ragazzino appassionato. Si, 35 anni meravigliosi, un viaggio meraviglioso, ma soprattutto emozionante: son convinto, ancora oggi, che non si possa raccontare emozioni senza essere emozionati per primi, non si può cioè emozionare senza essere emozionati in prima persona. Ecco con questo testo volevo raccontare proprio le mie emozioni, condividendole con gli appassionati, convinto come sono, che se il calcio ancora oggi resiste a tutto, è perché vive di un anima profondamente popolare, i tifosi hanno un amore incondizionato, che non si può razionalizzare. Sono sempre stato consapevole che il rispetto per chi è dall’altra parte, nascono da questa convinzione, il calcio è passione”.

Il mestiere di radiocronista e quello di scrittore hanno diversi minimi comuni denominatori. Come per esempio regalare il racconto dei fatti e redarlo con una puntuale brevitas. Dunque quel “Più breve sei, più bravo sei” consiglio d’oro che ti diede Mario Giobbe agli inizi della tua vita da radiocronista, si può applicare anche a questi tuoi nuovi inizi di scrittore?

Sicuramente, con la differenza fondamentale che sulla pagina puoi in qualche modo allargarti di più, indagare di più dentro di te. Scrivere è ricerca. Il dato comune tra la radio e la scrittura è la parola, che diventa sempre più importante quando è pronunciata alla radio o riportata sulla carta. Tutto sommato ascoltare la radio o leggere un libro fanno parte di un percorso simile: colui che parla o colui che scrive cerca di riprodurre immagini in chi ascolta o legge. Tutto ruota attorno alla parola: ho immaginato sempre la radio come un grande falò, nell’antichità attorno al falò si radunavano i giovani ed i vecchi raccontavano storie di vita vissuta, attraverso queste storie si tramandavano esperienze e si facevano crescere i bambini; questo modo di concepire la radio mi ha sempre accompagnato, sia quando le storie le raccontavano per me e sia quando, ho avuto la fortuna, di raccontarle io. Si, questo modo di leggere la radio mi ha sempre accompagnato, per tutta la vita”.

clamoroso al cibaliTi abbiamo visto già autore, nel 2010, in occasione dei 50 anni di Tutto il calcio, di Clamoroso al Cibali, di cui il nostro direttore Gabriele Majo curò l’evento di presentazione a Parma, all’Auditorium del Carmine, alla tua presenza. Invece, l’idea di dare alle stampe questa nuova creatura letteraria, quando l’hai partorita? Magari tra qualche viaggio Roma-Milano e viceversa dello scorso anno, che ti ha visto protagonista della DS?

Si in parte è nato in quegli spostamenti, ma soprattutto quando mi sono rifugiato nel mio eremo umbro, dove la natura regala capacità introspettive. Son due libri diversi, il primo è storiografico e collettivo, un omaggio alla trasmissione a come era nata, cercando anche la collaborazione di chi con me l’ha fatto Tutto il calcio, cercando di sottolineare anche come fosse legata, la trasmissione, alla società. Questo è un libro più intimo, son due modi diversi di vivere e di leggere una realtà straordinaria, quella che si crea nel rapporto tra narratore ed ascoltatore, attraverso il mezzo che per me rimane il più bello, il più affascinante, il più moderno di tutti, che è appunto la radio”.

Una gara alle 15, una alle 18, un’altra alle 20.30 del sabato. Poi ecco la domenica: lunch match delle 12.30, solo 3 gare alle 15, una alle 18, una alle 20.30 e dulcis in fundo il monday night. Forse più che un radiocronista bisogna essere un equilibrista? Però, come diceva Romano Gaurdini, nell’esperienza di un grande amore tutto diventa interessante, come forse può esserlo anche questa nuova parcellizzazione delle partite?

Non vorrei apparire un passatista, è evidente che per la mia storia e cultura ed età, quel passato è meraviglioso, ho avuto la fortuna di raccontarlo anche io, di vivere quella contemporaneità di gare che prendevano il via tutte alle 14 alla domenica. Io ho visto nascere il cambiamento: mi rendo conto che io avevo soltanto la radio per vedere cosa accadeva su un campo di calcio, oggi i giovani hanno un sacco di strumenti in più, non credo che bisogna leggere tutto per forza in negativo; oggi ci sono più opzioni per le nuove generazioni, e quindi più libertà. Forse però bisogna riflettere su una cosa: l’appassionato non va considerato un cliente, una sorta di bancomat a cui attingere i soldi tanto per essere chiari, non si può sfruttare la passione dei tifosi trasformandoli in clienti, abbiamo visto le due piattaforme e tutti i problemi connessi, questo spezzatino ancora più accentuato. Ecco, i tifosi non possono essere trasformati in clienti, mi auguro che ci si pensi: il calcio è passione della gente, quando la gente si stancherà, speriamo non avvenga mai, probabilmente il calcio subirà una crisi profonda”.

Parma, è sempre stata accanto a Tutto il calcio, al suo spirito, ai suoi aedi. Sandro Ciotti il 12 maggio del 1996 visse il suo canto del cigno con un Cagliari-Parma. Così come calò il sipario sui racconti alla radio di Tonino Raffa, da dipendente,in un Parma-Juve nel maggio 2011 così come la sua “ripartenza” da collaboratore avrebbe dovuto essere proprio da Parma, ma l’evento saltò per uno sciopero dei calciatori. Inoltre, l’anno dopo, nel novembre del 2012 Ugo Russo ha raccontato il suo Un microfono a due facce nel Circolo cittadino Aquila Longhi. Insomma Riccardo, se e quando vorrai, sarai accolto a braccia e ad orecchie aperte…

riccardo cucchi allo stadio tardini di parmaParma ha rappresentato molto anche per me, soprattutto in due episodi. L’esordio di Buffon, ero lì, quel giorno in un Parma-Milan, nel 1995, lo vidi per la prima volta schierato tra i pali, titolare: non capimmo ancora bene chi sarebbe diventato quel ragazzino, ma ne vidi il suo esordio e poi la finale, non dimentichiamocela, il trionfo moscovita del Parma, nel 99, c’ero anche in quell’occasione. Ho viaggiato insieme alla squadra nel ritorno ed ho potuto toccare la Coppa, un momento meraviglioso che non dimenticherò mai. La mia storia di radiocronista è passata anche attraverso Parma, il Tardini e quei colori che ricordo sempre con simpatia, affetto, e passione. Spero di tornare a Parma presto e di vedermi qualche partita dei gialloblù”.

Infine, da scrittore, secondo te che pagine potrà scrivere il Parma, che dopo un triplo salto, ha ritrovato il libro della serie A?

Non era facile risalire dopo aver visto l’inferno, complimenti di cuore, è un ritorno davvero da incorniciare, addirittura in meno tempo rispetto al previsto è avvenuto questo ritorno tra le grandi e questo va a merito ed onore di un ambiente che è sempre stato, al di là di quella parentesi triste che non voglio neanche ricordare, sano, di passione e di gente che va allo stadio per divertirsi. Ricordo e sottolineo la grande civiltà di Parma e del popolo parmigiano, questo è già un grande risultato, il difficile, arriva ora perché è sempre più complicato rispetto agli anni 90 rimanere in A, è molto più complicato mettere insieme, oggi, risultato tecnico e bilanci, ed è un esercizio a cui i presidenti, specie quelli che hanno meno disponibilità economica, devono in qualche modo far fronte. Io mi auguro che si stabilizzi in A e possa vivere insieme ai suoi tifosi quelle grandi avventure vissute negli anni novanta e possa tornare tra le sette sorelle”. Luca Savarese

CLICCA QUI PER ACQUISTARE ON LINE RADIOGOL DI RICCARDO CUCCHI

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

RICCARDO IL GRANDE RIENTRA IN GIOCO: CUCCHI, NON SOLO COME VOCE, MA A PIENO BUSTO, CONDURRA’ LA DOMENICA SPORTIVA

TUTTO L’ULTIMO CUCCHI, MINUTO PER MINUTO. CRONACA DI UN POMERIGGIO A SAN SIRO SULLE TRACCE DI UN MITO, di Luca Savarese

TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO / DOMENICA DA SAN SIRO L’ULTIMA RADIOCRONACA DI RICCARDO CUCCHI. NON RECIDERE FORBICE QUELLA VOCE…

DA VOCE A VOLTO: RICCARDO CUCCHI UN ANNO DOPO. IDEA: UN TALENT PER ASPIRANTI RADIOCRONISTI…

2 pensieri riguardo “ALLA SCOPERTA DI RADIOGOL, IL NUOVO LIBRO DI RICCARDO CUCCHI: “UN VIAGGIO TRA LE MIE EMOZIONI ALLA RADIO. LA MIA STORIA E’ PASSATA ANCHE ATTRAVERSO PARMA E IL TARDINI CHE RICORDO CON SIMPATIA, AFFETTO E PASSIONE”

  • 19 Settembre 2018 in 22:37
    Permalink

    Bella intervista. Complimenti! http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 21 Settembre 2018 in 07:48
    Permalink

    Che nostalgia… quello era calcio bello. Quelli erano radiocronisti.
    Tutte le partite alle 16, oppure 15 o 14:30 in inverno, che si mangiava in fretta e in furia per andare allo stadio.
    E ancora più nostalgicamente 90mo minuto alle 18:15… si è vero il mondo cambia, ma chi oggi è giovane e se la gode con DAZN e compagnia non riuscirà mai a capire cosa si è perso.
    Per non parlare del mercoledì di Coppa… non studiavo quasi mai perchè si cominciava a vedere partite alle 2 del pomeriggio e finivi a sera tardi…
    Ora è solo un circo con ridicoli saltimbanchi.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI